1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
VERSIONE DEMO (solo 10 pagine visibili)
Per acquistare questa copia clicca
sul tasto "ACQUISTA" in basso

  - La copia visualizzata
  - Un abbonamento
Maremma Magazine - Luglio 2016 - 3_Maremma Magazine 27/06/2016 21:39 Pagina 1 IN QUESTO NUMERO M A G A Z I N E Mensile di informazioni turistiche e culturali • Anno XIV • NUMERO 5 • LUGLIO 2016 • € 3,50 Massa Marittima, notti magiche nel segno della grande Lirica in Piazza Inoltre... Morellino Classica: suoni, luci, colori e sapori di un festival sempre più amato! Amiata Piano Festival, dopo “Baccus” si entra nel vivo con la serie“Euterpe” Alla scoperta delle Porte del Parco Nazionale delle Colline Metallifere Luigi Bellumori, un Sindaco e molto di più... Storie di misteri e jatture nella Sovana etrusco romana LA VOCE DEI LETTORI LA VOCE DEI LETTORI UN’IMMAGINE DI AMORE INTENSO… Caro Cele, ho letto tutto l’articolo... (l’Editoriale del numero scorso, ndr). I complimenti te li avevo già fatti a suo tempo, ora vorrei anche darti un abbraccio virtuale per la dolcezza delle parole della prima parte... Hai pennellato un’immagine di amore intenso e semplicità che sintetizza la tua vita: impegno, serietà e affetti... Hai tutta la mia stima anche se, mannaggia, mi ha fatto commuovere… Caterina Palmieri LE COSE IMPORTANTI DELLA VITA… Caro Direttore, con il tuo Editoriale (quello del numero scorso, ndr) ci hai fatto capire tre cose importanti: l’amore per il tuo lavoro, per la famiglia e per la Maremma! Complimenti per il meritatissimo riconoscimento e... GRAZIE Roberto Guerrini SEMPLICEMENTE GRAZIE… Buongiorno Celestino, attraverso l’Editoriale (quello del numero scorso, ndr) “ti ho visto”, per il corso di Nella foto, un momento della cerimonia di consegna del Game Fair Award all’editore e direttore responsabile di Maremma Magazine, Celestino Sellaroli il 21 maggio scorso Grosseto con tua figlia per mano e mentre ritiravi il premio Game Fair Award! Anche io ti dico semplicemente grazie per tutto quello che fai per la nostra Città e provincia. Sono sinceramente contento per Te per il riconoscimento ufficiale che hai ricevuto. Complimenti! Giorgio Bonfiglioli COMPLIMENTI PER L’EDITORIALE! Ciao Direttore Sellaroli, grazie per le pubblicazioni dell’articolo e della foto. Complimenti per l’Editoriale (del numero scorso, ndr). Ti auguro un buon lavoro. Cordiali saluti Giuseppe Lenzini UN ALTRO BEL NUMERO DI MAREMMA MAGAZINE Un altro numero di Maremma Magazine che esalta le bellezze della nostra bella terra, ancora complimenti al Direttore ed ai suoi Collaboratori. Avete idee e consigli da darci, complimenti o critiche da fare, oppure più semplicemente volete commentare un articolo o dire la vostra su un certo argomento? Questo spazio è per voi. Scriveteci via mail all’indirizzo redazione@maremma-magazine.it Compatibilmente con lo spazio a disposizione pubblicheremo il vostro intervento. 6 • Maremma Magazine • Luglio 2016 12 22 SOMMARIO 14 .......Barbiere di Siviglia, Madama Butterfly e L’Elisir d’amore: il tris d’assi di Lirica in Piazza 2016 18 .......Vox Mundi Festival, le musiche del mondo riecheggiano ancora a Follonica 22 .......Amiata Piano Festival, musica senza confini protagonista con la serie “Euterpe” 26 .......Morellino Classica: suoni, luci, colori e sapori di un festival VIVI 26 sempre più amato! 30 .......Parchi e Musei della Val di Cornia, sarà una calda estate di eventi! 34 .......Luigi Bellumori, quando un Sindaco è molto di più di un Sindaco… 39 .......Quando “Il tempo che fu” viene tramandato nel modo giusto ai più giovani L’Arte di Ospitare 42 .......Il Troscione, quando in un progetto imprenditoriale e di vita 34 In copertina, la spiaggia di Cala di Forno nel cuore del Parco della Maremma Foto di Federico Giussani SOMMARIO • 9 46 58 viene messo… il cuore! SCOPRI C’è da vedere 46 .......Alla scoperta delle Porte del Parco Nazionale delle Colline Metallifere La Maremma vista dai Maremmans 50 .......Quando in Maremma la Trebbiatura era sinonimo di festa! Briciole di Storia 54 .......Storie di misteri, maledizioni e jatture nella Sovana etrusco romana Personaggi 58 .......Paolo Galeazzi, per quarant’anni il Vescovo di Grosseto L’angolo del libro 62 .......“L’aloe - dall’empirismo alle nuove conferme scientifiche”, in un libro i segreti di una pianta starordinaria 64 .......“Grosseto. Architetture e paesaggio”, in un libro la storia e l'urbanistica della città GUSTA Vino e dintorni 66 .......Camera di commercio, strumenti concreti per le imprese nella “sfida della qualità” Il vino del mese 10 • Maremma Magazine • Luglio 2016 66 70 .......Vivia 2015 Maremma Toscana DOC, la poesia in un calice di vino! Di vino in cibo 72 .......Metti un tour enogastronomico alla cantina di Collemassari nel cuore della DOCG Montecucco A Tavola 76 .......Ristorante “Rosso Corbezzolo” e l’esperienza a tavola diventa… sensoriale La ricetta 80 .......Le Lasagne di pesce, un piatto leggero, ottimo per le calde serate d’estate 84 .......Un’estate a tutto sport con il Marina Beach Contest 87 .......La storia in mostra alla Rocca di Frassinello 89 .......LE SAGRE 90 .......Estate ricca di eventi all’Argentario. Il clou Pelù! 93 .......NAVI, dal veliero alla portaerei: in mostra tre secoli di dipinti italiani 95 .......I MERCATINI 96 .......Toscana Foto Festival, al via l’edizione 2016 99 .......Arte & Vino, binomio perfetto a Capalbio 101.....LE MOSTRE L’AGendA 107 102.....I Concerti della Pieve 2016 si aprono al territorio 104.....Banca della Maremma, l’Assemblea dei Soci approva il bilancio d’esercizio 2015 105.....Dianora Tinti premiata come “Golden Woman 2016” 106.....Un nuovo grande successo per “Game Fair” 106 .....“Tanti per tutti”, successo per la mostra Fotoclub Follonica Bfi 107.....“Come un albero…” un percorso didattico per sviluppare creatività ed immaginazione nei bambini 108 ......Scabanca finanzia il Progetto Cartoon School con dieci borse di studio per gli studenti più meritevoli 108.....Stagione estiva, la rete di assistenza medica ai turisti in provincia di Grosseto 109.....Premio Silvia Giuntoli, i vincitori della prima edizione 109.....La Guida Blu premia il mare di Maremma! 110.....Grosseto, in vigore il Piano di Salvamento 2016 111.....La Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno al centro della XIV Giornata dell’Economia Le neWS L’EDITORIALE L’EDITORIALE di Celestino Sellaroli “ Grosseto capitale della Maremma… Grosseto di Maremma sei regina e la tua gente è forte e generosa…”. Partiamo da qui dall’incipit dell’inno del Grosseto Calcio per analizzare un tema: quello del ruolo, reale ed auspicabile, del comune capoluogo rispetto alla provincia e dunque alla Maremma. Lo facciamo adesso per due motivi. Il primo è perché a Grosseto si sono svolte recentemente le elezioni amministrative che hanno sancito la vittoria della coalizione guidata dal nuovo sindaco Anton Francesco Vivarelli Colonna. Dopo dieci anni di amministrazione Bonifazi, che non ha certo brillato per intraprendenza e innovazione, in tutti i campi, turismo in primis, si riparte da zero nella speranza che qualcosa cambi e che arrivino quelle politiche turistiche che in questi anni sono innegabilmente mancate. Il secondo motivo per cui ne parliamo adesso è dato dalle recenti modifiche normative sia a livello nazionale che regionale, che hanno di fatto stravolto gli assetti istituzionali del comparto turistico soprattutto in ambito locale. L’abolizione delle Province (ma erano davvero così inutili? E soprattutto tale soppressione ha portato tutti questi mirabolanti benefici e risparmi per le casse dello Stato?) ha messo in moto, in Toscana, il riordino delle funzioni in materia di Turismo, modificando il quadro delle competenze amministrative di Regione e Comuni. Un riordino sancito dalla Legge regionale 25/2016 che, approvata il 18 marzo scorso, vede assegnare ai comuni, ed in particolare a quelli capoluogo di provincia, un ruolo sempre più centrale. Basti pensare al tema dell’accoglienza e delle informazioni turistiche relative all’offerta territoriale e sovracomunale. Quest’ultima da esercitarsi in forma associata oppure da affidarsi, nel caso in cui i Comuni decidano di non occuparsene, alle amministrazioni comunali dei centri capoluogo di provincia. Le modifiche introdotte dalla Legge regionale 25/2016, avranno ovviamente un riflesso importante anche in materia di promozione turistica con i comuni chiamati a fare un passo avanti, anche per reinventare il loro rapporto con la Regione dopo l’abolizione delle Province che fino ad oggi facevano da intermediari. «Oggi – spiega in proposito Stefano Romagnoli, responsabile del settore promozione turistica, legislazione turismo e commercio della Regione Toscana – la legge dà una grande autonomia ai territori, ma perché questa rappresenti una vera opportunità per il turismo in Toscana è necessario che ci sia un raccordo tra i vari livelli, locale e regionale. Con l’abolizione delle Province sono venuti meno, peraltro, anche molti vincoli amministrativi legati agli ambiti territoriali e questo permette ai Comuni di aggregarsi non solo per lavorare, in forma associata, sulla destinazione, ma anche su singoli prodotti. Ma questo implica, da parte di tutti, un cambiamento importante nel modo di pensare il “fare turismo” e anche i rapporti territoriali». In questo quadro si inserisce anche l’istituzione dell’Agenzia Toscana Promozione Turistica che se da un lato colma il vuoto delle APT (a distanza di 6 anni dalla loro abolizione), dall’altro rappresenta oggi il punto di riferimento unico per le relazioni tra i territori e la Regione in materia di promozione turistica. Insomma, anche a livello regionale e di governance, c’è tanta carne al fuoco, per cui vedremo cosa succederà. Di fatto, per tornare al tema iniziale, fino ad oggi la città di Grosseto (che pure vanta oltre un terzo della popolazione dell’intero territorio provinciale) non ha mai avuto sussulti degni di nota, scatti in avanti in grado di fare la differenza. Anzi, di più, ha sempre vissuto di luce riflessa rispetto al più conosciuto brand Maremma, al punto che la nostra è una delle poche realtà italiane in cui il brand territoriale di destinazione (la Maremma, appunto) ha più riconoscibilità, peso e appeal del brand del capoluogo (Grosseto). Fare di più e meglio, dunque, si può. Del resto basta poco… Quindi, l’auspicio è che finalmente si materializzi il progetto di elevare Grosseto a capitale della Maremma, dando maggior forza, con idonee politiche, azioni e strategie, al comune capoluogo che ha bisogno di ritrovare, rispetto al territorio, una sua centralità, oltreché un suo ruolo preciso. È questa una delle maggiori sfide che attendono i nuovi amministratori. Il momento, anche in relazione alla nuova normativa vigente in materia, pare essere propizio. Speriamo che nei prossimi cinque anni l’idea di una città viva si trasformi in qualcosa di concreto... e che Grosseto, in questo arco temporale, inizi (sarebbe già qualcosa) ad assumere le sembianze di un vero capoluogo di provincia che fino ad oggi non ha mai avuto! EDITORIALE • 13 VIVI PRIMO PIANO - VIVI - SCOPRI - GUSTA EVENTI Barbiere di Siviglia, Madama Butterfly e L’Elisir d’amore: il tris d’assi di Lirica in Piazza 2016 Tutto pronto a Massa Marittima per “Lirica in Piazza 2016”. La bella rassegna dedicata al bel canto, giunta alla 31 esima edizione, quest’anno si svolgerà il 3, 4 e 5 agosto proponendo sempre nella suggestiva cornice rappresentata dal sagrato della trecentesca Cattedrale di San Cerbone tre grandi opere: Il Barbiere di Siviglia, Madama Butterfly e L’Elisir d’amore U DI SANDRA POLI na delle più belle piazze storiche della Toscana come palcoscenico, tre capolavori della lirica con direzioni musicali e regie di altissimo livello, allestimenti realizzati appositamente per questo evento con effetti speciali di luci e proiezioni. Tutto questo è “Lirica in Piazza”, rassegna giunta alla 31 esima edizione che si svolgerà il 3, 4 e 5 agosto a Massa Marittima (Gr). Le tre grandi opere in cartellone quest’anno – Il Barbiere di Siviglia, Madama Butterfly e L’Elisir d’amore – saranno rappresentate come sempre sul palcoscenico tutto particolare, ovvero il sagrato della trecentesca Cattedrale di San Cerbone che domina Piazza Garibaldi. L’edizione 2016 Si comincia come detto mercoledì 3 agosto con Il Barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini di cui quest’anno ricorrono i duecento anni dalla prima esecuzione avvenuta il 20 febbraio 1816 al Teatro Argentina di Roma. Conside- 14 • Maremma Magazine • Luglio 2016 rata l’opera buffa italiana per eccellenza, l’opera, cioè, nata per un pubblico meno elitario, sarà diretta da Claudio Micheli con la regia di Gianmaria Romagnoli. L’allestimento prevede un particolareggiato studio dei costumi, delle scene e del trucco per mettere in risalto il carattere dei personaggi e i diversi aspetti della loro comicità. Giovedì 4 agosto è prevista Madama Butterfly di Giacomo Puccini. In questo caso la scenografia darà risalto all’eleganza della cultura giapponese e al mare, metafora, allo stesso tempo, di un ponte tra culture diverse, ma anche di scontri e tormenti, contrasti resi evidenti dalla scrittura musicale di Puccini e che si intendono riprodurre sul palco. La direzione dell’orchestra sarà affidata a Maurizio Morgantini con la regia di Gianmaria Romagnoli. Si conclude venerdì 5 agosto con L’Elisir d’amore di Gaetano Donizetti, andata in scena per la prima volta nel 1832. Definita melodramma giocoso per la sua alternanza tra l’atmosfera divertente e gli episodi di romantica malinco- nia, sarà diretta da Stefano Seghedoni. In tutte e tre le serate partecipano l’Orchestra Sinfonica Europa Musica, composta da sessanta elementi, e il Coro Lirico Italiano. Un po’ di storia Massa Marittima e l’opera lirica sono da anni un binomio imprescindibile. Nata nel 1985, Lirica in Piazza fu rappresentata per la prima volta nel 1986. Per l’allora Amministrazione di Renato Bolognini si trattava di una scommessa: non vi era mai stata l’opera lirica a Massa, anche se mettere in piedi una manifestazione dal vivo si allineava perfettamente con la cultura massetana da sempre sensibile nei confronti della musica. Dal dopoguerra in poi la musica è sempre stata presente e diverse associazioni se ne sono occupate a vari livelli: musica corale, bandistica, organizzazione di concerti, scuole. Era naturale che qui l’opera lirica trovasse un terreno fertile, ma nel 1985 l’evento fu un modo come un altro per valorizzare Piazza Garibaldi: un teatro all’aperto che si adatta per- GLI APPROFONDIMENTI DEL MESE Nella foto il sagrato del Duomo, in piazza Garibaldi, suggestiva cornice di Lirica in Piazza a Massa Marittima PRIMO PIANO • VIVI • 15 VIVI •••• Massa Marittima e l'opera lirica sono da anni un binomio imprescindibile. Nata nel 1985, Lirica in Piazza fu rappresentata per la prima volta nel 1986 fettamente allo spettacolo dal vivo. Il sagrato della maestosa Cattedrale di San Cerbone, dove si tengono le recite, è sopraelevato rispetto al pubblico e all’orchestra e la conformazione della piazza consente un’acustica appropriata ad un teatro. Si forma, pertanto, una scenografia naturale con il palcoscenico, il golfo mistico per l’orchestra e una grande platea che è la stessa piazza. 16 • Maremma Magazine • Luglio 2016 Le opere rappresentate nella prima edizione furono Il Barbiere di Siviglia e il Rigoletto. Fu subito successo e da lì venne l’input a ripetersi negli anni seguenti. Nessuno si aspettava che uno spettacolo, nato quasi come un riempimento della stagione estiva, si evolvesse in modo esponenziale fino ad arrivare nel 2016 alla trentunesima edizione e diventasse un evento di eccellenza nella musica operistica della Toscana. Diverse opere hanno trovato la loro prima rappresentazione a livello provinciale proprio a Massa Marittima: tra le altre, la Turandot di Puccini nel 1994, poi replicata, Il Campanello di Donizetti nel 1995, Andrea Chenier di Umberto Giordano nel 2000, ma anche Nabucco nel 1998, anche questa replicata, e Aida, nel 2005, entrambe di Verdi. Lirica in Piazza con gli anni ha trovato il sostegno della Provincia di Grosseto, della Regione Toscana, dello stesso Ministero oltre a quello di numerosi sponsor. Di conseguenza, sono cresciute l’informazione e la diffusione sulla stampa e la portata culturale e turistica della manifestazione. L’Impresa S.O.L.T.I. di Velletri, che ha rappresentato le recite fino al 2013, ha portato la lirica massetana a livelli qualitativi molto alti che si stanno ripetendo con l’Impresa Europa Musica di Roma presente a Massa Marittima dal 2014. Per dare un’idea del livello raggiunto da Lirica in Piazza, possiamo ricordare alcuni direttori artistici che si sono succeduti nelle varie edizioni. Tra questi Giuseppe Taddei, tenore fra i prediletti dai direttori d’orchestra come Herbert Von Karajan, Carlo Maria Giulini e Riccardo Muti; Antonietta Stella, soprano, più volte protagonista della serata inaugurale della Scala e presente in molti teatri del mondo; e ancora, Beppe De Tomasi, regista molto noto nei più celebri teatri italiani e internazionali. Ma, tra i protagonisti di Lirica in Piazza, c’è anche un massetano che è stato presente in diverse edizioni e lo sarà anche quest’anno, il maestro Maurizio Morgantini. Già insegnante di musica e di pianoforte, ha tenuto circa cinquecento concerti in Italia e all’estero ed è stato maestro del coro e maestro sostituto anche nelle stagioni liriche di altre città d’Italia. È giusto ricordare anche un altro massetano, lo scomparso Ugo Bianchi, esperto di lirica, sempre presente durante la rassegna e colonna portante dell’organizzazione. Oltre alla costante partecipazione di pubblico che ha sempre fatto registrare un buon incasso e al crescente numero di turisti che ha attirato, Lirica in Piazza ha contributo alla promozione del territorio e al coinvolgimento delle risorse locali. Ne sono un esempio le collaborazioni avviate con le scuole attraverso stage con gli studenti nelle fasi dell’organizzazione artistica. Da anni, in occasione delle recite, vengono ascoltati e scelti anche artisti del posto e si reperiscono comparse tra la popolazione locale. Ma partecipano anche le associazioni, per esempio, l’Accademia di musica Omero Martini che più volte ha messo a disposizione gli spazi per le prove; oppure l’associazione Danz Art che collabora per le coreografie. Un movimento che costituisce anche un ritorno per gli operatori economici: infatti, tra le condizioni dell’affidamento all’impresa vi è quella di far alloggiare gli artisti in strutture turistiche del posto. Dal 2015, in occasione del trentennale, è cambiata la formula delle rappresentazioni: dalle tradizionali quattro serate siamo passati a tre e, tra le regole imposte all’impresa lirica, se ne è aggiunta una riguardante l’allestimento scenografico. Pur non rompendo con la tradizione operistica che viene mantenuta, si utilizzano nuovi mezzi multimediali in grado di rendere la scena più verosimile. Quasi un modo per cercare di abbattere la quarta parete, il muro immaginario che divide il pubblico dal palco e che lo porta a inserirsi idealmente nella scena e a parteciparne più attivamente. Attraverso un maggiore investimento sulle luci, sulle proiezioni e sulla scenografia, si crea un’atmosfera suggestiva e meno standardizzata, più idonea per Lirica in Piazza. Nelle intenzioni degli organizzatori questa scelta è stata intrapresa anche per attirare un pubblico giovane che normalmente non segue questo genere di spettacoli. Un cambiamento che ha trovato riscontro favorevole e che ha incoraggiato a proseguire in questa direzione. Anche quest’anno, pertanto, saranno curati i particolari tecnici e il posizionamento delle torri light. Info utili Gli spettacoli inizieranno alle ore 21,15. La prevendita dei biglietti è aperta nel circuito BoxOffice Toscana. È possibile acquistare i biglietti in tutta la rete territoriale (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita), oppure on line sul sito www.boxofficetoscana.it (pagamento con carta di credito), oppure via telefono con carta di credito e bonifico bancario chiamando il Call Center 055/210804. Per altre info: 331 1325621. Questi i prezzi previsti per assistere alle opere precisando che quelli ridotti sono rivolti ai soci Unicoop Tirreno e agli under 18. Primo settore: intero, € 50,00; ridotto, € 40,00; Secondo settore: intero, € 35,00; ridotto, € 25,00; Terzo settore: intero, € 20,00; ridotto, € 15,00; Quarto settore: intero, € 10,00; ridotto, € 9,00. È possibile fare l’abbonamento completo o per sole due opere. Prezzi abbonamento completo tre serate: Primo settore: € 110,00; Secondo settore: € 70,00; Terzo settore: € 40,00. Prezzi abbonamento per due serate: Primo settore: € 80,00; Secondo settore: € 55,00; Terzo settore: € 30,00. Foto Bruno di Marcello Pepe VIVI EVENTI Vox Mundi Festival, le musiche del mondo riecheggiano ancora a Follonica Forte del successo riscosso lo scorso anno, il binomio tra Follonica ed il Vox Mundi Festival si rinnova anche in questa estate 2016. La bella ed articolata rassegna musicale promossa dal Comune di Follonica terrà banco per tutto il mese di luglio, da sabato 2 a venerdì 29 proponendo cinque concerti, tre dei quali in prima assoluta italiana T DI FRANCESCA ZUDDIO orna anche questa estate in Maremma Vox Mundi Festival, rassegna di Musiche del Mondo ideata e diretta da Carla Baldini e giunta quest’anno alla IX edizione. Sarà ancora una volta Follonica (Gr) ad ospitare nelle sue piazze e nei suoi spazi teatrali la rassegna che in otto anni di storia ha portato in Maremma alcuni fra i più importanti musicisti che interpretano o rileggono le tradizioni musicali dei loro paesi d’origine (da Tuck and Patti al leggendario Septeto Nacional de Cuba fino al Canzoniere Grecanico Salentino solo per citarne alcuni). Il programma dell’edizione 2016 abbraccia tutto il mese di luglio, da sabato 2 a venerdì 29; dei 5 concerti proposti i primi tre sono in prima assoluta italiana e quindi rappresentano la prima opportunità per il pubblico del nostro paese di ascoltare dal vivo artisti importanti e innovativi nel panorama della world music internazionale. Il viaggio di Vox Mundi Festival partirà dalla Russia per passare poi da Sud Africa, Brasile, Giappone e concludersi in 18 • Maremma Magazine • Luglio 2016 Toscana, toccando quindi Quattro continenti: Europa, Africa, America ed Asia. Apertura sabato 2 luglio in piazza a mare (ingresso gratuito) con il “New Russian Beat” degli Otava Yo, band russa rock-folk che reinterpreta la musica tradizionale del proprio paese con uno stile nuovo, dissacrante e coinvolgente. Gli Ottava Yo vengono da San Pietroburgo ed il loro progetto musicale, definito “rhythm and blues russo-gotico”, è la vera novità del circuito della world music: il loro video “Sumezcaya” ha raccolto quasi 5 milioni di visualizzazioni su You Tube. Sabato 9 luglio, sempre in piazza a mare sarà di scena l’African New Generation, con il gruppo Nobuntu: cinque giovani musiciste e danzatrici provenienti dallo Zimbabwe. Il loro repertorio, che comprende canti tradizionali africani, AfroJazz, Gospel e Crossover, viene interpretato dalle sole voci accompagnate da semplici percussioni, strumenti tradizionali come la Mbira (la piccola tastiera usata dai griot) e movimenti di danza. Nobuntu è stato fondato nel 2011 ed è stato il primo gruppo a cappella femminile in tutto lo Zimbabwe: cinque ragazze che celebrano la cultura, la bellezza, l’eredità del loro paese attraverso l’arte. Per Nobuntu la musica rappresenta un vero motore di cambiamento, il modo per consentire ad una nuova generazione di donne africane di esprimersi creativamente, superando distinzioni di razza, religione, genere. Questa nuova consapevolezza, riassunta dall’hashtag #ProudlyAfrican, sta raccogliendo grande interesse in tutto il mondo. Venerdì 15 luglio al Teatro all’aperto Ferriere l’attesissimo concerto della cantante brasiliana Bia Góes che, accompagnata da una band diretta da Ricardo Valverde, presenterà un concerto di forró pé de serra (forró tradizionale). Il forró è un genere musicale tipico del Nordeste brasiliano in cui confluiscono samba e merengue. Ritmo, divertimento, allegria sono gli ingredienti fondamentali del forró e Bia Góes ne propone una rilettura intensa ed effervescente, con contaminazioni che vanno dalla milonga al tango, dal samba al latin jazz. Venerdì 22 luglio, alle Ferriere, risuoneranno i tamburi dei Samurai giapponesi con lo spettacolo “Japanese Taiko Drummers” dei Masa Daiko. Il Taiko ha avuto origine nel VI secolo d.C., quando i tipici tamburi, alcuni dei quali di dimensioni impressionanti (con diametro di oltre due metri), venivano usati durante le battaglie per intimidire i nemici e per inviare comandi; col tempo l’arte del Taiko ha assunto anche la funzione di accompagnamento nelle prati- Nelle foto gli artisti di Vox Mundi Festival 2016 PRIMO PIANO • VIVI • 19 VIVI •••• Il viaggio dell’edizione 2016 di Vox Mundi Festival partirà dalla Russia per passare poi da Sud Africa, Brasile, Giappone e concludersi in Toscana, toccando quindi Quattro continenti: Europa, Africa, America ed Asia. che religiose buddiste e shintoiste. Negli ultimi 50 anni si è registrata una crescita esponenziale del Taiko, con circa 8.000 formazioni stabili in tutto il mondo; fra questi, il gruppo Masa-Daiko, fondato nel 1996 dall’artista e multipercussionista Masakazu Nishimine, è uno dei più noti. La tensione ritmica, le coreografie sensuali, la perfetta sincronia fra musica e danza rendono il Taiko incomparabilmente diverso da qualsiasi altro tipo di spettacolo. È stato giustamente descritto come un’esplosione ritmica di fuochi d’artificio: potenza, emozione, meraviglia. Il festival si concluderà con una produzione originale, un concerto tutto toscano a partire dal titolo: “Maledetti Toscani”. Venerdì 29 luglio in piazza a mare si esibirà una inedita formazione appenninico-maremmana composta da Riccardo Tesi e Maurizio Geri, icone della world musica italiana, e dal coro popolare Le Donne di Magliano. Due chitarre, un organetto, un violino e venti cantanti “a veglia al canto del foco”, per raccontare il calore ed il sapore delle feste di paese, delle danze, della musica cantata dalla gente. I due spettacoli ospitati al Teatro all’aperto Le Ferriere avranno un ingresso a pagamento (biglietto da 10 a 15 Euro, comprensivo di brindisi con gli artisti a fine spettacolo). Prevendite sul circuito Box Office. Prevendite Box Office in provincia di Grosseto: Bartolucci Expert - Grosseto, tel. 0564 410155; Tabaccheria Europa - Grosseto, tel. 0564 451557; Pro Loco di Follonica, 20 • Maremma Magazine • Luglio 2016 Nella foto le Donne di Magliano tel. 0566.52012; Coop Follonica, tel. 0566 264341; Museo Arte Sacra - Massa Marittima, tel. 0566 90195. Lo spettacolo dei Tamburi giapponesi avrà una gustosa anteprima: mercoledì 20 luglio al Ristorante Da Sibilla è in programma una serata dedicata alla cultura giapponese. Saranno esposti gli affascinanti tamburi da guerra “protagonisti” del concerto di Taiko, ci sarà una dimostrazione di arti marziali (aikido), una sfilata di Kimono e naturalmente una cena preparata da uno chef giapponese. Conclusione con una breve introduzione all’arte e all’architettura giapponese. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con le associazioni Real Giallu e CISC di Follonica. Info e prenotazioni: tel. 0566 51577. Vox Mundi Festival è promosso dal Comune di Follonica e fa parte dei festival di eccellenza della Toscana nell’ambito del progetto di rete “La Toscana dei Festival”. “È per l'amministrazione – sottolinea l’assessore alla Cultura Barbara Catalani – un vero piacere portare per la seconda estate all'attenzione del pubblico, sia cittadino che vacanziero, il progetto musicale del Vox Mundi. Sì perché riteniamo che non si tratti solo di un semplice festival quanto piuttosto di un vero progetto che ci avvinca la musica popolare proveniente dalle diverse parti del mondo. Questo principio rientra pienamente nella volontà dell'amministrazione di una larga conoscenza culturale sulle diverse manifestazioni artistiche del mondo. Ascoltare gruppi di prove- nienze così diverse, che portano avanti ricerche significative di valorizzazione della musica popolare della loro terra di provenienza è un modo di avvicinare le culture e di arricchire il proprio bagaglio. Ogni anno le proposte sono molto diverse tra loro ma come lo sono i linguaggi del contemporaneo e che ci permettono di apprezzare il senso della globalizzazione, che non vuol dire appiattimento e uniformità, ma invece coscienza delle diversità e delle loro bellezze. Anche l'offerta si alterna tra la piazza pubblica, affacciata sul golfo e quindi Accessibile a tutti, fatta per godere di ritmi e sapori diversi, e il cinema teatro, Le Ferriere, dove invece cerchiamo di portare quei lavori musicali che necessitano di un'ambiente adeguato alla performance. Inoltre è nostro interesse e volontà cercare di creare rapporti, collaborazioni e contatti con quelle realtà del territorio che rappresentano per noi una sicurezza perché attive da tempo. Nel caso specifico del concerto di tamburi giapponesi, ad esempio, ci è sembrato opportuno contattare due associazioni che da anni sviluppano conoscenze e divulgazione del mondo giapponese (Real Giallu e CISC) affinché la compartecipazione generi una maggiore coesione e valorizzi, quindi sia il progetto degli uni che il lavoro degli altri”. La direzione artistica - come detto - è di Carla Baldini; l’organizzazione di Stefano Frosolini, per l’Associazione musicale Soul Diesis. Info: www.voxmundifestival.org, tel. 335.5849911. VIVI EVENTI Amiata Piano Festival, musica senza confini protagonista con la serie “Euterpe” Dopo il concerto di anteprima e Baccus, l’Amiata Piano Festival entra nel vivo con la serie di concerti “Euterpe” sempre nella magnifica cornice del Forum Fondazione Bertarelli di Poggi del Sasso (Cinigiano) dove la musica (senza confini) riecheggerà nei giorni 28, 30, 31 luglio e 1° agosto con grandi interpreti del panorama musicale internazionale A miata Piano Festival torna ad animare l’estate toscana con la serie di concerti “Euterpe” nella magnifica cornice del Forum Fondazione Bertarelli di Poggi del Sasso (Cinigiano, GR). Si comincia giovedì 28 luglio con l’esecuzione di un capolavoro assoluto come l’Ottetto in Fa maggiore op. 166 di Schubert che vedrà impegnati insieme otto solisti di caratura internazionale: il clarinettista Pascal Moragues, il fagottista Francesco Bossone, il cornista Guido Corti, i violinisti Sasha Rozhdestvensky e Roberto Baraldi, il violista Francesco Fiore, la violoncellista Silvia Chiesa e il contrabbassista Alberto Bocini. “Sono orgoglioso di questa formazione – commenta il pianista Maurizio Baglini, fondatore e direttore artistico della rassegna – perché è stata creata ad hoc per produrre un progetto ambizioso 22 • Maremma Magazine • Luglio 2016 in esclusiva per il pubblico dell’Amiata Piano Festival. È da sempre il mio obiettivo proporre progetti che non si trovano altrove e che possano soddisfare una platea esigente, internazionale e molto variegata”. Dopo una pausa venerdì 29, per le celebrazioni della festa di S. Marta, Santa protettrice di ColleMassari, si prosegue sabato 30 con una serata che unirà due compositori solo apparentemente distanti, in realtà uniti da profonde affinità: Franz Schubert e Luigi Nono. Fortissimo nel mio cuore! è il viaggio che non ti aspetti tra la Vienna di inizio Ottocento e la Venezia delle avanguardie novecentesche. Con Monica Bacelli, mezzosoprano, Sandro Cappelletto, voce narrante, Aldo Orvieto, pianoforte, e Alvise Vidolin, regia sonora (in collaborazione con l’Archivio Luigi Nono). “Ecco – prosegue Baglini – un raffronto inedito fra il Novecento storico, quello estremo, spesso considerato di nicchia e di difficile approccio, e lo Schubert che avevamo assaporato nel precedente concerto. Luigi Nono e Franz Schubert: universi cosmici con un tabù da sfatare, ovvero quello secondo cui la musica di avanguardia non sia ascoltabile, né piacevole, né accattivante. Una sfida culturale oggi più che mai necessaria”. Domenica 31 vedrà l’atteso ritorno al festival del piano jazz di Danilo Rea, guest star di una serata che si annuncia incandescente, con Luigi Bonafede, batteria, Ares Tavolazzi, contrabbasso, e Gaspare Pasini, sax. “Questa serata – aggiunge Baglini – conferma uno dei principali obiettivi dell’Amiata Piano Festival: l’abbattimento delle barriere dei generi musicali. Proprio il jazz dimostrò, sin dalla prima metà del XX secolo, di potersi sostituire alla musica Nelle foto i protagonisti della serie “Baccus” Gaspare Pasini Monica Bacelli Francesco Fiore Roberto Baraldi Pascal Moragues Sergio Alapont Guido Corti Francesco Bossone PRIMO PIANO • VIVI • 23 VIVI •••• Tra gli appuntamenti da non perdere segnaliamo la seconda serata del nuovo format Amiata Music Master, ideato per promuovere i più brillanti tra i nuovi talenti della musica, in programma il 1° agosto Nella foto il panoramico dehors dell’auditorium del Forum Bertarelli in occasione delle degustazioni contemporanea classica: oggi più che mai, questo raffronto pare motivante ed esauriente. Il jazz, poi, è caratterizzato da un’estrema versatilità: la presenza, in questo concerto, di strumentisti che nella vita si producono in attività molteplici lo dimostra. Chi non ricorda Ares Tavolazzi al contrabbasso nella celebre Alle prese con una verde milonga di Paolo Conte, nel concerto di Montecarlo, live, 1982?”. La serie Euterpe quest’anno si protrarrà sino a lunedì, il 1° agosto, con la seconda serata del nuovo format Amiata Music Master, ideato per promuovere i più brillanti tra i nuovi talenti della musica. Le prime parti dell’Orchestra dell’Opera Italiana divideranno i leggii con alcuni tra i migliori studenti dei M Conservatori italiani, sotto la direzione di Sergio Alapont. Il suggestivo titolo del programma è: Trasfigurazioni sinfoniche della follia nell’opera. “Professori e giovani fianco a fianco suoneranno le ouverture di opere liriche attinenti alla tematica della Follia: un modo di assaporare l’opera lirica attraverso un repertorio dinamico, sinfonico, senza le voci. Il secondo motivo di interesse della serata è che Amiata Piano Festival apre a coproduzioni e collaborazioni con importanti istituzioni di ricerca culturale e sperimentale, in questo caso la Fondazione Orizzonti di Chiusi. Insieme – conclude Baglini – vogliamo offrire un’opportunità seria ai giovani che lo meritano e proporre al nostro pubblico una programmazione originale e ricca di stimoli”. Fondato e diretto da Maurizio Baglini, Amiata Piano Festival è sostenuto dalla Fondazione Bertarelli. Il Forum Fondazione Bertarelli si trova a Poggi del Sasso (Cinigiano, GR) in una posizione panoramica unica, circondato dai vigneti e dagli uliveti della Cantina Collemassari di proprietà della famiglia Bertarelli – Tipa. Come di consueto le serate saranno allietate dal brindisi con i pregiati vini della Cantina ColleMassari nel panoramico dehors dell’auditorium. Inizio concerti: h. 19.00. Biglietti: www.boxofficetoscana.ittickets@amiatapianofestival.com–Tel.: + 39 339 4420336 Info: www.amiatapianofestival.com Amiata Piano Festival presenta il nuovo format “Amiata Music Master” etti sullo stesso palco, la stessa sera, musicisti in carriera e giovani promesse. Lascia che si scatenino suonando e confrontando le rispettive interpretazioni in una sorta di appassionante sfida all’ultima nota sotto i riflettori del Forum Fondazione Bertarelli di Poggi del Sasso (Cinigiano, GR). Questo il senso dell’Amiata Music Master la novità dell’Amiata Piano Festival 2016. L’idea è venuta a Maurizio Baglini, direttore artistico della rassegna toscana, che così presenta il progetto: 24 • Maremma Magazine • Luglio 2016 “Il mio obiettivo – commenta Baglini – è dare ai giovani di talento un’opportunità concreta di carriera al di là delle facili demagogie. Musicisti spesso dalle qualità straordinarie che vengono messi nelle condizioni di dimostrare quanto valgono in un festival prestigioso, di fronte a un pubblico esigente e alla stampa internazionale. Ma questo progetto oltre che in questo senso va letto anche come uno stimolo per noi professionisti, un modo per metterci in gioco e confrontarci con la sensibilità delle nuove generazioni. Mi auguro che anche per il pubblico sia una proposta accattivante e un’occasione per conoscere in anteprima i concertisti di domani”. Dopo l’uscita del 2 luglio il format Amiata Music Master ritornerà l’1 agosto, quando l’Orchestra dell’Opera Italiana farà posto tra i suoi leggii ad alcuni dei migliori allievi dei Conservatori e degli Istituti Musicali italiani, e il 27 agosto con un concerto cameristico in cui la violoncellista Silvia Chiesa presenterà cinque giovani talenti su cui scommettere. Perché il futuro della musica passa prima all’Amiata Piano Festival. VIVI EVENTI Morellino Classica: suoni, luci, colori e sapori di un festival sempre più amato! DI MARCO DE CAROLIS* Entra nel vivo e con sempre maggiori consensi il Morellino Classica Festival la bella rassegna itinerante che sta girando in lungo ed in largo la Maremma e che nel mese di luglio proporrà cinque interessanti appuntamenti in altrettanti incantevoli luoghi che già costituiscono il patrimonio storico della rassegna. E intanto vi raccontiamo il concerto al Castello di Marsiliana del 18 giugno scorso U ltimo concerto di Primavera. Finalmente si ritorna al Castello di Marsiliana. Il concerto (quello del 18 giugno scorso, ndr) è sempre un buon pretesto per entrare laddove non sempre è possibile e così uniamo le due bellissime opportunità. Marsiliana ha una sua magica atmosfera in cui sembra che la musica, soprattutto quella classica, sia da sempre di casa. Non so per quale motivo ma, ogniqualvolta si parli di musica al Castello, mi torna in mente quell’immagine onirica di una finestra la cui tenda socchiusa si muove ondeggiando per la brezza e al ritmo soave della musica che da lì giunge. Siamo come sempre accolti dall’orga- 26 • Maremma Magazine • Luglio 2016 nizzazione e dai Principi Corsini, ottimi padroni di casa. Quest’anno ci sono delle novità. La disposizione ad emiciclo delle sedute, strette tutte intorno al pianoforte e soprattutto il fatto che non si tratti del solito concerto di musica classica. Pietro Bonfilio, infatti, nell’aprire il concerto ci introduce la serata ricordandoci che siamo di fronte a giovanissimi cantanti e musicisti internazionali che si esibiscono dopo una settimana di Master Class. Ma cos’è una Master Class? E’ semplicemente, si fa per dire, un corso di perfezionamento per musicisti professionisti tenuto da grandi Maestri, in questo caso Paolo De Napoli e Marco Borroni. È una sorta di full immersion nella musica, nel- la tecnica, nel confronto e nell’esercizio. Almeno sette ore al giorno di studio, di canto ma soprattutto di musica. Bene, accompagnati dalla solita brezza che smuove il glicine ad ondeggiar come le note sul pentagramma si comincia. Il libretto parla chiaro, siamo all’Opera, ecco perché l’emiciclo, in pieno Ottocento, siamo in Europa e siamo di fronte a romanze e arie che inneggiano l’amore, il patriottismo; siamo praticamente in pieno Romanticismo! Musicisti italiani e stranieri che vagavano in Europa in cerca di stimoli e contaminazioni. In effetti leggendo il libretto mi torna subito alla mente quel periodo storico, l’ottocento, in cui esplode l’Opera, sop- piantando la musica strumentale e quella sacra. Nascono i Teatri e i grandi compositori si ispirano tutti a quel movimento europeo ben noto come Romanticismo, un movimento culturale e sociale che dalla Germania invase l’intera Europa. L’Opera diventa così l’emblema della modernità, dei tempi nuovi e dei nuovi equilibri tra i ceti sociali. Inno dell’emergente e ricca borghesia che vuole partecipare e decidere. Non più quindi alte committenze o illuminati principi ma impresari del teatro che commissionano Opere per il pubblico. C’è molta tensione tra i cantanti, c’è l’aria del debutto ma soprattutto è il momento di mettere in pratica, di fronte ad un nutrito pubblico, ciò che si è provato per una intera settimana. Si parte con Vincenzo Bellini (I Puritani e i Cavalieri) il giovane Andrei Mikulchyk, nel suo impeccabile completo grigio, è evidentemente emozionato, un po’ rigido, ma il calore della platea e gli scroscianti applausi finali sciolgono il palco, ora il concerto può cominciare. Arriveranno a seguire gli italiani Verdi, Toselli, Cilea, Puccini ed infine Mascagni poi Dvorac, Mendelssohn e Tchaykovsky. Una galoppata in piena Europa! I giovani si alternano sul palco ad ogni passaggio sempre meno emozionati e sempre più nella parte. L’Opera non è solo canto, ma anche azione e mimica, bisogna partecipare, essere anche attori. È il momento del grande musicista e tenore Valter Soosalu, il più giovane e il più versatile, una carriera divisa tra il canto e la musica, inappuntabile nella serenata di Toselli e nel duetto di Mandelssohn. Arriva poi sul palco il più grande di età e di carriera, è il serbo Amir Saracevic, tenore con una impressionante somiglianza timbrica e scenica del nostro grande Pavarotti. Canta con la padronanza della scena di un tenore navigato Cilea, Puccini e Tchaykosky. Personalmente ho adorato “la statuaria” Karolina Gliskaite, nella Rusalka di Antonin Dvorac e lì ho capito, dopo averla sentita cantare Verdi, quanto una Master Class possa essere utile. I cantanti infatti, seppur molto bravi, sono giovani e la loro dimestichezza con le note è sicuramente maggiore che la dimestichezza con la lingua originale dell’opera e la sua timbrica. In Verdi non mi aveva convito, mi era parsa dura, non morbida come la lingua italiana sa essere sulle note, invece cantando in russo Gli appuntamenti di luglio D opo il successo delle note liriche al Castello della Marsiliana che hanno chiuso la primavera del Morellino Classica Festival, ecco che si apre la programmazione estiva con i cinque concerti previsti per il mese di luglio. Pubblico e critica si sono espressi positivamente in merito agli appuntamenti fin qui presentati dalla rassegna musicale che sta allargando sempre di più gli orizzonti dal punto di vista della notorietà ormai propagatasi anche su scala nazionale. “Sempre più forte – sottolinea in proposito il direttore artistico Pietro Bonfilio – è l’attrazione verso questo appuntamento ormai fidelizzato da un numero in crescendo di turisti ma anche di appassionati residenti. Chi ha assistito alle anteprime e ai concerti di giugno ha potuto godere di quelli che sono i pregi caratteristici della rassegna: storia, natura, vino e musica intrecciati in un legame originale e profondo”. In questo mese il festival ci riaprirà le porte di cinque incantevoli luoghi che già costituiscono il patrimonio storico della rassegna. Domenica 3 luglio nell’antica Chiesa di San Biagio a Montorgiali (Scansano), si esibirà il quartetto d’archi “Sincronie” già vincitore di importanti concorsi nazionali, con musiche di L. v. Beethoven, A. Schnittke, R. Schumann. Si prosegue con l’appuntamento più particolare per la singolarità del luogo e del momento, domenica 10 luglio Alba a Ghiaccioforte, sito etrusco alle porte di Scansano in località Pomonte dove, al termine del concerto, si potrà gustare una tipica colazione mattutina maremmana, mentre per tutti gli altri concerti sono previste degustazioni dei pregiati vini Morellino e dei tipici prodotti agroalimentari La Selva. Il concerto di Ghiaccioforte prevede come di consueto l’ensemble in residence che è l’Orchestra Sinfonica Città di Grosseto diretta da Giancarlo di Lorenzo, ma che ogni anno cambia nel ruolo del musicista solista. Quest’anno ci sarà la violinista albanese Abigeila Voshtina con un programma del periodo classico dominato dal genio di W. A. Mozart e di F. J. Haydn. Altro appuntamento di forte richiamo soprattutto per gli amanti della musica antica e barocca, sarà quello di sabato 16 luglio con il prestigioso ensemble “Il Falcone” fondato nel 1999 dal celebre direttore e oboista Omar Zoboli, definito “il Paganini dell’oboe”, virtuoso musicista e massimo interprete di quegli autori della prima metà del ‘700. Il luogo dove si svolgerà sarà il cortile dell’imponente castello di Montepò, il più adatto per far rivivere quell’antica atmosfera di austerità e per quanto riguarda la musica quella fastosità del barocco nelle corti europee con autori come A. Vivaldi, B. Galuppi, B. Marcello, C. H. Graun, G. P. Telemann. Domenica 24 luglio all’Agribenessere Sasseta Alta di Scansano, luogo paradisiaco, molto ben conosciuto dagli amanti della vita naturistica, si esibirà Mascoulisse Quartet ensemble di tromboni. Questo gruppo di virtuosissimi musicisti del trombone a coulisse è tra i più richiesti e apprezzati in Italia per versatilità, tecnica ed estro, nonché per lo smisurato repertorio che spazia da G. P. Palestrina, G. Gabrieli, J. Haydn, C. Debussy, fino alla canzone d’autore italiana avendo collaborato con i più grandi nomi da Zucchero a Ramazzotti, Ruggeri, Elisa. Sul palcoscenico del Teatro sull’Acqua di Sasseta Alta ascolteremo i grandi autori di quattro secoli di polifonia strumentale. Sabato 30 si concluderà la programmazione del mese di luglio alla Fattoria Le Pupille in località Piagge del Maiano, dove si inaugurerà un nuovo indirizzo musicale del festival con l’inserimento nel programma di musiche jazz di B. Evans oltre alle composizioni di L. Piccioni, A. Piazzolla, E. Morricone eseguite dal quintetto d’archi Pessoa con la partecipazione straordinaria di Leandro Piccioni, compositore e pianista di Ennio Morricone: un viaggio nel Novecento tra il jazz, il tango e il cinema. Il festival continuerà poi il suo percorso musicale con i concerti di agosto e settembre che si possono conoscere nel dettaglio attraverso il pieghevole allegato alla rivista e consultando il sito www.morellinoclassicafestival.com Info: tel. 0564 507982 - 349 538 0069. PRIMO PIANO • VIVI • 27 VIVI •••• Il quartetto d’archi “Sincronie” il 3, l’Orchestra Sinfonica Città di Grosseto diretta da Giancarlo di Lorenzo, il 10, l’ensemble “Il Falcone” il 16, il Mascoulisse Quartet il 24 e il quintetto d’archi Pessoa il 30: questi gli interpreti dei concerti di luglio ha saputo trasmettere la dolcezza lirica di un’Opera e di una lingua. È ovvio come una Masterclass possa aiutare i giovani cantanti a conoscere meglio anche la lingua del canto. Perché una cosa è l’italiano moderno e una cosa quello in prosa dell’ottocento. Ripensando poi a tutto il concerto questa è la cosa che ho notato di più in tutti i cantanti oltre alla fine tecnica, la ancora non raggiunta padronanza delle lingue del canto. Ma sono giovani e si faranno. Colpo di scena, si rompe il pedale del pianoforte. Il maestro Marco Borroni e Pietro Bonfilio tentano di riparare il guasto, nulla di fatto, si guardano spaesati e complici, nessun rimedio, si va avanti con qualche difficoltà in più. Prima della fine arriva Mascagni con il “Fior di Giaggiolo” dalla Cavalleria 28 • Maremma Magazine • Luglio 2016 Rusticana e il tenore Giuliano Giancola sarà fieramente conteso dalla soprano Karolina Gliskaite e dalla “divina” soprano Emira Dakhalia. Un pezzo di vera Opera viene messo in scena, si canta e si recita. Il palcoscenico si allarga all’azione. Bravissimi! Applausi lunghi e commozione. Unico assente dal palco ma presentissimo in platea, il tanto atteso tenore Andris Ludvigs, afono dopo una settimana di canto e soprattutto dopo i bagni di mezzanotte nella piscina del Castello, perché una Master Class prevede anche qualche momento di ricreazione. La fine del concerto è tutta italiana. Così i cantanti, tutti insieme allegri e finalmente rilassati, per il Gran Finale: “O sole mio” e per un richiestissimo bis: “la Traviata” di Giuseppe Verdi nell’aria “…Libiam ne’ lieti calici”. La platea è in pieno visibilio e partecipa al canto, siamo tutti in piedi in un saluto di ringraziamento che si dona ai grandi e loro in fondo lo saranno. Sembra tutto finito, ma il concerto in realtà non finisce e in piena atmosfera ottocentesca, quasi Gattopardesca, si continua ancora a lungo a cantare tutti insieme nella sala del Camino dei principi Corsini, tutti con un calice di buon vino in mano. La magia di un concerto si esalta quando tutti giù dal palco riescono a gioire insieme del bel canto e della gioia alla vita, questa è stata l’atmosfera di una Master Class che speriamo possa continuare a Marsiliana. Al prossimo concerto. * Presidente dell’Associazione Maremmans VIVI EVENTI Parchi e Musei della Val di Cornia, sarà una calda estate di eventi! Parco archeominerario di San Silvestro C’è la festa per i primi vent’anni del Parco archeominerario di San Silvestro e molto di più nell’intensa estate dei Parchi della Val di Cornia. Tanti, di tutti i generi e per tutti i gusti gli appuntamenti dell’estate per andare alla scoperta della storia in modo non convenzionale, ma semplicemente divertendosi… P osta di fronte all’Isola d’Elba, la Val di Cornia si presenta come una valida alternativa alle tradizionali mete turistiche. Qui chiunque può trovare il suo “angolo di Paradiso”: chi cerca la spiaggia affollata, chi ama il relax, chi vuole godersi paesaggi incontaminati, ma anche la famiglia che cerca il mare “sicuro” per i propri bambini abbinato alla scoperta della storia in modo divertente nei Parchi e Musei della Val di Cornia. 30 • Maremma Magazine • Luglio 2016 In particolare il 2016 è un anno ricco di novità e ricorrenze per il sistema di Parchi e Musei. La novità La prima è rappresentata dal nuovo percorso multisensoriale “Il Museo in tutti i sensi“ inaugurato ad aprile nel Museo archeologico del Territorio di Populonia (nel centro storico di Piombino). «Con il nuovo allestimento – spiegano dai Musei e Parchi della Val di Cornia – il museo è stato arricchito da tre postazioni didattiche che permettono a tutti, anche ai portatori di disabilità, di comprendere e godere appieno di tre simboli della storia antica di Populonia: la tomba dei Carri (il monumento funerario meglio conservato nel Parco archeologico di Baratti e Populonia), il mosaico romano cosiddetto “dei Pesci” e l’Anfora argentea di Baratti che sono sicuramente fra i reperti più significativi del Museo. La riproduzione in scala dei Museo archeologico - un museo in tutti i sensi reperti, la sensorizzazione con output sonoro e i video, rappresentano un modo nuovo, semplice ed accattivante per “far vivere la storia” anche ai più giovani e a un pubblico “non specializzato”». La ricorrenza La seconda, la ricorrenza, riguarda il Parco archeominerario di San Silvestro che si appresta a celebrare il ventennale. E lo farà il 6 luglio, giorno esatto in cui appunto il Parco archeominerario di San Silvestro compirà venti anni di vita. «Si tratta – fanno sapere sempre dai Musei e Parchi della Val di Cornia – del primo tra i Parchi e Musei della Val di Cornia ad essere inaugurato e da qui è partito il progetto di valorizzazione culturale dei siti archeologici e minerari di questo territorio. Tante persone hanno contri- buito a far nascere e crescere il progetto del parco. Ogni anno migliaia di visitatori camminano tra queste colline, incuriositi dalla presenza delle miniere, dal noto trenino giallo e da quel villaggio straordinario che è Rocca San Silvestro. Emozioni quindi, di chi passa, di chi vive qui, di chi ci ha vissuto». Il 6 luglio questo importante anniversario verrà festeggiato con artigiani, figuranti e musicisti che renderanno speciale per i visitatori la scoperta della storia del villaggio medievale di Rocca San Silvestro. In particolare alle 19.00, nella suggestiva atmosfera della sera, si terrà alla Rocca un concerto itinerante del “Quintetto di Ottoni Gabrieli” seguito da un aperitivo finale di saluto. Il concerto è inserito nel programma de “I Concerti della Pieve” promosso dal Comune di Campiglia Marittima. L’occasione del ventennale porta novità anche per la fruizione del parco stesso: sono state attivate aree wifi, realizzate audioguide delle miniere in inglese, francese, tedesco ed olandese, usciranno a breve guide tascabili in inglese e tedesco dedicate alle miniere. Insomma tutto è pronto per accogliere nuovi e vecchi visitatori e per festeggiare con loro. Gli eventi estivi Ma il calendario di eventi, iniziative e appuntamenti fissi per grandi e piccini proseguirà per tutta l’estate. Dopo la festa per il ventennale, venerdì 15 luglio i Musei della Rocca di Campiglia Marittima alle ore 21.00 ospiteranno Storie di Campiglia, una visita guidata con racconto della vita nel medioevo a partire da piccoli e partico- PRIMO PIANO • VIVI • 31 VIVI •••• E intanto il 6 luglio verranno celebrati i primi vent’anni del Parco archeominerario di San Silvestro con una grande festa che vedrà protagonisti artigiani, figuranti e musicisti impegnati nell’occasione a rendere speciale la visita del villaggio medievale di Rocca San Silvestro lari oggetti esposti nel museo (il dado, il flautino, l’agnus dei). Spazio alla musica lunedì 18 luglio, alle ore 21.30, al Museo archeologico del Territorio di Populonia, cornice del Concerto jazz in piazza Cittadella con possibilità di apericena e visita al museo al prezzo speciale di € 8,00. Sperimentare mestieri e arti costruttive intorno ad un castello medievale e scoprire la suggestione della vita quotidiana in una abitazione del tempo appositamente ricostruita: è ciò che si potrà vivere venerdì 22 luglio presso il Parco archeominerario di San Silvestro con l’iniziativa Medioevo In costruzione. Senza contare che tutti i giorni di luglio e agosto al Parco archeologico di Baratti e Populonia è in programma Costruisci il tuo ricordo ovvero l’archeologia prende forma nei laboratori sulle tecniche di lavorazione nell’anti- Parco archeominerario di San Silvestro, treno minerario chità attivi presso il Centro di archeologia Sperimentale del Parco. Ogni giovedì di luglio e agosto andranno in scena invece al Parco archeologico di Baratti e Populonia I Giovedi di Baco - Baratti Pavillon, un contenitore dove archeologia e architettura si incontrano tra presentazioni, conferenze, seminari formativi, workshop e mostre d’arte. Il venerdì sera di luglio e agosto sarà prerogativa delle Serate di Archeologia al Museo archeologico del Territorio di Populonia (piazza Cittadella, Piombino) con aperture straordinarie dei magazzini del museo, conferenze, visite animate. In questo contesto, in particolare, nell’ambito delle Notti dell’Archeologia sono in programma due iniziative. La prima venerdì 15 luglio dal titolo L’anfora di baratti tra mito, musica e finzione che offrirà dalle 18.00 una conferen- Parco di Baratti - Laboratorio lingua etrusca 32 • Maremma Magazine • Luglio 2016 za e alle 21.30 la visita narrata nelle sale del museo. La seconda venerdì 29 luglio, dalle ore 18.30 si intitola A cena con Fufluns ed è una visita guidata alle sale del banchetto e alla postazione multisensoriale della tomba dei Carri. A seguire cena “etrusca” al Bar In Cittadella. Tra gli altri eventi fissi, ogni sabato di luglio e agosto, sono da segnalare Una sera al museo, aperture straordinarie, visite animate, conferenze e presentazioni al Museo del Castello e delle Ceramiche medievali; Notte etrusca, visita serale alla Necropoli di San Cerbone in costume etrusco e romano con possibilità di cena di ispirazione etrusca al ristorante del Parco al Parco archeologico di Baratti e Populonia ore 21.00; e Bosco aperto ovvero l’apertura al pubblico per l’intera giornata del bosco secolare al Parco costiero della Sterpaia. Infine, in occasione dei I Concerti della Pieve organizzati dal comune di Campiglia Marittima nei giorni 3, 10, 18, 24 luglio sono previste visite guidate con partenza dai Musei della Rocca di Campiglia. Le visite partono alle ore 17.30-17.45 e prevedono una breve introduzione alla storia di Campiglia ed alla Rocca di Campiglia e una passeggiata fino alla Pieve, passando dal centro storico. Insomma, tante offerte e cose da scoprire quindi in Val di Cornia, per una vacanza… formato famiglia! Per consultare l’intero calendario e verificare orari e date: www.parchivaldicornia.it Info e prenotazioni: tel. 0565 226445. VIVI EVENTI Luigi Bellumori, quando un sindaco è molto di più di un sindaco… DI PAOLO MASTRACCA Capalbio Basta poco per capire che Luigi Bellumori, sindaco ormai da diversi anni del Comune di Capalbio, la sua terra la ama davvero. Entusiasmo, competenza e voglia di fare sono i tratti distintivi del suo impegno come “primo cittadino”, un impegno che, anche come si evince da questa lunga intervista, sembra andare ben oltre la carica che ricopre… P er realizzare questa intervista con Luigi Bellumori il primo cittadino di Capalbio ci ha dato appuntamento sul mare, nel giorno di consegna delle 5 Vele di Legambiente e Touring Club allo stabilimento Ultima Spiaggia. Per arrivare decidiamo di percorrere una strada alternativa, la cosiddetta litoranea che da Ansedonia costeggia il tratto di mare del comune di Orbetello: una scelta che ci fa entrare in un mondo da sogno, accarezzando l’oasi Wwf di Burano; vediamo l’omonimo lago e sullo sfondo apprezziamo Torre di Burano. Sembra fantasia invece è realtà: stupendo! Dopo questo tragitto che trasmette serenità e ci pone in armo- 34 • Maremma Magazine • Luglio 2016 nia con il mondo arriviamo all’Ultima Spiaggia e malgrado il vento di scirocco non renda la giornata ideale l’atmosfera che si respira è quella della magia con il fascino unito alla cura dei particolari. Lo sfondo del mare è mozzafiato e invita a farsi un bel tuffo. In quel momento arriva il Sindaco, gli diciamo: “che splendido biglietto da visita”. Bellumori sorride compiaciuto: “uno dei tanti per chi intende venire in visita o in vacanza a Capalbio”. Il territorio di Capalbio Ci mettiamo seduti ed il sindaco inizia a parlare. “Il nostro territorio rispecchia la qualità dei nostri eventi estivi, soddisfa tutti i gusti e tutti i palati. Credo che siano pochi i comuni che possono vantare un cartellone variegato e dinamico come il nostro e gli eventi che proponiamo sono l’interfaccia della nostra realtà. Essere piccoli e tenere a certi valori è la nostra forza e la nostra risorsa ma contestualmente è anche il nostro limite”. Bellumori inizia a snocciolare dati con l’impressione che la sua esposizione è un mix tra orgoglio e preoccupazione. “Il territorio del comune di Capalbio – dice – si estende su circa 19.000 ettari di territorio, con 120 chilometri di strade comunali, 12 chilometri e mezzo di strada statale (S.S. 1 Aurelia), oltre 80 pate nella Comunità e l’utilizzo dei social rappresentano uno stimolo all’ulteriore trasparenza dell’Amministrazione e proprio per questo aspetto ritengo che il patto sottoscritto con i cittadini debba essere rinnovato quotidianamente”. Luigi Bellumori chilometri di strade vicinali, 65 strutture ricettive con 2507 posti letto, 13 chilometri di spiaggia, due bacini lacustri (il lago di Burano e il lago di San Floriano) oltre all’acquifero dei Legaccioli che appare e scompare in base alla stagione delle piogge. I maggiori centri oltre al capoluogo sono Borgo Carige, Capalbio Scalo e Torba; i centri minori sono Chiarone, Vallerana, Pescia Fiorentina, Giardino, Selva Nera, Casale Nuovo e Torre Palazzi, oltre a undici centri rurali ex ente Maremma ed altre centinaia di casali sparpagliati nelle campagne”. Un elenco di cui Luigi Bellumori spiega il senso. “Tale situazione comporta un fortissimo impegno per la complessità dei servizi da erogare e l’onerosità degli stessi. Basti pensare come lavorare in una logistica del genere comporti problemi per la nettezza urbana, per l’illuminazione pubblica, per il trasporto dei ragazzi a scuola, per la manutenzione degli spazi verdi e per tanti altri aspetti non per ultimo la manutenzione delle strade. Non c’è dubbio che la gestione di un territorio con così tante sfaccettature è complessa e richiede sforzi continui e tanto impegno evidentemente qui come altrove”. L’entusiasmo Eppure dopo otto anni da sindaco l’entusiasmo di Bellumori è esattamente come quello del primo giorno. “La correggo – ci dice il Sindaco – non solo l’entusiasmo non cala ma cresce. Nei momenti di difficoltà come quello che nella generalità le Amministrazioni stanno attraversando serve l’impegno da parte di tutti ed il primo cittadino deve essere un punto di riferimento (di sicuro più per gli oneri che per gli onori), deve dare l’esempio per quanto possibile. Se cala l’entusiasmo è finita. Dobbiamo rendersi conto che i rapporti con i cittadini sono enormemente cambiati. Cito un esempio tra i tanti: le maggiori sensibilità che si sono svilup- Il capitolo Renzi Luigi Bellumori è un esponente del Pd che ci piace definire schierato ma non allineato, una definizione che il sindaco di Capalbio condivide e apprezza, aggiungendo di essere spesso una voce fuori dal coro. Bellumori è un “Renziano” della primissima ora, adesso forse mostra qualche perplessità sull’operato del Premier che lui spiega così: “i primi sindaci in Maremma a schierarsi in maniera convinta con “ilcambiaverso” di Matteo Renzi siamo stati io e la compianta Eleonora Baldi che ricordo con immenso affetto, insieme all’attuale segretario provinciale del Pd Marco Simiani. Ricordo che con Eleonora scherzavamo sul fatto che dovevamo controllare le porte della provincia di Grosseto, Eleonora Baldi sindaco di Follonica, il comune più a nord e il sottoscritto sindaco di Capalbio, il comune più a sud”. Adesso quel è il parere sull’operato di Matteo Renzi? “Alla prova dei fatti questa doppia veste di segretario del Pd e di Premier imbriglia le decisioni perché lui decide da una parte e dall’altra. La discussione ed il confronto sono limitati. Dico questo con molto rispetto e affetto nei confronti di Matteo che dal canto suo prova a scardinare qualcosa. La mia vuole essere sempre una critica leale e costruttiva anche per il ruolo che ricopro e perché non mi pare che altrove brillino stelle più luminose, ma ad esempio non posso esimermi di far presente la mia contrarietà riguardo alcuni atteggiamenti che non ho condiviso, come l’invito a non votare in occasione del referendum contro le trivellazioni o rispetto al fatto che alle riduzioni di imposte che annuncia il Governo seguono poi i provvedimenti di noi Sindaci di aumento di tariffe”. Se dovesse muovere un rilievo specifico a Matteo Renzi quale sarebbe? “Probabilmente mi aspettavo una migliore conoscenza delle dinamiche amministrative avendo lui ricoperto il ruolo di presidente della provincia e di sindaco di Firenze. In realtà questo è PRIMO PIANO • VIVI • 35 VIVI •••• E intanto mentre Capalbio si fregia delle Cinque Vele targate Touring Club e Legambiente, decolla la lunga estate all’insegna come al solito degli eventi e della cultura… avvenuto poco e male. Non sarà solo una sua responsabilità evidentemente, ma se stiamo ai risultati delle recenti amministrative (che non rappresentano un test per il Governo) il Pd mi pare esca con le ossa rotte e se non cambia verso i posizionamenti di un anno fa sono già diventati irrisori”. Qual è il suo mal di pancia? “Il fatto che i comuni sono diventati esattori del Ministero delle Finanze. Di fatto le tasse pagate dai miei cittadini vanno a finire nelle casse dei comuni meno virtuosi che non si capisce mai quali sono ed a sostenere la burocrazia ministeriale romana. Il problema è che se una parte del gettito tributario viene destinato a questo famoso fondo di perequa- La consegna delle 5 Vele 36 • Maremma Magazine • Luglio 2016 Luigi Bellumori con Matteo Renzi in occasione di un’edizione di Capalbio Libri di qualche anno fa zione si tolgono risorse dal territorio ai servizi, alle manutenzioni e non si realizza l’autonomia finanziaria che poi è autonomia gestionale. Un limite che si aggiunge agli ormai noti e storicizzati freni che riguardano la spesa per il personale, la capacità di indebitamento e la possibilità di assumere personale. Ogni anno il comune di Capalbio non può disporre per tale motivo di 700.000 euro che sono destinati al fondo di perequazione, ciò comporta una situazione distorta, i lavori e le manutenzioni non vengono fatti o vengono prorogati con conseguenze facilmente immaginabili. Purtroppo ci sono questioni che vengono ragionate a Firenze oppure a Roma che quando le cali in un ter- ritorio variegato come il nostro trovano ostacoli di non poco conto. Faccio un esempio: i municipi sono la prima cellula di interfaccia tra le Istituzioni e il Cittadino, è la prima entità dove cresce il senso civico. Se la strada tracciata è quella delle fusioni volendo di fatto farci diventare una frazione di Orbetello oppure di Manciano, mi sento di poter dire, con tutto il rispetto per questi comuni, che si possono trovare formule migliori e più partecipative. Forse altrove la fusione può essere una risposta, a mio avviso a (e per) Capalbio va discussa ampiamente”. L’argomento è caldo e Bellumori conosce benissimo la materia. “La riforma Del Rio o se preferite la riforma delle province ha portato in capo ai comuni una serie di competenze che alla resa dei conti ha prodotto più problemi che soluzioni. Non sto a dire qua il disastro in cui versa la viabilità e la tenuta delle strade, la gestione dell’edilizia scolastica ed altre dinamiche che prima venivano discusse con Grosseto Provincia. La cosiddetta Provincia dei Comuni stenta a decollare anzi, anzi possiamo tranquillamente dire che proprio non esiste e l’Ente Provincia ha una serie di problemi da affrontare e risolvere anche con e per il proprio personale e non è cosa di poco conto. E poi il concetto dei servizi in area vasta (trasporto pubblico, sanità, rifiuti, servizio idrico integrato, consorzi di bonifica tra un po’ anche gli alloggi dell’edilizia popolare), non credo sia una soluzione sempre soddisfacente per i cittadini, le Luigi Bellumori con la sua Giunta imprese ed i territori. Ma tanto in Maremma siamo pochi e sparpagliati e anche se si dicono e dimostrano cose giuste a Firenze saranno molti di più a sostenere il vero del loro pensiero”. Le priorità del Comune In questo contesto Luigi Bellumori fissa le priorità per il proprio comune. “Sono il sociale e la scuola. Abbiamo mantenuto invariate le tariffe e le imposte a parte la Tari che è collegata al piano finanziario che prevede spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti affidata al Gestore Unico Sei Toscana. Anche in questo caso dire che sono critico è limitante poiché sono convinto che occorre ragionare su alcuni aspetti relativi alla gestione dei rifiuti che devono essere rivisti; quella della TARI non può essere una partita al rialzo senza limite. Inoltre con la Giunta abbiamo aperto un confronto con gli imprenditori del settore turistico ricettivo (oltrechè con Federalberghi) decidendo di non applicare anche per l’anno 2016 la tassa di soggiorno il cui gettito rimarrebbe completamente a disposizione del territorio a differenza di altre imposte che invece vanno a finanziare i comuni meno virtuosi e la burocrazia romana. Per un comune a vocazione turistica come il nostro si tratterebbe di un gettito importante. Siamo rimasti tra i pochissimi in provincia di Grosseto a non avere applicato tale tassa, vedremo nel futuro se continueremo su questa strada oppure se sceglieremo soluzioni alternative”. Le Cinque Vele Mentre eravamo in procinto di concludere l’intervista Bellumori estrae il libro del Touring Club Italiano “Il mare più bello 2016” e mostra con orgoglio, a pagina 60, sotto il titolo “Vediamoci a Capalbio”, che il territorio viene descritto come gioiello della Maremma e racconta delle splendide spiagge di Macchiatonda, Playa La Torba e Chiarone. Quindi il Sindaco consegna la bandiera con le Cinque Vele di Legambiente ai titolari degli stabilimenti balneari, sottolineando come tale riconoscimento renda merito non soltanto alla bellezza del territorio ma pure ai servizi erogati in maniera sostenibile. “Mi auguro che le future generazioni raccolgano questa sfida che caratterizza Capalbio in quanto pure chi è stato sindaco prima di me e le Amministrazioni che mi hanno preceduto hanno sempre lavorato in questa ottica e con questo spirito”. In tale speciale classifica Capalbio ricopre un ruolo di prestigio essendo nono in Italia e secondo in Toscana dopo Castiglione della Pescaia, un dato che fa sorridere Bellumori. “Faccio i complimenti a Giancarlo Farnetani che è stato riconfermato sindaco (di Castiglione della Pescaia, ndr) con tantissime preferenze. Giancarlo sa lavorare bene e ci lega una forte amicizia e una stima reciproca. Peraltro ha anche una bella squadra di consiglieri”. Le eccellenze capalbiesi Luigi Bellumori rimarca che le Cinque Vele di Legambiente sono un tra- guardo per Capalbio ma le eccellenze oltre al paesaggio, al litorale, sono anche tante altre. “Le associazioni di volontariato che ricordo sempre con piacere, la Croce Rossa, l’Avis e La Racchetta che svolge un ruolo fondamentale di protezione civile e volontariato ambientale. Ricordo l’associazionismo sportivo, quello folkloristico e di costume del Comitato Contrade Città di Capalbio una grande soddisfazione per la nostra Amministrazione, l’Associazionismo culturale con in testa l’attività promossa dal Frantoio che con l’evento Arte e Vino ha creato uno straordinario filo rosso legando sempre più il territorio alla cultura. La manifestazione ha come biglietto da visita una splendida frase di Hemingway che recita così: ‘il vino è il condensato di un territorio, di una cultura, di uno stile di vita’. È impossibile poi non ricordare Il Giardino dei Tarocchi in località Garavicchio ideato dall’artista franco-statunitense Niki de Saint Phalle. Inoltre come si può facilmente rilevare dalla stampa, la nostra estate è sempre molto impegnativa, il cartellone degli eventi è corposo e adatto a tutti i gusti, si parte a giugno e si finisce a settembre senza alcuna pausa, un cartellone assolutamente grande e variegato. La location più gettonata e gradita è sempre il nostro borgo, il centro storico e Piazza Magenta che hanno specificità e caratteristiche perfette. È il nostro salotto buono che si presta in maniera ottimale a vai tipi di manifestazioni. Da sottolineare anche che l’apporto finanziario del comune è limitato a causa delle poche risorse a disposizione, il nostro impegno è prevalentemente logistico e devo ringraziare i privati che concorrono a sostenere le iniziative, in particolare la Banca di Saturnia e Costa d’Argento che sostiene economicamente il cartellone e gli eventi in esso programmati. Ed a proposito della Banca potremmo tornare al discorso delle fusioni visto che seppure in ambiti diversi il nostro istituto di credito è impegnato in una riorganizzazione tra le tre banche della provincia (Banca della Maremma, Banca di Saturnia e costa d’Argento e Banca di Pitigliano), un percorso che seguiamo con attenzione poiché questi processi vanno sempre osservati affinché non venga mai meno l’attenzione verso il territorio, le sue componenti, ed è questo lo spirito e la missione che ci contraddistingue”. PRIMO PIANO • VIVI • 37 TRADIZIONI Quando “Il tempo che fu” viene tramandato nel modo giusto ai più giovani DI CORRADO BARONTINI È stato un progetto didattico davvero interessante e forse anche da replicare altrove che ha consentito di conoscere la storia delle generazioni passate attraverso la poesia, la musica popolare, il racconto, quello che è stato sviluppato a Scansano, durante tutto l'anno scolastico 2015/2016 appena conclusosi “ Il tempo che fu noi vogliamo che torni/ La vita ed i sogni di tutti quei giorni/ Torniamo ai valori crediamoci ancora/ E pure ai mestieri ed ai giochi di allora...”. È iniziata con i versi di questa canzone (scritta da Piero del Coro degli Etruschi) la serata al teatro Castagnoli di Scansano che i ragazzi delle scuole Elementari di quel paese hanno interpretato con entusiasmo. Lo spettacolo, intitolato “Il tempo che fu”, è stato realizzato il 1° giugno scorso a compimento del progetto che, durante tutto l’anno scolastico, ha consentito agli allievi di conoscere gli aspetti della vita quotidiana del mondo di una volta con le attività lavorative del passato. Il progetto, interdisciplinare, finanziato dal Comune, ha visto la partecipazione di vari esperti che hanno contribuito a far conoscere la storia delle generazioni che ci hanno preceduto attraverso la poesia, la musica popolare, il racconto... facendo rivivere ai bambini abitudini, usi, costumi, mestieri ormai quasi dimenticati: un vero e proprio spaccato della Maremma d’un tempo. Il Coro degli Etruschi ha portato gli allievi della scuola a riscoprire i canti popolari legati al ciclo delle stagioni e ai momenti della vita sociale e familiare di allora. Sotto la guida della violinista Rosita Di Marte e di alcuni componenti del Coro, gli scolari si sono esibiti mettendo in scena una “opera” teatrale dove la narrazione è scivolata per un’ora e mezza intercalando azioni di lavoro a momenti di conversazione con l’interpretazione dei vari mestieri quali il carraio, l’arrotino, le sarte, il fornaio, lo stagnino, il calzolaio, la lattaia e, non ultimo, lo spazzino. In mezzo a queste scenette sono state eseguite alcune canzoni popolari accompagnate dalle fisarmoniche di Dino e Sergio, dalle chitarre di Piero e Daniele, dal violino di Rosita, e dalle nacchere (usate con arte da alcune ragazze della scuola). Le armonie sono state arricchite dalla partecipazione straordinaria del mandolino di Dino Petri. Proprio il pittore Dino Petri ha fatto PRIMO PIANO • VIVI • 39 VIVI •••• E a chiusura del percorso durato tutto l’anno i ragazzi delle scuole elementari coinvolti hanno messo in scena al Teatro Castagnoli una vera e propria azione teatrale con tanto di canti e recitazione parte del progetto scolastico mettendo a disposizione degli alunni la propria produzione artistica riguardante gli antichi mestieri e i personaggi caratteristici di Scansano al tempo dei loro nonni e bisnonni. La scrittrice Luciana Bellini, autrice di libri incentrati sulle memorie di vita del paese (ricordiamo “Tre pezzi cento lire” edito da Effigi), è intervenuta nelle classi a raccontare le sue esperienze di fanciullezza e gioventù, essenzialmente legate alla comunità di Scansano. Sui mestieri di una volta sono state composte alcune ottave che i ragazzi hanno recitato e in qualche caso cantato con la giusta intonazione dei poeti estemporanei. Questa scena coinvolgente è presentata da una bimba nelle vesti di una 40 • Maremma Magazine • Luglio 2016 Nelle foto di Elena Barontini alcuni momenti dell’iniziativa che si è svolta il 1° giugno scorso al teatro Castagnoli “nonna” che ha spiegato: “State a sentì cittini come erano i poeti di una volta. Erano davvero bravi a improvvisare. Ora ci fanno sentire l’ottava rima: è composta da otto versi di undici sillabe ciascuno, sono in rima alternata, tranne gli ultimi due in cui sentirete che la rima è baciata...”. I ragazzi hanno cominciato a recitare i loro versi ricordando un bel numero di personaggi rimasti nella memoria degli scansanesi: il Carraio, l’Arrotino, le Sarte, il Fornaio, lo Stagnino, il Calzolaio, la Lattaia, lo Spazzino... di ciascuno si è ricordato il carattere ed il nome: Sono Colombo e ho un piccolo forno io sono sempre sporco di farina e cuocio il pane per tutti ogni giorno il mio locale è aperto ogni mattina a tutte le ore il pane sforno ricevo sempre una chiamatina alla sera conto tutti i miei guadagni e alla mattina vedo i miei compagni A questo ha fatto eco l’ottava finale dove si è parlato di Alamiro, lo spazzino ricordato anche nei quadri di Dino Petri: Lui si chiama Alamiro, lo spazzino ogni momento ha in bocca un corno lui viaggia sempre con il somarino e si ferma da Colombo al forno... Il teatro si è pienato in fretta, tanto che le maestre e gli allievi hanno deciso di replicare, dopo due giorni, la stessa iniziativa. Questa seconda giornata, che ha avuto luogo il 3 giugno, è stata animata da un musicista di eccezione; si tratta del professor Giovanni Monari che si è prestato, con la fisarmonica, ad accompagnare lo spettacolo. Anche in questo caso non sono mancate le sorprese. Alla fine della mattinata, Piero del Coro, ha preso la parola per cantare una propria ottava in ricordo di Sesto Vergari del Coro degli Etruschi, scomparso di recente. “E pe’ finì in bellezza tutto quello che vi s’è mostrato – dice nell’ultima scena una bimba travestita da Nonna Benedetta –, che ormai so’ sicura che ce l’avete impresso e un ve lo potrete mai scorda’, state a sentì ‘sta bella canzone...” Tutte le classi sul palco hanno cantato l’ultima canzone: “Bevi il vino di Scansano” che venne scritta nel 1978 dal poeta Morbello Vergari proprio in occasione della “Festa dell’uva”. Quello fu l’anno che il Vino Morellino di Scansano ottenne la Denominazione d’Origine Controllata. VIVI L’ARTE DI OSPITARE | L’accoglienza in Maremma Il Troscione, quando in un progetto imprenditoriale e di vita viene messo… il cuore! DI MARINA VALMARANA La Maremma ti affascina, ti conquista piano piano, ti entra nel cuore, ti fa innamorare... e ti spinge ad iniziare una nuova vita con sacrifici e rinunce che non avevi programmato... ma poi guardi il mare al tramonto e capisci perché l'hai fatto… Parte da qui, da queste emozioni allo stato puro, la storia di Fiorella Ciminaghi originaria di Milano oggi alla guida di una gran bella azienda agricola biologica in quel di Scansano: Il Troscione P iù conosco le realtà Maremmane, più mi rendo conto che alla base di queste eccellenze c’è un grande e incondizionato amore per la Maremma. La Maremma: una terra ruvida, spigolosa, distante e diffidente, un posto dove difficilmente hai la sensazione di essere capito e accettato, soprattutto se vieni da “fuori” ma allo stesso tempo, forse per 42 • Maremma Magazine • Luglio 2016 la sua stessa natura alquanto “chiusa”, ti conquista e ti convince che, malgrado tutto, ne vale la pena perché la natura, i colori, i profumi e la luce di questa terra sono assai rari... Ciò è successo anche a Fiorella Ciminaghi, del nord, di Milano, di quella Milano che lavora, che si ingegna, che ha una vena imprenditoriale innata. Un marito, adorato, tre figlie e otto nipoti che sono il suo orgoglio e la sua linfa, un sogno: lasciare un domani a loro, alle generazioni future un angolo prezioso, di terra incontaminata, pura, che è stata molto amata e curata. Incontro Fiorella per la seconda volta e mi sembra di conoscerla da sempre. La vedo per ripercorrere la sua storia “maremmana” iniziata nel 1996. re il nostro paradiso per le vacanze, dove riunirsi con figlie e nipoti”. Nel frattempo Fiorella continua la sua attività a Milano aprendo un negozio di lusso di cioccolatini e quando può torna in Maremma. Alla fine il destino fa il suo corso e nel 2005 Fiorella, con l’appoggio prezioso di suo marito Gianluigi Romano acquista Il Troscione, nel territorio del comune di Scansano. “Contrariamente alle previsioni ci siamo dedicati prima alla parte agricola, impiantando 1.000 olivi e recuperando i 260 che già c’erano, quindi abbiamo ripristinato l’ettaro di vigna che era stato interamente invaso dalla macchia e solo alla fine, quando anche il frantoio e la cantina erano già operativi, ci siamo dedicati alla casa. Nel 2012 nasce l’agriturismo”. Il sogno che si avvera… Fiorella si butta con tutta se stessa in questa nuova avventura in questo sogno che diventa realtà: è una persona tutta d’un pezzo: se decide di cambiare non gira pagina, non passa ad un altro capitolo, cambia libro direttamente! Ed è quello che fa, lasciando Milano e facendo della Maremma la sua prima casa. A Milano va per le figlie, per i nipoti ma poi torna sempre a “casa”. “All’inizio mio marito era perplesso ma non mi ha mai ostacolato, poi pian piano è stato conquistato ed oggi non solo mi sostiene e mi incoraggia, ma addirittura adora stare in Maremma, almeno quanto me; senza di lui non avrei mai potuto realizzare il mio sogno. Milano non è dietro l’angolo ma le mie figlie, Cinzia, Laura e Simona, mi vedo- Gli inizi “Avevo appena terminato la mia attività di pubblicitaria in un’agenzia da me fondata – esordisce Fiorella – e avevo voglia di staccare la spina per un po’. Decisi così di prendermi un anno sabbatico e arrivai a Polveraia, vicino a Scansano. Andavo al mare con la famiglia ad Ansedonia, e avevo il desiderio di trovare qualcosa all’interno che potesse esse- Fiorella Ciminaghi no felice e questo a loro basta”. Oggi Fiorella ha ottenuto grandi risultati grazie all’impegno, alla passione e ad un pizzico di follia che caratterizza qualunque iniziativa imprenditoriale di successo. L’olio L’azienda è articolata e merita di essere raccontata in tutte le sue diverse sfaccettature, a partire dall’olio, EVO, prodotto da 1260 piante divise tra Moraiolo Frantoio e Leccino. “Le tre varietà – sottolinea Fiorella – vengono spesso impiantate insieme perché l’apertura dei fiori è quasi contemporanea e si impollinano reciprocamente. Inoltre presentano anche una certa complementarietà nelle caratteristiche conferite all’olio prodotto: il moraiolo dà il corpo e la forza, nonché la longevità; il frantoio, l’eleganza, la leggerezza ed i profumi; il leccino, la costanza produttiva e… la quantità! Al Troscione la raccolta delle olive, viene fatta con ausiliatori meccanici (brucatura) dalle 1.260 piante e incomincia ai primi di ottobre per terminare non oltre i primi novembre. Poiché la frangitura avviene in parallelo alla brucatura delle olive, l’olio extra vergine, qui prodotto, ha una bassissima acidità (dalle analisi del 2015 il valore è pari allo 0,1%, quando per l’olio extra vergine il massimo è 0,8%) e un fruttato medio alto”. “Il frutto di tutto il nostro attento e serio lavoro – aggiunge Fiorella – produce un olio extra vergine d’oliva dal profumo intenso, dal sapore leggermente piccante con un retrogusto di carciofo. PRIMO PIANO • VIVI • 43 VIVI •••• Oggi Fiorella Ciminaghi ha ottenuto grandi risultati grazie all'impegno, alla passione e ad un pizzico di follia che caratterizza qualunque iniziativa imprenditoriale di successo Il nostro frantoio, a frangitura a freddo, ci permette di controllare anche questa delicata fase di produzione prima dell’imbottigliamento. L’olio de Il Troscione è stato giudicato dal canale Duty Free degli aeroporti italiani uno dei migliori olii toscani. È anni ormai che distribuiamo il nostro olio tramite il canale Duty Free: abbiamo studiato anche un packaging speciale adatto ai passeggeri”. Il vino Oltre all’olio, Il Troscione produce anche un ottimo vino proveniente da vitigni assolutamente autoctoni, in particolare il Sangiovese e il Ciliegiolo e l’Ansonica. L’ettaro di vigneto è dedicato alla produzione di due etichette Le Ghiandaie e Tellure. “Le Ghiandaie – spiega Fiorella – rappresenta un vino DOC di Maremma. La nostra vinificazione è strettamente legata alla tradizione scansanese, con macerazione di circa 10 giorni e 9/10 mesi di maturazione in tini d’acciaio. L’aria marina e un microclima favorevole, donano a questo vino un profumo intenso e persistente e un colore rosso rubino. 44 • Maremma Magazine • Luglio 2016 Tellure è un vecchio vitigno autoctono Ansonica, vino IGT di Maremma. La Vinificazione secondo l’antica tradizione di Scansano, l’aria marina e un microclima favorevole donano a questo vino un bouquet fresco e fiorito con un colore dorato che ricorda gli acini dell’uva bianca al calar del sole. È attraverso l’utilizzo di uve Ansonica in Purezza che viene realizzato l’Ansonica della Costa dell’Argentario”. Tutti i vini proposti dall’azienda sono vini biologici certificati e senza aggiunta di solfiti. Il mercato è di nicchia e principalmente straniero. Fiorella mi fa notare che un aiuto prezioso arriva anche dal loro enologo, Daniele Di Mambro, che asseconda progetti non convenzionali ma decisamente geniali. Le conserve e le confetture Ultime, ma non per importanza anche le Conserve e le Confetture che possono essere acquistate direttamente e online. E sono inoltre molto apprezzate dagli ospiti dell’agriturismo. Le certificazioni e l’orto sinergico A gennaio 2009 il Troscione ha ottenuto la certificazione ufficiale di “Azienda Biologica” dalla Società di certificazione CCPB. Dal 2010 la regione Toscana, ARSIA, ha nominato l’azienda “Contadino Custode”, consegnando semi di genoma in via di estinzione, quali: Cece rugoso di Maremma, Aglio Rosso di Scansano, Pomodoro liscio di Maremma. “Il nostro è un orto sinergico, è nato quattro anni fa e mi riempie di soddisfazione: vendiamo i prodotti localmente, prepariamo conserve che possiamo vendere anche online e ci permette di dare ai nostri ospiti prodotti sempre di stagione, sani, con un sapore deciso, genuino. L’unica cosa che lievemente mi disturba è il disordine, caratteristica imprescindibile di un orto sinergico, il suo aspetto decisamente ‘shabby’, non curato entra in netto contrasto con la mia mentalità ordinata, precisa, netta... d’altronde un orto che potrebbe soddisfarmi visivamente sarebbe in netto contrasto con quanto di naturale e incontaminato ho voluto realizzare”. L’agriturismo L’ agriturismo nasce nel 2012 con una formula alquanto rara: gli ospiti hanno a disposizione due camere, ciascuna con bagno, curatissime nello stes- so podere dove vive la famiglia padronale. Questo tipo di soluzione comporta che le persone che decidono di soggiornare a Il Troscione vivono le stesse identiche esperienze di che vive qui tutto l’anno. Condividono le parti comuni e, se desiderano, possono assaporare la prima colazione e la cena in casa. Chi soggiorna a Il Troscione non è un cliente: è un ospite. “È bello – evidenzia ancora Fiorella – cenare insieme agli ospiti, conoscersi, chiacchierare di fronte ad un buon bicchiere di vino... è come stare in famiglia con amici che arrivano da lontano: propongo quello che mangiamo noi: piatti sani, prodotti biologi, di stagione, locali; sapori ricchi e spiccati che solo i prodotti incontaminati possono offrire”. Gli occhi di Fiorella si illuminano parlando degli ospiti forse perché in loro scopre il risultato delle sue convinzioni, del suo lavoro e del suo costante impegno: vedere gli ospiti soddisfatti e increduli di fronte a tanta bellezza e bontà non ha pari. Accanto a Fiorella ci sono Angela, sua collaboratrice da sempre e Mirko che si occupa della parte agricola. Gli ultimi progetti Ma Fiorella, energica e piena di iniziative, non si accontenta ed intraprende altri due progetti, sempre legati ovviamente al Troscione, degni di nota: Wwoofers e Levolio. “Nel 2010 – racconta Fiorella – mi sono iscritta all’associazione WWOOF ITALIA (World Wide Opportunities Organic Farm) avendo deciso di condividere la mia entusiasmante esperienza dell’agricoltura e dell’agriturismo biologico, ospitando dei ragazzi e ragazze provenienti da tutto il mondo che desiderano fare dei ‘soggiorni lavoro’ in cambio di ospitalità, vivere insieme alla famiglia e agli ospiti in un continuo scambio reciproco di esperienze, culture e lingue. Negli anni hanno soggiornato ragazzi/e dalle Hawai, Singapore, Cina, Nuova Zelanda, Australia, da tutte le parti degli Stati Uniti, Inghilterra, Germania, Ungheria e molti altri paesi, lasciando delle conoscenze di realtà così lontane e vicine, ma spesso a noi sconosciute e portandosi via una piccola parte di cultura, lingua e cucina e amicizia italiana”. Levolio invece è l’ultimo nato dei progetti di Fiorella. Quattro signore (due milanesi e due locali) hanno deciso di “unire le forze” e di proporre un cofanetto con quattro confezioni di olii provenienti ciascuno da Castiglione della Pescaia, Vetulonia, Scansano e Pancole. Quattro olii con territorio, percorso, carattere completamente diversi. Al degustatore è offerta la possibilità di assaporare olii differenti compiendo, attraverso il gusto, un affascinante viaggio tra gli oliveti. Per maggiori informazioni www.levolio.com. Una scommessa vinta Il nostro incontro finisce qui, Fiorella ha un altro appuntamento, vorrei chiacchierare ancora un po’ ma capisco che ha da fare e che la sua mente sta già lavorando ad altre idee... altri progetti... altre soluzioni per assicurare che il suo angolo di paradiso resista alle minacce dei giorni nostri: l’inquinamento, lo sfruttamento inconsapevole della terra, la geotermia se fatta in maniera sconsiderata e tante altre. Fiorella, forte e caparbia, riuscirà nel suo intento: trasferire a chi verrà dopo non solo una realtà particolare e preziosa ma – di più – un progetto di vita. A lei lasciamo la chiosa finale. “Se 15 anni fa mi avessero detto che mi sarei sentita realizzata con mani sporche di terra, schiena curva sul frantoio, occhi a scrutare il fondo di una botte, mi sarei messa a ridere! Passare dalla caotica Milano e da una vita piena di impegni sociali e lavorativi alla quieta e placida Maremma è stato invece un sogno e un immenso privilegio. L’odore della terra e dei suoi frutti, la vista di impareggiabili albe e tramonti, il sapore di cibi naturali e biologici appena colti, l’ascolto del capriolo che si affaccia timidamente sul prato davanti a casa, sono sensazioni che tutti nella vita dovremmo provare e che mi ripagano della fatica e delle avversità che solo una terra ricca e difficile come la Maremma ti può dare. In ogni goccia d’olio, di vino, c’è tutta la gratitudine, la gioia, la riconoscenza e l’onore di poter vivere serenamente e attivamente in una terra ricca e difficile come la Maremma, ma soprattutto c’è la voglia di condividere con tutti questa esperienza bellissima”. Info: Il Troscione - 58054 Pancole Scansano GR - Tel/Fax: 0564 503306, Cell.: 335 5996502, e-mail: bioagricola@iltroscione.com, web: www.iltroscione.com PRIMO PIANO • VIVI • 45 SCOPRI SCOPRI C’È DA VEDERE | Perle e itinerari da scoprire in terra di Maremma Alla scoperta delle Porte del Parco Nazionale delle Colline Metallifere Nato nel 2002 per assicurare il recupero, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio ambientale, storico-culturale e geologico del territorio dei sette comuni minerari della provincia di Grosseto, il Parco Nazionale delle Colline Metallifere si è dotato di una serie di Porte, un sistema di servizi di accoglienza, informazione e attività culturali presente in ciascuno dei comuni che del Parco fanno parte – SECONDA E ULTIMA PARTE D opo aver parlato (nel numero scorso) delle Porte del Parco di Follonica, Gavorrano e Massa Marittima, completiamo il quadro illustrando quelle degli altri comuni: Monterotondo Marittimo, Montieri, Roccastrada e Scarlino. Le due Porte del Parco di Monterotondo Marittimo (“un viaggio nel cuore della terra”) sono situate una nel centro storico del paese e l’altra presso il Parco delle Biancane. La prima è in un caratteristico vicoletto a due passi dalla piazzetta del Comune. Al suo interno una mostra permanente di fotografie ricostruisce la storia della geotermia e i siti minerari più importanti del territorio del comune. Il punto di 46 • Maremma Magazine • Luglio 2016 informazione mette a disposizione dei visitatori una postazione internet, oltre alle pubblicazioni relative alle attrattive turistiche della zona. La seconda è un info-point situato all’inizio del percorso del Parco delle Biancane. Il Parco delle Biancane è una zona straordinaria per le manifestazioni geotermiche di superficie che ne hanno modificato l’habitat naturale, rendendo uniche le sue caratteristiche geologiche e climatiche. Questo luogo offre al visitatore un panorama misterioso e affascinante, dominato da colonne di vapore, lagoni in ebollizione, odore di zolfo creando un paesaggio unico e irripetibile. Caratteristico borgo medioevale, deriva il suo nome dalla forma pressoché conica del colle sul quale è situato. Terra di confine, il suo territorio segna il punto di intersezione di tre province ed è la sintesi di culture diverse. Rimangono alcuni imponenti ruderi della Rocca degli Alberti e altre testimonianze storiche come la Chiesa romanica di S. Croce, il Castello duecentesco di Cugnano e i Bagni del Re, immerse nella natura incontaminata della zona. Di notevole interesse sono anche le antiche Allumiere di Monte Leo. Le Biancane, per le sue peculiarità scientifiche è un geosito di rilevanza internazionale. Due i punti informativi anche a Montieri (“minatori da tremila anni”). Il primo è situato all’Ufficio Informazioni di Montieri. Il secondo presso il Teatro Comunale di Boccheggiano dove si tro- va il Centro di Documentazione delle Miniere che raccoglie materiali e testimonianze sull’attività mineraria del territorio che attualmente non è aperto al pubblico. Il territorio di Montieri fonda la sua storia sulla ricchezza dei suoi giacimenti di minerali a solfuri misti (rame, ferro, piombo e argento) la cui coltivazione ha profondamente modificato il paesaggio ancora oggi bellissimo di boschi, torrenti, miniere e fonderie. I castelli minerari di Montieri, Gerfalco, Boccheggiano e Travale, assolsero nel medioevo la grande funzione di organizzazione e controllo delle attività di produzione dei metalli le cui tracce sono ancora ben visibili nel territorio. Presso l’abitato di Montieri il Percorso geologico-minerario dell’Argento collega le più importanti tracce delle attività minerarie medievali e ottocentesche del territorio. Sempre nei pressi di Montieri si trova l’area archeologica della Canonica di San Niccolò: un imponente complesso religioso medievale comprensivo di una chiesa a sei absidi, unica in Italia, che trova puntuali riferimenti solo con strutture religiose di area Croata. Nel XVI secolo Vanoccio Biringuccio senese attesta l’esistenza di una fonderia per il ferro lungo il Fiume Merse da lui stesso gestita. Nel XVII Giovanni Arduino, grande geologo veneto, intraprende alcuni scavi minerari e fonderie per il rame e vetriolo presso un affluente del Merse. Boccheggiano ha difeso per più tempo e più di altri centri la sua vocazio- ne mineraria, continuando l’attività estrattiva del rame fino al secolo scorso, lasciando lungo il Fiume Merse, imponenti resti dell’attività di lavorazione del rame attraverso la lisciviazione e cementazione (cosiddetto metodo Conedera) ancora ben visibili: le Roste. Successivamente, dopo la fine dell’estrattiva del rame, si è cominciato ad estrarre la pirite in varie miniere tra cui la Miniera di Campiano, chiusa nel 1994. Nel territorio di Roccastrada (“terra di castelli e di “carbone”) la Porta del Parco si trova a Ribolla nel Centro Civico, primo piano in piazza della Libertà, che, oltre a ufficio di informazioni turistiche, mira ad essere centro di documentazione e raccolta del materiale sulle testimonianze mineraria di Ribolla e PRIMO PIANO • SCOPRI • 47 P SCOPRI •••• Una vera e propria rete di poli museali dove personale competente ed appassionato invita il visitatore a comprendere l’affascinante patrimonio geologico e minerario del Parco degli altri centri del territorio. Roccastrada sorge su una rupe di origine vulcanica. Nel circondario si trovano testimonianze di antichi scavi minerari (rame) probabilmente a partire dal periodo etrusco. Importanti lavorazioni minerarie antiche e medievali sono presenti nei pressi di Roccatederighi e Sassoforte. Lungo il torrente Farma nei pressi di Torniella ci sono ancora testimonianze di un sistema di ferriere. Di particolare importanza l’attività mineraria di lignite picea a partire dall’800 con la miniera di Ribolla, Montemassi e Casteani, quest’ultima nell’area compresa tra Gavorrano e Roccastrada. Il villaggio minerario di Ribolla nasce alla fine dell’800. Nel 1924 la miniera e il paese vengono acquistati dalla Montecatini. Qui vi è accaduta la più grande tragedia mineraria italiana del secondo dopoguerra quando il 4 maggio del 1954 morirono 43 minatori per una esplosione di gas grisou. A Scarlino (“l’interporto minerario”) le porte del Parco sono due: la prima è un infopoint presso il castello da dove è possibile ammirare il panorama di tutte le Colline Metallifere e la seconda il Museo di Portus Scabris (MAPS) presso il Puntone dove sono in mostra i risultati degli scavi archeologici subacquei presso il porto romano. Il Porto di Scarlino è stato da sempre un nodo di scambio per l’avvio dei minerali sulle rotte marittime e terrestri. Si distinguono due nodi fondamentali: Scarlino Scalo e Portiglioni. A Scarlino Scalo era situata la stazione di arrivo delle teleferiche provenienti dalle miniere di Gavorrano, Niccioleta e Boccheggiano e la stazione di partenza della teleferica per Portiglioni. Questo impianto entrò in funzione nel 1911 e fu ampliato in varie fasi fino al 1930. Tale sistema di trasporto a carichi sospesi e a funi metalliche raggiunse uno sviluppo totale di 45 km. Il Puntone era sede di una stazione di posta romana che costituiva l’anello di unione tra le fonderie del ferro proveniente dall’Elba, e Portus Scabris chiamato Portiglioni nel Medio Evo. Dal 1916 al 1921 furono costruiti dalla Montecatini un silos per lo stoccaggio della pirite e un impianto di carico e spedizione, che rimasero in funzione fino al 1977. La pirite veniva trasportata con una teleferica sulle navi per raggiungere tutta l’Europa. Questo sito, chiamato Terra Rossa, è uno dei siti di archeologia industriale più interessanti del Parco. 6. Museo di Arte Sacra - Tel. 0566 902289 - Mail info@coopcollinemetallifere.it 7. Museo Archeologico - Tel. 0566 902289 - Mail info@coopcollinemetallifere.it 8. Museo di Storia e Arte delle Miniere - Tel. +39 0566 902289 - Mail info@coopcollinemetallifere.it 9. Centro di Documentazione del Parco Niccioleta Archivio Storico Minerario - Tel 0566 902289 Mail portaparcominerario@comune.massamarittima.gr.it MONTEROTONDO M.MO 10. Vecchio Frantoio - Tel 0566 917039 - Mail portadelparco@comune.monterotondomarittimo.gr.it 11. Parco delle Biancane - Tel. 0566 917039 - Mail portadelparco@comune.monterotondomaritti- mo.gr.it MONTIERI 12. Teatro Comunale di Boccheggiano - Tel. 0566 997024 - Mail ufficioturisticomontieri1@gmail.com 13. Ufficio Informazioni Montieri - Tel. 0566 997024 Mail ufficioturisticomontieri1@gmail.com ROCCASTRADA 14. Centro Civico Ribolla - Tel. 0564 578033 Mail portaparcoribolla@virgilio.it SCARLINO 15. Maps Museo Archeologico di Portus Scabris - Tel. 0566 38552 - Mail portadelparco@virgilio.it 16. Castello di Scarlino - Tel. 0566 38552 - Mail portadelparco@virgilio.it 17. Terra Rossa Interporto Minerario - Tel. 0566 38552 - Mail portadelparco@virgilio.it Le Porte del Parco delle Colline Metallifere Mail unica info@parcocollinemetallifere.it FOLLONICA 1. Magma Museo delle Arti in Ghisa della Maremma - Tel. 0566 59027 - Mail info@magmafollonica.it GAVORRANO 2. Sede del Parco - Tel. 0566 844247 - Mail parcominerario@comune.gavorrano.gr.it 3. Museo Minerario in Galleria - Tel. 0566 846231 - Mail parcogavorrano@tiscali.it 4. Miniera Ravi Marchi - Tel. 0566 846231 - Mail parcogavorrano@tiscali.it MASSA MARITTIMA 5. Museo della Miniera - Tel. 0566 902289 - Mail info@coopcollinemetallifere.it 48 • Maremma Magazine • Luglio 2016 SCOPRI LA MAREMMA VISTA DAI MAREMMANS | Appunti di viaggio Quando in Maremma la Trebbiatura era sinonimo di festa! / The time when Threshing was synonymous with celebration in Maremma! TESTO DI GIUSEPPINA DETTI TRADUZIONE DI MICAELA CANDUCCI Era un passaggio importante dai grandi risvolti economici e sociali. Parliamo della Trebbiatura in Maremma, un’attività agraria, oggi sicuramente più facile e meno faticosa, ma un tempo assai coinvolgente e carica di pathos perché dal buon esito di essa e dal raccolto che ne derivava si basava l’economia di interi nuclei familiari 50 • Maremma Magazine • Luglio 2016 L e messi sono ormai dorate e pronte per essere tagliate per completare il ciclo naturale delle colture. I campi sono tutto un brulichio di trattori, rimorchi e mietitrebbie che raccolgono e trasportano il prezioso seme dopo un lungo anno di duro lavoro, e con il timore che il raccolto venisse rovinato dalle stagioni a volte pazze. Al tempo dei nostri nonni, quando ancora la tecnologia non era venuta in aiuto dell’uomo, si faceva tutto a mano, la segatura del grano con la falce, la legatura dei fasci di spighe, detti balzi, la loro riunione in cordelli, nell’attesa di essere mietuti dalla tribbia a fermo. La trebbia aveva il motore a scoppio alimentato a petrolio e veniva spostata da un podere all’altro trainata dai buoi. I balzi venivano portati nell’aia, depositati sul terreno con le spighe rivolte verso l’interno, in modo da formare un rettangolo, che con il sovrapporsi degli strati diventava un parallelepipedo, chiamato barcone. I barconi venivano poi tribbiati. Il raccolto era importantissimo: su di esso si basava l’economia di tutta la famiglia. Le donne aiutavano in ogni modo, con la falce e gli altri arnesi o portando le bevande, la colazione, il pranzo e la merenda, che venivano consumati direttamente nei campi. Il caldo era opprimente. L’ombra di una quercia, non posta a caso nel mezzo del campo, dava un po’ di sollievo. Il poeta Guelfo Civinini a proposito dei braccianti maremmani di qualche decennio fa dice: “un viso scarnito, color delle mele cotte certe mani secche che parevan di legno […] li rivedo ancora il dorso nudo, il cappello di paglia imbottito di foglie di quercia per meglio resistere al sole; le dita di una mano difese contro il pericolo della falce da involucri di canna, il como di bue appeso alla cintura, con dentro, immerso nell’acqua la pietra per arrotare”. Oggi è tutto più facile e meno faticoso, ma non meno emozionante: si raggiunge un obbiettivo, si chiude un cerchio… è quasi come portare a termine una gravidanza… dopo nove mesi di lavoro nella speranza di poter raccogliere il frumento ‘sano, tanto e bello’. Ogni anno in Maremma, in varie location, si rievoca la trebbiatura con feste e manifestazioni per mantenere viva la tradizione di quello che una volta era un duro lavoro sotto il sole cocente. E non mancano neanche le leggende legate alla trebbiatura e a Sant’Anna. Quando l’aia sprofondò… in Maremma c’era l’usanza che per PRIMO PIANO • SCOPRI • 51 SCOPRI •••• The Threshing used to be a significant time of the year with important economical and social consequences. An agricultural activity, easier and less labourious nowadays, that once used to be very engaging as the families economy depended on the harvest good results la festa di Sant’Anna si interrompessero i lavori di trebbiatura. Narra la leggenda che un contadino decise di lavorare anche nel giorno dedicato alla santa. Si dice che i cerchi concentrici tracciati dai buoi che calpestavano le spighe divennero un vortice che sprofondò inghiottendo l’aia e tutto quel che conteneva. Infine, la buca si riempì d’acqua. In Maremma si racconta di un luogo in cui sarebbe sprofondata l’aia: si udirebbe ancora il rumore degli zoccoli. C’è chi dice che la leggenda ebbe luogo nella zona di Orbetello, altri ritengono che sia invece, nei dintorni di Massa Marittima, il lago dell’Accesa. the spikes called “balzi” that clustered in “cordelli”, before they were threshed by the stable threshing machine. The machine had a spark-ignited internal combustion engine which worked on petroleum and was moved from farm to farm by oxen. The bundles of spikes or “balzi” were brought to the farmyard and placed on the ground in the shape of a rectangle with spikes pointing towards the inside. As the bundles were put on top of one another, that rectangle became a parallel pipe named a “barcone” at the end which all he bundles were then threshed. The harvest was enormously important as the family economy depended on it. Women helped in every conceivable way, using the sickle or any other tools, carrying beverages, breakfast, lunch and snacks, usually eaten in the fields. The heat was stifling but the oak trees, intentionally planted in the middle of fields, gave some relief under their shadow The poet Guelfo Civinini described the Maremma farm hands of all those decades, he writes: “Pinched faces the colour of cooked apples, dried hands that looked like wood [...] I still recall their naked backs, straw hats stuffed with oak leaves, making it easier to resist the heat of the sun; pieces of reeds protecting fingers against the dangers of the sickle, ox horns filled with water making it easier to sharpen the stones”. Nowadays everything is far less exhausting, however not less emotional when it comes to reaching the goal and closing the loop. It’s almost like the end of a pregnancy... after nine months of hard work the hope is that the corn harvest will be “healthy, beautiful and abundant”. Every year in Maremma, in different places, the threshing is recalled with celebrations and public performances so that the age old traditions and recollections of hard work under the burning sun are still kept alive. A legend is connected to the threshing and to Saint Anna. When the farm yard sank... in Maremma celebrations to Saint Anna interrupted the threshing work. The legend says that a farmer decided to work on the day consecrated to Saint Anna. It is told that the circle crops traced by oxen treading on the spikes, became a vortex which suddenly sank swallowing the farm yard and everything in it. In the end the hole was filled by water. It is said that where the farm yard sank you can still hear the sound of oxen hoofs. Someone says that the legend took place in the surround of Orbetello, some other believe it was near Massa Marittima, the Accesa Lake. Rubrica in collaborazione con l’associazione di promozione sociale Maremmans, nata nel 2013 con lo scopo di promuovere la Maremma Toscana, valorizzandone la cultura, l’arte, le tradizioni, l’ambiente, lo sviluppo sostenibile, lo sport, i prodotti, il turismo e le eccellenze del territorio attraverso i maggiori canali di comunicazione con particolare attenzione alle nuove tecnologie. CONTATTI: Blog: www.maremmans.it Mail: info@maremmans.it Facebook: Facebook.com/Maremmans Twitter: Twitter.com/Maremmans Instagram: Instagram.com/Maremmans **** The time when Threshing was synonymous with celebration in Maremma! It’s harvest time. The golden cornfields are ready to yield, finally completing their natural cycle. Everywhere tractors, trailers and threshing machines are gathering, harvesting the precious seeds after a long year of relentless hard work, and a fear that the crops could be ruined by unexpected bad weather. Back when our grandparents were young and technology was unavailable, men did everything with their own bare hands; reaping with a sickle, tying up 52 • Maremma Magazine • Luglio 2016 SCOPRI BRICIOLE DI STORIA | Fatti e avvenimenti della Maremma d’altri tempi Storie di misteri, maledizioni e jatture nella Sovana etrusco romana DI RICCARDO PIVIROTTO Magie, maledizioni, jatture, riti strani finalizzati a portare il male non sono pratiche solo dell’oggi, ma a quanto pare erano particolarmente in voga anche in epoche passate ed in particolare al tempo degli Etruschi e dei Romani. E pure qui da noi, nel cuore della Maremma Toscana. Come dimostra la “maledetta” storia d’amore tra Zertur e Velia… Gli studi dell’Ottocento sulla Maremma antica La Maremma è una terra singolare, ricca di emergenze archeologiche conosciute e da scoprire, che hanno influenzato noi e storicamente una nutrita cerchia di archeologi e studiosi che si affacciarono nel diciannovesimo secolo nella Maremma collinare. Tra questi il disegnatore inglese Samuel James Ainsley. Precursore di una schiera di artisti venuti in Italia per ammirare le nostre bellezze archeologiche e naturalistiche, egli si spinse nel 1843 all’interno dell’incontaminata e ignota necropoli etrusca di “Suana”, dove – illuminato dalla presenza storica dei monumenti funebri – eseguì nume- 54 • Maremma Magazine • Luglio 2016 rosi rilievi artistici delle tombe monumentali, descrivendo minuziosamente la Tomba Pola, la Tomba del Tifone e la Tomba della Sirena, nominata all’epoca “Tomba della Fontana”. La passione che lo contraddistinse portò ad aprire la strada a molti ricercatori archeologi, compreso il suo amico George Dennis, il quale fornì indizi utili sui monumenti etruschi, attentamente descritti nell’opera “The cities and ceneteries of Etruria”, dedicando un intero capitolo a Sovana. Destato l’interesse per il bene archeologico, la Società Colombaria di Firenze intraprese numerose ricerche tra il 1858 e il 1861; alcune delle attività di scavo furono in parte finanziate attra- verso la vendita di antichi oggetti al museo archeologico di Firenze, come attestato da una relazione conservata presso l’archivio storico della Soprintendenza, altre, si evidenziarono per gli accurati rilievi archeologici. Alla fine dell’Ottocento molte altre attività archeologiche furono condotte nel territorio tra Pitigliano e Sovana. Il materiale recuperato fu in parte disperso, e di quanto pervenne al museo archeologico di Firenze e di Grosseto, non ebbe indicato le necessarie notizie per un essenziale studio. Particolarmente interessato alla civiltà etrusca, fu il pittore orvietano Riccardo Mancinelli. Archeologo dilettante, intraprese attività di un certo rilievo, in il modesto antiquario soprannominato “il Celle”, il quale per diversi anni in Pitigliano organizzò una piccola rete commerciale, ricercando e vendendo oggetti pervenuti da scavi clandestini operati nella Sovana Etrusca. L’agnosticismo e la scarsa sorveglianza delle autorità preposte favorirono in seguito la continua depredazione del patrimonio storico e archeologico, privando il mondo scientifico d’importanti rinvenimenti, e forse consentì agli studiosi di esternare tesi giustificative alle proprie ricerche. La confusione fu tale che per oltre un ventennio, numerose attività irregolari furono condotte a Sovana. Le scoperte fortuite, associate alla fervida opera clandestina, generarono un tale disordine che diversi manufatti non furono censiti in modo corretto e molto spesso accompagnati da notizie discordanti, in alcuni casi, per suscitare interesse e per dare maggior rarità al bene archeologico, si commisero degli errori. Due misteriose statuine di piombo Nel rinvenimento degli antichi manufatti Suanenses, oltre varie suppellettili, s’inventariarono numerose “figurette” in ceramica e una serie di statuine votive in bronzo, ma soprattutto vennero acquisite due statuine di piombo, donate dalla Società Colombaria di Firenze al Museo Archeologico di Fiesole nel 1878, anno della sua costituzione. Dopo molti anni tornano nel nostro territorio, forse definitivamente, accolte in una teca all’interno del Museo di San Mamiliano in Sovana, grazie alla collaborazione con la Soprintendenza della Toscana, l’impegno culturale di Marco De Marco, Conservatore dei Musei di Fiesole e da Lara Arcangeli responsabile del servizio cultura e turismo del Comune di Sorano e responsabile scientifico del parco archeologico della Città del Tufo. L’affascinante storia delle due statuine ebbe origine dal rinvenimento, fatto da un contadino, presso la necropoli etrusca di Pitigliano, posta alla sinistra del torrente Meleta in Valle Roveta (Valle Rodeta), prelevandole dall’interno di una tomba a camera già esplorata in precedenza. Nella speranza di ricavarne un profitto le affidò al sacerdote Nella foto Sovana; a destra le due statuine plumbee (2016) quelli che saranno poi definiti scavisaccheggio. Dal 1927 l’archeologo senese Ranuccio Bianchi Bandinelli si occupò dei sepolcreti presenti presso le cittadine di Sovana e Sorano, segnalando alla Soprintendenza le numerose profanazioni clandestine con la conseguente vendita delle suppellettili al mercato antiquario. Le sensazionali scoperte che seguirono arricchirono l’immaginario collettivo, suggestionando anche le coscienze degli studiosi, tanto che non furono immuni e partecipi del fascino. Attratti dall’interesse commerciale, sempre più crescente attorno agli oggetti antichi, alcuni personaggi del luogo si accinsero al traffico clandestino, come PRIMO PIANO • SCOPRI • 55 SCOPRI •••• Tantissimi gli esempi e le forme di magia e riti apotropaici adottati nel periodo grecoromano per allontanare il malocchio o indirizzarlo ad altre persone… Nella foto Sovana, Sala espositiva del Museo di San Mamiliano; sotto le due statuine nell’anno del loro rinvenimento (1929) di Pitigliano, Don Nicomede Segnini. A rivelarci l’episodio fu il regio ispettore per le Antichità, Evandro Baldini, affermando che le due statuine di piombo (foto A) furono acquistate nel 1908 dal Museo Topografico dell’Etruria di Firenze, ed erroneamente dichiarate come provenienti da Sovana (Cfr. E. Baldini, Sovana, la sua storia e i suoi monumenti, 1955). Oggi l’argomento appare controverso, nell’affermare l’esatta ubicazione delle statuine plumbee, e dopo molti anni, misteriosamente mutili della gamba sinistra (foto B), ricompaiono in tutto il loro valore storico rituale. Dalla monografia “Sovana” del 1929 a cura di R. B. Bandinelli, al Cap. IV p. 56 • Maremma Magazine • Luglio 2016 127, nelle accluse foto in bianco e nero, ambedue sono verosimilmente intatte. Nonostante tutto risolviamo il mistero della provenienza ma non quello sulla loro integrità, sulla quale non vorremmo soffermarci oltre e ci concentriamo sulla loro singolare rappresentazione plastica (Cfr. E. Pellegrini, Gli Etruschi di Pitigliano, 2005). Le due rappresentative figure, realizzate nude con le mani legate sul dorso del corpo, hanno inciso l’iscrizione onomastica in entrambe le gambe destre: nel personaggio maschile ZERTUR CECNAS (CIE, 5234), e in quella femminile di VELIA SATNEA (CIE, 5235), che presenta nel nome, chiare affinità morfologiche in alcune iscrizioni gentilizie presenti nel territorio Vulsiniese (Cfr. M. Morandi, Prosopographia etrusca – 1 Etruria Meridionale, 2005). Datate III Secolo a. C. con confronti di epoca greco-romana, lasciano presumere l’appartenenza a un rituale magico. Il significato dei due nudi personaggi cambia in virtù della situazione cultuale e del periodo della loro supposta appartenenza cronologica. Considerato l’effettivo luogo del ritrovamento e i rarissimi raffronti a oggi conosciuti si possono senz’altro attribuire al tardo periodo Etrusco-Romano, attraverso l’analisi figurativa e lo stile dell’iscrizione riportata in ambedue sulla gamba destra. Il senso della postura dà spazio a una probabile ipotesi della maledizione “Katadesmos” (che deriva dal verbo defigere che significa inchiodare cioè legare i propri nemici a un terribile destino) che avrebbe colpito i due personaggi, probabilmente due amanti o forse due personaggi indesiderati per aver causato malanni cui si auspicano terribili jatture. Zertur e Velia attratti dalla reciproca passione vanno oltre il lecito postulato religioso, l’amore, forse negato, raggiunge e afferra quel desiderio proibito e tanto sospirato. La magia e la maledizione: una pratica antica Le statuine dei due amanti maledetti dimostrano come il sentimento della natura umana va oltre l’eterna maledizione, apprestandosi a divenire immortali, soltanto per aver amato. Le forme di magia e riti apotropaici furono adottate nel periodo greco-romano per allontanare il malocchio o indirizzarlo ad altre persone. L’opera “L’asino d’oro” di Apuleio, in altre parole “Le metamorfosi”, era basato sulla varietà di episodi che hanno avuto un collegamento diretto con la magia. Affidare al piombo, minerale duttile, i sortilegi, o meglio terribili sciagure, era cosa comune anche nella Roma imperiale. La recente scoperta fatta dalla dottoressa Piranomonte sulla lamina di piombo a nome di “Antonius”, al quale furono affidate le Defixiones, reca inciso il sortilegio: “Strappate l’occhio destro e sinistro dell’arbitro Sura, qui natus est de vulva maledicta”. Il termine greco “katadesmos” tradotto in latino “defixiones” è impiegato dagli epigrafisti per indicare le lamine di piombo forate da chiodi con iscrizioni di maledizioni a carattere privato, da utilizzare contro chi si appresta a compiere un crimine o chi l’ha già commesso. La figurina impastata di miele, acqua e farina, introdotta a testa in giù in un cofanetto di piombo fu ritrovata intatta nei sedimenti archeologici dell’antica fonte romana cosiddetta di “Anna Perenna”, grazie alla triplice sigillatura dei contenitori presenta su tutto il corpo lettere e simboli magici. L’equipe di archeologi composta di italiani, americani e tedeschi, oltre al singolare rinvenimento, recuperarono anche una serie di oggetti di varia forma, classificati come testimonianze di riti magici, praticati dal popolo romano soprattutto nel mese di marzo, in occasione dell’inizio anno. I ritrovamenti delle lamine presso santuari di divinità infere, pozzi, sorgenti e soprattutto vicino o all’interno dei sepolcri di persone morte prematuramente o in circostanze violente, fanno ritenere che le anime dei defunti avrebbero nuociuto alle persone nemiche. Rivolte ad avversari in amore, rivali in campo sportivo, giudiziario e soprattutto ai ladri e malfattori, le maledizioni potevano colpire anche un singolo individuo o parti del corpo come: la lingua, gli organi genitali, gli arti ecc. Nella preparazione delle defixiones, per assicurarsi l’efficacia della maledizione, si faceva riferimento a dei “professionisti” che dietro compenso, seguendo delle particolari norme, avrebbero scritto essi stessi i testi. Le figurine antropomorfe erano riprodotte da un mago o maga con le fattezze delle vittime e poi probabilmente sigillate all’interno dei contenitori sui quali era incisa la maledizione procurata. Frequentemente il manufatto da maledire era sepolto nel terreno assieme ad altri particolari oggetti, i quali servivano ad aumentare la loro efficacia. Curiose e singolari sono alcune figure di “bamboline” raffiguranti il destinatario della maledizione, spesso venivano rappresentate con le mani legate dietro la schiena e il corpo trafitto da chiodi. Alcuni esempi di defixiones con testi e relativa traduzione, si trovano incisi su una lamina di piombo rinvenuta a Morgantina (Sicilia) presso il santuario delle divinità infere, databile nel I sec. a. C. Il contenuto del testo è reso evidente nella maledizione rivolta alle divinità degli inferi “Gea, Ermete, degli inferi, accogliete Venusta (figlia) di Rufo, la schiava” accolgano Venusta (la destinataria della defixio), e la facciano morire. Altra lamina plumbea rinvenuta ad Atene, in una tomba del famoso quartiere “del Ceramico”, databile alla seconda metà del V Sec. a.C., riporta in questo caso il testo greco con relativa traduzione: “Lysanias, soffiatore della zecca, lui e la moglie e le sostanze e ciò che lavora e le mani e piedi e mente, testa, naso... della sacra terra”. L’oggetto della maledizione oltre all’operaio della zecca ateniese, il quale “soffiava” sul fuoco che ardeva sotto i crogiuoli, veniva associata anche la moglie alle sostanze da ardere. Infine, tra i demoni più invocati per i sortilegi compare Abraxas (secondo alcuni studiosi da lui deriverebbe la formula magica “abracadabra”), raffigurato con la testa di un gallo e il corpo di un uomo con parte inferiore composta di due serpenti. Come abbiamo visto l’arte magica della maledizione è affidata ad oggetti plumbei sin dal VII secolo a. C., trovando contemporaneità in un inevitabile legame con la religione Afro Americana del “Vodù”, nata a cavallo tra il XVI e il XVII secolo e che letteralmente significa “spirito”, “divinità” ed è ancora oggi praticata. SCOPRI PERSONAGGI | Figure del passato da ricordare Paolo Galeazzi, per quarant’anni il Vescovo di Grosseto Uomo dalla fortissima personalità e dal grande carisma, il vescovo Mons. Paolo Galeazzi, alla guida della Diocesi di Grosseto dal 1932 al 1971, ha lasciato segni significativi della sua presenza sul territorio. A lui tra l’altro è stata intitolata la piazza di fronte alla Basilica del Sacro Cuore che egli fece costruire in onore delle vittime del bombardamento del 26 aprile 1943 DI ROSSANO MARZOCCHI È la storia di un vero personaggio della Maremma, quella di Paolo Galeazzi, perché non è la storia di una persona qualunque, quanto piuttosto il cammino di un uomo che ha fatto una scelta di vita. E l’ha fatta in uno dei periodi più difficili e impegnativi del secolo scorso: a cavallo della Seconda Guerra Mondiale, in mezzo alla precarietà e alle difficoltà per la sopravvivenza delle genti di Maremma. Ma c’è di più, uomo dalla fortissima personalità e da un carisma affascinante, pur non essendo maremmano, Paolo Galeazzi si è subito innamorato di questa terra ed ha dichiarato che il suo cuore sarebbe restato per sempre qui, in mezzo a questa gente, fisicamente, per sempre. Nato a San Gemini, in provincia di Terni, nel 1885, Galeazzi viene nominato Vescovo nel 1932; giunge alla diocesi di Grosseto l’anno dopo e, nel pontificale d’ingresso, dice ai fedeli: “Se vi domandassero che cosa vi ha portato il nuovo Vescovo, rispondete: Il cuore. E se vi domandassero che cosa vi ha detto, rispondete: Che ci ama e ci amerà sempre”. Il primo pensiero va ai giovani, a quei giovani che intendono donare la loro vita a Cristo. È per questo che la prima opera che fa costruire è un’imponente e decorosa sede per il Seminario diocesano, in via Ferrucci, che può già accogliere i seminaristi già nel 1935. Nella prima riunione del clero il novello vescovo, fa presente il paradosso che Grosseto, capoluogo di provincia e città dal 1138, abbia una sola parrocchia, quella della Cattedrale. Avvalendosi dell’ingegner Ernesto Ganelli come progettista, Galeazzi comincia a costruire chiese, e canoniche ad un ritmo impressionante, tanto che viene definito il vescovo muratore. Portano il suo stemma “Galea salutis” le chiese di San Giuseppe, Marina di Grosseto, Marrucheti, Albinia, Bagno di Gavorrano, Pian d’Alma, Polverosa, Arcille, Torba, Neghelli a Orbetello, San Donato, il Cottolengo, il Sacro Cuore in onore delle vittime del bombardamento aereo del ’43 e mette la prima pietra per quella di Santa Lucia in Barbanella e ai Poggi del Sasso nel comune di Cinigia- Mons. Paolo Galeazzi PRIMO PIANO • SCOPRI • 59 SCOPRI •••• Un vero personaggio, un uomo capace di segnare un periodo intenso e difficile della nostra terra, lasciando il proprio cuore a Grosseto no. Come uno stratega consumato egli piazza in largo anticipo i suoi presidi e posti avanzati nei punti più nevralgici, bucando con i suoi occhi lungimiranti l’avvenire urbanistico della città e dei paesi della diocesi. L’attenzione del Vescovo si rivolge nel frattempo ai lavoratori più umili, minatori, contadini e, braccianti, per i quali chiede diritti e giustizia sociale e il rispetto del riposo domenicale. Durante la Guerra il prefetto gli chiede le campane per ricavarne materiale bellico, ma Galeazzi forte della sua classe e del suo acume, elegantemente gliele rifiuta. In quel periodo resta vicino alla gente di Grosseto e nel 1943, quando l’aviazione americana compie il tragicamente noto “bombardamento di Pasquetta”, lui si precipita sul luogo della tragedia, conforta i feriti e sigilla nel segno della croce l’ultimo sospiro o voce dei moribondi, benedice i morti. Muoiono più di cento persone, in gran parte donne e bambini che, in quel giorno di festa e di 60 • Maremma Magazine • Luglio 2016 Nalla foto, la consacrazione della Cripta del Sacro Cuore; in basso a sin. un momento della consacrazione della Basilica del Sacro Cuore; a destra la posa della prima pietra della Chiesa di Poggi del Ssso sole, speravano di trascorrere qualche ora di svago alle giostre allestite in piazza De Maria. Di fronte a quel campo di sangue, Galeazzi promette ai morenti di ricordarli, oltre che presso Dio, anche presso gli uomini, con un’opera degna del loro sacrificio. E così sarà, qualche anno più tardi, con la costruzione della basilica del Sacro Cuore e della cripta sottostante, in cui Galeazzi fa incidere i nomi di tutte le vittime di quel giorno. Ma non solo, Galeazzi prende anche un altro impegno, che intende onorare con la sua morte: quello di riposare in eterno insieme a quelle anime. Dopo la guerra, segue con partecipazione e sostegno lo sviluppo di Nomadelfia e don Zeno che è stato il fondatore, riorganizza l’Azione Cattolica e le altre istituzioni per l’elevazione morale e spirituale dei fedeli, favorisce le colonie estive al mare e in montagna, ingrandendo, a tale scopo, i locali della villa del Seminario a Roccatederighi, che, risorta a nuova vita, ospita d’estate numerosi bambini della diocesi. Ma il tempo a sua disposizione su questa terra sta per terminare. È il giorno dei festeggiamenti di San Lorenzo, titolare della cattedrale e patrono di Grosseto. Galeazzi, che da un po’ di tempo si è ritirato per gravi problemi di salute a Marina di Grosseto, ha incaricato negli ultimi anni il preposto del capitolo della cattedrale, Astutillo Pellegrini, per solennizzare i festeggiamenti patronali, per anni caduti nell’oblio. Pellegrini prende contatti con l’allora presidente della proloco di Grosseto il dottor Antonio Nepi che aderisce alla proposta coinvolgendo la sua associazione e donando alla diocesi un artistico carroccio, per portare degnamente in processione la statua del Santo, fino ad allora trasportata su un camion. Nel giorno del Santo, Galeazzi muore: è il 10 agosto 1971. Dopo le solenni esequie in cattedrale, la salma viene trasportata al Cimitero della Misericordia in Grosseto. Ma la promessa che il vescovo aveva fatto ai morenti della Pasquetta del ’43 non verrà smentita, perché il corpo di Galeazzi viene definitivamente posto nella cripta della basilica del Sacro Cuore, in mezzo alle lapidi commemorative delle vittime dell’eccidio e nel cuore della Maremma. SCOPRI L’ANGOLO DEL LIBRO| La Maremma in libreria “L’aloe - dall’empirismo alle nuove conferme scientifiche”, in un libro i segreti di una pianta starordinaria In occasione dell’ultimo convegno sul tema “La medicina integrata” organizzato presso l’Hotel Granduca di Grosseto dall’A.M.A. – Associazione Maremmana Amici Aloe è stato presentato il libro dal titolo “L’aloe – dall’empirismo alle nuove conferme scientifiche” appena pubblicato per i tipi di Innocenti Editore, che raccoglie le esperienze, le osservazioni e gli esiti delle ricerche svolte in questi ultimi anni sull’aloe e sulle sue proprietà D iciotto anni di vita, trentotto conferenze organizzate, dieci ricerche biochimiche e biomediche realizzate con Università e laboratori di analisi e ricerca, due libri pubblicati: questo il lusinghiero bilancio dell’Associazione Amici Aloe di Grosseto il cui obiettivo primario è quello di approfondire e divulgare le conoscenze delle proprietà benefiche dell’àloe. Le numerose conferenze organizzate hanno avuto come relatori nomi di spicco della medicina nazionale ed i temi hanno spaziato dalla sana e corretta alimentazione alla fitoterapia, dall’omeopatia alla medicina allopatica ed alle 62 • Maremma Magazine • Luglio 2016 terapie complementari, dall’oncologia ai benefici della semplice ma sistematica attività fisica. Oggi si parla finalmente di “Medicina Integrata”. Ebbene, la medicina integrata è l’insieme di tutti quei presidi che, insieme a quelli farmacologici, concorrono al nostro benessere, e non solo fisico; anzi, sarebbe giusto dire che quello fisico è la logica conseguenza di un benessere ben più ampio e profondo che trova origine nell’equilibrio psico-fisico della persona e nella sua capacità di gestire situazioni di stress. Ecco allora che “gioire” per la bellezza di un sentimento, per un’opera d’arte, per l’ascolto di buona musica, per una bella giornata di vacanza, rappresenta nutrimento per lo spirito e terapia insieme. Se a questo aggiungiamo una sana ed equilibrata alimentazione e un po’ di attività fisica, il gioco è fatto. Ma se non basta, ecco venire in aiuto fitoterapia, omeopatia, agopuntura, ecc. che, in sinergia con la medicina allopatica, danno vita alla “medicina integrata”. E proprio “La medicina integrata” è stato il tema dell’ultimo convegno organizzato dall’Ass.ne A.M.A. il 30 aprile scorso presso l’Hotel Granduca di Grosseto. Un bell’evento che ha registrato l’apprezzamento del numeroso pubblico Nella foto il presidente dell’AMA, Associazione Maremmana Amici dell’Aloe, Giuseppe Favilli presente (oltre 250 persone) e che ha avuto come relatori la Prof.ssa Anna Maria Bassi, Ricercatrice, Direttrice del Laboratorio di Medicina Sperimentale, Analisi e Ricerca di Fisiopatologia dell’Università degli Studi di Genova che ha relazionato sugli esiti delle ricerche svolte in questi anni sulle proprietà dell’aloe per incarico dell’Ass.ne A.M.A. e, in particolare, l’ultimo lavoro circa gli importanti effetti dell’aloe sul sistema immunitario con particolare riguardo ai linfociti B, linfociti T e cellule Natural-Killer. Relatore centrale del convegno è stato il Dott. Franco Cracolici, Direttore della Scuola Italiana di Agopuntura di Firenze, agopuntore tutor al Centro di Medicina Integrata presso l’Ospedale di Pitigliano e di Grosseto, il cui intervento ha voluto evidenziare l’importanza della Medicina Integrata, il significato del “curare” e la storia della medicina che “corre parallela alla storia stessa dell’uomo”. “L’arte dell’ascolto” è stato il titolo dell’intervento del Maestro Fabio Pianigiani, compositore, musicoterapeuta, docente presso l’Università di Siena, il quale ha curato gli intermezzi musicaliemozionali tra la prima e la seconda parte del Convegno. Nell’occasione è stato presentato il libro realizzato dall’Associazione AMA dal titolo: “L’aloe – dall’empirismo alle nuove conferme scientifiche” appena pubblicato per i tipi di Innocenti Editore, che raccoglie le esperienze, le osservazioni e gli esiti delle ricerche svolte in questi ultimi anni sull’aloe e sulle sue proprietà. Significativo, sotto il profilo della natura e della mission dell’Associazione, è quanto scritto dal presidente dell’Associazione AMA Giuseppe Favilli nella “Introduzione” del volume. “A distanza di alcuni anni dalla pubblicazione del primo libro “L’Aloe – dall’empirismo alle conferme scientifiche” – sottolinea Favilli –, l’Associazione Maremmana Amici Aloe, in collaborazione con le associazioni consorelle del Magentino (MI) e di Cortemilia-Masio (AT), ha portato avanti il programma di ricerca sulle proprietà dell’àloe, conformemente ai principi statutari, arricchendosi in questi anni di un bagaglio di esperienze e di studi molto significativi e importanti per la validazione scientifica di tali proprietà. Nella prima pubblicazione abbiamo riportato importanti esperienze, alcune delle quali, tra l’altro, uniche nel loro genere e sicuramente mai condotte da altri, come la valutazione dello stress ossidativo cellulare in seguito e in dipendenza dell’assunzione del preparato di aloe. Tuttora, a distanza di molti anni, quella osservazione rimane valida ed esemplificativa delle fantastiche proprietà antiossidanti dell’aloe. Anzi, oggi ancora di più, ora che la comunità scientifica sta valorizzando sempre più verso l’importanza, per mantenersi in buono stato di salute, di stili di vita corretti, di una alimentazione equilibrata e sana, di un buon equilibrio ossidativo del nostro organismo e di un sistema immunitario sempre perfettamente efficiente. In altri termini “una vita senza stress”, di ogni tipo. Infatti qualunque tipo di stress (anche quello alimentare) rappresenta un insulto al nostro organismo che induce ad una iperproduzione di radicali liberi dell’ossigeno i quali vanno a danneggiare irrimediabilmente le nostre cellule, i nostri tessuti e i nostri organi. E riguardo al sistema immunitario è utile ricordare che la scienza mira sempre più a riconoscerne l’importanza non solo nel prevenire le malattie di qualunque tipo ma addirittura per curarle. Non a caso la nuova frontiera in ambito oncologico, dopo la chirurgia, la chemioterapia e la radioterapia, sembra essere proprio la “immunoterapia”, metodo che, grazie agli studi ed alle recenti scoperte di ricercatori italiani ed alle sperimentazioni in corso, sta riscuotendo grande interesse a livello mondiale. Dunque si potrebbe dire che un sistema immunitario perfettamente efficiente è garanzia di salute ed è in questo senso che l’Associazione ha indirizzato in questi anni tutti i propri sforzi di ricerca; per sapere e capire, cioè, se, in che misura e che tipo di azione l’aloe può svolgere sul sistema immunitario. Non che mancassero studi sull’argomento, però le esperienze e le ricerche condotte da noi in questi anni hanno una loro unicità e si sono rivelate veramente importanti, al punto che i ricercatori che hanno lavorato per noi a questi studi hanno giudicato i risultati meritevoli di essere pubblicati sulle più importanti riviste scientifiche, e si adopereranno affinchè ciò avvenga, al fine di dare un significativo contributo alla ricerca. In questo volume – conclude Favilli – abbiamo raccolto la documentazione relativa ad esperienze e studi svolti in questi anni nella speranza che possano essere di supporto ai nostri associati ed alle persone comunque interessate ad ottenere importanti benefici per la salute mediante l’utilizzo dell’aloe”. PRIMO PIANO • SCOPRI • 63 SCOPRI L’ANGOLO DEL LIBRO| La Maremma in libreria “Grosseto. Architetture e paesaggio”, in un libro la storia e l’urbanistica della città Uno studio aggiornato sulla storia della città di Grosseto e del suo territorio che cerca di dimostrarne la ricchezza e l’importanza con l’apporto di diversi contributi. C’è questo e molto di più nel libro “Grosseto. Architetture e paesaggio”, edito da Effigi in collaborazione con il Comune, recentemente presentato a Grosseto S i intitola “Grosseto. Architetture e paesaggio” ed è il libro a cura di Vanessa Mazzini, edito da Effigi in collaborazione con il Comune, che ripercorre la storia e l’urbanistica della città maremmana. Il volume è stato presentato il 10 giugno alle Clarisse Arte in via Vinzaglio a Grosseto alla presenza del vice sindaco Paolo Borghi per i saluti istituzionali, dell’editore Mario Papalini e degli autori Riccardo Belcari, Olivia Bruschettini, Roberto Farinelli, Vanessa Mazzini, Mauro Papa e Pietro Pettini. Nella veste di moderatore Emilio Guariglia, capo servizio de Il Tirreno di Grosseto. Il volume è uno studio aggiornato sulla storia della città di Grosseto e del suo territorio che cerca di dimostrarne la ricchezza e l’importanza con l’apporto di diversi contributi: una nuova ricostruzione storica del duomo di Grosseto, in rapporto alla pianificazione urbana della città; il percorso di realizzazione del circuito murario, con il passaggio dalla funzione militare a quella di spazio pubblico aperto, le trasformazioni, le demolizioni avvenute tra le due guerre, i bombardamenti subiti e la crescita urbana troppo spesso a ridosso delle mura. La storia dei nostri monumenti si realizza insieme alla loro tutela a partire dalla metà dell’Ottocento e all’attività di censimento e catalogazione dei beni culturali; di questo e della nascita della Soprintendenza per le province di Siena e Grosseto si parla in alcuni capitoli del libro. E poi, ancora, la presenza nella cattedrale di S. Lorenzo, a partire del XIII secolo, di elementi figurativi ani- 64 • Maremma Magazine • Luglio 2016 mali e vegetali riconducibili all’ambiente naturale e paesaggistico grossetano; il fenomeno del Gran tour che si sviluppa in Europa e interessa anche il nostro territorio tra Settecento e Novecento e il viaggio pittorico nelle maremme toscane dello svizzero Charles Muller nel 1832. A seguire, un saggio che descrive il mutamento degli sguardi significativi sul nostro paesaggio in pittura dai macchiaioli ai neorealisti, alla propaganda modernista del fascismo. Il libro si conclude con la storia dello sviluppo balneare della costa grossetana: l’affermarsi del mare come bene di consumo nel periodo tra le due guerre, l’espansione edilizia tendente alla saturazione degli spazi e il passaggio dal legno e dagli chalet al cemento e agli edifici in mura- tura. “Questa fatica editoriale, fortemente voluta e curata dall’architetto Vanessa Mazzini – afferma Mario Papalini – costituisce un originale baluardo per il futuro stesso della ricerca scientifica sul territorio, rimarcando quanto ancora si può e si deve fare e quanto sia necessario il “lavoro culturale” alla vita affettiva della comunità”. Grosseto Architetture e paesaggio «Ci avvicinavamo ora alla città… e il paesaggio assumeva a poco a poco un aspetto più gradevole, se mi è permesso dirlo, più civilizzato. Certo, anche qui gli ampi pascoli, i rari campi di cereali, la mancanza di abitazioni e gli ulivi abbandonati facevano pensare al terribile dominio delle esalazioni mortali, ma il suolo è verde e fiorito, la strada costeggiata da entrambi i lati da alberi, che splendono nel pieno rigoglio del primo fogliame primaverile. Presto emergono dalla pianura i bastioni della città, coperti di viali trasformati in passeggiate. Costava fatica immaginarsi che questo luogo ameno, come adagiato in un verde fresco, fosse uno dei più malfamati della penisola. Quasi tutti i forestieri si fanno un’idea sbagliata dai bassipiani paludosi e malsani delle coste mediterranee. Abitualmente si aspettano di trovare un deserto interrotto solo dalle plumbee acque delle paludi, e si stupiscono non poco dei prati ridenti e fioriti che si alternano al bosco e sottobosco, sui quali l’occhio si riposa così volentieri…». Otto Speyer (1848) GUSTA GUSTA VINO E DINTORNI | Notizie varie dal mondo del vino e non solo Camera di commercio, strumenti concreti per le imprese nella “sfida della qualità” In un mercato sempre più globalizzato, complesso e difficile, la differenza ai fini della competitività delle imprese può farla sicuramente la certificazione di qualità per la quale un ruolo importante viene oggi ad assumere la Camera di Commercio di Grosseto che ha attivato il “Servizio per la Qualità e la Qualificazione delle filiere del Made in Italy” proprio con lo scopo di affiancare le imprese e promuovere le certificazioni. L a risposta del mercato dimostra che la certificazione di qualità è l’unico modo di farsi riconoscere nel mercato ed essere competitivi. Sono infatti la qualità e l’originalità che hanno permesso al Made in Italy di rappresentare un modello vincente e riconosciuto a livello internazionale. Tuttavia spesso per le singole imprese, soprattutto le piccole e medie, intraprendere un percorso di qualificazione è troppo complesso ed oneroso, con il risultato che interi comparti d’eccellenza delle nostre produzioni risultano tagliati fuori dalla vetrina di qualità del Made in Italy e dai mercati internazionali. Le Camere di Commercio hanno un ruolo fondamentale nel costruire e offri- re strumenti semplici e accessibili in grado di supportare le imprese nel loro sforzo di riposizionamento competitivo sul mercato. Per questo motivo le Camere hanno messo in campo diverse iniziative per meglio qualificare e rendere distintive le eccellenze italiane utilizzando la leva competitiva della certificazione come stru- Nella foto un momento della cerimonia di consegna degli attestati alle 15 imprese maremmane, ricettive e della ristorazione, che hanno ottenuto il riconoscimento del Marchio Ospitalità Italiana 66 • Maremma Magazine • Luglio 2016 mento per migliorare, valorizzare e differenziare prodotti, servizi e competenze. Gli schemi di qualificazione Cosa sono gli schemi di qualificazione? In che modo possono aiutare le imprese a posizionarsi sui mercati? In breve, gli schemi sono procedure standard predisposte a livello nazionale che consentono ai produttori di ottenere una certificazione di qualità in modo semplice, gratuito, garantito. La certificazione promossa dalla Camera di Commercio offre una indiscussa reputazione e una garanzia certa al consumatore e cliente. Quali imprese ne possono usufruire? Gli schemi di qualificazione sono stati predisposti per le imprese che operano in alcuni dei settori manifatturieri più rappresentativi e di eccellenza del Made in Italy: agroalimentare, meccanica, nautica, edilizia, moda, metalli preziosi, arredamento. Sportello Filiere La Camera di commercio di Grosseto ha attivato il “Servizio per la Qualità e la Qualificazione delle filiere del Made in Italy” con lo scopo di affiancare le imprese e promuovere le certificazioni. Era infatti necessario offrire alle imprese un supporto diretto sul territorio. Allo sportello possono rivolgersi tutte le imprese ed i soggetti interessati anche per effettuare una prima valutazione delle proprie esigenze. Le attività sono cofinanziate con risorse del Fondo nazionale di perequazione 2014 dell’Unione Italiana. Questi i contatti: Sportello Filiere Servizio promozione - tel. 0564 430202, www.gr.camcom.it o Unioncamere Nazionale: http://www.unioncamere.gov.it/P42A0C3039S144/Qualitae-qualificazione-filiere-del-made-inItaly.htm Le certificazioni La Camera di commercio di Grosseto si è focalizzata sui tre settori, comparti cardine per lo sviluppo della nostra provincia e in linea con gli assi strategici del futuro territorio della Camera di Commercio della Maremma e del Tirre- La “sfida della qualità” che passa attraverso le certificazioni. Intervista al presidente Riccardo Breda P residente, che cosa intende la Camera di commercio parlando di “sfida della qualità”? I prodotti delle nostre imprese possono competere sul mercato solo grazie alla loro qualità, alle caratteristiche che li rendono unici agli occhi dei consumatori. Ma i piccoli spesso hanno difficoltà a far chiaramente comprendere il proprio valore, in mercati altamente competitivi e di portata globale. È per questo che parliamo di “sfida della qualità”, dove la vera sfida è comunicare correttamente il valore delle nostre produzioni, un compito davvero complesso. Come possono le nostre imprese raggiungere l’obiettivo? Da sole, non possono. O possono con molta difficoltà. È qui che interviene l’Istituzione, nell’offrire possibilità e strumenti concreti. Le Camere di commercio hanno alle spalle grande esperienza e professionalità, hanno il know-how, la reputazione: costruendo schemi di qualificazione standard, ma modulati su singoli settori e sulle loro esigenze, offrono un percorso chiaro, semplice e gratuito per ottenere un marchio di qualità, un rating, una valutazione certa e riconoscibile del valore dei propri prodotti. Un vero e proprio valore aggiunto, da spendere per presentarsi a potenziali clienti di qualsiasi parte del mondo, dove, ovunque, il ruolo delle Camere di Commercio è conosciuto e rispettato. Ma concretamente, come possono le imprese accedere a questi servizi? E quali possono farlo? La Camera di commercio di Grosseto ha messo a disposizione uno sportello al quale rivolgersi, lo Sportello Filiere, che è in grado di offrire tutte le informazioni e l’assistenza necessaria alle imprese interessate. Abbiamo scelto di concentrarci, in questa fase di avvio, su tre settori fondamentali della nostra economia: il settore turistico e della ristorazione con il marchio Ospitalità Italiana, il settore agroalimentare e vitivinicolo con GreenCare e quello della nautica con il sistema di rating Origin & Blue Innovation. Una precisa scelta orientata a far crescere quelli che sono già i nostri comparti fiore all’occhiello, intervenendo con decisione per favorirne la crescita. In questo senso siamo particolarmente soddisfatti di aver conferito le prime certificazioni del Marchio Ospitalità Italiana a 15 strutture maremmane. E come si inquadrano queste iniziative in vista dell’imminente fusione con Livorno? Turismo, agroalimentare, economia del mare sono i pilastri portanti della nuova Camera della Maremma e del Tirreno. La volata per la qualità e quella per l’innovazione saranno due degli obiettivi che contraddistingueranno l’operato del nuovo Ente, perché si tratta del campo dal quale è possibile far fruttare al massimo le nostre sinergie. Riccardo Breda PRIMO PIANO • GUSTA • 67 B GUSTA •••• E intanto il 22 giugno scorso si è svolta presso la sede della Camera di Commercio di Grosseto la cerimonia di consegna degli attestati alle 15 imprese maremmane, ricettive e della ristorazione, che hanno ottenuto il riconoscimento del Marchio Ospitalità Italiana 20 16, promosso dall'Ente camerale in collaborazione con Isnart no: per il settore turistico e della ristorazione è nato il Marchio Ospitalità Italiana; per il settore agroalimentare e vitivinicolo è nato GreenCare; per il settore della nautica è nato il sistema di rating Origin & Blue Innovation. Il Marchio Ospitalità Italiana è il primo Marchio a entrare a pieno regime. Ha come obiettivo primario quello di qualificare le imprese operanti nei settori del turismo e della ristorazione fornendo ai clienti una valutazione obiettiva del livello di servizio offerto. I requisiti sono stabiliti in un apposito Disciplinare di riferimento specifico per ciascuna tipologia di operatore turistico e fanno riferimento a diversi ambiti di erogazione del servizio (es. accesso e posizione, accoglienza e personale, servizi offerti, caratteristiche della struttura, trasparenza verso il consumatore, sicurezza, approccio eco-compatibile, ecc.) Per l’anno 2016 sono state 15 le strutture ricettive e della ristorazione, che 68 • Maremma Magazine • Luglio 2016 hanno ottenuto la certificazione, grazie ad un bando della Camera di commercio di Grosseto. La cerimonia di consegna degli attestati a queste 15 imprese maremmane che hanno ottenuto il riconoscimento del Marchio Ospitalità Italiana 20 16, si è svolta il 22 giugno scorso presso la sede della Camera di Commercio di Grosseto. Queste le aziende: Relais Vedetta di Scarlino, Agriturismo Poggio al Rufo di Pitigliano, Tenuta Impostino di Civitella Paganico, Agriturismo il Quarto di Manciano, Agriturismo Val di Nappo di Castiglione della Pescaia, Fattoria Maremmana di Grosseto, Agriturismo Biologico Sant'Egle di Sorano, ristorante La Scottiglia di Seggiano, Agriturismo Il Casalino di Civitella Paganico, Fattoria Le Spighe di Albinia, Agriturismo Galeazzi di Manciano, Agriturismo il Cancellone di Montiano, Agriturismo La Rombaia di Castiglione della Pescaia, La Fonte del Cerro di Saturnia, Hotel Rosmarina di Grosseto. Altro marchio è GreenCare, uno schema di qualificazione, ad adesione volontaria, messo a punto dalle Camere di commercio per valorizzare la competitività delle imprese del settore agro-alimentare attraverso la leva della sostenibilità ambientale. Obiettivo di GreenCare è quello di favorire la visibilità delle imprese che adottano sistemi e/o processi produttivi rispettosi dell’ambiente e che si impegnano a tenere sotto controllo e ridurre i propri consumi con particolare riferimento a quelli idrici ed energetici. GreenCare si applica a tutte le imprese del settore agro-alimentare, indipendentemente dalle loro dimensioni, dalla loro complessità e dal loro posizionamento nella filiera. Infine abbiamo Origin & Blue Innovation, un sistema di qualificazione volontario per la competitività sui mercati, l’innovazione e la sostenibilità delle imprese del settore nautico. Possono aderire tutte le imprese della filiera nautica, di qualsiasi dimensione e tipologia, che operano attività di progettazione e realizzazione di imbarcazioni e/o super yacht; componentistica per il settore nautico o fasi di processo (verniciatura, trattamenti, ecc.) o di manutenzione e riparazione di imbarcazioni e/o super yacht. Tre sono i requisiti fondamentali: l’innovazione, la sostenibilità, progettare e/o realizzare in Italia le fasi di lavorazione. Il sistema consente di attribuire all’azienda un vero e proprio rating ufficiale, da poter utilizzare nelle proprie operazioni commerciali. GUSTA IL VINO DEL MESE | Viaggio alla scoperta dei vini di Maremma Vivia 2015 Maremma Toscana DOC, la poesia in un calice di vino! DI ANTONELLA VITULLO È un perfetto mix di tre uve a bacca bianca (Vermentino, Viognier e Ansonica) leggermente rivisitate nelle percentuali di assemblaggio nell’annata 2015, quello che si rinviene nel Vivia Maremma Toscana DOC, una delle perle de Le Mortelle l’azienda vitivinicola maremmana della famiglia Antinori U n perfetto mix di tre uve a bacca bianca e la passione come filo conduttore tra la vite e l’uomo. Siamo a Le Mortelle, una delle cantine della Maremma più belle e tecnologiche in assoluto e che rappresenta il cuore della Tenuta dei Marchesi Antinori a Castiglione della Pescaia. È appena iniziata l’estate e l’aria è un concentrato di inebrianti profumi di macchia, di mirto, di salsedine e di brezza marina che avvolgono il meraviglioso giardino della Fattoria. È impossibile, specialmente in questa stagione, non lasciarsi sedurre dal panorama circostante e che rappresenta in pieno la bellezza della Maremma. Ho il piacere di incontrare il Direttore de Le Mortelle, Fabio Ratto per parlare del Vivia 2015 e della sua nuova etichetta con cui è stato portato al recente 70 • Maremma Magazine • Luglio 2016 Vinitaly. La filosofia di Fabio Ratto dal 1998 agronomo della Famiglia Antinori, è da sempre quella che “un buon vino si fa in vigna” ed è per questo che i vini che nascono alla Fattoria de Le Mortelle “sono il frutto del tempo e del lavoro minuzioso, scrupoloso ed attento che viene dedicato ai vitigni fino al raggiungimento del prodotto finale”. Quali sono le caratteristiche del nuovo Vivia rispetto alle precedenti annate? Il Vivia è sempre stato il risultato di un nostro perfetto mix di uve a bacca bianca e nasce dal Vermentino e dall’Ansonica, due vitigni tipici della zona costiera toscana a cui aggiungiamo il Viognier, vitigno frutto di una lunga sperimentazione. Nel Vivia 2015 abbiamo variato alcune percentuali di Ver- mentino che conferiscono maggiore mineralità, di Viognier che accentuano la piacevolezza ed i profumi dei fiori e dei frutti e di Ansonica che lasciano al palato una più lunga persistenza aromatica. C’è da aggiungere che il 2015 è stata un’eccezionale annata per i vini. Quale sensazione olfattiva e gustativa sprigiona un calice di Vivia? Alla vista si presenta di colore giallo paglierino luminoso mentre sorseggiandolo si sente la freschezza ed una sapidità che conquista… Il Vivia esprime soprattutto la Maremma ed il nostro desiderio di “versare” il territorio in un bicchiere. Coltiviamo le uve scegliendo le date giuste di vinificazione e dopo averle vinificate, troviamo il blend che ci porta ad avere le seguenti caratteristiche: un profumo intenso che ricorda la pesca matura, la buccia di cedro e la frutta candita. L’ingresso in bocca è morbido, seguito da una fresca acidità, sapidità e buona persistenza, corrispondente nei ritorni olfattivi. Nel retrogusto avvertiamo alcuni cenni di erbe aromatiche, che rappresentano un po’ l’emblema della Fattoria. Anche l’etichetta si presenta in una nuova veste grafica, pur mantenendo il suo elegante logo. Siamo felici di condividere con il pubblico il successo del nuovo Vivia, non solo per l’ottima annata, ma anche per la nuova veste grafica: il verde salvia è il perfetto collegamento tra il vino profumato e fresco ed il suo luogo di produzione. Erbe aromatiche, primizie d’orto e frutti di stagione, la Fattoria le Mortelle è anche agricoltura biologica. Ma è soprattutto una Tenuta architettonicamente tecnologica ed innovativa che ha fatto della sostenibilità ambientale e dell’eco-compatibilità il suo fiore all’occhiello. Esattamente. Qui tutto si integra perfettamente con il territorio e nel pieno rispetto dell’ambiente. I vini che nascono a Le Mortelle, conservano l’anima maremmana ma sono anche l’espressione di un’avanzata tecnologia dei nostri impianti sempre più attenti alla ricerca minuziosa della qualità nel rispetto della tradizione e del territorio. Ci teniamo tantissimo ed è per noi imprescindibile esaltare i legami nella sostenibilità e nel rispetto della natura, come la cura al riciclo ed all’uso delle materie prime. Un suggerimento gastronomico per “accompagnare” il Vivia 2015? Grazie alla sua rotondità e freschezza al palato si presta a variegati abbinamenti di pesce. Ideale per un aperitivo slegato dal pasto e per ogni occasione con…Vivia...le. Fabio Ratto mi offre un calice di Vivia 2015 e nel degustarlo e quasi a rendergli omaggio, dalla collina si affaccia un indescrivibile e spettacolare tramonto maremmano. Sul tavolino in ferro battuto un cesto di primizie appena raccolte e nel calice il concentrato della natura. La degustazione del Vivia è una poesia. Info: Le Mortelle, Località Ampio, Castiglione della Pescaia(Gr) tel. 0564 944003, mail visite@lemortelle.it PRIMO PIANO • GUSTA • 71 GUSTA DI VINO IN CIBO | I protagonisti dell’enogastronomia maremmana Metti un tour enogastronomico alla cantina di Collemassari nel cuore della DOCG Montecucco L’estate in Maremma non è solo bagni al mare e tuffi in piscina. Per chi volesse cercare refrigerio in altro modo, suggeriamo una tappa alla cantina di Collemassari dalle parti di Cinigiano nel cuore della DOCG Montecucco, un piacevolissimo tour enogastronomico sulle verdi colline dell’entroterra alla scoperta dei sapori della nostra terra… DI NADIA IACOPINI La storia di un castello… Questa è la storia di un castello che si trova in Maremma. È uno dei più famosi ed importanti in Toscana, soprattutto dal punto di vista storico, visto che è stato un antico possedimento dell’Abbazia di San Galgano della provincia di Siena e, relativamente di recente, è stato ristrutturato dai marchesi Patrizi per farlo diventare una fattoria fortificata. D’intorno ad esso si estende un’area di circa 1200 ettari dove crescono vigneti, oliveti, zone boschive e coltivazioni di ampi terreni agricoli. Benvenuti a Collemassari. Siamo nella zona di Cinigiano, borgo medioe- 72 • Maremma Magazine • Luglio 2016 vale alle pendici del Monte Amiata, a poco più di 300 metri d’altitudine, rivolti verso il litorale grossetano (nelle giornate più nitide è possibile persino scorgere l’Isola di Montecristo). Qui si trova un microclima unico caratterizzato da una forte ventilazione di giorno, e da grandi escursioni termiche, che spesso sono sia causa che conseguenza delle stesse condizioni favorevoli per produrre degli ottimi vini. L’odierna proprietà, la famiglia Tipa, che vive proprio dentro al castello e che ha fondato l’azienda agricola Collemassari nel 1998, ha creato una “domaine” in Toscana: dal 2002 possiede anche il Podere Grattamacco (Bolgheri, Livorno) e dal 2011 la Fattoria Poggio di Sotto (Montalcino, Siena). Un’atmosfera senza tempo… La tarda primavera e l’inizio dell’estate coincidono con i momenti più belli dell’anno per visitare questi luoghi. Già imboccando la vecchia strada, che da Poggi del Sasso, oltrepassato l’Ombrone, porta all’antico borgo di Montecucco e di Piantaverna, ci si immerge in un’atmosfera senza tempo. Chi l’ha detto che i viali con i cipressi esistono soltanto a Bolgheri? Vi invito almeno una volta a vedere cucco DOC (1998) e il Montecucco DOCG (dal 2011) sono il risultato dell’impegno di pochi produttori e del giovane ed omonimo Consorzio, che nasce per la tutela e la promozione di questa eccellenza toscana, e che raccoglie le produzioni vitivinicole dei 7 comuni dell’Amiata del versante grossetano: Arcidosso, Campagnatico, Castel del Piano, Cinigiano, Civitella Paganico, Roccalbegna e Seggiano. Ricordiamo che in questo territorio esiste anche un altro Consorzio, che sta in questo caso sull’altro versante amiatino, quello senese, anch’esso di recente costituzione (Orcia DOC nato nel 2000), e che, insieme al Consorzio di Montecucco, vanno a rappresentare il Sangiovese dell’Amiata, una delle nuove promesse del vino toscano. Le caratteristiche di questo vitigno sono veramente interessanti, colore rosso rubino intenso (nella tipologia Riserva emergono spesso riflessi granata), profumi e sapori tannici ma eleganti e raffinati, con note decise ma talvolta fruttate e molto persistenti. Sono vini che esprimono tutto il loro carattere e la loro natura di origine vulcanica (un legame forte tra la zona di Montalcino e tutta l’area del Montecucco e dell’Orcia è rappresentato proprio dalle peculiarità del terreno del vulcano spento), e sanno dare i loro migliori risultati con tanti anni di invecchiamento alle spalle. Come ci insegna Collemassari. La filosofia di Collemassari La filosofia dell’azienda è proprio quella di privilegiare ed esaltare le qualità del vino nel totale rispetto dell’ambiente. Se maggior tutela del territorio significa ottenere un prodotto migliore, ben venga la sostenibilità nei confronti della tradizione, dei processi produttivi e delle persone che vi lavorano, che qui si traduce concretamente nella realizzazione e nell’utilizzo di una cantina con- con i vostri occhi la bellezza di queste colline coltivate a vigneti ed oliveti, e che fanno da cornice a queste strade delimitate dalle due classiche file di cipressi toscani. L’occasione migliore può essere quella di provare una delle proposte di degustazione di vini dell’azienda Collemassari, dove si produce il Montecucco, senz’altro meno conosciuto rispetto al famosissimo Brunello, ma con caratteristiche ed affinità molto importanti e piuttosto similari. La DOC e DOCG del Montecucco Forse non tutti sanno che il Monte- PRIMO PIANO • GUSTA • 73 GUSTA •••• Per avvicinarsi e comprendere meglio la filosofia di questa azienda, insieme alla preziosa esperienza di chi ogni giorno vi lavora a stretto contatto, si possono effettuare due diversi percorsi: Percorso cantina e degustazione alla scoperta del Montecucco e Percorso di degustazione con assaggio di prodotti tipici cepita come un grande laboratorio sotterraneo, sviluppata su 4 livelli, in modo da consentire la movimentazione delle uve e del mosto attraverso processi a caduta naturali, senza l’ausilio di pompe meccaniche ed altri mezzi di questo tipo. Un obiettivo raggiunto quello del risparmio energetico e dell’ingegneria biodinamica, e garantito per Collemassari dalla certificazione di azienda biologica. Ma non solo. Una qualità del prodotto che si rispecchia anche nelle tecniche di fermentazione ed affinamento, mediante l’utilizzo di tini di acciaio e tinelli di legno tronco conici per la prima (nei vini di tipologia Riserva le follature sono giornaliere ed avvengono manualmente), e mediante l’utilizzo di 74 • Maremma Magazine • Luglio 2016 barriques, tonneaux di rovere francese e tini in rovere di slavonia per la seconda (in ogni caso per tutti i prodotti non si effettuano mai affinamenti inferiori ai 6 mesi in bottiglia). Questo a conferma del fatto che il Sangiovese di questo territorio necessita di processi di produzione altamente qualificati e lunghi tempi di affinamento e riposo, e soltanto grazie ad essi si ottengono risultati degni del buon nome di un Montecucco DOC e di un Montecucco Sangiovese DOCG. Le degustazioni Siete curiosi di assaggiare uno dei vini prodotti di casa Collemassari? Per avvicinarsi e comprendere meglio la filosofia di questa azienda, insieme alla preziosa esperienza di chi ogni giorno vi lavora a stretto contatto, si possono effettuare due diversi percorsi. Una prima proposta di degustazione (Percorso Cantina e Degustazione alla scoperta del Montecucco) prevede un giro in cantina, con una breve introduzione alle varie fasi di vinificazione ed affinamento, l’assaggio di tre vini (Melacce, Vermentino Montecucco DOC, Rigoleto, Montecucco Rosso DOC, Collemassari Riserva, Montecucco Riserva DOC) e la possibilità di degustare l’Olio Extra Vergine di Oliva di produzione Collemassari. La durata dell’esperienza degustativa è di circa un’ora e mezza e termina con la possibilità di acquisto nel Wine Shop. Il costo è di 15 euro a persona (minimo due persone). Una seconda proposta di degustazio- ne (Percorso di Degustazione con Assaggio Prodotti Tipici) prevede un giro in cantina, con una breve introduzione alle varie fasi di vinificazione ed affinamento, assaggio di tre vini (Melacce, Vermentino Montecucco DOC, Rigoleto, Montecucco Rosso DOC, Collemassari Riserva, Montecucco Riserva DOC), e un ricco buffet con piatti della tradizione toscana (dagli affettati misti, ai formaggi locali, alle bruschette con l’Olio Extra Vergine di Oliva di produzione Collemassari). La durata dell’esperienza degustativa è di circa due ore e termina, anche questa, con la possibilità di acquisto nel Wine Shop. Il costo è di 25 euro a persona. Per entrambe le proposte, che sono personalizzabili a seconda delle esigenze e che possono variare in base al numero delle persone, l’arrivo può essere alle ore 10.30 o alle ore 15. È prevista la possibilità di effettuare le visite tutti i giorni, dal lunedì al venerdì. Nella giornata di sabato, è possibile effettuare le visite soltanto su prenotazione con gruppi di minimo 12 persone, e secondo disponibilità aziendale. Un aspetto importante riguarda le lingue: a Collemassari si parla in italiano, inglese e tedesco. Per tutte le ulteriori informazioni o per prenotare un percorso di degustazione, è possibile scrivere alla mail info@collemassari.it, oppure visitare il sito internet www.collemassari.it, nella sezione “Prenota la visita”. Collemassari vi aspetta per farvi conoscere tutti i segreti del mondo del vino. GUSTA A TAVOLA | Il ristorante del mese Ristorante “Rosso Corbezzolo” e l’esperienza a tavola diventa… sensoriale DI SARA LANDI È davvero un’esperienza sensoriale quella che è possibile vivere al ristorante RossoCorbezzolo del Relais Vedetta situato tra Scarlino e il Puntone, in località Poggio La Forcola che per l’estate 2016 propone una formula particolare, quella delle live jazz dinner del progetto “Vedetta Jazz & Emotions” M angiare bene è un’esperienza che si fa con tutti e cinque i sensi. Sembra un’osservazione scontata ma è tanto più vero quando ti capita di cenare in posti come il ristorante RossoCorbezzolo del Relais Vedetta. Siamo tra Scarlino e il Puntone, in località Poggio La Forcola. La struttura La struttura ricettiva gestita dai fratelli Anna e Marco Barberini sorge sulla sommità di questo poggio alto 150 metri sul livello del mare che domina tutto il golfo di Follonica. Lo sguardo spazia dal porto di Scarlino fino al promontorio di Piombino; di fronte si staglia il profilo dell’isola d’Elba che sem- 76 • Maremma Magazine • Luglio 2016 bra quasi di poter toccare. E non è raro riuscire a vedere anche la punta settentrionale (il caratteristico “dito”) della Corsica. Il panorama che si gode dal relais è un quadro che cambia colori e suggestioni nelle diverse ore della giornata ed è proprio contemplando questo quadro dal porticato del ristorante RossoCorbezzolo che gli ospiti del relais possono pranzare o cenare, aggiungendo al piacere della tavola quello del panorama. Il ristorante Il ristorante è a disposizione sia per chi soggiorna al relais sia per i clienti esterni: a pranzo propone un light lunch alla carta ma è la “cena con vista” pre- ceduta dagli happy hour al tramonto il punto di forza del ristorante che vede in cucina da maggio lo chef Emiliano Pepe che seleziona accuratamente le materie prime prediligendo i prodotti locali, i presidi Slow Food e le verdure dell’orto della tenuta. Ogni piatto è curato con attenzione nella ricerca dell’equilibrio tra gusto ed estetica. I prodotti sono selezionati in base alla stagionalità e i piatti traggono spunto anche dalle antiche ricette della tradizione mentre i vini proposti provengono dalle aziende vitivinicole delle Doc maremmane. “Vedetta Jazz & Emotions” Per l’estate 2016 la cena con vista al relais Vedetta propone anche una formula particolare, quella delle live jazz dinner del progetto “Vedetta Jazz & Emotions”, un ciclo di dodici appuntamenti da giugno a settembre per celebrare il matrimonio tra buon cibo e buona musica in un luogo incantevole, affacciato sul mare. La direzione artistica della rassegna è stata affidata a Corrado Rossetti, musicista e insegnante di lungo corso. I concerti cominciano con l’aperitivo al tramonto e proseguono accompagnando con le loro atmosfere soft, le improvvisazioni e le sonorità sofisticate, la cena con menu degustazione ogni volta diverso studiato ad hoc dallo chef Emiliano Pepe. Il ciclo di eventi “Vedetta Jazz & Emotions” al ristorante RossoCorbezzolo è stato inaugurato il 20 giugno scorso con un invitante menu che ben interpretava la filosofia del ristorante: pane e pasta fresca fatti in casa, la preferenza per carni meno inflazionate come il piccione e la cinta senese, l’accorta selezione dei vini da proporre in abbinamento a ogni pietanza. Ogni serata avrà un menu studiato per l’occasione in modo che anche chi sceglie di tornare trovi proposte sempre nuove e una cantina partner che proporrà i suoi vini in abbinamento ai piatti. Solo per fare un esempio per il debutto di questo format lo scorso 20 giugno lo chef Emiliano Pepe ha proposto come antipasto tartare di manzo, burrata con alici cantabriche e crema di Blu con cuori di sedano, come primo dei piciolini tirati a mano con battuto di piccione e per secondo dei bocconcini di cinta senese su carpaccio di cappuccio bicolore. Gran finale con il dessert, una frolla con crema pasticcera e salsa calda di mascarpone. I musicisti che si alternano in formazioni diverse per i concerti al relais sono Andrea Fascetti (basso), Corrado Rossetti (chitarra), Emiliano Degli Innocenti (contrabbasso), Mauro Peri- gozzo (pianoforte), Francesco Menici (pianoforte), Franco Ceccanti (chitarra), Franco Gianni (tromba), Mirco Capecchi (contrabbasso), Lavinia Martignoni (voce) e Stefano Franceschini (sax). Queste le cantine che hanno per ora aderito e che proporranno i loro vini per le live jazz dinner: Conti di San Bonifacio (Gavorrano), La Pace (Massa Marittima), La Cura (Massa Marittima), Prato al Pozzo (Cinigiano), Val delle Rose (Poggio La Mozza, Grosseto), Il Pupillo (Scarlino), Podere Ranieri (Massa Marittima), Serraiola (Monterotondo Marittimo) e Cantina Vignaioli del Morellino (Scansano). Per quanto riguarda il calendario di “Vedetta Jazz & Emotions” ecco i prossimi appuntamenti fino a settembre: a luglio domenica 3 (trio basso, chitarra e pianoforte), domenica 10 (duo chitarra e voce), domenica 17 (trio chitarra, contrabbasso e pianoforte), lunedì 25 (duo di chitarre) e domenica 31 (duo chitarra e voce). Ad agosto tre gli appuntamenti PRIMO PIANO • GUSTA • 77 GUSTA •••• I concerti cominciano con l’aperitivo al tramonto e proseguono accompagnando con le loro atmosfere soft, le improvvisazioni e le sonorità sofisticate, la cena con menu degustazione ogni volta diverso studiato ad hoc dallo chef Emiliano Pepe previsti: domenica 7 (trio chitarra, pianoforte e voce), domenica 14 (trio contrabbasso, pianoforte e sax) e domenica 21 (trio chitarra, pianoforte e voce). Il ciclo di eventi si chiude a settembre con due cene concerto: domenica 11 (trio chitarra, pianoforte e voce) e domenica 18 (duo chitarra e voce). I posti sono limitati per poter garantire il clima di intimità e esclusività caratteristici del luogo pertanto è necessario prenotarsi sia per l’aperitivo sia per la cena che possono non essere necessariamente legati. L’ospitalità “beVedetta” La partecipazione alle live jazz dinner è un’ottima occasione per scoprire la cucina del ristorante RossoCorbezzolo e in generale l’ospitalità della struttura ricettiva della famiglia Barberini che si compone di tre diverse soluzioni, racchiuse dall’unico brand “beVedetta”. Il relais di Poggio La Forcola è un boutique hotel circondato da 15 ettari di bosco e da un grande uliveto di proprietà della famiglia Barberini dove si produce olio extravergine di oliva biologico. Al relais Vedetta (che ospita al suo 78 • Maremma Magazine • Luglio 2016 interno il ristorante RossoCorbezzolo) si sono aggiunte successivamente altre due strutture pensate per le esigenze di target diversi: Vedetta Townhouse, il B&B di charme nel cuore del centro medievale di Scarlino, e il nuovissimo agriglamping inaugurato lo scorso anno all’interno della tenuta, Vedetta Lodges. L’ospite può quindi scegliere tra soluzioni diverse (la suite in un casale finemente ristrutturato e arredato, l’indipendenza di una camera nel B&B in paese o la novità della tenda di lusso su palafitte) ma accomunate tutte dallo stile Vedetta fatto di raffinatezza, gusto e cura dei dettagli nel segno di un’ospitalità discreta e cordiale. Non a caso il relais Vedetta è stato premiato a giugno nella sede della Camera di Commercio di Grosseto con il marchio Ospitalità Italiana di Isnart, società in house di Unioncamere che cura l’Osservatorio nazionale sul turismo e che nel 1997 ha dato vita al progetto marchio di qualità per hotel, chiamato appunto Ospitalità Italiana. Un’esperienza sensoriale Per testare l’accoglienza e lo stile del relais gli eventi “Jazz & Emotions” sono l’ideale perché garantiscono un’esperienza sensoriale completa, a cominciare dalla vista. I colori dominanti sono il verde della macchia e del bosco in cui è immerso il casale, l’azzurro del mare e del cielo e il rosso della facciata della tenuta che si sposa coi colori del tramonto. Il gusto è quello raffinato ed equilibrato dei piatti proposti dallo chef Emiliano Pepe, fatti apposta per sedurre il palato oltre che belli da mangiare con gli occhi. L’udito è gratificato dall’atmosfera soft delle serate: la musica è un tappeto sonoro piacevole e ci si può godere il lusso (sempre più raro nel mondo moderno) del silenzio o del canto dei grilli, rilassandosi ai bordi del laghetto naturale al termine della serata. Il ristorante RossoCorbezzolo si trova in località Poggio La Forcola nel comune di Scarlino. Per informazioni e prenotazioni 0566 37023 oppure 333 2004184. Il sito web è www.relaisvedetta.eu e contiene una sezione specifica dedicata alle esperienze gourmet che si possono fare al relais grazie alle proposte del ristorante RossoCorbezzolo. GUSTA LA RICETTA| Piatti da sperimentare e... gustare Le Lasagne di pesce, un piatto leggero, ottimo per le calde serate d’estate Nello spazio dedicato alle ricette tutte da sperimentare sul campo ed ovviamente gustare, questo mese parliamo delle Lasagne di pesce, un piatto leggero, ottimo per le calde serate d’estate, magari accompagnato da uno dei pregiati vini bianchi di cui la Maremma enologica è particolarmente ricca Q DI ALISSA MATTEI uando arriva l’estate, non riesco a proporre piatti a base di carne, ma preferisco presentare una variante di una ricetta fin troppo nota ed amata nella versione estiva: le lasagne di pesce. Ho sempre giudicato negativamente la cottura prolungata del pesce, ma con alcuni accorgimenti prepareremo un piatto leggero, ottimo per le calde serate d’estate. 80 • Maremma Magazine • Luglio 2016 Per fare una buona lasagna occorre preparare una pasta sottile e che diventa croccante quando si mette nel forno formando la crosticina sui lati della teglia; la mia ricetta prevede il mix di farina 00 e semola di grano duro, che rende la pasta elastica ma sostenuta nello stesso tempo. Il condimento a base di pesce naturalmente si deve basare su pescato freschissimo, magari comprato dall’amico pescatore, come succede a me. Spesso tutto quello che Gianni pesca nel mare del golfo di Follonica, lo compro, siano essi pesciolini piccoli che medio-grandi: scorfani, gattucci, gallinelle, tordi, orate, triglie, occhiate e molluschi vari come seppie e calamari; ed a questo mix aggiungiamo cozze e vongole e i gamberi rosa. La prima cosa da fare è pulire accura- tamente i pesci ed i molluschi, togliendo anche la pellicina dei totani e seppie; tagliarli a pezzetti e con i pesci con le lische preparare un bel brodo con prezzemolo, cipolla, carota, pomodorini e sale. Il brodo di pesce è importantissimo per ogni preparazione sia essa riso, pasta, zuppa. INGREDIENTI PER 6 PERSONE Pesce vario Cozze Totani Gamberi Pomodorini datterini Aglio Olio extra vergine Prezzemolo Sale Peperoncino macinato Vino bianco 1 Kg 1 Kg 0,5 Kg 0,5 Kg 30 3 qb qb qb qb 1 bicchiere PREPARAZIONE La pasta delle lasagne Preparare mezzo chilo di pasta all’uovo, formare il vulcano di farina 00 e semola di grano duro (75/25), aggiungere 5 uova (possibilmente con tuorlo giallo), olio extra vergine e sale, lavorare e lasciare riposare la pasta per mezz’ora minimo, avvolta nel film. Tirare la pasta con la macchinetta a n.7. Cuocere le strisce di pasta in acqua bollente salata. La salsa di pesce Il pesce che è servito per fare il brodo, lo spolpate delicatamente avendo cura di eliminare ogni piccola lisca. Preparare in una padella aglio e peperoncino, aggiungere i molluschi tagliati piccoli e cuocere brevemente aggiungendo vino bianco, in un’altra padellina fate cuocere a fuoco alto per un minuto i pomodorini con aglio e peperoncino. Aggiungere i pomodorini alla base molluschi e completare con le polpe dei pesci e brodo. Spengete il fuoco e lasciate riposare. Se avete i gamberi aggiungete alla fine e lasciate imbiancare al solo calore della padella, finalmente le cozze vongole già aperte precedentemente in una pentola coperta per pochi minuti. Preparare la lasagna Un po’ di olio sul fondo della teglia, poi la pasta avendo cura di porre la prima striscia sbordante verso l’esterno in modo da formare una cornice, poi la salsa di pesce, un po’ di bechamel preparata precedentemente e prezzemolo tritato. Ripetere per 4-5 strati e cuocere in forno per 20 minuti a 180 gradi. Buon appetito! *Alissa Mattei e Luciano Cipriani vi aspettano per assaporare questo, come tanti altri prelibati piatti della cucina maremmana, ma non solo, presso l’Agriturismo - Ristorante Casa Montecucco, situato tra Giuncarico e Ribolla, in loc. Castel di Pietra 58020 Gavorrano. Info per prenotazioni: tel. 0566 80135, e-mail casamontecucco@libero.it L’AGENDA L’AGENDA SABATO 2 LUGLIO • Capalbio - Capalbio Cinema Festival Internazionale del Cortometraggio (fino al 2 luglio) • Cinigiano - Amiata Piano Festival 2016 Rassegna concertistica nella cornice del Forum Fondazione Bertarelli di Poggi del Sasso, Cinigiano (Gr). Inizio: ore 19.00. Ingresso € 20 intero con degustazione, durante l’intervallo, dei vini della Cantina ColleMassari. Programma: BACCUS - Eredi della scuola pianistica! Maurizio Baglini & Roberto Prosseda, Axel Trolese & Gabriele Strata. Programma musicale a sorpresa. Prevendite e prenotazioni: www.boxofficetoscana.it, tickets@amiatapianofestival.com – tel. + 39 339 4420336. Info: www.amiatapianofestival.com • Follonica - Vox Mundi Festival Rassegna di Musiche del Mondo ideata e diretta da Carla Baldini e giunta quest’anno alla IX edizione con la direzione artistica di Carla Baldini. Programma: piazza a mare (ingresso gratuito) - “New Russian Beat” degli Otava Yo, band russa rock-folk che reinterpreta la musica tradizionale del proprio paese con uno stile nuovo, dissacrante e coinvolgente. Ingresso gratuito. Info: www.voxmundifestival.org, tel. 335 5849911 • Grosseto - “Notte Bianca” Evento a cura di Ascom Confcommercio Grosseto in concomitanza con l’avvio dei saldi nel Centro storico • Manciano - “Sulle tracce dei Briganti” escursioni in mountain bike • Marina di Grosseto - Marina Beach Contest Nel tratto di spiaggia tra gli stabilimenti balneari “Pineta” e “Sirena” - Torneo nazione “Trofeo Marina di Grosseto” di Beach Tennis, organizzato dalla società Asd CT Gros- 82 • Maremma Magazine • Luglio 2016 seto – Beach Tennis, con circa 120 coppie iscritte, con persone provenienti da tutto il mondo. E primo torneo “San Rocco” di calcio tennis on tre beach. • Montemassi (Roccastrada) - “I 650 anni della chiesa di S.Andrea” Partendo dalla storia della chiesa, l’occasione per parlare della storia del presente e futuro del Castello di Montemassi. A cura del Circolo Arci Montemassi in collaborazione con associazione L’Unicorno ore 21,00. Info: Lucio Macii tel. 366 7477294 • Manciano - Notti dell’archeologia, “Saturnia by night” Visita al Museo Archeologico ed ai resti archeologici, organizzato dal Comune di Manciano • Pitigliano - Pitigliano (GR), le Vie Cave etrusche in foto Visita guidata con la guida ambientale escursionistica Irene Belli. Incontro con la Guida: ore 10,00 in Piazza Petruccioli a Pitigliano. A pagamento. Info e prenotazioni tel. 347 0819484 • Poderi di Montemerano (Manciano) - Vivamus Evento di promozione territoriale enogastronomico e folkloristico organizzato dall’assessorato al Turismo del Comune di Manciano in collaborazione con le pro loco delle frazioni coinvolte • Porto Santo Stefano - Estate 2016 CONFERENZE CULTURALI Centro Culturale Don Pietro Fanciulli - Porto Santo Stefano • Roccatederighi (Roccastrada) - Mostra La Rocca ore 21.30 Chiesa di San Martino - Concerto solista del Maestro Marco Fornaciari, uno dei violinisti contemporanei più celebri e fra i più esperti del repertorio di Paganini • Roccastrada – Concerto Concerto degli allievi Masterclass M. Giulio Tampalini a cura dell’Associazione Culturale La Farandola presso il Museo della Vite e del Vino ore 21,30. Ingresso libero. Info: tel. 366 6645707 • Sorano - Tradenda Folk Festival SAN GIOVANNI DELLE CONTEE - ore 17: 00 Mercato Artigianale per le vie del paese; ore 17:00 “Ritratto di una Comunità” fatevi fotografare da Sergio Tamassia; ore 17.30 - “Giochi Popolari per Bambini” con animazione; ore 20:00 Degustazioni piatti tipici locali; ore 21.30 GASPARAZZO IN TOUR della Terra d’Emilia, musica Folk N’Roll DOMENICA 3 LUGLIO • Campiglia Marittima (Li) - Concerti alla Pieve Rassegna concertistica promossa dal Comune di Campiglia Marittima alla Pieve di San Giovanni e non solo - ore 19 Pieve di San Giovanni - Orchestra dell’Istituto Superiore di Studi Musicali Pietro Mascagni. Direttore Lorenzo Sbaffi - Flavio Cucchi chitarra, Ilaria Casai soprano, Ashkan Shajarian baritono. Musiche di G. Donizetti, Rodrigo, R. Strauss • Cinigiano - Amiata Piano Festival 2016 Rassegna concertistica nella cornice del Forum Fondazione Bertarelli di Poggi del Sasso, Cinigiano (Gr). Inizio: ore 19.00. Ingresso € 20 intero con degustazione, durante l’intervallo, dei vini della Cantina ColleMassari. Programma: BACCUS - Quartetto del Teatro alla Scala - Francesco Manara: violino I; Daniele Pascoletti: violino II; Simonide Braconi: viola; Massimo Polidori: violoncello con la partecipazione di Silvia Chiesa: violoncello, Maurizio Baglini: pianoforte. Dvo ák (Quintetto per pianoforte e archi in La maggiore n. 2 op. 81), Schubert (Quintetto per archi in Do maggiore op. 163 D. 956). Prevendite e prenotazioni: www.boxofficetoscana.it, tickets@amiatapianofe- GLI EVENTI DEL MESE GIORNO PER GIORNO stival.com – tel. + 39 339 4420336. Info: www.amiatapianofestival.com • Marina di Grosseto - Marina Beach Contest Nel tratto di spiaggia tra gli stabilimenti balneari “Pineta” e “Sirena” - Torneo nazione “Trofeo Marina di Grosseto” di Beach Tennis, organizzato dalla società Asd CT Grosseto – Beach Tennis, con circa 120 coppie iscritte, con persone provenienti da tutto il mondo. E primo torneo “San Rocco” di calcio tennis on tre beach. • Massa Marittima - Toscana Foto Festival 2016 ore 18 inaugurazione • Montorgiali (Scansano) - Morellino Classica Festival Il Morellino ama la musica Festival Internazionale di Scansano organizzato dalla Associazione Culturale La Società della Musica con la direzione artistica di Antonio e Pietro Bonfilio. Programma: ore 21,00 Chiesa di San Biagio Montorgiali - QUARTETTO SINCRONIE Quartetto d’archi. Musiche di L. van Beethoven, A. Schnittke, R. Schumann. Offerta libera. Info e biglietteria: tel. 0564 507982 cell. 349 5380069 - 348 8604536, www.morellinoclassicafestival.com • Piloni (Roccastrada) – Concerto Concerto finale allievi Master Class M. Giulio Tampalini a cura dell’Associazione Culturale La Farandola presso l’Agriturismo “Casa del Chiodo” ore 18,30. Info: tel. 366 6645707 • Porto Santo Stefano - Estate 2016 CONFERENZE CULTURALI Centro Culturale Don Pietro Fanciulli - Porto Santo Stefano • Roccatederighi (Roccastrada) - Mostra La Rocca ore 17 ‘Caccia ai tesori’ per ragazzi all’interno della Mostra e del castello di Roccatederighi • Roselle (Grosseto) - “Concerto insieme” Terza edizione del Concerto Insieme, promosso da Fon- dazione Grosseto Cultura, Comune di Grosseto, Diocesi di Grosseto, Uscita di Sicurezza, Cava e con il contributo della Banca della Maremma presso la Cava alle 21.15. A testimoniare ancora una volta la coesione e la professionalità delle formazioni musicali del territorio, oltre alla Società Corale Giacomo Puccini saliranno sul palco sul palco la Società Filarmonica Città di Grosseto, i ragazzi dell’Istituto Musicale Comunale Palmiero Giannetti, l’Orchestra Sinfonica Città di Grosseto e i Briganti di Maremma. • Scarlino - Vedetta JAZZ & EMOTION Rassegna musicale con la Direzione Artistica di Corrado Rossetti, presso il Relais Vedetta di Scarlino in loc. Poggio La Forcola. Tra dugustazioni a tavola e note. Info: www.relaisvedetta.eu • Sorano - Sorano e la Via Cava etrusca di San Rocco in foto Visita guidata con la guida ambientale escursionistica Irene Belli. Incontro con la guida: ore 10,00 nel parcheggio della Fortezza Orsini a Sorano(GR). A pagamento. Info e prenotazioni tel. 347 0819484 LUNEDÌ 4 LUGLIO • Massa Marittima - Toscana Foto Festival 2016 ore 9/13 Palazzo dell’Abbondanza - Workshop di light painting. Introduzione storica di Beatrice Audrito, tecniche di light painting di Ivan Falardi. Parteciperà il musicista Stefano Cocco Cantini • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 21.30 MANIFESTAZIONE “PESCIOLINO D’ORO” Rione Fortezza - Piazzale del Governatore MARTEDÌ 5 LUGLIO • Magliano in Toscana - “Note di notte” Concerto nell’ambito di MusicAnticaMagliano nella Chie- sa di San Martino alle 21.15, con ingresso ad offerta libera per la manutenzione dell’antica pieve. Di scena, sotto la direzione del M° Guido Morini, il prestigioso Ensemble Accordone con degustazione di vini offerti dalla cantina della prestigiosa tenuta L’Ammiraglia dei Marchesi de’ Frescobaldi. • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 21.30 MANIFESTAZIONE “PESCIOLINO D’ORO” Rione Fortezza - Piazzale del Governatore - Porto Santo Stefano | h 22.30 B.I.S. BAND IN STRADA “Dixie Swing e Citrosodina” - Piazzale dei Rioni - Porto Santo Stefano • Roccastrada - Trekking ai Canaloni del Farma Ogni martedi mattina Trekking ai Canaloni del Farma Per Friendly con le guide abilitate del Museo della Vite e del Vino di Roccastrada. Ritrovo re 9,30 Durata 3 h circa, costo 7 Euro/persona (solo al raggiungimento di 10 iscritti). Prenotazione obbligatoria c/o Museo della Vite e del Vino tel. 327/3693504 MERCOLEDÌ 6 LUGLIO • Campiglia Marittima (Li) - Concerti alla Pieve Rassegna concertistica promossa dal Comune di Campiglia Marittima alla Pieve di San Giovanni e non solo - ore 19 Rocca di san Silvestro. Alle ore 18 è prevista la visita alla Rocca medievale. Quintetto di Ottoni Gabrieli • Campiglia Marittima (Li) – Festa per i vent’anni del Parco archeominerario di San Silvestro L’importante anniversario del ventennale verrà celebrato con artigiani, figuranti e musicisti che renderanno speciale per i visitatori la scoperta della storia del villaggio medievale di Rocca San Silvestro. In particolare alle 19.00, nella suggestiva atmosfera della sera, si terrà a Rocca San Silvestro un concerto del “Quintetto di Ottoni Gabrieli” seguito da un aperitivo finale di saluto. Il concerto è inserito L’AGENDA • 83 L’AGENDA Un’estate a tutto sport con il Marina Beach Contest Si chiama “Marina Beach Contest”, ed è la competizione sportiva (articolata in più appuntamenti) che animerà la spiaggia di Marina di Grosseto questa estate per tutto il mese di luglio per iniziativa della locale associazione Pro Loco M arina Beach Contest si svolgerà dal 2 al 31 luglio nel tratto di spiaggia tra gli stabilimenti balneari “Pineta” e “Sirena”, nei giorni 2, 3, 6, 9, 10, 16, 17, 23, 24, 30 e 31 luglio, con una serie di tornei e manifestazioni sportive, come beach tennis, beach volley, flag football, football americano e pallamano. Per l’occasione sarà montata una tribuna con sei gradoni con circa 200 posti a sedere, per permettere di assistere alla manifestazione in totale sicurezza e sportività. Il tutto cercando di soddisfare l’interesse e la curiosità sia dei cittadini che dei turisti che nel periodo estivo soggiornano nella località balneare. Molto soddisfatto il presidente della Pro Loco di Marina e Principina, Andrea Cappellini: “La pro loco di Marina si è posta come obiettivo quello di fare promozione del territorio attraverso lo sport. L’evento in questionsi terrà a luglio a Marina nella zona tra il bagno Sirena e Pineta, dove verrà allestita una tribuna e gazebi per rendere fruibili le iniziative”. Il programma inizierà sabato 2 e domenica 3 luglio con il Torneo nazione “Trofeo Marina di Grosseto” di Beach Tennis, organizzato dalla società Asd CT Grosseto – Beach Tennis, con circa 120 coppie iscritte, con persone provenienti da tutto il mondo. Ed il primo torneo “San Rocco” di calcio tennis on tre beach. Mercoledì 6 luglio, ci sarà il Torneo Invicta Summer Camp, organizzato dalla 84 • Maremma Magazine • Luglio 2016 Invicta Volleyball Grosseto – Beach Volley, con circa 50 atleti in fascia di età dal 1996 al 2002. Sabato 9 e domenica 10 luglio, ci sarà la tappa di campionato italiano di “Beach Volley – 2”, organizzato dalla società BeachVolleyMaremma Asd – Beach Vollet, con 64 atleti in gara. Sabato 16 e domenica 17, il Trofeo “Città di Grosseto” - Flag Football, organizzato dalla società Veterans 81ers Grosseto di Football americano, vedrà 10 squadre maschili con circa 120 atleti iscritti. Sabato 16 luglio, ci sarà anche la “Marina Fight Night”, con esibizioni a partire dalle ore 16 con dimostrazioni di discipline da contatto fino alle ore 01:00. Sabato 16 e domenica 17 luglio, il 15^ Memorial “Paolo Masselucci”, organizzato dalla famiglia Masselucci, un torneo di beach volley on 54 atleti. Sabato 23 e domenica 24 luglio, la tappa EBT Beach Handball – Tappa circuito europeo a invito, con l’organizzazione della Asd Pallamano Grosseto, 8 squadre maschili e 8 squadre femminili con circa 160 atleti si sfideranno dalle ore 9 alle 21. Sabato 30 e domenica 31 luglio, tappa conclusiva con la Summer Destination – 2, organizzato dalla società Enjoy Sport Life Asd, il torneo di beach volley, sarà a scopo benefico per l’Ospedale Misericordia di Grosseto, con circa 44 squadre iscritte in tre tornei, con circa 170 atleti. Info: www.marinabeachcontest.it nel programma de “I Concerti della Pieve” promosso dal Comune di Campiglia Marittima. Per consultare l’intero calendario e verificare orari e date: www.parchivaldicornia.it. Info e prenotazioni: tel. 0565 226445. • Marina di Grosseto - Marina Beach Contest Nel tratto di spiaggia tra gli stabilimenti balneari “Pineta” e “Sirena” - Torneo Invicta Summer Camp, organizzato dalla Invicta Volleyball Grosseto – Beach Volley, con circa 50 atleti in fascia di età dal 1996 al 2002 • Marina di Scarlino - Campionato Nazionale Contender Manifestazione velica organizzata dal Club Nautico Scarlino (fino al 9 luglio). Partenza presso la Marina di Scarlino. Info: Club Nautico Scarlino, tel. 0566 867051, www.clubnauticoscarlino.com • Massa Marittima - Toscana Foto Festival 2016 ore 14/17 Biblioteca comunale - Workshop di Wikimedia Italia, libertà di panorama, licenze libere e Crative Commons, laboratorio di caricamento su Commons e Wikipedia, wikigita e safari fotografico a Massa Marittima in preparazione del concorso - WIKI LOVES MONUMENTS 2016 • Roccastrada - Trekking “I due Castelli” Ogni mercoledi mattina Trekking “I due castelli” passeggiata da Roccatederighi a Sassoforte attraverso le antiche vie con le guide abilitate di “Maremma in bici”, via delle Cortine Roccatederighi. - Pet Friendly - Ritrovo ore 9,00 costo 7 euro/persona (solo al raggiungimento di 10 iscritti). Prenotazione obbligatoria c/o “Maremma in bici” tel. 0564/569660 o 347/9194958 • Roselle (Grosseto) - Butteri di Maremma - La leggenda continua… Eccezionale esibizione dei Butteri, gli ultimi mandriani a cavallo in Europa, che danno un saggio del loro lavoro quotidiano, presso la Fattoria il Marruchetone sulla strada dello Sbirro a Roselle (Grosseto) (ore 17.30). Info e prenotazioni: tel. 335 6511774, www.equinus.it GIOVEDÌ 7 LUGLIO • Alberese (Grosseto) – “Leggende di Maremma” Passeggiata raccontata tratta dal libro di Fenenna Bartolomei presso il Parco della Maremma (itinerario A/5 A/6), ore 19.00. Interpreti: Enrica Pistolesi. Chitarra e voce: Luca Pierini. Organizzata da Parco della Maremma. Prenotazione obbligatoria. Info: 05644 407098 • Grosseto - “La Notte sì, ma di Giovedì” Evento a cura di Ascom Confcommercio Grosseto (in collaborazione con le attività del centro e con il patrocinio del Comune di Grosseto) con apertura serale dei vari negozi, iniziative musicali, spettacoli dal vivo offerti dai bar e dai locali, nelle piazze e nelle vie all’interno delle Mura • Isola del Giglio - Terre di Maremma Classia jazz festival con la direzione artistica del M° Marcello Appignani - ore 21:30 Isola del Giglio - Porto VICENZA BRASS. Ingresso libero con contributo volontario. Info: tel. 0564 409105 • Marina di Scarlino - Campionato Nazionale Contender Manifestazione velica organizzata dal Club Nautico Scarlino (fino al 9 luglio). Partenza presso la Marina di Scarlino. Info: Club Nautico Scarlino, tel. 0566 867051, www.clubnauticoscarlino.com • Massa Marittima - Toscana Foto Festival 2016 ore 9/17 Biblioteca comunale - Workshop di Wikimedia Italia, libertà di panorama, licenze libere e Crative Commons, laboratorio di caricamento su Commons e Wikipedia, wikigita e safari fotografico a Massa Marittima in preparazione del concorso - WIKI LOVES MONUMENTS 2016 • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 17.00 PRESENTAZIONE E PREMIAZIONE PROGETTO SCOLASTICO “Meno spreco più risorse per tutti. Impegnamoci nella sostenibilità alimentare” Cipes Toscana Sala Consiliare - Porto Santo Stefano • Roccastrada – Concerto Concerto allievi Laboratorio di Canto Lirico Elisa Cenni a cura dell’Associazione Culturale La Farandola presso il Museo della Vite e del Vino ore 19,15. Dopo il concerto, degustazione di prodotti tipici al costo di 15 euro. Prenotazione obbligatoria al n. 347/1857911. Info: tel. 366 6645707 • Roccastrada – Serata di degustazione sulla terrazza del Museo Ogni giovedi a partire dalle 20,30 serata di degustazione sulla terrazza del Museo della Vite e del Vino - Pet Friendly: programma dettagliato sulla pagina FB “Museo della Vite e del Vino di Roccastrada” Costo 15 Euro a persona (sconto ai partecipanti agli eventi trekking del pomeriggio). Prenotazione obbligatoria c/o Museo della Vite e del Vino tel. 0564/563376 oppure Cinzia tel. 334/8017656, Paola tel. 347/1857911 VENERDÌ 8 LUGLIO • Abbadia San Salvatore (Si) - Offerta dei Censi Rievocazione storica. Dame e cavalieri, mercanti e soldati, fanciulle danzanti e giovani atleti: per tre giorni (dall’8 al 10 luglio) la comunità badenga smette gli abiti contemporanei e torna a vestire quelli dei suoi avi ricostruendo nel cuore antico del paese la vita del “Castrum” medievale • Castiglione della Pescaia - Dilettando Tappa con annessa registrazione dal vivo della popolare trasmissione di ToscanaTV e RadioSienaTV condotta e diretta da Carlo Sestini • Grosseto - Corse al galoppo in notturna Convegno di corse al galoppo in notturna, presso l’Ippodromo del Casalone (Via Aurelia antica). Info: tel. 0564/24214 • Grosseto - 19 luglio 1992: le Agende Rosse non dimenticano Un incontro alla Sala Friuli di Grosseto in ricordo della strage in cui persero la vita il Giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta promosso dal Gruppo Agostino Catalano – Maremma del Movimento delle Agende Rosse, che nasce con il preciso scopo di agire affinché sia fatta piena luce sulla strage, presso la Sala Friuli in Piazza San Francesco alle ore 21:00. Ingresso è libero fino ad esaurimento posti. È gradita la prenotazione chiamando al n. 347 3357818 • Manciano - Cartoon village organizzatore Consulta Giovani • Marina di Grosseto - SUMMER A.I.S. 2016 “Emozionare per Emozionarsi. Condividere insieme, sensazioni, profumi…vibrazioni”. Evento che A.I.S. Delegazione di Grosseto vuole dedicare alla cultura dell’enogastronomia attraverso una cena speciale dove vengono presentate, in libero abbinamento, più di cento stupende creazioni di eccezionali produttori - ore 20,00 Tuscany Grand Hotel SPA & RESORT “Terme Marine Leopoldo II”. Info: delegato.grosseto@aistoscana.it - 347/8725509 L • Marina di Scarlino - Campionato Nazionale Contender Manifestazione velica organizzata dal Club Nautico Scarlino (fino al 9 luglio). Partenza presso la Marina di Scarlino. Info: Club Nautico Scarlino, tel. 0566 867051, www.clubnauticoscarlino.com • Massa Marittima - Toscana Foto Festival 2016 9/17 Convento delle Clarisse - Workshop di fotografia stenopeica a cura del Gruppo Fotografico Massa Marittima BFI (riconoscimento FIAF M 82/2016). Introduzione teorica, realizzazione della macchina per fotografia stenopeica, ripresa e sviluppo immagini. Al termine sarà realizzata una mostra con le immagini prodotte dagli allievi • Rispescia (Grosseto) - Spettacolo con i Butteri della Maremma Anche per il 2016 ogni venerdì a luglio ed agosto l’agriturismo Giuncola e Granaiolo nel cuore del Parco della Maremma in loc. Giuncola a Rispescia (Alberese) ripropone il binomio tradizioni equestri e buona cucina dando vita ad un ricco ed articolato spettacolo con i Butteri seguito da un percorso enogastronomico, ovvero una cena con menù tipico maremmano “dall’antipasto al dolce” con prodotti di filiera corta e km 0 del Parco della Maremma (a partire dalle 19,45). Per info e prenotazioni: 0564 405922 - 335 6872981, www.giuncola.it, presenti su facebook • Sassofortino (Roccastrada) – “Mistero Buffo” Spettacolo teatrale, tratto dall’opera di Dario Fo presso Sasso Forte, Parco di Sassofortino (Roccastrada), ore 17.00. Interpreti: Beatrice Solito, Cosimo Postiglione, Mirio Tozzini, Enrica Pistolesi, Luca Pierini, Daniela Marretti. Regia: Mario Fraschetti. Organizzato da Comune di Roccastrada e Pro Loco Sassofortino. Ingresso gratuito. Per informazioni e per prenotare, eventualmente, la cena 392 0686787 - 0564 561230 SABATO 9 LUGLIO • Abbadia San Salvatore (Si) - Offerta dei Censi Rievocazione storica. Dame e cavalieri, mercanti e soldati, fanciulle danzanti e giovani atleti: per tre giorni (dall’8 al 10 luglio) la comunità badenga smette gli abiti contemporanei e torna a vestire quelli dei suoi avi ricostruendo nel cuore antico del paese la vita del “Castrum” medievale • Capalbio - Estate a Capalbio 2016 Cartellone di appuntamenti a cura del Comune di Capalbio – MUSICA & C. - LA FAMIGLIOLA ADDAMS..MS..MS.. – Musical con “L’Allegra Compagnia” – Piazza Magenta • Casteldelpiano – Eventi Estate 2016 Festa Americana (Contrada Poggio) in Piazza Bellavista – Musica e giochi per grandi e piccini • Follonica - Vox Mundi Festival Rassegna di Musiche del Mondo ideata e diretta da Carla Baldini e giunta quest’anno alla IX edizione con la direzione artistica di Carla Baldini - piazza a mare African New Generation - Nobuntu: cinque giovani musiciste e danzatrici provenienti dallo Zimbabwe. Ingresso gratuito. Info: www.voxmundifestival.org, tel. 335 5849911 • Gavorrano - Alan Parsons Live Project Punta di diamante del cartellone estivo del Teatro delle Rocce di Gavorrano • Grosseto - Eventi al Museo Cartellone di iniziative a cura della Fondazione Grosseto Cultura, presso il Museo di Storia Naturale della Maremma – Strada Corsini 5 ex piazza della Palma. Programma: ore 21.30 Il canto degli uccelli – concerto-conferenza: con il Trio Avium e Francesco Pezzo presso gli scavi di Roselle, anfiteatro romano. Info: tel. 0564.488749, www.museonaturalemaremma.it • Magliano in Toscana - “Note di notte” Concerto finale degli allievi nell’ambito di MusicAnticaMagliano nella Chiesa di San Martino alle 21.15, con ingresso ad offerta libera per la manutenzione dell’antica pieve, con degustazione di vini offerti dalla cantina della prestigiosa tenuta L’Ammiraglia dei Marchesi de’ Frescobaldi. Info sulla pagina Facebook MusicAnticaMagliano, o al 3495241324. • Manciano - Cartoon village organizzatore Consulta Giovani • Manciano - “La pittura rupestre” Attività didattica presso il Museo di Preistoria e Protostoria di Manciano • Marina di Grosseto - Marina Beach Contest Nel tratto di spiaggia tra gli stabilimenti balneari “Pineta” e “Sirena” - Campionato italiano di “Beach Volley – 2”, organizzato dalla società BeachVolleyMaremma Asd – Beach Vollet, con 64 atleti in gara. La storia in mostra alla Rocca di Frassinello ’azienda Rocca di Frassinello, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia della Toscana e l’Università di Firenze, prosegue il lavoro di riscoperta della necropoli etrusca di San Germano e inaugura una nuova mostra, “Vino e Lusso degli Etruschi di San Germano”. Un progetto di valorizzazione del territorio, indagine storica e promozione turistica e culturale nel cuore della Maremma. Nei pressi di Giuncarico, disegnata da Renzo Piano ed inaugurata nel 2007, Rocca di Frassinello è una delle cantine di eccellenza del territorio globale del vino, con vini pluripremiati a livello internazionale. Oggi Rocca di Frassinello è meta di visitatori appassionati di enologia, architettura, arte contemporanea (la cantina ospita in esibizione permanente un’opera di David LaChapelle) e non ultimo di archeologia. Questo perché dal 2015 l’azienda ha avviato un progetto per la valorizzazione e l’apertura al pub- blico della necropoli etrusca di San Germano, che si trova all’interno della proprietà. Già censito negli anni Settanta, questo importante sito archeologico è stato poi abbandonato fino a che il progetto condotto da Rocca di Frassinello, su stimolo e insieme alla Soprintendenza Archeologia della Toscana e all’Università di Firenze, non ne ha avviato il recupero. Esso testimonia uno dei più importanti insediamenti etruschi vicino all’antica città di Vetulonia ed è oggi una delle più rilevanti realtà archeologiche del territorio. Il 25 giugno è stata inaugurata a Rocca di Frassinello una nuova parte del parco archeologico, con l’apertura di 5 nuove tombe a tumulo databili tra VII e VI sec. a.C. ed un chilometro di sentiero pedonale aperto al pubblico. Contemporaneamente c’è stata come detto l’inaugurazione della mostra “Vino e Lusso degli Etruschi di San Germano”. In esposizione una serie di importanti reperti che raccontano, da un lato, la cura e l’attenzione degli Etruschi per il corpo e la bellezza femminile, dall’altra, come la vite ed il vino facessero parte di questa cultura e di questo territorio già oltre 2.500 anni fa. L’allestimento dell’esposizione è stata curata dall’architetto Italo Rota autore, fra le altre realizzazioni, del Museo del ‘900 di Milano, del Museo d’Orsay di Parigi, dei padiglioni del vino e del Kuwait all’Expo di Milano. Info: tel. 0566 88400. L’AGENDA • 87 L’AGENDA • Marina di Scarlino - Campionato Nazionale Contender Manifestazione velica organizzata dal Club Nautico Scarlino (fino al 9 luglio). Partenza presso la Marina di Scarlino. Info: Club Nautico Scarlino, tel. 0566 867051, www.clubnauticoscarlino.com • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 22.30 FUNK SOUL SUMMER “Stars of Soul” - Piazzale dei Rioni - Porto Santo Stefano • Roccatederighi (Roccastrada) – “Festa Country” In un ambientazione tipicamente country sarà presente il rodeo con il cavallo, il saloon, tiro con l’arco e tiro al bersaglio, tutto animato da musica e balli country. Sabato 9 sarà possibile partecipare alla passeggiata a cavallo. Il tutto a cura della Pro Loco Roccatederighi presso il Campo polivalente Via Gorizia. Info: tel. 0564 567244 • Roccastrada - “Piccoli Esploratori Il sabato mattina, a settimane alterne a partire dal 25 Giugno “Piccoli esploratori”. Trekking, costruzioni scout, laboratori natura con attività manuali, rifugi, gare di orienteering, percorsi avvincenti sul territorio, laboratori sui nodi... sono solo alcune delle attività previste, assistiti da guide naturalistiche abilitate sulla splendida terrazza del Museo della Vite e del Vino di Roccastrada e al Parco Comunale del Chiusone, con le guide abilitate del Museo della Vite e del Vino. Costo 5 euro/bimbo (solo al raggiungimento di 10 iscritti) Prenotazione obbligatoria: Laura tel. 327/3693504 • Scarlino - Estate 2016 Puntone Vecchio ore 21,30 - BUTTERI ALTA MAREMMA. Spettacolo equestre – a pagamento • Torniella (Roccastrada) – Concerto Concerto finale Allievi Masterclass Duo Biagini - Marzocchi a cura dell’Associazione Culturale La Farandola presso il Castello di Torniella ore 18,30. Info: tel. 366 6645707 DOMENICA 10 LUGLIO • Abbadia San Salvatore (Si) - Offerta dei Censi Rievocazione storica. Dame e cavalieri, mercanti e soldati, fanciulle danzanti e giovani atleti: per tre giorni (dall’8 al 10 luglio) la comunità badenga smette gli abiti contemporanei e torna a vestire quelli dei suoi avi ricostruendo nel cuore antico del paese la vita del “Castrum” medievale • Campiglia Marittima (Li) - Concerti alla Pieve Rassegna concertistica promossa dal Comune di Campiglia Marittima alla Pieve di San Giovanni e non solo - ore 19 Pieve di San Giovanni - Nel segno di Bach - EstrOrchestra - Chiara Morandi direttore e violino solista, Stefano Agostini flauto, Marco Montanelli clavicembalo. Musiche di J.S. Bach • Castiglione della Pescaia - Trofeo Fordiani Campionato Open Derive e Optimist. Manifestazione velica a cura del Club Velico Castiglione della Pescaia • Castiglione della Pescaia - Gli Eventi dell’estate alla Fattoria le Mortelle 88 • Maremma Magazine • Luglio 2016 L’estate si anima di eventi alla Fattoria Le Mortelle “Brunch all’ombra dei fichi”. Info & prenotazioni | visite@lemortelle.it – 0564 944003 - 347 46107040 • Manciano - Cartoon village organizzatore Consulta Giovani • Marina di Grosseto - Marina Beach Contest Nel tratto di spiaggia tra gli stabilimenti balneari “Pineta” e “Sirena” - Campionato italiano di “Beach Volley – 2”, organizzato dalla società BeachVolleyMaremma Asd – Beach Vollet, con 64 atleti in gara. • Massa Marittima - Toscana Foto Festival 2016 ore 21 Giardino di Norma Parenti - Let’s light the color of sound - performance con l’artista Ivan Falardi e il musicista Stefano Cocco Cantini, a cura di Samanta Buglia • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 18.00 CONSEGNA DEI GUZZI del Palio Marinaro dell’Argentario - Piazzale dei Rioni - Porto Santo Stefano • Porto Santo Stefano - Piero Pelù Concerto in Piazza dei Rioni ore 21,30 • Roccatederighi (Roccastrada) - Mostra La Rocca ore 17 ‘Incontro con l’arte’ di Mostra La Rocca • Roccatederighi (Roccastrada) – “Festa Country” In un ambientazione tipicamente country sarà presente il rodeo con il cavallo, il saloon, tiro con l’arco e tiro al bersaglio, tutto animato da musica e balli country. Il tutto a cura della Pro Loco Roccatederighi presso il Campo polivalente Via Gorizia. Info: tel. 0564 567244 • Scansano - Morellino Classica Festival Il Morellino ama la musica Festival Internazionale di Scansano organizzato dalla Associazione Culturale La Società della Musica con la direzione artistica di Antonio e Pietro Bonfilio. Programma: ore 06,00 Sito Etrusco Ghiaccioforte Scansano - Alba a Ghiaccioforte ORCHESTRA SINFONICA CITTÀ DI GROSSETO direttore GIANCARLO DI LORENZO violinista ABIGEILA VOSHTINA. Musiche di J. Haydn. Offerta libera. Info e biglietteria: tel. 0564 507982 cell. 349 5380069 - 348 8604536, www.morellinoclassicafestival.com • Scarlino - Vedetta JAZZ & EMOTION Rassegna musicale con la Direzione Artistica di Corrado Rossetti, presso il Relais Vedetta di Scarlino in loc. Poggio La Forcola. Tra dugustazioni a tavola e note. Info: www.relaisvedetta.eu • Sorano - Tradenda Folk Festival MONTORIO ore 08: 30 Passeggiata nella riserva di Castel Montorio con i “Custodi delle Vie Cave” per info contattare Stefano 0564-619067 - Enrico 3939266612; ore 13: 00 Degustazione piatti tipici; ore 15: 30 Conferenza “SCOPRENDO LE TERRE DEL TUFO - NUOVE PROSPETTIVE PER IL TURISMO NEL TERRITORIO” a cura di Tiziana Babbucci; ore 17: 00 Street Band di Pitigliano – TamDuri in concerto; ore 17: 30 Giochi Popolari; ore 18:30 Presentazione Libro di Mara Franci “Emersione dal Profondo” un viaggio alla ricerca dell’essere. PRESENTE L’AUTRICE E ARTURO COMASTRI, PRESIDENTE PROLOCO; ore 19:30 Bingo; ore 20: 00 Degustazioni piatti tipici locali; ore 21: 00 Mamma Li Turchi in concerto, pizziche, tammuriate e musiche del Sud Italia. • Torniella (Roccastrada) – Concerto Concerto finale Allievi Laboratorio di Canto Lirico Elisa Cenni a cura dell’Associazione Culturale La Farandola presso il Castello di Torniella ore 18,30. Info: tel. 366 6645707 LUNEDÌ 11 LUGLIO • Follonica – Eventi Estate 2016 Chiostro esterno del Teatro Fonderia Leopolda ore 21.30 - Serata letteraria SIMONE GIUSTI - Cambio verso. La poesia che ci serve a sopportare l’Italia. Letture a cura del CIRCOLO LAAV di Follonica. Ingresso libero MARTEDÌ 12 LUGLIO • Albinia (Orbetello) - Terre di Maremma Classia jazz festival con la direzione artistica del M° Marcello Appignani - ore 21:30 Antica Fattoria La Parrina DUO LOPRESTI – RIVA. Ingresso libero con contributo volontario. Info: tel. 0564 409105 • Follonica – Eventi Estate 2016 Chiostro esterno del Teatro Fonderia Leopolda ore 21.30 – GUAPPECARTÒ in concerto. Ingresso 6 Euro • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 22.30 B.I.S. BAND IN STRADA “Ida Landsberg & Simone Salvatore” - Piazzale dei Rioni - Porto Santo Stefano • Roccastrada - Trekking ai Canaloni del Farma Ogni martedi mattina Trekking ai Canaloni del Farma Per Friendly con le guide abilitate del Museo della Vite e del Vino di Roccastrada. Ritrovo re 9,30 Durata 3 h circa, costo 7 Euro/persona (solo al raggiungimento di 10 iscritti). Prenotazione obbligatoria c/o Museo della Vite e del Vino tel. 327/3693504 MERCOLEDÌ 13 LUGLIO • Follonica – Eventi Estate 2016 Piazza Sivieri ore 21.30 - FILARMONICA GIACOMO PUCCINI DI FOLLONICA in concerto. Ingresso libero • Roccastrada - Trekking “I due Castelli” Ogni mercoledi mattina Trekking “I due castelli” passeggiata da Roccatederighi a Sassoforte attraverso le antiche vie con le guide abilitate di “Maremma in bici”, via delle Cortine Roccatederighi. - Pet Friendly - Ritrovo ore 9,00 costo 7 euro/persona (solo al raggiungimento di 10 iscritti). Prenotazione obbligatoria c/o “Maremma in bici” tel. 0564/569660 o 347/9194958 • Roselle (Grosseto) - Butteri di Maremma - La leggenda continua… Eccezionale esibizione dei Butteri, gli ultimi mandriani a cavallo in Europa, che danno un saggio del loro lavoro quotidiano, presso la Fattoria il Marruchetone sulla strada dello Sbirro a Roselle (Grosseto) (ore 17.30). Info e prenotazioni: tel. 335 6511774, www.equinus.it LE SAGRE IN CORSO > fino a domenica 3 luglio nei week end (sabato e domenica) (dal 28 maggio) • Roselle (Grosseto) SAGRA DEL TORTELLO Manifestazione gastronomica a cura dell’A.C. Roselle presso gli impianti sportivi. Si tratta di un appuntamento ormai tradizionale, giunto alla 38esima edizione che offre anche diversi eventi collaterali, quali serate danzanti con musica dal vivo con orchestra (tutte le sere), manifestazioni sportive > fino a domenica 3 luglio (dal 28 giugno) • Capalbio SAGRA DEL VINO Stand gastronomici ed iniziative varie a cura del Circolo “Free Time” in loc. La Torricella (Capalbio) > fino a domenica 24 luglio nei week end (sabato e domenica) (dal 11 giugno) • Civitella M.ma (Civitella Paganico) CIVITELLA IN MUSICA Musica dal vivo (il sabato) e tanta buona cucina “Sulle note del gusto” presso il Campo Sportivo Comunale “G. Tonini”. Lo stand gastronomico dedicato agli gnocchi e al tartufo, apre i battenti alle ore 19,30. I concerti inizieranno alle ore 22,00. Tutte le manifestazioni sono a ingresso gratuito. Ampio parcheggio. Info e prenotazioni 338 4553358 / www.civitellainmusica.it > fino a domenica 31 luglio nei week end (dal venerdì alla domenica) (dal 24 giugno) • Rispescia (Grosseto) SAGRA DEL CINGHIALE Stand gastronomici, musica e ballo, presso il Campo Sportivo. Info: www.sagracinghialerispescia.it INIZIANO 5>10 luglio • Capalbio SAGRA DELLA BRUSCHETTA Stand gastronomici ed iniziative varie a cura del Circolo “Il Giardino” in loc. Giardino (Capalbio) 8>10 luglio • Ribolla (Roccastrada) FESTA DEGLI ANIMALI E SAGRA DEL PEPERONCINO RIBOLLINO Manifestazione a cura di A.V.R.A.I. in collaborazione con ass.sportiva Ribolla e circolo tennis Ribolla presso gli Impianti sportivi. Ristorante con prodotti tipici a base di peperoncino e non – Apericena. Concerto con la band “I matti delle Giuncaie” (8 luglio). Animalestro serata disco con DJ Marco Bresciani (10 luglio). Info: tel. 333/1304539 8-9-10 / 15-16-17 luglio • Sticciano Scalo (Roccastrada) 22° SAGRA DEGLI STROZZAPRETI E DEI PRODOTTI TIPICI MAREMMANI Degustazioni, spettacoli gratuiti, fiera di beneficenza, luna park e parco giochi per bambini, mostre ed esposizioni, ristorante (dalle 19.30). Info: www.prolocosticciano.it e-mail: prolocosticciano@gmail.com 9 luglio • Boccheggiano (Montieri) L’HAMBURGERATA Iniziativa a cura dell’Associazione “4Gatti” di Boccheggiano sotto ai castagni, presso il Campo Sportivo Comunale, dalle 19:30. Info: 333 4417471 - 3493737139 14>17 luglio • Capalbio LA BISTECCATA Stand gastronomici ed iniziative varie a cura del Circolo “Il Campo” in loc. Borgo Carige (Capalbio) 15-16-17 luglio • Poggio Murella (Manciano) 7° SAGRA DEL LUNGHINO Manifestazione gastronomica a cura della Pro Loco Poggio Murella 18>24 luglio • La Torba (Capalbio) SAGRA DEL PESCE Stand gastronomici ed iniziative varie a cura del Circolo “La Torbiera” 22-23-24 / 29-30-31 luglio • Ribolla (Roccastrada) SAGRA DELLA RIBOLLITA Ogni sera, sarà aperto uno stand ristorante che proporrà piatti della tradizione toscana, tra i quali quello della ribollita che dà il nome alla sagra. Il tutto a cura dell’ASD Comitato Festeggiamenti Ribolla 22>31 luglio • Porto Ercole (Monte Argentario) “VI SAGRA DELLA SARDELLA” A cura dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Circolo Tennis di Porto Ercole 26>31 luglio • Chiarone (Capalbio) SAGRA DELLA MAREMMA Stand gastronomici ed iniziative varie a cura del Circolo “Il Mare” 29>31 luglio • Roccastrada SAGRA DELLA PATATA Sagra gastronomica con specialità esclusivamente a base di patate. Info: tel. 339 3377353 29>31 luglio • Montenero d’Orcia (Castel del Piano) “BIRRAGUSTANDO” Tre giorni di eventi, degustazioni e ristorazione a cura della Pro Loco di Montenero presso il Parco Comunale di Montenero d’Orcia. Il Parco della Birra Artigianale. Info: tel. 348 7809374 – 347 2442395 29>31 luglio • Sorano TRA TUFO E BIRRA SORANO Stand enogastronomico aperto a pranzo e cena 30 luglio>9 agosto • Montemerano (Manciano) SAGRA DELLA TRIPPA A cura della Polisportiva Montemerano 1>7 agosto • Capalbio Scalo (Capalbio) FESTA DELLA BIRRA Stand gastronomici ed iniziative varie a cura della Pol. Capalbio L’AGENDA • 89 L’AGENDA Estate ricca di eventi all’Argentario. Il clou è Pelù! Ogni sera un evento, tra le piazze di Porto Santo Stefano e quelle di Porto Ercole. È questa, in sintesi, la filosofia che ha ispirato il ricco programma degli spettacoli dell’estate 2016 a Monte Argentario. GIOVEDÌ 14 LUGLIO • Follonica – Eventi Estate 2016 Chiostro esterno del Teatro Fonderia Leopolda ore 21.30 - Attilio Fontana - Siddhartha Prestinari SIRENE CONFUSE Spettacolo teatrale. Ingresso 6 Euro | Spiaggia di Levante ore 22.00 - Rassegna Follsonica – Prodotti Sonori tipici VOYAGE SONORE in concerto. Ingresso libero • Grosseto - “La Notte sì, ma di Giovedì” Evento a cura di Ascom Confcommercio Grosseto (in collaborazione con le attività del centro e con il patrocinio del Comune di Grosseto) con apertura serale dei vari negozi, iniziative musicali, spettacoli dal vivo offerti dai bar e dai locali, nelle piazze e nelle vie all’interno delle Mura • Roccastrada – Serata di degustazione sulla terrazza del Museo Ogni giovedi a partire dalle 20,30 serata di degustazione sulla terrazza del Museo della Vite e del Vino - Pet Friendly: programma dettagliato sulla pagina FB “Museo della Vite e del Vino di Roccastrada” Costo 15 Euro a persona (sconto ai partecipanti agli eventi trekking del pomeriggio). Prenotazione obbligatoria c/o Museo della Vite e del Vino tel. 0564/563376 oppure Cinzia tel. 334/8017656, Paola tel. 347/1857911 • Scarlino - Estate 2016 Scarlino-Castello ore 21,30 - L’ABBIAMO FATTA GROSSA. Rassegna cinematografica VENERDÌ 15 LUGLIO V enendo agli appuntamenti di maggior rilievo nel mese di luglio spicca senz’altro il concerto di Piero Pelù domenica 10 alle ore 21,30 in piazza dei Rioni. E poi tanti appuntamenti in preparazione del Palio Marinaro di Ferragosto, l’attesa consegna dei guzzi ai Rioni domenica 10 luglio, vari concerti della B.I.S. (Banda in Strada) l’1, 5, 12, 15, 16, 19, 22 e 26 luglio. Il 20 le selezioni di Miss Italia e dal 21 prendono il via i tornei di polo sul campo delle Piane. Il 22 e 23 torna Prosit! a Porto Ercole e il 23 e 24 avremo a Santo Stefano il torneo di basket all’aperto 3on3; dal 24 al 31 la mostra dei bambini che seguono il laboratorio di pittura di Mara Scotto, il 27 il concerto della locale cover band dei Nomadi, “Senza Patria” ed infine, il 30, lo show del comico Sergio Sbrilli. Agosto inizia con le feste del patrono Santo Stefano Protomartire, ovvero la processione la sera del 2 ed il Paliotto il 3. Il 5 tutti in spiaggia con il secondo Marinella Beach Party ed il 6 Festa del Cappello a Porto Ercole dove il giorno successivo, arrivano I Bindoli con la loro ultima fatica teatrale. Dal 9 al 25 ancora la frazione protagonista grazie ad una serata di lirica e ad una serie di eventi al Forte Stella. Dal 12 ci si tuffa nella magica atmosfera del Palio Marinaro (che culminerà con la disfida remiera il 15), il giorno 13, torna 90 • Maremma Magazine • Luglio 2016 alle Piane “Sealand”, kermesse tutta per i giovani. Il 19 e 20 sarà di Flower Power a Porto Ercole, il 21 giochi popolari a Porto Santo Stefano e dal 26 al 27, stesso luogo, “Notte delle Meraviglie” con tanti eventi. La stagione finisce qui? Niente affatto all’Argentario dove settembre si apre con l’ormai classico festival dedicato alla danza, quest’anno è “Argentario Urban Movement” dall’1 al 3, e prosegue con la Festa di fine estate il 3, il Guasi uguale show il 4 ed il campionato italiano di tiro con l’arco, dal 14 al 18, sul campo delle Piane. Infine, dal 7 al 9 ottobre, evento nazionale di subacquea. Il cartellone che accompagnerà l’estate argentarina di residenti e turisti è stato messo a punto dall’assessore alla Cultura e Turismo Fabrizio Arienti e da Chiara Orsini, consigliere delegata alle politiche giovanili. “Abbiamo realizzato una intensa e varia programmazione che va incontro ai gusti di tutti – sottolineano i due organizzatori – tenendo conto delle caratteristiche dei nostri centri e soprattutto coinvolgendo un po’ tutte le realtà associative che operano costantemente e con grande impegno all’Argentario; accanto alle tradizionali manifestazioni che si propongono ogni anno abbiamo voluto eventi di grande richiamo, soprattutto di sport, danza e musica, che ci auguriamo possano attrarre sul nostro territorio nuovi flussi turistici”. • Campiglia Marittima (Li) – STORIE DI CAMPIGLIA Visita guidata con racconto della vita nel medioevo a partire da piccoli e particolari oggetti esposti nel museo (il dado, il flautino, l’agnus dei) presso i Musei della Rocca di Campiglia Marittima ore 21.00. Per consultare l’intero calendario e verificare orari e date: www.parchivaldicornia.it. Info e prenotazioni: tel. 0565 226445. • Casteldelpiano – Eventi Estate 2016 Spettacolo “Musical Jesus Christ Superstar” in Piazza Madonna a cura della Nuova Pro Loco. Info: tel. 335 7695710 / 338 8691886 • Castiglione della Pescaia - Gli Eventi dell’estate alla Fattoria le Mortelle L’estate si anima di eventi alla Fattoria Le Mortelle - “Passeggiando tra vigne e lago al tramonto” segue aperitivo. Info & prenotazioni: visite@lemortelle.it – 0564 944003 - 347 46107040 • Follonica – Eventi Estate 2016 Teatro all’aperto “Le Ferriere” ore 21.30 - Vox Mundi Festival (Brasile) BIA GÓES “Todo Mundo Quer Dançar Baião” in concerto (degustazioni tipiche maremmane a fine spettacolo). Ingresso da 10 a 15 euro (diritti prevendita esclusi) • Follonica - Vox Mundi Festival Rassegna di Musiche del Mondo ideata e diretta da Carla Baldini e giunta quest’anno alla IX edizione con la direzione artistica di Carla Baldini - Teatro all’aperto Le Ferriere - Concerto della cantante brasiliana Bia Góes che, accompagnata da una band diretta da Ricardo Valverde, presenterà un concerto di forró pé de serra (forró tradizionale). A pagamento. Info: www.voxmundifestival.org, tel. 335 5849911 • Grosseto - Corse al galoppo in notturna Convegno di corse al galoppo in notturna, presso l’Ippodromo del Casalone (Via Aurelia antica). Info: tel. 0564/24214 • Manciano - Cinema Sotto le Stelle Rassegna a cura del Comune di Manciano in Piazza della Rampa • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 18.30 TEATRO IN FORTEZZA Commissione Pari Opportunità Fortezza Spagnola - Porto Santo Stefano | h 22.30 B.I.S. BAND IN STRADA “Riforma” - Piazzale dei Rioni - Porto Santo Stefano • Porto Santo Stefano (Argentario) – “Migrazioni” Spettacolo teatrale, liberamente ispirato a L’ultimo viaggio di Sindbad di Erri de Luca, con inserti da Agamennone di Eschilo, Le Troiane e Medea di Euripide presso la Fortezza Spagnola ore 18.00. Interpreti: Cosimo Postiglione, Mirio Tozzini, Enrica Pistolesi, Luca Pierini, Daniela Marretti, Irene Paoletti. Regia: Mario Fraschetti. Organizzato da Comune e Commissione Pari Opportunità del Comune di Monte Argentario. Ingresso gratuito. Info: tel. 392 0686787 – 347 5767459 • Rispescia (Grosseto) - Spettacolo con i Butteri della Maremma Anche per il 2016 ogni venerdì a luglio ed agosto l’agriturismo Giuncola e Granaiolo nel cuore del Parco della Maremma in loc. Giuncola a Rispescia (Alberese) ripropone il binomio tradizioni equestri e buona cucina dando vita ad un ricco ed articolato spettacolo con i Butteri seguito da un percorso enogastronomico, ovvero una cena con menù tipico maremmano “dall’antipasto al dolce” con prodotti di filiera corta e km 0 del Parco della Maremma (a partire dalle 19,45). Per info e prenotazioni: 0564 405922 - 335 6872981, www.giuncola.it, presenti su facebook • Roccatederighi (Roccastrada) - Mostra La Rocca ore 17 Visita guidata nel centro storico di Roccatederighi per scoprire ‘Il paese e la sua storia’ • Roccatederighi (Roccastrada) - “Europargentina” A spasso tra il XVII e il XXI secolo. Concerto del laboratorio d’Archi del Centro diffusione musica Tivoli a cura dell’Associazione Culturale La Farandola in collaborazione con Mostra La Rocca presso la chiesa di San Martino ore 21,30. Info: tel. 366 6645707 • Scarlino - Estate 2016 Scarlino Scalo Parco pubblico ore 21,30 - ODISSEA 2001. Saggio di danza • Tatti (Massa Marittima) - “A Tatti una parola in 20 atti - un paese che vi porta in giro... e che si prende in giro” - L’ACQUA Percorso teatrale itinerante organizzato dall’associazione “Con-Tatti” che si sviluppa in 20 scene per le vie e piazze del paese, scritto e interpretato dagli abitanti. Seconda edizione. Appuntamento alle scuole alle 21.15. Ingresso gratuito. Prenotazione obbligatoria allo 0566 912962 oppure 338 8072430 SABATO 16 LUGLIO • Capalbio - Estate a Capalbio 2016 “ Cartellone di appuntamenti a cura del Comune di Capalbio - Notti di Poesia - “Pier Paolo Pasolini” - Piazza Magenta, ore 21.30. Info: tel. 0564 897743/45 - 896611 • Casteldelpiano – Eventi Estate 2016 Festa Country & Raduno Cavalli (Contrada Borgo) al Campetto delle Scuole Medie • Magliano in Toscana - Premio Letterario per poeti Magliano in Toscana Cerimonia di premiazione della I edizione Premio Letterario per poeti Magliano in Toscana organizzato dal Comune di Magliano in Toscana, ore 18.00. Giuria presieduta dal Vice Sindaco Mirella Pastorelli e composta da Mirella Serri, giornalista e scrittrice, Francesca Ciardiello giornalista Tv9, Dianora Tinti giornalista e scrittrice • Manciano - “I cereali e la loro lavorazione” Attività didattica al Museo di Preistoria e Protostoria di Manciano • Manciano - Cinema Sotto le Stelle Rassegna a cura del Comune di Manciano in Piazza della Rampa • Marina di Grosseto - Marina Beach Contest Nel tratto di spiaggia tra gli stabilimenti balneari “Pineta” e “Sirena” - Trofeo “Città di Grosseto” - Flag Football, organizzato dalla società Veterans 81ers Grosseto di Football americano, che vedrà 10 squadre maschili con circa 120 atleti iscritti. • Marina di Grosseto - Marina Beach Contest Nel tratto di spiaggia tra gli stabilimenti balneari “Pineta” e “Sirena” - “Marina Fight Night”, con esibizioni a partire dalle ore 16 con dimostrazioni di discipline da contatto fino alle ore 01:00. • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 21.30 PRESENTAZIONE LIBRO “SANT’AGOSTINO ROSCELLI” a cura della Parrocchia di Santo Stefano Protomartire - Piazzetta Anseimi | h 22.30 B.I.S. BAND IN STRADA “Luoghi Comuni” - Piazzale dei Rioni • Roccatederighi (Roccastrada) - Mostra La Rocca Musica, teatro, danza e riflessione sui confini: ore 21.30 in Piazzetta Senesi - Protagonisti il teatro, la danza contemporanea e la grande poesia del Novecento interpretata in chiave musicale, con la serata ‘Umano, troppo umano’ in compagnia di Alessandro Certini, Patricia Bardi e Antonello Mendolia • Roccastrada - Trekking e Aperitivo ai Canaloni del Farma Con le guide abilitate del Museo della Vite e del Vino di Roccastrada ore 17,30; Pet Friendly - costo 10 euro a persona (solo al raggiungimento di 10 iscritti). Prenotazione obbligatoria c/o Museo della Vite e del Vino. Laura tel. 327/3693504 • Scansano - Morellino Classica Festival Il Morellino ama la musica Festival Internazionale di Scansano organizzato dalla Associazione Culturale La Società della Musica con la direzione artistica di Antonio e Pietro Bonfilio. Programma: ore 19,00 Castello di Montepò di Jacopo Biondi Santi - BAROCCO ENSEMBLE di BASILEA direttore e oboe solista OMAR ZOBOLI. Musiche di F. Couperin, A. Vivaldi, G. F. Haendel. Intero 18 euro ridotto 12 euro. Info e biglietteria: tel. 0564 507982 cell. 349 5380069 - 348 8604536, www.morellinoclassicafestival.com • Scarlino - Estate 2016 Scarlino- Centro storico, Piazza Garibaldi ore 21,30 - IL MIO NOME è BONDI... GIOVANNI BONDI. Spettacolo di cabaret • Sovana (Sorano) - NOTTI DELL’ARCHEOLOGIA Programma: ore 11.00 Museo di San Mamiliano “Il Ripostiglio di San Mamiliano a Sovana (Sorano – GR): 498 solidi da Onorio a Romolo Augusto”. Presentazione del catalogo a cura di Ermanno A.Arslan e Maria Angela Turchetti. Nell’occasione sarà possibile ammirare una parte del tesoro monetale mai esposto a Sovana. Le monete resteranno in mostra fino al 1 novembre. L’evento ha il patrocinio dell’Associazione “Borghi più belli d’Italia”. Giorno di chiusura mercoledì | ore 17.00 Necropoli etrusca di Sovana - “Interventi conservativi nelle necropoli NAVI, dal veliero alla portaerei: in mostra tre secoli di dipinti italiani NAVI – dal veliero alla portaerei, tre secoli di dipinti italiani” così è intitolata la mostra pittorica che il pomeriggio di venerdì 8 luglio prenderà il via presso la galleria ARTEMARE in corso Umberto 75-77 a Porto Santo Stefano, che vede in esposizione una collezione privata di ventidue opere dei più noti maestri marinisti del nostro paese del passato e del presente, i cui soggetti ritratti sono altrettanto famosi: dai primi piroscafi dell’ottocento alla Crown Princess, dalle navi della Regia Marina alla portaerei Cavour. “Il mare – si legge nelle note di presentazione – come luogo di battaglie, il mare come spettacolare paesaggio ma anche luogo di passioni e di lavoro degli uomini e delle donne è stato da sempre dipinto dagli artisti italiani. Nel nostro paese la rappresentazione del mare apparve nel tardo XVI secolo in particolar modo da parte degli artisti genovesi. Dal XIX secolo in poi numerosi artisti hanno fatto diventare il mare uno dei temi importanti dell’arte italiana. Ed è nell’ottocento che vengono coniati i termini marinismo e marinisti, termini che, mutuati dalla lingua anglosassone, riescono bene ad esprimere la fisionomia del genere pittorico. Si giunge così al XX secolo e alle grandiose mostre di “Arte Marinara” allestite a Roma a partire da quella del 1918 seguite poi da quelle più prestigiose al Palazzo delle Esposizioni negli anni 1926, 1927 e 1929. Negli anni quaranta poi a detto genere viene anche affidato l’arduo compito di propagandare l’efficienza dei mezzi militari e di illustrare gli eventi bellici sul mare. Negli ultimi tempi i quadri marinisti stanno conoscendo un nuovo momento di particolare fortuna grazie alle attività espositive e alle numerose aste in tema. L’odierno panorama artistico offre gli aspetti più vari di questa iconografia grazie alle continue competizioni degli yacht sul mare, all’avvento delle navi da crociera ultra moderne, all’attenzione ambientalista al “continente mare” e a tutte le gare sportive di ogni genere sull’acqua”. La mostra rimarrà aperta fino a domenica 31 luglio, tutti i giorni con orario 10-13 e 16-20.00, entrata libera. Info: tel. 0564 810336 - 339 6930708. L’AGENDA • 93 L’AGENDA etrusche di Sovana: finanziamenti Arcus 2012”. Visita guidata alle tombe monumentali con Pasquino Pallecchi Funzionario della SBAT. • Tatti (Massa Marittima) - “A Tatti una parola in 20 atti - un paese che vi porta in giro... e che si prende in giro” - L’ACQUA Percorso teatrale itinerante organizzato dall’associazione “Con-Tatti” che si sviluppa in 20 scene per le vie e piazze del paese, scritto e interpretato dagli abitanti. Seconda edizione. Appuntamento alle scuole alle 21.15. Ingresso gratuito. Prenotazione obbligatoria allo 0566 912962 oppure 338 8072430 anche Whatsapp oppure lamastrine@gmail.com. Numero chiuso 100 persone • Torniella (Roccastrada) – Suoniamo Insieme! Saluto della banda di Torniella - Concerto finale dei laboratori Orchestrale e Corale a cura dell’Associazione Culturale La Farandola ore 18,30. Info: tel. 366 6645707 DOMENICA 17 LUGLIO • Capalbio - Estate a Capalbio 2016 Cartellone di appuntamenti a cura del Comune di Capalbio – Notti di Poesia - “Paolo Conte” - Piazza Magenta, ore 21.30 • Casteldelpiano – Eventi Estate 2016 Festa Country & Raduno Cavalli (Contrada Borgo) al Campetto delle Scuole Medie | Trofeo Amiata 2016 di Slalom su Pattini in linea (UISP Neve - Pattinaggio/ Sci Club Lo Scoiattolo). Info: tel. 348 4427270 – 347 1437020 • Castiglione della Pescaia - Regata costiera Manifestazione velica (Campionato Altura) a cura del Club Velico Castiglione della Pescaia • Follonica – Eventi Estate 2016 Chiostro esterno del Teatro Fonderia Leopolda ore 21.30 - Serata letteraria - Cerimonia Premiazione Premio Letterario IL SALMASTRO 2016. Ingresso libero • Marina di Grosseto - Marina Beach Contest Nel tratto di spiaggia tra gli stabilimenti balneari “Pineta” e “Sirena” - Trofeo “Città di Grosseto” - Flag Football, organizzato dalla società Veterans 81ers Grosseto di Football americano, che vedrà 10 squadre maschili con circa 94 • Maremma Magazine • Luglio 2016 120 atleti iscritti. • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 22.30 FUNK SOUL SUMMER “Spaghettification” Piazzale dei Rioni • Roccatederighi (Roccastrada) - Mostra La Rocca Musica, teatro, danza e riflessione sui confini: ore 21.15 Piazzetta Senesi Convegno ‘Confini e Limiti: culture, ideologie, migrazioni’, dedicato al rapporto fra migrazioni, ideologie e culture in una visione geopolitica scevra di pregiudizi in compagnia di ospiti di livello locale, nazionale e internazionale. • Scarlino - Vedetta JAZZ & EMOTION Rassegna musicale con la Direzione Artistica di Corrado Rossetti, presso il Relais Vedetta di Scarlino in loc. Poggio La Forcola. Tra dugustazioni a tavola e note. Info: www.relaisvedetta.eu • Torniella (Roccastrada) - Cerimonia di chiusura del campus Cerimonia di chiusura del campus Torniella in Musica a cura dell’Associazione Culturale La Farandola presso il Castello di Torniella ore 11,30. Aperitivo offerto dalla Pro Loco Piloni – Torniella. Info: tel. 366 6645707 LUNEDÌ 18 LUGLIO • Campiglia Marittima (Li) - Concerti alla Pieve Rassegna concertistica promossa dal Comune di Campiglia Marittima alla Pieve di San Giovanni e non solo - ore 19 Sagrato della Chiesa di Sant’ Antonio - Ensemble di flauti Anemos. Musiche di F.J.Haydn, A. Vivaldi, J. B. de Boismortier • Follonica – Eventi Estate 2016 Chiostro esterno del Teatro Fonderia Leopolda ore 21.30 - Festival Chitarristico Internazionale “A. Mantovani” (Spagna) CARLOS PIÑANA (chitarra flamenca) MIGUEL ÁNGEL ORENGO (percussioni) “Flamenco”. Musiche originali di C. Piñana. Ingresso 6 Euro • Val di Cornia (Li) – Jazz in Piazza Cittadella Iniziativa a cura del Comune di Piombino in collaborazione con Parchi val di Cornia presso il Museo archeologico del Territorio di Populonia, ore 21.30. Possibilità di apericena e visita al museo al prezzo speciale di € 8,00. Per consultare l’intero calendario e verificare orari e date: www.parchivaldicornia.it. Info e prenotazioni: tel. 0565 226445. MARTEDÌ 19 LUGLIO • Capalbio - Estate a Capalbio 2016 Cartellone di appuntamenti a cura del Comune di Capalbio – CAVALLI E BUTTERI - “Circolo Scuola Cavalcanti di Maremma - Campo Sportivo di Capalbio” - NOTTI A CAVALLO – Raduno con passeggiate a cavallo sotto le stelle – aperto a tutti • Follonica – Eventi Estate 2016 Chiostro esterno del Teatro Fonderia Leopolda ore 21.30 - Festival Chitarristico Internazionale “A. Mantovani” CARLO AONZO (mandolino), ROBERTO MARGARITELLA (chitarra) - “Non solo Napoli”. Musiche di N. Paganini, J. Jensen. A. Piazzolla, C. Machado, K. Nagaoka Kaze. Ingresso 6 Euro • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 22.30 B.I.S. BAND IN STRADA “Radio Vintage” - Piazzale dei Rioni • Roccastrada - Trekking ai Canaloni del Farma Ogni martedi mattina Trekking ai Canaloni del Farma Per Friendly con le guide abilitate del Museo della Vite e del Vino di Roccastrada. Ritrovo re 9,30 Durata 3 h circa, costo 7 Euro/persona (solo al raggiungimento di 10 iscritti). Prenotazione obbligatoria c/o Museo della Vite e del Vino tel. 327/3693504 MERCOLEDÌ 20 LUGLIO • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 21.30 SELEZIONI MISS ITALIA - Piazzale dei Rioni • Roccastrada - Trekking “I due Castelli” Ogni mercoledi mattina Trekking “I due castelli” passeggiata da Roccatederighi a Sassoforte attraverso le antiche vie con le guide abilitate di “Maremma in bici”, via delle Cortine Roccatederighi. - Pet Friendly - Ritrovo ore 9,00 costo 7 euro/persona (solo al raggiungimento di 10 iscritti). Prenotazione obbligatoria c/o “Maremma in bici” tel. 0564/569660 o 347/9194958 • Roselle (Grosseto) - Butteri di Maremma - La leg- I MERCATINI ogni martedì, mercoledì, giovedì e sabato • Grosseto MERCATINO DI CAMPAGNA AMICA - FILIERA CORTA Mercato di prodotti locali (frutta, verdura, formaggi, ricotta, primo sale, olio, vino, zafferano, miele e grappa) da parte delle aziende agricole del territorio, promosso da Coldiretti. Location: ogni giovedì dalle ore 8.00 alle ore 13.00, nel Chiostro di San Francesco in Piazza San Francesco; ogni mercoledì e sabato dalle ore 8 alle ore 13 nel cortile del Sacro Cuore; ogni martedì e sabato dalle ore 8 alle ore 13 in via Roccastrada; ogni giovedì dalle ore 8 alle ore 13 presso il cortile della Chiesa del Cottolengo ogni martedì, giovedì e sabato • Grosseto MERCATO CONTADINO DELLA MAREMMA Mercato rionale promosso da CIA GROSSETO, che offre al consumatore la possibilità di acquistare direttamente nel suo quartiere i prodotti tipici della maremma di alta qualità. Gli appuntamenti si svolgono il martedì a Barbanella (Parcheggio della Fondazione Il Sole in viale Uranio), il giovedì a Gorarella (piazza Donatello, tra via Giotto e Viale Michelangelo) e il sabato nel quartiere “Cittadella” (parcheggio via Svizzeravia Repubblica Dominicana), sempre con orario 7.00-13.30. Info: tel. 0564462257 0564 452398 ogni giovedì • Grosseto MERCATO SETTIMANALE DELLA CITTÀ Consueto mercato settimanale in via Ximenes e p.zza del Mercato - ore 7.30-13.30 ogni venerdì • Follonica MERCATO SETTIMANALE Consueto mercato settimanale presso l’area mercatale appositamente ideata e costruita all’interno del Parco Centrale. ogni martedì e giovedì (da giugno ad agosto) • Grosseto LO SBARAZZO D’ESTATE Mercatino del collezionismo, antiquariato, usato, opere dell’ingegno riapre i battenti, presso la Fondazione Il Sole onlus via Uranio 40 (zona Verde Maremma), ogni martedì dei mesi di giugno, luglio e agosto dal primo pomeriggio fino alle 24.00. La particolarità sta nel fatto che chiunque può partecipare. Info: tel. 380 1939415 tutti i giovedì e venerdì di luglio • Principina a Mare “MERCATINO DELLE PULCI” Fiera dedicata ad artigianato ed oggettistica varia a cura di Confesercenti in viale Tirreno. Orario 9.00-24.00 2-3 luglio • Orbetello “ORBETELLO ANTIQUARIA” Tradizionale mercatino dell’antiquariato, modernariato, oggettistica e collezionismo vario per le vie del centro storico di Orbetello dalle ore 10:00 alle ore 20:00. Info: tel. 0564 860447 2-3 / 16-17 / 30-31 luglio • Capalbio MERCATINO Mercatino in piazza C. Giordano 3 luglio • Arcidosso MERCATINO DELLE PULCI Mercatino di artigianato e antiquariato, dell’arte e dell’ingegno in programma ogni prima domenica del mese da maggio ad ottobre presso il Parco del Pero. Info: tel. 0564 966438 8 luglio • Follonica NOTTE ROSA Mercatino di artigianato, antiquariato organizzato da Artingegno - Arti e Mestieri in Via Litoranea in occasione della Notte Rosa. Orario 16/24. Info: tel. 339 6234723 - 347 8709729 - www.artingegno.biz 15>17 luglio • Orbetello IL BUON MERCATINO Enoagroalimentare, degustazioni, artigianato, collezionismo presso i Giardini Chiusi 16-17 luglio • Marina di Grosseto “MAREMMA ANTIQUARIA” Fiera di antiquariato, artigianato ed oggettistica varia a cura di Confesercenti in via XXIV Maggio. Orario: dalle 9.00 alle 24.00. Info: tel. 0564 438815 – 328 4112702 23-24 luglio • Massa Marittima MOSTRA SCAMBIO DEI MINERALI E FOSSILI Giornata Internazionale alla 48esima edizione promossa dal Gruppo Mineralogico “B. Lotti” con il patrocinio di: Comune di Massa Marittima, Comunita Montana “Colline Metallifere” presso il Palazzo dell’Abbondanza. Info: tel. 0566 9012 44 - cell. 338 3986942 23-24 luglio • Porto Santo Stefano (Monte Argentario) “MERCATINO SUL MARE” Mercatino di antiquariato, artigianato e collezionismo, promosso (nell’ultimo weekend del mese) dall’Ass. Artingegno, con il patrocinio del Comune di Monte Argentario su Piazzale dei Rioni e sul Lungomare dei Navigatori (ore 18-24). Info: Alessandro tel. 347 8709729 www.artingegno.biz 23>29 luglio • Orbetello FESTA DI MEZZA ESTATE Artigianato, prodotti naturali ed enoagroalimentari Parco delle Crociere, in concomitanza con la Sagra della Tagliatella 24 luglio • Castel del Pianoa MERCATINO Mercatino dell’Antiquariato in Piazza Garibaldi 24 luglio • Castel del Piano “UNA DOMENICA DA CANI” A cura di Silvia Nieto – al Piazzone per tutta la giornata. All’interno della manifestazione si svolgerà nella piazza R.G. Carducci (Piazzone), la 5a esposizione Canina aperta a tutte le razze valida per il Campionato Provinciale e Regionale di bellezza F.I.D.C 29 luglio • Santa Fiora “FIERA DELLE SANTE FLORA E LUCILLA” Tradizionale Fiera in onore delle Sante Flora e Lucilla con processione accompagnata dalla Banda G. Pozzi di Santa Fiora L’AGENDA • 95 L’AGENDA Toscana Foto Festival, al via l’edizione 2016 Tutto pronto a Massa Marittima per la XXIV edizione del Toscana Foto Festival che quest’anno si presenta in una veste rinnovata. Non sarà più il Consorzio Amatur a gestirlo come negli anni passati, ma l’Amministrazione Comunale in collaborazione con il Gruppo Fotografico di Massa Marittima. U na riorganizzazione che accoglie la kermesse in versione ridotta rispetto al passato, ma che conserva appuntamenti interessanti. Sono previsti alcuni workshop che saranno gratuiti e aperti ai giovani artisti fino a trentacinque anni. L’obiettivo dell’Amministrazione è, infatti, quello di dare spazio a professionalità non ancora emerse e non solo ad artisti affermati. Ai workshop potranno partecipare un massimo di quindici persone. Si potranno iscrivere anche persone over trentacinque che saranno ammesse a partecipare solo in caso di iscrizioni degli under trentacinque inferiori a quindici. Il 3 luglio al Palazzo dell’Abbondanza verrà inaugurata la mostra del fotografo Ivan Falardi che resterà aperta fino al 20 luglio dal titolo “Let’s Light – La grammatica della luce”. Lo stesso fotografo il 4 luglio, dalle 9 alle 13 sempre al Palazzo dell’Abbondanza, terrà un workshop sul light painting, l’arte di dipingere con la luce, cioè disegnare tracce luminose controllando una torcia come se fosse un pennello, agendo in ambiente buio e servendosi di lunghi tempi di esposizione. A chi volesse partecipare si richiede la conoscenza di alcuni principi basilari della fotografia. Nei giorni 6 e 7 luglio dalle 9 alle 17 è previsto un workshop di Wikimedia Italia con un safari fotografico a Massa Marittima in preparazione della quinta edizione del concorso, gratuito e aperto a tutti, Wiki Loves Monuments 2016, che ha come obiettivo la classificazione del patrimonio culturale e artistico italiano. 96 • Maremma Magazine • Luglio 2016 L’8 luglio all’ex Convento delle Clarisse dalle 9 alle 17 è previsto un workshop di fotografia stenopeica, un’antica tecnica fotografica che sfrutta il principio della camera oscura per la riproduzione di immagini. Si tratta di un workshop curato dal Gruppo Fotografico BFI con il patrocinio della Federazione Italiana Associazioni Fotografiche. Un’altra iniziativa è in preparazione insieme alla Marina di Scarlino, la società che gestisce il Porto del Puntone: un concorso fotografico dedicato al tema dell’acqua che vedrà il coinvolgimento di Amref Health Africa, organizzazione sanitaria no profit, e dell’Acquedotto del Fiora che ne sarà sponsor. Ancora non è disponibile il bando, ma consigliamo di consultare il sito della Marina di Scarlino, www.marinadiscarlino.it Per chi fosse interessato a iscriversi ai workshop è necessario scaricare il modulo che si trova nella pagina Facebook ToscanaFotoFestival2016 e inviarlo alla mail: biblioteca@comune.massamarittima.gr.it, tel. 0566 906290. Sandra Poli genda continua… Eccezionale esibizione dei Butteri, gli ultimi mandriani a cavallo in Europa, che danno un saggio del loro lavoro quotidiano, presso la Fattoria il Marruchetone sulla strada dello Sbirro a Roselle (Grosseto) (ore 17.30). Info e prenotazioni: tel. 335 6511774, www.equinus.it GIOVEDÌ 21 LUGLIO • Follonica – Eventi Estate 2016 Sala Leopoldina del teatro Fonderia Leopolda ore 17 Nuove Figure – Festival di teatro per ragazzi Teatro del Corvo Milano - LABORATORIO DI COSTRUZIONE DI PUPAZZI DA PARATA. Partecipazione gratuita per max 25 bambini fino a 12 anni | Spiaggia di Levante ore 22.00 - Rassegna Follsonica – Prodotti Sonori tipici 21 GRAMMI in concerto. Ingresso libero • Grosseto - “La Notte sì, ma di Giovedì” Evento a cura di Ascom Confcommercio Grosseto (in collaborazione con le attività del centro e con il patrocinio del Comune di Grosseto) con apertura serale dei vari negozi, iniziative musicali, spettacoli dal vivo offerti dai bar e dai locali, nelle piazze e nelle vie all’interno delle Mura • Grosseto - Terre di Maremma Classia jazz festival con la direzione artistica del M° Marcello Appignani - ore 21:30 Proloco Grosseto - Troniera Mura Medicee - IDA LANDSBERG TRIO. Ingresso libero con contributo volontario. Info: tel. 0564 409105 • Monte Argentario - Silver Cup Gara di Polo presso l’Argentario Polo Club di Monte Argentario (fino al 24 luglio). Info: www.argentariopoloclub.com • Roccastrada – Serata di degustazione sulla terrazza del Museo Ogni giovedi a partire dalle 20,30 serata di degustazione sulla terrazza del Museo della Vite e del Vino - Pet Friendly: programma dettagliato sulla pagina FB “Museo della Vite e del Vino di Roccastrada” Costo 15 Euro a persona (sconto ai partecipanti agli eventi trekking del pomeriggio). Prenotazione obbligatoria c/o Museo della Vite e del Vino tel. 0564/563376 oppure Cinzia tel. 334/8017656, Paola tel. 347/1857911 • Scarlino - Estate 2016 Scarlino-Castello ore 21,30 - INTO THE WOODS. Rassegna cinematografica VENERDÌ 22 LUGLIO • Campiglia Marittima (Li) – MEDIOEVO IN COSTRUZIONE Sperimentare mestieri e arti costruttive intorno ad un castello medievale e scoprire la suggestione della vita quotidiana in una abitazione del tempo appositamente ricostruita presso il Parco archeominerario di San Silvestro. Per consultare l’intero calendario e verificare orari e date: www.parchivaldicornia.it. Info e prenotazioni: tel. 0565 226445. • Follonica – Eventi Estate 2016 Sala Leopoldina del teatro Fonderia Leopolda ore 17 Nuove Figure – Festival di teatro per ragazzi Teatro del Corvo Milano - LABORATORIO DI COSTRUZIONE DI PUPAZZI DA PARATA. Partecipazione gratuita per max 25 bambini fino a 12 anni | Teatro all’aperto “Le Ferriere” ore 21.30 - Vox Mundi Festival (Giappone) MASA DAIKO “Japanese Taiko Drummers” in concerto (degustazioni tipiche maremmane a fine spettacolo). Ingresso da 10 a 15 euro (diritti prevendita esclusi) • Follonica - Vox Mundi Festival Rassegna di Musiche del Mondo ideata e diretta da Carla Baldini e giunta quest’anno alla IX edizione con la direzione artistica di Carla Baldini - Teatro all’aperto Le Ferriere - I tamburi dei Samurai giapponesi con lo spettacolo “Japanese Taiko Drummers” dei Masa Daiko. A pagamento. Info: www.voxmundifestival.org, tel. 335 5849911 • Follonica – Carnevale estivo Carnevale estivo in Salciaina ore 21.30 (entrata libera) • Grosseto - Corse al galoppo in notturna Convegno di corse al galoppo in notturna, presso l’Ippodromo del Casalone (Via Aurelia antica). Info: tel. 0564/24214 • Manciano - Cinema Sotto le Stelle Rassegna a cura del Comune di Manciano in Piazza della Rampa • Massa Marittima - Dilettando Tappa con annessa registrazione dal vivo della popolare trasmissione di ToscanaTV e RadioSienaTV condotta e diretta da Carlo Sestini • Monte Argentario - Silver Cup Gara di Polo presso l’Argentario Polo Club di Monte Argentario (fino al 24 luglio). Info: www.argentariopoloclub.com • Montemassi (Roccastrada) - Notturno a Montemassi Storie e letture all’ombra del Castello ore 20,30. Con le guide abilitate del Museo della Vite e del Vino di Roccastrada - Pet Friendly. Costo 10 Euro a persona (solo al raggiungimento di 10 iscritti). Prenotazione obbligatoria c/o Museo della Vite e del Vino. Laura tel. 327/3693504 • Porto Ercole - Estate 2016 PROSIT Piazza Santa Barbara • Porto Santo Stefano - Estate 2016 CORRENDO SOTTO LE STELLE - Centro Storico | h 23.00 B.I.S. BAND IN STRADA “The Longboarders” Piazzale dei Rioni • Rispescia (Grosseto) - Spettacolo con i Butteri della Maremma Anche per il 2016 ogni venerdì a luglio ed agosto l’agriturismo Giuncola e Granaiolo nel cuore del Parco della Maremma in loc. Giuncola a Rispescia (Alberese) ripropone il binomio tradizioni equestri e buona cucina dando vita ad un ricco ed articolato spettacolo con i Butteri seguito da un percorso enogastronomico, ovvero una cena con menù tipico maremmano “dall’antipasto al dolce” con prodotti di filiera corta e km 0 del Parco della Maremma (a partire dalle 19,45). Per info e prenotazioni: 0564 405922 - 335 6872981, www.giuncola.it, presenti su facebook • Roccatederighi (Roccastrada) - Mostra La Rocca ore 21.30 Piazzetta Senesi - ‘Gong e Suoni... Corpo e Anima: oltre i confini attraverso il Suono’, performance olistico musicale di Luca Loreti attraverso il potere alchemico dei suoni ancestrali di Gong e altri strumenti primordiali • Roccastrada – Trebbiatura nell’aia Viene riproposta la vecchia trebbiatura del grano a fermo, ricreando l’ambiente rurale dell’aia contadina come esisteva una volta nel podere; sono presenti animali da T cortile e figuranti in costume; vengono coinvolti tutti i bambini da 3 a 15 anni. A cura del Comitato Trebbiatura nell’aia. Info: tel. 333/7102782 • Scarlino - Estate 2016 Scarlino Scalo Piazza Gramsci ore 21,30 - THE SEVENTIES - CHIC TRIBUTE BAND. Concerto Disco Dance 70/80 – Funk - Rock SABATO 23 LUGLIO • Castiglione della Pescaia – La Maremma dei Cantastorie Iniziativa promossa dal Comune di Castiglione della Pescaia e dall’Archivio delle Tradizioni Popolari della Maremma Grossetana, in ricordo di Eugenio Bargagli a cent’anni dalla nascita presso l’Orto del Lilli, ore 21. Presenta Giancarlo Capecchi. Partecipano Corrado Barontini, Mauro Chechi, David Vegni, Francesca Magdalena Giorgi, Lisetta Luchini, Martina Tosi, Banda del Torchio, Coro degli Etruschi, Paolo Nardini • Civitella Marittima – “Far finta di esser Gaber” Teatro canzone, canzoni Gaber, testi Cosimo Postiglione. Interpreti: Cosimo Postiglione, Luca Pierini, Mirio Tozzini. Chitarra: Paolo Mari. Regia: Cosimo Postiglione - Teatro della Sbaglio in coproduzione con Teatro Studio. Nell’ambito di “Civitella in musica” ore 21.30. Ingresso gratuito. Per informazioni 392 0686787 / 393 2157877 • Follonica – Eventi Estate 2016 Sala Leopoldina del teatro Fonderia Leopolda ore 10.30 - Nuove Figure - Festival di teatro per ragazzi Teatro del Corvo Milano - LABORATORIO DI COSTRUZIONE DI PUPAZZI DA PARATA. Partecipazione gratuita per max 25 bambini fino a 12 anni | Via Roma ore 18.00 Nuove Figure – Festival di teatro per ragazzi Teatro del Corvo Milano PARATA PER LE VIE DEL CENTRO CON I PUPAZZI COSTRUITI AI LABORATORI DEL TEATRO DEL CORVO DI MILANO. Ingresso libero | Chiostro esterno del Teatro Fonderia Leopolda ore 21.30 - Festival Chitarristico Internazionale “A. Mantovani” (Spagna) JOAQUIN PALOMARES (violino) FERNANDO ESPÍ (chitarra) “Virtuosi a 10 corde”. Musiche di C. Machado, F. C. Tavolaro, Y. Yococ, L. Boutros, A. Piazzolla. Ingresso 6 Euro • Marina di Grosseto - Marina Beach Contest Nel tratto di spiaggia tra gli stabilimenti balneari “Pineta” e “Sirena” - EBT Beach Handball – Tappa circuito europeo a invito, con l’organizzazione della Asd Pallamano Grosseto, 8 squadre maschili e 8 squadre femminili con circa 160 atleti si sfideranno dalle ore 9 alle 21. • Marsiliana (Manciano) - Vivamus Evento di promozione territoriale enogastronomico e folkloristico organizzato dall’assessorato al Turismo del Comune di Manciano in collaborazione con le pro loco delle frazioni coinvolte • Monte Argentario - Silver Cup Gara di Polo presso l’Argentario Polo Club di Monte Argentario (fino al 24 luglio). Info: www.argentariopoloclub.com • Montemassi (Roccastrada) - “Nessun Dorma...” Montemassi in Lirica Concerto di arie d’opera tratte dal più famoso repertorio italian, arie da camera ed arie napoletane a cura del Circolo ARCI Montemassi in collaborazione con Associazione L’Unicorno ore 21,00. Artisti: Simona Parra (soprano) - Simone Mugnaini (tenore) - Ettore Candela (pianoforte). Ingresso a pagamento con degustazione prodotti tipici e vini locali inclusi nel prezzo). Info: tel. 347 7721277 • Porto Ercole - Estate 2016 PROSIT Piazza Santa Barbara • Porto Santo Stefano - Estate 2016 24° TORNEO DI BASKET “ARGENTARIO 30N3” - Campo esterno Scuole Elementari • Roccastrada – Trebbiatura nell’aia Viene riproposta la vecchia trebbiatura del grano a fermo, ricreando l’ambiente rurale dell’aia contadina come esisteva una volta nel podere; sono presenti animali da cortile e figuranti in costume; vengono coinvolti tutti i bambini da 3 a 15 anni. A cura del Comitato Trebbiatura nell’aia. Info: tel. 333/7102782 Arte & Vino, binomio perfetto a Capalbio orna anche quest’anno ARTE & VINO, ovvero la mostra di installazioni e sculture diffusa sul territorio del comune capalbiese (ed in particolare in dieci cantine) promossa dall’Associazione Culturale IL FRANTOIO con il coordinamento ed il patrocinio del Comune di Capalbio. L’inaugurazione è avvenuta in occasione della grande degustazione di vini, e non solo, delle otto aziende del territorio unite nell’associazione Capalbio è Vino, che si è svolta in piazza Magenta, cuore di Capalbio, il 18 giugno scorso, si inaugura ARTE & VINO. Ogni cantina dell’Associazione Capalbio è Vino ospita un artista per l’intera stagione contribuendo a creare una mappatura dell’Arte e del Gusto sollecitando la curiosità del visitatore che viene stimolato ad intraprendere un itinerario precostituito con l’aiuto di una cartina e di banner collocati all’ingresso delle cantine. Nel dettaglio: BorgoCiro ospita Antonio Tommaso Lazari con Maternità 1968, calco di resina; La Vigna sul Mare ospita Bruno Pellegrino con Due Gamberi 2015, ferro;Tenuta Monteti ospita Valeria Ambi con Verso il Cielo 2016 site specific, acciaio, nastri, carte; Cantina Elisa ospita Andrea Noviello con Autoritratto 2016, schiuma poliuretanica, rete metallica, vernice spray; Il Ponte ospita Lea Monetti con Baccante 2012, bronzo; Tenuta Villa Pinciana ospita Luca Trevisani con Devi urlare in un bosco per sentire l’eco, 2013 site specific; Monteverro ospita Matteo Nasini con Gran Bazar Sciarada 2015, materiale vario; Il Cerchio ospita Dimitri Angelini con Ne’ Ciclico Ne’ Lineare 2016, installazione fotografica site specific su PVC «“Il vino è il condensato di un territorio, di una cultura, di uno stile di vita”. E. Hemingway. Mille frasi – sottolineano gli ideatori del percorso eno-artistico attraverso il territorio e le cantine di Capalbio – si sono spese per descrivere il vino. Il vino è sicuramente un fattore culturale, che racchiude in sé, nei colori e nei sapori, la storia e la cultura di una terra. Presuppone, inoltre, animi votati alla bellezza, alla meditazione, per dar vita a un capolavoro. E se avere senso estetico vuol dire saper lavorare la mate- ria fino ad estrarne tutta la bellezza poco sembra separare la creazione artistica propriamente detta da quella che l’enologo porta avanti nelle cantine e, ancora prima, nei vigneti. Arte e Vino, già sottilmente legati da un filo invisibile, si fondono e confondono in questo progetto, interagendo e contaminandosi. Sono stati così invitati diversi artisti a collocare temporaneamente le loro opere negli spazi sia esterni che interni delle aziende vitivinicole per creare una mappatura dell’Arte e del Gusto sollecitando la curiosità del visitatore». Le varie installazioni rimarranno in essere fino al 30 settembre. Info: tel. 335 7504436. L’AGENDA • 99 L’AGENDA • Roccastrada - “Piccoli Esploratori Il sabato mattina, a settimane alterne a partire dal 25 Giugno “Piccoli esploratori”. Trekking, costruzioni scout, laboratori natura con attività manuali, rifugi, gare di orienteering, percorsi avvincenti sul territorio, laboratori sui nodi... sono solo alcune delle attività previste, assistiti da guide naturalistiche abilitate sulla splendida terrazza del Museo della Vite e del Vino di Roccastrada e al Parco Comunale del Chiusone, con le guide abilitate del Museo della Vite e del Vino. Costo 5 euro/bimbo (solo al raggiungimento di 10 iscritti) Prenotazione obbligatoria: Laura tel. 327/3693504 • Saturnia (Manciano) - Vivamus a Marsiliana “Lo scavo Archeologico” Attività didattica al Museo Archeologico a cura del Comune di Manciano • Scarlino - Estate 2016 Scarlino-Castello CASTELLO D’AUTORE ore 21,30 - ORTORCHESTRA REGIONALE TOSCANA Fiati all’Opera – Quintetto a fiati e voce recitante • Sovana (Sorano) - NOTTI DELL’ARCHEOLOGIA Programma: Necropoli Etrusca di Sovana ore 16.30 “Il passato in quattro passi. Dagli Etruschi ai longobardi” Appuntamento presso la biglietteria della necropoli etrusca, visita alle tombe Ildebranda e Demoni alati, passeggiata attraverso le vie cave fino alla villa romana della Biagiola, visita dello scavo in corso con gli archeologi e aperitivo offerto dall’Azienda vitivinicola della Biagiola patrona dell’indagine archeologica | ore 19.30 partenza per il rientro alla necropoli etrusca. La partecipazione è gratuita DOMENICA 24 LUGLIO • Campiglia Marittima (Li) - Concerti alla Pieve Rassegna concertistica promossa dal Comune di Campiglia Marittima alla Pieve di San Giovanni e non solo - ore 18 Pieve di San Giovanni - Duo DissonAnce - Roberto Caberlotto, fisarmonica, Gilberto Meneghin, fisarmonica. Musiche di Bach, Piazzolla. In collaborazione con Associazione corale Voci di Santa Luce • Capalbio - Estate a Capalbio 2016 100 • Maremma Magazine • Luglio 2016 Cartellone di appuntamenti a cura del Comune di Capalbio – CAVALLI E BUTTERI - “Circolo Scuola Cavalcanti di Maremma - Campo Sportivo di Capalbio” - TORNEO DEI BUTTERI – Torneo in notturna con giochi equestri e di abilità tra i butteri della Maremma Tosco-Laziale • Casteldelpiano – Eventi Estate 2016 “Una Domenica da Cani” a cura di Silvia Nieto – al Piazzone per tutta la giornata. All’interno della manifestazione si svolgerà nella piazza R.G. Carducci (Piazzone), la 5a esposizione Canina aperta a tutte le razze valida per il Campionato Provinciale e Regionale di bellezza F.I.D.C - Mercatino dell’Antiquariato in Piazza Garibaldi • Castiglione della Pescaia - Trofeo Fordiani Campionato Open Derive e Optimist. Manifestazione velica a cura del Club Velico Castiglione della Pescaia • Follonica – Eventi Estate 2016 Chiostro esterno del Teatro Fonderia Leopolda ore 21.30 - Festival Chitarristico Internazionale “A. Mantovani” (Portogallo) 5G5C PORTUGAL GUITAR QUINTET “Risonanza dell’Atlantico”. Musiche di J. Dowland, M. De Falla, F. Lapa, S. Avezedo, E. Nazareth. Ingresso 6 Euro • Marina di Grosseto - Marina Beach Contest Nel tratto di spiaggia tra gli stabilimenti balneari “Pineta” e “Sirena” - EBT Beach Handball – Tappa circuito europeo a invito, con l’organizzazione della Asd Pallamano Grosseto, 8 squadre maschili e 8 squadre femminili con circa 160 atleti si sfideranno dalle ore 9 alle 21. • Monte Argentario - Silver Cup Gara di Polo presso l’Argentario Polo Club di Monte Argentario (fino al 24 luglio). Info: www.argentariopoloclub.com • Porto Santo Stefano - Estate 2016 24° TORNEO DI BASKET “ARGENTARIO 30N3” - Campo esterno Scuole Elementari • Roccastrada – Trebbiatura nell’aia Viene riproposta la vecchia trebbiatura del grano a fermo, ricreando l’ambiente rurale dell’aia contadina come esisteva una volta nel podere; sono presenti animali da cortile e figuranti in costume; vengono coinvolti tutti i bambini da 3 a 15 anni. A cura del Comitato Trebbiatura nell’aia. Info: tel. 333/7102782 • Roccatederighi (Roccastrada) - Bike Tour dei Castelli Escursione in mtb per perone mediamente esperte, con le guide abilitate di “Maremma in bici”, Via delle Cortine a Roccatederighi ore 9,00. Costo 10 euro/persona (solo al raggiungimento di 8 iscritti, possibilità di pranzare all’agriturismo Il Bettarello su prenotazione 0564/577582). Prenotazione obbligatoria due giorni prima dell’evento c/o “Maremma in bici” tel. 0564/569660 o 347/9194958 • Roccatederighi (Roccastrada) - Mostra La Rocca ore 21.00 Piazzetta Senesi - Cena finale in Piazzetta Senesi, con spazio a sapori e prodotti del territorio maremmano. • San Martino sul Fiora (Manciano) - Festa di Sat’Anna A cura della Pro Loco San Martino • Scansano - Morellino Classica Festival Festival Internazionale di Scansano organizzato dalla Associazione Culturale La Società della Musica con la direzione artistica di Antonio e Pietro Bonfilio. Programma: ore 19,00 Sasseta Alta Agribenessere Scansano MASCOULISSE QUARTET Ensemble di tromboni. Musiche da G. P. da Palestrina a E. Morricone. Intero 18 euro ridotto 12 euro. Info e biglietteria: tel. 0564 507982 cell. 349 5380069 - 348 8604536, www.morellinoclassicafestival.com • Scarlino - Estate 2016 Scarlino, Puntone ore 21,30 - Nuove figure festival internazionale di teatro di figura di strada e per ragazzi. IL CIRCO DELLE COSE DA NIENTE – Compagnia Teatro del Corvo (Milano) LUNEDÌ 25 LUGLIO • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 22.30 B.I.S. BAND IN STRADA “Ballroom Story Band” - Piazzale dei Rioni • Scarlino - Vedetta JAZZ & EMOTION Rassegna musicale con la Direzione Artistica di Corrado Rossetti, presso il Relais Vedetta di Scarlino in loc. Poggio LE MOSTRE IN CORSO • Capalbio MOSTRE AL CASTELLO Palazzo Collacchioni. Orario: 10/13.0017.00/23.00 > fino a domenica 10 luglio (dal 25 giugno) • Porto Santo Stefano “SOTTACQUA” Mostra fotografica di Marco Solari - Ass. Art Day - Le Cisterne della Fortezza > fino a domenica 10 luglio (dal 2 giugno) • Capalbio LE TENTAZIONI DELLA PITTURA Mostra personale di Bruno Pellegrino a cura di Davide Sarchioni presso la Galleria d’arte Il Frantoio. Info: 335 75.04.436 > fino a domenica 24 luglio (dal 22 giugno) • Porto Santo Stefano L’ACQUA E I SUOI COLORI Mostra fotografica presso la Fortezza Spagnola > fino a domenica 24 luglio (dal 18 giugno) • Roccatederighi (Roccastrada) “MOSTRA LA ROCCA 2016” Rassegna di Arti e Cultura alla ottava edizione nel suggestivo borgo medievale. Info: tel. 392 3212061, www.mostralarocca.it > fino a domenica 31 luglio (dal 29 maggio) • Alberese (Grosseto) “EFFETTO TERRA- BIODIVERSITÀ” Mostra fotografica presso il Centro Visite del Parco regionale della Maremma nei locali dell’ex frantoio. > fino a domenica 11 settembre (dal 25 marzo) • Grosseto GROSSETO 900 Mostra temporanea che inaugura lo spazio di Clarisse Arte – gestito dal Cedav della Fondazione Grosseto Cultura > fino a domenica 18 settembre (dal 30 aprile) • Massa Marittima IL MUSEO CHE NON VEDI. LA QUADRERIA COMUNALE Esposizione di tele rimaste “invisibili” per 40 anni, presso il Complesso Museale di San Pietro all’Orto in Corso Diaz, 36. Info: tel. 0566 906292 > fino a venerdì 30 settembre (dal 27 giugno 2015) PROROGATA • Grosseto I ROMANI DI ALBERESE: UNO SCAVO ARCHEOLOGICO NEL PARCO DELLA MAREMMA In mostra presso la sede del Centro Visite del Parco ad Alberese, via del Bersagliere 7/9 circa 200 reperti, ritrovati negli scavi di Scoglietto e Spolverino. Info: 0564 407098 > fino a domenica 30 settembre (dal 18 giugno) • Capalbio ARTE & VINO Mostra di installazioni e sculture diffusa sul territorio del comune capalbiese nelle diverse cantine del territorio a cura dell’associazione Capalbio è Vino. > fino a marzo 2017 (dal 6 maggio 2016) • Massa Marittima LE VIE DI AMBROGIO Ambrogio Lorenzetti e l’arte sacra lungo le vie commerciali della Maremma Senese. Mostra presso il Complesso museale di San Pietro all’Orto. Info: 0566 902289 INIZIANO 3-10 luglio • Alberese (Grosseto) VENERABILE PADRE GIOVANNI NICOLUCCI, APOSTOLO DELLA MAREMMA E MODELLO DI MISERICORDIA Mostra itinerante dedicata alla vita esemplare del Venerabile Padre Giovanni Nicolucci da San Guglielmo presso la parrocchia di Alberese 4>20 luglio • Massa Marittima IVAN FALARDI LET’S LIGHT TOSCANA FOTO FESTIVAL LA GRAMMATICA DELLA LUCE Mostra a cura di Beatrice Audrito da un’idea di Riccardo Zipoli nell’ambito del Toscana Foto Festival 2016 presso il Palazzo dell’Abbondanza. Info: tel. 0566 906290 8>31 luglio • Porto Santo Stefano “NAVI – DAL VELIERO ALLA PORTAEREI, TRE SECOLI DI DIPINTI ITALIANI” Mostra pittorica presso la galleria ARTEMARE in corso Umberto 75-77. Info: tel. 056 4810336 – 339 6930708 15-18 luglio • Punta Ala (Castiglione della Pescaia) VENERABILE PADRE GIOVANNI NICOLUCCI, APOSTOLO DELLA MAREMMA E MODELLO DI MISERICORDIA Mostra itinerante dedicata alla vita esemplare del Venerabile Padre Giovanni Nicolucci da San Guglielmo presso la parrocchia di Punta Ala 16 luglio>11 settembre • Capalbio MOSTRA D’ARTE COLLETTIVA A cura di Davide Sarchioni presso la Galleria Il Frantoio 16 luglio>2ottobre • Follonica OFFICINA DELLE IDEE FOLLONICA A cura di Karin Gravassa presso la Pinacoteca civica | HEART -SHAPED BOX - Mostra ed interventi urbani – OPIEMME: +Installazione luminosa, Museo Magma, Area ex Ilva; +Wall Painting, Casello Idraulico, via Roma; +Exibition, Pinacoteca Civica | MATTEO UFOCINQUE CAPOBIANCO: +Project Room, Pinacoteca civica 16 luglio>1 novembre • Sovana (Sorano) “IL RIPOSTIGLIO DI SAN MAMILIANO A SOVANA (SORANO – GR): 498 SOLIDI DA ONORIO A ROMOLO AUGUSTO” Mostra di una parte del tesoro monetale mai esposto a Sovana presso il Museo di San Mamiliano 23 luglio>4settembre • Scarlino APPRODO AL FARO Mostra collettiva d’arte al Puntone presso la Galleria Porto Marina di Scarlino 24>31 luglio • Porto Santo Stefano MARA SCOTTO Mostra di disegni dei bambini partecipanti ai laboratori invernali - Le Cisterne della Fortezza 30 luglio>18 agosto • Porto Santo Stefano EDUARDO FIORITO Mostra personale presso la Fortezza Spagnola L’AGENDA • 101 L’AGENDA I Concerti della Pieve 2016 si aprono al territorio Un ricco programma che toccherà anche il parco archeominerario nel suo ventennale e la chiesa di S. Antonio. Dopo il debutto come da tradizione, nel giorno di San Giovanni, la rassegna entra nel vivo a luglio con altri cinque appuntamenti N ell’anno del Giubileo della Misericordia e del ventennale dall’apertura del Parco Archeominerario di San Silvestro, la prestigiosa rassegna concertistica alla Pieve di San Giovanni promossa dal Comune di Campiglia Marittima in collaborazione con la società Parchi Val di Cornia e l’Associazione Autorivari, allarga gli orizzonti, coinvolge altri soggetti e porta la magia della musica in un raggio più ampio. Per consolidare la rassegna che il comune di Campiglia Marittima ha lanciato nel 2011, in occasione dell’inaugurazione della restaurata pieve romanica di San Giovanni, quest’anno l’amministrazione comunale ha voluto assicurare all’iniziativa che negli anni scorsi ha raccolto sempre maggiori consensi da parte del pubblico, un più ampio respiro artistico attraverso la preziosa collaborazione con il professor Stefano Agostini, docente dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “P. Mascagni” di Livorno, di cui è stato anche direttore. L’edizione 2016, come da tradizione, ha preso avvio nel giorno di San Giovanni, il 24 giugno, per proseguire con altri cinque appuntamenti nel mese di luglio. Soddisfatta la sindaca di Campiglia Marittima Rossana Soffritti che rivolge sempre un’attenzione particolare alla cultura musicale e afferma: “I nostri concerti della Pieve sono sempre stati un’offerta culturale di ampio respiro e lo sono a maggior ragione quest’anno. Sono davvero soddisfatta 102 • Maremma Magazine • Luglio 2016 del programma e ringrazio tutti coloro che lo rendono possibile. Sono molto contenta anche dell’anteprima che ha reso omaggio a un piccolo gioiello restaurato, la chiesina di S. Lucia, e al tempo stesso ci ha fatto conoscere delle giovani promesse dell’Istituto Mascagni di Livorno”. Questi gli appuntamenti di luglio: Domenica 3: ore 19 Pieve di San Giovanni, Orchestra dell’Istituto Superiore di Studi Musicali Pietro Mascagni, direttore Lorenzo Sbaffi, Flavio Cucchi chitarra, Ilaria Casai soprano, Ashkan Shajarian baritono; musiche di G. Donizetti, Rodrigo, R. Strauss Mercoledì 6: ore 19 Rocca di san Silvestro (alle ore 18 è prevista la visita alla Rocca medievale), Quintetto di Ottoni Gabrieli Domenica 10: ore 19 Pieve di San Giovanni, Nel segno di Bach con EstrOrchestra, Chiara Morandi direttore e violino solista, Stefano Agostini flauto, Marco Montanelli clavicembalo; musiche di J.S. Bach Lunedì 18: ore 19 Sagrato della Chiesa di Sant’Antonio, Ensemble di flauti Anemos; musiche di F.J.Haydn,A.Vivaldi, J. B. de Boismortier Domenica 24: ore 18 Pieve di San Giovanni, Duo DissonAnce, Roberto Caberlotto, fisarmonica, Gilberto Meneghin, fisarmonica; musiche di Bach, Piazzolla. In collaborazione con Associazione corale Voci di Santa Luce. Info: tel. 055 9758933 La Forcola. Tra dugustazioni a tavola e note. Info: www.relaisvedetta.eu MARTEDÌ 26 LUGLIO • Follonica – Eventi Estate 2016 Chiostro esterno del Teatro Fonderia Leopolda ore 21.30 - Serata letteraria Associazione “Occhio dell’Arte” “…E LO CHIAMERAI DESTINO” Un dialogo tra il Conscio e l’Inconscio, con MARCO TULLIO BARBONI, scrittore, GIOVANNI MASOTTI, giornalista RAI. Letture a cura del CIRCOLO LAAV di Follonica. Ingresso libero • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 21.30 CONCERTO DE “I SENZA PATRIA” COVER BAND DEI NOMADI - Piazzetta Anselmi • Roccastrada - Trekking ai Canaloni del Farma Ogni martedi mattina Trekking ai Canaloni del Farma Per Friendly con le guide abilitate del Museo della Vite e del Vino di Roccastrada. Ritrovo re 9,30 Durata 3 h circa, costo 7 Euro/persona (solo al raggiungimento di 10 iscritti). Prenotazione obbligatoria c/o Museo della Vite e del Vino tel. 327/3693504 • Santa Fiora - Dilettando Tappa con annessa registrazione dal vivo della popolare trasmissione di ToscanaTV e RadioSienaTV condotta e diretta da Carlo Sestini MERCOLEDÌ 27 LUGLIO • Follonica – Eventi Estate 2016 Chiostro esterno del Teatro Fonderia Leopolda ore 21.30 - Nuove Figure – Festival di teatro per ragazzi SARÀ BUONO DA MANGIARE? spettacolo di burattini a guanto e musica. Compagnia Gino Balestrino (Genova) di e con Gino Balestrino • Monte Argentario – Gare di Polo Gare di Polo (Coppa d’Oro Monte Argentario hp 6-10 e Torneo Junior) presso l’Argentario Polo Club di Monte Argentario (fino al 31 luglio). Info: www.argentariopoloclub.com • Roccastrada - Trekking “I due Castelli” Ogni mercoledi mattina Trekking “I due castelli” passeggiata da Roccatederighi a Sassoforte attraverso le antiche vie con le guide abilitate di “Maremma in bici”, via delle Cortine Roccatederighi. - Pet Friendly - Ritrovo ore 9,00 costo 7 euro/persona (solo al raggiungimento di 10 iscritti). Prenotazione obbligatoria c/o “Maremma in bici” tel. 0564/569660 o 347/9194958 • Roselle (Grosseto) - Butteri di Maremma - La leggenda continua… Eccezionale esibizione dei Butteri, gli ultimi mandriani a cavallo in Europa, che danno un saggio del loro lavoro quotidiano, presso la Fattoria il Marruchetone sulla strada dello Sbirro a Roselle (Grosseto) (ore 17.30). Info e prenotazioni: tel. 335 6511774, www.equinus.it GIOVEDÌ 28 LUGLIO • Cinigiano - Amiata Piano Festival 2016 Rassegna concertistica nella cornice del Forum Fondazione Bertarelli di Poggi del Sasso, Cinigiano (Gr). Inizio: ore 19.00. Ingresso € 20 intero con degustazione, durante l’intervallo, dei vini della Cantina ColleMassari. Programma: EUTERPE - Pascal Moragues: clarinetto; Francesco Bossone: fagotto; Guido Corti: corno; Sasha Rozhdestvensky: violino I; Roberto Baraldi: violino II; Francesco Fiore: viola; Silvia Chiesa: violoncello; Alberto Bocini: contrabbasso. Schubert (Ottetto in Fa maggiore op. 166 D. 803). Prevendite e prenotazioni: www.boxofficetoscana.it, tickets@amiatapianofestival.com – tel. + 39 339 4420336. Info: www.amiatapianofestival.com • Follonica – Eventi Estate 2016 Chiostro esterno del Teatro Fonderia Leopolda ore 21.30 - MADAUS “La macchina del tempo” Teatro – concerto. Ingresso 6 Euro • Grosseto - “La Notte sì, ma di Giovedì” Evento a cura di Ascom Confcommercio Grosseto (in collaborazione con le attività del centro e con il patrocinio del Comune di Grosseto) con apertura serale dei vari negozi, iniziative musicali, spettacoli dal vivo offerti dai bar e dai locali, nelle piazze e nelle vie all’interno delle Mura • Grosseto - Terre di Maremma Classia jazz festival con la direzione artistica del M° Marcello Appignani - ore 21:30 Proloco Grosseto - Troniera Mura Medicee - DUO DIAPHONIA. Ingresso libero con contributo volontario. Info: tel. 0564 409105 • Monte Argentario – Gare di Polo Gare di Polo (Coppa d’Oro Monte Argentario hp 6-10 e Torneo Junior) presso l’Argentario Polo Club di Monte Argentario (fino al 31 luglio). Info: www.argentariopoloclub.com • Roccastrada – Serata di degustazione sulla terrazza del Museo Ogni giovedi a partire dalle 20,30 serata di degustazione sulla terrazza del Museo della Vite e del Vino - Pet Friendly: programma dettagliato sulla pagina FB “Museo della Vite e del Vino di Roccastrada” Costo 15 Euro a persona (sconto ai partecipanti agli eventi trekking del pomeriggio). Prenotazione obbligatoria c/o Museo della Vite e del Vino tel. 0564/563376 oppure Cinzia tel. 334/8017656, Paola tel. 347/1857911 • Scarlino - Estate 2016 Scarlino-Castello ore 21,30 - TIRAMISU’. Rassegna cinematografica VENERDÌ 29 LUGLIO • Capalbio - Estate a Capalbio 2016 Cartellone di appuntamenti a cura del Comune di Capalbio – MUSICA & C. - CONCERTO DELLA BANDA - Filarmonica “U. Chionsini” di Capalbio – Piazza dei Pini • Casteldelpiano – Eventi Estate 2016 “BIRRAGUSTANDO” (a cura della Pro Loco di Montenero) presso il Parco Comunale di Montenero D’Orcia. Il Parco della Birra Artigianale. Tre giorni di eventi, degustazioni e ristorazione (fino al 31 luglio). Info: tel.348 7809374 – 347 2442395 • Castiglione della Pescaia - Gli Eventi dell’estate alla Fattoria le Mortelle L’estate si anima di eventi alla Fattoria Le Mortelle “Note di vino e musica” aperitivo con musica dal vivo. Info & prenotazioni: visite@lemortelle.it – 0564 944003 - 347 46107040 • Follonica - Vox Mundi Festival Rassegna di Musiche del Mondo ideata e diretta da Carla Baldini e giunta quest’anno alla IX edizione con la direzione artistica di Carla Baldini - piazza a mare - produzione originale “Maledetti Toscani” con Riccardo Tesi e Maurizio Geri, icone della world musica italiana, ed il coro popolare Le Donne di Magliano. Ingresso gratuito. Info: www.voxmundifestival.org, tel. 335 5849911 • Follonica – Eventi Estate 2016 Piazza a Mare ore 21.30 - Vox Mundi Festival (Zimbawe) RICCARDO TESI – MAURIZIO GERI – LE DONNE DI MAGLIANO “Maledetti Toscani” in concerto. Ingresso libero • Grosseto - Corse al galoppo in notturna Convegno di corse al galoppo in notturna, presso l’Ippodromo del Casalone (Via Aurelia antica). Info: tel. 0564/24214 • Manciano - Cinema Sotto le Stelle Rassegna a cura del Comune di Manciano in Piazza della Rampa • Manciano - Cena del tascapane organizzato da Pro Loco Manciano • Monte Argentario – Gare di Polo Gare di Polo (Coppa d’Oro Monte Argentario hp 6-10 e Torneo Junior) presso l’Argentario Polo Club di Monte Argentario (fino al 31 luglio). Info: www.argentariopoloclub.com • Montemassi (Roccastrada) – Stili di vita e Alzheimer Una ricercatrice di origine montemassina (prof.Laura Fratiglioni) ci parla della malattia attraverso indagini risultati su scala mondiale. A cura del Circolo Arci Montemassi in collaborazione con associazione L’Unicorno ore 21,00. Info: tel. 366 7477294 • Piombino (Li) – A CENA CON FUFLUNS Visita guidata alle sale del banchetto e alla postazione multisensoriale della tomba dei Carri, nell’ambito delle Notti dell’Archeologia presso il Museo archeologico del Territorio di Populonia dalle ore 18.30. A seguire cena “etrusca” al Bar In Cittadella. Per consultare l’intero calendario e verificare orari e date: www.parchivaldicornia.it. Info e prenotazioni: tel. 0565 226445. • Rispescia (Grosseto) - Spettacolo con i Butteri della Maremma Anche per il 2016 ogni venerdì a luglio ed agosto l’agriturismo Giuncola e Granaiolo nel cuore del Parco della Maremma in loc. Giuncola a Rispescia (Alberese) ripropone il binomio tradizioni equestri e buona cucina dan- do vita ad un ricco ed articolato spettacolo con i Butteri seguito da un percorso enogastronomico, ovvero una cena con menù tipico maremmano “dall’antipasto al dolce” con prodotti di filiera corta e km 0 del Parco della Maremma (a partire dalle 19,45). Per info e prenotazioni: 0564 405922 - 335 6872981, www.giuncola.it, presenti su facebook • Scarlino - Estate 2016 Scarlino-Castello ore 21,30 - Nuove figure festival internazionale di teatro di figura di strada e per ragazzi - PIERINO SUL PERO – Compagnia Il Bernoccolo (GrossetoVenezuela). Ingresso a pagamento SABATO 30 LUGLIO • Capalbio - Estate a Capalbio 2016 Cartellone di appuntamenti a cura del Comune di Capalbio - Capalbio Art Cinema Estate - Rassegna del lungometraggio in Piazza dei Pini (fino al 12 agosto). Info: tel. 0564 897743/45 - 896611 • Casteldelpiano – Eventi Estate 2016 “BIRRAGUSTANDO” (a cura della Pro Loco di Montenero) presso il Parco Comunale di Montenero D’Orcia. Il Parco della Birra Artigianale. Tre giorni di eventi, degustazioni e ristorazione (fino al 31 luglio). Info: tel.348 7809374 – 347 2442395 | Passeggiata Ecologica (a cura dell’A.V.I.S. “G.Pioli”) ritrovo in Loc. Prato Macinaie alle ore 9,00. Info: tel. 331.4045866 | Mezza Notte Bianca per bambini” in Corso Nasini (a cura della Contrada Borgo). A partire dalle ore 18,00 per grandi e piccini momenti condivisi di gioco e divertimento • Castiglione della Pescaia - III Trofeo Renzo Guidi Regata notturna dei Fari. Manifestazione velica (Campionato Altura) • Cinigiano - Amiata Piano Festival 2016 Rassegna concertistica nella cornice del Forum Fondazione Bertarelli di Poggi del Sasso, Cinigiano (Gr). Inizio: ore 19.00. Ingresso € 20 intero con degustazione, durante l’intervallo, dei vini della Cantina ColleMassari. Programma: EUTERPE - Fortissimo nel mio cuore! Monica Bacelli: mezzosoprano; Sandro Cappelletto: voce narrante; Aldo Orvieto: pianoforte; Alvise Vidolin: regia sonora. Schubert (Andantino dalla Sonata in La Maggiore D959; Estratti dalla Winterreise D911; Estratti da Schwanengesang D957), Nono (“...sofferte onde serene...” per pianoforte e nastro magnetico; “La fabbrica illuminata” per voce femminile e nastro magnetico). In collaborazione con Archivio Luigi Nono. Prevendite e prenotazioni: www.boxofficetoscana.it, tickets@amiatapianofestival.com – tel. + 39 339 4420336. Info: www.amiatapianofestival.com • Follonica – Eventi Estate 2016 Chiostro esterno del Teatro Fonderia Leopolda ore 21.30 - Nuove Figure – Festival di teatro per ragazzi VARIETÀ PRESTIGE spettacolo di marionette a filo e attrice Compagnia Francesca Zoccarato • Grosseto - Morellino Classica Festival Festival Internazionale di Scansano organizzato dalla Associazione Culturale La Società della Musica con la direzione artistica di Antonio e Pietro Bonfilio. Programma: ore 19,00 Fattoria Le Pupille di Elisabetta Geppetti - QUARTETTO PESSOA e LEANDRO PICCIONI Compositore, collaboratore e pianista di ENNIO MORRICONE. Musiche di A. Piazzolla, E. Morricone, N. Rota, L. Piccioni. Intero 18 euro ridotto 12 euro. Info e biglietteria: tel. 0564 507982 cell. 349 5380069 - 348 8604536, www.morellinoclassicafestival.com • Manciano - Cinema Sotto le Stelle Rassegna a cura del Comune di Manciano in Piazza della Rampa • Manciano - “I veri Tesori del Passato” Attività didattica, al Museo di Preistoria e Protostoria di Manciano, a cura del Comune di Manciano • Marina di Grosseto - Marina Beach Contest Nel tratto di spiaggia tra gli stabilimenti balneari “Pineta” e “Sirena” - Tappa conclusiva con la Summer Destination – 2, organizzato dalla società Enjoy Sport Life Asd, il torneo di beach volley, sarà a scopo benefico per l’Ospedale Misericordia di Grosseto, con circa 44 squadre iscritte in tre tornei, con circa 170 atleti. • Monte Argentario – Gare di Polo Gare di Polo (Coppa d’Oro Monte Argentario hp 6-10 e Torneo Junior) presso l’Argentario Polo Club di Monte Argentario (fino al 31 luglio). Info: www.argentariopoloclub.com • Porto Ercole - Estate 2016 h 21.30 RADIO VINTAGE Lungomare Strozzi • Porto Santo Stefano - Estate 2016 h 22.30 SPETTACOLO COMICO CON SERGIO SGRILLI - Piazzale dei Rioni • Roccatederighi (Roccastrada) - Mostra La Rocca ore 21.30 Piazza Garibaldi - ‘Ai confini dell’orizzonte’, concerto della Filarmonica Giuseppe Verdi di Roccatederighi diretta dal Maestro Davide Salvestroni • Roselle (Grosseto) - Vittorio Sgarbi in Caravaggio Spettacolo di e con Vittorio Sgarbi intorno al genio tempestoso di Michelangelo Merisi, arricchito dalla musica di Valentino Corvino e dalle immagini delle opere più rappresentative del pittore lombardo curate dal visual artist Tommaso Arosio, presso il Parco di Pietra della Cava di Roselle, ore 21.30. Biglietti disponibili in prevendita nel circuito Box Office e Ticketone. • Scarlino - Estate 2016 Scarlino-Centro storico ore 21,30 - FANTOMATIKORCHESTRA in concerto - Street music DOMENICA 31 LUGLIO • Capalbio - Estate a Capalbio 2016 Cartellone di appuntamenti a cura del Comune di Capalbio - Capalbio Art Cinema Estate - Rassegna del lungometraggio in Piazza dei Pini (fino al 12 agosto). Info: tel. 0564 897743/45 - 896611 • Casteldelpiano – Eventi Estate 2016 “BIRRAGUSTANDO” (a cura della Pro Loco di Montenero) presso il Parco Comunale di Montenero D’Orcia. Il Parco della Birra Artigianale. Tre giorni di eventi, degustazioni e ristorazione (fino al 31 luglio). Info: tel.348 7809374 – 347 2442395 | “Mezza Notte Bianca per bambini” in Corso Nasini (a cura della Contrada Borgo). A partire dalle ore 18,00 per grandi e piccini momenti condivisi di gioco e divertimento • Castiglione della Pescaia - III Trofeo Renzo Guidi Regata notturna dei Fari. Manifestazione velica (Campionato Altura) a cura del Club Velico Castiglione della Pescaia • Castiglione della Pescaia - Trofeo Fordiani Campionato Open Derive e Optimist. Manifestazione velica a cura del Club Velico Castiglione della Pescaia • Cinigiano - Amiata Piano Festival 2016 Rassegna concertistica nella cornice del Forum Fondazione Bertarelli di Poggi del Sasso, Cinigiano (Gr). Inizio: ore 19.00. Ingresso € 20 intero con degustazione, durante l’intervallo, dei vini della Cantina ColleMassari. Programma: EUTERPE - Quartetto Jazz - Luigi Bonafede: batteria; Ares Tavolazzi: contrabbasso; Gaspare Pasini: sax, con la straordinaria partecipazione di Danilo Rea al pianoforte. Prevendite e prenotazioni: www.boxofficetoscana.it, tickets@amiatapianofestival.com – tel. + 39 339 4420336. Info: www.amiatapianofestival.com • Follonica – Eventi Estate 2016 Chiostro esterno del Teatro Fonderia Leopolda ore 21.30 – VIBRAZIONI “Il ferro a teatro” Cristiano Bocci, Francesco Giannico in concerto. Ingresso 6 Euro • Marina di Grosseto - Marina Beach Contest Nel tratto di spiaggia tra gli stabilimenti balneari “Pineta” e “Sirena” - Tappa conclusiva con la Summer Destination – 2, organizzato dalla società Enjoy Sport Life Asd, il torneo di beach volley, sarà a scopo benefico per l’Ospedale Misericordia di Grosseto, con circa 44 squadre iscritte in tre tornei, con circa 170 atleti. • Monte Argentario – Gare di Polo Gare di Polo (Coppa d’Oro Monte Argentario hp 6-10 e Torneo Junior) presso l’Argentario Polo Club di Monte Argentario (fino al 31 luglio). Info: www.argentariopoloclub.com • Roccatederighi (Roccastrada) - Mostra La Rocca ore 21.30 Piazzetta Senesi - Musica jazz con ‘Dentro e fuori i confini del jazz, 2 concerti jazz in 1’ • Scarlino - Vedetta JAZZ & EMOTION Rassegna musicale con la Direzione Artistica di Corrado Rossetti, presso il Relais Vedetta di Scarlino in loc. Poggio La Forcola. Tra dugustazioni a tavola e note. Info: www.relaisvedetta.eu • Tatti (Massa Marittima) – Concerto Concerto di “Eos guitar quartett” chitarre classiche organizzato dall’associazione “Con-Tatti” in p.zza della cisterna ore 21.30. Dal flamenco al jazz, dalla classica alla musica contemporanea. Ingresso libero. L’AGENDA • 103 LE NEWS LE NEWS BANCA DELLA MAREMMA, L’ASSEMBLEA DEI SOCI APPROVA IL BILANCIO D’ESERCIZIO 2015 È stata un’assemblea dei soci molto partecipata (oltre 1.100 i partecipanti tra presenti e deleganti), quella che il 12 maggio scorso presso la Fattoria La Principina, ha approvato il bilancio d’esercizio 2015 della Banca della Maremma. Dalla relazione degli amministratori emerge come la Banca della Maremma, anche nel 2015, abbia messo a disposizione della Comunità Grossetana tutte le proprie potenzialità per rimanere a fianco delle famiglie e delle imprese e sia riuscita a dare efficaci risposte alla domanda di credito mantenendo una gestione equilibrata che ha consentito di assorbire gli effetti del deterioramento del credito che, anche nell’ultimo anno, è stato particolarmente rilevante. Va ricordato come la Banca della Maremma sia espressione di questo territorio, si sviluppi con esso e ne condivida pienamente le fasi storiche migliori e quelle peggiori mettendosi al servizio della comunità per favorire il bene comune. La Banca ha mantenuto attivi gli accordi stipulati con Enti Pubblici, Associazioni delle categorie economiche e Associazioni del Terzo settore per agevolare l’accesso al credito ed ha continuato a fornire tutta la propria disponibilità per gestire al meglio le numerose situazioni di crisi di imprese e famiglie, anche con carattere di emergenza per i riflessi sociali connessi alle stesse. La Banca opera con dieci succursali, delle 104 • Maremma Magazine • Luglio 2016 quali sei dislocate nel comune di Grosseto, due nel comune di Magliano in Toscana, una nel comune di Castiglione della Pescaia e una nel comune di Civitella Paganico. I soci al 31 dicembre 2015 erano 4.380 (+57 rispetto all’anno precedente). L’utile netto è stato pari a euro 1.224.210 in aumento del 58%. Sulla redditività aziendale hanno continuato a incidere le significative svalutazioni apportate ai crediti, conseguenti alle difficoltà in cui si sono trovate molte famiglie e imprese. La raccolta complessiva da clientela ha superato i 452 milioni di euro al 31 Dicembre 2015. La raccolta diretta ammonta a 396 milioni di euro e la rac- colta indiretta (risparmio amministrato, gestito e assicurativo) a circa 57 milioni di euro. Gli impieghi a fine 2015 erano pari a 334 milioni di euro. Il processo di patrimonializzazione dell’Azienda è proseguito grazie agli utili accantonati e agli aumenti di capitale sociale resi possibili dalla fiducia di cui gode la Banca nel rapporto con i propri Soci. Il capitale sociale, comprensivo dei sovraprezzi sulle azioni, ammonta a 11,9 milioni di euro. I Fondi Propri, calcolati ai fini della vigilanza, alla fine del 2015 erano pari ad Euro 48.772. 976. Il numero dei rapporti aperti a soci e clienti è di circa 19.500 unità. L’organico in servizio a fine anno era di 84 unità. Si è continuato a riservare grande attenzione alla formazione del personale, che ha beneficiato di molteplici corsi effettuati sia in loco che presso la struttura regionale. La Mutua per la Maremma, associazione aperta a soci e clienti della Banca, prosegue la sua attività ed è in crescita per numero di aderenti e di servizi offerti. Essa sta contribuendo a rafforzare la coesione e la solidarietà e riscuote condivisione a apprezzamento. Continua la propria attività anche il Gruppo Giovani Soci, che sta fornendo un prezioso contributo di idee. Durante l’assemblea è stato ricordato come a livello nazionale, proprio in que- NOTIZIE VARIE DALLA MAREMMA sto periodo, stia definendosi il processo di riforma della normativa delle B.C.C. Un processo atteso da tempo, stralciato oltre un anno fa in occasione dell’avvio della pubblicazione del decreto legge di riforma delle banche popolari, condotto da Federcasse in stretto raccordo con il Governo. A livello locale, in coerenza con il disegno strategico già prospettato lo scorso anno il Credito Cooperativo sta adoperandosi in questa direzione. Lo scorso 9 ottobre 2015 le tre B.C.C. della Provincia di Grosseto hanno convenuto sull’esigenza di intraprendere iniziative che potessero garantire l’ottenimento di significative sinergie ed economie di scala oltre ad un miglior presidio del mercato e monitoraggio dei rischi. Parimenti hanno concordato sulla necessità di rispondere, in maniera sempre più efficace, nell’ambito della sana e prudente gestione, ai bisogni di soci e clienti dei territori di competenza. Con queste premesse, anche alla luce dei rapporti di fattiva collaborazione instaurati e nella convinzione che le rispettive basi sociali, le istituzioni locali e tutti gli stakeholders delle rispettive aziende potranno trarre beneficio da una potenziale aggregazione, e tenuto conto degli indirizzi espressi dei rispettivi Consigli di Amministrazione, la Banca della Maremma – Credito Cooperativo di Grosseto, la Banca di Saturnia e Costa d’Argento e la B.C.C. di Pitigliano hanno sottoscritto una dichiarazione d’intenti finalizzata a porre in essere un’operazione di fusione per “unione”. Il progetto di fusione è nato dalla consapevolezza dei vertici delle tre banche cooperative che il contesto economico, il contesto normativo e regolamentare, l’evoluzione del mercato bancario e non ultime le esigenze dell’economia del territorio di riferimento e il benessere dei soci e dei clienti, richiedono una struttura di banca locale differente e differenti strategie. La condivisione di tali riflessioni, nell’ambito peraltro di una complessiva valutazione sugli effetti della riforma del sistema del credito cooperativo nazionale, ha portato a ritenere la fusione sul territorio come strumento efficace per ottenere miglioramenti gestionali in tempi rapidi e Dianora Tinti premiata come “Golden Woman 2016” Prestigioso riconoscimento per la scrittrice Dianora Tinti che, a fine maggio al Teatro Titano della Repubblica di San Marino, è stata insignita del titolo di “Golden Woman 2016” per il valore dimostrato in campo culturale A ncora un altro riconoscimento per la nostra concittadina Dianora Tinti che, a fine maggio al Teatro Titano della Repubblica di San Marino, è stata insignita dal Presidente della Pegasu Edition Roberto Sarra, del titolo di “Golden Woman 2016” per il valore dimostrato in campo culturale, sia come giornalista che come scrittrice. Il prestigioso riconoscimento è riservato ogni anno a donne di chiara eccellenza nei vari contesti culturali, artistici, politici, sociali e scientifici nazionali. Dianora Tinti ha superato ormai i confini locali diventando un nome e un volto noto non soltanto in Maremma. Si occupa di cultura, sociale e pari opportunità presso la Provincia di Grosseto dove lavora, ma collabora anche con il Comune di Magliano in Toscana e con varie Associazioni locali, e non, per l’organizzazione di eventi oltre a scrivere su riviste (tra cui anche la nostra testata Maremma Magazine) e quotidiani e far parte di numerose ed importanti giurie di concorsi letterari nazionali. Ha creato Letteratura e dintorni, un Blog seguitissimo (www.dianoatinti.it) dove si occupa di libri, autori e cultura in genere. È scrittrice con all’attivo diversi romanzi e racconti e da circa tre anni partecipa come critica letteraria alla trasmissione televisiva Quantestorievuoi, condotta dalla giornalista Francesca Ciardiello, in onda settimanalmente su TV9 Telemaremma, un programma che ha come scopo quello di promuovere i libri e gli autori non soltanto locali. A Dianora vanno le congratulazioni mie e di tutta la redazione per questo nuovo ed importante traguardo raggiunto che dimostra ancora una volta quanto la nostra terra sia ricca di talenti e professionalità. “Innanzi tutto – commenta Dianora – ringrazio la Redazione di Maremma Magazine per aver dato risalto a questa notizia, nulla va dato per scontato! Poi ammetto sinceramente che ricevere questo inaspettato riconoscimento mi ha profondamento emozionato. Sentirsi apprezzati è sicuramente una bella sensazione, ma nello stesso tempo ti carica di responsabilità ed io le sento tutte... Un Premio che vorrei dedicare alla “mia “ Maremma, terra straordinaria e a tutti coloro che, come me, promuovono la cultura e l’informazione che sono alla base di ogni società libera e democratica”. LE NEWS • 105 LE NEWS Un nuovo grande successo per “Game Fair” Successo pieno per la 26esima edizione di “Game Fair” che si è svolta a fine maggio a Grosseto, nella frazione di Braccagni in località Madonnino. confermandosi come la più grande manifestazione italiana delle attività all’aria aperta “ Game Fair” ha centrato il bersaglio ancora una volta e con la ventiseiesima edizione che si è svolta a fine maggio a Grosseto, nella frazione di Braccagni in località Madonnino, si è confermata come la più grande e la più prestigiosa manifestazione italiana delle attività all’aria aperta. Organizzata dalla società GFI S.r.l., costituita da Fiera di Vicenza S.p.A. e da CNCN (Comitato Nazionale Caccia e Natura), in collaborazione con Grossetofiere Spa, Game Fair ha raccolto in un unico evento, l’arte della falconeria, la cinofilia, i cavalli, le discipline del tiro sportivo e del tiro a volo, la tradizione venatoria, i percorsi enogastronomici, con assaggi di pietanze tipiche a cura di produttori nazionali proponendo in tutto oltre 250 eventi e spettacoli. A chiusura, Corrado Facco, Presidente e Amministratore Delegato di GFI Srl, ha dichiarato: «Questa Manifestazione ci regala sempre soddisfazioni, perché, attraverso un’offerta espositiva di alta qualità e un fitto calendario di eventi, riusciamo a intercettare e soddisfare le esigenze e le passioni per lo stile di vita all’aria aperta di un pubblico variegato, proveniente da tutta Italia, che ci premia ogni anno con una grande e attiva partecipazione. “Game Fair” è un unicum in Italia, uno spettacolo animato da una miriade di iniziative, condotte seguendo il fil rouge della valorizzazione del mon- 106 • Maremma Magazine • Luglio 2016 do country, delle attività outdoor, dei territori e delle tradizioni; proponendo la riscoperta del legame tra uomo e natura. Il tutto, nello scenario mozzafiato della Maremma toscana, grazie, anche quest’anno, alla preziosa collaborazione di Grossetofiere». Soddisfazione per la riuscita della Manifestazione ha espresso anche Nicola Perrotti, Presidente CNCN: «Cresce l’entusiasmo in questa seconda edizione del Game Fair a Grosseto, la più grande Manifestazione outdoor in Italia. Siamo orgogliosi, come CNCN, di farne parte e di contribuire a riscoprire la cultura delle attività all’aperto nel nostro Paese. Quest’anno oltre alle tradizionali attività siamo stati lieti di portare al Game Fair anche la Fondazione Una, un’alleanza programmatica in difesa della biodiversità che ci vede impegnati insieme a molti altri mondi: venatorio, agricolo, ambientale e della ricerca». Prima della Manifestazione, sabato 21 maggio si è tenuta in piazza Dante, a Grosseto, la settima edizione dei “Game Fair Awards”, il premio giornalistico e culturale ideato dall’autrice Rossana Tosto e promosso da GFI. I premi sono stati assegnati a giornalisti della stampa nazionale e locale, a personaggi della cultura e istituzioni, che si sono distinti nel raccontare, ognuno a suo modo, mondi e tradizioni, in linea con lo slogan dei Game Fair Awards 2016 “Viaggiatori e artisti per natura”. favorire il processo di riforma. Il processo avviato, sulla base delle analisi preliminari che sono state condotte, porterà utilità che andranno a generare un “valore” superiore a quello derivante dalla semplice somma dei risultati delle singole banche. Verosimilmente il percorso attuativo della fusione dovrebbe concludersi entro la fine dell’anno in corso. Nascerà quindi a costituire una banca che continuerà a presidiare i territori di competenza e potenzierà la sua presenza in tutta l’area costiera, collinare e montana della Toscana Sud. Oltre al Bilancio d’esercizio è stato presentato ai Soci e alle autorità anche il Bilancio Sociale e di missione 2015. Il documento rappresenta un rendiconto molto analitico dell’azione svolta ed evidenzia come la Banca abbia continuato a sostenere il proprio territorio di appartenenza favorendo lo sviluppo economico sostenibile, l’inclusione e la coesione sociale. Ciò anche attraverso una serie molto variegata di interventi a favore di attività sportive, culturali, sanitarie e sociali in genere. Infine, l’assemblea ha salutato calorosamente il Direttore Generale Giancarlo Ciarpi, che dopo 39 anni di attività prestata con dedizione e professionalità per la Banca della Maremma ha comunicato la sua decisione di lasciare il prestigioso incarico ricoperto per 26 anni. Al suo posto è subentrato dal 1° giugno scorso Fabio Becherini, già Vicedirettore Generale Vicario della Banca della Maremma. “TANTI PER TUTTI”, SUCCESSO PER LA MOSTRA FOTOCLUB FOLLONICA BFI Successo al Casello Idraulico di Follonica per la mostra fotografica, patrocinata dal comune di Follonica, del Fotoclub Follonica BFi “Tanti per tutti”, parte integrante del progetto nazionale sul volontariato italiano promosso dalla Fiaf, che in quasi due anni di lavoro ha coinvolto oltre 700 fotoamatori e che ha visto nel mese di giugno 2016 l’apertura di 150 mostre fotografiche locali in tutta Italia, tra le quali anche quella follonichese. I lavori dei soci Francesca Manetti, Carlo Micheloni, Antonio Presta e Luca Serafini, esposti alla mostra di Follonica, hanno offerto un piccolo spaccato della realtà provinciale del volontariato. Grazie alla disponibilità delle associazioni locali sono state fotografate, cer- cando in pochi scatti di essere esaustivi e di dare risalto al grande lavoro dei volontari, delle situazioni quotidiane ma sconosciute a molti. Auser - Filo d’argento, Avis, San Vincenzo de’ Paoli, Carnevale Follonichese, ABIO, CRI, OIPA, ENPA, ANT, sono una piccola rappresentanza del volontariato grossetano, fotografati dai soci del Fotoclub Follonica per dare risalto all’importanza che queste (e tutte le altre non rappresentate) associazioni hanno sul territorio e per la società intera. La mostra si è svolta presso il Salone Espositivo ex Casello Idraulico. “COME UN ALBERO…” UN PERCORSO DIDATTICO PER SVILUPPARE CREATIVITÀ ED IMMAGINAZIONE NEI BAMBINI Durante l’anno scolastico appena terminato, le classi 1 A/B della Scuola Primaria di via Mazzini hanno svolto un percorso didattico per sviluppare la creatività e l’immaginazione nelle sue varie forme. Il progetto educativo dal titolo “Come un albero…” ha avuto come finalità ultima lo sviluppo del pensiero creativo. «Siamo partiti dall’osservazione diretta della realtà circostante e vissuta – spiega l’insegnante Fiorita Bernieri – per giungere a nuove immagini nate dall’elaborazione degli stimoli sensoriali ricevuti…». Il progetto, infatti, si è articolato in tre momenti tra loro interconnessi: l’Arte (coordinato da Petra Paoli ceramista, conduttrice di laboratori “Giocare con l’arte” di B. Munari ed esperta libraia con la Libreria Madamadorè), le Parole (coordinato dall’insegnante di Italiano Fiorita Bernieri) e le Scienze (coordinato dall’insegnante dell’ambito logico-matematico Fiorenza Nuzzi). I bambini sono partiti dallo studio dell’albero e delle sue caratteristiche morfologiche e strutturali per arrivare a nuovi alberi nati dalla loro fantasia: alberi di segni, di carta, di creta, di parole… «Nel percorso sulle PAROLE – sottolinea l’insegnante Bernieri – ho voluto avvicinare i miei alunni al magico mondo della nostra lingua italiana in modo gioioso e giocoso. Il linguaggio, infatti, è come un grande albero dagli infiniti rami sui quali sempre nuove foglie crescono e vivono. La magia della MERAVIGLIA infantile trasforma le foglie in parole e queste in frasi, racconti, rime… Le varie attività di metalinguistica proposte hanno voluto dunque stimolare nei bambini quella che Henry Corbin definisce “l’immaginazione creatrice”. Entrando in contatto con la propria interiorità ciascuno di loro ha potuto potenziare le proprie capacità creative, imparando nello stesso tempo la forma espressiva delle parole». Le vocali e le consonanti sono, così, diventate le protagoniste di un mondo fantastico dove vivono, agiscono e unendosi costituiscono sillabe, punto di partenza per la formazione di parole. In questo modo i piccoli letterati hanno colto gradualmente ed empaticamente la strutturazione del discorso, cioè della frase di senso scritta o letta. «Questa educazione emotiva attraverso la parola narrata e animata – aggiunge l’insegnante Bernieri – permette la creazione di immagini interiori attive e partecipate che si differenziano notevolmente dalle immagini passive che quotidianamente i bambini assorbono dalla televisione o dai videogiochi». «All’interno invece del percorso di scienze – spiega l’insegnante Fiorenza Nuzzi – i bambini hanno osservato l’albero e le sue parti come piccoli naturalisti. Durante la visita didattica all’Agriturismo Santa Maria a Paganico i ragazzi hanno raccolto varie specie di piante. In classe, poi, dopo averle osservate, le hanno classificate, nominate, disegnate creando infine l’erbario di classe». Le attività scientifiche sono state la base sulla quale si sono innestati gli altri due percorsi. Infatti l’esperienza costituisce l’abbrivio di ogni conoscenza; non sarebbe stato possibile giungere ad un’astrazione creativa se non si fosse ogni volta passati dall’operatività dell’esperienza, soprattutto con bambini di prima elementare. «Gli alberi ci hanno guidato in un percorso di osservazione, conoscenza e sperimentazione attraverso l’arte» ci racconta Petra Paoli. «Condurre un laboratorio “Giocare con l’ar- te” di Bruno Munari – aggiunge Petra – significa non spiegare l’arte, bensì FARE l’arte, significa accompagnare i bambini verso una metodologia, una progettualità che gli permetterà di accrescere la loro creatività e la loro fantasia. Il laboratorio, allora, diventa un luogo nel quale il bambino sperimenta, prova, sbaglia e riprova, ma soprattutto affronta dei problemi legati all’attività proposta, ai materiali, agli strumenti che utilizza e alla propria manualità cercando di trovare un modo per risolverli, giocando. Il gioco ci ha permesso di sperimentare i concetti di spazio e volume, la bidimensionalità e la tridimensionalità, di conoscere vari materiali tra i quali carta (di vario tipo e peso), argilla, molti attrezzi e strumenti, testandone potenzialità e limiti. Il laboratorio, guidato, ha consentito ai bambini di utilizzare tutti i sensi, di ampliare il loro bagaglio di conoscenze dirette di ciò che li circonda e di arricchire, grazie alla manipolazione, il loro lessico. Le parole, oltre alla gestualità, sono state messe al centro dell’attenzione, sollecitando sempre i bambini a raccontare le proprie sensazioni, a dare voce alle proprie fantasie e a ricercare delle connessioni, dei collegamenti con le altre discipline: attraverso l’espressione artistica abbiamo contato, narrato, immaginato, studiato le scienze e abbiamo approfondito le relazioni del gruppo. “Giocare con l’arte” significa, quindi, insegnare ai bambini un metodo-non-metodo, mai statico, sempre aperto ad ulteriori sviluppi, confronti, nel quale l’interesse e il piacere della sperimentazione sono molto più importanti del risultato finale; non quindi una ricerca del bello da mostrare agli altri, non una prestazione finalizzata al consenso degli adulti ma una sperimentazione per crescere ampliando LE NEWS • 107 LE NEWS le proprie capacità e conoscenze. Al termine di questo entusiasmante progetto – conclude Petra paoli – possiamo concludere che gli elementi qualificanti di tutto il percorso siano state la passione e le competenze con cui adulti e bambini hanno camminato insieme. Il piacere di lavorare in gruppo, la collaborazione, la solidarietà e l’atteggiamento di ricerca aperta su ogni aspetto del reale sono stati motore e motivazione verso la conoscenza… i bambini hanno usato la fantasia e la ragione, la manualità e la gestualità, cioè tutti i linguaggi per esprimere al meglio se stessi». SCABANCA FINANZIA IL PROGETTO CARTOON SCHOOL CON DIECI BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI PIÙ MERITEVOLI Per il secondo anno consecutivo volge al termine il progetto Cartoon School finanziato dalla Banca di Saturnia e Costa d’Argento Credito Cooperativo e realizzato in collaborazione con l’Associazione Cartoon Village di Manciano, per le classi prime medie di Capalbio, Manciano, Marsiliana, Orbetello e Saturnia. Il 30 maggio è stata presentata l’anteprima del cartoon sui temi della Cooperazione e della Solidarietà realizzato dai ragazzi delle prime medie di Capalbio alla presenza di genitori, alunni e insegnanti. Il 6 giugno è stata la volta di Orbetello, dove, presso l’aula magna della Scuola Media è stata proiettata l’anteprima del cartone animato da questi realizzato. Il cartone dalle classi di Manciano, Marsiliana e Saturnia sarà proiettato invece in prima assoluta durante l’edizione della kermesse Cartoon Village a luglio a Manciano. Il progetto, interamente finanziato dalla Banca di Saturnia e Costa d’Argento, senza alcun costo aggiuntivo per le famiglie, né per le scuole, è realizzato con l’intento di diffondere tra i ragazzi, in modo stimolante e divertente, il concetto di Cooperazione ed i valori ad esso legati – Solidarietà e Mutualismo – attraverso il linguaggio dei cartoon, a loro familiare. La novità di questo anno è rappresentata da dieci borse di studio che la Banca, assieme all’Associazione Cartoon Village, metteranno a disposizione degli studenti più meritevoli – due per ogni scuola – che abbiano dimostrato, nel corso dell’anno, particolare predisposizione per le materie trattate. Agli insegnanti e ai professionisti del settore, che hanno lavorato con i ragazzi, spetterà il compito di individuare i vincitori che trascorreranno ciascuno una settimana gratuita nella summer school che si terrà a luglio a Manciano. I docenti del Campus saranno alcuni tra i più illustri professionisti in ambito grafico, musicale e nel doppiaggio. A coordinare le classi: Gianfranco Tartaglia, in arte Passepartout (disegnatore satirico per il Messaggero, Italia Sera, Corriere della Sera) e Mirko Fabbreschi (autore e interprete di colonne sonore cinematografiche e sigle televisive per Rai, Sky, Netflix). Già durante l’anno, i ragazzi hanno avuto modo di collaborare, attraverso l’Associazione Cartoon Village, con cartoonist di fama nazionale e ad altri professionisti del settore e sono stati da questi istruiti e seguiti durante l’intero percorso formativo. Per la prima volta, inoltre, tutto il lavoro fatto durante le lezioni a scuola è stato ripreso e messo in onda su Cartoon Village Tv, la web tv dell’associazione nata lo Nella foto un momento dell’anteprima del cartoon a Capalbio alla presenza del Direttore Generale di SCA Banca Laura Biagianti 108 • Maremma Magazine • Luglio 2016 scorso anno anch’essa con il contributo della Banca di Saturnia e Costa d’Argento con l’intento di documentare il lavoro svolto e renderlo fruibile alle famiglie. Il cartone animato è stato interamente realizzato dagli alunni interessati nel progetto, i quali si sono occupati di tutte le fasi tecniche di creazione: dai disegni, all’animazione, al doppiaggio, alla colonna sonora. Il lavoro, così strutturato, ha assunto un particolare significato anche grazie ai contenuti di valore sociale inseriti al suo interno. La versione completa dei cartoon sarà presentata ufficialmente durante l’edizione 2016 del Cartoon Village che si terrà il secondo fine settimana di luglio a Manciano, occasione in cui saranno svelati anche i nomi dei ragazzi vincitori delle borse di studio messe in palio. STAGIONE ESTIVA, LA RETE DI ASSISTENZA MEDICA AI TURISTI IN PROVINCIA DI GROSSETO Nel periodo estivo, l’Azienda sanitaria, come da indicazioni regionali, attiva una rete di assistenza sanitaria (la guardia medica turistica) in aggiunta al servizio di 118 e guardia medica, operativi tutto l’anno. La guardia medica turistica è un servizio rivolto ai turisti, attivo tra giugno e settembre, con inizio e durata diversa a seconda della zona. Effettua prestazioni sia ambulatoriali che domiciliari, in orario diurno, compresi festivi e prefestivi, per le quali è richiesto il pagamento di un ticket: 8 euro per la ripetizione di ricette; 15 euro per le visite ambulatoriali; 25 euro per le visite domiciliari. Il 118 è il numero dell’emergenza, unico su tutto il territorio nazionale, attivo 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno, da chiamare in situazioni di emergenza e urgenza, come incidenti stradali, infortuni sul lavoro o in casa, dolori improvvisi al torace, gravi difficoltà respiratorie, perdita di coscienza, ecc. Al 118 risponde una Centrale operativa, con personale sanitario qualificato, che assegna un codice di priorità, decide il mezzo di soccorso adeguato, tenendo conto delle condizioni e delle necessità della persona soccorsa. Queste le postazioni di guardia medica turistica per la provincia di Grosseto: Albinia: dall’1 luglio al 31 agosto (Via Maremmana 37, tel. 0564 869018/19); Capalbio: dall’1 luglio al 31 agosto (Borgo Carige - sede 118, strada Pedemontana 27 c/o Croce Rossa, tel. 0564 890675); Monte Argentario: dall’1 luglio al 31 agosto (Porto Ercole, via Andrea Doria c/o Distretto sanitario, tel. 0564 831111; Porto Santo Stefano, Lungomare Navigatori 36 c/o Distretto sanitario tel. 0564 869004); Isola del Giglio: dal 13 giugno all’11 settembre (Castello: via Giglio Castello c/o Distretto sanitario, tel. 0564 806068; Campese: via di Mezzo Franco, tel. 0564 804177; Porto: via Provinciale 5 c/o 118, tel. 0564 483125); Castiglione della Pescaia: dal 13 giugno al 4 settembre (Via Vittorio Veneto c/o Distretto sanitario, tel. 0564 483083); Punta Ala: dall’1 luglio al 31 agosto (Via del Gualdo 1 - tel. 0564 921061); Follonica: dal 13 giugno all’11 settembre (Viale Europa c/o Distretto sanitario - tel. 0566 59613); Marina di Grosseto dall’1 luglio al 31 agosto (Via Piave 12 tel. 0564 483055); Principina a mare dall’1 luglio al 31 agosto (Via del Pesce luna 5 tel. 0564 31386). Per quanto riguarda le postazioni del 118, per il periodo estivo, oltre a quelle operative tutto l’anno, sono state aggiunte anche Punta Ala, Marina di Grosseto, Isola del Giglio; è stata, inoltre, portata a 24 ore l’attività della postazione di Monte Argentario, che nel resto dell’anno effettua il servizio diurno h 12. Ecco l’elenco: Massa Marittima h 24; Follonica h 24; Roccastrada h 24; Castiglione della Pescaia h 24; Punta Ala h 12 diurno (dall’1 luglio al 31 agosto); Marina di Grosseto h 24 (dall’1 luglio al 31 agosto); Grosseto h 24; Paganico h 12 diurno; Casteldelpiano h 24; Roccalbegna h 24; Scansano h 24; Albinia h 12 diurno; Orbetello h 24; Monte Argentario h 12 tutto l’anno; h 24 (dall’1 luglio al 31 agosto); Manciano h 24; Pitigliano h 24; Capalbio h 24; Isola del Giglio h 24 (dall’1 giugno al 30 settembre). PREMIO SILVIA GIUNTOLI, I VINCITORI DELLA PRIMA EDIZIONE È la classe IV B Arti figurative del Liceo artistico del Polo Bianciardi di Grosseto la vincitrice della prima edizione del Premio “Silvia Giuntoli” organizzato dall’associazione di promozione sociale Maremmans e rivolto alle scuole superiori della provincia di Grosseto. La cerimonia di premiazione si è svolta all’Hotel Airone di Grosseto e ha visto la partecipazione tra i tanti studenti, docenti e Maremmans dei familiari (i genitori e la sorella) di Silvia Giuntoli, la giovane Maremmans scomparsa prematuramente a cui il premio è intitolato. “Silvia aveva scelto di vivere in Maremma per motivi affettivi e lavorativi pur non La Guida Blu premia il mare di Maremma! La Maremma si conferma ancora una volta in vetta alla classifica delle 5 Vele, l’annuale riconoscimento assegnato da Legambiente e Touring Club Italiano alle migliori località costiere d’Italia. P regio naturalistico e buona gestione del territorio, oltre a servizi d’eccellenza, manutenzione dei centri storici e offerta enogastronomica di alto livello, le motivazioni che hanno stabilito la classifica. Quest’anno sono infatti tre le località maremmane premiate con le 5 Vele: Castiglione della Pescaia, che continua a perseguire coerentemente la strada del turismo ambientale e della mobilità sostenibile, l’Isola del Giglio tornata in classifica quest’anno dopo aver superato la vicenda del naufragio della Concordia, e Capalbio che continua a programmare azioni efficaci di rispetto e tutela dell’ecosistema costiero. A ricevere le 5 Vele anche il lago dell’Accesa, Massa Marittima, nella classifica delle località lacustri. “Ancora una volta il territorio maremmano – ha spiegato Angelo Gentili, responsabile nazionale Turismo di Legambiente – si conferma custode di un paesaggio unico pieno di veri e propri distretti innovativi e laboratori delle buone pratiche sostenibili su energie rinnovabili, agricoltura di qualità, tutela e gestione del territorio. Castiglione della Pescaia, Isola del Giglio e Capalbio, oltre allo straordinario lago dell’Accesa, dimo- strano sia l’enorme patrimonio naturale del nostro territorio, sia l’ottimo lavoro svolto dalle amministrazioni comunali”. Il mare più bello, guida blu 2016, racconta oltre 300 centri costieri, ma non pretende di essere un censimento delle aree balneari italiane, piuttosto ne rappresenta una selezione, in base a criteri principalmente ispirati alla qualità dell’ambiente in generale e alla buona gestione del territorio. La selezione delle località, curata come ogni anno dall’Istituto di ricerca Ambiente Italia, contempla le valutazioni espresse sulla base delle analisi delle acque effettuate da Goletta Verde, i dati raccolti dai circoli locali di Legambiente e quelli elaborati da diverse banche dati sulla gestione dei servizi territoriali e turistici. Ma la Guida “Il Mare più bello” è anche social. Tutte le novità, gli approfondimenti, gli appuntamenti sono disponibili sulla pagina facebook: www.facebook.com/ilmarepiubello. Una sorta di community che raccoglie le località che in questi anni si sono trovate al vertice classifica della Guida Blu con l’obiettivo di condividere buone pratiche e migliorare le proprie performance di sostenibilità ambientale. LE NEWS • 109 LE NEWS Grosseto, in vigore il Piano di Salvamento 2016 Come ogni anno ad inizio estate, il Comune di Grosseto ha approvato il programma “Estate Sicura” 2016 ovvero il Piano di Salvamento 2016 su 21 km di costa del territorio comunale. S i tratta del servizio di assistenza alla balneazione che garantisce nel periodo estivo la sicurezza a turisti e residenti che fruiscono delle spiagge del territorio comunale, spiagge che hanno ricevuto anche quest’anno l’ambito riconoscimento della “Bandiera Blu”. Gli obiettivi del Piano di Salvamento, nato dall’intesa tra il Comune di Grosseto, la Guardia Costiera, la Croce Rossa e gli stabilimenti balneari di Marina di Grosseto e Principina a Mare, prevede l’affidamento ai concessionari demaniali marittimi del servizio di salvataggio per il periodo che va dall’11 giugno (anticipato rispetto al 15) fino al 15 di settembre, coprendo invece direttamente le spiagge libere attraverso 4 torrette del Comune affidate per 2 anni al Consorzio Grosseto Sport Insieme. Nel dettaglio il piano individua i punti di accesso all’arenile per i mezzi di soccorso e pedonali e favorisce una corretta educazione alla fruibilità dell’arenile. Negli accordi è previsto che l’area sottoposta a vigilanza copra l’intero tratto di arenile antistante le frazioni di Marina di Grosseto e Principina a Mare, oltre ad un tratto di spiaggia di 110 • Maremma Magazine • Luglio 2016 Marina di Alberese. Attraverso 38 torrette di salvataggio (una in più rispetto alle 37 del 2015, posizionata nella spiaggia libera di Marina di Alberese) viene garantito un servizio di controllo per tutta l’estate, ogni giorno dalle 9 alle 19, mentre specifiche segnalazioni e cartelli redatti in quattro lingue informano sulle principali indicazioni in merito alla sicurezza in spiaggia ed in acqua. L’impegno dell’amministrazione consente, attraverso uno specifico accordo con la Croce Rossa Italiana, la realizzazione di un punto di primo soccorso presso il piazzale Tirreno a Principina a Mare, operativo anche con una serie di attività ricreative, dal 15 giugno al 15 settembre il sabato e la domenica dalle 10 alle 17, mentre nel periodo di maggiore afflusso, dal 1° luglio al 15 agosto, il servizio della Croce Rossa sarà operativo tutti i giorni, sempre dalle 10 alle 17. Confermati i 4 defibrillatori che saranno a disposizione degli operatori di primo soccorso nell’arenile comunale, uno per ognuna delle quattro torrette di salvataggio del Comune di Grosseto, affidate in gestione al “Consorzio Grosseto Sport insieme”. essendo nata qua – ha ricordato in apertura della cerimonia il presidente dei Maremmans Marco De Carolis – per questo abbiamo voluto intitolare alla sua memoria questo premio: Silvia è per noi Maremmans il simbolo dell’amore per questo territorio”. Il premio ha sollecitato le scuole a raccontare con un elaborato originale “la Maremma che non ti aspetti”. La giuria composta da tre Maremmans (Anna Barberini nelle vesti di presidente di giuria, Nino Costa e Alessandro Giuseppe Fichera) e da cinque maremmani doc espressione del mondo della cultura, delle arti e dell’imprenditoria (il regista Stefano Lodovichi, il sassofonista Stefano “Cocco” Cantini, il regista e videomaker Niccolò Falsetti, il pittore Giuliano Giuggioli e il direttore della Cantina dei Vignaioli Morellino di Scansano Sergio Bucci) ha valutato gli elaborati e decretato i primi tre classificati; assegnata inoltre una menzione speciale mentre tutte le altre scuole hanno ricevuto il diploma e un premio di partecipazione. A contribuire al montepremi la stessa Aps Maremmans insieme alla Banca della Maremma, alla Banca di credito cooperativo di Saturnia e della Costa d’Argento, alla Banca di credito cooperativo di Pitigliano e a un benefattore privato. Il montepremi totale è stato così ripartito: 1020 euro al primo classificato, 620 euro al secondo, 420 al terzo e 220 alla menzione speciale. Il premio di partecipazione per tutte le altre scuole è invece di 120 euro. Le classi vincitrici come prevede il regolamento del concorso potranno spendere il premio per l’acquisto di materiali didattici e beni durevoli per la propria scuola. La IV B Arti Figurative del Liceo artistico del Polo Bianciardi di Grosseto (professoressa Claudia Ciccarelli) ha vinto il concorso con il video “Sai che c’è di ganzo in Maremma?”, premiato per l’ironia e la capacità di parlare con immediatezza ai giovani e giovanissimi. Al secondo posto il video “Antica innovazione” della IV E Enogastronomico dell’I.I.S. “Bernardino Lotti” di Massa Marittima (professor Marco Buccianti): la classe ha intervistato Fausto Costagli (Slowfood Monteregio) sulla tradizione dei tortelli maremmani per poi proporne una ricetta rivisitata ma coerente con la tradizione e impiegando solo prodotti del territorio. Terzo posto sul podio per la IV B a indirizzo turistico dell’Isis di Follonica (professoressa Margherita Bruno) che ha proposto un suggestivo collage di foto accompagnate da didascalie e dalla colonna sonora originale composta da una studentessa della classe (titolo del progetto “La Maremma chiama chi ama la Maremma”). Menzione speciale inoltre per le quarte del Liceo classico e scientifico Chelli di Grosseto (professoressa Maria Antonietta Fiornovelli) e il loro lavoro sui murales e la street art della nostra provincia dal titolo “Never ending trip”. A tutti i partecipanti i complimenti della presidente di giuria Anna Barberini a nome dei Maremmans: “Sono tutti lavori che guardano al futuro e il loro tratto comune è il fatto che gli studenti sono coscienti che il nostro è un territorio che va salvaguardato, saputo raccontare all’esterno e valorizzato, obiettivo per cui l’associazione Maremmans è nata”. L’Aps Maremmans è presente in Rete con il blog in continuo aggiornamento www.maremmans.it, sui social network (Facebook,Twitter, Pinterest e Instagram) e su You Tube. LA CAMERA DI COMMERCIO DELLA MAREMMA E DEL TIRRENO AL CENTRO DELLA XIV GIORNATA DELL’ECONOMIA Sala affollata e parterre politico e istituzionale al completo il 9 giugno, per la 14a Giornata dell’Economia, tutta dedicata allo storico cambiamento in atto con la nascita della nuova Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno. Alla vigilia dell’accorpamento delle Camere di Commercio di Grosseto e Livorno, la Giornata è stata l’occasione per fare chiarezza sulle prospettive offerte dal futuro digitale del sistema a livello nazionale e sul ruolo della nuova Camera di Commercio, punto di riferimento di oltre 76mila aziende distribuite su un nuovo vasto territorio che si estende da Collesalvetti fino a Capalbio e comprende tutto l’arcipelago toscano, per una superficie totale di 5.716 kmq, 48 comuni e 565.569 abitanti. Ospiti d’eccezione della giornata, i protagonisti del cambiamento: ad introdurre gli interventi, il presidente della CCIAA di Grosseto Riccardo Breda che, analizzando i numeri delle performance economiche delle due province, ha disegnato il quadro delle opportunità; Pierluigi Giuntoli, Commissario ad Acta della nuova Camera, ha parlato del ruolo e dei servizi del nuovo Ente e delle opportunità per le imprese; Paolo Ghezzi, direttore generale di Infocamere, ha affrontato il tema del futuro digitale delle Camere di commercio. “La Giornata dell’Economia – ha spiegato il presidente Riccardo Breda aprendo i lavori – non è l’occasione tracciare strategie o compiti per la nuova Camera, che saranno affrontati al momento opportuno ma è un momento per offrire invece una prospettiva ed alcuni spunti di riflessione sulle opportunità che si presentano alle nostre imprese e a quelle di Livorno. Ci sono importanti affinità tra i due sistemi economici che possono permetterci di creare valore e crescere insieme, e ci sono anche problemi e debolezze comuni sulle quali la nuova Camera di Commercio potrà incidere attraverso politiche uniche per i due territori. Di certo, siamo di fronte ad un cambiamento storico che coinvolgerà le imprese a due livelli: la nascita di un nuovo Ente e la profonda trasformazione in atto nel sistema camerale. Di fronte a queste sfide è necessario pensare in modo innovativo, con ipotesi diverse da quelle alle quali siamo abituati, e garantire in tutto il processo informazione e coinvolgimento per le imprese e i cittadini. Uno sviluppo che deve valorizzare la bellezza dei territori e preservare la straordinaria ricchezza naturalistica, storica e paesaggistica, ma non può prescindere dal dotare il nostro territorio delle infrastrutture adeguate e da uno sviluppo agroindustriale importante. Per questo è stato importante avere presenti oggi sia il commissario della nuova Camera, che il direttore di Infocamere.” Importante l’intervento del Commissario ad Acta, Pierluigi Giuntoli, che è entrato nel merito dei nuovi servizi e delle linee strategiche di sviluppo del nuovo Ente. “La Camera di Commercio di Grosseto e Livorno – ha spiegato Giuntoli – hanno anticipato la riforma del sistema camerale, il primo esempio in Toscana di fusione tra Enti su iniziativa diretta Una scelta lungimirante da parte della parte politica che le due Camere stanno sposando con orgoglio e capacità professionali. Da un anno gli uffici stanno lavorando e collaborando per creare il nuovo Ente in modo concreto. Siamo di fronte ad una sfida importante, con due territori che hanno grandi affinità e problemi comuni. Starà a noi, con la collaborazione di tutti, categorie economiche, mondo delle imprese e istituzionale, trasformare in realtà questo progetto, valorizzando le best practices dei due Enti”. Altro ospite di rilievo Paolo Ghezzi, direttore generale di Infocamere, la società consortile di informatica delle Camere di Commercio Italiane che ha realizzato e gestisce il sistema telematico nazionale che collega tra loro le 104 Camere di Commercio e le loro 300 sedi distaccate. “L’informazione – ha detto Ghezzi – è alla base di ogni scelta economica. Quando è autorevole, affidabile e tempestiva diventa indispensabile per compiere le scelte giuste. I dati diffusi oggi sono un esempio di come le informazioni ufficiali delle Camere di commercio sull’economia reale, siano determinanti per conoscere da vicino le imprese. Sia per aiutare le istituzioni a disegnare politiche sempre più efficaci a loro vantaggio, sia per dare alle imprese stesse strumenti e servizi affidabili per essere più competitive: dall’identità digitale al supporto all’innovazione e allo startup di impresa, fino all’alternanza scuola-lavoro passando per la fatturazione elettronica”. LE NEWS • 111 MAREMMA MAGAZINE MENSILE DI INFORMAZIONI TURISTICHE E CULTURALI SULLA MAREMMA Registrazione presso il Tribunale di Grosseto n. 8 del 23 settembre 2002 Iscrizione ROC n. 10360 del 26.8.2004 Poste Italiane spa Spediz. in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB Grosseto DIRETTORE RESPONSABILE Celestino Sellaroli REDAZIONE Maurizio Bernardini, Angelo Biondi, Deborah Coron, Francesca Costagliola, Claudia Della Monaca, Sara Landi, Maria Grazia Lenni, Rossano Marzocchi, Paolo Mastracca, Alissa Mattei, Dianora Tinti, Antonella Vitullo, Eleonora Zannerini, Sabino Zuppa CONSULENZA EDITORIALE Corrado Barontini EDITORE CS Editore DIREZIONE, REDAZIONE E PUBBLICITÀ CS Editore, Via Tripoli n. 10 - 58100 Grosseto - Tel. 0564 20426 - Fax 0564 429364 - Cell. 349 2872103, email maremma.magazine@virgilio.it oppure info@maremma-magazine.it, sito web www.maremma-magazine.it STAMPA Tipolitografia Ambrosini Gianfranco Zona Industriale Loc. Campo Morino - 01021 Acquapendente (VT) - Tel. 0763.711040, sito web www.tipografiaambrosini.it, e-mail info@tipografiaambrosini.it ARRETRATI I numeri arretrati possono essere richiesti a CS Editore - Via Tripoli n. 10 - 58100 Grosseto - Tel. 0564 20426 Fax 0564 429364, inviando anticipatamente l’importo pari al doppio del prezzo di copertina, mediante assegno bancario non trasferibile intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli o bollettino sul conto corrente postale n. 39735576 intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto ABBONAMENTI PREZZI: una copia euro 3,50; abbonamento annuale (10 numeri): euro 30,00 per l’Italia ed euro 140 per l’estero. L’abbonamento decorrerà dal primo numero disponibile (prima della spedizione mensile in abbonamento postale) e potrà avere inizio in qualsiasi periodo dell’anno. Per il rinnovo attendere l’avviso di scadenza. MODALITÀ DI PAGAMENTO: Gli importi indicati potranno essere versati: • tramite assegno non trasferibile intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, da inviare a CS Editore, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; • mediante bollettino postale sul conto corrente n. 39735576 intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; • mediante carta di credito. SUGGERIMENTI Le informazioni inserite in questo numero sono state raccolte in anticipo rispetto alla programmazione definitiva degli eventi. Suggeriamo pertanto ai lettori di verificare sempre, telefonicamente, se non siano intervenuti cambiamenti nelle date, negli orari. La redazione di Maremma Magazine non assume alcuna responsabilità per quanto riguarda l’effettiva attuazione delle iniziative elencate nelle pagine precedenti, né per eventuali cambiamenti di programma. PER CONTATTI Gli enti, le associazioni, le pro loco, i privati che volessero inviarci i calendari delle varie manifestazioni possono farlo: • per fax al numero 0564 429364; • per posta ordinaria all’indirizzo Maremma Magazine c/o CS Editore, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; • per e-mail sulla casella: redazione@maremma-magazine.it oppure maremma.magazine@virgilio.it N.B. I programmi degli eventi devono tassativamente pervenire in redazione entro il 20 del mese precedente a quello nel quale andranno a svolgersi. Eventuali collaborazioni sono libere e gratuite. © 2016 COPYRIGHT CS EDITORE Tutti i diritti riservati. Testi, fotografie e disegni contenuti in questo numero non possono essere riprodotti, neppure parzialmente, senza l’autorizzazione scritta dell’Editore. Questo periodico è associato all’USPI Unione Stampa Periodica Italiana e all’A.N.E.S. Associazione Nazionale Editoria Periodica Specializzata