1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
VERSIONE DEMO (solo 10 pagine visibili)
Per acquistare questa copia clicca
sul tasto "ACQUISTA" in basso

  - La copia visualizzata
  - Un abbonamento
la voce dei lettori la voce dei lettori MAREMMA MAGAZINE STUDIATA A POMEZIA Spett.le Redzione segnalo che il giorno 24 marzo scorso l?insegnante Mary Potenza, che si occupa dell?area linguistica socio-storica, ha tenuto una lezione di approfondimento sul mensile Maremma Magazine con gli alunni della sua classe V sez. D del Circolo Didattico di via Matteotti a Pomezia (Rm). Avendo precedentemente studiato a lungo la Maremma toscana (che ama e nella quale desidera trasferirsi) gli studenti e la docente hanno effettuato un collegamento interdisciplinare con la disciplina di geografia. Dopo aver sfogliato il mensile ed argomentato alcuni articoli, con l?ausilio della lim, gli alunni hanno sfogliato le pagine online, ritrovando le stesse cartacee. Essi hanno mostrato entusiasmo per tale bellezza naturalistica ed hanno chiesto di fare un campo scuola in loco. La docente, che conosce bene questa Terra, ed anni fa ha già tenuto alcuni campi scuola in Maremma con i suoi precedenti alunni, ha in conclusione mostrato le foto dei campi a carattere naturalistico generando curiosità, conversazione e discussione, soprattutto nel territorio intorno a Grosseto. A.V. IL DESERTO A MARINA DI GROSSETO ?La pineta e la spiaggia che abbiamo noi non ce l?ha nessun altro al mondo?. Così decantava alcuni anni fa un operatore turistico di Marina di Grosseto. Il problema, sempre trascurato, sarebbe stato mantenere questo tesoro naturalistico. Ci hanno pensato grandi cervelloni di fantomatiche associazioni ambientaliste iniziando a vietare il taglio del sottobosco. Risultato: moltissime piante di pino sono state fagocitate dai rampicanti infestanti causandone la morte e il crollo. Da qualche anno il giungere di insetti particolari ha compromesso prima la completa maturazione delle pigne del pino domestico, causando la completa perdita di un intero settore economico legato alla raccolta delle pigne e alla vendita dei pinoli. Poi un altro insetto attacca la vita del pino selvatico portando alla morte in pochi mesi la pianta. Le piante seccano completamente e crollano. Andavano presi provvedimenti urgenti e drastici come tagliare tutte le piante malate sia in aree urbane comunali che in aree private, tutte e subito con ordinanze mirate. Migliaia di piante andavano tagliate e ora sono decine e decine di migliaia. Peggio ancora quando qualche associazione ?pseudoambientalista? si è opposta demenzialmente al taglio, secondo loro ?indiscriminato?. Risultato le piante malate e secche hanno prodotto un altro animaletto che si nutre di legno: il tarlo. Ma non finisce qui, infatti questo tarlo che si è moltiplicato a dismisura grazie al grande numero di piante secche, sta ora attaccando tutti i pini domestici compresi quelli piccoli che il Comune ha fatto mettere a dimora non più di due mesi orsono. Risultato: fra gli incendi dovuti alla presenza di un sottobosco incontrollato e alle malattie da animaletti vari, la pineta di Marina di Grosseto è destinata a sparire completamente nel giro di non più di dieci anni, lasciando lo spazio ad un bel deserto... evviva gli ambientalisti da salotto. Carlo Cavanna Società Naturalistica Speleologica Maremmana RIPRENDIAMOCI LE MURA Le mura di Grosseto sono dimenticate da anni e quindi abbandonate: sporche, senza luci, in balia di tutto quello che può accadere, di giorno e di notte. Passeggiare sulle mura non è sempre consigliabile per la possibilità d?imbattersi a situazioni a rischio (droga, teppismo, schiamazzi). Occorre far ritornare la gente sulle mura per il piacere di riscoprire angoli caratteristici della nostra città, in piena sicurezza e in qualsiasi momento del giorno e della notte. La pista ciclabile potrebbe forse coinvolgere molte persone, ma non risolve il problema; il ciclista non vive i luoghi che vi transita, più o meno velocemente. E poi? perché investire risorse economiche elevate per la pista ciclabile? E perché non segnare un tracciato sul fondo già esistente e predisporlo sia per i podisti che per i ciclisti. Perché non destinare queste disponibilità economiche ad interventi più urgenti: come l?illuminazione, la sicurezza, l?abbattimento delle barriere architettoniche, il decoro e la pulizia. Per far rivivere le mura occorrerà riprenderne possesso e questo potrà essere possibile solo se diventeranno attraenti ed interessanti, con attività per bambini, giovani ed anziani. Occorrerà individuare quegli spazi strategici da offrire in concessione ai privati perché realizzino: giardini con giochi per i bambini, aree-parco, ristorantini tipici, spazi per il ballo, spettacoli musicali e per praticare sport (percorso natura), gelaterie, bar o chioschi con prodotti tipici della Maremma. Il primo passo per attivare tante attività ed iniziative che potranno contribuire a far rivivere le mura della nostra città è proprio quello di riprenderne possesso. Fare Grosseto I COMPLIMENTI DI ROBERTA LEPRI Complimenti all?amico Celestino Sellaroli per questo numero della rivista (il nr. di aprile, ndr) Maremma Magazine. Articoli che chiariscono questioni di primaria importanza culturale per il nostro territorio, curiosità, ricette, foto bellissime. Insomma, è sempre un piacere leggerlo ma questo mese anche di più. E domani rinnovo l?abbonamento! Roberta Lepri Scrittrice Avete idee e consigli da darci, complimenti o critiche da fare, oppure più semplicemente volete commentare un articolo o dire la vostra su un certo argomento? Questo spazio è per voi. Scriveteci via mail all?indirizzo redazione@maremma-magazine.it Compatibilmente con lo spazio a disposizione pubblicheremo il vostro intervento. 4 ? Maremma Magazine ? Aprile 2015 12 16 20 42 sommario 4 .........LA VOCE DEI LETTORI 11 .......L?EDITORIALE PRIMO PIANO 12 .......La Maremma si tinge di rosa. Count down iniziato per il passaggio del Giro d?Italia 2015 16 .......La Maremma ha una nuova perla: si inaugura il Forum Fondazione Bertarelli 20 .......Morellino Classica Festival Internazionale di Scansano, si riapre il sipario in giro per la Maremma 24 .......Sulle ali della tradizione, torna Battito Buttero ed il mito di Maremma rivive 29 .......?I luoghi del tempo?, quando un festival esalta Suoni, Storie e Sapori in Maremma 32 .......Francesco Carri e Giancarlo Ciarpi, una Banca, un forte impegno ed un grande amore: la Maremma 38 .......?Il culto di San Gregorio VII a Sovana?, una mostra fa luce su un personaggio non sempre amato 42........Undici ?ragazzi? tragicamente trucidati a Maiano Lavacchio, in memoria dei ?Martiri d?Istia d?Ombrone? 46 .......I mestieri d?una volta a Scansano attraverso le opere di Dino Petri In copertina, la carica di Battito Buttero di scena quest?anno il prossimo 24 maggio presso la Tenuta Agricola dell?Uccellina foto Francesca Tononi sommario ? 7 54 50 .......?La Città Visibile?, ecco i bandi per partecipare all?edizione 2015. E non mancano le novità 54 .......A spasso per la Maremma con l?associazione Hakuna Matata 58 .......Cooperativa Colline Metallifere, una bella storia di coraggio e impegno che dura ormai da trentacinque anni L?AGENDA 64 .......Porto Ercole, tornano le magie de La Notte dei Pirati 65 .......Cala il sipario sul festival ?Non ci resta che ridere 2015? 67 .......LE SAGRE 68 .......?Cipressino d?Oro?, è l?ora delle premiazioni 69 .......Montepescali, ecco la 21esima edizione del premio ?Dino Bavona? 71 .......I MERCATINI 72 .......?Grosseto 1951-2016: 64 anni in Giro in Bicicletta? 73 .......CastigliondiPrimavera, il buono e il bello danno spettacolo 75 .......LE MOSTRE 76 .......Il pittore naif Loreno Martellini espone a Grosseto LE RUBRICHE C?È DA VEDERE... 78 .......Seggiano, incantevole borgo sulle pendici del Monte Amiata L?ARTE DI OSPITARE 82 .......Terme Marine Leopoldo II, una ?preziosa gemma? nel panorama dell?ospitalità maremmana L?ANGOLO DEL LIBRO 86 .......?Il Tesoro di Alberese?, un libro 8 ? Maremma Magazine ? Marzo 2015 78 102 racconta la storia dello straordinario rinvenimento di 76 fiorini d?oro del XIII secolo 87 .......?Archeostorie?, presentato a Grosseto il manuale non convenzionale di archeologia vissuta 88 .......In un libro la storia del Carnevaletto da 3 soldi 88 .......Nuova guida turistica dedicata a Santa Fiora VINO E DINTORNI 90 .......Le Mortelle, il Poggio alle Nane 2011 conquista i 3 bicchieri del Gambero Rosso WINE NEWS 92 .......A.A.A. MORELLINO ha premiato i migliori Morellino del 2012 92 .......Sasso Bianco di Fattoria Mantellassi, la freschezza cattura la luminosità dell?estate 93 .......Vinitaly 2015, bilancio positivo per l?Associazione Strada del Vino del Monteregio di Massa Marittima 93 .......Legambiente, la rassegna degustazione nazionale 2015 sbarca all?Expo DI VINO IN CIBO 94 .......Terenzi, tre fratelli under 40 per il rilancio del Morellino di Scansano in Italia e nel mondo A TAVOLA 98 .......Il Frantoio, quando un bar ristorante diventa un connubio ideale tra cibo, design e cultura. A Capalbio LA RICETTA 102 .....La torta salata di carciofi, una vera leccornia di un banchetto primaverile LE NEWS 104 .....Premio Mercurio 50&Più 105 Toscana 2015, premiati 54 imprenditori del commercio, turismo e servizi nelle province toscane. E tra questi anche 5 ?Maestri del commercio? grossetani 105 .....Premio letterario ?Un Monte di Poesia?, varata la decima edizione 105 .....Successo per il raduno equestre nel Parco della Maremma 106 .....Inaugurata la nuova ZPM di Rispescia 106 .....Le ?Terre della Maremma? hanno incontrato la Cina di Expo: firmato l?accordo di interscambio commerciale con le imprese maremmane 107 .....Ruzzola, nizzola, pentolaccia: i giochi della tradizione popolare in un convegno 107 .....Acquario comunale e club subacqueo, eccellenza culturale della città di Grosseto 108 .....Tornano i collegamenti della linea 17 per Alberese e Marina di Alberese 108 .....Con ?Accadueo? studenti a teatro per applaudire otto storie sull?acqua 109 .....Trofeo Città di Follonica, premiati i vincitori del quarto concorso fotografico nazionale 109 .....?Stendardi d?artista?, mostra urbana a Massa Marittima 110 .....I due bus elettrici di E-Life a Milano per l?Expo 110 .....Da Manciano a Cannes, ?Uomo in mare? della regista Santarelli 111 .....La Parrocchia di San Giuseppe in festa per il suo patrono e per i 75 anni di consacrazione della chiesa 111 .....Resistere, pedalare, resistere. In bicicletta lungo i sentieri della Memoria L?editoriaLe L?editoriaLe di Celestino Sellaroli Camere di Commercio, una riforma che rischia di penalizzare i territori, Maremma in primis C he il Governo Renzi stia tentando di rovesciare l?Italia come un calzino è abbastanza lampante. Le smanie di protagonismo dell?attuale Presidente del Consiglio sono sotto gli occhi di tutti. La voglia di fare non manca, la carne al fuoco è tanta, le riforme in cantiere, fatte e/o da completare abbondano. Decisamente diverso è però il capitolo relativo all?efficacia dei provvedimenti che, magari pur partendo da nobili propositi, spesso si perdono per strada o finiscono nel nulla. Un esempio su tutti? L?abolizione delle province, una riforma avventata di cui ancora non si conoscono gli esiti e che si tradurrà in risparmi irrisori per lo Stato... Ma in questo caso più che delle province è di un?altra riforma in itinere di cui vogliamo parlare: quella delle Camere di Commercio che rischia di penalizzare non poco i territori, soprattutto quelli più deboli ed emarginati come la Maremma. Il disegno è chiaro. Il Governo le considera inutili, così come inutili ha sempre considerato le province, e sta facendo di tutto per complicargli la vita. E così, nelle more della riforma degli enti camerali nell?ambito del più ampio progetto di riforma della Pubblica Amministrazione, ha intanto deciso di cominciare ad azzopparle agendo sulla riduzione del diritto annuale dovuto da ogni impresa. Bene, anzi male, con la riforma appena approvata che ha ridotto la quota del 35% per il 2015, per passare al 40% nel 2016 e al 50% nel 2017 (ma si parla anche di abolizione totale), il risparmio per le imprese sarà irrisorio (una cinquantina di euro all?anno o giù di lì), ma in compenso le Camere di Commercio si ritroveranno zoppe con risorse praticamente azzerate, cosa che condizionerà le scelte di tali Enti producendo inevitabili ripercussioni sul sistema imprenditoriale locale. Nel caso della Camera di Commercio di Grosseto la riduzione progressiva del diritto camerale decreterà un ammanco di circa 2 milioni di euro nel bilancio camerale e la necessaria interruzione (cosa in effetti già cominciata) di tutti gli interventi promozionali attuati fino a oggi dall?Ente a favore delle imprese. L?impatto sull?economia del territorio è già (e lo sarà, ancor di più, più avanti) pesante, riflettendosi soprattutto sui finanziamenti diretti alle imprese che non potranno più contare su importanti servizi e contributi offerti fino ad oggi dalla Camera di Commercio. E si badi bene che si parla di progetti tutt?altro che banali: dalle iniziative per la promozione e la valorizzazione del Brand Maremma, ai bandi diretti alla concessione di contributi alle imprese per la partecipazione autonoma a manifestazioni fieristiche e quelli per la concessione di contributi alle imprese per iniziative di sviluppo locale e per azioni di ani- mazione economica, dal Polo Universitario Grossetano al Consorzio Grosseto Lavoro, dalle iniziative dirette alla valorizzazione della cultura alla collaborazione con la Società Dante Alighieri, dalla partnership con la Fondazione Grosseto Cultura allo Sportello informativo per i diritti del turista, dalle politiche per l?export ai progetti Blu & Green economy e Busyness woman, dal Comitato per l?imprenditoria femminile alle Reti di impresa. Come si vede non si tratta di dettagli, ma di aspetti anche strategici su cui la Camera di Commercio di Grosseto ha investito molto in questi anni: basti pensare alla valorizzazione del brand Maremma. E questo in un contesto di crisi della governance come quello che stiamo vivendo oggi, non potrà che avere ripercussioni economiche e sociali pesanti. Nel frattempo le Camere di Commercio anche per aggirare in qualche modo queste manovre del Governo hanno cominciato a fare fronte comune ed hanno pensato bene, alla luce di un?imminente riforma centrale, di mettere loro stessi mano ai cambiamenti con una sorta di autoriforma in autotutela. In questo senso, in seno a Unioncamere, nell?assemblea dei presidenti, è maturata la volontà di guidare autonomamente il processo di revisione e di individuare, quindi, realtà territoriali affini per iniziare un percorso di semplificazione della struttura, degli organi, con lo scopo di riaffermare la centralità delle Camere di Commercio sui territori ed un?efficace politica di aiuto alle economie locali. L?indicazione data è stata quella di approssimarsi alle 80.000 imprese per ciascun nuovo soggetto e di deliberare la fusione tra consorelle entro il 28 febbraio scorso per poter accedere ad un contributo che l?Unione nazionale assegna alle Camere che, pur virtuose, soffrono di rigidità di bilancio. È in questa logica che deve essere visto l?accorpamento ? uno dei primi in Italia ? tra l?ente camerale di Grosseto e quello di Livorno avvenuto a febbraio. Fusione che ha dato vita (non senza qualche polemica in provincia di Grosseto) alla Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno che sarà operativa dal 2016. Insomma, quello della riforma delle Camere di Commercio è un altro tema caldo da seguire attentamente per i risvolti che possono scaturire nei territori più marginali e deboli come il nostro. Il rischio è che, come già successo con le province, si continuino a cercare capri espiatori da dare in pasto all?opinione pubblica senza avere ben chiaro il disegno complessivo di Stato che si vuole realizzare. Perché se riforme devono essere, che almeno siano utili e soprattutto sensate! EditorialE ? 11 Primo Piano Primo Piano eventi La maremma si tinge di rosa. Count down iniziato per il passaggio del Giro d?italia 2015 Il prossimo 14 e 15 maggio la Maremma sarà protagonista al Giro d?Italia 2015. La più importante corsa ciclistica del Bel Paese, avrà due tappe in provincia di Grosseto: la Montecatini Terme-Castiglione della Pescaia di 181 chilometri, sesta tappa del Giro e la Grosseto-Fiuggi, settima tappa lunga 263 chilometri di Celestino sellaroli Castiglione della Pescaia 12 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 gli aPProfondimenti del mese T utto pronto per l?atteso passaggio del Giro d?Italia in provincia di Grosseto. La storica corsa nazionale, giunta all?edizione numero 98, si presenta quest?anno in Maremma con due tappe: la prima è la Montecatini Terme-Castiglione della Pescaia di 181 chilometri, sesta tappa del Giro, in programma giovedì 14 maggio, la seconda è la Grosseto-Fiuggi, settima tappa lunga 263 chilometri in calendario il 15 maggio. È dunque iniziato il count down per quello che a detta di molti rappresenta un autentico evento per il quale in tanti si sono prodigati e che rappresenta una bella opportunità per promuoversi agli occhi del mondo. L?idea di far passare il Giro da questi luoghi maturò lo scorso anno ed alla fine grazie al lavoro congiunto portato avanti in sinergia dalle amministrazioni comunali di Castiglione della Pescaia e Grosseto è diventato realtà. Inutile dire che si tratta di una grandissima occasione di visibilità per le due località in primis e più in generale per la Maremma tutta che avrà modo di mettersi in vetrina in tutto il suo splendore. Una manifestazione, quella del Giro d?Italia dunque, che promette di essere per il territorio, un importante momento di promozione turistica con una copertura mediatica di alto profilo, in grado di intercettare l?interesse delle grandi testate giornalistiche e dei media televisivi nazionali ed internazionali: saranno presenti infatti oltre 1.800 tra giornalisti e fotografi accreditati, provenienti da 171 paesi del mondo, tra cui 13 agenzie di stampa internazionali, 30 tv nazionali ed internazionali, 200 siti web di cui oltre la metà internazionali. La copertura televisiva italiana è stimata in circa 22 milioni di persone contattate, alle quali si aggiungono 1.204.000.000 utenti unici sul web in tutto il mondo, e la presenza dal vivo di quasi 12 milioni di spettatori suddivisi tra le aree di partenza, arrivo e sul percorso delle tappe. Castiglione della Pescaia Il Giro d?Italia 2015, per la prima volta nella storia di Castiglione della Pescaia, arriverà nel paese maremmano che si affaccia sul mare, proseguendo il suo viaggio toscano che parte da Montecatini per la sua sesta tappa. Durante il percorso, 181 km in gran parte pianeggianti, i ciclisti saranno costretti a cambiare ritmo tra l?80° e il 150° chilometro quando le strade si inerpicheranno nell?entroterra maremmano con una ricca varietà di saliscendi tortuosi che favoriranno sicuramente qualche fuga. Il gruppo dovrà stare molto attento a non concedere troppo se vorrà disputare la volata a Castiglione della Pescaia. ?Il lungo viaggio organizzativo iniziato lo scorso anno per arrivare a questo importante evento è ormai concluso ed oggi Castiglione della Pescaia ? sotto- Primo Piano ? 13 Primo Piano La sesta tappa: Montecatini Terme-Castiglione della Pescaia ???? Una manifestazione, quella del Giro d?Italia, che promette di essere per il territorio, un importante momento di promozione turistica, una grandissima occasione di visibilità per le due località in primis e più in generale per la Maremma tutta che avrà modo di mettersi in vetrina in tutto il suo splendore linea il sindaco Giancarlo Farnetani ? è pronta ad accogliere per la prima volta nella sua storia l?arrivo di una tappa del Giro d?Italia. Per il 14 maggio sono previsti più di 1800 giornalisti da tutto il mondo di cui 500 fotografi e collegamenti costanti con reti televisive internazionali. Un?occasione di grande visibilità per il nostro paese che coinciderà con una intera settimana in ?rosa? densa di eventi culturali, turistici e di scoperta del nostro territorio. A seguito di questo grande evento, si svolgeranno anche gli appuntamenti legati alle manifestazioni sportive delle ?Giornate Europee dello Sport 2015? inaugurate il 4 aprile che proseguiranno fino al 21 giugno?. Dal punto di vista storico, Castiglione della Pescaia vanta due partenze, diversi passaggi e nessun arrivo. La prima presenza della carovana del giro a Castiglione risale all?anno 1980: il 23 maggio la settima tappa parte in 14 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 direzione Orvieto. La partenza viene data dal sindaco di allora, che poi è anche quello attuale, Giancarlo Farnetani. Per la cronaca, dopo 199 chilometri di asperità sul Monte Amiata, la tappa arriva a Orvieto con la vittoria di Silvano Contini, al secondo posto si classifica lo spagnolo Juan Fernandez Martin e al terzo posto sempre uno spagnolo, Faustino Rupèrez Rincon. La seconda volta del Giro a Castiglione della Pescaia come località di partenza è il 30 maggio 1994 con il via della nona tappa Castiglione della PescaiaPontedera di 109 chilometri. La gara viene vinta dal cecoslovacco Jàn Svorada seguito dagli italiani Endrio Leoni e Giovanni Fidanza. Altri passaggi in rosa del giro da Castiglione della Pescaia si registrano: nel 1934 nella Pisa-Roma (5° tappa), nel 1939 nella Pisa-Grosseto (4° tappa), nel 1940 nella Pisa-Grosseto (4° tappa), nel 1953 nella Grosseto-Follonica (8° tap- pa), nel 1972 nella Monte ArgentarioForte dei Marmi (11° tappa), nel 1994 nella Grosseto-Follonica (8° tappa), nel 1998 nella Viareggio-Monte Argentario (4° tappa) e nel 2008 nella Civitavecchia-San Vincenzo (9° tappa) ?Per la prima volta nella storia del nostro Comune ? aggiunge il sindaco Giancarlo Farnetani ?, il Giro d?Italia arriva proprio a Castiglione della Pescaia a conclusione della sesta tappa con partenza da Montecatini. La corsa in rosa, che promette 181 km di strade pianeggianti, con alcuni impegnativi saliscendi nell?entroterra toscano, si concluderà molto probabilmente con un arrivo a tutta velocità proprio nel centro del nostro paese che si affaccia sul mare. Già dallo scorso anno Castiglione della Pescaia, grazie al titolo di Comune Europeo dello Sport, ha iniziato un percorso chiaro e preciso accogliendo ed organizzando eventi capaci di coniugare valenza sportiva e richiamo turistico. Il nostro incipit è quello di promuovere e valorizzare il territorio nell?ottica dei risultati raggiunti: siamo il comune che nella provincia di Grosseto detiene il maggior numero di presenze sia nell?arco dell?anno che nel periodo di bassa stagione. E questo grazie La settima tappa: Grosseto-Fiuggi ???? Giancarlo Farnetani, sindaco di Castiglione della Pescaia: ?Il lungo viaggio organizzativo iniziato lo scorso anno per arrivare a questo importante evento è ormai concluso ed oggi Castiglione della Pescaia è pronta ad accogliere per la prima volta nella sua storia l?arrivo di una tappa del Giro d?Italia? allo sport, che ci ha aperto una nuova prospettiva e ci ha guidato nel predisporre un calendario di eventi pensati per festeggiare la corsa su due ruote più famosa d?Italia. Dal 7 al 17 maggio sarà allestita C?era una volta, mostra di abbigliamento e bici d?epoca, la Maremmana ciclo storica valida come 3° tappa del Giro d?Italia per bici d?epoca, la Notte Rosa, CdiP: Castiglion di Primavera il mercato del buono e del bello e ancora tante degustazioni gratuite di vini e prodotti della zona, spettacoli teatrali e visite guidate gratuite del territorio. Dieci giorni dunque ? conclude il sindaco Giancarlo Farnetani ? all?insegna dello sport, della cultura, del divertimento e dell?enogastronomia per accogliere la corsa più entusiasmante del panorama ciclistico mondiale. Buon Giro a tutti!?. Per l?occasione, il Comune di Castiglione della Pescaia, con lo scopo di valorizzare più possibile il territorio e le sue attività, considerando i numeri della manifestazione, ha prodotto materiale divulgativo e promozionale, sia cartaceo, quali programma generale, flyer, manifesti e locandine, striscioni, pieghevoli, ecc., che digitale e web. Durante il periodo precedente e successivo all?arrivo e partenza del Giro, si svolgeranno una serie di eventi inseriti nell?ambito delle Giornate Europee dello Sport. Qualche segnalazione su alcuni degli appuntamenti previsti fino al 21 giugno a Castiglione: dal 14 al 17 maggio la 27° edizione delle finali dei giochi sportivi di dama, dal 22 al 28 maggio il Campionato del mondo di vela classe Soling, il 23 maggio i fuochi d?artificio piromusicali, il 23 e 24 maggio il raduno nazionale ?la Maremmana in Vespa?, il 30 e 31 maggio ?Kite & Sup Festival?, dal 30 maggio al 2 giugno il Torneo Internazionale di Beach Tennis, il 31 maggio e il 1 giugno il Meeting di atletica leggera e molto altro ancora. Tutti gli eventi in continuo aggiornamento sono sul sito www.turismocastiglionedellapescaia.it Grosseto Ma il Giro d?Italia, oltre a Castiglione della Pescaia interesserà anche Grosseto. Proprio da qui infatti, il prossimo 15 maggio partirà la settima tappa in direzione Fiuggi. E anche in questo caso non mancheranno gli eventi e le iniziative collaterali rispetto a questo storico passaggio. ?Sono particolarmente orgoglioso ? evidenzia il sindaco di Grosseto Emilio Bonifazi ? che la città di Grosseto sia stata scelta come partenza di una delle tappe di giro. Si tratta di una delle competizioni sportive più importanti d?Italia e rappresenta per la città una grandissima opportunità. Con questo appuntamento si consolida e si rafforza la nostra scelta di fare di Grosseto un punto di riferimento per lo sport per tutta la Toscana, e soprattutto di coniugare eventi sportivi e promozione del turismo. Intorno al Giro si muove infatti un?organizzazione enorme, capace di muovere migliaia di persone tra addetti ai lavori ed appassionati?. ?Sono sicuro ? aggiunge il vicesindaco e assessore allo sport Paolo Borghi ? che quella del 15 maggio sarà una giornata di festa per tutta la cittadinanza, un grande evento di sport che, come è facile immaginare, rappresenta anche un?occasione di visibilità e promozione straordinaria, sia per l?importanza della competizione sportiva che per la copertura mediatica che interessa il giro. Abbiamo lavorato tanto, ma oggi possiamo dire che la città è pronta ad accogliere il giro nel miglior modo pos- Primo Piano ? 15 Primo Piano ArchitetturA La maremma ha una nuova perla: si inaugura il Forum Fondazione Bertarelli È davvero una nuova perla che andrà ad aggiungersi alle già tante bellezze che il territorio è in grado di offrire, quella che verrà inaugurata il prossimo 19 giugno. Parliamo del Forum Fondazione Bertarelli un bellissimo auditorium incastonato in un contesto ambientale decisamente suggestivo, nella zona di Poggi del Sasso, Cinigiano, nel cuore della Maremma Grossetana 16 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 val: la sala da musica San Giuseppe e la Cantina di ColleMassari (la prima verrà d?ora in poi utilizzata per registrazioni discografiche, la seconda sarà visitabile su prenotazione) ? risponde a sofisticati criteri acustici naturali oltre che energetici. La capienza di 300 posti permetterà di andare incontro alla crescente affluenza del pubblico di Amiata Piano Festival, che nella scorsa edizione ha registrato il tutto esaurito, con lunghe liste d?attesa, in tutte le date del calendario. L e attrazioni in Maremma non mancano. Dai borghi incantevoli alle bellezze naturalistiche, dai paesaggi sconfinati alle cantine d?autore, dalle eccellenze enogastronomiche ai monumenti, dalle emergenze artistiche al mare incontaminato. Sono tanti i temi e gli spunti per visitare questo straordinario angolo di Toscana. Ebbene, dal 19 giugno ce ne sarà uno in più. Sta infatti per essere inaugurato un nuovo ed unico auditorium che arricchirà, e non poco, il territorio divenendo ? ne siamo certi ? un motivo di grande richiamo, anche in chiave turistica. Parliamo del Forum Fondazione Bertarelli, un gioiello di acustica circondato da vigneti a perdita d?occhio, incastonato in un contesto ambientale decisamente suggestivo, quello della zona di Poggi del Sasso Cinigiano, Grosseto, vicina al castello di Collemassari, nella cui proprietà (quella della famiglia Tipa) si inserisce. La struttura ? voluta come dice il nome dalla Fondazione Bertarelli e progettata dallo studio Edoardo Milesi & Archos ? ospiterà musica da camera, ma anche sinfonica, jazz e pop. Inutile dire che il Forum è stato pensato in primis per ospitare l?Amiata Piano Festival, la prestigiosa rassegna musicale sostenuta proprio dalla Fondazione Bertarelli che infatti quest?anno si svolgerà interamente nel nuovo spazio musicale offrendo, dopo l?inaugurazione del 19 giugno in una serata riservata e a inviti, ben tredici appuntamenti aperti al pubblico. Secondo una formula ormai collaudata, i concerti si artico- leranno in tre serie ? sempre dal giovedì alla domenica ? chiamate Baccus (25-26-27-28 giugno), Euterpe (30-31 luglio, 1-2 agosto) e Dionisus (27-2829-30 agosto) per suggellare il nobile legame che unisce musica e vino. Novità di quest?anno: il Concerto di Natale, in programma per il 12 dicembre 2015. Tra gli ospiti della rassegna ? di cui parleremo più approfonditamente nel prossimo numero ? il mandolinista Avi Avital, il pianista Adam Makowicz, la violoncellista Silvia Chiesa (artista residente), il Quartetto del Teatro alla Scala, l?Orchestra Camerata Ducale e molti altri ancora. L?auditorium ? che si trova nelle immediate vicinanze del Monastero di Siloe e delle precedenti sedi del festi- Come detto il Forum è stato realizzato grazie alla Fondazione Bertarelli, costituita per iniziativa dei fratelli Maria Iris Tipa Bertarelli e Claudio Tipa ed operativa dal 2009, che si occupa statutariamente della promozione del territorio della Toscana, con un occhio di riguardo alla Maremma grossetana e al territorio di Montalcino, mediante contributi nel mondo dell?arte, del recupero ambientale, dell?archeologia e dell?architettura contemporanea sostenibile. ?Ad oggi la Fondazione con le sue liberalità, che superano un milione di euro all?anno ? spiega la presidente Maria Iris Tipa Bertarelli ?, ha partecipato alla programmazione ed ha fornito sostegno economico a numerosi progetti?. Tutti, aggiungiamo noi, di grande importanza per il territorio. ?Finalmente i lavori sono terminati ? commenta Claudio Tipa, vice presidente della Fondazione ? da oggi proporremo grande musica classica all?interno di una sala concerti pensata come Primo Piano ? 17 Primo Piano ???? La sala ospiterà l?edizione 2015 dell?Amiata Piano Festival, la prestigiosa rassegna musicale sostenuta proprio dalla Fondazione Bertarelli che infatti quest?anno si svolgerà interamente nel nuovo spazio musicale offrendo, dopo l?inaugurazione del 19 giugno in una serata riservata e a inviti, ben tredici appuntamenti aperti al pubblico un teatro lirico e il suo foyer, sperduta nella campagna. Tutt?intorno solo il verde intenso dei vigneti e l?argento del nostro esercito di antichi olivi. Lontane dal caos del turismo di massa, in un contesto enologico unico al mondo, le dolci colline interne della Maremma grossetana offrono sempre suggestioni insolite e d?estate anche la magia dei suoni dell?Amiata Piano Festival, merito di un livello artistico d?assoluta eccellenza, ma anche di uno scenario paesaggistico di rara bellezza: una Toscana autentica e, sotto alcuni aspetti, ancora da scoprire?. ?L?idea di realizzare questo teatro tecnologicamente molto avanzato e dall?acustica perfetta ? aggiunge Tipa ? è 18 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 nata dalla necessità di passare da una fase d?approccio timido (dare qualche spettacolo nella nostra cantina), ad un qualcosa di più strutturato. Le esigenze che con la costruzione del forum abbiamo voluto soddisfare sono state due: da un lato allargare gli spazi visto che sempre più persone negli ultimi anni non riuscivamo ad assistere ai nostri concerti sempre sold out, dall?altro la difficoltà di conciliare l?attività vitivinicola con la gestione ed organizzazione di appuntamenti in musica, seppur molto suggestivi, all?interno della cantina della nostra azienda ormai da anni in grande espansione?. ?Da oggi tutte le attività che precedentemente facevamo utilizzando le strutture della cantina, dalla sala degustazione alla barriccaia, per convegnistica e incontri, si svolgeranno nel nuovo Forum. E non siamo contrari neppure a ospitare eventi esterni. Naturalmente ? conclude Tipa ? valuteremo, volta per volta, gli interlocutori e la qualità di ciò che ci verrà proposto?. ?Lusso è la silenziosità di una macchina architettonica che non produce rumore (Vinoly) ancor più se in grado di produrre musiche sinfoniche. Questo il compito del teatro progettato per la Fondazione Bertarelli in cima a una collina della Maremma?. Così il progettista, l?architetto Edoardo Milesi, nonché presidente del comitato culturale della Fondazione Bertarelli, spiega la ?sua? nuova opera realizzata in Maremma dopo il Monastero di Siloe e la cantina di Collemassari che aggiunge qualcosa anche in merito alla forma. ?Il vero motivo della sua forma organica e perfetta, generata da proporzioni auree adatte alla sonorità interna, è stato quello di evitare che la nuova costruzione, sorta dal nulla, potesse offrire in qualche modo in quella natura di luce e di forme organizzate dal vento, una qualche rigidità. Uno spigolo, un riflesso, una quinta che costringesse quell?armonia sempre in movimento in cima a quella collina, a una qualche improvvisa e brusca interruzione. I suoi muri devono valorizzare quella luce sempre diversa, il suo odore deve aggiungersi a quello della pietra, della terra, dell?erba e delle foglie umide. Un?architettura che ascolti e che partecipi senza disturbare, che faccia parte dell?orchestra, che sia lì a interpretare la sua parte come un nuovo strumento musicale che si aggiunge, che viene continuamente suonato e dà ancora più voce alla musica di quel luogo. Come sempre anche qui la forma è generata dalla funzione, razionale e poetica. Dal compito di far suonare lo strumento e dal desiderio di determinare reazioni emotive. I valori estetici non sono aggiunti, sono inscindibili e irradiano dall?oggetto. La forma esterna è generata dalla sala della musica interna, dal suono che deve circolare e nel quale gli spettatori sono immersi assieme all?orchestra. La lastra metallica curva a fianco del teatro sul lato al tramonto ci accompagna all?interno e a poco a poco ci sottrae alla musica esterna, prima a quella dello sguardo, poi dei profumi e dell?udito. Argina la piantagione degli olivi che premono verso i grandi pini e sostiene l?esile struttura in lame di ferro che come un?arpa introduce al concerto interno. Solo una volta dentro appare l?artificio, la natura spontanea e indomabile resta fuori, la sua voce si spegne resta ancora un po? alla vista per sparire nella cavea delle sinfonie musicali dell?uomo. I materiali sono: calcestruzzo scabro colore della terra arata, acciaio corten ossidato naturalmente, vetro?. Foto del servizio: Mauro Davoli La Fondazione Bertarelli a Fondazione Bertarelli, costituita per iniziativa dei fratelli Maria Iris Tipa Bertarelli e Claudio Tipa, è operativa dal 2009 e si occupa statutariamente della promozione del territorio della Maremma grossetana mediante contributi nel mondo dell?arte, del recupero ambientale, dell?archeologia e dell?architettura contemporanea sostenibile. Ad oggi la Fondazione ha partecipato alla programmazione ed ha fornito sostegno economico a numerosi progetti tra cui quelli socio-sanitari svolti dalla confraternita della Misericordia di Cinigiano e quelli artistici dell?Amiata Piano Festival, che ha da poco superato il decennale, con concerti musicali, prevalentemente classici, che si tengono nella stagione L Poggi del Sasso per il progetto di reinserimento nel mondo del lavoro e precisamente di quello rurale-agricolo delle donne che hanno subito maltrattamenti o che si trovano in situazioni di disagio familiare. Elargizione di contributi al Comune di Cinigiano per il cofinanziamento con la Regione Toscana del progetto volto alla realizzazione del nuovo asilo comunale. Promuove l?attività archeologica svolta dall?Università di Siena con University of Pensylvania in Località Case Nuove con la collaborazione del Prof. Campana sul sito romano-tardo antico individuato nell?area di Collemassari sul territorio comunale di Cinigiano attraverso l?erogazione di ulteriori contributi finalizzati al concreto inizio degli scavi archeologici. estiva, contribuendo così alla divulgazione della cultura musicale nel distretto ed al richiamo di flussi turistici sul territorio. Ha supportato ricerche dell?Università di Pisa, ha contribuito alla riqualificazione del centro storico di Poggi del Sasso con il Comune di Cinigiano. Cura l?organizzazione di laboratori di architettura sostenibile per lo sviluppo di studi sul territorio paesaggistico e residenziale di Montalcino con la progettazione di cantine, realizzazioni di nuovi design enologici e di arredo urbano della città del vino. Erogazione di contributi alla Diocesi di Montalcino per i lavori preparatori al restauro degli affreschi della Chiesa di Sant?Agostino mediante l?eliminazione delle infiltrazioni provenienti dall?antica copertura e dalle pareti in pietra. Cura il proseguimento delle attività di ricerca già avviate negli anni passati con l?Ateneo Universitario di Pisa attraverso l?erogazione di contributi al Dipartimento di Coltivazione e Difesa delle Specie Legnose ?G. Scaramuzzi? diretto dal Prof. Giancarlo Scalabrelli per lo sviluppo di ricerche scientifiche nel settore dei vitigni autoctoni toscani. Sostiene l?organizzazione dei convegni di architettura presso il Monastero di Siloe, lo svolgimento di workshop ambientali con il Teatro Stabile di Grosseto finalizzati al sostenimento del progetto, già avviato nell?anno scorso, ?Prima Fila? diretto alla tutela dei servizi sociali ed educativi inerenti la visione e la formazione didattica teatrale con il coinvolgimento dei soggetti di età compresa tra i 3 ai 19 anni all?interno della Provincia di Grosseto. Sostiene la Fondazione Sasso di Maremma per la ?Casa le Pille? in Primo Piano ? 19 Primo Piano MuSicA morellino Classica Festival internazionale di scansano, si riapre il sipario in giro per la maremma La prestigiosa iniziativa musicale che vanta già all?attivo 60 appuntamenti svolti in soli tre anni, si prepara ad allestire l?edizione 2015, la quarta, di scena con 19 concerti dal 6 giugno al 30 agosto in 14 suggestivi luoghi di Maremma. Appuntamento clou della stagione il concerto di Giovanni Sollima e Giuseppe Andaloro in calendario il 28 luglio di eleonora Zannerini L ?attesa è terminata. Sabato 6 giugno alla Cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, verrà ufficialmente presentato il programma musicale della prossima edizione, la quarta, del Morellino Classica Festival Internazionale di Scansano. L?appuntamento prevede la proiezione di un breve filmato dedicato all?iniziativa e un intermezzo musicale dal vivo di studenNella foto il direttore artistico Pietro Bonfilio 20 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 ti selezionati del Conservatorio di Milano. Anche quest?anno gli appassionati provenienti da tutto il mondo troveranno una ricca offerta di concerti nella zona di produzione del Morellino, dove si potrà godere delle bellezze della natura, dell?importanza dei luoghi storici, della qualità dei prodotti agroalimentari e soprattutto della particolarità di Morellino Classica Festival. Per saperne di più abbiamo incontrato anche quest?anno il giovane direttore artistico e affermato pianista Pietro Bonfilio. Allora Bonfilio, parliamo dell?edizione 2015 del Morellino Classica Festival una rassegna che ormai comincia ad avere una sua ben precisa identità? È così. Realmente quando si parla di Morellino Classica, si parla di una iniziativa con sue specifiche peculiarità. Parlerei persino di unicità, proprio perché i luoghi dove si svolge fanno del Festival una rassegna davvero rara in Italia per la molteplicità, varietà e prestigio dei posti oltreché naturalmente per la notorietà internazionale dei musicisti che vi partecipano. Altra particolarità su cui abbiamo sempre voluto puntare è la didattica, per incoraggiare lo studio e la formazione musicale giovanile sul territorio toscano e l?alto perfezionamento dei corsi specifici di strumento, attraverso il coinvolgimento delle scuole e degli istituti della provincia di Grosseto sino alle Accademie musicali più prestigiose al mondo: Accade- Nelle foto alcune location del festival Sasseta Alta (Scansano) Cassero senese (Grosseto) Castello Corsini (Marsiliana) Castello di Montepò (Scansano) mia Chigiana, Georg Solti Academy e l?Accademia del Teatro alla Scala. Da quest?anno ci onoriamo anche della collaborazione con il Conservatorio ?Giuseppe Verdi? di Milano attraverso la partecipazione di allievi selezionati che si esibiranno durante la presentazione al pubblico del programma. Un ruolo importante nel festival oltre ai protagonisti lo hanno anche i luoghi, le cornici in cui si svolgono i concerti. Parliamone. I luoghi sono i protagonisti, insieme ai musicisti, dell?itinerario del Festival per la loro attrattiva paesaggistica e importanza storica, a partire dal Teatro Castagnoli di Scansano (1852), dove si svolgerà il maggior numero dei concerti. Tutti gli appuntamenti hanno inoltre la piacevole caratteristica, considerata la calda stagione, di svolgersi in un ambiente dal clima ideale. I luoghi già consolidati sono il sito etrusco di Ghiaccio Forte, Castello di Montepò (1300 circa), Chiesa di San Biagio (1540) e Santuario di San Giorgio a Montorgiali (1200 circa), Convento del Petreto (1274), Teatro sull?Acqua di Sasseta Alta nel Comune di Scansano. Novità sono Castello della Marsiliana di epoca medievale del Principe Duccio Corsini nel Comune di Manciano. Fattoria Le Pupille di Elisabetta Geppetti, Duomo e Cassero Senese nel Comune di Grosseto. Ricordiamo che l?iniziativa in tre anni ha prodotto una proposta musicale ricca e di rilievo con 60 concerti effettuati, a cui si aggiungono i 20 appuntamenti della stagione 2015 in programmazione. In questi tre anni avete ottenuto tante soddisfazioni e riconoscimenti. Ci sono state anche delle difficoltà? Il percorso fatto fin qui è stato senz?altro difficile ma soddisfacente: abbiamo avuto come ospiti famose orchestre e cori, solisti di prim?ordine e figure leggendarie della musica internazionale. Purtroppo tutto ciò ha coinciso con la peggiore situazione economica e finanziaria che si ricordi in Italia e naturalmente la musica e la cultura in generale sono le prime a farne le spese. Per consolidare un?iniziativa come Morellino Classica occorrono strumenti economici che la alimentino. Il Festival ha l?esigenza di mantenere ed elevare gli alti standard qualitativi in ogni aspetto, dalla promozione, all?organizzazione, alla logistica; basti pensare che si dispiega in 14 luoghi diversi ? pochissimi festival in Italia, hanno una così vasta panoramica di location ? si può perciò immaginare quali e quante siano le difficoltà nell?allestire tutto ciò. Potrei dire che in parte queste sono dovute anche ad un aspetto per così dire, fisiologico, e cioè le difficoltà degli esordi. Ma giunti alla soglia della 4° edizione possiamo affermare di aver realizzato una manifestazione culturale che ha tutte le caratteristiche per essere permanente, che ha connotati inequivocabili, e che è considerata punto di riferimento sul territorio della Maremma e meta degli appassionati di musica classica provenienti da ogni dove. Per tutto ciò dobbiamo riconoscere il contributo delle Istituzioni e degli Sponsor che ne hanno compreso il valore e il beneficio per il territorio, ma anche la nostra caparbietà nel crederci, e i risultati ottenuti ci danno ragione. Durante alcuni incontri di Morellino Classica con il pubblico avvenuti nei mesi scorsi, avete dato alcune anticipazioni del programma musicale. Vuole parlarcene? Abbiamo avuto due incontri pubblici in dicembre e in aprile, soprattutto allo Primo Piano ? 21 Primo Piano ???? Grandi nomi della musica internazionale sbarcheranno in Maremma nel contesto del Morellino Classica Festival Internazionale di Scansano 2015 uno degli appuntamenti musicali tra i più importanti della Toscana, giunto alla sua quarta edizione scopo di rafforzare il legame che ci unisce a questa terra, alla gente: occasioni, queste, per far esibire e far conoscere al nostro pubblico i giovani allievi che studiano musica nelle scuole del territorio, oltreché, naturalmente per informare sulla preparazione del Festival. Per quanto riguarda specificamente il programma possiamo dire che avremo attenzione verso la musica della grande guerra per il centenario 1915-2015 con il Trio proveniente dall?America formato da tre solisti d?eccezione: il pianista Todd Crow, la violinista Stephanie Chase e il clarinettista Michele Naglieri. Una novità assoluta per il territorio e una prima nazionale sarà la proposta multimediale con I Solisti Lombardi, l?orchestra da camera diretta da Alessandro Calcagnile, che eseguirà dal vivo al Cassero Senese la colonna sonora composta per l?occasione da Rossella Spinosa per la proiezione del film Metropolis di Fritz Lang simbolo del cinema espressionista e kolossal fanta- Giuseppe Andaloro scientifico. Ospiteremo inoltre l?eccellente New York Westerlund Trio e, proveniente dall?estremo Oriente, avremo il direttore dell?Ikacademy di Bangkok, l?italiano Alberto Firrincieli con un concerto per organo nel Duomo di Grosseto; un?altra novità in fatto di proposta musicale sarà il pianoforte a quattro mani con il Duo Miroirs; al Castello della Marsiliana si esibirà la giovane formazione italo-svizzera del Quartetto d?archi Liskamm già all?attenzione della stampa internazionale per aver vinto i prestigiosi premi ?Rimbotti? e ?Franz Schubert? in Austria. Nello scenario storico e paesaggistico del Castello di Montepò potremo ascoltare il soprano egiziano Fatma Said giovane cantante dell?Accademia del Teatro alla Scala, che la stampa francese e il critico musicale Anne Edelstam già definiscono come ?la nuova Callas?. Alla Fattoria le Pupille, nel bellissimo giardino concessaci da Elisabetta Geppetti, sarà di sce- na la formazione svizzera Hochschule Luzern Brass Quintet. Ma non è tutto, avremo in totale 19 concerti e altre novità. Oltre ad essere uno dei più giovani direttori artistici lei è già un pianista affermato; sappiamo che recentemente si è esibito dal vivo dagli studi di RAI Radio 3 in un concerto milanese alla Palazzina Liberty. Parteciperà anche come musicista al Festival? Aprirò il Festival con il concerto inaugurale al Castello della Marsiliana il 20 giugno in Duo con uno dei violinisti italiani più affermati, Davide Alogna e, sempre in Duo in agosto suonerò al Teatro Castagnoli con il violinista americano Robert Anemone, vincitore quest?anno dell?Hudson Valley Philharmonic String Competition, il concorso d?archi più antico e tra i più importanti d?America. In virtù della collaborazione tra Morellino Classica e la prestigiosa istituzione musicale americana è sta- morellino Classica Festival, il programma 2015 GIUGNO 4 giugno giovedì - ore 11,00 Sala Consiliare del Comune di Grosseto Conferenza Stampa 6 giugno sabato - ore 17,30 Cantina Vignaioli del Morellino Sala Convegni Presentazione Programma alla Cittadinanza. Intervento musicale di Allievi selezionati del Conservatorio di ?Giuseppe Verdi? di Milano 13 giugno sabato - ore 20,15 Teatro Casta- 22 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 gnoli Giovani Promesse: allievi selezionati degli Istituti Musicali di Grosseto e Provincia Vincitori 1° Concorso Regione Toscana Giovani 20 giugno sabato - ore 18,30 Castello della Marsiliana DAVIDE ALOGNA violino PIETRO BONFILIO pianoforte 27 giugno sabato - ore 18,30 Castello della Marsiliana QUARTETTO LYSKAMM 30 giugno martedì - ore 21,15 Duomo di Grosseto ALBERTO FIRRINCIELI Concerto d?organo LUGLIO 5 luglio domenica - ore 06,00 Alba a Ghiaccioforte ORCHESTRA SINFONICA CITTÀ DI GROSSETO dir. GIAN CARLO DE LORENZO fisarmonica CESARE CHIACCHIARETTA 11 luglio sabato - ore 18,30 Castello di Montepò ACCADEMIA DELLA SCALA MARCO Giovanni Sollima to possibile presentare questo appuntamento che verrà replicato a San Quirico d?Orcia nell?ambito del Festival Paesaggi Musicali Toscani. Da un primo sguardo al programma si nota che l?evento clou del Festival sarà il concerto Sollima-Andaloro, che sicuramente attirerà moltissimi amanti della grande musica, vista la statura artistica dei musicisti e il loro interesse nel presentare programmi che toccano più generi e coinvolgono un vasto pubblico. Certamente l?appuntamento con il violoncellista e compositore Giovanni Sollima e con il pianista Giuseppe Andaloro che si esibiscono in Duo, è l?appuntamento più atteso non solo a Scansano ma in tutta la Toscana e oltre, poiché parliamo di due musicisti che sono l?orgoglio nazionale e rappresentano il nuovo rinascimento musicale italiano nel mondo. Sono tra i più importanti musicisti della nostra epoca. Non ci sono parole per presentare questi due grandi artisti, bisogna solo prenotare il biglietto in anticipo e ascoltarli. Giovanni Sollima riesce a conquistare qualsiasi tipo di ascoltatore: musicologi e pubblico, giovani e anziani, intellettuali e semplici amanti della musica, registi e coreografi, amanti di Bach e fan dei Nirvana e del rock in generale, per non parlare dei suoi grandissimi interpreti, tra cui Riccardo Muti fra i direttori, Yo-Yo Ma fra i solisti, Patti Smith fra le rockstar, Wenders e Greenaway fra i registi cinematografici, Bob Wilson fra quelli teatrali, Carolyn Carlson tra i coreografi, Giorgia nella musica leggera. Giuseppe Andaloro, che già lo scorso anno ci ha onorati della sua presenza e incantati con il suo concerto al Castello di Montepò, anch?egli compositore, vincitore del Premio Busoni e dei maggiori concorsi pianistici al mondo, osannato dalla critica come pianista unico e impareggiabile. Il concerto si terrà all?aperto nel magnifico scenario del Teatro sull?Acqua di Sasseta Alta nei BORRONI pianoforte FATMA SAID soprano 19 luglio domenica - ore 21,15 Teatro Castagnoli Allievi dell?ACCADEMIA CHIGIANA corso di perfezionamento di chitarra Maestro OSCAR CHIGLIA 21 luglio martedì - ore 21,15 Teatro Castagnoli Allievi GEORG SOLTI ACCADEMIA The Art of Italian Opera 24 luglio venerdì - ore 21,15 Chiesa di S. Biagio Montorgiali MASSIMO DE BONFILS violino LUCA MINERVINO chitarra 28 luglio martedì - ore 18,30 Sasseta Alta GIOVANNI SOLLIMA Violoncello GIUSEPPE ANDALORO pianoforte 29 luglio mercoledì - ore 21,15 Teatro Castagnoli DUO MIROIRS pianoforte a quattro mani AGOSTO 5 agosto mercoledì - ore 21,15 Cassero Senese di Grosseto Metropolis di Fritz Lang musica dal vivo di ROSSELLA SPINOSA I SOLISTI LOMBARDI dir. ALESSANDRO CALCAGNILE 16 agosto domenica - ore 18,30 Santuario di San Giorgio di MONTORGIALI WESTER- pressi di Scansano. Nessuno che ami la musica nelle sue più diverse manifestazioni potrà mancare a questo esclusivo appuntamento in Maremma. Un?ultima domanda: quali sono le ragioni che spingono un giovane direttore a creare un?iniziativa di questa portata in Maremma? La musica è la prima ragione fondamentale, essa vive grazie al sentimento e al sostegno di chi la crea e la ama, di chi ci crede, di chi crede che faccia bene agli uomini e al territorio dove questi vivono. Io sono nato in Maremma, amo questi luoghi incantevoli e pur abitando altrove e spostandomi spesso, amo tornarci per cercare quel benessere dato proprio dal sodalizio tra la terra tanto desiderata quando si è lontani e dalla musica che creo. Quando questi due aspetti coincidono nascono le condizioni per offrire a se stessi e agli altri occasioni uniche di ascolto e di benessere fisico e spirituale, ma anche un?opportunità di sviluppo e arricchimento culturale ed economico per la nostra amata Maremma. Morellino Classica è realizzata grazie al Patrocinio e al Contributo di: Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Comune di Scansano, Comune di Grosseto, Banca di Saturnia e Costa d?Argento, Fattoria Le Pupille, Consorzio di Tutela del Morellino, Azienda Agricola La Selva, Fattoria dei Barbi, Invernizzi Group, Massi di Mandorlaie Conte Guicciardini, Azienda Roccapesta, Azienda Podere Casina, Agriturismo Biologico Sasseta Alta, Principe Corsini e Sellari Franceschini. Info: Associazione Culturale La Società della Musica - Scansano, tel. +39 0564 507982 - 349 5380069, web www.morellinoclassicafestival.com LUND TRIO NEW YORK 19 agosto mercoledì - ore 21,15 Teatro Castagnoli ROBERT ANEMONE violino PIETRO BONFILIO pianoforte in collaborazione con Hudson Valley Philharmonic String Competition 24 agosto lunedì - ore 18,30 Convento del Petreto di Scansano TODD CROW pianoforte STEPHANIE CHASE violino MICHELE NAGLIERI clarinetto 30 agosto domenica - ore 18,30 Fattoria le Pupille Gli Ottoni HOCHSCHULE LUZERN MUSIK Primo Piano ? 23 primo piano eventi Sulle ali della tradizione, torna Battito Buttero ed il mito di Maremma rivive La quarta edizione di Battito Buttero, la bella manifestazione organizzata dal Circolo Ippico Uccellina si svolgerà il 24 maggio all?interno della Tenuta Agricola dell?Uccellina divenuta ormai teatro naturale di questo straordinario evento che ogni anno richiama un folto pubblico, fatto di turisti e residenti L a Maremma è la terra dei butteri. E non lo si scopre certo oggi. Bè, forse dovremmo mettere l?incipit al passato, visti i mutamenti economici e le trasformazioni agricole e sociali del secolo scorso. Tuttavia, quando ormai un nome si lega ad un?immagine è facile elevare il tutto ad icona e mito. Un mito che viene da lontano e che durerà ancora a lungo nel tempo. E dunque se fino ad ormai diversi decenni fa erano molte le aziende ad arruolare i cow boys nostrani per le diverse attività da svolgere con le mandrie, viceversa oggi sono pochissime quelle realtà agrarie che ancora oggi dispongono di simili figure. Spesso per mantenere vivo il ricordo ed 24 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 alimentare appunto il mito si organizzano eventi particolari che richiamano sempre un folto pubblico, fatto di turisti, ma anche di molti residenti. Uno di questi eventi è in programma nel mese di maggio e per la precisione domenica 24. Dopo i successi delle tre precedenti edizioni, torna Battito Buttero, una bella manifestazione, giunta alla sua quarta edizione, organizzata dal Circolo Ippico Uccellina all?interno della Tenuta Agricola dell?Uccellina nel Parco Regionale della Maremma, location incantevole, sipario naturale che esalta la vivacità ed attualità della tradizione buttera e delle sue suggestive situazioni per dar vita ad un autentico evento entrato di diritto tra gli appuntamenti tradizionali di Maremma. ?L?intento ? spiegano gli organizzatori ? è quello di ricreare suggestive atmosfere da condividere con quanti amano la dimensione equestre e la ricchezza naturale e culturale di un territorio ancora intatto, che fa della Maremma Toscana un brand ormai noto anche nel mondo dell?equitazione nazionale ed internazionale. Un?occasione imperdibile per assistere ad acrobazie ed agilità che fanno parte del vivere quotidiano di chi ha fatto o vuole fare di questa disciplina una scelta di vita motivata da una profonda passione per il cavallo e l?opportunità di vivere l?incanto della natura e della sua forza in un contesto diretto ed immediato. Nel corso della giornata, eroi indiscussi saranno i Butteri delle varie Associazioni, che si cimenteranno in caroselli, sfide tradizionali e dimostrazioni ritmando all?unisono i lori indomiti battiti??. Un programma di appuntamenti sarà rivolto anche ai più piccini che avranno modo di partecipare a percorsi ed attività ludo-didattiche e potranno provare l?esperienza del ?Battesimo della sella? con avvicinamento al cavallo. La Festa dell?Hamburger Maremmano (carni biologiche presidio Slow Food) ed il ristorante ?La Torre del Gusto? con la sua re-interpretazione della cultura enogastronomica del territorio, firmata dal Circolo dei Buongustai di Fabio Campoli, aggiungeranno quel tocco di sapore immancabile per una giornata tutta da scoprire. Il via alle ore 10 con l?inizio della manifestazione che proporrà in avvio attività equestri e giochi tradizionali maremmani, battesimi della sella per i bambini, fattoria didattica, apertura dello stand gastronomico e degli stand espositivi. Nel pomeriggio alle ore 16 spazio agli spettacoli equestri che terranno banco fino a sera. L?evento è organizzato dal Circolo Ippico Uccellina con il patrocinio di Camera di Commercio di Grosseto, Comune di Magliano in Toscana, ANAM cavallo maremmano, Parco Regionale della Maremma con la collaborazione e partecipazione di varie asso- ciazioni di butteri: Associazione Cavalieri della Maremma (Tuscania), Associazione Butteri Paludi Pontine (Latina), Associazione Butteri Grossetani (Grosseto), Associazione Butteri Alta Maremma (Livorno), Associazione La Bardella Maremmana. L?ingresso è gratuito. Due parole sul Circolo Ippico Uccellina. La struttura, guidata come direttore tecnico da Daniele Contarino, propone, tutto l?anno, corsi e lezioni di equitazione di monta inglese, monta tradizionale maremmana e lavoro del bestiame, oltre alle bellissime passeggiate nelle ippovie del Parco della Maremma. La moderna scuderia del Circolo offre diverse attività, non solo per cavalieri esperti ma anche per i bambini e per quanti vogliono avvicinarsi al mondo dell?equiturismo con divertimento e professionalità. Affiliato F.I.S.E. (Federazione Italiana Sport Equestri) il Circolo mette a disposizione 15 esemplari tra le razze più rappresentative della Maremma, splendidi compagni di viaggio per emozionanti passeggiate tra i percorsi del Parco dell?Uccellina, pic-nic itineranti e suggestivi panorami. Quattro diversi itinerari, studiati per un pubblico di tutte le età, si intersecano permettendo di girare il Parco Regionale della Maremma da nord a sud e da est a ovest partendo direttamente dal Circolo Ippico Uccellina. Collelungo. Si attraversano vari ambienti del Parco Regionale della Maremma: le pianure alluvionali, gli oliveti, i boschi di macchia mediterranea e i pascoli arborati di particolare bellezza dove frequentemente è possibile osservare varie specie di animali selvatici. Lungo le vecchie piste forestali si arriva alla spiaggia di Collelungo; si prosegue via mare (ad esclusione dei mesi estivi) fino a Marina di Alberese per ritornare, attraverso la Pineta Granducale, sulla strada del mare. Oltre alla bellezza del paesaggio si possono ammirare le torri storiche difensive e di avvistamento di Castelmarino e Collelungo (XVI sec). Cala di forno. L?itinerario attraversa per lo più boschi di macchia mediterranea di varia composizione offrendo alla vista splendidi panorami, fino ad arrivare in prossimità della meravigliosa spiaggia di Cala di Forno. Si transita accanto a Torre Alta, appartenuta agli Aldobrandeschi già all?inizio del XIII sec. dove, secondo quanto narra la leggenda, Margherita Marsili, detta appunto la ?bella Marsilia?, fu rapita nella metà del XVI sec dai pirati ottomani. La Primo Piano ? 25 Primo Piano ???? ?L?intento ? come spiegano gli organizzatori ? è quello di ricreare suggestive atmosfere da condividere con quanti amano la dimensione equestre e la ricchezza naturale e culturale di un territorio ancora intatto, che fa della Maremma Toscana un brand ormai noto anche nel mondo dell?equitazione nazionale ed internazionale?. località Sasso della Signora, fa riferimento proprio alla ?bella Marsilia? che usava recarsi in questo luogo panoramico per riposare e per ammirare il paesaggio con meravigliosi scorci sia del mare che dell?entroterra. Campo del Gavazzi, San Rabano. Nel 1° tratto l?itinerario è pianeggiante e attraversa alcune aree agricole e boschive del parco su seminativi rilevati dalla produzione, dove è molto facile avvistare animali selvatici. Nel 2° tratto il percorso si snoda tra le località Sasso della Signora, Abbazia di San Rabano e Torre dell?Uccellina, lungo il tragitto che attraversa per lo più il crinale dei Monti dell?Uccellina, rendendo possibi- le la contemplazione di panorami incantevoli, all?interno dell?area boscata caratterizzata da alberi di macchia alta, macchia bassa e querceti misti, fino ad arrivare alla meravigliosa Abbazia del XI sec. di San Rabano e all?adiacente Torre dell?Uccellina (1321) transitando anche in questo percorso a Torre Alta. Itinerario aziendale. All?interno delle aree di allevamento della Tenuta Agricola dell?Uccellina, è possibile collaborare con il ?Buttero? aziendale nel controllo e sbrancamento di vacche maremmane allevate allo stato brado nei pascoli dell?Azienda, nel Parco Naturale della Maremma. Le attività con il bestiame, aperte alla partecipazione di cavalieri con cavalli propri, sono svolte attraverso l?organizzazione di giornate mirate all?avvicinamento di cavalli e cavalieri con il bestiame stesso durante le fasi lavorative. A completamento delle suddette attività non mancano infine stage di monta tradizionale maremmana e di monta da lavoro. Info: Circolo Ippico Uccellina c/o Tenuta Agricola Uccellina, Loc. Collecchio 38, 58051 Magliano in Toscana (GR), web www.circoloippicouccellina.it, info@circoloippicouccellina.it, tel. 0564 597104 - 334 9797181. Foto del servizio di Francesca Tononi La tenuta agricola dell?Uccellina a Tenuta Agricola dell?Uccellina, a pochi chilometri da Grosseto, nel cuore del Parco Naturale della Maremma, si estende su un?area collinare di 400 ettari tra terreni coltivati, boschi e macchia mediterranea per giungere infine alla bellissima costa con le sue incantevoli calette. L?ubicazione all?interno del Parco Regionale della Maremma, rende la Tenuta la naturale chiave di accesso alla scoperta della Maremma Toscana, incorniciata dalla maestosità delle antiche torri moresche che ne ricordano la storia (La Torre Bassa è anche il simbolo della Tenuta che la ospita). Agriturismo unico nel suo genere per la posizione esclusiva e la bellezza del- L 26 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 le risorse naturali circostanti e la varietà delle attività ricreative disponibili, la Tenuta Agricola dell?Uccellina è il luogo ideale sia per gli amanti della comodità e del relax, sia per coloro che desiderino trascorrere una vacanza attiva e rigenerante a stretto contatto con la natura. Sui sentieri segnalati che partono dalla Tenuta è possibile svolgere trekking a piedi (percorsi C1 e C2) passeggiate a cavallo, in bicicletta ed escursioni guidate (e non), per mare o terra. Per chi cerca un agriturismo a misura di bambino, la Tenuta Agricola dell?Uccellina mette a disposizione dei suoi piccoli ospiti vasti spazi dove giocare in libertà: un attrezzato parco giochi in giardino, il Circolo Ippico Uccellina per il ?battesimo della sella?, le attività della Fattoria Didattica per imparare a conoscere gli animali da cortile e la natura circostante attraverso attività ideate appositamente per i bambini e da poter condividere con i genitori. Per gli ospiti più curiosi e intraprendenti, la Tenuta Agricola dell?Uccellina offre l?opportunità di conoscere le attività agricole e zootecniche dell?agriturismo partecipando ad alcune fasi del processo produttivo, per scoprire in prima persona la filosofia che rende questo agriturismo una perla d?eccellenza per Grosseto e per la Maremma Toscana. Info: www.tenutauccellina.it eventi ?i luoghi del tempo?, quando un festival esalta suoni, storie e sapori in maremma Con un format innovativo che valorizza luoghi inconsueti e poco noti del territorio per creare incontri con intellettuali, scrittori, artisti, attori, musicisti e giornalisti, torna quest?anno il festival ?I luoghi del tempo - Suoni, Storie e Sapori in Maremma? di scena ad Alberese (Grosseto), Scarlino, Massa Marittima, Sorano, Gavorrano e Roccastrada dal 29 maggio al 13 giugno Nella foto un momento dell?edizione 2014: qui siamo a Talamone (Orbetello) Q uinta edizione de ?I luoghi del tempo?, festival che sta riscuotendo un notevole successo di pubblico grazie al suo format innovativo che valorizza luoghi inconsueti e poco noti del territorio per creare incontri con intellettuali, scrittori, artisti, attori, musicisti e giornalisti. Luoghi suggestivi che fanno da scenario a passeggiate, concerti, interviste, che diventano così veicolo per conoscere e vivere in modo significativo ? grazie a una nuova modalità di fruizione ? la ricchezza di un territorio straordinario: la Maremma. ?I luoghi del tempo ? sottolineano gli organizzatori ? è nato nel settembre 2012 da una collaborazione tra rete Museale della Provincia di Grosseto, AdArte Spettacoli srl e Pro loco Follonica. L?intento è stato ed è quello di offrire a un pubblico motivato e curioso un festival intimo, raccolto e di qualità. È nella filosofia del progetto il desiderio di unire arte, teatro, narrazione, musica e i prodotti tipici del territorio, in contesti inediti, ricchi di storia e capaci di grande fascino. Luoghi carichi di bellezza che non vengono stravolti, ma animati da proposte che ne rispettano la delicatezza ambientale e artistica. Al tramonto, senza strutture o macchinerie che possano snaturarli, in questi paesaggi preziosi si apre all?ascolto un dialogo tra arte, storia, natura e sapori?. Luoghi poco conosciuti vengono restituiti al tempo presente grazie anche a questo festival che propone grandi nomi del panorama nazionale e giovani artisti, incoraggiandone la collaborazione e favorendo il coinvolgimento di artisti locali. ?La complementarità dei vari generi di spettacolo ? aggiungono ? è una caratteristica del festival che unisce, spesso in una sola serata, narrazione, musica (classica, jazz, elettronica, popolare) e teatro; gli spettacoli sono in genere preceduti da incontri o passeggiate in compagnia di attori e scrittori che raccontano storie del territorio o recitano testi?. Il Festival nel corso degli anni ha ospitato personaggi quali: Paolo Poli, Giorgio Albertazzi, Sergio Staino, Fede- Primo Piano ? 29 Primo Piano ???? Luoghi del passato poco conosciuti vengono restituiti al tempo presente grazie a questo piccolo festival che in quattro serate propone grandi nomi del panorama nazionale tra i quali: Ascanio Celestini, Theo Teardo, Peppe Voltarelli, Marco Vichi, Anna Meacci, Giorgio Albertazzi e Mariangela d?Abbraccio rico Rampini, Moni Ovadia, Marco Baliani, Violante Placido, Franco Cardini, Giorgio Tirabassi, Paolo Sassanelli, Massimo Carlotto, Ginevra di Marco e molti altri. Durante le serate, in collaborazione con Slow Food e alcune aziende locali di eccellenza, sono organizzate degustazioni di prodotti tipici, anch?essi parte integrante della cultura del territorio. I luoghi visitati nelle passate edizioni sono scavi archeologici romani ed etruschi a Talamone, Vetulonia, Scansano, Sorano (Poggio Murella); siti di archeologia industriale come Terra Rossa di Scarlino, la miniera Marchi a Ravi (Gavorrano); monumenti medievali come le mura di Massa Marittima, le Giorgio Albertazzi Theo Teardo rovine di San Bruzio (Magliano in Toscana), castello pisano di Buriano (Castiglione della Pescaia); il ghetto ebraico di Pitigliano. L?edizione 2015 (29 e 30 maggio / 1, 2, 6 e 13 giugno) torna ad aprire l?estate per un pubblico che nel corso degli anni si è dimostrato numeroso, attento e partecipe. Il Granaio Lorenese di Alberese (Grosseto), il sito archeologico etrusco in località Poggiotondo (Scarlino), la miniera di Niccioleta (Massa Marittima) e il sito rupestre in località San Rocco (Sorano), la miniera Marchi a Ravi e Roccastrada (tenuta La Pescaia a Sticciano scalo), sono le stazioni di questo nuovo viaggio nella Maremma più inconsueta. Siti del passato poco conosciuti vengono restituiti al tempo presente grazie anche a questo piccolo festival che in quattro serate propone grandi nomi del panorama nazionale tra i quali: Ascanio Celestini, Theo Teardo, Peppe Voltarelli, Marco Vichi, Anna Meacci, Giorgio Albertazzi e Mariangela d?Abbraccio. Valorizzare la storia, esaltare la bellezza, scoprire il territorio, coniugare le arti, gustare i sapori, questo è I luoghi del tempo. Si parte venerdì 29 maggio da Alberese (Granaio Lorenese) cornice alle ore 19.00 del concerto de La banda di Bac- Peppe Voltarelli Ascanio Celestini 30 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 co ?Titani, contadini e pescatori?, cui farà seguito alle ore 20.00 una degustazione di prodotti locali. Quindi, sabato 30 maggio la scena si sposterà in quel di Scarlino presso il sito archeologico etrusco in località Poggiotondo, dove alle ore 18.00 è in programma la passeggiata ?Vacanze in Maremma? ? con Anna Meacci (attrice), Simona Rafanelli (direttrice Museo Archeologico di Vetulonia), Alberto Severi (giornalista) ?, prologo di un?altra degustazione di prodotti locali alle ore 19.00 e subito dopo (ore 19.30) del concerto di Teho Teardo e Martina Bertoni ?Music, film. Music?. Terza tappa lunedì 1 giugno in località Niccioleta (Massa Marittima) dove alle 18.00 è in calendario la passeggiata ?L?ultima Miniera? con Roberta Pieraccioli (coordinatrice Rete Museale Provincia di Grosseto), Alessandra Casini (direttrice Parco Minerario), Flavio Fusi (giornalista), seguita alle ore 19.00 da una degustazione di prodotti locali e alle ore 19.30 dallo spettacolo ?Niccioleta, una storia poco nota? di e con Ascanio Celestini (traduzione orale) da un?idea di Andrea Camilleri. La storia, come si legge nelle note di presentazione, riporta al 13 giugno del 1944 ?quando i reparti nazisti e fascisti invadono Niccioleta, in Toscana. Molti abitanti di questa frazione non si sono presentati ai posti di polizia fascisti e tedeschi di Massa Marittima a causa di un manifesto di Giorgio Almirante affisso in tutti i comuni della provincia di Grosseto: è questo il motivo per cui devono essere puniti. Dietro il forno della dispensa, in un piccolo cortile, 6 minatori vengono fucilati, un settimo riesce invece a scappare nascondendosi nella boscaglia grazie a un attimo di distrazione del fascista di guardia. Dei 150 operai deportati a Castelnuovo di Val di Cecina, 77 minatori sono giustiziati sulla strada per Larderello, 21 mandati in Germania e gli altri vengono infine liberati?. Martedì 2 giugno il festival I Luoghi del Tempo sbarcherà a Sorano (località San Rocco) con il concerto alle ore 20.00 di Peppe Voltarelli ?Il monumento? preceduto alle ore 18.00 dalla passeggiata ?Sentieri e briganti? con Marco Vichi (scrittore), Lorenzo Degl?Innocenti (attore), Pierandrea Vanni (giornalista), Lara Arcangeli (direttrice Sistema Museale Sorano) e dalla consueta degustazione di prodotti locali. Sempre nel mese di giugno sabato 6 arriverà a Ravi (miniera Marchi) dove alle ore 19,00 sarà inaugurata la mostra ?Dai campi alle officine? a cura dell?Archivio Gori. Presentano Giovanni Gori (presidente Archivio Gori) e Gianfranco Luzzetti (antiquario). Seguirà una degustazione di prodotti locali a cura Slow food Monteregio ed il concerto ?Di ferro e di fuoco? con Michele Lanzini (violoncello), Emanuele Bocci (chitarra, voce recitante). Infine, sabato 13 giugno chiusura a Sticciano (Tenuta La Pescaia) cornice alle ore 20,00 dello spettacolo ?Borges Piazzolla? con Giorgio Albertazzi e Mariangela D?Abbraccio. Al termine cena (su prenotazione). Ingresso gratuito | prenotazione obbligatoria (posti limitati) Info/prenotazioni: Infopoint Follonica, via Roma 49, tel. 056652012 segreteria@prolocofollonica.it AD Arte Spettacoli s.r.l. www.adartespettacoli.it Primo Piano incOntri Francesco Carri e Giancarlo Ciarpi, una Banca, un forte impegno ed un grande amore: la maremma Prosegue INCONTRI, il nostro spazio che ha come obiettivo quello di intervistare le figure istituzionali presenti in Maremma anche al fine di migliorare la conoscenza che si ha di loro, del ruolo e delle funzioni che svolgono e conoscere il loro punto di vista sulla nostra terra. In questa quarta puntata incontriamo i vertici della Banca della Maremma: Francesco Carri e Giancarlo Ciarpi di Vanna FranCesCa BertonCelli D opo il prefetto Anna Maria Manzone, il procuratore della Repubblica Francesco Verusio ed il Comandante provinciale dei Carabinieri Gerardo Iorio, il nostro spazio ?Incontri? dedica la sua quarta puntata alle due figure al vertice (Presidente e Direttore Generale) della Banca della Maremma, realtà di grande rilevanza economica e sociale per il territorio in cui opera: Francesco Carri e Giancarlo Ciarpi. IL PRESIDENTE Francesco Carri cela dietro un atteggiamento apparentemente distaccato una sensibilità disarmante. Contattarlo non è stato facile per i molteplici impe- 32 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 gni (dal 2010 è presidente dell?Istituto Centrale di Credito Cooperativo) che lo tengono pressoché continuamente lontano dalla sua Grosseto. Dove nasce nel 1954. Dopo la Laurea in Scienze Economiche presso l?Università di Siena compie esperienze professionali come dipendente del Credito Italiano, insegnante di economia aziendale, socio dello studio commerciale associato ?Carri, Leoni?. Dal 2001 è presidente della Banca della Maremma. È in corso d?opera, da ormai più di trent?anni, il matrimonio con la sua Alessandra. Grande appassionato di sport ha praticato il tennis a livello agonistico. Il Presidente svolge, all?interno della Banca, un ruolo ?politico? e così come previsto dall?art. 40 dello Statuto della Banca della Maremma ?promuove l?effettivo funzionamento del governo societario?. ?Al Presidente ? precisa Francesco Carri ? spetta la rappresentanza legale della Società di fronte ai terzi e in giudizio, nonché l?uso della firma sociale?. ?Il mio legame con la Maremma ? dice ? è fortissimo e la ritengo in assoluto una delle migliori zone territoriali del mondo, in particolare per l?armonia che caratterizza il suo assetto paesaggistico e per le grandi potenzialità di sviluppo sostenibile. Come Presidente della Banca della Maremma ho avuto Nella foto il presidente della Banca della Maremma Francesco Carri (a sinistra) ed il direttore generale Giancarlo Ciarpi; sotto uno scorcio di Maremma modo di toccare con mano molti aspetti positivi legati alla laboriosità, generosità ed onestà dei maremmani, ma ? prosegue ? la formazione di una comunità completamente coesa richiede ancora impegno e convinzione. Non è sempre facile far comprendere ai maremmani l?importanza di valorizzare in ogni occasione tutto ciò che esprime direttamente la comunità, come ad esempio le Banche di credito cooperativo che nascono e si sviluppano con la comunità di riferimento e costituiscono una grande ricchezza collettiva. Questa consapevolezza sta comunque maturando anche perché si è potuto verificare in questo periodo di prolungata crisi chi rimane veramente vicino ai bisogni della gente?. ?Questo territorio ? aggiunge ? presenta grandi potenzialità di sviluppo mantenendo le proprie caratterizzazioni socio-economiche se sapremo valorizzare sempre di più, oltre allo splendido litorale, anche l?entroterra con i suoi borghi. Il turismo, l?agricoltura, l?artigianato, l?economia del mare e dei porti possono crescere senza alterare la bellezza dei luoghi. Le eccellenze maremmane sono numerosissime in molti settori economici, si tratta di valorizzarle con interventi di cooperazione istituzionale che la Maremma ha già sperimentato con successo in più occasioni. Sul piano culturale ? continua ? occorre lavorare sui giovani per renderli protagonisti, aiutandoli ad apprezzare la loro terra nella convinzione che può offrire loro sbocchi occupazionali molto soddisfacenti. Occorre impegnarsi per ritrovare fiducia nel futuro anche immaginando modifiche agli stili di vita più improntati alla sobrietà ed all?apprezzamento di ciò che ci è vicino?. In quanto Presidente dell?ICCREA quindi da un osservatorio esterno alla realtà maremmana, sostiene che: ?La Maremma è un sogno. Per tutti. In ogni occasione di incontro con il mondo economico italiano si parla di Maremma, Primo Piano ? 33 Primo Piano ???? Francesco Carri: ?Il mio legame con la Maremma è fortissimo e la ritengo in assoluto una delle migliori zone territoriali del mondo, in particolare per l?armonia che caratterizza il suo assetto paesaggistico e per le grandi potenzialità di sviluppo sostenibile? Francesco Carri della sua bellezza, delle grandi potenzialità. Molti chiedono notizie su strutture ricettive dove trascorrere le vacanze, ma anche su case, poderi, attività economiche disponibili in questa terra. Occorre agevolare l?accoglienza dei potenziali investitori continuando e potenziando le numerose iniziative che favoriscano la conoscenza sempre più capillare del nostro territorio?. In una piccola realtà come quella di Grosseto i rapporti personali vanno ad assumere un forte significato. ?Ogni attività tra persone si basa su rapporti di fiducia improntati alla reciproca conoscenza. Questo elemento ? dice ? in ambito economico-finanziario diviene importantissimo. La conoscenza diretta dei clienti è un valore aggiunto delle banche di credito cooperativo. È naturale che non ci sia sempre condivisione tra le scelte della banca e le richieste dei clienti. L?importante è la massima chiarezza relazionale?. Il rapporto con la gente della Maremma, con la sua gente, è intenso. ?Lo vivo con partecipazione e soddisfazione. Le nostre Istituzioni locali sanno apprezzare il ruolo di chi è autenticamente legato al territorio e si è consolidato, nel tempo, un rapporto di stretta collaborazione a beneficio della comunità. Siamo da sempre vicini al mondo del lavoro ed all?associazionismo con rapporti basati sulla condivisione di progetti ed idee che trovano sintesi in numerose convenzioni ed azioni comuni. È noto a tutti ? prosegue ? che la Banca della Maremma, in maniera concreta e coerente con il proprio Statuto interviene in modo molto considerevole per costruire il bene comune favorendo la coesione sociale e la crescita responsabile e sostenibile del territorio nel quale ope- ra. È un ruolo che continua ad entusiasmarmi perché vedo ancora tangibili risultati positivi grazie al lavoro di grande qualità professionale ed impegno di una eccellente squadra di collaboratori diretti da Giancarlo Ciarpi?. IL DIRETTORE GENERALE Giancarlo Ciarpi è un uomo piacente. Garbato, disponibile al dialogo impronta l?incontro alla cordialità. Nasce a Barbanella (storico quartiere della città di Grosseto, ndr) dove è forte il senso di aggregazione e di solidarietà. Una comunità fatta di piccole cose: una piazza, i portici, il campanile, il vicinato e la passione agonistica per il calcio. Storie di persone di ieri e di oggi che vanno a formare l?identità di un luogo, frutto delle loro relazioni. Barbanella è dei barbanellini. Altra gente. Ed il Direttore è un barbanellino doc. Il La Banca della maremma e la sua filosofia a filosofia della Banca della Maremma Credito Cooperativo di Grosseto si può sintetizzare nello slogan appartenenza e partecipazione. Nel 2002 acquisisce la denominazione attuale che esprime al meglio il suo essere a tutto tondo banca del territorio. Affonda le sue radici nella fusione tra la Cassa Rurale ed Artigiana di Marina di Grosseto e la Cassa Rurale ed Artigiana di Montiano, le cui origini risalgo- L 34 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 no al 1959, divenendo, nel 1995, la Banca di Credito Cooperativo della Maremma Grossetana. L?Istituto, profondamente radicato in questo angolo di Toscana, ha per definizione finalità sociali e la solidarietà agita sul territorio viene esportata anche all?estero con esperienze in Argentina e Ecuador. È forte il rapporto con la Diocesi di Grosseto ed in modo particolare quello con l?Altra Città di don Enzo Capitani. Sono numerosi gli interventi a sostegno delle iniziative sociali e culturali in città e sul territorio ed è vitale il legame con la Fondazione Grosseto Cultura. L?obiettivo dell?Istituto è la crescita di una comunità nel rispetto dell?ambiente, per rendere la Maremma capace di realizzare un?economia fondata sullo sviluppo eco-sostenibile. In questa ottica, a Braccagni, la nuova sede della ???? Giancarlo Ciarpi: ?In questa terra magica con il virare dei colori al cambio delle stagioni, i tramonti spettacolari ed i silenzi senza fine, le potenzialità di crescita sono molte. Ma c?è necessità di una maggiore apertura, disponibilità (...) per far decollare una terra dalle tante risorse dove agricoltura, turismo e cultura possono davvero fare la differenza? Giancarlo Ciarpi senso di appartenenza alla comunità e la solidarietà respirata sin dall?infanzia hanno improntato la sua vita lavorativa, sociale, civile. Figlio unico, madre casalinga e padre dipendente comunale, va all?asilo tenuto dalle Suore, a San Giuseppe e, per le scuole medie che frequenta alla Galilei passa al di qua di quella ferrovia che chiude la gente di Barbanella. Dopo il liceo scientifico cittadino c?è il viaggio iniziatico a Pisa. Qui, per qualche tempo, frequenta Economia per poi rientrare in Maremma. La vita dello studentelavoratore gli sta stretta. E a Marina di Grosseto lavora presso la Cassa Rurale ed Artigiana. Ha 22 anni. A Pisa, dove l?ambiente universitario degli anni settanta è particolarmente vivace, gli si apre un mondo nuovo dove fa conoscenze che si rivelano importanti per la sua formazione. ?Alcune di quelle conoscenze durano tuttora?. Si sposa molto giovane con una coetanea di Grosseto. ?Mi sono sposato due volte? aggiunge con una sorta di pudore. Dal secondo matrimonio con Antonella nascono due figli. Martina, la maggiore, da poco divenuta avvocato e Carlo Andrea di 26 anni che ha preferito dedicarsi presto al lavoro e che, come il babbo, ha il calcio nel cuore. ?Grande passione la mia. Ma sono stato un pessimo calciatore. E gli allenatori hanno cercato di farmelo capire in tutti i modi?. Ma Giancarlo Ciarpi il gol della vita lo realizza in Banca, l?altra sua forte passione che non gli fa però scordare il calcio. ?L?essere stato per tre anni Presidente del settore giovanile del Grosseto Calcio mi ha dato tanto. Il rapporto continuo con i giovani, il cogliere le loro difficoltà ed intravvedere dietro un?aggressività di facciata, la Banca è bio-climatica ed i suoi spazi, anche all?aperto, sono a disposizione della comunità per incontri, feste, cerimonie. Ed ancora i giovani e la scuola, campi fertili per il futuro della Maremma ai quali la Banca presta, da sempre, particolare attenzione come del resto allo sport che, a Grosseto, rappresenta da sempre un fenomeno sociale. La Banca della Maremma è una importantissima realtà creditizia in città. Presente sempre, il fine sociale. Si pensi al CRAL (con le varie iniziative anche in ambito culturale quali mostre, viaggi, conferenze), al microcredito, alla fragilità, l?insicurezza proprie di quell?età, è stata un?esperienza importante?. Il padre ha rivestito un ruolo decisivo ed è agli insegnamenti ricevuti da lui che ancora oggi ricorre per le decisioni più importanti e nei momenti critici. L?amicizia ha nella sua vita un posto decisamente rilevante. Al forte rapporto con il padre della prima moglie, figura guida per generazioni di studenti di Grosseto, al quale ha sempre guardato con stima, rispetto ed affetto, fa da contrappasso il rapporto con Claudio. L?amico di una vita. Un altro caro amico è Carlo Andrea del quale il figlio minore porta il nome. Ed è ancora l?amicizia che ritroviamo nel rapporto con Francesco Carri, presidente della Banca della Maremma. Il successo personale e quello della Banca sembrano affondare le radici proprio Mutua alla cui presidenza siede Gabriella Papponi Morelli e ai Giovani Soci della Banca, con un età compresa tra i 18 e i 33 anni che, animati da spirito innovativo, rappresentano il futuro. L?impegno nel sociale accompagna la vita dell?Istituto i cui dipendenti si sentono in qualche modo ?differenti? da quelli degli altri istituti. Sono proprio questi dipendenti che, avendo rilevato difficoltà da parte di alcuni clienti della Banca, dopo un corso di formazione di due anni sono oggi in grado di comunicare attraverso la LIS, la lingua dei segni. Primo Piano ? 35 Primo Piano La sede della Banca della maremma l prof. Riccardo Francovich ritiene che l? ?isolato?, che comprende la Banca della Maremma, familiarmente detta ?Banchina?, l?hotel Bastiani (1910-11), il palazzo Alben (1947-50, già sede del palazzo dei Priori risalente al 1262), l?ormai scomparsa chiesa di S. Michele con annesso cimitero (a. 1148 fino al 1781) e la ex sede della Banca d?Italia (1925), fosse stato il primo insediamento fortificato di Grosseto, il ?castrum? aldobrandesco. Nell?800 il palazzo, dopo I Nella foto l?ingresso della sede centrale in Corso Carducci a Grosseto l?unità d?Italia, fu sede della Regia Prefettura. Nelle foto dei primi anni del ?900 si può notare sulla facciata dell?edificio, al piano terreno, l?insegna che indicava la sede della Regia Prefettura e tra il primo e secondo piano lo stemma ?Sabaudo?. Successivamente, con il trasferimento di quest?ultima presso l?edificio oggi del Genio Civile sempre sul corso cittadino, già corso Carlo Alberto, ospitò gli Uffici Erariali (Catasto) fino al trasferimento di questi, nel 1974, in via Roma. Dalla metà degli anni ?70 l?edificio è stato dismesso e non più utilizzato fino ai lavori di ristrutturazione a cura della Banca della Maremma finalizzati ad ospitare la sede principale dell?istituto di credito, che fu inaugurata il 36 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 5 maggio 2011. La sede della Banca della Maremma (costituita da tre piani) affaccia su corso Carducci al civico 14, nel centro storico, cuore vivo della città. Al piano terra dell?edificio sono presenti da sempre numerose attività commerciali. Sul retro guarda in piazzetta San Michele e, con un?ampia terrazza, ammicca al teatro degli Industri, suo dirimpettaio. L?ingresso centrale ha un che di minimalista e gli arredi, essenziali, rimandano all?artigianato povero del territorio. L?antico portone di accesso, in legno, rimosso per ovvi motivi di sicurezza, fa bella mostra di sé a chiusura di un vano contenitore al piano superiore dell?edificio. Gli interventi di restauro hanno privilegiato soluzioni all?insegna della funzionalità e della sobrietà muovendosi sul filo della memoria e con un uso particolarmente attento dei colori che richiamano quelli della Maremma. Ai lavori ha fornito un prezioso contributo anche Giancarlo Parisi, dipendente dell?Istituto ed anche lui un bancario davvero ?differente?. Nella sala Mirto Marraccini aperta alla comunità per dibattiti, conferenze ed eventi culturali sulle pareti laterali in vetro, in uno spirito di continuità, sono riprodotti lo Statuto sociale della Banca e gli atti costitutivi redatti nel 1959 da Vincenzo Abbate e Vladimiro De Carolis notai in Grosseto. Il soffitto a capriate di metallo grigio piombo ed il pavimento in tono conferiscono alla sala un aspetto asciutto e severo. L?immagine della ?melagrana? è ricorrente nei locali dell?Istituto. Simbolo di origine cristiana, scelto nel 1945 dalla ricostituita Confederazione delle Cooperative come figura rappresentativa di unione pur nelle differenze. Gli ambienti, dove l?essenzialità è il tratto fondamentale, privi di caratteri espressivi, sono tuttavia in grado di suscitare emozioni richiamando proprio all?essenzialità del vivere della gente di Maremma. in questo legame, nel confronto continuo di idee, nella condivisione di progetti, successi e delusioni. La Banca della Maremma ?Credito Cooperativo di Grosseto? nasce ufficialmente nel 2002. Determinante il convegno del 1 dicembre 2001 presso il Teatro degli Industri organizzato dall?Istituto per aprirsi al territorio attraverso un confronto con la cittadinanza. ?Grosseto era l?unico capoluogo della Toscana a non avere un Istituto suo proprio e bisognava porvi rimedio. È un Istituto di credito cooperativo. Non ha fini di lucro e a fine anno non diamo dividendi agli azionisti ma riversiamo sul territorio nel quale e per il quale operiamo, cifre, anche decisamente consistenti. La ricaduta è, sempre, sul territorio al quale apparteniamo?. ?Anche Grosseto ? prosegue il Direttore ? risente dell?individualismo di cui l?invidia è figlia e quando questa resta tale e non si trasforma in emulazione può essere un ostacolo all?aggregazione sociale e allo sviluppo di un territorio. In questa terra magica con il virare dei colori al cambio delle stagioni, i tramonti spettacolari ed i silenzi senza fine (mentre parla delle bellezze della Maremma, una sottile commozione gli attraversa il volto, ndr) le potenzialità di crescita sono davvero molte. Ma c?è necessità di una maggiore apertura, disponibilità, ampliamento di ottica nella classe imprenditoriale per far decollare una terra dalle molte risorse dove agricoltura, turismo e cultura possono davvero fare la differenza?. La conversazione si snoda, in modo piacevole, tra argomenti di natura diversa per concludersi con una visita alla sede centrale dell?Istituto. L?incontro con la Banca della Maremma e con i suoi rappresentanti istituzionali termina con il ricordo dei Soci Fondatori. Senza il loro coraggio, la loro lungimiranza, il loro spirito solidaristico, questa presenza preziosa per la realtà locale, risorsa fondamentale per il territorio, non esisterebbe. Hanno collaborato a questo numero, in ordine alfabetico: Dott.ssa Elisabetta Capecchi - Ufficio Comunicazione Banca della Maremma; Arch. Pietro Pettini - Presidente Ordine Architetti della provincia di Grosseto Primo Piano StOriA ?il culto di san Gregorio Vii a sovana?, una mostra fa luce su un personaggio non sempre amato di angelo Biondi È dedicata a Ildebrando da Sovana, più conosciuto come Papa Gregorio VII, la mostra che sarà inaugurata il 24 maggio proprio a Sovana (Sorano), nella storica Cattedrale, nell?ambito delle celebrazioni del IX Centenario della morte della Contessa Matilde di Toscana, fedele alleata del papa sovanese ? Il culto di San Gregorio VII a Sovana?. Questo è il titolo della mostra che sarà inaugurata il 24 maggio (per proseguire fino all?autunno) presso la Cattedrale di Sovana in occasione della festa del Santo Pontefice sovanese, nell?ambito delle celebrazioni del IX Centenario della morte della Contessa Matilde di Toscana, fedele alleata di Gregorio VII, presso cui si svolse nel castello di Canossa il celebre episodio dell?umiliazione dell?Imperatore Enrico 38 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 IV dopo la scomunica lanciatagli dal Papa. L?esposizione, curata dal prof. Angelo Biondi, viene realizzata dall?Associazione SovanAperta con la sponsorizzazione della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano e la collaborazione della Curia Vescovile della Diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello e della Società Italiana per la Protezione dei Beni Culturali (SIPBC) ONLUS. Il grande papa Gregorio VII (10731085), campione della ?lotta per le investiture?, che segnarono una svolta storica nei rapporti tra Papato e Impero e più in generale tra Stato e Chiesa, si può dire che è un ?santo senza culto?, essendo stato ?segno di contraddizione? nella sua decisa lotta per la libertà e la purezza della Chiesa non solo in vita, ma anche dopo la sua morte per molti secoli fin quasi ai nostri giorni. A lungo infatti si palesarono forti osti- Sovana (foto Cesare Moroni); in basso a destra Papa Gregorio VII lità al culto di San Gregorio VII, tanto che ancora oggi le chiese a lui dedicate sono pochissime e tutte di epoca recente. Sovana, oltre a Salerno, dove Gregorio VII morì in esilio, è uno dei rari casi, dove il culto per il grande papa della lotta per le investiture si sviluppò fin dal XVII secolo. Nel generale clima di Riforma cattolica, scaturito a seguito del Concilio di Trento (1545-1563), maturò una ripresa del culto e del riconoscimento pubblico ed ufficiale, da parte della Chiesa di Roma, della santità di papa Gregorio VII, fatto segno di accese polemiche dei luterani nell?ambito dei feroci attacchi alla Chiesa cattolica. In tale contesto si ebbe la riscoperta della tomba di Gregorio VII, per secoli quasi dimenticata a Salerno; il Vescovo salernitano Marco Antonio Colonna nel 1578 effettuò la prima ricognizione, trovando il corpo del pontefice ancora intatto e rivestito dei suoi abiti pontificali. L?avvenimento ebbe grande risonanza e papa Gregorio XIII, ?considerando gli atti santissimi della sua vita ed i celeberrimi miracoli operati?, ne dichiarò la santità nel 1584 e fece inserire il suo nome nel Martirologio della Chiesa Romana. Tuttavia in età di assolutismo e di forti polemiche con i protestanti, per motivi di prudenza tale atto rimase interno alla Chiesa. D?altra parte ?da allora e pressoché ininterrottamente ? dice lo storico Giovanni Miccoli ? il suo nome diviene un punto di riferimento obbligato in tutte le polemiche intorno alle prerogative e all?autorità della Chiesa romana, oggetto di durissimi attacchi e insieme di difese appassionate?. La fama della riscoperta del corpo di Gregorio VII fece nascere a Sovana, sua patria, il desiderio di avere una sua reliquia da venerare degnamente; se ne fece interprete il Vescovo Mons. Metello Bichi, senese, la cui richiesta a Salerno fu appoggiata sia da papa Paolo V che dal Granduca di Toscana. Di fronte a tali richieste Il Capitolo della Cattedrale di Salerno (era vacante la sede vescovile), decise di concedere il braccio e la mano destra di papa Gregorio VII. Tale reliquia, detta del Santo Braccio, fu composta nel bel reliquiario d?argento, in cui ancora si conserva, e portata a Sovana nell?estate 1606. L?arrivo di questa preziosa reliquia stimolò il naturale sentimento religioso e propagò il culto del Santo tra la popolazione sovanese, aperta alla speranza, per sua intercessione, di ottenere ?sanità, pace ed abbondanza? in tempi di forte decadenza della città di Sovana, già provata dalle guerre e spopolata per la malaria. Così infatti il Consiglio della Comunità di Sovana all?arrivo del Santo Braccio, dichiarò di volere ?con quella maggiore venerazione ricever tanto tesoro, che teniamo per fermo che oltre al benefizio che apporterà alle anime nostre, ne abbia ad essere utile ancora al corpo et in particolare all?infezione dell?aria?. Nel corso del Seicento andò sviluppandosi sempre più il culto di San Gregorio VII, che probabilmente servì anche ad unire vecchi e nuovi abitatori di Sovana, fatta oggetto di ripetuti tentativi di ripopolamento. L?altare di San Gregorio VII, eretto nella cattedrale sovanese dal Vescovo Bichi, cominciò a ricevere donazioni; inoltre la festa del Santo Pontefice del 25 maggio gradualmente soppiantò la vecchia festa di San Lorenzo del 10 agosto, introdotta dai senesi nel XV secolo dopo aver conquistato Sovana. Nella seconda metà del Seicento San Gregorio VII veniva ormai indicato come patrono ?ed avvocato principale della città di Sovana? ed anche della Diocesi sovanese; a lui fanno riferimento i Sinodi tenuti dai Vescovi in questo periodo e l?invocazione a San Gregorio VII si trova inserita anche nelle deliberazioni della Comunità di Sovana. Tra le delibere della Comunità di Sovana il 9 novembre 1690 si legge che fu comprata: ?una casa dentro Sovana, posta nella strada del mattonato sopra alla piazzuola per andare al Duomo, vulgarmente chiamata la CASA DI SAN GREGORIO??. Non vi è dubbio che si tratti dell?edificio, posto in via de Duomo, ed ancora oggi indicato comunemente come ?Casa natale di San Gregorio VII?. L?edificio è antico, ma non ha certo i caratteri di una abitazione dell?epoca di Primo Piano ? 39 Primo Piano L?episodio di Canossa (P. Aldi) ???? La mostra, curata dal prof. Angelo Biondi, viene realizzata dall?Associazione SovanAperta con la sponsorizzazione della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano e la collaborazione della Curia Vescovile della Diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello e della Società Italiana per la Protezione dei Beni Culturali (SIPBC) ONLUS. La reliquia del Santo Braccio 40 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 Gregorio VII e non si può sostenere che sia stata veramente la casa di Ildebrando da Soana, destinato poi a diventare papa Gregorio VII. Tuttavia l?interessante tradizione, in passato ritenuta di una certa attendibilità, affonda le sue radici lontano nel tempo ed è collegata proprio allo sviluppo a Sovana del culto di San Gregorio VII; la venerazione sempre più forte per il Santo Pontefice probabilmente portò la popolazione ad identificare un antico edificio come casa natale dell?illustre concittadino, creando una tradizione così forte che in seguito si diceva ?cucina di San Gregorio? anche una stanza al piano superiore della casa, dove si trovava un antico camino istoriato. Un altro effetto del culto di San Gregorio VII fu il sorgere della leggenda di un supposto monacato del giovane Ildebrando da Soana presso il monastero vallombrosano di San Benedetto di Montecalvello, che allora si trovava all?Elmo, prima della sua traslazione dentro la citSovana, la cosiddetta Casa di San Gregorio VII tà di Sovana nel 1496. Tale leggenda dette vita a notevoli controversie e polemiche nel Settecento tra chi la credeva vera e chi la riteneva infondata; comunque San Gregorio VII fu a lungo annoverato tra i maggiori personaggi dell?Ordine vallombrosano. Nel 1728 papa Benedetto XIII, dopo lungo tempo, si decise ad ordinare l?inserimento dell?Ufficio e della Messa di San Gregorio VII nel Breviario Romano, rendendone così pubblico il culto, fino allora limitato a poche chiese locali, come Salerno e Sovana. Ma di fronte a tale provvedimento insorsero vari governi, appoggiati da regalisti e giansenisti, che considerarono un attentato alla sovranità laica il culto di San Gregorio VII, che rievocava la lotta con l?Imperatore Enrico IV, e l?episodio di Canossa. In Francia, in Olanda, a Napoli, a Venezia, fu proibita la recitazione dell?Ufficio di San Gregorio VII e vietato il suo culto. Anche l?Imperatore d?Austria si dichiarò fortemente contrario, emanando nel 1750 e 1754 due provvedimenti, che vietavano la celebrazione della festa di San Gregorio VII nei suoi Stati. Lo seguì il Granduca di Toscana, imparentato con la Casa d?Austria, proibendo a sua volta il culto del Santo Pontefice e costringendo il Vescovo di Sovana nel 1790 a sostituire San Mamiliano a San Gregorio VII come patrono della città e della Diocesi, nonostante la contrarietà del clero e del popolo di Sovana. Ancora una volta, nel ?secolo dei lumi?, San Gregorio VII viene aspra- ?Ildebrando fanciullo? (P. Aldi) mente combattuto dai potenti, odiato soprattutto da sovrani, re e imperatori. Lo stesso fece Napoleone, il quale, divenuto Imperatore, proibì nel 1810 la celebrazione della festa di San Gregorio VII in tutti gli Stati dominati dai francesi, compresa la Toscana. Nonostante tutto, la venerazione per il Santo Pontefice non venne meno nella città di Sovana e continuò nel tempo fino ai giorni nostri. Così vennero celebrate a Sovana e nella sua Diocesi le ricorrenze dell?VIII Centenario dell?elezione a Papa nel 1873 e della morte di San Gregorio VII nel 1885, pur nel contesto delle difficoltà per la Chiesa negli anni successivi all?Unità d?Italia e alla presa di Roma; Gregorio VII assurge ora a simbolo di strenuo difensore della libertà della Chiesa di fronte al liberalismo e al modernismo ottocenteschi. Non a caso particolare solennità fu data, nelle celebrazioni del 1885, allo scoprimento, nella Concattedrale di Pitigliano, di due grandi dipinti del pittore mancianese Pietro Aldi, che rappresentano la leggenda di ?Ildebrando fanciullo che predice la sua futura grandezza? e il famosissimo episodio di ?Gregorio VII e l?Imperatore Enrico IV a Canossa?. Una commemorazione straordinaria del Santo Pontefice fu indetta nella città di Sovana in occasione dell?avvenimento del Concordato tra Stato Italiano e Chiesa del 1929 e in concomitanza con il Giubileo sacerdotale di papa Pio XI; in tale circostanza il Vescovo ordinò che ogni anno si facesse, in tutte le parrocchie della Diocesi, la festa di San Gregorio VII. In considerazione della costante venerazione per il Santo Papa sovanese, il Vescovo Mons. Battistelli nel 1947 ottenne da papa Pio XII la proclamazione di San Gregorio VII come patrono ?aeque prinicipalem? (ugualmente principale) della Diocesi di Sovana-Pitigliano insieme a San Mamiliano. Altri momenti di notevole risonanza sono state le recenti celebrazioni del IX Centenario della elevazione a Pontefice (1973) e della morte di Gregorio VII (1985), solennizzate a Sovana e in tutta la Diocesi. In particolare le solennità del 1973 si conclusero nel 1974 con la riapertura al culto, dopo vari anni di lavori di consolidamento, della bella Cattedrale di Sovana, in parziale coincidenza con l?inizio delle celebrazioni dell?Anno Santo; inoltre Sovana poté partecipare con una sua comparsa alla sfilata del Corteo Storico del Palio di Siena, dedicato nell?occasione proprio a San Gregorio VII, portando il masgalano, offerto dal Comune di Sorano, di cui Sovana fa parte, e che fu vinto dalla Contrada della Giraffa, con cui Sovana era gemellata. Gli eventi in programma ell?ambito del programma toscano di celebrazioni del IX Centenario della morte della Contessa Matilde di Canossa, il Comune di Sorano e l?Associazione SovanAperta hanno messo a punto un nutrito calendario di eventi. N Questo il programma: 23 mAGGIO Mostra documentale sul gemellaggio Sovana-Canossa, voluto da don Pierluigi Mattei, con relazione della dr.ssa Silvia Zucchi 24 mAGGIO Corteo storico a cavallo nel nome di Matilde e di Gregorio VII Inaugurazione della Mostra ?Il culto di San Gregorio VII a Sovana? e relazione del prof. Angelo Biondi Concerto del Coro ?I Quiricanti? nella Cattedrale di Sovana 25 mAGGIO (feSTA dI SAN GreGOrIO VII) Conferenza del prof. Domenico Maselli sulla figura di papa Gregorio VII Santa Messa solenne nella Cattedrale di Sovana e breve presentazione della Mostra sul culto del Santo Pontefice a cura del prof. Angelo Biondi Nei mesi successivi fino ad ottobre seguiranno ad intervalli varie altre iniziative: conferenze della dr.ssa Angela Chiapponi Presidente dell?Istituto di Studi Matildici, del prof. Angelo Biondi e ?lectio magistralis? del Cardinale S.E. Angelo Comastri, presentazione di libri, concerto di musica classica a Sovana, trasferimento al castello di Rossena, presso Canossa, della mostra ?Il culto di San Gregorio VII a Sovana? Primo Piano ? 41 Primo Piano StOriA in memoria dei ?martiri d?istia d?ombrone?, undici ?ragazzi? tragicamente trucidati nel 1944 a maiano Lavacchio Fu un fatto davvero tragico che ancora oggi viene ricordato ogni anno quello che accadde la mattina del 22 marzo 1944 a Maiano Lavacchio (Magliano in Toscana) dove in piena Guerra di Liberazione furono uccisi per mano fascista undici giovani passati alla storia come i ?Martiri d?Istia d?Ombrone? di Corrado Barontini S ono passati alla storia come i ?Martiri d?Istia d?Ombrone?. Nome con il quale si ricordano gli undici giovani barbaramente uccisi dai fascisti/repubblichini la mattina del 22 marzo 1944 sul retro del podere Sant?Antonio degli Andrei a Maiano Nella foto la chiesina eretta a Maiano Lavacchio nel luogo dell?eccidio 42 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 Lavacchio (Magliano in Toscana). Il motivo per cui le vittime si chiamano ?Martiri d?Istia d?Ombrone?, pur essendo stati uccisi nel comune di Magliano in Toscana, si giustifica per due ragioni: la prima è che i corpi martoriati vennero sepolti nel cimitero di Istia (comune di Grosseto, ndr), l?altra è che diversi di loro erano nati proprio in questo paese. Un libro che ricorda il sacrificio di quei giovani, realizzato dallo scrivente e Fausto Bucci, fu frutto di una ricerca sull?efferato eccidio basata su molte testimonianze orali. Lo intitolammo ?A Monte Bottigli contro la guerra. Dieci ragazzi, un decoratore mazziniano, un disertore viennese. Fra oralità e storia? (I ed. Anpi, Grosseto, 1995; II ed. Follonica, 2003). L?eccidio del 22 marzo 1944 fu il primo fatto di sangue ad avere una certa rilevanza in provincia di Grosseto (l?altro fu il Massacro della Niccioleta dove vennero trucidati 83 minatori). Gli undici martiri d?Istia vennero fucilati dai ?repubblichini? per dare una dimostrazione di forza. Non a caso il capo della Provincia Alceo Ercolani fece affiggere, pochi giorni dopo (31 marzo 1944), un manifesto che dava notizia dell?avvenuta fucilazione ed avvertiva che la stessa sorte sarebbe stata riservata a ?chiunque sarà trovato armato e si unisca alle bande?. Quel manifesto si basava sulla men- Nella foto le vittime passate alla storia come i "Martiri d'Istia": Emanuele e Corrado Matteini, Alfiero Grazi, Attilio Sforzi, Alvaro Minucci, Alfonzo Passannanti, Antonio Brancati, Rino Ciattini, Silvano Guidoni, Alcide Mignarri e Mario Becucci zogna poiché gli undici martiri d?Istia non avevano (per scelta) portato con sé nessuna arma offensiva; un solo fucile da caccia, un ?ferrovecchio?, che Attilio Sforzi portò dietro ?...per vede? se l?accomodavano?. Gli ?sbandati?, che si erano ritrovati nelle macchie di Motebottigli erano 12 uomini (fra loro un austriaco ? Gunter Frichugsdorf, detto Gino ? disertore dall?esercito tedesco, che sarà l?unico a salvarsi dalla fucilazione). Gli altri: Emanuele e Corrado Matteini, Alfiero Grazi, Attilio Sforzi, Alvaro Minucci, Alfonzo Passannanti, Antonio Brancati, Rino Ciattini, Silvano Guidoni, Alcide Mignarri ed il trentanovenne Mario Becucci che si era aggregato al gruppo tre giorni prima dell?eccidio, vennero fucilati senza avere nessun conforto religioso. Il processo-farsa ebbe luogo al podere degli Andrei nell?aula riservata in quel tempo alla scuola elementare e durò complessivamente una ventina di minuti, giusto il tempo per prendere i dati degli ?imputati?. Di quella specie di ?Corte? giudicante non fecero parte i tedeschi, presenti all?operazione mili- tare, comandati dal Tenete Muller, mentre fra i fascisti presenti in aula troviamo: Silio Monti (Federale del partito fascista a Grosseto), il Dottor Michele De Anna, Inigo Pucini (Podestà di Grosseto), Vittorio Ciabatti e la ?spia? Lucio Raciti (pagato dalla Prefettura di Grosseto per infiltrarsi nella zona e raccogliere notizie). La scelta di non portare le armi caratterizza la natura pacifica del gruppo e ancor più la volontà di non uccidere. La loro contrarietà alla guerra non impedì ai giovani renitenti di mantenere rapporti con la popolazione del posto e di incontrarsi con alcuni membri del comitato di liberazione provinciale (ad esempio Angiolo Rossi ? detto Trueba, che era stato combattente in Spagna con le Brigate Internazionali ? e Pietro Verdi che nel dopoguerra sarà Presidente dell?ANPI di Grosseto). Ecco come si svolsero i fatti: Nella notte fra il 21 e 22 marzo diverse centinaia di fascisti al comando del capitano Michele De Anna ed un piccolo contingente tedesco comandato dal tenente Muller, accerchiati i poderi ai margini della macchia, entrarono nel bosco, raggiungendo le ?capanne di Monte Bottigli? sorprendendo i dodici giovani. Le capanne vennero poi devastate e i prigionieri avviati verso il luogo dell?eccidio. In questa situazione il viennese ?Gino? (l?unico che essendo disertore dell?esercito tedesco ebbe chiaro da subito cosa lo attendeva) tentò la fuga, riuscendo ad entrare nella macchia più intricata. Spararono, ma non venne colpito. Gli altri furono condotti al podere dell?Andrei dove all?epoca c?era l?Appalto, il Bar e le scuole elementari. Qui vennero fatti entrare nell?aula insieme a due contadini del posto (Francesco Biagi e Ermenegildo Corsetti, trovati in possesso di 2 fucili da caccia) e due giovani sardi (Giovanni Pirìa e Luigi Careddu, renitenti alla leva ed ospiti al Podere Ariosti). Questi ultimi quattro saranno ?assolti? anche se i due agricoltori (Biagi e Corsetti) vennero poi utilizzati per portare via con i carri tutto quello che i fascisti avevano razziato nei poderi: pane, prosciutto, formaggio... Primo Piano ? 43 Primo Piano Le celebrazioni 2015 Le celebrazioni per il 71° anniversario dall?eccidio degli undici giovani Martiri d?istia d?Ombrone si sono svolte prima a Maiano Lavacchio poi nella sede del comune di Magliano in toscana anche quest?anno, come avviene ormai da sempre a Maiano Lavacchio (comune di Magliano in Toscana) si è ripetuta la cerimonia per ricordare l?eccidio degli 11 ?ragazzi? tristemente noti come ?Martiri d?Istia d?Ombrone?. Con questo nome si ricordano i giovani barbaramente uccisi dai fascistirepubblichini la mattina del 22 marzo 1944 sul retro del podere Sant?Antonio degli Andrei. Quest?anno la cerimonia ufficiale è stata realizzata sabato 21 marzo con una messa celebrata da Don Franco Cencioni e con i discorsi delle autorità. Erano presenti diverse personalità e rappresentanti delle istituzioni tra cui: Emilio Bonifazi (presidente della Provincia di Grosseto e Sindaco dello stesso Comune), Nello Bracalari (ANPI di Grosseto), Diego Cinelli (Sindaco di Magliano in Toscana), Luciana Rocchi (ISGREG), Giuseppe Corlito (ANPI di Grosseto). Un?altra manifestazione per ricordare lo stesso tragico evento ha avuto luogo, alcuni giorni dopo, nella sede del Comune di Magliano in Toscana dove è stata esposta (foto in alto) la ?Lavagna? sulla quale Emanuele e Corrado Matteini, prima di essere fucilati lasciarono un messaggio per la mamma Dora. In entrambe le cerimonie sono intervenute alcune scolaresche, ma in ???? L?eccidio del 22 marzo 1944 fu il primo fatto di sangue ad avere una certa rilevanza in provincia di Grosseto (l?altro fu il Massacro della Niccioleta dove vennero trucidati 83 minatori) E 44 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 particolare ci preme segnalare la partecipazione di una classe dell?Istituto ?Rosmini? di Grosseto che ha realizzato una performance dove la lettura di alcune testimonianze dell?epoca, si sono alternate con le canzoni accompagnate dalla chitarra del loro professore: Patrizio Piccioni. Gli insegnanti Cristina Citerni e Patrizio Piccioni con gli studenti hanno realizzato un modo diverso per celebrare quel tragico episodio intercalando brani ricavati dal libro ?A Monte Bottigli contro la guerra...? con canzoni quali ?Bella ciao?, ?Addio Lugano bella?... sino alla canzone di Francesco De Gregori ?Viva l?Italia? (1979). La cerimonia si è conclusa presso il Cippo, che ricorda l?eccidio, con la deposizione di una corona di alloro ed il canto dell?Inno di Mameli. Foto di Elena Barontini Portati dietro alla casa a ridosso di una siepe gli undici ?ragazzi? vennero fucilati barbaramente. In quel luogo dell?eccidio la famiglia Matteini successivamente fece costruire una chiesina che rimane a ricordo della strage. I corpi caricati su cinque carri vennero trasportate a Istia d?Ombrone per la sepoltura; quando furono sul ponte del fiume Ombrone trovarono i fascisti che cercarono di fermare il corteo dicendo che andavano seppelliti sul luogo dell?eccidio, ma la reazione indignata dei presenti e soprattutto di Agenore Matteini che inveì contro di loro gridando: ?Io vi butto nell?Ombrone, ammazzatemi tanto io non ho più niente da perde???1 li costrinse a sgombrare la strada e far passare le salme. L?indomani le autorità cercarono di impedire la funzione religiosa, ma Don Omero Mugnaini (parroco d?Istia) replicò con spirito pronto: ?voi occupatevi dei vivi che dei morti me ne occupo io?2. Nonostante gli ordini dei fascisti impartiti ai fiorai grossetani di non portare fiori, il giorno del trasporto partecipò tanta gente a rendere omaggio agli undici martiri e comparvero moltissimi rami di mimosa raccolti spontaneamente dagli alberi che in quei giorni erano fioriti: un manto giallo di questi fiori accompagnò i feretri fino al camposanto. Emanuele (detto Lele), il più giovane dei due fratelli Matteini, prima di uscire dall?aula scrisse con il gesso sul- Nella foto la lapide apposta nella chiesina eretta a Maiano Lavacchio nel luogo dell?eccidio la lavagna un messaggio per la madre: Mamma Lele e Corrado un bacio Quella scritta oggi è conservata nella stanza del Sindaco del Comune di Grosseto ed è stata esposta, per la prima volta, nel Comune di Magliano con una cerimonia alla quale sono stati presenti, oltre alle autorità, anche i ragazzi delle scuole di Magliano. Dionora Tinti ha intervistato Marco Grilli, autore del libro ?Per noi il tempo è finito all?alba?. 1955 ? Nicla Capitini Maccabruni (a cura di) ?La Maremma contro il nazi-fascismo? Grosseto, 1985 ? ANPI di Grosseto (a cura di) ?In ricordo degli 11 martiri fucilati il 22 marzo 1944 a Maiano Lavacchio? ciclostilato, Grosseto, 1981 ? Olinto Marconi ?22 Marzo 1944, l?eccidio di Monte Bottigli?, Ciclostilato, Grosseto, 2008 ? Marco Grilli ?Per noi il tempo si è fermato all?alba - Storia dei martiri d?Istia? ed Effigi, Arcidosso, 2014 BIBLIOGRAFIA: ? Magnani Manfredo ?La strage di Istia d?Ombrone (22 marzo 1944)? Ed. Il Grifone, Grosseto 1945 ? Barontini Corrado - Bucci Fausto, collab. Claudio Carboncini e Luca Verdini ?A Monte Bottigli contro la guerra - Dieci ragazzi, un decoratore mazziniano, un disertore viennese. Fra oralità e storia? Ed La ginestra, Follonica, 2003 (la prima edizione venne pubblicata dall?ANPI di Grosseto nel 1995) ? Antonio Brancati (una lettera ai genitori trovata nella tasca dei suoi pantaloni) è pubblicata in ?Ultime lettere di condannati a morte della resistenza italiana (8 settembre 1943 - 25 aprile 1945)? Ed. Einaudi, Torino, Sull?eccidio esistono inoltre alcuni fogli volanti di cantastorie e poeti estemporanei: ? ?Strage dei martiri di Istia d?Ombrone? di Severino Cagneschi (in collaborazione con Eugenio Bargagli), 1945 (questa versione è stata incisa anche in un disco 45 giri cantata da Mirella Bargagli) ? ?Storia dell?undici martiri. Maiano Lavacchio? di Francesco Benelli, 1945 ? ?22 Marzo 1944 - I negrieri fascisti assassinatori della carne umana? di Natale Crescioli, s.d. forse 1945 ? ?Rastrellamento nazifascista del 22 marzo 1944 effettuato nei pressi di Istia d?Ombrone? di Gino Bardi (Pescina Seggiano), 1944 1 tore mazziniano, un disertore viennese. Fra oralità e storia? Ed La ginestra, Follonica, 2003 Testimonianza di Andrei Franca idem. Cfr. C. Barontini - F. Bucci ?A Monte Bottigli contro la guerra - Dieci ragazzi, un decora- 2 Primo Piano Arte i mestieri d?una volta a scansano attraverso le opere di dino Petri I carrai, i segantini, il materassaio, la raccolta delle immondizie... sono i mestieri di una volta per molti sconosciuti ma assolutamente da preservare. È questa l?ispirazione che ha portato l?artista maremmano Dino Petri a realizzare delle tavole dal sapore antico per fissare nella memoria un mondo che non c?è più e che rischia di scomparire anche nei ricordi? di Corrado Barontini 46 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 U n sabato di Settembre. Pomeriggio, a Scansano. Il periodo è quello della Festa dell?Uva e del Vino. Nel paese tanta gente a vedere le esposizioni e assaggiare i vini del Morellino; nel Palazzo Pretorio, Museo del vino, una iniziativa ed una discussione: ?Quattro chiacchiere intorno ai disegni di Dino Petri?, si parla dei mestieri d?una volta. La saletta si piena di persone: curiosi, amici, gente interessata. Oltre Petri, partecipano l?assessore alla cultura del Comune Massimiliano Rocchi, il sottoscritto e Bruno Corsini. Le ?chiacchiere? sono una specie di concerto, un suono della voce che illustra le azioni di lavoro: i carrai, i mazzi della ginestra, i segantini che fanno una trave, il bucato, il materassaio, la raccolta delle immondizie... sono quadri di Dino che raccontano le attività d?un tempo. Le stampe realizzate diventano un corredo necessario per parlare dei lavori di tanti anni fa, anche perché offrono una visuale diversa: quella dell?artista che riproduce i luoghi e le atmosfere, che parlano delle azioni di lavoro, ma anche delle relazioni umane che una attività portava con sé. Allora si può scoprire che in una società ?povera? c?era una ricchezza di valori che oggi sono in gran parte perduti. Le attività manuali disegnate con cura contengono nello sfondo la memoria orale tramandata come fonte di conoscenza delle cose e della storia passata; una storia non scritta che consente di ritrovare molte informazioni: le tecniche di costruzione, i materiali che si usava- no, la funzione degli oggetti oggi scomparsi, la loro manutenzione..., insomma una serie di notizie che solo l?esperienza sa restituire. In un territorio a vocazione agricola e turistica, come è la Maremma, esistono alcune presenze museali legate alla cultura tradizionale, purtroppo manca una visione ?politica? che li valorizzi e gli attribuisca il peso che hanno. Diversi Musei Etnografici non vengono neppure segnalati. Servirebbe invece discutere sulla loro collocazione territoriale, sui caratteri espositivi degli oggetti... e coordinare iniziative per valorizzarne la loro specificità. Oggi è possibile interloquire tramite internet con varie presenze e offrire al visitatore un ventaglio di cose che fanno la differenza di un territorio. Durante la discussione è intervenuto Corrado Balestrieri, architetto che ha scelto di venire a vivere a Scansano. Oltre ad apprezzare l?iniziativa ha fatto una proposta per utilizzare le immagini di Dino Petri, con le rappresentazioni dei mestieri d?una volta, mettendole nelle piazzette di Scansano. Si tratterebbe di realizzare un allestimento stabile con pannelli che farebbero da corredo ed abbellirebbero lo stesso paese con opere d?arte usate per raccontare le azioni di lavoro dando l?immagine di quella vitalità e vivacità che caratterizzava il paese Primo Piano ? 47 Primo Piano Una memoria del passato che non deve morire, l?intervento di massimiliano rocchi* È stato un piacevole pomeriggio quello trascorso nella saletta conferenze del Museo archeologico e della vite e del vino di Scansano, dove i relatori intervenuti, Corrado Barontini, Bruno Corsini e Dino Petri, hanno simpaticamente ricordato gli antichi mestieri del nostro paese, la maggior parte dei quali sono purtroppo sconosciuti alle nuove generazioni. In particolare, grazie ai disegni di Dino Petri, è stato possibile richiamare alla mente le principali attività manuali, che, una volta, caratterizzavano e scandivano la vita paesana, al contempo mantenendo viva e attiva l?economia del borgo e del suo territorio. Al pari di una rassegna immaginaria, hanno idealmente ?sfilato? di fronte agli intervenuti le immagini dei personaggi, realmente vissuti a Scansano, magistralmente immortalati dall?abile mano dell?artista, mentre si adoperavano a svolgere le loro professioni nei vicoli e nelle piazzette del paese. Tanta è stata la dovizia dei particolari e la fedeltà dei dettagli nel riprodurre quelle scene, che, non è stato difficile ai più, percepire, grazie all?ausilio del ricordo, il rumore vivace del ferro battuto dal maniscalco, il suono della trombetta di colui che ritirava la spazzatura casa per casa avvisando in tal modo della sua presenza, il parlottìo degli uomini nelle viuzze intenti a preparare i mazzi di ginestra oppure il fresco profumo di bucato mescolato alla calda fragranza del pane appena sfornato. Questi e altri mestieri e professioni della nostra tradizione culturale sono stati i veri protagonisti di quel pomeriggio, i quali, da un lato, hanno ravvivato la memoria di molti e, dall?altro, hanno rivelato ai giovani d?oggi la molteplicità e la bellezza delle attività economiche caratterizzanti la vita di Scansano all?inizio del secolo scorso. L?auspicio è che questo genere di iniziative possa ripetersi in futuro con maggiore frequenza, poiché, in tal modo, verrà restituita alla cittadinanza la memoria di un passato che le appartiene e che non deve, in alcun modo, smarrirsi nell?oblio?. *Assessore alla Cultura Comune di Scansano ? 48 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 fino ad alcune decine di anni fa e ora purtroppo svanite. La proposta non la farei cadere nel dimenticatoio... ma qui è necessario che l?Ente pubblico intervenga con un proprio progetto tenendo conto anche di questa idea. Ma come nascono queste tavole sui mestieri di una volta? È lo stesso Dino Petri a spiegarcelo. «Sono nato e vissuto a Scansano fino ai primi anni ?60. Come in tutti i nostri paesi dell?entroterra maremmano l?economia portante era rappresentata, in larga misura, dall?agricoltura con alcune locali varianti dovute alla presenza di qualche miniera. La vita si svolgeva entro l?antico nucleo abitativo con una modalità che si ripeteva da sempre, direi armoniosamente. Il piccolo commercio quotidiano era largamente diffuso, come numerosi erano i bravi artigiani in grado di sopperire alle numerose e varie necessità delle attività locali. Vivevo all?interno del paese, integrato naturalmente con i modi e i costumi che ne erano propri, seguendo lo svolgersi della vita quotidiana, e vedevo lo spazzino con il carretto e il suo somaro che si fermava automaticamente ad ogni posta dell?immondizia, il bucato fatto nella conca dalle donne del vicinato ???? L?idea di queste tavole nasce dalla volontà di non disperdere la memoria di quelle ?scene? di vita di paese di quei mestieri che nel tempo con lo svilupparsi di nuove tecnologie sono andate esaurendosi e oggi sono del tutto scomparse. mentre accanto si sbiancava e si rinnovava la lana dei materassi, l?infornata del pane, con le donne che avevano avuto in precedenza dal fornaio il comando per quell?orario preciso. In quei tempi (siamo intorno agli anni ?50) al riscaldamento delle case, e per cucinare, si provvedeva con il camino a legna, nel quotidiano facevano comodo gli scaldini di metallo o terracotta riempiti di brace e in occasione delle infornate del pane era facile provvedersi di questo modesto calorifero. La coltivazione delle vigne e la produzione del vino nello scansanese è molto antica e sempre viva e in questi ultimi tempi si è ulteriormente sviluppata. Collegato a tutto questo nel corso dell?anno si potevano seguire varie attività come il taglio delle ginestre per legare poi le viti o la bagnatura dei tini e delle botti per ?ristringerle? per la vendemmia prossima. Fra gli artigiani che più mi attraevano vi erano i carrai. In questa attività occorreva essere dei bravi falegnami e dei bravi fabbri. Veder nascere un carro o collocare il cerchione di fuoco rovente sulle ruote di legno erano uno spettacolo che cercavo di non perdere. Altrettanto quando dei segantini squadravano dei tronchi per farne delle travi. Con una grande sega a telaio realizzavano a mano tavole e tavoloni. Queste ?scene? di vita di paese progressivamente sono andate esaurendosi con lo svilupparsi di nuove tecnologie e oggi sono del tutto scomparse. Nel tempo che è seguito non trovavo giustificato però che se ne perdesse del tutto la memoria; erano il costume e il modo di vivere non solo di Scansano ma di tutti i nostri paesi, per tanti e tanti anni. Allora ho voluto disegnarli rievocando quelle scene che avevo ancora vive nella memoria e ambientarli in quegli spazi del paese dove più frequentemente si svolgevano». dino Petri ino Petri, è nato a Scansano nel 1932. Sin da ragazzo rivela una particolare predisposizione per il disegno. Dopo la morte del padre, che a Scansano faceva il barbiere, Dino Petri manderà avanti questa attività fino ai primi anni ?60, quando vince un concorso alle poste che lo porterà a lavorare in Lombardia. Lì alternando il lavoro agli studi, avrà modo di seguire i corsi di nudo all?Accademia Cimabue di Milano ai quali accede superando un esame. Sempre a Milano conosce Ernesto Treccani (fondatore del movimento di Corrente) e frequenta l?illustratore Walter Molino. Comincia ad esporre nel 1962 in una D mostra tenuta al Palazzo dell?Esposizioni di Roma; da questo momento prende parte a numerose rassegne ed esposizioni nazionali e internazionali. Appassionato di storia, ha documentato graficamente molti Siti minerari realizzando nel 2003 una interessante pubblicazione: ?Fonderie e ferriere delle Colline Metallifere nei disegni dal vero di Dino Petri?. Numerosi sono i lavori rivolti a temi di arte sacra tra i quali la grande crocifissione per la Chiesa parrocchiale di Venturina, il Giardino del Getsemani per la Via Crucis di Massa Marittima. Non ultimo ha illustrato libri (fra cui alcune opere di Alfio Cavoli, di Enrico Lombardi, di Lilio Niccolai, Alberto Ciattini ecc.) ed è autore di numerosi manifesti. Vive e lavora a Massa Marittima. Primo Piano ? 49 Primo Piano cuLturA ?La Città Visibile?, ecco i bandi per partecipare all?edizione 2015. E non mancano le novità Scalda i motori l?ottava edizione de La Città Visibile l?ormai classica manifestazione che sarà inaugurata il prossimo 12 settembre. Intanto sono stati pubblicati i 4 bandi di concorso, aperti a tutti e gratuiti, che fanno riferimento alle Notti Visibili della Cultura e alla grande mostra d?arte del Cassero senese di Grosseto Quattro bandi per una sola manifestazione Nel settembre del 2015 la manifestazione Città Visibile inaugurerà la sua ottava edizione e sarà sempre più inclusiva. Per accompagnare la crescita di un?operazione culturale che ogni anno vede aumentare il numero degli eventi e dei soggetti coinvolti, Fondazione Grosseto Cultura, Comune di Grosseto, Comune di Follonica e Comune di Magliano in Toscana hanno deciso di pubblicare 4 bandi di concorso, aperti a tutti e gratuiti. ?I quattro bandi ? fanno sapere dalla Fondazione ? fanno riferimento alle Notti Visibili della Cultura e alla grande mostra d?arte del Cassero senese di Grosseto. L?obiettivo dei bandi è quello di promuovere e sostenere, con trasparenza e concreto spirito par- tecipativo, una rete di azioni culturali e artistiche che, ideate da una vasta pluralità di soggetti, rappresentino la vitalità e la complessità dell?offerta culturale che il nostro territorio riesce a esprimere?. Notti della cultura Dopo il grande successo delle prime due edizioni della ?Notte Visibile della ?Grosseto scrive? varata la terza edizione n premio letterario pronto ad allargare gli orizzonti senza rinunciare al riconoscimento per i talenti maremmani. Si presenta con una nuova forma la terza edizione del concorso ?Grosseto Scrive? promosso dalla Fondazione Grosseto Cultura con il sostegno della Banca della Maremma. Il concorso, tradizionalmente riservato agli autori della Provincia di Grosseto, si apre quest?anno a una dimensione nazionale con l?intento di incentivare la diffusione della scrittura e di valorizzare la creatività letteraria. Attraverso ciò intende quindi promuovere la lettura delle opere, sollecitare la rifles- U 50 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 sione su temi significativi per la crescita individuale e della nostra vita associata, favorire la fantasia, la ricerca, la conoscenza ed incentivare la produzione di testi. In questa terza edizione il bando si articola in tre categorie: editi (nazionale), inediti (provinciale), selezione nazionale romanzo. Nella categoria editi possono partecipare tutti gli autori italiani o stranieri per opere in lingua italiana edite tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2014. Sono ammesse pubblicazioni su siti web, riviste di settore e antologie. La categoria editi si articola in raccolta di racconti, romanzo, raccolta di poesie. Le domande di partecipazione devono essere portate a mano o inviate alla segreteria del premio presso Fondazione Grosseto Cultura, in via Bulgaria 21 a Grosseto dal 30 marzo al 15 giugno 2015. Al vincitore di ogni sezione della categoria editi sarà messo a disposizione un premio pari a mille euro come contributo alla promozione e alla valorizzazione della sua opera inviata o della successiva. Nella sezione inediti possono partecipare tutti gli autori italiani o stranieri, nati o residenti nella provincia di Grosseto. L?inedito dovrà avere come caratteristiche: essere scritto in lingua italia- Nella foto il Cassero senese (Grosseto) in occasione della mostra ?La Città Visibile? Cultura? di Grosseto, nel 2015 le Notti della Cultura triplicheranno: sabato 19 settembre la Notte Visibile verrà organizzata a Grosseto, sabato 26 settembre a Magliano in Toscana e sabato 10 ottobre a Follonica. In queste notti i musei saranno aperti e gli ingressi alle iniziative culturali gratuiti. ?L?aspetto più importante è che in ogni Notte Visibile ? aggiungono dalla Fondazione ? tutti (operatori culturali e commerciali, artisti e appassionati) potranno candidarsi a svolgere un ruolo attivo, diventando quindi protagonisti e non semplici spettatori degli eventi. Particolare attenzione sarà riservata ai progetti culturali nati nel territorio maremmano, perché la manifestazione Città Visibile non si limita ad ospitare format o pacchetti di iniziative prove- na e configurarsi come raccolta di racconti, romanzi, raccolta di poesie. Le domande di partecipazione devono essere portate a mano o inviate alla segreteria del premio presso Fondazione Grosseto Cultura, in via Bulgaria 21 a Grosseto dal 30 marzo al 31 dicembre 2015. Fondazione Grosseto Cultura, in collaborazione con la casa editrice Effigi, si farà carico delle spese di pubblicazione del testo che la giuria avrà individuato come vincitore della categoria inediti. La giuria, nominata da Fondazione Grosseto Cultura, è composta da giovani, docenti, persone del mondo della cultura e dell?editoria, lettori abituali e giudicherà gli elaborati pervenuti in forma anonima. La selezione nazionale romanzo è l?altra novità della terza edizione di ?Grosseto Scrive?. La sezione è attivata tramite invito a coloro che hanno pubblicato un romanzo tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2014. Dal 30 marzo al 31 dicembre 2015 la giuria selezionerà 5 autori che hanno pubblicato un romanzo nel 2014 considerato degno di nota, rilevante e di ampio interesse per il pubblico, di valore a livello nazionale. La giuria assegnerà un primo premio e fino a un massimo di due segnalazioni di merito. L?autore vincitore sarà ospitato a Grosseto in occasione della cerimonia di premiazione e a lui sarà consegnato il riconoscimento ?Amico della Città di Grosseto?. ?Questa terza edizione ? spiega il presidente della Fondazione Loriano Valentini ? vede il premio Grosseto Scrive trasformato anche nella sostanza. Il nienti da circuiti esterni ma ha l?ambizione di produrre e sostenere la creatività locale?. Come partecipare alle Notti della cultura Verranno proposti tre bandi autonomi, uno per ogni Notte Visibile della Cultura. La scadenza per presentare i progetti sarà comunque condivisa: 18 premio diventa di dimensione nazionale, aprendosi a tutti coloro che nel 2014 hanno pubblicato in Italia ma mantiene alta l?attenzione sul territorio: è prevista per gli autori residenti provincia la possibilità di partecipare con un inedito e il vincitore di questa categoria avrà come premio la pubblicazione del proprio scritto. Altra novità è la selezione romanzo grazie alla quale un autore di livello nazionale sarà scelto dalla giuria e riceverà un premio nella nostra Città per il valore della sua opera?. È possibile scaricare il bando e la scheda di partecipazione all?indirizzo www.fondazionegrossetocultura.it Info: Fondazione Grosseto Cultura, via Bulgaria 21,58100 Grosseto, tel/fax 0564.453128. Primo Piano ? 51 Primo Piano ???? ?L?obiettivo dei bandi è quello di promuovere e sostenere, con trasparenza e concreto spirito partecipativo, una rete di azioni culturali e artistiche che, ideate da una vasta pluralità di soggetti, rappresentino la vitalità e la complessità dell?offerta culturale che il nostro territorio riesce a esprimere?. luglio 2015. Chi vorrà potrà partecipare ai bandi, a uno solo o a tutti, e presentare progetti per animare locali, strade e piazze con mostre, videoproiezioni o installazioni urbane, performance d?arte o teatrali, piccoli concerti, performance coreografiche e sportive, conferenze, visite guidate, degustazioni eno-gastronomiche, presentazioni di libri, giochi d?intrattenimento etc. Le iniziative da proporre potranno anche essere itineranti tra Grosseto, Follonica e Magliano ma, per permettere a ogni località di offrire al pubblico una esperienza diversa e originale, dovranno essere concepite per spazi e ambientazioni specifici. Grande ?mostra utopica? al Cassero senese di Grosseto Il tema di questa edizione di Città Visibile, non vincolante per le iniziative legate alle Notti della Cultura, sarà invece il motivo ispiratore della grande mostra al Cassero senese di Grosseto che ogni anno rappresenta il ?fulcro espositivo? della manifestazione. Il tema cita le sperimentazioni situazioniste ed è: ?UTOPOLIS: utopie, sogni e desideri per la Maremma di domani?. Adeguandosi al tema dell?utopia, dopo sette edizioni di rassegne artistiche ?tradizionali? La Città Visibile promuove un esperimento espositivo radicalmente inclusivo: una grande mostra senza giuria, senza premi, senza selezioni e con partecipazione gratuita. Tutti potranno esporre una loro opera ? come nel famoso precedente del Big 52 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 Nella foto, Mirella Pastorelli (assessore alla Cultura di Magliano), Mauro Papa (direttore del CEDAV), Loriano Valentini (presidente della Fondazione Grosseto Cultura) e Giovanna Stellini (assessore alla Cultura del Comune di Grosseto) Show di New York del 1917, in cui venne esposto l?orinatoio di Duchamp ? ma la mostra riserva un?altra grande novità: tutti potranno dimostrare di essere ?curatori di piccole utopie?, proponendo l?allestimento di una piccola sezione di esposizione. La mostra, che sarà allestita nel Cassero senese di Grosseto dal 12 settembre al 18 ottobre 2015, avrà quindi due sezioni (curatori e artisti) e sarà aperta a tutte le tecniche espressive: pittura, scultura, illustrazione e grafica, fotografia, video, installazioni etc. Per partecipare occorre presentare domanda tramite un bando (scadenza 21 giugno). Tutte le opere, affiancate dai testi dei curatori, saranno pubblicate in un catalogo specifico della mostra. I temi ispiratori ?Nel buon ricordo del tempo passato/ che non vuole finire e tutti affligge/ con la sua ostinata presenza?. Asgern Jorn, 1964 Nel 2015 La Città Visibile mette in mostra utopie, sogni e desideri contro la retorica della fine della storia e contro la crisi del concetto di futuro. A un?estetica malinconica ed etnica, piegata verso il passato, si sostituisce un?urgenza d?espressione effimera e affermativa, che rende visibile il cambiamento anche quando è offuscato dalla miopia del tempo visto come eterno presente. Nella terra delle città utopiche ma visibili (Nomadelfia, la Città Celeste di David Lazzeretti, la Città del Ferro di Follonica, la città aperta al vento e ai forestie- ri di Bianciardi, le città fantastiche di Niki De Saint Phalle e Daniel Spoerri), le aspirazioni di un popolo nuovo e privo di costrizioni identitarie si rendono concrete e mobilitano le speranze. La Maremma, oggi, è quella che traspare dai nostri sogni e dalle narrazioni più audaci e liberatorie: è la Maremma dei trattori che diventano Ufo, come quello di Moira Ricci; è la Maremma degli abiti poetanti, come quelli di Isabella Biagini; è la Maremma delle pietre antropomorfe di Emily Young; è la Maremma degli studenti che ci insegnano come realizzare la felicità, della bellezza # altrove, dei residenti che animano da protagonisti le Notti della cultura, dei semplici cittadini che assumono ? tutti, e insieme ? il diritto e la responsabilità di essere chiamati artisti. Artisti normali e privi di narcisismo, perché l?esaltazione dell?eccellenza è quanto di più banale un utopista possa immaginare e disprezzare. Artisti della città di Utopolis, in cui l?arte contemporanea esprime un nuovo paradigma in cui il valore è proporzionale all?insieme delle connessioni, degli incontri, dei discorsi, delle azioni che riesce gioiosamente ad attivare nella comunità della metamorfosi continua. Per scaricare i bandi completi: http://www.fondazionegrossetocultura.it/ http://www.cedav.grosseto.it/ http://www.regesto.grosseto.it/ Per info: 0564.453128 o concorsocedav@gmail.com Primo Piano treKKinG a spasso per la maremma con l?associazione Hakuna matata È frutto della passione per lo sport e dell?amore verso la natura del grossetano Alessandro Bertelli. Parliamo dell?associazione Hakuna Matata asd Grosseto, una giovane e dinamica realtà, nata nel 2013, che propone percorsi di trekking in giro per la Maremma. Un modo originale per, come da traduzione del nome scelto per il sodalizio, ?dimenticare i problemi del passato e concentrarsi con ottimismo sul presente? di antonella Vitullo P ercorsi tra la natura, la storia e le tradizioni, tra le bellezze dei paesaggi incontaminati ed i sapori autentici del nostro territorio, uniti nella passione per lo sport. Questa è l?idea di trekking di Alessandro Bertelli, fonAlessandro Bertelli con la mascotte Pagaya 54 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 datore e responsabile dell?associazione Hakuna Matata asd Grosseto. Hakuna Matata nasce nel 2013 dalla passione per lo sport e dall?amore verso la natura del grossetano Alessandro Bertelli. Classe 1963, sportivo sin da ragazzo, appassionato dapprima di sport invernali ma con gli anni sempre più attratto dal mare e dalla passione per il wind surf. Già il nome di Hakuna Matata che Alessandro ha scelto per la sua Associazione sportiva e che significa ?dimenticare i problemi del passato e concentrarsi con ottimismo sul presente?, rende perfettamente l?idea della filosofia e dello spirito che la caratterizzano e che si possono riassumere nel senso di libertà e di benessere interiore, nell?educazione e nel rispetto verso la natura e nel movimento a misura d?uomo tra riflessi di cielo e di vegetazione. ?La forza del Gruppo ci fa tornare ragazzi, ci si addentra in ambienti naturalistici e storici del nostro bellissimo territorio maremmano che quasi nessuno conosce. Si acuisce lo spirito di osservazione, si affina la sensibilità nei confronti del creato?. È ciò che mi dice Alessandro, che ama la sua Maremma come la sua vita, ancor prima che io inizi a fargli alcune domande. Alessandro, cos?è esattamente il trekking e a cosa serve? Nelle foto alcuni momenti di una recente escursione alla Torre di Capo d?Omo (Monte Argentario) Il trekking (da to trek che significa esplorare) è un?attività fisica a contatto con la natura. È camminare con rispetto nel contesto naturalistico, oltre ad essere un?attività salutare che porta molti benefici sia a livello fisico che interiore. Fare trekking serve ad inserirsi nell?habitat dello splendido panorama di madre Natura e sulle nostre tracce antiche. Significa riscoprire e conoscere camminando, il territorio e le sue numerose tracce storiche. Per me ogni volta è come un viaggio alla ricerca della mia identità e dei miei più intimi valori con cui cerco di trasmettere lo spirito e la filosofia di vita che alla base del Gruppo Hakuna Matata. La Maremma è un territorio ricco di bellezze naturali, di percorsi incontaminati e di sentieri desueti, come è cresciuto e come hai organizzato il tuo Gruppo? Quanti associati ha Hakuna Matata? Hakuna Matata nasce sicuramente dalla mia passione per lo sport e per la natura ma anche dal desiderio di condivisione e di aggregazione. Come hai ben osservato, amo la mia terra, la Maremma e mi piace farla conoscere attraverso luoghi non percorribili se non a piedi. Il trekking infonde gioia allo stato puro, accomuna tantissimi individui diversi, fa armonizzare nel rispetto reciproco perché ci si sente uniti dall?autentico benessere offerto dalla semplicità. Sono sempre di più le persone che apprezzano questa disciplina in quanto stanchi dei ritmi frenetici ma anche della moderna vita sedentaria. Si sente sempre di più il bisogno di ?ritrovarsi? e di rigenerarsi a contatto con la natura riscoprendo le nostre origini. Per questo motivo Hakuna Matata in due anni è cresciuta notevolmente nel numero di adesioni, fino a contare quasi una cinquantina di partecipanti nell?escursione fatta recentemente sul Monte Argentario. Ho la fortuna di avere con me due fantastici amici/soci e collaboratori che sono Marco Bisdomi- ni e Massimo Mascagni, le mie due ?energiche spalle? che mi aiutano ad organizzare le visite guidate e ad esplorare in avanscoperta i percorsi in programma, prima di farli effettuare ai nostri iscritti. Oltre alle meravigliose passeggiate per la Maremma c?è un aspetto di gioviale convivialità che caratterizza lo spirito di Hakuna Matata. Vero. Innanzitutto Hakuna Matata è il piacere di stare insieme accumunati dalla stessa filosofia di vita. Nelle nostre escursioni, in cui scopriamo e percorriamo sentieri della Maremma di sorprendente bellezza non manca mai l?allegria e lo spirito goliardico e godereccio. Il nostro programma è fatto sia di passeggiate nei boschi e in riserve naturali o in paesaggi d?arte, ma anche di escursioni-degustazioni di prodotti tipici locali. E quando non c?è la possibilità di fermarci in una locanda del borgo, riscopriamo la gioia della merenda al sacco, sostando negli angoli più caratteristici o addirittura mozzafiato del nostro percorso. Ed è un?impagabile ed ineguagliabile sensazione che ci riporta indie- Primo Piano ? 55 Primo Piano ???? Alessandro Bertelli: ?La forza del Gruppo ci fa tornare ragazzi, ci si addentra in ambienti naturalistici e storici del nostro bellissimo territorio maremmano che quasi nessuno conosce. Si acuisce lo spirito di osservazione, si affina la sensibilità nei confronti del creato?. tro nel tempo dei ricordi? Da Ottobre ad oggi hai organizzato tappe di escursioni in alcuni luoghi tra i più belli della Maremma e prima che finisca la stagione del trekking per riprendere l?altra tua attività stagionale di scuola wind surf alla Giannella, mancano ancora due appuntamenti molto importanti? Siamo giunti alla settima e penultima tappa di Hakuna Matata trekking invernale e da maggio riaprirà la stagione estiva di Hakuna Matata wind surf alla Giannella presso il Florida Beach. Da ottobre 2014 fino al 17 maggio p.v., in cui ci sarà la visita guidata nella meravigliosa e paradisiaca Cala di Forno, le tappe più significative sono state: L?Abazia Sant?Antimo; Il Percorso sul Monte Labro, partendo dal parco faunistico; La riserva naturale del Monte Penna nei pressi di Castell?Azzara; Sul- le orme dei Templari a Rocchette di Fazio, Semproniano; Sovana-Pitigliano, nella Terra del fuoco, addentrandoci in sentieri scavati in età preistorica ed in paesi sorti sulla roccia tufacea; Trekking con le ciaspole sulla neve del Monte Amiata; Convento Frati Passionisti Monte Argentario; Riserva naturale Duna della Feniglia tra la collina di Ansedonia e Orbetello; Trekking nella macchia mediterranea dell?Isola del Giglio, tra i suoi pittoreschi riflessi di mare e di profumatissima vegetazione. Il 17 maggio gran finale concluderemo il percorso invernale con una specialissima visita a Cala di Forno: dopodiché partirà Hakuna Matata Mare Summer 2015 presso la spiaggia del Florida alla Giannella con corsi di wind surf e stand-up paddle per ragazzi e per adulti e tanto divertimento per tutti! Escursioni, visite in paesaggi d?ar- te e di storia, ma Hakuna Matata è anche Special Events e di importanti progetti nel sociale. Mi fa molto piacere rispondere a questa tua ultima osservazione. Nelle tappe fuori programma di Hakuna Matata c?è stato il Mercatino di Natale nel suggestivo paese medioevale di Montepulciano nel villaggio di Babbo Natale e la Festa in costume del ?Carnevaletto de? noi arti? con musica live e cena presso il Podere La Castellaccia. Ma sono particolarmente orgoglioso della partecipazione di Hakuna Matata all?evento sportivo di interesse sociale di Sport Insieme del 12 marzo u.s., progetto pro disabili organizzato insieme ad altre importanti e locali realtà sportive, con il patrocinio del Comune di Grosseto (Assessorato allo Sport). Una splendida ed emozionante iniziativa che mi ha riempito ed arricchito di emozioni? Ma non finisce qui?! Hakuna Matata significa anche amore verso gli animali e lo testimonia la fedele ed inseparabile compagna d?avventura di nome Pagaya, una dolcissima labrador che è diventata la mascotte del Gruppo. Ci sarebbe ancora molto da chiedergli perché il segreto di Alessandro sta principalmente nel saper cogliere il senso del viaggio che è la vera bellezza del saper camminare insieme nel meraviglioso ed emozionante sentiero della vita. Il suo ?non finisce qui? contiene sicuramente altri sogni ed altri progetti che gli auguriamo di realizzare in nome della sua sensibilità e dell?amore per la sua Maremma. Info: http://hakunamatatagrosseto.com/ 56 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 Primo Piano AZienDe AL tOP | Storie di imprese e di imprenditori di Maremma Cooperativa Colline metallifere, una bella storia di coraggio e impegno che dura ormai da trentacinque anni Festeggia quest?anno il 35esimo compleanno la Cooperativa Colline Metallifere con sede a Massa Marittima una moderna azienda di servizi completamente al femminile, con 13 socie e oltre 20 dipendenti che svolge le sue attività prevalentemente nella provincia di Grosseto, ma con importanti appalti anche a Volterra e Colle Val d?Elsa di Celestino sellaroli È una bella storia quella che raccontiamo questo mese nel nostro consueto spazio Aziende al Top, dedicato alle imprese e agli imprenditori di Maremma. Una storia di impegno, coraggio, determinazione e speranza. Vanda Peccianti 58 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 Quella speranza che in un mondo complicato come quello che stiamo vivendo, attanagliato dalla crisi, sembra perdersi nel vuoto. Ma che in realtà deve tornare ad essere, come convenevolmente si dice, ?l?ultima a morire?. E il messaggio di speranza che vogliamo cogliere nel raccontare questa storia è che il lavoro paga e soprattutto che il lavoro non bisogna solo cercarlo, ma forse è il caso di provare anche a crearlo. Ed è questo ciò che hanno fatto ben 35 anni fa, nel lontano 1980, a Massa Marittima, un gruppo di amici che, animati da tanta voglia di fare e di scommettere sul futuro, decise di fondare la Cooperativa Colline Metallifere e dunque di lavorare intorno ad un progetto fortemente legato al territorio: beni culturali, patrimonio minerario, storia e arte, settori che adeguatamente valorizzati, avrebbero potuto generare una grande potenzialità turistica. Oggi, dopo 35 anni di attività, quella Cooperativa, nata con i sogni, gli ideali e le illusioni tipici degli anni settanta, ?ma senza sogni e senza un po? d?incoscienza, ora sappiamo che non si va da nessuna parte? ? dice Vanda Peccianti, presidente da vent?anni del sodalizio ? è diventata una moderna azienda di servizi completamente al femminile, con 13 socie e oltre 20 dipendenti che svolge le sue attività prevalentemente nella provincia di Grosseto, ma con importanti appalti anche a Volterra e Colle Val d?Elsa. E non è un caso se oggi a Massa Marittima quando si parla di ?Cooperativa?, non s?intende il supermercato UniCoop. Tirreno, ma proprio la Coop. Colline Metallifere. Una piccola-grande soddisfazione per chi ha ci ha creduto ed ha reso possibile tutto ciò! ?La nostra cooperativa ? sottolinea Vanda Peccianti, presidente da ormai più di dieci anni ? è come una bottega artigiana piena di idee e di progetti in continua evoluzione; con le nostre azioni cerchiamo di valorizzare attraverso una promozione adeguata, le persone ed il patrimonio storico artistico e ambientale di questo territorio; del resto già il nostro nome evidenzia il profondo legame che ci lega al territorio vissuto come terra di cultura e di storia millenaria, come patrimonio vivente della nostra nazione che merita di essere conosciuto, amato e pre- Nella foto le socie della Cooperativa in occasione della Festa per il trentesimo compleanno servato?. Il fiore all?occhiello è la gestione dei Musei di Massa Marittima che inizia col nascere dell?azienda stessa, grazie anche alla lungimiranza del sindaco di allora Renato Bolognini, che in quegli anni lontani caratterizzati dall?inesorabile chiusura delle miniere, credette fortemente nella riconversione turistica della città, basata sulla sua cultura e sulla sua storia e ?anche nella Cooperativa ? aggiunge la Peccianti ? che a quel tempo era formata solo da un gruppo di giovani entusiasti, ma senza nessuna esperienza. Anzi, possiamo affermare che l?Amministrazione Comunale e la Cooperativa trovarono in quel lontano 1980 una favorevole comunità d?intenti che portò in seguito alla nascita del Sistema dei Musei di Massa Marittima, uno dei primi sorti in Toscana e che si basa su una gestione pubblico-privata. Il Sistema è costituito da 5 piccoli musei, parchi archeologici e monumenti musealizzati, che vanno dall?archeologia preistorica all?arte contemporanea, dalla storia e tecnologia mineraria ai musei etnografici?. Massa Marittima si trova nel territo- rio del Parco Nazionale delle Colline Metallifere Grossetane ? Tuscan Mining Geopark, entrato a far parte nel 2010 della rete mondiale dei Geoparchi sotto l?egida dell?UNESCO. Il Parco nasce dalla volontà di non disperdere la storia delle attività minerarie e della metallurgia che per circa tre millenni si sono succedute in questo territorio. Al fine di promuovere la conoscenza del mondo minerario, del paesaggio storico e dell?identità del territorio delle Colline Metallifere Grossetane, il Parco ha progressivamente aperto in ogni comune del suo territorio sette ?Porte?, cioè luoghi d?accesso alle strutture minerarie e culturali in genere. ?La nostra cooperativa ? aggiunge Vanda Peccianti ? gestisce sia le Porte del Parco di Massa Marittima che quelle di Monterotondo M.mo e di Montieri, paesi che si trovano sulle Colline Metallifere e che condividono l?antica storia mineraria?. L?immagine che si ha dei musei è spesso (purtroppo) quella di essere luoghi austeri, poco dinamici, chiusi in sé. Nell?approccio della Cooperativa, inve- ce, si respira un?aria diversa, partecipativa e soprattutto giovane. ?Uno dei target principali a cui rivolgiamo la nostra attenzione ? ci tiene a sottolineare infatti la Presidente ? è il pubblico più giovane, soprattutto attraverso i servizi educativi che permettono di imparare divertendosi. Abbiamo prodotto didattica da sempre, ma è dal 2003 che si è pienamente realizzato il laboratorio di didattica museale, grazie ad un lavoro congiunto con l?ufficio Musei del Comune. L?adesione delle scuole, sia quelle locali, sia quelle provenienti da altre regioni è diventata importante e le proposte si sono arricchite e diversificate anche attraverso la collaborazione con il Parco delle Colline Metallifere. I percorsi museali e le attività rivolte alle scuole si sviluppano partendo dal contenuto dei vari musei del Sistema con percorsi che spaziano dalla Preistoria, agli Etruschi, il Medioevo, il Risorgimento e la Resistenza. Inoltre, proprio per quanto detto prima sul fortissimo legame con il Parco Nazionale delle Colline Metallifere, negli ultimi anni abbiamo ampliato l?offerta didattica verso tematiche legate all?ambiente minerario, analizzando il Primo Piano ? 59 Primo Piano ???? Il fiore all?occhiello è la gestione dei Musei di Massa Marittima che inizia col nascere dell?azienda stessa, grazie anche alla lungimiranza del sindaco di allora Renato Bolognini, che in quegli anni lontani caratterizzati dall?inesorabile chiusura delle miniere, credette fortemente nella riconversione turistica della città, basata sulla sua cultura e sulla sua storia mestiere del minatore, le fonti rinnovabili, la geologia e la mineralogia?. Ma la Cooperativa non è solo Musei. ?Ci occupiamo ? aggiunge Vanda Peccianti ? oltre che di gestione museale e di educazione culturale ed ambientale di itinerari tematici, di preparazione di eventi, di gestione di parcheggi e pulizie e di organizzazione e gestione di bookshop museali. Quest?ultima attività è diventata sempre più importante. Abbiamo iniziato con la vendita del catalogo del museo archeologico e con qualche cartolina anonima della Toscana. Ora abbiamo 8 punti vendita nei vari musei e nelle Porte del Parco che propongono un merchandising strettamente connesso ai beni custoditi nelle varie strutture che li ospitano, offrendo ai visitatori un servizio aggiuntivo di Massa Marittima 60 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 alta qualità. I nostri bookshop non vogliono essere dei semplici punti vendita per lo shopping dei turisti: abbiamo considerato questo servizio come un supporto ed un completamento dell?identità del museo, un luogo in cui il piacere della visita si rinnova negli oggetti, nei libri, e stimola l?emozione di un ricordo unico?. E visto che quest?anno la cooperativa festeggia i 35 anni di attività è il caso di dare uno sguardo anche al passato, ma in un?ottica sempre proiettata verso il futuro. ?Oggi ? sottolinea la Presidente ? siamo delle signore e signorine, qualcuna con le rughe (ma le rughe si sa, sono le trasformazioni sulla propria pelle di giorni vissuti intensamente) con la consapevolezza che la vita, come con tutti è stata dura, carica di perdite e di sconfitte, ma anche esaltante con conquiste, successi, piccole e grandi gioie, ed anche piena di risate che ci hanno fatto stemperare i momenti più pesanti. Dire che siamo una squadra è un termine un po? troppo abusato, noi ci potremmo definire una ?famiglia allargata? che ogni giorno entra in una bottega artigiana con mille idee e progetti in testa da realizzare. Senza dubbio in una realtà come quella di Massa Marittima, la Cooperativa rappresenta una delle piccole aziende con maggior numero di addetti, che supera le 20 unità, una realtà non secondaria per il nostro paese, che ha dato lavoro nel corso di questi anni a decine e decine di giovani; in alcuni casi li ha formati con corsi professionali e di aggiornamento e che comunque ha provveduto a dare loro un metodo di lavoro accompagnato all?amore e alla conoscenza di questo territorio così ricco di storia e di cultura?. Quando si parla di Cooperativa Colline Metallifere è impossibile non pensare a Mariella Gennai, una delle fondatrici e guida carismatica per tantissimi anni, prematuramente scomparsa nel 2004. ?Una volta, eravamo ?le sue bimbe? e per noi Mariella ? sottolinea ancora la Peccianti ? è sempre stata la nostra più cara amica: entusiasta, intelligente, creativa, lungimirante, altruista e che ci ha voluto un gran bene. Un?amica che ci ha insegnato molto. E non è un caso se il ?metodo Mariella? è diventato ?il metodo Cooperativa?, un sistema di lavoro che affonda le radici in quella scelta fatta nel 1980, quando decidemmo la forma cooperativa per la nostra impresa, un valore che trae i suoi principi ispiratori direttamente dalla Costituzione Italiana, che vede come fine la partecipazione attiva dei soci alle decisioni, ed il miglioramento delle loro condizioni materiali e sociali. Una cooperativa come la nostra abbraccia e mette al primo posto le persone rispetto al denaro ed il lavoro rispetto al capitale. La nostra impresa continua ad ispirarsi a quei principi di democrazia, equità, uguaglianza, trasparenza, che costituiscono i punti di riferimento per tutti i soggetti coinvolti nella cooperativa. Con questa consapevolezza e con la storia che ci portiamo dietro ? conclude Vanda Peccianti ?, siamo pronte ad affrontare le molte sfide che il futuro ci riserverà, con i piedi ben piantati per terra e la testa fra le nuvole sempre per sognare; perché il nostro sogno più grande è che la Cooperativa continui ad esistere anche dopo di noi che l?abbiamo creata e fatta crescere e che resti un patrimonio speciale per il nostro paese?. Insomma un percorso professionale costellato soprattutto da tanta passione, che ha portato i protagonisti di questa storia a credere fermamente in quelli che sono stati i principi ispiratori per la nascita della cooperativa tanti anni fa, al punto che la loro professione è diventata la loro vita. Info: www.coopcollinemetallifere.it La Cooperativa Colline metallifere in breve a Cooperativa Colline Metallifere gestisce il Sistema dei Musei di Massa Marittima, uno dei primi sorti in Toscana, che è costituito da 5 strutture tra musei, parchi archeologici e monumenti musealizzati, che vanno dall?archeologia preistorica all?arte contemporanea, dalla storia e tecnologia mineraria ai musei etnografici. La Cooperativa Colline Metallifere gestisce anche le Porte del Parco di Monterotondo con il centro di informazione del Parco delle Biancane e il punto informativo situato presso l?antico Frantoio. Dal 2011 gestisce la Porta del Parco di Montieri con il Centro di documentazione delle Miniere a Boccheggiano e l?Info Point Ufficio turistico di Montieri. Uno degli obiettivi principali della Cooperativa Colline Metallifere è quello di promuovere la conoscenza degli aspetti storici e archeologici della città e del territorio tra i più giovani attraverso la didattica museale, realizzata con attività che permettono di imparare divertendosi. Pertanto nel 2003 è nato il laboratorio di didattica museale grazie ad un lavoro portato avanti congiuntamente dalla Cooperativa stessa e dall?Ufficio Musei del Comune. Nel corso del tempo l?adesione da parte delle scuole è diventata importante e le proposte didattiche si sono arricchite e diversificate grazie anche alla collaborazione con il Parco Nazionale delle Colline Metallifere Grossetane. Attualmente l?offerta è articolata in quattro progetti differenti: i percorsi museali e le attività rivolte alle scuole, i percorsi sul territorio, i laboratori didattici estivi, le attività sull?arte contemporanea. I percorsi museali e le attività rivolte alle scuole partono dal contenuto dei vari musei e quindi offrono percorsi che vanno dalla Preistoria agli Etruschi, il Medioevo, il Risorgimento e la Resistenza; negli ultimi anni è stata ampliata l?offerta didattica verso tematiche legate all?ambito minerario e ambientale trattando del mestiere del Minatore, le fonti rinnovabili, la geologia e la Mineralogia che permettono di sensibilizzare i giovani studenti sull?aspetto geominierario del territorio strettamente legato all?entrata del Parco delle Colline Metallifere Grossetane nella rete dei Geoparchi Unesco. I laboratori didattici estivi, sono diventati un piacevole ed irrinunciabile appuntamento per i bambini della zona, ma anche per i piccoli turisti che si ritrovano a L partecipare a cacce al tesoro, giochi dell?oca o laboratori di manipolazione che hanno come sfondo il patrimonio dei nostri musei che viene trasmesso sotto l?aspetto ludico. Le attività didattiche sull?arte contemporanea, realizzate con il sostegno del Comune di Massa Marittima, sono state avviate a partire dall?agosto 2007 con l?inaugurazione del Palazzo dell?Abbondanza con la prima mostra allestita quella di Robert Combas, a seguire quella di Giuliano Ghelli, di Niki de Saint Phalle e di Joan Mirò, fino all?ultima e notevole esperienza del laboratorio di calligrafia nell?ambito delle mostra sull?arte giapponese ?Sol Levante?. Un altro aspetto molto importante per il territorio e consolidato da molti anni, è rappresentato da una notevole scelta di escursioni tematiche legate al Parco e rivolte all?utenza più vasta, sia turisti o visitatori occasionali, o anche i residenti che desiderino approfondire o ritrovare aspetti misconosciuti della zona. Una delle ultime iniziative intraprese è stata quella della creazione di un opuscolo dal titolo: ?Scoprire la Maremma: visite al Parco delle Colline Metallifere?, scaturito dalla stretta collaborazione della Cooperativa Colline Metallifere con la Cooperativa Nuova Maremma, che mettendo in rete le rispettive professionalità ed esperienze, hanno permesso un modello evoluto di servizio per una migliore conoscenza e fruibilità del Parco. Le due cooperative sono diventare partner nella gestione congiunta delle Porte del Parco di Gavorrano, Scarlino, Massa M.ma, Montieri e Monterotondo e hanno quindi creato una vastissima scelta di escursioni e visite per ogni comune del Parco che spesso terminavano con una buona degustazione dei prodotti locali. Da questa collaborazione è scaturita poi la felice iniziativa voluta direttamente dal Presidente del Parco denominata: ?Conosci il Parco? una serie di percorsi didattici gratuiti diretti espressamente alle scuole della Provincia di Grosseto. Primo Piano ? 61 l?agenda l?agenda Venerdì 1° maggio ? Arcille (Campagnatico) - Calici in Piazza Manifestazione enogastronomica alla seconda edizione ? Bagnoli (Arcidosso) - Festa del Maggio Tradizionale festa del Maggio con mercatini, fiera di beneficenza, concerti in piazza, degustazione di prodotti tipici e merenda ? Braccagni (Grosseto) - Festa del Maggio Tradizionale Rassegna di ?Canti del Maggio? a cura del Gruppo Tradizioni Popolari Galli Silvestro nella cornice naturale dell?Oliveto di san Rocchino, a Braccagni. Dalle ore 14,00 alle ore 20,00 si alterneranno sul palco allestito gruppi di Maggerini, poeti estemporanei e cantanti folk. Durante il pomeriggio, nell?area allestita si potrà far merenda con panini, formaggio, baccelli ed ammirare l?arte manuale di artigiani intervenuti (seggiolaio, ceramista, restauratore). Il tutto ad ingresso libero e con disponibilità di ampio parcheggio. ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia: Bici in Città | Punta Ala: PUNTA ALA SPORTS FESTIVAL - ?11° Coppa Golf Club Massa M. Rotary International? | Castiglione della Pescaia: Visita guidata ?Area umida Diaccia Botrona? | Punta Ala: PUNTA ALA SPORTS FESTIVAL ? 1° Tennis Challenge Ala ? Follonica - Bicincittà A.S.D. Free Bikers Pedale Follonichese e UISP in Piazza a Mare - Piazza Guerazzi. Info: 366 3718560 ? Manciano - Top Secret Maremma Visite gratuite, escursioni, passeggiate per conoscere i luoghi più nascosti della Maremma tosco-laziale e per assaporare le bellezze meno esplorate del territorio a cura del Comune di Manciano - Escursione all?eremo di Poggio 62 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 Conte ? Montemassi (Roccastrada) - Tradizionale ?Baccellata? del 1° Maggio Come da tradizione maremmana, Montemassi celebra la festa del 1° Maggio con canti, musica e degustazione prodotti tipici a cura del Circolo Arci Montemassi, ore 16.00. Info: Roberta Pennacchini tel. 338 8418474 ? Orbetello - Orbetello Bike Festival Una tre giorni dedicata al mondo ?a pedali? durante la quale si affronterà una ciclo-turistica giornaliera a scelta (mtb ? city/bike - strada) con percorsi distinti da tre gradi di difficoltà (molto facile, facile, difficile) accompagnati da bikers esperti e conoscitori dei luoghi e, se si vorrà, si potrà anche partecipare ad una gara in mtb per le vie del paese. Info: www.orbetellobikefestival.com ? Parchi e Musei della Val di Cornia ? aliMENTIamoci! - #laculturachesimangia INVASIONI DIGITALI ore 11.00 Parco costiero di Rimigliano ?Il mare nel verde?. Invasione digitale nel parco alla scoperta non solo delle bellezze naturali ma anche dei servizi che questo tratto di fascia costiera offre. L?invasione si concluderà al punto ristoro Lago Verde con pranzo e mercatino biologico. Verranno proposti prodotti alimentari realizzati con farine dei Grani Antichi del Parco costiero della Sterpaia. Info e prenotazioni: tel. 0565 226445 www.parchivaldicornia.it ? San Quirico (Sorano) - ...la ricerca delle orchidee continua a Vitozza Visita guidata dell?abitato rupestre di Vitozza, risalente al Medioevo. Incontro con la guida: ore 10,00 in Piazza della Repubblica a San Quirico di Sorano. Lunghezza: 5 Km. circa. Tempi di percorrenza: 4 ore circa, mezza giornata. Solo su prenotazione. Per informazioni e prenotazioni Irene Belli, cell. 3470819484 ? Sorano - Festa di Primavera Per l?occasione sarà attivato uno stand gastronomico presso i locali della Sagra in piazza del Comune e le serate saranno allietate da musica dal vivo. ? Sorano - MaremmArtExpò Mostra Internazionale d?Arte Contemporanea e di Artigianato Artistico organizzata dall?AGAF Associazione Grossetana Arti Figurative presso i locali del Cortilone nel Borgo Antico della Città di Sorano. Programma: alle 10, raduno presso il Cortilone, per l?escursione percorso naturalistico guidato nei dintorni di Sorano. Info: tel. 338 4763375 ? Torniella (Roccastrada) - Concerto del 1° Maggio Tradizionale concerto a cura della Pro Loco Piloni Torniella, dalle ore 13.30 al tramonto. Partecipano: Sugar Power (Zucchero Cover Band), Roxi Bar (Vasco Cover Band), The Hod Night (rock) e dalla Spagna con furore rock-blues Joe Jary y sus amigos Toscanos. Guest: Charlie Gnocchi. Info: Giorgio Martellucci tel. 328 3572426 ? Valpiana (Massa M.ma) - Aquarium Mondo Marino Animazioni con protagonisti SQUALI e DINOSAURI! La mattina sarà dedicata agli Squali! Lo Staff del Centro Studi Squali spiegherà al pubblico come funziona la Mandibola degli Squali, subito dopo i ragazzi insieme al Biologo Marino preparano il Pasto degli Squali. Nel pomeriggio alla scoperta dei Dinosauri! Si inizierà con un gioco di riconoscimento delle ere geologiche, per proseguire con uno scavo con impronte e resti fossili di Dinosauri. Le animazioni sono su prenotazione al numero 0566-919529 o 3425713315 Sabato 2 maggio ? Arcille (Campagnatic) - Calici in Piazza Manifestazione enogastronomica alla seconda edizione ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello gli eventi del mese giorno Per giorno Sport Punta Ala: Escursioni naturalistica di Nordic Walking (Notturna) | Castiglione della Pescaia: Manifestazione atletica ?Meeting nazionale lanci? ? Follonica - Bicincittà A.S.D. Free Bikers Pedale Follonichese e UISP in Piazza a Mare - Piazza Guerazzi. Info: 366 3718560 ? Grosseto - Enegan Grosseto Baseball Vs. Potenza Picena Nona e decima giornata del Campionato di Serie A Federale presso lo Stadio Roberto Jannella ore 15.30 e 20.30 ? Manciano - Top Secret Maremma Visite gratuite, escursioni, passeggiate per conoscere i luoghi più nascosti della Maremma tosco-laziale e per assaporare le bellezze meno esplorate del territorio a cura del Comune di Manciano - Visita ai Principi Corsini e al castello di Marsiliana ? Montemerano (Manciano) - Accademia del libro di Montemerano Ciclo di incontri a cura dell?Accademia del Libro di Montemerano presso la Biblioteca di Storia dell?Arte (via del Bivio locali dell?ex asilo infantile). Programma: ore 17,30 Un Biopic al mese: Andrej Rublëv di Andrej Tarkowskij (1966) a cura di Stefanella Ughi ? Montertondo M.mo - ?Quattro passi Incoro? Rassegna musica corale Corale S. Cecilia Teatro del Ciliegio ore 17 ? Orbetello - Orbetello Bike Festival Una tre giorni dedicata al mondo ?a pedali? durante la quale si affronterà una ciclo-turistica giornaliera a scelta (mtb ? city/bike - strada) con percorsi distinti da tre gradi di difficoltà (molto facile, facile, difficile) accompagnati da bikers esperti e conoscitori dei luoghi e, se si vorrà, si potrà anche partecipare ad una gara in mtb per le vie del paese. Info: www.orbetellobikefestival.com ? Parchi e Musei della Val di Cornia ? aliMENTIamoci! - #laculturachesimangia INVASIONI DIGITALI ore 15.00 Parco costiero della Sterpaia ?A passeggio nel bosco secolare?. L?invasione prosegue con la visita ai campi dei grani antichi e al bosco secolare (visitabile durante il resto dell?anno solo accompagnati da guida). Info e prenotazioni: tel. 0565 226445 www.parchivaldicornia.it ? Scansano - Fior di Risate e Memoria 2015 Cartellone di spettacoli organizzato dal Comune di Scansano in collaborazione con la Fondazione Toscana Spettacolo presso il Teatro Castagnoli. Programma: Spettacolo per ricordare il 25 aprile Festa della liberazione - ore 21.15 NORMA testo e regia Irene Paoletti, produzione Arts & Crafts. Info e prevendite: tel. 0564 509410 - 0564 509405 - 345 7543506 ? Sorano - Festa di Primavera Per l?occasione sarà attivato uno stand gastronomico presso i locali della Sagra in piazza del Comune e le serate saranno allietate da musica dal vivo. ? Sorano - MaremmArtExpò Mostra Internazionale d?Arte Contemporanea e di Artigianato Artistico organizzata dall?AGAF Associazione Grossetana Arti Figurative presso i locali del Cortilone nel Borgo Antico della Città di Sorano. Programma: alle 21, presso Piazza del Poggio, concerto musicale di ?Tre Pazzi Avanti?Folk Monocromatico a Impatto zero. Info: tel. 338 4763375 ? Valpiana (Massa M.ma) - Aquarium Mondo Marino Animazioni con protagonisti SQUALI e DINOSAURI! La mattina sarà dedicata agli Squali! Lo Staff del Centro Studi Squali spiegherà al pubblico come funziona la Mandibola degli Squali, subito dopo i ragazzi insieme al Biologo Mari- no preparano il Pasto degli Squali. Nel pomeriggio alla scoperta dei Dinosauri! Si inizierà con un gioco di riconoscimento delle ere geologiche, per proseguire con uno scavo con impronte e resti fossili di Dinosauri. Le animazioni sono su prenotazione al numero 0566-919529 o 3425713315 domenica 3 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia: Manifestazione atletica ?Meeting nazionale lanci? | Castiglione della Pescaia: Presentazione libro fotografico di Francesca Landi ?Le giornate europee dello sport 2014? | Vetulonia: 3° edizione corsa podistica ?Scalata a Vetulonia? | Vetulonia: Visita guidata ?Vetulonia e le sue necropoli etrusche? ? Follonica - Incontro Italia Vs. Kossovo Qualificazione Europea Nazionale Pallamano Maschile presso il Palagolfo Via Sanzio, 5. Info: 328 4771262 ? Grosseto - Trekking Escursione di trekking a Radicondoli a cura della Lega Trekking USIP, ore 8,45 ? Grosseto ? La voce di ogni strumento? Stagione musicale alla quarta edizione organizzata dal Reggimento Savoia Cavalleria 3° con il patrocinio di Comune di Grosseto, Fondazione Grosseto Cultura e Club Lions ?Aldobrandeschi? di Grosseto, con la direzione artistica di M° Gloria Mazzi, presso il Reggimento ?Savoia Cavalleria 3°? in via Senese, 191 a Grosseto. Programma: ore 17.30 Musica da Ripostiglio e Riccardo Cavalieri. Ingresso ad offerta. Info e prenotazioni: cell. 345.1672770 ? Manciano - Top Secret Maremma Visite gratuite, escursioni, passeggiate per conoscere i luoghi più nascosti della Maremma tosco-laziale e per assapo- L?aGEnda ? 63 l?agenda Porto Ercole, tornano le magie de La notte dei Pirati La Notte dei Pirati vivacizza dal 2007 la primavera portercolese, anticipando la stagione turistica dell?incantevole borgo. L?edizione di quest?anno ricca di sorprese si svolgerà da venerdì 8 a domenica 10 maggio L a buona stagione si è fatta un po? attendere ma? finalmente è arrivata, frizzante e mite al tempo stesso, tutto cambia sul mare? Tante sfumature di colore, il sole che occhieggia le case acciambellate sul porto, le fortezze che sembrano meno imponenti e più avvolgenti tra la vegetazione che verdeggia. È una ridente serata di primavera, resa spumeggiante dalla leggera brezza marina, innanzi a noi l?accogliente e pittoresco porticciolo di Porto Ercole attende paziente le soffuse luci della notte. Non una notte qualunque? ma la Notte dei Pirati, in cui tutto può succedere, ad esempio incontrare individui loschi e sospetti, presenze che si aggirano minacciose, perlustrando con fare circospetto cale ed anfratti, scalinate impervie e vicoli ciottolosi, alla ricerca di un sostanzioso bottino, osservare locande caratteristiche. Sembra quasi per un attimo di vivere le picaresche atmosfere manzoniane della notte degli imbrogli, tra sospetti e i battiti del cuore che salgono per l?emozione. La notte è lunga ed inquieta, tiene tutti con il fiato sospeso: Porto Ercole, come una remota isola caraibica si tinge di mistero e d?avventura. Una festa per gli abitanti, ma molto apprezzata anche dai turisti, che vi partecipano o vi assistono con entusiasmo. La Notte dei Pirati vivacizza dal 2007 la primavera portercolese, anticipando la stagione turistica dell?incantevole borgo. L?edizione di quest?anno ricca di sorpre- 64 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 se si svolge l?8, il 9 ed il 10 maggio. Il programma ricco di appuntamenti, è vivacizzato da numerose ciurme, un grande coinvolgimento dei commercianti e l?offerta alberghiera di pacchetti speciali per vivere in pieno il clima festoso dell?evento. A partecipare saranno grandi e piccini, condizione necessaria: uno spirito avventuroso e tanta voglia di divertirsi. Filo conduttore è un?avvincente caccia al tesoro, con domande riguardanti ambiti diversi, in particolare la cultura del territorio, ma non solo... Accanto alla gara, sono fondamentali gli addobbi e le scenografie, che rappresentano un punto di forza, parte integrante della manifestazione, creando uno scenario di grande effetto, degno di una vera notte dei pirati. Ogni ciurma, locanda, esercizio commerciale sceglie, secondo la propria creatività e fantasia, decori e ornamenti, secondo un?unica regola: il tema piratesco. Per trovare vestiti ed accessori è possibile recarsi nei negozi portercolesi addobbati a festa. Dalla preparazione, allo svolgimento, alle feste notturne, fino alle cerimonie conclusive è un susseguirsi di momenti di partecipazione corale, tutti infatti hanno un po? di sangue pirata e non si tirano indietro quando bisogna affrontare prove e competizioni, organizzando e coordinando bene la propria ciurma, scegliendo con attenzione i capitani e gettandosi a capofitto in imprese rocambolesche. Francesca Costagliola rare le bellezze meno esplorate del territorio a cura del Comune di Manciano - Escursione a piedi lungo il sentiero che conduce fino all?antico ?Sedile di Carlo Magno? e alle sue leggende, con possibilità di proseguire con la guida verso il fiume Albegna. ? Murci (Scansano) - Commemorazione Commemorazione dell?eccidio del tenente ?Gino? e del soldato Giovanni Conti - ore 11,00 Murci strada della Dogana ? Orbetello - Orbetello Bike Festival Una tre giorni dedicata al mondo ?a pedali? durante la quale si affronterà una ciclo-turistica giornaliera a scelta (mtb ? city/bike - strada) con percorsi distinti da tre gradi di difficoltà (molto facile, facile, difficile) accompagnati da bikers esperti e conoscitori dei luoghi e, se si vorrà, si potrà anche partecipare ad una gara in mtb per le vie del paese. Info: www.orbetellobikefestival.com ? Parchi e Musei della Val di Cornia ? aliMENTIamoci! - #laculturachesimangia INVASIONI DIGITALI Museo del Castello e delle Ceramiche Medievali ?A tavola nel medioevo?. L?invasione si conclude con un salto nella storia alla scoperta della tavola nel medioevo grazie ai suggestivi allestimenti del Museo del Castello di Piombino. Info e prenotazioni: tel. 0565 226445 www.parchivaldicornia.it ? Santa Fiora ? Festa delle Croci Il Tre di Maggio è la festa delle 3 Croci, una per ogni terziere che accompagnano il Santissimo Crocifisso per le vie del Paese. Sono dei tronchi nodosi alti più di 4 metri che vengono fatte sfilare dalle confraternite di volontari: quelli di Sant?Agostino sono vestiti di nero, quelli della Pieve di rosso e del Suffragio rosa, il tutto accompagnato dalla Banda musicale del paese. Durante la giornata si tiene anche la festa delle merci e del bestiame. ? Sorano - Festa di Primavera Per l?occasione sarà attivato uno stand gastronomico presso i locali della Sagra in piazza del Comune e le serate saranno allietate da musica dal vivo. ? Valpiana (Massa M.ma) - Aquarium Mondo Marino Animazioni con protagonisti SQUALI e DINOSAURI! La mattina sarà dedicata agli Squali! Lo Staff del Centro Studi Squali spiegherà al pubblico come funziona la Mandibola degli Squali, subito dopo i ragazzi insieme al Biologo Marino preparano il Pasto degli Squali. Nel pomeriggio alla scoperta dei Dinosauri! Si inizierà con un gioco di riconoscimento delle ere geologiche, per proseguire con uno scavo con impronte e resti fossili di Dinosauri. Le animazioni sono su prenotazione al numero 0566-919529 o 342-5713315 ? Vetulonia (Castiglione della Pescaia) - ?Corri nella Maremma? Trofeo di podismo promosso dalla Provincia di Grosseto con la collaborazione di Uisp e della Fondazione italiana atletica leggera, per valorizzare le principali manifestazioni podistiche presenti sul territorio provinciale e contribuire alla promozione delle località che le ospitano. Località: Vetulonia (GR). Gara: 3^ Scalata a Vetulonia. Ora: 10.00 (loc.Bozzone). Ritrovo: ore 9.00. Chilometri: 7. Organizzatore: Team Marathom Bike. Info: www.corrinellamaremma.it ? Vitozza (San Quirico di Sorano) - Invasioni Digitali Passeggiata digitale nell?antico insediamento di Vitozza, uno degli insediamenti rupestri più grandi del centro Italia, ore 15. A pochi kilometri da Sorano, nella zona del tufo, questo insediamento si è sviluppato ed è stato abitato nell?arco dei secoli. Case scavate nella roccia, colombari di epoca romana, fortificazioni medievali e edifici religiosi sono i magnifici segni di un importante passato. Immersi nel verde alla scoperta di questa città perduta accompagnati da una guida turistica e ambientale scopriremo la storia che lo circonda e la flora della macchia mediterranea. Aperto a tutti gli amanti dei social, della natura, dell?arte e della cultura. Evento gratuito, i bambini sono i benvenuti, percorso all?aria aperta adatto a tutti. Invasioni pacifiche armati di smartphone, tablet e macchine fotografiche. Info: Raffaella Agresti +39 347 0558178 Lunedì 4 maggio ? Grosseto - Società Dante Alighieri Alle ore 16 presso l?Archivio di Stato piazza Socci 3 per gli incontri della Società Dante Alighieri si commenta la lettura del libro ?Folli i miei passi ?di Christian Bobin sotto la guida della prof. Massimiliana Vincini Catena. Info: www.dantegrosseto.org ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: ore 10.00 Monumento al minatore Deposizione corona, benedizione, saluto delle Autorità istituzionali, del Segretario generale della CGIL Regionale Toscana e del vescovo di Grosseto Tributo alla Memoria a cura dei bambini della scuola secondaria di 1° grado di Ribolla: ?Oggi con le parole di Luciano Bianciardi noi onoriamo tutti i minatori? Recita di una poesia da parte della poetessa Irene Marconi (Associazione Sergio Lampis); Minatore di Ribolla: gesti del lavoro e del ricordo | ore 11.00 Pozzo Camorra e Monumento ai Minatori Deposizione delle corone, benedizione, S. Messa all?aperto | Ore 13.00 Pranzo sociale presso gli impianti sportivi, organizzato da CGIL ed AUSER | ore 15.30 ex Cinema Porta del Parco ?Disegni ed opere dai mondi della miniera? apertura della mostra realizzata dai ragazzi della scuola | ore 16.30 ex Cinema Porta del Parco Presentazione del plastico della miniera di Ribolla a cura di Andrea e Simone Luschi | ore 17.00 ex Cinema Proiezione filmato ?Dopo la battaglia? di Tommaso Santi a seguire Conferenza sulle Morti Bianche e infortuni sul lavoro (organizzata con ANMIL e CGIL). Intervengono il Segretario Generale della CGIL Regionale della Toscana Alessio Gramolati e il Presidente ANMIL di Grosseto Graziano Campinoti. Info: tel. 0564 561229 (Roccastrada); Porta del Parco tel. 0564 578033 (Ribolla) martedì 5 maggio ? Grosseto - ?Capire l?arte contemporanea? Ciclo di incontri dedicati all?arte contemporanea organizzato dalla Fondazione Grosseto Cultura e dal Cedav - Centro Documentazione Arti Visive del Comune di Grosseto. Programma: ore 10.30 e in replica ore 17.30 Liceo artistico - street art (Ornella Beltramme). Info: Fondazione Grosseto Cultura, tel. 0564.453128 - Cedav Comune di Grosseto tel. 0564.488547 ? Manciano - Corso di formazione sul turismo Corso di formazione promosso dal Comune di Manciano aperto e gratuito rivolto a tutti gli operatori turistici della zona, composto da visite guidate e seminari. È possibile prenotarsi on line all?indirizzo www.mancianopromozione.com Programma: ore 15,00 Nuovo Cinema Moderno Manciano - ATTUALITÀ Seminario didattico su Tecnologia e turismo nel presente e nel futuro. Relatori: Giulio Detti e stakeholders 1h progetti elaborati dall?otd, Robi Veltroni 3h turismo ed internet. Aperitivo finale mercoLedì 6 maggio ? Grosseto - La lieve essenza della materia, la musica del vuoto Culture Workshop a cura dell?associazione artistica Plinio Tammaro presso l?Aula Magna Polo Liceale (Grosseto). Programma: Einstein: la relatività generale e l?astrofisica e buchi neri - prof. Alessandro Marconi Dip. Fisica e Astronomia Univ. Firenze; Einstein: il moto browniano e sue implicazioni - Marco Maffai Fisico INFN Pisa gioVedì 7 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?C?era una volta? mostra bici e abbigliamento d?epoca | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): Notte Rosa: ?La vetrina più bella? ispirata al Giro d?Italia; Concerto musiche anni 50/60 ?Al Piacino & The Fonzarellis?; Mercatino artigianale | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?CdiP Castiglion di primavera? - Mercato del Buono e del Bello (Buon cibo, artigianato, cultura, tradizione e spettacoli) ? Follonica - Giochi al Museo Giochi al Museo del Magma a cura di 25 Sistema Museo presso il Museo del Magma comprensorio ex Ilva ore 16.45 Giochi di ferro. Su prenotazione telefonando allo 0566-59246. Biglietto d?ingresso adulti 5,00 euro (Bambini sotto 12 anni ingresso gratuito). Informazioni: MAGMA 0566-59246 /59004 www.comune.follonica.gr.it ? Grosseto - Festa dello Sport A cura dell?UISP provinciale nel prato antistante la sede UISP di Grosseto (fino al 10 maggio) ? Grosseto - Camminare sulle Mura Evento organizzato dal Comune di Grosseto in collaborazione con UISP Grosseto e Dritti alla Meta alle 15.30 con ritrovo in Piazza Dante. Un?ora di camminata sul Parco delle Mura Medicee. Per partecipare basta presentarsi senza prenotare. La partecipazione è gratuita, per eventuali informazioni tel UISP Grosseto 0564 417756 ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: ore 15.00 ex Cinema Porta del Parco ?E tu.. vuoi metterti nei panni di un altro/a..?? Gli studenti della scuola primaria di Ribolla propongono la loro riflessione sui rapporti interpersonali, sulle dinamiche aggressive, sull?equa distribuzione delle responsabilità uomo/donna. A seguire: Visita alla loro mostra ?La bellezza dell?intelligenza? Venerdì 8 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?C?era una volta? mostra bici e abbigliamento d?epoca | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?CdiP - Castiglion di primavera? - Mercato del Buono e del Bello (Buon cibo, artigianato, cultura, tradizione e spettacoli) | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): Visita guidata ?Castiglione della Pescaia e il suo centro storico? | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?Un giro di rosati? ? Aperitivo di rosati presso i ristoranti del territorio comunale aderenti | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): Torneo di calcio ?Area idrica 2015? ? Grosseto - Festa dello Sport A cura dell?UISP provinciale nel prato antistante la sede UISP di Grosseto (fino al 10 maggio) ? Grosseto - Notte Rosa Cala il sipario sul festival ?non ci resta che ridere 2015? C ala il sipario sul festival Non ci resta che ridere 2015 prodotto dal Laboratorio Teatrale Ridi Pagliaccio di Grosseto, compagnia che chiuderà la rassegna domenica 10 maggio presso il Teatro degli Industri di Grosseto, alle ore 17.00 ed alle ore 21.00 (in doppia replica) con lo spettacolo ?Molto rumore per nulla? di William Shakespeare. Al termine della replica pomeridiana intorno alle ore 18.40 avranno luogo le premiazioni del Festival. La giuria, composta da Marco Renzetti (AVO), Enrico Pizzi (Tv9), Danila Ansaldi (Corriere di Maremma), Mauro Ceselli (AGAF) e Marta Bianchi (Banca della Maremma), assegnerà i seguenti premi: miglior spettacolo, miglior regia, miglior attore protagonista, migliore attrice protagonista, miglior attore caratterista, migliore attrice caratterista. Infine, la giuria del pubblico, composta dagli abbonati al festival, assegnerà il premio del pubblico per il miglior spettacolo. I premi del Festival Non ci resta che ridere 2015 saranno ?pezzi unici? realizzati dall?artista grossetano Gennarino Salvo. La rassegna è organizzata da FITA Federazione Italiana Teatro Amatori, in collaborazione con il Comune di Grosseto - Assessorato alla Cultura con la direzione artistica di Giacomo Moscato. Sponsor: Banca della Maremma - Credito Cooperativo di Grosseto Ingresso ? 10,00 (senza diritti di pre- vendita). Prevendita biglietti: Edicola ?La Pace? (a Grosseto, in via della Pace, accanto all?ingresso della Chiesa del Sacro Cuore) Vendita biglietti: presso il botteghino del Teatro degli Industri un?ora prima dell?inizio di ogni spettacolo Info: www.ridipagliaccio.it Katia Fini e Giacomo Moscato interpreti in ?Molto rumore per nulla? il 10 maggio L?aGEnda ? 65 l?agenda Notte Rosa nel centro storico Grosseto nell?ambito delle iniziative organizzate e coordinate dal Comune di Grosseto in occasione del passaggio del Giro d?Italia ? Grosseto - Conferenza UniTre Grosseto Conferenza del professore Manfred Pfister, docente della Libera Università di Berlino-Brandeburgo, sul tema ?Giulietta e Romeo?, presso la Chiesa della Misericordia, ore 17. È prevista la proiezione di un filmato. A seguire, il concerto romantico con Ornella Campanino, flauto traverso, e Lors Cerofolini, pianoforte ? Massa Marittima - Eventi Maggio Calendario di iniziative a cura della Coop Colline Metallifere. Programma: ore 15 Palazzo dell?Abbondanza conferenza ?L?allume maremmano nell?economia massetana del tardo medioevo? ne parlano Giovanna Bianchi e Luisa Dallai (Università di Siena) e Didier Boisseuil (Università di Tours) ? Orbetello - Inauditorium - Stagione Teatrale 2015 Cartellone di spettacoli promosso dal Comune di Orbetello (assessorato alla Cultura) presso l?Auditorium Comunale (Piazza della Repubblica), ore 21,15. Programma: ?Nuove proposte?: Il sogno degli artigiani della compagnia Vico Quarto Mazzini, giovani incontratisi a Udine che mettono in scena una rielaborazione del Sogno shakespeariano. Info: tel. 0564 860447 - 338 1905259 ? Porto Ercole - La Notte dei Pirati Tradizionale appuntamento che dal 2007 inaugura la stagione turistica dell?incantevole borgo argentarino. Programma: Caccia al tesoro dei giovani pirati: ore 18,00 sfilata delle ciurme, ore 21,30 caccia al tesoro Sabato 9 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?C?era una volta? mostra bici e abbigliamento d?epoca | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?CdiP - Castiglion di primavera? - Mercato del Buono e del Bello (Buon cibo, artigianato, cultura, tradizione e spettacoli) | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?Un giro di rosati? ? Aperitivo di rosati presso i ristoranti del territorio comunale aderenti | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): Torneo di calcio ?Area idrica 2015? | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): Concerto Jazz con ?Rossano Gasperini trio? | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?La maglia rosa dei rosati? ? Degustazione con premiazione del preferito tra tutti i rosati partecipanti ? Grosseto - Festa dello Sport A cura dell?UISP provinciale nel prato antistante la sede UISP di Grosseto (fino al 10 maggio) ? Grosseto - Eventi al Museo 2015 Ciclo di iniziative culturali a cura del Museo di Storia Naturale della Maremma Strada Corsini, 5 Strada Corsini, 5. Programma: dalle 18.30 Bioblitz - SIR Torrente Trasubbie con numerosi ricercatori delle Università Toscane. Evento pubblico gratuito per la raccolta di dati su animali e piante. Info: tel. 0564 488571 ? Grosseto - ?Piazza Libri? Presentazione del libro ?BIANCIARDI D?ESSAI La vita agra di Luciano Bianciardi a Grosseto raccontata da Isaia Vitali, Mario Dondero, Maria Jatosti? di Irene Blundo alle 17 al Cassero senese di Grosseto, in occasione della manifestazione ?Piazza Libri? ? Grosseto - Slurp Recital teatrale di e con Marco Travaglio, regia di Valerio Binasco, presso il Teatro Moderno, ore 21 ? Massa Marittima - Eventi Maggio Calendario di iniziative a cura della Coop Colline Metallifere. Programma: ore 9.30 ?Passeggiata alle cave di allume di Montioni?, visita guidata alle cave di allume di Montioni e tagliere degustazione presso La Novella. Costo: ? 15. Prenotazione obbligatoria tel. 0566 902289 info@coopcollinemetallifere.it | ore 18 Portale degli Etruschi ?Dedicato a Mariella Gennai? intitolazione della sala grande del Portale da parte del Comune di Massa M.ma, omaggio della Cooperativa Colline Metallifere in memoria di Mariella, Apericena e a seguire Musica da Ripostiglio in concerto ? Montemerano (Manciano) - Accademia del libro di Montemerano Ciclo di incontri a cura dell?Accademia del Libro di Montemerano presso la Biblioteca di Storia dell?Arte (via del Bivio locali dell?ex asilo infantile). Programma: ore 17,30 I Luoghi dell?Utopia. Primo incontro: Dal Giardino dell?Eden alla città di Utopia. Conversazione di Marilena Pasquali ? Monterotondo M.mo - Torneo di calcio squadre giovanili La Boracifera ? Pitigliano - PitiglianoInMusica Festival internazionale cura dell?associazione romana Aulico-Opera&Musica, diretta dal M° Roberto Bongiovanni con la partecipazione di musicisti affermati e giovani interpreti, presso il Teatro Salvini, alle 18. Programma: ore 18 Evento di chiusura: Invito all?Opera - ?LE NOZZE DI FIGARO? di Wolfgang Amadeus Mozart. Concerto in abbonamento. Biglietti interi ?15, ridotti ?12. Info: tel.0564 617111 ? Porto Ercole - La Notte dei Pirati Tradizionale appuntamento che dal 2007 inaugura la stagione turistica dell?incantevole borgo argentarino. Programma: ore 18,45 pittoresca sfilata delle ciurme per le vie del paese, con distribuzione delle schede perché la popolazione possa votare i migliori covi e la migliore ciurma; ore 20,45 sbarco dei pirati sulle spiagge del porto, con coreografie pirotecniche ed acquatiche, suggestivi colpi di cannone, cortine di fumo e urla; ore 21,15 i pirati sono attesi nelle locande per il rancio; ore 23,00 appuntamento sul molo De Angelis per la distribuzione delle pergamene nell?attesa del colpo di cannone, che sancisce l?inizio della caccia al tesoro 2015 ? Porto Santo Stefano - ?Giochi dell?Argentario-Atletica Leggera? Manifestazione sportiva alla quarta edizione organizzata dall?ASD Trisport Costa d?Argento, con il patrocinio del Comune di Monte Argentario che prevede, per i giovani, giochi a carattere ludico-motorio con le discipline dell?atletica leggera disputate in cinque giornate diverse - sul campo sportivo di Porto S. Stefano (gare di velocità dalle ore 15.30 alle 18.30) ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: ore 15.00 Porta del Parco e paese Passeggiata narrativa per conoscere l?ex villaggio minerario tra storia e architettura (anche senza prenotazione) | ore 17.00 ex Cinema Inaugurazione mostra fotografica ?Bianciardi, i luoghi, il tempo? di Massimo Tursi (la mostra sarà visitabile dal 9 al 20 maggio), a cura della Fondazione Luciano Bianciardi | ore 17.30 ex Cinema ?Vita agra di un anarchico?, presentazione del libro di Giuseppe Corrias (giornalista e dirigente RAI), con la presenza dell?autore; a cura della Fondazione Luciano Bianciardi ? Scansano - BIO BLITZ 24 Baccinello SIR Torrente Trasubbie - BIO BLITZ 24 h non stop alla scoperta della bio diversità - Partecipazione gratuita aperta a tutti domenica 10 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?C?era una volta? mostra bici e abbigliamento d?epoca | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?CdiP - Castiglion di primavera? - Mercato del Buono e del Bello (Buon cibo, artigianato, cultura, tradizione e spettacoli) | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?La maglia rosa dei rosati? ? Degustazione con premiazione del preferito tra tutti i rosati partecipanti | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): Concerto di Bossa Nova con Stefano Raddi | Vetulonia: Visita guidata ?Vetulonia e le sue necropoli etrusche? ? Follonica - Bicincittà A cura della Lega Ciclismo UISP ? Grosseto - Bicincittà A cura della Lega Ciclismo UISP ? Grosseto - Festa dello Sport A cura dell?UISP provinciale nel prato antistante la sede UISP di Grosseto (fino al 10 maggio) ? Grosseto - Eventi al Museo 2015 Ciclo di iniziative culturali a cura del Museo di Storia Naturale della Maremma Strada Corsini, 5 Strada Corsini, 5. Programma: dalle 18.30 Bioblitz - SIR Torrente Trasubbie con numerosi ricercatori delle Università Toscane. Evento pubblico gratuito per la raccolta di dati su animali e piante. Info: tel. 0564 488571 ? Grosseto - Non ci resta che ridere 2015 Festival di teatro comico (? e tragicomico) della Città di Grosseto, alla settima edizione, organizzata da FITA - Federazione Italiana Teatro Amatori di Grosseto, Laboratorio teatrale Ridi Pagliaccio in collaborazione con il Comune di LE saGrE IN CORSO > fino a domenica 3 maggio (dal 24 aprile) ? Sorano FESTA DELLA PRIMAVERA Nei vicoli del suggestivo borgo sarà allestita la Mostra Mercato con numerosi espositori. A disposizione un fornito stand gastronomico proporrà piatti e prodotti tipici locali e le serate saranno allietate da musica dal vivo. L?organizzazione è a cura dell?Associazione Giovani Capaccioli con il patrocinio del Comune e la Pro Loco di Sorano. Info: www.soranoinfesta.com 1-2-3-9-10 maggio (dal 23 aprile) ? Riotorto (Piombino - Li) 46° SAGRA DEL CARCIOFO Manifestazione gastronomica presso La Pinetina. Servizio Ristorante - orario di apertura: feriali ore 19, festivi ore 12 e ore 19. Ogni sera e il pomeriggio dei giorni festivi, ballo liscio con musica dal vivo. INFO 388-1406084 INIZIANO 1-2 maggio ? Arcille (Campagnatico) CALICI IN PIAZZA Manifestazione enogastronomica seconda edizione alla 2-3-8-9-10 maggio ? Fonteblanda (Orbetello) FESTA DELLA BISTECCA E DELLA POLENTA Manifestazione gastronomica alla settima edizione organizzata dalla Associazione Sportiva Dilettantistica Fonteblanda, presso il campo sportivo. La festa vede protagoniste bistecche alla fiorentina e polenta locale al ragù o al cinghiale. Non mancheranno ovviamente altre specialità locali, mentre il tutto sarà accompagnato dai vini del territorio. Gli stand gastronomici sono aperti tutte le sere a cena dalle 19.30 e di domenica anche a pranzo dalle 12.30. Da segnalare incontri di calcio giovanile il 3 maggio, il raduno MTB enduro il 9 maggio e la gran fondo di Mountain Bike Terre di Maremma il 10 maggio. 9-10 maggio ? Montieri FESTA AL PRUGNOLO Il secondo fine settimana di Maggio a Montieri si celebra il Prugnolo, fungo primaverile pregiatissimo. Dai formaggi fino al liquore, passando per trenette e secondi di carne, tutto è a base di Prugnolo! La cornice festosa è completata da mercatino artigianale e di prodotti tipici, intrattenimento musicale ed escursioni per festeggiare l?inizio della bella stagione. Il tutto a cura dell?associazione culturale La Meria Montieri. Info: tel. 328 422060 9-10 / 17-18 maggio ? Poggioferro (Scansano) SAGRA DEL TORTELLO Torna a Poggioferro (Scansano) l?appuntamento con questa bella manifestazione gastronomica che quest?anno festeggia il 45° compleanno. Un momento importante celebrato con i fuochi artificiali, intrattenimenti pomeridiani con giocolieri per bambini. Musica dal vivo allieterà le serate e le giornate saranno all?insegna del TORTELLO principe unico della sagra a cura del comitato A.N.S.P.I. Poggioferro. Info: sito web www.sagradeltortellopoggioferro.it 22-23 maggio ? Castiglione della Pescaia BIRRE D?AMARE Rassegna birre artigianali con musica in piazza Orto del Lilli 22-23-24 / 29-30-31 maggio ? Marsiliana (Manciano) 41^ SAGRA DELLA FRAGOLA Manifestazione gastronomica a cura della Pro Loco Marsiliana nel piazzale del Magazzino storico della Cooperativa Agricola. Info: tel. 0564 606454, 339 2357700 Michele, 329 9632081 Samuel, prolocomarsiliana@gmail.com 22 maggio>2 giugno ? Montenero d?Orcia (Casteldelpiano) FESTA PATRONALE DI SAN SERVILIO E SAGRA DELLA LASAGNA Stands gastronomici, pizzeria, enoteca ?La terrazza? con vini doc Montecucco, giochi popolari e fiera di beneficenza, la mostra storica fotografica ?Montenero: come eravamo?. Info: www.montenerodorcia.it 23 maggio>28 giugno nei week end (sabato e domenica) ? Roselle (Grosseto) SAGRA DEL TORTELLO Manifestazione gastronomica a cura della Polisportiva Roselle presso gli impianti sportivi. Si tratta di un appuntamento ormai tradizionale, giunto alla 37esima edizione che offre anche diversi eventi collaterali, quali serate danzanti con musica dal vivo con orchestra, manifestazioni sportive, ecc. 29-30-31 maggio ? Celle sul Rigo (San Casciano dei Bagni - Si) 46^ SAGRA DEI PICI Nel centro storico della frazione di Celle sul Rigo nel comune di San Casciano dei Bagni (Siena) ogni anno a maggio si tiene la tradizionale Sagra dei Pici. Si tratta della più vecchia manifestazione del Comune di San Casciano dei Bagni; al centro ci sono i pici, primo piatto caratteristico di Celle, realizzati a mano dalle donne del paese secondo l?antica ricetta conditi con ragù e salsa all?aglione. Orari: venerdì e sabato 19-24; domenica 12-24. Info: Pro Loco San Casciano dei Bagni (SI), tel.: 0578 58153, sito web www.sagradeipici.it, www.sancascianodeibagni.org - www.comune.sancascianodeibagni.si.it 29 maggio>2 giugno ? Poggio Murella (Manciano) 48^ SAGRA DELLA LUMACA RIGANELLA Manifetazione gastronomica organizzata dalla Società Filarmonica P. Mascagni di Poggio Murella. Per tutta la durata della sagra saranno previste aree giochi per i più piccoli, bancarelle di artigianato e prodotti tipici locali, servizio bar; alla sagra non si mangiano solo lumache ma anche, e non poco, bruschette, lunghini, acquacotta e carne alla griglia. Info: tel. 0564 620532 29-30-31 maggio / 1-2-5-6-7 giugno ? Pian del Bichi, Montemassi (Roccastrada) X FESTA DELLA BUFALA Festa popolare con stand gastronomici, spettacoli, ballo all?aperto, con accesso libero. A cura dell?A.S.D. Pian del Bichi. Info: Mario Frati tel. 339 3829569, Danilo Poli tel. 338 5962237, plodln@libero.it 13-14 giugno ? Seggiano FESTA DELLA CILIEGIA Torna come ormai avviene da qualche anno la Festa della Ciliegia in quel di Seggiano. Eventi clou: punto vendita filiera corta, emporio polifunzionale, Mercatini artigianato, Degustazione prodotti, Caccia al tesoro e giochi per ragazzi, Musica in piazza. E chiaramente le ciliegie con vari concorsi: scatto alla ciliegia, il dolce alla ciliegia, ecc. L?aGEnda ? 67 l?agenda ?Cipressino d?oro?, è l?ora delle premiazioni Il Kiwanis Club Follonica premia i vincitori della terza edizione del premio nazionale di poesia ?Cipressino d'Oro - Bonesini for Kiwanis?. E lo fa il prossimo 16 maggio a Follonica, presso la Sala Tirreno, in via Bicocchi T utto pronto per la cerimonia di proclamazione e premiazione dei vincitori della terza edizione del Premio Nazionale di Poesia ?Cipressino d?Oro? Bonesini for Kiwanis a cura del Kiwanis Club Follonica, con la collaborazione di Gian Paolo Bonesini, un artista poliedrico, noto a livello nazionale ed internazionale, che da molti anni ha concentrato la propria attività a Massa Marittima (GR), dove risiede. L?appuntamento alla presenza di Autorità Kiwaniane e Istituzionali cittadine, si svolgerà sabato 16 maggio, con inizio alle ore 17,00, a Follonica, presso la Sala Tirreno, in via Bicocchi 53/a. Il Premio, istituito allo scopo di promuovere e incoraggiare la diffusione degli ideali kiwaniani diretti al servizio dei bambini del mondo, si è rivolto a tutti coloro che hanno voluto cimentarsi a scrivere un componimento poetico sul tema: ?Mamma, Papà? sto arrivando. La magia dell?arrivo di un bambino?, con il quale si è voluto sensibilizzare scrittori e lettori sui valori della famiglia e dell?essere genitori. Sono giunti alla Segreteria del Club numerosissimi componimenti poetici provenienti da ogni parte d?Italia. La Giuria incaricata ad esaminare e a giudicare le Poesie pervenute è al lavo- 68 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 ro per individuare i migliori elaborati. Essa è composta da: Annarosa Del Corona, Poetessa; Silvia Cervellati, Scrittrice; Grazia Ghilli, Scrittrice; Francesco Piccinelli, Giornalista. All?Autore della miglior Poesia verrà donato il ?Cipressino d?Oro?, scultura appositamente elaborata per questo ?Premio Nazionale? dall?Artista Gian Paolo Bonesini. Altri riconoscimenti verranno donati anche ad altri classificati. Alla Socia del Kiwanis Club Follonica, l?attrice Tiziana Bralia è stato affidato il compito di recitare le Poesie giudicate dalla Commissione esaminatrice le ?Prime classificate?. Al termine della Premiazione e proclamazione dei vincitori del Premio Nazionale di Poesia, i Soci del Kiwanis Club Follonica, con i loro invitati ed amici, si recheranno presso l?Hotel ?Piccolo Mondo? in Follonica, piazza a Mare Nicola Guerrazzi 2 e, nel corso di una Serata di Gala celebreranno due importanti Cerimonie: la prima denominata ?CHARTER DAY? (commemorazione del Compleanno del Club) che quest?anno compirà 28 anni; la seconda denominata ?CENTENNIAL YEAR? (Commemorazione del centenario della nascita del Kiwanis). Grosseto e con il sostegno della Banca della Maremma, con la direzione artistica di Giacomo Moscato, presso il Teatro degli Industri. Programma: Teatro degli Industri, ore 17 e 21 Molto rumore per nulla di William Shakespeare, regia di Giacomo Moscato, a cura del Laboratorio teatrale Ridi pagliaccio. Info: tel. 333 6140794, sito internet: www.ridipagliaccio.it ? Grosseto - GROSSETO Vs. Gubbio Diciannovesima giornata del girone di ritorno del Campionato di Calcio Lega Pro Girone B, presso lo Stadio Comunale Olimpico ?Carlo Zecchini? ? Grosseto ? 1° Cicloraduno ?Andrea Nencini? Partenza da Mbm via Senegal, arrivo sede Coldiretti via Roccastrada nell?ambito delle iniziative organizzate e coordinate dal Comune di Grosseto in occasione del passaggio del Giro d?Italia ? Montemassi (Roccastrada) - Quadri Viventi Nelle suggestive vie del centro storico a partire dalle ore 18.30 per iniziativa del Circolo Arci Montemassi prendono vita quadri famosi (Macchiaioli - Impressionisti) interpretati dagli abitanti del paese (Ingresso libero). Info: Lia Radi tel. 347 7721277 ? Montertondo M.mo - Torneo di calcio squadre giovanili La Boracifera ? Parchi e Musei della Val di Cornia ? aliMENTIamoci! - #laculturachesimangia TUSCANY WALKING FESTIVAL Parco costiero della Sterpaia ?Oltreduna? Con ?Oltreduna? si ha la possibilità di trascorrere una giornata immersi nella natura, tra bosco e mare accompagnati da una guida, gustando piatti prelibati nelle sei gustose soste ristoro. Info e prenotazioni: tel. 0565 226445 www.parchivaldicornia.it ? Porto Ercole - La Notte dei Pirati Tradizionale appuntamento che dal 2007 inaugura la stagione turistica dell?incantevole borgo argentarino. Programma: ore 17,30 regata dei corsari; ore 19,00 premiazione delle migliori ciurme e dei migliori addobbi dei covi ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: V Torneo commemorativo ?La Miniera a Memoria? a cura della AS Dilettantistica Ribolla presso gli impianti sportivi ? Scansano - BIO BLITZ 24 Baccinello SIR Torrente Trasubbie - BIO BLITZ 24 h non stop alla scoperta della bio diversità - Partecipazione gratuita aperta a tutti ? Scansano - ?Oltre il Ponte? Reading Teatrale della Associazione Teatro Studio tratta da ?Il Tenente Gino? e da ?Mafalda e la Siepe di Ginestre? di Nedo Bianchi - Museo Archeologico ore 18,00 ? Sticciano Scalo (Roccastrada) - Passeggiata ecologica A cura della Pro Loco Sticciano. Info: tel. 329 0069230 Lunedì 11 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?C?era una volta? mostra bici e abbigliamento d?epoca ? Grosseto - ?Marco Pantani il Campione fuori norma? Spettacolo teatrale presso il Teatro degli Industri ore 21,00 nell?ambito delle iniziative organizzate e coordinate dal Comune di Grosseto in occasione del passaggio del Giro d?Italia ? Grosseto - Corso di Fotografia Corso di fotografia promosso dall?Associazione Fotografica Riflessi presso la nuova sede di Gorarella, dalle ore 21 alle 23. Relatore Federico Giussani. Programma: Ripasso teoria con scatti pratici martedì 12 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?C?era una volta? mostra bici e abbigliamento d?epoca | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa Rappresentazione teatrale ?Marco Pantani il campione fuori norma? di Alessandro Albertin liberamente tratto da Il caso Marco Pantani di Rita Ferrara. ? Grosseto - I segni dell?Arte 2014 Ciclo di appuntamenti sull?arte e sugli artisti del XX seco- lo a cura dello Studio Artisteggiando, via Sauro 64/b. 18.30-19.30 Teoria 20.30-21.30 Pratica. Programma: De Chirico I incontro. Info: 0564 25840 ? 349 8307895 ? Orbetello - ?Feste di Maggio? Festeggiamenti civili e popolari in onore di San Biagio. Programma: ore 19.30 PROCESSIONE IN LAGUNA partenza dalla Peschiera di Ansedonia. Il Santo Patrono verrà trasportato con i tradizionali barchini dalla Cooperativa La Peschereccia | ore 21.00 PROCESSIONE A TERRA partenza dalla Loc. La Spiaggetta ed arrivo al Duomo. Con la partecipazione del Corpo Bandistico ?Città di Orbetello?, il Corteo Storico ed i butteri maremmani ? Manciano - Corso di formazione sul turismo Corso di formazione promosso dal Comune di Manciano aperto e gratuito rivolto a tutti gli operatori turistici della zona, composto da visite guidate e seminari. È possibile prenotarsi on line all?indirizzo www.mancianopromozione.com Programma: ore 15,00 Nuovo Cinema Moderno Manciano ? PROMOZIONE Seminario didattico su L?Ecosistema turistico: tra promozione e accoglienza. Costanza Giovannini Project Leader Social Media Team Destinazione Toscana: agire con gli strumenti sociale della Regione Toscana; Filippo Rossi: ospitalità, utilizzo ed interazione con strumenti informativi, ecosistema turistico ? Porto Santo Stefano - ?Giochi dell?Argentario-Atletica Leggera? Manifestazione sportiva alla quarta edizione organizzata dall?ASD Trisport Costa d?Argento, con il patrocinio del Comune di Monte Argentario che prevede, per i giovani, giochi a carattere ludico-motorio con le discipline dell?atletica leggera disputate in cinque giornate diverse - sul campo sportivo di Porto S. Stefano (corsa campestre dalle ore 16.30 alle 19.00 con la festa finale) la Pescaia (Giornate in rosa: Libri nel giro ?Pedalando con i libri?. Laboratori didattici sul ciclismo per i ragazzi ? Grosseto - ?Le competenze emotive nella sicurezza (e non solo)? Seminario di scena a partire dalle 14.30 nella sede di Confindustria Toscana Sud ? Delegazione di Grosseto in viale Monte Rosa n.196. Un?opportunità di crescita, oltre che per gli addetti alla Sicurezza (RSPP, ASPP, RLS e Preposti), anche per gli imprenditori e i responsabili dei processi aziendali. Info: tel. 0564/468811t ? Grosseto - FESTA DELLA MUSICA Teatro Moderno, dalle ore 9 alle ore 18 - Settimana culturale della Musica indetta dal MIUR. Partecipano gli Istituti scolastici in rete con Fondazione Grosseto Cultura: Istituto Comprensivo n.1 A. Manzi, Istituto Comprensivo n.2, Istituto Comprensivo n.3 A. Gabelli, Istituto Comprensivo n.4, Istituto Comprensivo n. 5, Istituto Comprensivo n.6, Istituto di istruzione Superiore I° grado L. da Vinci ad indirizzo musicale, Istituto di istruzione Superiore di II° grado Liceo Musicale, Polo L. Bianciardi. Per la manifestazione è indetto un concorso a premi di composizione musicale con relativo testo letterale aperto agli alunni della primaria degli istituti coinvolti. La rielaborazione sarà a cura della classe di composizione dell?Istituto Musicale P. Giannetti di Grosseto. ? Manciano - Cartoon School Laboratorio per ragazzi presso il Nuovo cinema Moderno nell?ambito del progetto nato in seno al fortunatissimo festival dedicato al mondo dell?animazione e del fumetto, Cartoon Village, ideato e realizzato dall?associazione culturale Cartoon Village e promosso dal Comune di Manciano mercoLedì 13 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?C?era una volta? mostra bici e abbigliamento d?epoca | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa Arrivo 6° tappa GIRO D?ITA- ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?C?era una volta? mostra bici e abbigliamento d?epoca | Castiglione del- gioVedì 14 maggio LIA Montecatini Terme - Castiglione della Pescaia | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): Annullo filatelico ?98° Giro d?Italia? | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa) - Premiazione progetto didattico ?Bici Scuola? - Premiazione ?La vetrina più bella? - Gazzetta Cycling Cup Premiazioni Azienda vitivinicole ?La maglia rosa dei rosati | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): Presentazione del libro di Alessandra De Stefano ?Giulia e Fausto? | Castiglione della Pescaia: 27° Edizione delle Finali Nazionali dei Giochi Sportivi Giovanili di Dama (Dama italiana e internazionale ? Grosseto - ?Capire l?arte contemporanea? Ciclo di incontri dedicati all?arte contemporanea organizzato dalla Fondazione Grosseto Cultura e dal Cedav - Centro Documentazione Arti Visive del Comune di Grosseto. Programma: ore 17.30 Museo di storia naturale - Jeff Koons e la nuova scultura (Mara Pezzopane). Info: Fondazione Grosseto Cultura, tel. 0564.453128 - Cedav Comune di Grosseto tel. 0564.488547 ? Grosseto - Camminare sulle Mura Evento organizzato dal Comune di Grosseto in collaborazione con UISP Grosseto e Dritti alla Meta alle 15.30 con ritrovo in Piazza Dante. Un?ora di camminata sul Parco delle Mura Medicee. Per partecipare basta presentarsi senza prenotare. La partecipazione è gratuita, per eventuali informazioni tel UISP Grosseto 0564 417756 ? Grosseto - La lieve essenza della materia, la musica del vuoto Culture Workshop a cura dell?associazione artistica Plinio Tammaro presso l?Aula Magna Polo Liceale (Grosseto). Programma: Il Significato delle scoperte di Einstein sul nostro pensiero ? prof. Alessandro Pagnini Filosofia della Scienza Univ. Firenze; Maccanica quantistica, diatriba Einstein e paradossi, teorie seguenti ? prof. Maria Luisa Della Chiara Logica e Filosofia della Scienza Univ. Firenze e INFN. Conclusione lavori dott.ing. David Tammaro e dott. ing. Fabrizio Pettini ? Grosseto - «Archivi Isgrec. Istruzioni per l?uso» Ciclo di incontri organizzato dall?ISGREC Istituto storico montepescali, ecco la 21esima edizione del premio ?dino Bavona? T orna anche quest?anno l?appuntamento con il concorso nazionale di poesia ?Dino Bavona? nella suggestiva cornice collinare di Montepescali, alle porte di Grosseto. La cerimonia di premiazione si terrà la sera di sabato 30 maggio alle ore 21,00 nella chiesa di San Niccolò, sotto il più alto campanile del paese, ben visibile da ogni angolo della piana che fugge verso il mare portando con sé uomini, storie e pensieri, animali e acque lungo la sua rete di strade e canali, e la ferrovia che luccica sotto il sole estivo. ?L?anno scorso ? sottolinea Adriano Poletto uno dei fondatori dello storico Premio ? è stato raggiunto il traguardo del ventennale con la presenza di molti che nel dicembre del 1994 parteciparono alla prima premiazione e, purtroppo, con l?assenza di qualcuno. Un ospite di riguardo come Giorgio Albertazzi ha tenuto banco per buona parte della serata offrendo una visione esterna della nostra esperienza che, da un ragguardevole punto di vista come il suo, ci era ancora sconosciuta. Posso dire che questo è stato il suo contributo più importante, oltre alle parole di apprezzamento e incoraggiamento di cui non ha fatto economia, che ci remunerano dell?impegno profuso in questi anni e rimangono la fonte di maggior soddisfazione, il carburante necessario per attività come la nostra. Ci siamo scoperti attraverso i pensieri, le impressioni e la considerazione che un Grande ha voluto esternarci, della quale glie ne restiamo obbligati. Quest?anno si riprende il cammino dal ventennale verso il trentennale e oltre? Chissà chi ci sarà alla prossima ricorrenza, chissà se un giorno saremo ricordati come i fondatori; queste domande non voglio nemmeno pormele, voglio solo andare avanti senza voltarmi. Ogni anno apriamo la serata di premiazione ringraziando, innanzi tutti, quel pubblico presente, attento e affezionato che ci segue fino dall?inizio, e quest?anno voglio anticipare la mia gratitudine già da queste colonne mentre aspettiamo l?ultimo fine settimana di Maggio. Ci sarà il consueto intermezzo musicale che preferisco serbare come una sorpresa e, a cerimonia conclusa, ne riparleremo degustando quelle rustiche prelibatezze per cui la Maremma è ben conosciuta.Vi aspettiamo!?. Montepescali (Grosseto) L?aGEnda ? 69 l?agenda grossetano della Resistenza e dell?età contemporanea, in collaborazione con la Soprintendenza archivistica per la Toscana, l?ANCE grossetana, Regione Toscana, Provincia e Comune di Grosseto. Programma: Biblioteca Francesco Chioccon, ISGREC ore 16 - Archivi della politica di governo (Pci-Pds) e d?opposizione (Dc) in Maremma. Le vicende degli archivi politici, soprattutto di partito, Emilio Capannelli (Soprintendenza archivistica per la Toscana). I partiti politici nell?Italia repubblicana, Marcello Flores (Università di Siena). Note storiche, a margine dell?archivio del Pci-Pds grossetano, Valerio Entani (Ricercatore dell?ISGREC). Info: 0564 415219 - 3461413572 ? Orbetello - ?Feste di Maggio? Festeggiamenti civili e popolari in onore di San Biagio. Programma: ore 18.30 PARATA DEGLI SBANDIERATORI DI CAPALBIO che introdurranno i rioni delle squadre partecipanti ai giochi sportivi (Porto, Duomo, Piazza d?Armi, Neghelli e Stazione) - Corso Italia | STREET ART - Corso Italia | dalle ore 19.30 alle ore 22.30 MUSIC VILLAGE. Aperitivo con musica live nelle piazze del centro - Piazza del Plebiscito, Piazza Cortesini, Piazzetta del Priore, Via Gioberti e Piazza Eroe dei Due Mondi - con i gruppi Accordi e Disaccordi, Alan Ford e i TNT, Mezzo Kilometro, Radiovintage e The Overbet ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: ore 15.00 Porta del Parco e paese Passeggiata narrativa per conoscere l?ex villaggio minerario tra storia e architettura. (Si raccolgono adesioni fino alle 12,30 dello stesso giorno tel. 0564 578033 / 561229) | ore 16.30 Traguardo volante tappa Giro d?Italia. La popolazione saluta il passaggio del giro Venerdì 15 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?C?era una volta? mostra bici e abbigliamento d?epoca | Castiglione della Pescaia: 27° Edizione delle Finali Nazionali dei Giochi Sportivi Giovanili di Dama (Dama italiana e internaziona- 70 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 le | Castiglione della Pescaia: 1° Open Internazionale d?Italia di dama inglese valevole per la EC 2015 ? Grosseto - MUSICA - Corso di guida all?ascolto Ciclo di incontri organizzato dalla Fondazione Grosseto Cultura finalizzato all?apprendimento consapevole delle opere che verranno rappresentate in occasione dei concerti grossetani. Guida gli incontri il professore Ettore Candela. Gli incontri sono aperti a tutti. 5 euro il costo a incontro, gratuito per i soci della Fondazione Grosseto Cultura. Programma: dalle 18.00 alle 20.00: incontro propedeutico all?ascolto del concerto dell?Orchestra Città di Grosseto del 17 maggio ? Grosseto - Fortunatamente donna Ciclo di incontri sul tema delle Pari opportunità tra donne ed uomini organizzati dalla Provincia di Grosseto in collaborazione con la Consigliera di Parità dr.ssa Fulvia Perillo. Programma: ore 17:00 Pausa Eat, Via Manin, Grosseto Priscilla Occhipinti, imprenditrice: ?Valorizzazione della figura femminile nel mondo dell?imprenditoria? ? Montertondo M.mo - Concerto con la Scuola Primaria Teatro del Ciliegio ore 21 ? Orbetello - ?Feste di Maggio? Festeggiamenti civili e popolari in onore di San Biagio. Programma: dalle ore 17.00 alle ore 19.30 RITORNO DEGLI ORBETELLO GAMES (giochi a squadre fra rioni) presentati da Paolo Mastracca: Piazza Cortesini - Chiappa la mela; Davanti alla Chiesa di San Giuseppe - Mangia la torta; Via Furio Lenzi - Corsa degli insaccati a staffetta; Piazza del Popolo - Tiro alla fune | ore 21.30 Daniele Innocenti presenta MISS E MISTER IMMAGINE 2015 in Piazza Eroe dei Due Mondi ? Orbetello - Regata Nazionale di Vela Manifestazione velica classe Sunfish organizzata dalla Società Canottieri di Orbetello dalle ore 12.00 alle ore 16.00, presso i Canottieri (Laguna di Levante) (fino al 17 maggio) ? Orbetello - Inauditorium - Stagione Teatrale 2015 Cartellone di spettacoli promosso dal Comune di Orbetello (assessorato alla Cultura) presso l?Auditorium Comunale (Piazza della Repubblica), ore 21,15. Programma: Scarpe diem ? Compagnia Mattattori - Spettacolo conclusivo del laboratorio teatrale condotto da Irene Lizzulli per Costa d?Argento Danza. Info: tel. 0564 860447 - 338 1905259 ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: ore 21.00 ex Cinema FAR FINTA DI ESSERE GABER ? spettacolo teatrale-musicale dedicato a Giorgio Gaber con Cosimo Postiglione, Mirio Tozzini, Luca Pierini, musiche di Paolo Mari ? Santa Fiora - Stagione teatrale 2015 Cartellone di appuntamenti promosso dal Comune di Santa Fiora presso il Nuovo Teatro comunale di Santa Fiora in via San Rocco 13, ore 21. Programma: Musica: Beethoven Concerto dell?Orchestra Città di Grosseto. Info: 3403039334 ? Scansano - Il tè del venerdì in biblioteca Ciclo di incontri presso la biblioteca comunale A. Busatti. Programma: Mazzerbo, Catalano, Ne vale la pena con Daniela Conviti, Ricette di fresco. Info: 0564 507768, biblioteca@comune.scansano.gr.it Sabato 16 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?C?era una volta? mostra bici e abbigliamento d?epoca | Castiglione della Pescaia: 27° Edizione delle Finali Nazionali dei Giochi Sportivi Giovanili di Dama (Dama italiana e internazionale | Castiglione della Pescaia: 1° Open Internazionale d?Italia di dama inglese valevole per la EC 2015 | Castiglione della Pescaia: Visita guidata ?Castiglione della Pescaia e il suo centro storico? | Casa Mora (Riva del Sole): ?Europen Veterans Atlhetic Championships Non Stadia? | Vetulonia: Notte europea dei Musei (banchetto etrusco e serata di jazz al museo) | Punta Ala: Combinata Vela - Golf ?2° Trofeo Mare Terra Vita? | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): 2° edizione ?la Maremmana?, raduno di bici d?epoca valida come 3° tappa del Giro d?Italia d?epoca 2015 | Castiglione della Pescaia (lungomare Via Roma): Concorso di writers ?Una panchina per lo Sport? ? Follonica - Premio Nazionale di Poesia ?Cipressino i mErCatini ogni martedì, mercoledì, giovedì e sabato ? Grosseto MERCATINO DI CAMPAGNA AMICA FILIERA CORTA Mercato di prodotti locali da parte delle aziende agricole del territorio, promosso da Coldiretti. Location: ogni giovedì dalle ore 8.00 alle ore 13.00, nel Chiostro di San Francesco in Piazza San Francesco; ogni mercoledì e sabato dalle ore 8 alle ore 13 nel cortile del Sacro Cuore; ogni martedì e sabato dalle ore 8 alle ore 13 in via Roccastrada; ogni giovedì dalle ore 8 alle ore 13 presso il cortile della Chiesa del Cottolengo ogni martedì, giovedì e sabato ? Grosseto MERCATO CONTADINO DELLA MAREMMA Mercato rionale promosso da CIA GROSSETO, che offre al consumatore la possibilità di acquistare direttamente nel suo quartiere i prodotti tipici della maremma di alta qualità. Gli appuntamenti si svolgono il martedì a Barbanella (Parcheggio della Fondazione Il Sole in viale Uranio), il giovedì a Gorarella (piazza Donatello, tra via Giotto e Viale Michelangelo) e il sabato nel quartiere ?Cittadella? (parcheggio via Svizzeravia Repubblica Dominicana), sempre con orario 7.00-13.30. Info: tel. 0564462257 0564 452398 ogni giovedì ? Grosseto MERCATO SETTIMANALE DELLA CITTÀ Consueto mercato settimanale in via Ximenes e p.zza del Mercato - ore 7.30-13.30 2-3 / 16-17 maggio ? Orbetello ?ORBETELLO ANTIQUARIA? Mostra mercato del piccolo antiquariato, curiosità oggettistica varia e modernariato, per le vie del Centro storico. Orario: dalla mattina alla sera. Info: tel. 0564/860447 2-3 / 16-17 maggio ? Grosseto LO SBARAZZO Mercatino di antiquariato e collezionismo, in programma a Grosseto presso la piazzetta della Fondazione Il Sole ONLUS via Uranio 40 (zona Verde Maremma), ogni primo e terzo sabato e domenica del mese da settembre a maggio. La particolarità sta nel fatto che chiunque può partecipare. Info: tel. 380 1939415 3 / 17 maggio ? Grosseto LO SBARAZZO - DOMENICA A TEMA Domenica tema (libri il 3 e fumetti il 17) nella sala interna della Fondazione Il Sole ONLUS via Uranio 40 (zona Verde Marem- Orbetello ma), nell?ambito del mercatino di antiquariato e collezionismo, in programma presso la piazzetta della Fondazione. Info: tel. 380 1939415 3 maggio ? Marina di Grosseto 56° ESPOSIZIONE NAZIONALE CANINA Esposizione Nazionale Canina presso il Camping Village Cielo Verde di Marina di Grosseto. Info: tel. 0564 450440, web www.gruppocinofilogrossetano.it 7>10 maggio ? Castiglione della Pescaia CASTIGLIONDIPRIMAVERA Viaggio tra terra e mare alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche e artigianali del territorio arricchito da show cooking, spettacoli, attività e laboratori per grandi e piccini. 7>10 maggio ? Grosseto IL PIAZZALIBRI Festival del Libro e della Letteratura per bambini e ragazzi, alla quinta edizione, a cura del Comune di Grosseto presso il Cassero senese 10 maggio ? Grosseto FESTA DEGLI AMBULANTI A cura dell?ANVA in p.zza de Maria e p.zza Esperanto 16-17 maggio ? Marina di Grosseto MAREMMA ANTIQUARIA Mercatino delle cose antiche e meno antiche, numismatica, collezionismo e tante curiosità organizzato da Confesercenti, in via XXIV Maggio e via Cadorna. Info: tel. 0564.43881 23 maggio ? Grosseto ?L?ANGOLO DEL COLLEZIONISTA? ?Mercatino? del collezionismo per collezionisti e non?! organizzato da Siena ?90 in Piazza Dante. Info: tel. 0577 281619, sito Internet www.siena90.it 30-31 maggio ? Marsiliana (Manciano) 11° FIERA DELL?ORTOFRUTTA Tradizionale fiera dell?ortofrutta nell?ambito della 41esima edizione della Sagra della Fragola a cura della Pro Loco Marsiliana nel piazzale del Magazzino storico della Cooperativa Agricola. Info: 339 2357700, 329 9632081 30-31 maggio ? Porto Santo Stefano (Monte Argentario ) ?MERCATINO SUL MARE? Mercatino di antiquariato, artigianato e collezionismo, promosso (nell?ultimo weekend del mese) dall?Ass. Artingegno, con il patrocinio del Comune di Monte Argentario su Piazzale dei Rioni e sul Lungomare dei Navigatori (dalla mattina alla sera). Info: Pina tel. 339 6234723, Alessandro tel. 347 8709729, www.artingegno.biz 30 maggio>1 giugno ? Grosseto ?GAME FAIR GROSSETO 2015? Per il primo anno, Game Fair - manifestazione, dedicata a caccia, tiro sportivo, cinofilia e cavalli, organizzata dalla società GFI S.r.l. - si presenta nell?area fieristica del Madonnino presso il quartiere fieristico di Grossetofiere, nel cuore dello splendido scenario della Maremma toscana. Di contorno Game Fair proporrà oltre 250 tra appuntamenti, eventi e spettacoli interattivi ad appassionati delle discipline interessate, famiglie e cultori della vita all?aria aperta. Info: www.gamefairitalia.it 30 maggio>7 giugno ? Venturina Terme (Campiglia M.ma - Li) ?44 FIERA MOSTRA ECONOMICA COSTA TOSCANA? Fiera campionaria di artigianato, industria, agricoltura, commercio, presso i padiglioni espositivi della S.E.Fi. in via della Fiera 1. Orario: feriali 17-23; sabato e festivi 15-24. Info: 0565.852210, sito Internet www.sefifiere.it L?aGEnda ? 71 l?agenda l?agenda ?Grosseto 1951-2016: 64 anni in Giro in Bicicletta? Si intitola ?Grosseto 1951-2016: 64 anni in Giro in Bicicletta? ed è l?omaggio ? una bella mostra presso la Camera di Commercio dal 1 al 20 maggio ? dell?Archivio Fotografico dei fratelli Gori al passaggio del Giro d?Italia in Maremma. N ell?ambito delle iniziative organizzate dal Comune di Grosseto in occasione del passaggio del Giro d?Italia in Maremma l?Archivio Fotografico dei fratelli Gori allestisce presso la Camera di Commercio dal 1 al 20 maggio la mostra fotografica dal titolo ?Grosseto 1951-2016: 64 anni in Giro in Bicicletta?. L?esposizione presenta in ventiquattro pannelli le fatiche dei corridori impegnati nel ?Gran Premio Massaua ria la terza edizione della Massaua Fossati. Coppi e Bartali arrivarono distanziati di ben sei minuti. Zampieri apparteneva ad un ordine di ciclisti che adesso non esiste più: gli indipendenti, cioè una categoria intermedia tra i professionisti e i dilettanti. Gli indipendenti decidevano di sfidare le squadre dei campioni correndo da soli, e liberamente, le corse in linea più importanti, ma anche i grandi giri a tappe. Zampieri fu uno dei più forti e coraggiosi tra questi roman- Fossati?, una tappa in linea, promossa dalla città di Grosseto e proposta per quattro edizioni dal 1950 al 1953. L?edizione ripresa dai Fratelli Gori è, in massima parte, quella corsa l?8 maggio del 1952: a pochi giorni dall?inizio del Giro d?Italia, la corsa grossetana è un ideale banco di prova in cui i fuoriclasse ?affilano? le gambe in vista della grande corsa a tappe. Le foto ritraggono infatti i mitici eroi del ciclismo italiano e mondiale: Fausto Coppi e Gino Bartali, Fiorenzo Magni e Giuseppe Minardi immortalati sia in sella, sia alle prese con i rituali prima e dopo la corsa, come l?incontro con la stampa e il momento della punzonatura. In un cinegiornale dell?epoca, conservato dall?istituto Luce, viene ricostruita la battaglia sportiva a suon di pedali: mentre i campioni sonnecchiano ne approfitta Giacomo Zampieri, detto ?bombolo?, che scatta e vince in solita- tici rivali, un personaggio ed un atleta, oltre ad una coincidenza, che rendono ancora più simbolico e riuscito il tentativo di questa Mostra fotografica, che non è tanto quello di celebrare, ma di spostare l?attenzione partendo dallo scatto in bianco e nero per compiere un movimento sensibile verso la creazione di un significato altro: raccontare il ciclismo e le sue storie diviene il simbolo perfetto per riflettere sulla difficoltà di resistere e di combattere, sia collettivamente, come le squadre dei campioni, sia da soli, come gli indipendenti: ciò che una singola persona crea, ogni sua scelta, ogni sua azione, origina un cambiamento e quindi una differenza, una differenza sia in termini materiali che per altra gente. Cioè dà un esempio. Come ?bombolo? Zampieri. Come il lavoro di un fotografo. Come un uomo solo in fuga. Francesco Ciarapica 72 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 d?Oro? Cerimonia di premiazione dei vincitori del Premio Nazionale di Poesia denominato ?Cipressino d?Oro?, alla terza edizione, organizzato dal Kiwanis Club Follonica con il patrocinio della Provincia di Grosseto e del Comune di Follonica e di Massa Marittima, presso la Sala Tirreno a Follonica, Via Bicocchi, 53/a. Info: tel. 347 6754324 ? Grosseto - Enegan Grosseto Baseball Vs. Tonno Insuperabile Foggia Tredicesima e quattordicesima giornata del Campionato di Serie A Federale presso lo Stadio Roberto Jannella ore 15.30 e 20.30 ? Grosseto - La Scoperta del Naso Stages mensili sull?arte del clown a cura di Teatro Schabernack e Teatro Studio con Angelika Georg e Joerg Fischer del Teatro Schabernack presso lo Spazio72 in via Ugo Bassi, 72. Da ottobre 2014 a maggio 2015, un sabato al mese - ore 15.00-18.00. Info per conferme sulle date e iscrizioni: info@schabernack.it cell 333 5397672, teatrostudio@gmail.com cell. 392.0686787 ? Grosseto - Eventi al Museo 2015 Ciclo di iniziative culturali a cura del Museo di Storia Naturale della Maremma Strada Corsini, 5 Strada Corsini, 5. Programma: Notte dei musei - dalle 21.00 Laboratori didattici e visite guidate. Info: tel. 0564 488571, www.museonaturalemaremma.it ? Grosseto - Premio Monicelli in Arte - III edizione Rinnovando una tradizione ormai consolidata, il festival DiVino Commedia lascia ampio spazio all?arte contemporanea coinvolgendo Chiara Rapaccini. La terza edizione si concentrerà sulla street art, mezzo di riqualificazione sociale ed artistica nei quartieri di molte città italiane. Attraverso un bando, saranno selezionati di street artists di fama internazionale, che realizzeranno un progetto a tema monicelliano durante le settimane del festival. Il 16 maggio verrà inaugurato l?intervento di Street art che proseguirà nei giorni successivi. ? Grosseto - ?Festa di Primavera? Festa di Primavera a cura dell?UniTre Grosseto con ricco buffet c/o Fondazione il Sole, via Uranio, dalla ore 16, che conclude l?annata dei corsi 2014-2015 UniTre ? Montemerano (Manciano) - Accademia del libro di Montemerano Ciclo di incontri a cura dell?Accademia del Libro di Montemerano presso la Biblioteca di Storia dell?Arte (via del Bivio locali dell?ex asilo infantile). Programma: ore 17,30 I Luoghi dell?Utopia. Secondo incontro: Le città fantastiche. Letteratura e utopia. Conversazione di Laura Falqui ? Orbetello - ?Feste di Maggio? Festeggiamenti civili e popolari in onore di San Biagio. Programma: ore 18.00 TORTA CONTEST (gara di cake design con le mamme orbetellane) in Piazza del Plebiscito | ore 21.30 Glamour e divertimento con IL CIRCO ROSSO in Piazza Eroe dei Due Mondi ? Orbetello - Regata Nazionale di Vela Manifestazione velica classe Sunfish organizzata dalla Società Canottieri di Orbetello dalle ore 12.00 alle ore 16.00, presso i Canottieri (Laguna di Levante) (fino al 17 maggio) ? Massa Marittima - Eventi Maggio Calendario di iniziative a cura della Coop Colline Metallifere. Programma: ore 18 Complesso Museale San Pietro all?Orto Musica Medievale con Dolce Melus, degustazione di prodotti tipici, ingresso libero ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: V Torneo commemorativo ?La Miniera a Memoria? a cura della AS Dilettantistica Ribolla presso gli impianti sportivi ? Scansano - Festa di San Bernardino organizzata dalla Antica Contrada del Dentro domenica 17 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): ?C?era una volta? mostra bici e abbigliamento d?epoca | Castiglione della Pescaia: 27° Edizione delle Finali Nazionali dei Giochi Sportivi Giovanili di Dama (Dama italiana e internazionale | Castiglione della Pescaia: 1° Open Internazionale d?Italia di dama inglese valevole per la EC 2015 | Punta Ala: Combinata Vela - Golf ?2° Trofeo Mare Terra Vita? | Castiglione della Pescaia (Giornate in rosa): 2° edizione ?la Maremmana?, raduno di bici d?epoca valida come 3° tappa del Giro d?Italia d?epoca 2015 | Castiglione della Pescaia (lungomare Via Roma): Concorso di writers ?Una panchina per lo Sport? | Punta Ala: Escursione naturalistica di Nordic Walking | Vetulonia: Visita guidata ?Vetulonia e le sue necropoli etrusche? | PuntAla Camping Resort: Tappa di X - TRI Cross Triathlon ? Follonica - Karate Games Gara Provinciale a cura dell?A.S.D. Sport Karate Follonica, presso il Palagolfo, via Sanzio, 5. Info: Franco Fabbretti 328.4771262, skfollonica@libero.it ? Grosseto - Trekking Escursione di trekking a Cinigiano a cura della Lega Trekking USIP, ore 8,45 ? Grosseto - Trekking a Cala di Forno Gran finale calendario invernale dell?associazione Hakuna Matata con una specialissima visita a Cala di Forno ? Grosseto - Orchestra Sinfonica Città di Grosseto Stagione concertistica 2015 Rassegna concertistica promossa dall?Associazione Musicale Orchestra Città di Grosseto. Programma: ore 21 Teatro Industri Alfredo Sorichetti direttore - Xu Yue pianoforte. Musiche di L. v. Beethoven Concerto per pianoforte n.3 op.37, L. v. Beethoven Sinfonia n. 7. Info: tel. 0564 491805, www.orchestragrosseto.it ? Montertondo M.mo - Gita a Santa Croce Tradizionale passegiata e scampagnata alla Chiesa di S.Croce ? Orbetello - ?Feste di Maggio? Festeggiamenti civili e popolari in onore di San Biagio. Programma: ore 9.30 CORSA CICLISTICA SU STRADA ?MEMORIAL ANTONIO TONELLI? con partenza dal Duomo di Orbetello | ore 11.00 RADUNO per i sessant?anni della MITICA VESPA | dalle ore 16.30 alle ore 19.30 LABORATORIO PER BAMBINI in Piazza del Plebiscito | dalle ore 17.30 alle ore 18.30 ?CONCERTO LIRICO? DAL CLASSICO AL JAZZ? presso l?Auditorium (Piazza Giovanni Paolo II). Info e biglietti: 3892428801 | dalle ore 19.00 alle ore 20.00 Il ritorno alla TOMBOLATA IN PIAZZA in Piazza Eroe dei Due Mondi | ore 20.00 Saluto alle feste di Maggio con il LANCIO DEI PALLONCINI | dalle ore 21.00 alle ore 23.00 CONCERTO per il cinquantennale de GLI SPIANTATI in Piazza Eroe dei Due Mondi ? Orbetello - Regata Nazionale di Vela Manifestazione velica classe Sunfish organizzata dalla Società Canottieri di Orbetello dalle ore 12.00 alle ore 16.00, presso i Canottieri (Laguna di Levante) (fino al 17 maggio) ? Parchi e Musei della Val di Cornia ? aliMENTIamoci! - #laculturachesimangia ore 17 Museo archeologico del Territorio di Populonia AMICO MUSEO - ?L?alimentazione al tempo degli Etruschi?. Focus sul banchetto etrusco allestito nel Museo con la curatrice Cinzia Murolo e degustazione di vino. Info e prenotazioni: tel. 0565 226445 www.parchivaldicornia.it ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: V Torneo commemorativo ?La Miniera a Memoria? a cura della AS Dilettantistica Ribolla presso gli impianti sportivi ? Scansano - Festa di San Bernardino organizzata dalla Antica Contrada del Dentro Lunedì 18 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia (lungomare Via Roma): Concorso di writers ?Una panchina per lo Sport? martedì 19 maggio ? Manciano - Corso di formazione sul turismo Corso di formazione promosso dal Comune di Manciano aperto e gratuito rivolto a tutti gli operatori turistici della zona, composto da visite guidate e seminari. È possibile prenotarsi on line all?indirizzo www.mancianopromozione.com Programma: ore 15,00 Nuovo Cinema Moderno Manciano ? GESTIONE Seminario didattico su Gestione aziendale: politiche tariffarie e business plan. Tariffe con principi di revenue, budget e business plan di una struttura ricettiva. Relatore: Filippo Rossi mercoLedì 20 maggio ? Grosseto ? Assemblea Ordinaria dei Soci Assemblea Ordinaria dei Soci della Banca della Maremma presso la Fattoria La Principina ore 16.30 ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: ore 21.00 ex Cinema Porta del Parco Presentazione e letture incrociate dei libri ?Il dono di Celestina? di Anna Genni Miliotti e ?L?altra prigionia? di Laura Maggi gioVedì 21 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia: Premiazioni concorso Renzo Guidi ? Grosseto - Camminare sulle Mura Evento organizzato dal Comune di Grosseto in collaborazione con UISP Grosseto e Dritti alla Meta alle 15.30 con ritrovo in Piazza Dante. Un?ora di camminata sul Parco delle Mura Medicee. Per partecipare basta presentarsi senza prenotare. La partecipazione è gratuita, per eventuali informazioni tel UISP Grosseto 0564 417756 Venerdì 22 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello CastigliondiPrimavera, il buono e il bello danno spettacolo A Castiglione della Pescaia (Grosseto) torna CastigliondiPrimavera, un viaggio tra terra e mare alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche e artigianali del territorio. Dal 7 al 10 maggio uno dei più bei borghi della Costa del Tirreno si offrirà in una veste assolutamente inedita e speciale: il suggestivo lungomare ospiterà infatti un evento particolare che proporrà suoni, sapori e saperi della miglior tradizione toscana attraverso un mercato ?del bello e del buono? arricchito da show cooking, spettacoli, attività e laboratori per grandi e piccini. Ai piedi dell?antico castello medioevale, davanti ad uno dei mari più belli d?Italia, tanti banchi tutti uguali offriranno al visitatore una passeggiata indimenticabile che lo porterà alla scoperta del ?buono? ovvero le eccellenze enogastronomiche toscane (con particolare attenzione soprattutto a quelle locali) e del ?bello? che avrà come protagonista la grande arte orafa, il ricamo, la scultura, il lavoro artigianale del tessuto, cuoio, coltelleria, ceramica. In questo angolo di Toscana unico per la sua storia, per la natura incontaminata, per la qualità e lo stile di vita, l?evento di CastigliondiPrimavera quest?anno non poteva non ispirarsi al tema di EXPO 2015 ?Feed the planet/Nutrire il pianeta, energia alla vita?. Nei quattro giorni del mercato del bello e del buono, Castiglione della Pescaia offrirà ai suoi ospiti l?occasione di degustazioni e approfondimenti, incontri con chef e personaggi dello sport e della cultura per ribadire ancora una volta come la salute del corpo quella della mente siano strette da un unico filo. E per l?edizione 2015 CastigliondiPrimavera lancia il primo challenge fotografico: tutti gli appassionati potranno divertirsi a postare le proprie immagini usando #castigliondiprimavera. Tra tutte le foto pubblicate entro il 14 maggio 2015 verranno scelti i 3 scatti più originali. Le 3 foto da podio si alterneranno come immagine di copertina della pagina facebook di CastigliondiPrimavera. Il programma è in continuo aggiornamento su Facebook ?Castiglion di Primavera?, twitter @CastigliondPrim e Instagram CastigliondiPrimavera L?aGEnda ? 73 l?agenda Sport Castiglione della Pescaia: Campionato del Mondo vela classe Soling | Castiglione della Pescaia: Festa della birra ?Birra d?aMare - 2° edizione? | Punta Ala: Campionato Italiano di pesca ?Eccellenza Centro - Nord? | Punta Ala: Regata ?Trofeo Gavitello d?Argento 2015? (Monotipi) ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: ore 9.30 Sala ex Cinema ?Storia dell?industria mineraria italiana: giacimenti e vicende? conferenza di W. Scapigliati, in collaborazione con G. Pizzetti e S. Coppola | ore 21.00 Sala ex Cinema Proiezione del video ?Una miniera di ricordi? a cura dei Carbonari di Ribolla Sabato 23 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia: Campionato del Mondo vela classe Soling | Castiglione della Pescaia: Festa della birra ?Birra d?aMare - 2° edizione? | Punta Ala: Campionato Italiano di pesca ?Eccellenza Centro - Nord? | Punta Ala: Regata ?Trofeo Gavitello d?Argento 2015? (Monotipi) | Castiglione della Pescaia: Visita guidata ?Castiglione della Pescaia e il suo centro storico? | Punta Ala: Escursione naturalistica di Nordic Walking | Castiglione della Pescaia: Fuochi d?artificio piromusicali | Punta Ala: Finale Nazionale Golf ?XXIII° Trofeo Argenterie Boschi 2015? | Casa Mora (Riva del Sole): Trofeo Calcio Umberto Ciabatti | Castiglione della Pescaia: 2° Raduno Nazionale ?La Maremmana? in Vespa? ? Grosseto - Eventi al Museo 2015 Ciclo di iniziative culturali a cura del Museo di Storia Naturale della Maremma Strada Corsini, 5 Strada Corsini, 5. Programma: Incontro di Citizen Science - ore 16.30 Riconoscere i pesci delle aree umide. Paolo Fastelli (MSNM). Incontro a pagamento, gratuito per i soci di Fondazione Grosseto Cultura. Info: tel. 0564 488571, www.museonaturalemaremma.it ? Massa Marittima - Eventi Maggio Calendario di iniziative a cura della Coop Colline Metallifere. Programma: ore 16 Complesso Museale san Pietro all?Orto ?L?alimentazione nel Medioevo?. Laboratorio per bambini. Ingresso libero. Prenotazione obbligatoria tel. 0566 902289, info@coopcollinemetallifere.it | ore 16.30 ?Viviamo i Terzieri? visita guidata all?interno delle sedi dei terzieri e cena nel terziere. Costo: ? 25 a persona. Prenotazione obbligatoria tel. 0566/902289. ? Montemerano (Manciano) - Cartoon School ?Aspettando Cartoon Village 2015? Mostra dei lavori degli studenti presso il Castello nell?ambito del progetto nato in seno al fortunatissimo festival dedicato al mondo dell?animazione e del fumetto, Cartoon Village, ideato e realizzato dall?associazione culturale Cartoon Village e promosso dal Comune di Manciano ? Orbetello - ?Feste di Maggio? Festeggiamenti civili e popolari in onore di San Biagio. Programma: ore 10.30 L?Associazione Legalmente organizzerà una CAMMINATA in memoria della STRAGE DI CAPACI e, nell?occasione, si terrà un APPROFONDIMENTO STORICO sull?AREA ARCHEOLOGICA ALL?NTERNO DELLA RISERVA NATURALE DELLA FENIGLIA. Pranzo al sacco Partenza dalla Loc. Cameretta (Orbetello Scalo) | ore 21.00 Il Gruppo Storico Reali Presidi di Orbetello rappresenta ?UN PROCESSO INQUISITORIO PER UNA ACCUSA DI ERESIA? in Piazza Eroe dei Due Mondi ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: V Torneo commemorativo ?La Miniera a Memoria? a cura della AS Dilettantistica Ribolla presso gli impianti sportivi ? Scansano - Amico Museo Museo Archeologico e della Vite e del Vino ore 17,00 Archeovino: dalla vite silvestre al Morellino di Scansano ? Sovana (Sorano) - ?Il culto di San Gregorio VII a Sovana? Calendario di iniziative nel contesto della mostra ?Il culto di San Gregorio VII a Sovana? a sua volta inserita nell?ambito del programma toscano di celebrazioni del IX Centenario della morte della Contessa Matilde di Canossa, a cura del Comune di Sorano e dell?Associazione SovanAperta. Programma: Mostra documentale sul gemellaggio Sova- 74 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 na-Canossa, voluto da don Pierluigi Mattei, con relazione della dr.ssa Silvia Zucchi domenica 24 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia: Campionato del Mondo vela classe Soling | Punta Ala: Regata ?Trofeo Gavitello d?Argento 2015? (Monotipi) | Casa Mora (Riva del Sole): Trofeo Calcio Umberto Ciabatti | Castiglione della Pescaia: 2° Raduno Nazionale ?La Maremmana? in Vespa? | Vetulonia: Laboratorio didattico: banchettare con gli etruschi | Castiglione della Pescaia: Torneo giovanile di calcio ?Highlander Cup? | Vetulonia: Visita guidata ?Vetulonia e le sue necropoli etrusche? | Punta Ala: 34° settimana del Golf ?Gallia Palace open - Relais & Chateaux? ? Massa Marittima - 114° Balestro del Girifalco Disfida tra i tre terzieri cittadini Cittanuova, Cittavecchia e Borgo nella Piazza del Duomo di Massa Marittima. ? Massa Marittima - Eventi Maggio Calendario di iniziative a cura della Coop Colline Metallifere. Programma: ore 10-11-12 ?I cunicoli delle fonti?, visita all?interno dei cunicoli delle fonti dell?abbondanza in collaborazione con il gruppo speleologico di Massa Marittima. ? 5 a persona. Prenotazione obbligatoria 0566 902289. Necessario munirsi di stivali di gomma | ore 17.30 Piazza Garibaldi 114° Balestro del Girifalco Corteo Storico e gara di tiro con la balestra fra i Terzieri di Massa Marittima. Costo: ? 18 ingresso in tribuna, ? 8 ingresso in Piazza. Prenotazione posto in tribuna 0566/902289 ? Orbetello - ?Feste di Maggio? Festeggiamenti civili e popolari in onore di San Biagio. Programma: dalle ore 16.00 alle ore 21.00 RADUNO BANDISTICO ?Iª FESTA DELLA MUSICA? partenza da Piazza Cortesini ? Parchi e Musei della Val di Cornia ? aliMENTIamoci! - #laculturachesimangia ore 17 Museo del Castello e delle Ceramiche Medievali AMICO MUSEO ?L?alimentazione ? al tempo della Guerra?. Presentazione del libro ?La Resistenza in cucina? di Roberta Pieraccioli e degustazione. Info e prenotazioni: tel. 0565 226445 www.parchivaldicornia.it ? Puntone di Scarlino - ?Corri nella Maremma? Trofeo di podismo promosso dalla Provincia di Grosseto con la collaborazione di Uisp e della Fondazione italiana atletica leggera, per valorizzare le principali manifestazioni podistiche presenti sul territorio provinciale e contribuire alla promozione delle località che le ospitano. Gara: Cala Violina Run Race. Ora: 9.30. Località: Puntone di Scarlino (GR). Ritrovo: ore 8.00, Porto del Puntone di Scarlino (GR). Chilometri: 12. Organizzatore: SBR3. Info: www.corrinellamaremma.it ? Sovana (Sorano) - ?Il culto di San Gregorio VII a Sovana? Calendario di iniziative nel contesto della mostra ?Il culto di San Gregorio VII a Sovana? a sua volta inserita nell?ambito del programma toscano di celebrazioni del IX Centenario della morte della Contessa Matilde di Canossa, a cura del Comune di Sorano e dell?Associazione SovanAperta. Programma: Corteo storico a cavallo nel nome di Matilde e di Gregorio VII - Inaugurazione della Mostra ?Il culto di San Gregorio VII a Sovana? e relazione del prof. Angelo Biondi. A seguire concerto del Coro ?I Quiricanti? nella Cattedrale di Sovana ? Sticciano Scalo (Roccastrada) - Maggerini a Sticciano A cura della Pro Loco Sticciano. Info: Lorenza Paris tel. 329 0069230, lorenzaparis@hotmail.it Lunedì 25 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia: Campionato del Mondo vela classe Soling | Punta Ala: 34° settimana del Golf ?Gallia Palace open - Relais & Chateaux? ? Grosseto ? Corso di Fotografia Corso di fotografia promosso dall?Associazione Fotografica Riflessi presso la nuova sede di Gorarella, dalle ore 21 alle 23. Relatore Federico Giussani. Programma: Obbiettivi e composizione ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: ore 14.30 piazza della Paga ?C?era una volta un villaggio minerario... e...? Festa di piazza con giochi tradizionali, staffette (progetto nazionale Sport di Classe CONI - MIUR - CIP), quadri di vita. In collaborazione con la Scuola primaria di Ribolla e le associazioni Auser Ribolla, Comitato Festeggiamenti, Improvvisar Cantando ? Sovana (Sorano) - ?Il culto di San Gregorio VII a Sovana? Calendario di iniziative nel contesto della mostra ?Il culto di San Gregorio VII a Sovana? a sua volta inserita nell?ambito del programma toscano di celebrazioni del IX Centenario della morte della Contessa Matilde di Canossa, a cura del Comune di Sorano e dell?Associazione SovanAperta. Programma: (festa di San Gregorio VII) - Conferenza del prof. Domenico Maselli sulla figura di papa Gregorio VII | Santa Messa solenne nella Cattedrale di Sovana e breve presentazione della Mostra sul culto del Santo Pontefice a cura del prof. Angelo Biondi martedì 26 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia: Campionato del Mondo vela classe Soling | Punta Ala: 34° settimana del Golf ?Gallia Palace open - Relais & Chateaux? ? Grosseto - I segni dell?Arte 2014 Ciclo di appuntamenti sull?arte e sugli artisti del XX secolo a cura dello Studio Artisteggiando, via Sauro 64/b. 18.3019.30 Teoria 20.30-21.30 Pratica. Programma: De Chirico II incontro. Info: 0564 25840 ? 349 8307895 ? Manciano - Corso di formazione sul turismo Corso di formazione promosso dal Comune di Manciano aperto e gratuito rivolto a tutti gli operatori turistici della zona, composto da visite guidate e seminari. È possibile prenotarsi on line all?indirizzo www.mancianopromozione.com Programma: ore 15,00 Nuovo Cinema Moderno Manciano ? DISTRIBUZIONE Seminario didattico su Distribuzione dei servizi turistici nell?era di internet: intermediazione consapevole e vecchi strumenti. Content radar. Distribuzione: pacchetti, ota, email, telefono e reputation. Relatore: Robi Veltroni mercoLedì 27 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia: Campionato del Mondo vela classe Soling | Punta Ala: 34° settimana del Golf ?Gallia Palace open - Relais & Chateaux? | ?Settimana della Bellezza? in collaborazione con Legambiente e il ?Club delle Vele? | Castiglione della Pescaia: ?30° Anniversario della scomparsa di Italo Calvino?. Premiazione concorso scuole elementari. gioVedì 28 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Castiglione della Pescaia: Campionato del Mondo vela classe Soling | Punta Ala: 34° settimana del Golf ?Gallia Palace open - Relais & Chateaux? | ?Settimana della Bellezza? in collaborazione con Legambiente e il ?Club delle Vele? ? Grosseto - Camminare sulle Mura Evento organizzato dal Comune di Grosseto in collaborazione con UISP Grosseto e Dritti alla Meta alle 15.30 con ritrovo in Piazza Dante. Un?ora di camminata sul Parco delle Mura Medicee. Per partecipare basta presentarsi senza prenotare. La partecipazione è gratuita, per eventuali informazioni tel UISP Grosseto 0564 417756 ? Grosseto - In viaggio con l?archeologia Itinerari originali e poco conosciuti. Calendario di iniziative a cura dell?Associazione Archeologica Maremmana. Programma: Grosseto ? Sala della Provincia - Piazza Dante ore 16,00 Conferenza: ?Note di storia del territorio costiero tirrenico e delle sue infrastrutture stradali e marittime?. Relatore: Antonio Ludovico (Segretario del Forum Rotariano della Fascia costiera tirrenica e del Mar di Sardegna). Info: tel. 0566 88243, cell. 349 7749835 ? Grosseto - ?Capire l?arte contemporanea? Ciclo di incontri dedicati all?arte contemporanea organizzato dalla Fondazione Grosseto Cultura e dal Cedav - Centro Documentazione Arti Visive del Comune di Grosseto. Programma: ore 10.30 e in replica ore 17.30 Liceo artistico - TEST facoltativo per il rilascio dell?attestato. Info: Fondazione Grosseto Cultura, tel. 0564.453128 - Cedav Comune di Grosseto tel. 0564.488547 ? Grosseto - Premio Mario Monicelli: Webseries LE mostrE Nella foto ?La nave del poeta? opera di Gianni Bruni, in mostra dall?8 al 31 maggio a Porto Santo Stefano presso la Galleria Artemare IN CORSO > fino a domenica 3 maggio (dal 18 aprile) ? Grosseto ?PROMENADE ? PASSEGGIANDO LA TOSCANA? Mostra personale della pittrice di origine canadese Celine Ouimet presso la Sala d?Arte Pascucci ? Galleria Modigliani in piazza Valeri 3. Inaugurazione sabato 18 aprile ore 18.00. Apertura: tutti i giorni 14.30-19.30. Info: 339 2994381 > fino a domenica 3 maggio (dal 24 aprile) ? Sorano MAREMMARTEXPÒ Mostra Internazionale d?Arte Contemporanea organizzata dall?AGAF Associazione Grossetana Arti Figurative presso i locali del Cortilone nel Borgo Antico della Città di Sorano. Info: tel. 3384763375 > fino a domenica 3 maggio (dal 4 aprile) ? Capalbio PHC 2015: THIS LAND IS OUR LAND Settima edizione per il PhC ? Capalbio Fotografia, festival prodotto da Maria Concetta Monaci presso Il Frantoio con la direzione artistica di Marco Delogu. Edizione 2015 a cura di Marco Delogu e Flavio Scollo > fino a domenica 17 maggio (dal 18 aprile) ? Follonica ?TROFEO CITTÀ DI FOLLONICA 2015? Mostra delle immagini dei partecipanti al concorso fotografico nazionale patrocinato FIAF organizzato dal Fotoclub Follonica BFI presso la Pinacoteca Civica di Follonica. Info: www.fotoclubfollonica.com > fino a domenica 31 maggio 2015 (dal 17 ottobre) ? Massa Marittima LA COLOMBA RITROVATA. UN VIAGGIO INEDITO NELLA MAESTÀ DI AMBROGIO LORENZETTI Mostra dedicata alla Maestà di Ambrogio Lorenzetti, presso il Complesso Museale di San Pietro all?Orto. Orario di apertura: 1113 / 15-17. Giorno di chiusura: lunedi. Info: tel. 0566 902289 > fino a domenica 31 maggio ? Grosseto UN SECOLO IN FOTO Il patrimonio fotografico storico del Comune di Grosseto (dal 1865 al 1965) in mostra presso la Biblioteca Chelliana di via Bulgaria > fino a domenica 30 agosto (dal 28 marzo) ? Pitigliano GIOBBE. LA NOTTE E IL SUO SOLE Mostra realizzata secondo il format ideato e collaudato dalla Fondazione Credito Bergamasco con opere di Francesco Betti presso il Museo di Palazzo Orsini. Info: www.palazzo-orsini-pitigliano.it o la pagina facebook Palazzo Orsini - www.fondazionecreberg.it INIZIANO 1>20 maggio ? Grosseto ?GROSSETO 1951-2015, 64 ANNI IN GIRO IN BICICLETTA? Mostra fotografica a cura dell?Archivio FotoGori nella sala contrattazioni CCIAA nell?ambito delle iniziative organizzate e coordinate dal Comune di Grosseto in occasione del passaggio del Giro d?Italia 4>15 maggio ? Grosseto ?I LUOGHI DEL GIRO? Mostra fotografica nella Chiesa dei Bigi nell?ambito delle iniziative organizzate e coordinate dal Comune di Grosseto in occasione del passaggio del Giro d?Italia 8>31 maggio ? Porto Santo Stefano ?PITTURE D?ACQUA E DI PORTI, DI AZZURRI E FAVOLE DEL MARE OMAGGIO A GIANNI BRUNI? Mostra che vede esposta una collezione di opere del maestro, scomparso venti anni fa a Positano, alla galleria ARTEMARE di Porto Santo Stefano, in corso Umberto 75-77. Orario: tutti i giorni tranne festivi con orario 10-13 e 16-20. Entrata libera. Info: tel. 339 6930708 - 0564 810336. 12>17 maggio ? Grosseto ?GROSSETO AL GIRO? Collettiva degli allievi del liceo artistico Grosseto presso la Galleria eventi Grosseto nell?ambito delle iniziative organizzate e coordinate dal Comune di Grosseto in occasione del passaggio del Giro d?Italia 15>24 maggio ? Grosseto MARIO JANNITTI Mostra personale di Mario Jannitti a cura dell?Associazione Primavera Maremmana presso la Galleria Pascucci/Modigliani in piazza Valeri 3. Inaugurazione venerdì 15 maggio ore18.00 ? drink. Apertura 10-13 / 17-20. Info 338 9683368 24 maggio>ottobre ? Sovana (Sorano) ?IL CULTO DI SAN GREGORIO VII A SOVANA? Mostra allestita presso la Cattedrale di Sovana in occasione della festa del Santo Pontefice sovanese, in relazione alle celebrazioni del IX Centenario della morte della Contessa Matilde di Toscana, fedele alleata di Gregorio VII, presso cui si svolse nel castello di Canossa il celebre episodio dell?umiliazione dell?Imperatore Enrico IV dopo la scomunica lanciatagli dal Papa. 28 maggio>7 giugno ? Grosseto MASSIMO VANNOZZI Mostra fotografica di Massimo Vannozzi a cura dell?Associazione Primavera Maremmana presso la Galleria Pascucci/Modigliani in piazza Valeri 3. Inaugurazione giovedì 28 maggio ore 18.00 30 maggio>14 giugno ? Grosseto ?PRIMAVERA MAREMMANA? Rassegna d?arte contemporanea alla 40esima edizione negli stand allestiti nel cuore del Centro Storico in Piazza Dante Alighieri a cura dell?Associazione Primavera Maremmana 30 maggio>19 giugno ? Orbetello PRIMAL ENERGY Mostra delle opere dei venti finalisti partecipanti al Premio Internazionale ideato da Gad Factory e organizzato in collaborazione con Comune di Orbetello, Provincia di Grosseto e Regione Toscana alla Polveriera Guzman L?aGEnda ? 75 l?agenda il pittore naif Loreno martellini espone a Grosseto ?Spectaculum, arte e spettacolo? è il let motiv della mostra di dipinti ad olio dell?artista Loreno Martellini che verrà inaugurata sabato 16 maggio alle ore 18 presso la Chiesa dei Bigi, in via Vinzaglio N on servono pinne e occhiali per tuffarsi nel mondo fantasioso del pittore naif Loreno Martellini. Una bella occasione per entrare in contatto con le particolari opere dell?artista maremmano è offerta dalla mostra dal titolo ?Spectaculum, arte e spettacolo? promossa dall?assessorato alla cultu- per tutti i giovani alunni di partecipare ad un?iniziativa di rilievo. Proprio per questo l?amministrazione comunale ha deciso di offrire agli Istituti scolastici la possibilità di prenotare eventuali visite guidate durante l?orario scolastico su richiesta al Servizio Cultura concordando gli orari al numero di tel. 0564 Loreno Martellini ra del Comune di Grosseto che sarà inaugurata sabato 16 maggio alle ore 18 presso la Chiesa dei Bigi, in via Vinzaglio luogo di grande spessore storico e simbolico della città di Grosseto e frequentemente utilizzata come cuore di significativi eventi culturali. L?esposizione è incentrata su una serie di dipinti ad olio che illustrano aneddoti, canzoni, films e artisti circensi con lo stile inconfondibile del pittore sicuramente allineato al filone naif. Ogni quadro è stato ispirato dal mondo dello spettacolo in ogni sua forma: per esempio dal famoso film di Mario Monicelli scaturisce il duello tra Brancaleone da Norcia e un cavaliere errante, dalla canzone di Francesco De Gregori viene fuori la donna cannone; altre fonti d?ispirazione sono la famosa sfida tra Buffalo Bill e i butteri maremmani o ancora la storia di Palla di Neve, ecc. Per lo spirito artistico del pittore e per i particolari contenuti presentati nei suoi lavori, che inquadrano sempre la Maremma come sfondo storico e culturale delle rappresentazioni sceniche, la mostra si delinea come un?opportunità 76 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 488796 o all?indirizzo mail info.cultura@comune.grosseto.it Nell?occasione del vernissage interverrà la pittrice Anna Mannella che presenterà le opere di Martellini. Farà seguito una coinvolgente esibizione della Compagnia teatrale Shabernack. La mostra potrà quindi essere visitata fino a a domenica 24 maggio, tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 20. Loreno Martellini è nato a Sticciano (Grosseto), ha esposto in mostre personali e rassegne d?arte, collettive nazionali e internazionali. Ecco come lo presenta la critica d?arte Giuseppina Scotti: «Autodidatta, dipinge soggetti semplici, scaturiti dalla pura fantasia, altre volte con una punta di realtà, ma sempre immersi nel suo mondo semplice e pulito. Pittura sicuramente allineata nel filone naif, anche se molto personalizzata... Quadri d?immediata lettura, carichi di un soffuso intimismo... e lirismo immaginativo... Un accavallarsi di ritmi contenuti e perpetuanti, un modo di esprimersi coinvolgente e puro. Pittore che risulta essere d?animo sensibile, artista di intuitivo anelito e garbato propositore del suo ritrarre artistico». Festival made in Italy. Quel che sul fronte della commedia si muove on line ? prima edizione (fino al 30 maggio). Venerdì 29 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Punta Ala: 34° settimana del Golf ?Gallia Palace open Relais & Chateaux? | ?Settimana della Bellezza? in collaborazione con Legambiente e il ?Club delle Vele? | Castiglione della Pescaia: Inaugurazione mostra sui diritti civili ?Premio Shakarov? ? Alberese (Grosseto) - I Luoghi Del Tempo Suoni, Storie e Sapori in Maremma. Programma: Alberese (Granaio Lorenese) ore 19,00 La banda di Bacco: ?Titani, contadini e pescatori? (concerto); ore 20,00 Degustazione prodotti locali a cura di Slow food Grosseto. Ingresso gratuito | prenotazione obbligatoria (posti limitati). Info/Prenotazioni: tel. 0566 52012 ? Grosseto - Premio Mario Monicelli: Webseries Festival made in Italy. Quel che sul fronte della commedia si muove on line ? prima edizione (fino al 30 maggio). ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: ore 21.00 Sala ex Cinema ?RIBOLLA: RICORDI ED EMOZIONI? Spettacolo della Compagnia dell?Anello a cura di Norberto Sabatini Sabato 30 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Punta Ala: 34° settimana del Golf ?Gallia Palace open Relais & Chateaux? | ?Settimana della Bellezza? in collaborazione con Legambiente e il ?Club delle Vele? | Castiglione della Pescaia: Visita guidata ?Castiglione della Pescaia e il suo centro storico? | Punta Ala: Trofeo di vela ?151 miglia? | Castiglione della Pescaia: Saggio Scuola di Musica, anno accademico 2014-2015 | Castiglione della Pescaia: Manifestazione internazionale ?Kite e Sup Festival? | PuntAla Camping Resort: Campionato Italiano Catamarani classe Formula 18 | Castiglione della Pescaia: Torneo Internazionale Beach Tennis 2015 ? Follonica - Campo Scuola Atletica Giornata conclusiva SportAmico ? Follonica - XeniAbilia Due giornate di eventi, manifestazioni ed esibizioni sportive nel segno dell?accessibilità universale ? Follonica - Campionato Nazionale Classe S ?Trofeo Marcello Gavazzi? Manifestazione velica a cura del CNF - GDV LNI Follonica (fino al 1 giugno) ? Grosseto - Enegan Grosseto Baseball Vs. Rams Viterbo Prima e seconda giornata del girone di ritorno del Campionato di Serie A Federale presso lo Stadio Roberto Jannella ore 15.30 e 20.30 ? Grosseto ? La voce di ogni strumento? Stagione musicale alla quarta edizione organizzata dal Reggimento Savoia Cavalleria 3° con il patrocinio di Comune di Grosseto, Fondazione Grosseto Cultura e Club Lions ?Aldobrandeschi? di Grosseto, con la direzione artistica di M° Gloria Mazzi, presso il Reggimento ?Savoia Cavalleria 3°? in via Senese, 191 a Grosseto. Programma: ore 21.15 Cattedrale di San Lorenzo ORCHESTRA DA CAMERA ?C.CAVALIERI? Concerto in memoria di Carlo Cavalieri nel 35° anniversario dalla sua scomparsa. Ingresso ad offerta. Info e prenotazioni: Chiara Ghilardi cell. 345.1672770 ? Grosseto - ?Game Fair Grosseto 2015? Per il primo anno, Game Fair - unico esempio di festa campestre in Italia - si presenta nell?area fieristica del Madonnino presso il quartiere fieristico di Grossetofiere, nel cuore dello splendido scenario della Maremma toscana. ? Grosseto - Game Fair Italia Manifestazione dedicata a caccia, tiro sportivo, cinofilia e cavalli, organizzata dalla società GFI S.r.l., nell?area della Fiera del Madonnino in località Braccagni, nel cuore della Maremma Toscana. Durante i tre giorni (fino al 1° giugno) Game Fair proporrà oltre 250 tra appuntamenti, eventi e spettacoli interattivi ad appassionati delle discipline interessate, famiglie e cultori della vita all?aria aperta. ? Grosseto - Premio Mario Monicelli: Webseries Festival made in Italy. Quel che sul fronte della commedia si muove on line ? prima edizione (fino al 30 maggio). ? Massa Marittima - Eventi Maggio Calendario di iniziative a cura della Coop Colline Metallifere. Programma: ore 16 Museo Archeologico ?La ceramica Etrusca?. Laboratorio per bambini. Ingresso libero. Prenotazione obbligatoria 0566 902289 ? Montepescali (Grosseto) - XXI Premio Nazionale di Poesia ?Dino Bavona? Cerimonia di premiazione dei vincitori del XXI Premio Nazionale di Poesia ?Dino Bavona? - Montepescali: ?Poesia e musica tra le antiche torri?, organizzato dal Circolo Culturale Montepescali nella chiesa di San Niccolò alle ore 21,00 ? Parchi e Musei della Val di Cornia ? aliMENTIamoci! - #laculturachesimangia Parco archeominerario di San Silvestro AIPAI ?Giornata delle miniere? | Parco Archeologico di Baratti e Populonia - International Urban Sketching marathon. Raduno e workshop di sketchers organizzato da BACO e ADV Autori Diari di Viaggio in collaborazione con Parchi Val di Cornia. Info e prenotazioni: tel. 0565 226445 www.parchivaldicornia.it ? Porto Santo Stefano - Campionato Nazionale DOne Manifestazione velica a cura dello Yacht Club Santo Stefano nelle acque della Costa d?Argento (fino al 1° giugno). Info: tel. 320 0605827, www.ycss.it ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: ore 18.00 Museo di storia naturale P.zza della Palma ? Grosseto ?LA LEGGENDA DEGLI ALBERI NERI? - Rappresentazione con gli studenti della scuola elementare di Ribolla ? Scarlino - I Luoghi del Tempo Suoni, Storie e Sapori in Maremma. Programma: Scarlino (necropoli di Poggiotondo) ore 18,00 Passeggiata ?Vacanze in Maremma? con Anna Meacci (attrice), Simona Rafanelli (direttore Museo Archeologico di Vetulonia), Alberto Severi (giornalista); ore 19,00 Degustazione prodotti locali; ore 19,30 Concerto Teho Teardo (chitarra, electronics), Elena De Stabile (violino), Stefano Azzolina (viola). Ingres- so gratuito | prenotazione obbligatoria (posti limitati). Info/Prenotazioni: tel. 0566 52012 domenica 31 maggio ? Castiglione della Pescaia ? Giornate Europee dello Sport Punta Ala: 34° settimana del Golf ?Gallia Palace open Relais & Chateaux? | ?Settimana della Bellezza? in collaborazione con Legambiente e il ?Club delle Vele? | Punta Ala: Trofeo di vela ?151 miglia? | Castiglione della Pescaia: Saggio Scuola di Musica, anno accademico 2014-2015 | Castiglione della Pescaia: Manifestazione internazionale ?Kite e Sup Festival? | PuntAla Camping Resort: Campionato Italiano Catamarani classe Formula 18 | Castiglione della Pescaia: Torneo Internazionale Beach Tennis 2015 | Castiglione della Pescaia: Visita guidata ?Area umida Diaccia Botrona? | Vetulonia: Laboratorio didattico: in cucina con gli etruschi | Castiglione della Pescaia: Meeting Internazionale di Atletica Leggera ? Follonica - XeniAbilia Due giornate di eventi, manifestazioni ed esibizioni sportive nel segno dell?accessibilità universale ? Follonica - Regata Nazionale Classe Vaurien e Campionato Nazionale Classe ISO Manifestazione velica a cura del CNF - GDV LNI Follonica ? Follonica - Campionato Nazionale Classe S ?Trofeo Marcello Gavazzi? Manifestazione velica a cura del CNF - GDV LNI Follonica (fino al 1 giugno) ? Grosseto - Maremma Magnalonga 2015 Ciclo di escursioni nel territorio della Provincia di Grosseto per conoscere i prodotti tipici e tradizioni legate ai luoghi di origine a cura dell?associazione Terramare. Programma: Trekking granitico, Isola del Giglio - ore 8.00 imbarco P. Santo Stefano (full day) costo aggiuntivo di circa 28 euro per biglietto traghetto A/R. Info: 340 2600957 ? 338 1784255 ? 328 4211416 ? Grosseto - Game Fair Italia Manifestazione dedicata a caccia, tiro sportivo, cinofilia e cavalli, organizzata dalla società GFI S.r.l., nell?area della Fiera del Madonnino in località Braccagni, nel cuore della Maremma Toscana. Durante i tre giorni (fino al 1° giugno) Game Fair proporrà oltre 250 tra appuntamenti, eventi e spettacoli interattivi ad appassionati delle discipline interessate, famiglie e cultori della vita all?aria aperta. ? Massa Marittima - Eventi Maggio Calendario di iniziative a cura della Coop Colline Metallifere. Programma: ore 10 ?Massa sottosopra?, visita guidata a Galleria Giulia, in collaborazione con il gruppo speleologico di Massa Marittima. Costo: ? 5 a persona. Prenotazione obbligatoria tel. 0566 902289, info@coopcollinemetallifere.it ? Parchi e Musei della Val di Cornia ? aliMENTIamoci! - #laculturachesimangia dalle 11.00 alle 20.00 Parco archeominerario di San Silvestro AMICO MUSEO ?Festa del Buonvivere?. La manifestazione, organizzata in collaborazione con Slow Food Condotta Costa degli Etruschi, vedrà coinvolti i produttori del territorio e le aziende agricole. Durante la giornata sono previsti un laboratorio sulla panificazione a cura di Claudio Pozzi e passeggiate botaniche con laboratorio sulle erbe alla Rocca di San Silvestro. L?evento avrà anche il suo tocco di folklore grazie ai canti dei Maggerini | Parco Archeologico di Baratti e Populonia - International Urban Sketching marathon. Raduno e workshop di sketchers organizzato da BACO e ADV Autori Diari di Viaggio in collaborazione con Parchi Val di Cornia. Info e prenotazioni: tel. 0565 226445 www.parchivaldicornia.it ? Porto Santo Stefano - Campionato Nazionale DOne Manifestazione velica a cura dello Yacht Club Santo Stefano nelle acque della Costa d?Argento (fino al 1° giugno). Info: tel. 320 0605827, www.ycss.it ? Ribolla (Roccastrada) - La Miniera a Memoria Celebrazioni del 61° anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, organizzati dal Comune di Roccastrada Ex Cinema, Porta del Parco. Programma: ore 10.30 Ribolla corsa podistica trofeo ?la Miniera a Memoria? 10 Km ? Sticciano Scalo (Roccastrada) - Mostra canina A cura della Pro Loco Sticciano. Info: Lorenza Paris tel. 329 0069230, lorenzaparis@hotmail.it L?aGEnda ? 77 le rubriche le rubriche c?è DA veDere | Perle e itinerari da scoprire in terra di Maremma seggiano, incantevole borgo sulle pendici del monte amiata Arte, architettura, natura ed enogastronomia. È ciò che offre al visitatore il piccolo borgo di Seggiano sulle pendici del Monte Amiata, un luogo incantevole e carico di storia (da visitare in qualunque periodo dell?anno) che ha fatto dell?olio il simbolo dell?enogastronomia autoctona. Senza dimenticare che la vetta Amiata è davvero vicina e merita un?ulteriore escursione di FranCesCa Costagliola Seggiano 78 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 aPPuntamenti fissi e sezioni tematiche ?Amiata pullula di luoghi incantati, di piccoli paesi pregni di storia e dal grande fascino. Uno di questi è sicuramente Seggiano. Immerso tra boschi di olivi e castagni, il delizioso borgo ha da sempre rappresentato un luogo strategico, ubicato tra il monte Amiata ed il territorio senese. Ricco di testimonianze artistiche e del passato, fiero delle proprie tipicità e del turismo consapevole che visita il paese per riscoprire le autenticità di un luogo in cui il tempo sembra essersi fermato, Seggiano è noto per varie cose ed in primis per l?olio. Qui si produce l?olivastra seggianese, una varietà di olivo particolarmente pregiata. Per la sua tutela è nato il Consorzio dell?Olivastra Seggianese, che ha avanzato la richiesta della certificazione DOP, con lo scopo di valorizzare il prodotto e garantirne la qualità e la specificità. I comuni interessati dalla certificazione DOP sono: Seggiano, Casteldelpiano, Arcidosso e in parte i comuni di Cinigiano, Santa Fiora, Roccalbegna e Semproniano. È qui che si sviluppa da secoli la coltivazione dell?olivastra, la cui presenza è legata a particolari fattori climatici e di altitudine; cresce infatti tra 200 e 500 metri sopra il livello del mare ed è molto resistente alle basse temperature. Dall?olivastra si ricava un olio dal profumo fruttato leggero e dal sapore delicato, che si accompagna al pesce, L alle insalate ed è impiegato per la preparazione di diversi dolci tipici di quest?area, che diventano ancora più soffici e delicati grazie all?utilizzo dell?olio, o per il famoso biscotto salato, insaporita d?anice. Non è un mistero, che fin dall?antichità, l?olio abbia costituito un prodotto di prima necessità accanto al vino: simboli di ricchezza e prestigio, poi beni sempre più comuni, parte integrante dell?alimentazione e protagonisti del commercio marittimo. In epoca romana venivano prodotti nelle ville schiavistiche, vere e proprie aziende agricole basate sulla manodopera degli schiavi e su una capillare disciplina. E non è un caso che qui sia nato uno dei più avveniristici musei in Italia dedicato proprio al suo prodotto principe: il Museo dell?Olivastra e della Terra di Seggiano, fortemente voluto dal Comune di Seggiano in sinergia con la Fondazione Le Radici di Seggiano e la Comunità Montana Amiata Grossetano e realizzato attingendo a varie tipologie di risorse, da quelle locali con la firma del Patto per Seggiano fra Comune, Provincia di Grosseto e Comunità Montana del Monte Amiata (ora Unione dei Comuni Amiatini), a quelle della Regione Toscana (PIC, Filiera Corta) ed europee (Leader, Innolabs), oltre che interventi di strutture private con funzioni Museo dell?Olio LE rUBriCHE ? 79 le rubriche pubbliche ATO Ombrone 6, Acquedotto del Fiora, Fondazione MPS. Il progetto del Museo è stato curato da Spazi Consonanti, un gruppo di architetti che ha dato vita a numerosi musei locali, con l?intento di dare rappresentazione alla storia, alla cultura, e anche alle aspettative per il futuro che un territorio esprime. La particolarità di questo Museo, presentato anche in convegni internazionali, è data dal fatto che prende in esame in modo dinamico aspetti particolari delle piante ? e dell?olivo nel caso specifico ? quali? le reazioni, gli input emotivi e? l?intelligenza. Proprio così, l?intelligenza: perché a quanto sembra anche le piante ne sono provviste. Il Museo è una rivisitazione contemporanea della civiltà dell?olio e dell?ulivo che rappresenta una struttura unica nel suo genere in Italia e in Europa: uno spazio articolato e multiforme, destinato alla conservazione della memoria ma anche alla sua rinascita contemporanea. Il modello di museo diffuso è articolato in spazi già dotati di una propria individuale autonomia e potenzialità di gestione, come quella del cisternone o del vecchio frantoio in connessione con l?antistante oleoteca. Dal punto di vista storico, Seggiano sorse agli inizi del X secolo come possedimento dell?abbazia di San Salvatore, che dopo l?anno Mille cedette una parte dei diritti all?Abbazia di Sant?Antimo. Nella metà del Duecento vi esercitarono il proprio dominio i senesi. Seggiano rimase sotto l?egida della Repubblica di Siena fino al 1555, anno in cui entrò a far parte del Granducato di Toscana. Il borgo, di spiccata impronta medievale è cinto di mura, costruite a partire dal X secolo, che delimitano l?abitato. Significativa è la sinergia tra architettura e natura, in particolare i luoghi di culto conservano pregevoli opere d?arte. Santuario della Madonna della Carità Tra queste ricordiamo: la chiesa di San Bartolomeo, a tre navate, che conserva un polittico trecentesco attribuito al Bulgarini, alcuni dipinti coevi attribuiti a Ugolino Lorenzetti e affreschi del Cinquecento; la Chiesa della Compagnia del Corpus Domini, dedicata anche a San Bernardino a seguito del trasferimento al suo interno del reliquiario con oggetti appartenenti al santo; l?Oratorio di San Rocco, che custodisce affreschi del pittore senese Girolamo di Domenico; il Convento del Colombaio, antico complesso monastico situato non lontano dal Castello del Potentino (fu il primo monastero fondato dai francescani in provincia di Grosseto); la Chiesa di Santa Maria in Villa, situata nell?omonima località alle porte di Seggiano, edificata in epoca medievale, con facciata a capanna e campanile a vela (al suo interno è conservata un?immagine della Madonna circondata da affreschi di Francesco Nasini con figure di angeli e santi). Particolare attenzione merita il Santuario della Madonna della Carità, edificato in epoca rinascimentale ai piedi del paese e restaurato in epoche successive. Giardino di Daniel Spoerri Esso nasce in un periodo di grande importanza per il culto mariano. La facciata in trachite si presenta in stile barocco; molto caratteristica è la cupola in mattoni. Di pianta rettangolare, divisa in tre navate, la chiesa conserva un affresco collocato sul portale raffigurante l?Annunciazione ed all?interno due dipinti dedicati a Santa Caterina da Siena, vari sono gli altari voluti dalla famiglia degli Ugurgeri. Significativa per la storia e la tradizione del paese è la motivazione dell?edificazione della chiesa: fare un voto collettivo alla Madonna per fronteggiare la fame e la carestia che minava il territorio. Oggi l?imponente costruzione ricorda come tanta devozione, sincera e profonda sia stata ricompensata da prodigi e grazie. Altro luogo che caratterizza Seggiano è il Giardino di Daniel Spoerri, suggestivo parco-museo creato nei primi anni novanta dall?omonimo artista, uno dei più celebri esponenti del Nouveau Réalisme degli anni Sessanta. Vi sono collocate circa un centinaio di opere di quasi 40 artisti diversi, provenienti soprattutto dalla Svizzera e dalla Germania. Le sculture, celate tra il verde dei boschi e degli uliveti, quasi a voler sorprendere il visitatore richiamano le magiche e surreali atmosfere del cinquecentesco Parco dei Mostri di Bomarzo, dando vita ad un?esperienza insolita e curiosa. Seggiano dunque è una meta da non perdere, qui arte, architettura, natura ed enogastronomia offrono al visitatore straordinarie sorprese. Senza dimenticare che la vetta Amiata è davvero vicina e merita un?ulteriore escursione. 80 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 le rubriche L?Arte Di OSPitAre | L?accoglienza in Maremma terme marine Leopoldo ii, una ?preziosa gemma? nel panorama dell?ospitalità maremmana Accarezzato dalla brezza del mare ed abbracciato dal verde di una rigogliosa pineta l?Hotel Terme Marine Leopoldo II è una struttura 4 stelle con centro benessere e centro termale ubicato nella tranquilla località balneare di Marina di Grosseto. Una ?preziosa gemma? nel panorama dell?ospitalità maremmana 82 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 L? ingresso dell?Hotel a Maremma è una terra speciale e sempre più vocata all?accoglienza, come dimostrano le tante strutture ricettive presenti sul territorio. Una di queste, ed anzi una delle più moderne e funzionali, è l?Hotel Terme Marine Leopoldo II, un bel 4 stelle con centro benessere e centro termale ubicato nella tranquilla località balneare di Marina di Grosseto. L ARCHITETTURA E STORIA L?edificio risalente all?inizio del 1900 in stile razionalista, addolcito con citazioni di ?art nouveau?, ha volutamente mantenuto, anche nei rifacimenti successivi, le linee pulite ed essenziali tipiche di questo stile. Nell?immediato dopoguerra fino agli anni 70 la struttura venne adibita a colonia estiva per i dipendenti della SNIA VISCOSA. Abbandonata negli anni ?70 rimase abbandonata per lungo tempo in attesa che fosse possibile, sotto il profilo urbanistico, un?opera di restauro conservativo e di ampliamento, che consentis- se di riportare in vita questo meraviglioso immobile. L?attuale proprietà ha restaurato la grande villa esaltandone gli elementi liberty e dando vita a quel complesso leggero ed armonioso che accoglie ora turisti e residenti nelle molteplici occasioni in cui è possibile godere le Terme Marine Leopoldo II. UN?OASI DI PACE E BENESSERE Inaugurata nel 2011 la struttura offre oggi ai propri ospiti un?oasi di pace e di benessere in un ambiente gradevole, sofisticato e rilassante. Uno staff professionale e sorridente, una cucina sana a base di prodotti locali ed una moderna SPA con acqua termale dalle proprietà altamente curative fanno di questo complesso una ?preziosa gemma? nel panorama dell?ospitalità maremmana. LE CAMERE ?L?hotel ? sottolinea il management di Terme Marine ? dispone di 150 camere di quattro differenti tipologie ideali per soddisfare le esigenze di ogni singolo ospite. Abbiamo camere vista pineta, vista piscina, vista mare, camere con grandi finestre, camere con balconcino e junior suites camere che oltre ad un salottino dispongono di una grande terrazza che guarda il mar Tirreno posto a soli 100 metri di distanza dall?ingresso della struttura. Ogni camera è dotata di tutti i comfort, aria condizionata / riscaldamento autonomi, minibar, cassetta di sicurezza, tv satellitare, connessione wi-fi gratuita. I bagni dai raffinati rivestimenti in marmo sono dotati di ampi box doccia e asciugacapelli?. IL RISTORANTE Il Ristorante ?Sale Marino? è circondato da vetrate vista piscina, ed ?è coordinato da un pool di chef che deliziano il palato con prodotti locali di qualità. Ogni giorno è possibile gustare nuovi piatti che spaziano dalla cucina tradizionale maremmana e mediterranea a quella internazionale. Non mancano menu stu- La piscina centrale LE rUBriCHE ? 83 le rubriche La piscina diati su misura per le varie esigenze, inclusi menu per celiaci, menu per bambini e menu per eventi speciali quali congressi, matrimoni, battesimi e cerimonie di ogni genere?. IL CENTRO BENESSERE E dopo aver coccolato le papille gustative ecco che arriva il momento di cullare il corpo e la mente. ?Il nostro centro benessere con Spa ed Area termale, aperto ogni giorno dalle ore 9.30 alle 18.30, è un toccasana per liberarsi dello stress accumulato durante l?anno. Posizionata su un?area di 1.450mq l?area benessere è divisa in due parti. Il Centro benessere con sauna finlandese, bagno turco aromatizzato, docce emozionali, bagno rasul, massaggi e trattamenti visocorpo ed una Zona Termale dove sono a disposizione tre piscine con acqua termale denominata ?Fonte Villa Gaia? che sgorga a temperatura di 36° particolarmente adatta alla cura di problemi cuta- nei ed artritici. L?acqua termale proviene direttamente da una vena trovata nella pineta di pertinenza della struttura. Le proprietà terapeutiche dell?acqua sono state riconosciute dal Ministero Italiano della Salute. In una delle tre piscine è possibile effettuare un percorso kneipp ideale per la riattivazione della circolazione. Infine una distensiva area relax con lettini ergonomici ed un angolo con salutari tisane?. Per chi non avesse il tempo di fare una vacanza è possibile prenotare un percorso giornaliero o serale all?interno del centro benessere? (chiamare per informazioni su prezzi e disponibilità). LE PISCINE Il centro della struttura è occupato da due piscine, una quasi olimpionica di 48mx16m con cascate centrali ed una riscaldata con idromassaggio. Intorno alle piscine lettini ed ombrelloni permettono di abbronzarsi e sorvegliare i Il ristorante 84 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 più piccoli mentre si divertono in acqua. UNA LOCATION IDEALE PER CERIMONIE La struttura mette a disposizione ampi spazi sia all?aperto che al coperto per l?organizzazione di matrimoni, battesimi, compleanni e cerimonie di ogni tipo. ?Per chi volesse festeggiare un evento importante della propria vita in una location speciale e diversa dove abbinare eleganza, divertimento e benessere l?Hotel Terme Marine è certamente il posto ideale?. GLI EVENTI ESTIVI Molti gli eventi in calendario per i prossimi mesi aperti anche al pubblico esterno. Tra questi ?Night SPA con Cena?, percorso benessere in notturna con cena per due a lume di candela, in programma tutti i giovedì fino a metà giugno (con un piccolo supplemento è prevista la possibilità di pernottare in una delle lussuose camere dell?hotel). O anche ?Primavera in Musica?, cena a lume di candela nel ristorante panoramico accompagnati dalle dolci note di pianoforte, tutti i mercoledì di maggio e giugno. Altro evento importante dal titolo ?A Cena col Dottore? è previsto il 16 maggio, quando si terrà un incontro con il noto Dott. Luca Speciani ed il Dott. Guido Marini che verranno intervistati da Giancarlo Capecchi sulle peculiarità della GIFT ?una dieta non dieta?. A seguire sarà possibile gustare, nel ristorante ?Sale Marino? che fa parte del circuito Ristoranti Gift d?Italia, alcuni piatti ideali per una dieta bilanciata ed un Una camera ottimo equilibrio corpo-mente. Da inizio giugno poi è prevista l?apertura ufficiale di due nuove piscine termali all?interno della SPA aperte anche agli esterni con pacchetto DAY SPA. Il 16 giugno spazio a ?Talk Show? condotto da Giancarlo Capecchi con la partecipazione straordinaria di Paolo Occhipinti direttore storico del settimanale Oggi. Ma non finisce qui, perché durante tutta l?estate è previsto il concorso fotografico ?Cattura la Maremma? aperto a tutti gli ospiti della struttura. A fine stagione la miglior fotografia vincerà in premio un soggiorno di una settimana per due persone. Ed infine un allestimento speciale intitolato ?Tarocchi sul Tetto?. Al primo piano dell?hotel verrà allestito un originale spazio espositivo-museale, unico nel suo genere nel nostro territorio, dedicato al Giardino dei Tarocchi ed all?opera della sua ideatrice l?artista franco americana Niki De Saint Phalle. Curatore dell?allestimento sarà l?architetto Roberto Aureli che è stato per oltre un decennio consulente alla realizzazione delle imponenti sculture e progettista del nuovo atelier dell?artista caratterizzato da un giardino pensile di circa 200 mq. Per tutti gli eventi, i dettagli e gli orari si può consultare il sito internet www.termemarine.com costantemente aggiornato. MARE, MA NON SOLO? Il mare e la lunga spiaggia di sabbia fine sono a soli 100m di distanza. L?hotel ha siglato convenzioni con alcuni stabilimenti balneari che offrono un ottimo servizio con un perfetto rapporto qualità-prezzo. Ma la vacanza non è solo mare e relax, la vacanza è scoperta, è conoscenza, è territorio. La vacanza è la voglia di scoprire le perle di un angolo di Toscana ancora selvaggia che ha mantenuto intatte le proprie tradizioni e la propria cultura: la Maremma. ?Scoprire la Maremma significa intraprendere un magnifico viaggio tra colori, profumi, storia, mare e montagna. Molte sono le escursioni che sarà possibile fare durante il soggiorno. Dalla visita agli scavi archeologici di Roselle e Vetulonia, alle oasi naturali dei parchi della Maremma o della Val di Cornia, alle uscite in barca alle isole (Elba, Giglio, Giannutri), alle passeggiate di trekking alle pendici del Monte Amiata. La Maremma è uno stile di vita basato sul rispetto per l?ambiente, per la cultura e la salvaguardia delle tradizioni. A questo proposito, durante la permanenza, consigliamo di informarsi sul ricco calen- dario di sagre ed eventi che questa terra propone nell?arco dell?anno. Sarà un modo diverso per ?rubare? qualche ricordo da portarsi a casa. Anche Marina di Grosseto, la città che ospiterà i turisti durante il soggiorno all?Hotel Terme Marine, così come le vicine Castiglione della Pescaia e Principina a Mare sono città a vocazione balneare molto vivaci durante l?estate dove trovare divertimenti adatti ad ogni età. Infine, per gli amanti delle città d?arte suggeriamo una visita alle meravigliose Siena, Pisa, Firenze e Roma raggiungibili nell?arco di al massimo due ore di auto?. Che dire di più? ?Semplicemente che l?Hotel Terme Marine è l?unico complesso termale fronte mare della Toscana. Un luogo ideale per tutta la famiglia? cane incluso (li accettiamo di piccola e media taglia)!?. Info: www.termemarine.com La piscina termale LE rUBriCHE ? 85 le rubriche L?AnGOLO DeL LibrO| La Maremma in libreria ?il tesoro di alberese?, un libro racconta la storia dello straordinario rinvenimento di 76 fiorini d?oro del Xiii secolo Presentato a Firenze in occasione di Tourisma, il primo Salone Internazionale dell?Archeologia, il nuovo volume della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana pubblicato nella collana ?Ripostigli monetali in Italia? dal titolo ?Il tesoro di Alberese. Un ripostiglio di fiorini d?oro del XIII secolo? un vero e proprio tesoro di monete d?oro quello descritto ed ampiamente illustrato nel nuovo volume della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana pubblicato nella collana ?Ripostigli monetali in Italia? dal titolo ?Il tesoro di Alberese. Un ripostiglio di fiorini d?oro del XIII secolo? presentato a febbraio scorso in occasione di Tourisma, il primo Salone Internazionale dell?Archeologia organizzato a Firenze. Un ripostiglio di ben 76 fiorini d?oro, scoperto nel 1932 all?interno della Tenuta di Alberese, in È 86 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 provincia di Grosseto, rimasto praticamente sconosciuto per tutti questi anni. Una scoperta di cui si era persa memoria tra gli abitanti del luogo e poco nota anche agli studiosi. Una nuova ricerca ha finalmente permesso di ricostruire tutti i particolari del suo rinvenimento e di rivelare l?importanza del ritrovamento: si tratterebbe di uno dei pochissimi ripostigli noti della seconda metà del Duecento con fiorini d?oro (se ne conoscono solo altri quattro) e l?unico recuperato integralmente grazie all?immediato intervento della Direzione della Tenuta e dell?Arma dei Carabinieri. Si deve all?interesse della Tenuta di Alberese e della Regione Toscana e al sostegno di uno sponsor privato, la ditta Numismatica Picena S.r.l. di San Benedetto del Tronto, la possibilità di ammirare questo tesoro nelle belle tavole a colori di questo volume che, oltre a fornirne una dettagliata catalogazione, ricompone un ricco mosaico di notizie. Il fiorino, moneta simbolo di Firenze e dell?Occidente medievale, fu conia- to a partire dal 1252 e trovò ben presto così larga diffusione da diventare lo standard di riferimento per tutte le altre coniazioni in oro, ampiamente imitato e contraffatto. Il libro della Zecca, o Fiorinaio, ci ha lasciato una precisa testimonianza di tutte, o quasi tutte, le coniazioni che ebbero luogo nella zecca di Firenze a partire dal 1303, ma sappiamo ancora ben poco del periodo precedente. Ecco perché il ripostiglio di Alberese, che offre un campione rappresentativo delle coniazioni di fiorini della seconda metà del Duecento (?del tempo di Dante? come fu scritto all?epoca del ritrovamento), riveste grande interesse. Il confronto con gli altri ripostigli noti e l?analisi delle monete aggiunge nuovi dati a quanto conosciuto e introduce interessanti spunti di riflessione. Ma il tesoro di Alberese è anche l?occasione per conoscere la storia di una tenuta che, a partire dall?epoca lorenese, ha avuto un ruolo molto importante nello sviluppo della regione Toscana. Ricordiamo che il Granduca Leopoldo II acquistò la Tenuta di Alberese come bene privato per proseguire direttamente ?l?impresa di manifesto interesse pel territorio Grossetano e di sommo vantaggio per l?intero Granducato? avviata nel 1828 con la bonifica della Maremma. La tenuta divenne terreno privilegiato in cui sperimentare nuove tecniche di coltivazione e di allevamento, rese difficili dalla persistenza della malaria e dallo sforzo che richiedeva la bonifica, ultimata solo nel primo dopoguerra. Il tesoro di fiorini d?oro tornò alla luce proprio mentre erano in corso i lavori avviati dall?Opera Nazionale per i Combattenti, a cui la tenuta fu affidata negli anni ?20 del secolo scorso con il compito di completarne la bonifica. Non facciamo fatica ad immaginarci Alberese in quegli anni, poiché questo territorio non ha subito particolari stravolgimenti, mantenendo integri nei secoli la sua identità ed il suo fascino. Qui si concentrano e si sono preservati tutti quegli elementi divenuti nel tempo i simboli stessi della Maremma, in una straordinaria commistione tra aspetti naturalistici e testimonianze dell?opera dell?uomo. Un ?tesoro? ancora più prezioso. ?archeostorie? Presentato a Grosseto il manuale non convenzionale di archeologia vissuta Ah! Fai l?archeologo??! che meraviglia! anch?io avrei sempre voluto farlo?? Questa è sicuramente la risposta più diffusa quando si parla di Archeologia e di Archeologi. È infatti indiscutibile il fascino che esercita nell?immaginario collettivo un mestiere fatto di indagini, di viaggi, di scoperte? ma è realmente così? Chi sono oggi gli Archeologi? Ricercatori con la testa tra le nuvole e le mani sporche di terra o professionisti impegnati a tutelare e valorizzare un Patrimonio che tutto il mondo ci invidia? Quando si riescono a superare luoghi comuni e ingombranti celebrità, come l?affascinante Indiana Jones o la seducente Tomb Raider, si rimane spesso sbalorditi nel conoscere la professione e le sue potenzialità in un paese come il nostro. Gli Archeologi oggi sono professionisti della cultura altamente specializzati, poliedrici e versatili, ormai ben consapevoli che il ?segreto?, o forse sarebbe meglio dire il ?ruolo sociale? della loro professione risiede nella Comunicazione e quindi, almeno in teoria, irrinunciabili figure per una corretta gestione del Patrimonio artistico e culturale che l?Italia ha avuto in eredità. Il libro, presentato il 28 marzo scorso presso la sede del Museo Archeologico e d?Arte della Maremma di Grosseto, nell?ambito dell?iniziativa, promossa dal Comune di Grosseto insieme all?Associazione nazionale archeologi della Toscana, racchiude in sé tante storie raccontate in prima persona dai protagonisti dell?attuale panorama archeologico italiano. Il volume si intitola ?Archeostorie. Manuale non convenzionale di archeologia vissuta?, ed è curato da Cinzia Dal Maso e Francesco Ripanti, una giornalista e un archeologo che si sono impegnati a raccogliere le testimonianze dei più vitali Archeologi di ultima generazione. Il sottotitolo Manuale non convenzionale di archeologia vissuta rappresenta una vera e propria dichiarazione d?intenti. Raccontare la concretezza del ?quotidiano? di una professione che cambia in un mondo che cambia ancora più rapidamente. Testimonianze di ? professionisti che ?Rappresentano le forze cui l?Italia deve rivolgersi se vuole davvero puntare sui Beni Culturali per la sua rinascita?. Un libro che sprizza passione, entusiasmo e professionalità da ogni pagina. Una ventata di sano ottimismo per chi lo ha scritto, per chi lo leggerà, per chi ne trarrà ispirazione o anche soltanto un aggiornamento mentale della figura dell?archeologo. L?archeologo compare nella sua vera natura di anello di congiunzione tra un passato a volte oscuro da decifrare e un pubblico, sempre più avido di conoscenza, fatto di bambini, adulti, disabili, italiani, stranieri, social addict e chi più ne ha più ne metta. Quella di Grosseto è stata soltanto una delle numerosissime tappe del tour di presentazione del libro in giro per il nostro Bel Paese, organizzata dall?Associazione Nazionale Archeologi, la più grande associazione di professionisti italiani, in collaborazione con il Museo Archeologico e d?Arte della Maremma, vitale e attenta realtà museale della nostra città. L?incontro è stato immaginato come una chiacchierata informale tra gli ospiti presenti che hanno parlato di archeologia, di comunicazione online e offline, di musei e di tante altre ?Archeostorie?. LE rUBriCHE ? 87 le rubriche L?AnGOLO DeL LibrO| La Maremma in libreria in un libro la storia del Carnevaletto da 3 soldi ?affascinante storia del Carnevaletto da 3 soldi in un libro: è quello dell?antropologa Barbara Uloremi. Nel volume, dal titolo ?Carnevaletto - 60 anni di storia e tradizione a Orbetello?, l?autrice ? che, su questo argomento, ha discusso la sua tesi di laurea in Discipline etnoantropologiche all?Università di Siena ? ricorda e racconta ogni passaggio della manife- L stazione e tutta la sua gloriosa epopea: dai suoi primi passi ai momenti bui, dagli anni d?oro della rinascita al trasferimento sotto le Mura, da quella che, sembrava, una chiusura definitiva fino alla tanto attesa rinascita. Il libro è stato presentato a febbraio al Centro degustazione I Pescatori nell?ambito del fitto calendario di appuntamenti dell?edizione 2015 del Carnevaletto che ha offerto anche quest?anno le classiche sfilate dei carri allegorici di Albinia, Fonteblanda, Stazione e Neghelli, accompagnati da gruppi di maschere, dal corpo bandistico Santa Cecilia di Monterosi e dal gruppo majorettes Ferentum di Grotte Santo Stefano. 88 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 nuova guida turistica dedicata a santa Fiora Si intitola ?Santa Fiora e il suo territorio? ed è una guida turistica a cura di Michele Arezzini, Edizioni Effigi realizzata per scoprire le bellezze dello splendido borgo amiatino. All?interno anche i percorsi di trekking ra i borghi adagiati tra le selve secolari del Monte Amiata spicca Santa Fiora, uno dei più importanti avamposti aldobrandeschi. Il suo nome viene ricordato da Dante nel VI Canto del Purgatorio, in riferimento alla condizione servile in cui versava l?Italia, assoggettata a governi arbitrari e tirannici, ?E vedrai Santafior com?è oscura!? si legge nel verso 111. Recentemente per iniziativa del Comune di Santa Fiora è stata realizzata una nuova guida turistica dal titolo ?Santa Fiora e il suo territorio?, a cura di Michele Arezzini, Edizioni Effigi. La pubblicazione contiene preziose informazioni su Santa Fiora e sul territorio comunale, corredate da una bella cartina del centro urbano e da splendide immagini fotografiche su opere d?arte e manifestazioni tradizionali. L?interessante novità è l?ampio spazio dedicato ai percorsi di trekking, compresi quelli più recenti, inaugurati l?anno scorso e già tutti fruibili, che mettono in collegamento il paese con il resto delle frazioni. T In tutto ne sono state stampate 3000 copie, tra la versione in italiano e quella in inglese. La guida è distribuita gratuitamente dall?Ufficio Turistico di Santa Fiora ed è disponibile alla Peschiera ed in altri monumenti del Comune. ?Santa Fiora ? dichiara il sindaco Federico Balocchi ? è sempre una magnifica sorpresa. Fare attenzione ai particolari dei nostri monumenti e scoprire i nostri paesi attraverso il trekking, significa cogliere appieno tutte le sfumature di una terra ricca di stimoli. Non abbiamo voluto fare solo una cartina, abbiamo voluto realizzare una bella guida al nostro territorio con l?obiettivo di aggiornare e migliorare l?informazione turistica, di fornire chiavi di lettura su ciò che si può vedere e di suscitare interesse, con un?attenzione particolare rivolta ai visitatori stranieri che sono una realtà sempre più importante per il nostro turismo. Il passo successivo sarà rendere fruibili tutti questi contenuti anche on line?. le rubriche vinO e DintOrni | Notizie varie dal mondo del vino e non solo Le mortelle, il Poggio alle nane 2011 conquista i 3 bicchieri del Gambero rosso Importante riconoscimento per il Poggio alle Nane 2011. Il vino di punta de Le Mortelle, la splendida azienda maremmana della famiglia Antinori con sede a Castiglione della Pescaia, nel cuore della Maremma Toscana, conquista l?ambito riconoscimento dei 3 bicchieri del Gambero Rosso. he la Maremma sia sempre più una terra vocata all?enologia non lo si scopre certo adesso. Conferme in questo senso arrivano di continuo e sono testimoniate dai premi e riconoscimenti che le varie guide tributano alle etichette prodotte in questo angolo di Toscana. Una delle ultime attestazioni è ancora fresca. Si tratta dell?assegnazione dei 3 bicchieri al Poggio alle Nane 2011 vino di punta della Fattoria Le Mortelle della famiglia Antinori con sede a Castiglione della Pescaia. ?Siamo felici di annunciare l?uscita dell?annata 2011 del Poggio alle Nane, C 90 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 un vino che ci ha regalato grandi soddisfazioni fin dalla sua prima apparizione e che con questa terza annata ci rende particolarmente orgogliosi per il riconoscimento appena conquistato dei 3 bicchieri del Gambero Rosso. Un premio che ripaga la passione, la cura, la costante ricerca dell?eccellenza che mettiamo ogni giorno nel nostro lavoro e l?amore che abbiamo per la terra da cui questo vino trae le proprie origini, la Maremma Toscana?. Questa la nota con la quale il prestigioso marchio enologico che ha sedi in tutto il mondo ha comunicato il prestigioso risultato. L?azienda Le Mortelle si trova nel cuore della bassa Maremma, in provincia di Grosseto, a circa 9 km da Castiglione della Pescaia. Si estende per 270 ettari di cui 166 piantati a vigneto, prevalentemente a Cabernet Sauvignon e Sangiovese, oltre a più recenti impianti di varietà a bacca bianca come Vermentino, Ansonica e Viognier. La fattoria, che faceva parte di un complesso più ampio, già individuato sulle carte geografiche da Leopoldo II a metà dell?800, è stata acquistata dalla famiglia Antinori nel 1999 con la convinzione che l?area fosse altamente vocata alla produzione di vini di qualità. Mortella è il nome del mirto selvatico, tale arbusto caratterizza le zone costiere ed è simbolo della fattoria. La nuova cantina de Le Mortelle è per gran parte interrata nell?ottica di un impatto ambientale il più ridotto possibile. È stata costruita sfruttando la termoregolazione delle rocce presenti in profondità nel suolo, con il massimo rispetto degli equilibri naturali e l?attenzione al loro mantenimento: risparmio energetico grazie al ciclo produttivo a ?caduta?, fitodepurazione delle acque immesse nuovamente nell?ambiente, utilizzo di energia derivante solo da fonti rinnovabili. La Fattoria è aperta al pubblico per LE rUBriCHE ? 91 le rubriche visite guidate con degustazione su prenotazione, inoltre si possono acquistare i vini e la frutta di stagione presso il negozio all?interno della Fattoria. Questa la scheda del vino premiato: POGGIO ALLE NANE Classificazione Rosso Maremma Toscana IGT Annata 2011 Uvaggio 80% Cabernet Franc, 20% Cabernet Sauvignon Clima Il clima dell?annata 2011 non ha registrato grandi criticità a parte durante il periodo di maturazione delle uve, avvenuto tra agosto e settembre, quando è stato particolarmente caldo e privo di piogge. L?esposizione favorevole dei vigneti, l?orientamento dei filari, la profondità e composizione del suolo e l?umidità degli stessi, anche in annate come questa, portano a grandi differenze nella caratteristiche delle uve e quindi dei vini. Vinificazione Le uve, scelte con cura e raccolte a mano in cassette, sono state selezionate nuovamente sui tavoli di cernita prima della diraspatura e pigiatura. Il mosto ha fermentato per 20 giorni in serbatoi troncoconici di acciaio inox a 28° centigradi. Tecniche di estrazione delicate sono state usate per garantire tannini di grande qualità e struttura. Alla svinatura il vino è stato travasato in barrique nuove, dove entro la fine dell?anno ha terminato anche la fermentazione malolattica. Al termine dell?affinamento in barrique, il vino è stato imbottigliato a febbraio del 2013 ed ha affinato in bottiglia per circa un anno prima d?uscita sul mercato. Gradazione alcolica 14 %Vol. Note degustative Al naso spiccano note speziate e di liquirizia; al palato, il Cabernet Sauvignon particolarmente potente e ricco e il Cabernet Frac di sorprendente eleganza, conferiscono al vino aromi maturi di frutto nero seguiti da note balsamiche. Info: Ospitalità Fattoria Le Mortelle, mobile +39 3474610704, ph. 0564 944003, mail visite@lemortelle.it, web www.antinori.it - www.lemortelle.it 92 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 WINE & FOOD NEWS a.a.a. morELLino ha premiato i migliori vini morellino del 2012 A metà gennaio l?Associazione Amatoriale Amici del Morellino di Scansano ha concluso la valutazione dei vini Morellino dell?anno 2012. «Si tratta del sesto anno di attività e, anche questa volta, partendo da circa 70 etichette prese in considerazione ? sottolinea il presidente del sodalizio Franceco Pariboni ?, se ne sono portate 32 in degustazione all?assemblea dei Soci. I tre vini che hanno ottenuto i punteggi più alti, risultando essere i preferiti dai Soci, sono stati i seguenti (in ordine alfabetico): ?I Massi? del Conte Ferdinando Guicciardini; ?Provveditore? dell?Azienda Agricola Il Provveditore; ?Vin del Fattore? della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano. La sera del 21 febbraio, nei locali del ristorante ?La Cantina? messi gentilmente a disposizione dalla famiglia Bargagli, ha avuto luogo la premiazione dei produttori a cui è stata consegnata una targa-ricordo ed il gagliardetto dell?Associazione. In questa occasione si è poi proceduto alla degustazione dei primi quattro vini del 2013. Come al solito ? conclude Franceco Pariboni ? completa è stata la partecipazione dei Soci che continuano a mostrare un grande interesse per le attività dell?Associazione che, nel corso del 2014, si è ulteriormente allargata ed è ora composta da 37 Soci». Ricordiamo che A.A.A. MORELLINO nasce nel 2008 per iniziativa di un gruppo di appassionati del Morellino di Scansano e si prefigge come scopo peculiare la promozione culturale del grande vino maremmano e della Città di cui porta il nome. L?Associazione non ha fini di lucro ed è completamente finanziata dagli associati che in tal modo garantiscono l?assoluta indipendenza delle iniziative che vengono promosse. sasso Bianco di Fattoria mantellassi, la freschezza cattura la luminosità dell?estate Parla di Maremma, di quei candidi sassi bianchi che percorrono le rive dei fiumi e dei ruscelli, sassi dalle forme così diverse che, quando piccoli, possono sembrare addirittura conchiglie. È da qui che prende spunto l?etichetta di Sasso Bianco, il vino con cui Fattoria Mantellassi ha scelto di accompagnare i piaceri della tavola di quest?estate 2015. Originario di Magliano in Toscana, nasce dai vitigni di Trebbiano Toscano, Vermentino e Sauvignon dei vigneti collinari della Maremma Toscana. La vinificazione avviene mediante pressatura soffice con una resa uva/vino intorno al 60% e fermentazione a temperatura controllata. Imbottigliato giovane, dopo soli due mesi in vasca, è pronto per essere gustato in tutta la sua freschezza e i suoi profumi. Con questo vino Fattoria Mantellassi conferma ancora una volta l?alta qualità della sua produzione che, nonostante le difficoltà della passata stagione, si dimostra all?altezza degli standard fin qui dimostrati. Come gustare al meglio Sasso Bianco? Nella foto, le targhe consegnate dall?Associazione AAA Morellino ai migliori vini Morellino dell?annata 2012 Con i tipici piatti dell?estate, dagli antipasti di mare ai secondi di pesce, dalle variopinte insalate ai decorativi finger food per gli aperitivi all?aperto. Vinitaly 2015, bilancio positivo per l?associazione strada del Vino del monteregio di massa marittima Tempo di bilanci per la Strada del Vino del Monteregio di Massa Marittima che recentemente ha partecipato al Vinitaly 2015. L?Associazione si è presentata all?importante appuntamento scaligero con un proprio stand che ha ospitato sei aziende del territorio, La Pierotta di Scarlino, I Campetti di Ribolla, La Cura, Il Fontino, Bicocchi di Massa Marittima e Valdonica di Roccastrada. ?Quest?anno ? dice il Presidente Simone Rustici ? abbiamo scelto di presentarci al Vinitaly in maniera autonoma dopo che la Camera di Commercio di Grosseto aveva rinunciato alla partecipazione diretta all?iniziativa. È stato scelto quindi un nuovo look per il nostro stand, rinnovato e affascinante. Grande affluenza ed un diffuso ottimismo tra tutti gli operatori.Tanti curiosi ma anche tante presenze di buyers da tutte le parti d?Europa, Stati Uniti e Asia. La collaborazione tra le aziende intervenute è stata massima e abbiamo raggiunto l?obiettivo che ci eravamo posti: quello di dare un?immagine unitaria di un territorio che esprime qualità eccellente unita a grandi individualità?. ?Dopo anni di stallo, il 2015 ? conferma Stefano Boscaglia direttore della Strada del Vino ?, ha portato nuovo ottimismo ed interesse anche per le piccole realtà. La ?Strada del Vino del Monteregio? è uno strumento a servizio delle aziende che possono partecipare ad iniziative che singolarmente risulterebbero troppo onerose?. ?Quest?anno ? sottolinea Rustici ? abbiamo voluto anche spingere sull?identità territoriale non solo del Monteregio ma anche della Maremma Toscana, cercando la partecipazione di aziende di tutta la provincia di Grosseto, sulla scia della omonima DOC recentemente costituita. È stata una scelta coraggiosa e d?impatto che ha voluto mandare un messaggio concreto a tutte le aziende e a tutti i soggetti che operano in Maremma in vista del Vinitaly 2016. La Strada del Vino del Monteregio ? conclude Rustici ? è sempre pronta a condividere le proprie professionalità per iniziative comuni tese all?ottimizzazione delle risorse e alla unicità di immagine che fa tanto bene alla Maremma e a chi ci investe?. Legambiente, la rassegna degustazione nazionale 2015 sbarca all?Expo Quest?anno la fase finale della 25esima Rassegna degustazione nazionale ?vini biologici? e biodinamici 2015 di Legambiente si terrà all?interno dell?Expo di Milano, dove a giugno per tre giorni sarà creata Festambiente Expo Q uest?anno Festambiente, il festival nazionale di Legambiente, raddoppierà e oltre ai dieci giorni che si terranno ad agosto in Maremma, l?appuntamento sarà il 5, 6 e 7 giugno all?interno dell?Expo di Milano, per Festambiente Expo: una tre giorni di appuntamenti legati all?agricoltura di qualità, al biologico e al turismo sostenibile. E proprio in questo contesto saranno presentati i migliori ?vini biologici? e biodinamici d?Italia selezionati nella 25esima Rassegna degustazione nazionale di Legambiente. L?evento, in collaborazione con l?Enoteca italiana di Siena, il Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia dell?Università di Pisa e La Nuova Ecologia online, ha l?obiettivo di presentare e valorizzare le varietà di vini più significativi, selezionandoli poi come migliori produzioni italiane da mettere in vetrina quale prodotto d?eccellenza. ?Il biologico ormai da venticinque anni rappresenta per noi ? afferma Angelo Gentili, segreteria nazionale Legambiente ? un punto d?eccellenza e di riferimento per l?enogastronomia. E proprio su questa linea d?eccellenza punta la Rassegna degustazione nazionale dei vini biologici e biodinamici che rappresenta per Legambiente un percorso di qualità, e di continuità, che punta forte alla valorizzazione e promozione del territorio. L?agricoltura biologica è infatti una pratica che oltre a rispettare l?ambiente e il territorio è garanzia di salubrità dei prodotti per i consumatori. A maggior ragione quest?anno che presenteremo i selezionati direttamente da una vetrina prestigiosa come quella dell?Expo di Milano?. Tra le varie selezioni ci sarà anche quella dedicata al miglior rapporto qualità prezzo e al miglior abbinamento con piatti vegetariani e vegani. Le prime aziende selezionate di ogni categoria riceveranno una targa. I selezionati saranno scelti da una commissione presieduta dal professor Giancarlo Scalabrelli, ordinario in Viticoltura dell?Università di Pisa, e composta da enologi, esperti del settore e sommeliers. LE rUBriCHE ? 93 Le RubRiche di vino in cibo | I protagonisti dell?enogastronomia maremmana Terenzi, tre fratelli under 40 per il rilancio del Morellino di Scansano in Italia e nel mondo Con una produzione volutamente di nicchia votata alla qualità, l?azienda toscana, avviata nei primi anni duemila da Florio Terenzi ed oggi guidata dai figli under 40 Federico, Balbino e Francesca Romana Terenzi, è impegnata a tutto campo per l?affermazione del celebre Morellino di Scansano in Italia e nel mondo iportare il Morellino di Scansano ai vertici dell?enologia nazionale e internazionale, valorizzare nel mondo una produzione che rimane volutamente di nicchia per essere garanzia di qualità. È questa la missione che si sono dati Federico, Balbino e Francesca Romana Terenzi, i tre fratelli under 40 alla guida dell?omonima cantina toscana, avviata dal padre Florio. Un impegno che si propone di accendere i riflettori su un territorio, quello della Maremma grossetana, che deve ancora esprimere molte delle proprie potenzialità e alla quale la famiglia Terenzi marchigiana d?origine, con buone basi nel milanese prima di trasferirsi in questo angolo di Toscana, si R 94 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 sente particolarmente legata. ?La Maremma, magica e selvaggia nella sua unicità, è bella da togliere il fiato. È terra di selvatica bellezza, di campi opulenti, di vigneti e di uliveti. Lunghi filari di cipressi sembrano avere sempre abitato qui, accanto alle vaste pinete. L?occhio incontra le quinte di meravigliose colline, giù fino al mare, a diventare scogli o spiagge sabbiose. In questa terra si moltiplica l?upupa come lo scoiattolo, il cinghiale come il barbagianni. Scansano è il suo cuore. Nel nostro, c?è lei prima di ogni altra cosa?. Può bastare questo atto d?amore per sancire un connubio che arriva da lontano e che sta cominciando a dare frutti interessanti. Oggi, a undici anni dalla prima vendemmia i risultati ci sono già: nel 2014 l?export è cresciuto in valore del 46% e in un mercato non certo facile come quello cinese Terenzi ha segnato lo scorso anno un +146% a valore, aprendosi le porte di strutture di lusso e hotel 5 stelle. ?Crediamo molto nella piazza cinese ? spiega Federico Terenzi, classe 1978, direttore commerciale dell?azienda ?, dove siamo presenti solo ed esclusivamente nel mercato tradizionale con grande attenzione al posizionamento in hotel e ristoranti di lusso, grazie alla partnership con l?importatore Montrose Fine Wines. Guardiamo a questo Paese con interesse, investendo ogni anno di più per puntare a una crescita sempre maggiore?. Oltre alla Cina, la scommessa riguarda la Danimarca, Paese in cui l?azienda di Scansano ha fatto ingresso solo nel marzo scorso, e già diventando un Nella foto Federico, Francesca Romana e Balbino Terenzi mercato importante sia in termini qualitativi che quantitativi. Altri mercati chiave per l?azienda sono Germania, Svizzera, Giappone, Usa, Canada, Olanda, Norvegia, Brasile, Belgio e Russia. Nei 60 ettari di vigneti della tenuta, immersi in un paesaggio da scoprire, i tre giovani fratelli producono circa 340 mila bottiglie l?anno, nel pieno rispetto dell?ambiente. Per Terenzi l?attenzione all?ecosostenibilità si traduce nell?autonomia energetica fotovoltaica e in un?agricoltura integrata che valorizza il terroir. Il processo produttivo, dalla conduzione delle vigne alla vendemmia, dalla vinificazione all?imbottigliamento, viene svolto dall?azienda in autonomia con un?attenzione alla qualità che è un imperativo oltre che una filosofia. I vigneti presentano esposizioni e terreni di-versi e molti di essi vengono chiamati per nome: Cerreto Piano, Crognoleta, Madre Chiesa, Montedonico e Salaioli. Madre Chiesa è il gran cru Terenzi, prodotto in località Madre Chiesa ai piedi del Monte Amiata un ex vulcano i cui suoli danno una nota minerale, che abbinata ad una eleganza e finezza particolare, rende questo vino unico nel panorama maremmano. La zona presenta un terreno ricco di Galestri, Palombini, torbiditi carcarenitiche con lembi di argille mioceniche e plioceniche. Caratterizzato da argille limose, con buona presenza di scheletro, permette di drenare molto bene l?acqua e lasciare le vigne in condizioni idriche ottimali. Si tratta di terreni molto adatti al Sangiovese, perché danno colore e calore al vino garantendo maturazioni polifenoliche complete e complesse, che consentono di vendemmiare verso la prima decade di ottobre. È qui che si raccolgono a mano le uve che danno vita al Madrechiesa Morellino di Scansano Riserva Docg, uno dei vini top dell?azienda, non a caso premiato con i 3 Bicchieri nella Guida del Gambero Rosso negli ultimi tre anni (2013, 2014 e 2015). Al Madrechiesa si affiancano altri prodotti come il Bramaluce, Francesca Romana, Morellino di Scansano, Balbino, Montedonico e Purosangue Sangiovese. Quest?ultimo è stato presentato recentemente al Vinitaly di Verona e al LE rUBriCHE ? 95 le rubriche Prowein di Dusseldorf consessi ideali per lanciare un nuovo vino che, sin dal suo nome, vuole essere un fuoriclasse ma dall?anima giovane, vicina ai gusti del consumatore moderno. Purosangue Sangiovese è il Morellino di Scansano Riserva con cui Terenzi ha voluto raccontare, in modo nuovo, il vitigno da cui ha origine. Affinato 12 mesi in botte grande di Slavonia e altri 12 mesi in bottiglia, questo vino è infatti un sangiovese in purezza ed è proprio questa caratteristica che Terenzi ha voluto esprimere con questo nome. ?Abbiamo scelto di chiamarlo Purosangue Sangiovese ? spiegano Federico, Balbino e Francesca Romana Terenzi ? per raccontare l?essenza di questo vino che è un Sangiovese in purezza di Maremma. Inoltre il purosangue è un richiamo alla tradizione Maremmana, secondo cui il nome Morellino ha origine dal cavallo Morello. Un Morellino Purosangue quindi, come gli altri Morellini della nostra scuderia. Cosa insolita per la Maremma e per il Morellino che normalmente contiene solo un 85% di questo nobile vitigno. È quindi un vino di alto profilo, ma con un ottimo rapporto qualità-prezzo. Purosangue è l?immagine più godibile del Sangiovese, adatto all?invecchiamento ma anche pronto da bere subito, giocato sul frutto, molto succoso e rotondo?. Quella firmata Terenzi è come detto una produzione, volutamente di nicchia, esportata in tutto il mondo: Giappone, Cina, Stati Uniti, Russia, Germania, Svizzera, Danimarca, Norvegia e altri mercati dentro e fuori dai confini dell?Europa. A Vinitaly e Prowein è stata presentata in anteprima l?annata 2012 oltre alle nuove annate di Balbino e Montedonico, del Passito da uve Petit Manseng (una delle ultime novità firmate Terenzi) e del Francesca Romana che con l?annata 2011 cambia uvaggio, divenendo un blend di vitigni internazionali, e che si è svelato al pubblico delle due fiere con una veste grafica completamente rinnovata. Info: www.terenzi.eu La filosofia dell?azienda Terenzi a filosofia di Terenzi si riassume e si sintetizza in 7 semplici verbi: siamo, abbiamo, creiamo, crediamo, curiamo, rispettiamo, aspettiamo. Ed è Balbino Terenzi presidente dell?azienda dallo scorso anno ad illustrarci ciò che si cela dietro queste espressioni, elette a motto, cariche di risvolti e significati. «Siamo semplicemente una famiglia che ha avuto il privilegio di essere chiamata in questa meravigliosa terra. Qualcuno dice che nessuno può amare un luogo come chi ha potuto sceglierlo. Forse non è una regola, ma per noi è verità. Abbiamo un?idea ambiziosa, ma non per questo impossibile: essere testimoni nel mondo di una terra che al mondo ha molto da dare, a cominciare dai grandi vini che è capace di regalare a chi la sa comprendere. Chi oggi nel mondo dice Morellino di Scansano parla anche di L 96 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 noi. Vorremmo che domani potesse usare una parola sola. Creiamo grandi vini moderni, nel più completo rispetto del territorio, con una cura e una competenza che queste parole non potranno mai esprimere compiutamente. Tutto il nostro processo produttivo, dalla conduzione delle vigne alla vendemmia, dalla vinificazione all?imbottigliamento, viene svolto in completa autonomia da persone che, come noi, credono in ciò che fanno. Crediamo in questa terra, capace di restituire all?uomo che la comprende i frutti inestimabili delle sue fatiche. Cerreto Piano, Crognoleta, Madrechiesa, Montedonico e Salaioli non sono soltanto i nomi dei nostri vigneti. Sono le culle di terra in cui, ogni anno, rinasce un legame senza tempo. Curiamo i frutti del nostro lavoro con le nostre sole mani, poi, sotto la stessa terra che li ha generati, portiamo a compimento ciò di cui andiamo fieri nel rispetto dei tempi, del luogo, dei materiali e del clima intorno e nel rispetto di chiunque un giorno aprirà una nostra bottiglia. Rispettiamo l?ambiente che ci circonda, così ?ecosostenibilità? per noi non è soltanto una bella parola, ma un impegno che si traduce nella nostra autonomia energetica fotovoltaica, nella piena adesione al progetto magis e a quello per un?agricoltura integrata. Anche questo si chiama amore. Aspettiamo in Maremma chi vuole fermarsi in Locanda la notte a guardare il suo cielo, per svegliarsi nel suo profumo e aprire gli occhi sui colori del suo orizzonte. Ci piace vedere i nostri ospiti lasciare che il loro tempo rallenti al ritmo di questa terra, fino a poterla gustare con ognuno dei sensi». le rubriche A tAvOLA | Il ristorante del mese il Frantoio, quando un bar ristorante diventa un connubio ideale tra cibo, design e cultura. a Capalbio È davvero un connubio ideale tra cibo, design e cultura quello che si può respirare presso il Bar Ristorante Il Frantoio a Capalbio, un locale mitico che risponde ad ogni tipo di esigenza ed è in grado di vivere e vestirsi in modo diverso a seconda dell'orario della giornata Capalbio di Paolo MastraCCa er spiegare il successo del ristorante bar Il Frantoio di Capalbio si potrebbe prendere in prestito il proverbio che recita ?chi ben comincia è a metà dell?opera?. Sicuramente ciò è vero ma non rende in pieno l?idea dei motivi per cui nel corso degli anni si è creata una perfetta sintonia tra questo grande e splendido locale e la propria clientela. P Allora andiamo per ordine ripercorrendo la storia del Frantoio che è certamente qualcosa di più di un bar e di un 98 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 ristorante ed è piuttosto un luogo camaleontico in grado di trasmettere sensazioni diverse e di offrire un servizio adeguato in base alle situazioni ed all?evolversi della giornata. Può sembrare strano ma è così, provare per credere. Per comprendere tutto ciò è necessario ripercorrere le tappe salienti di questo locale che nasce nel 1996 su impulso di Maurizio Rossi, storico ristoratore capalbiese titolare della trattoria Da Maria, ovvero colui che negli anni ottanta fece fare il salto di qualità a Capalbio introducendo un tipo di risto- razione più accurata e ricercata. L?altro promotore insieme a Maurizio Rossi è stato Mauro Lupinetti, universalmente conosciuto come Ado. I due coinvolsero nell?avventura un gruppo di amici che frequentavano abitualmente Capalbio e che avevano svariate professionalità distanti dal campo della ristorazione ma che erano rimasti affascinati dal progetto e dall?entusiasmo di Maurizio e Ado. Quindi si unirono all?avventura, tra gli altri, i giornalisti Fabio Cortese e Andrea Marcenaro, oltre all?architetto Roberto (Bobo) Liorni, colui che ha Il giardino progettato la ristrutturazione del Frantoio dando un?impronta di mix tra vissuto e contemporaneità. Un messaggio che nel corso degli anni è rimasto il segno distintivo del locale con quella patina del tempo che lascia immaginare storie e suggestioni che la Maremma e Capalbio riescono a regalare anche senza bisogno di un eccessivo sforzo di fantasia. All?inizio sembrava un?idea folle, troppo azzardata, però non era neanche troppo sbagliata. Dopo il primo anno di attività gli altri soci compresero che l?avventura era bella ma il loro mondo era orientato verso altri sguardi, per cui Ado e Maurizio coinvolgono nella compagine societaria i familiari. Entrano quindi nell?avventura con slancio ed entusiasmo Veruscha Rossi, figlia di Maurizio e Maria Concetta Monaci, moglie di Ado, la quale ben presto abbandona il proprio lavoro di farmacista per dedicarsi a tempo pieno a questa sfida affascinante. I quattro soci-familiari sono in perfetta sintonia e delineano quella che dovrà essere la filosofia del Frantoio: ?creare e tenere aperto una sorta di buen retiro, un caravanserraglio, ovvero il posto di una volta dove il viandante arrivava e trovava tutti i servizi per rigenerarsi?. A tale proposito basti pensare che Il Frantoio dispone di un proprio laboratorio che tra le altre cose produce autentiche delizie come i tozzetti ed i biscotti a base di limone e uvetta che sono molto apprezzati. I buongustai rimangono deliziati dal paté di cinghiale e dai vari sughi dove un?autentica prelibatezza è il ragù di cinghiale, senza dimenticare le confetture e le marmellate che fanno impazzire chi adora tale settore alimentare. Il locale è idoneo per rispondere a tutte le tipologie di esigenze avendo spazi accoglienti in tutti i settori. È sufficiente osservare il lungo banco di marmo che si presta benissimo per la colazione e gli aperitivi, ma anche i divani e le poltrone che sono posizionate davanti al grande camino che nel periodo invernale sono l?ideale strumento per intrattenersi in una conversazione più o meno intima. Le sale ristoranti sono ben curate, divise per fumatori e non fumatori. In Maria Concetta Monaci estate è possibile cenare nel giardino che offre un?atmosfera particolare: sotto gli olivi, illuminato dalla luce delle candele, diventa un vero angolo di ristoro e di pace che la clientela apprezza moltissimo. In questo contesto hanno un ruolo significativo le opere d?arte esposte alle pareti e anche le sculture che pendono dal soffitto o comunque collocate in angoli che ne valorizzano l?importanza e la bellezza e che rimandano all?attività culturale che si svolge negli spazi appositamente ristrutturati che occupano soffitto e sottotetto. Ciò che abbiamo appena descritto è chiaramente l?espressione di un connubio ideale tra cibo, design e cultura che si tramuta nel buon vivere che si riallac- LE RUBRICHE ? 99 le rubriche La sala del camino cia alla filosofia del Frantoio. Un altro aspetto che caratterizza i proprietari è la capacità e la volontà di intercettare le esigenze e le tendenze della clientela. Per tale motivo dal 2001 è stato allestito l?angolo libreria dove sono sempre esposte le novità editoriali del momento, i libri più venduti in classifica e tale location rappresenta anche 100 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 un?ottima vetrina per gli scrittori che frequentano Capalbio e trovano spazio tra le cassette di vini adattati a libreria. Il menù che offre il ristorante è ampio e ben equilibrato avendo attenzione e cura alle nuove esigenze di una parte di utenti in costante crescita e ascesa. Per tale motivo propone una serie di piatti tra carne, pesce e vegano. Si può dire che il menù raffigura alla perfezione ciò che è Capalbio, ovvero una terra fantastica dove convivono coloro che praticano la caccia sportiva e gli animalisti con una forte sensibilità sui temi dell?ambiente. Su questo aspetto Maria Concetta Monaci ci spiega: ?abbiamo sempre cercato di cogliere segnali e indicatori delle esigenze della nostra clientela e declinarlo in una offerta che sia il giusto equilibrio fra la tradizione e le nuove tendenze?. Per tale motivo in cucina operano quattro validissimi elementi che tirano sempre a mano la sfoglia seguendo l?antica tradizione ed anche il ragù bolle per ore e ore esattamente come avviene la domenica in tante case maremmane. I quattro chef testano costantemente l?introduzione di ingredienti nuovi tenendo comunque ferma la tradizione. In pratica provano nuove combinazioni di gusto che portano ad elaborare piatti tradizionali ma contemporaneamente innovativi. Ad esempio, una delle specialità della casa è il filetto di spi- La sala mostre La bottega gola con impanatura di pistacchio che è un piatto assolutamente prelibato. Riscuote grande successo anche la terrina fresca di pomodoro e calamari con pesto leggero. Non può mancare la tradizionale acquacotta con l?uovo come da ricetta del vero buttero che prevede l?uovo aperto nella minestra di sedano e cipolla e quindi lentamente cotto in camicia. È curioso constatare la trasformazione dell?acquacotta che era il piatto dei poveri e adesso non è soltanto un piatto prelibato ma addirittura è diventato un piatto unico per scelta, secondo le indicazioni fornite dal dietologo, una figura inesistente quando i nostri avi cucinavano tale cibo. Ovviamente anche la cantina è fornitissima ed all?altezza della situazione con oltre seicento etichette ed una particolare attenzione al vino del territorio ma anche ai vini di valore e prestigio prodotti in varie parti del mondo. Per tornare al menù tutti gli ingredienti usati vengono scelti con attenzione da produttori conosciuti personal- La libreria Il Bar mente. Le carni provengono da allevamenti selezionati e frollate a lungo nelle celle del Frantoio allo scopo di allungare le fibre e rendere la carne tenerissima. Su questo aspetto Maria Concetta Monaci sottolinea: ?sappiamo bene che l?elaborazione di un buon piatto prevede una attenta e lenta realizzazione?. Questa osservazione è interessante e comunque non è una critica al fast food come spiega la stessa signora Monaci: ?il nostro locale permette di rispondere ad ogni tipo di esigenza e pertanto vive e si veste secondo l?orario della giornata: luminoso per la colazione ed il pranzo veloce per chi ha esigenze lavorative. Per tale tipologia di clientela proponiamo ottime insalatone miste oppure panini farciti denominati ?alla come vuoi? visto che il cliente può dare sfogo alla propria fantasia. Per l?aperitivo abbiamo luce soffusa e musica soft, camino acceso d?inverno e le candele per la cena. I ritmi poi diventano sostenuti per il cosiddetto popolo della notte con la selezione musicale affidata a famosi dj come Emanuele Vesci che anima le notti romane ed al capalbiese doc Paolo Veronesi in arte Vero. Da scoprire anche i cocktail mixati e curati da Denis, famoso in zona per il suo mojto al basilico?. Se qualcuno pensasse che questo affascinante e suggestivo viaggio culinario, di arte e di cultura si è esaurito dovrà ricredersi perché dobbiamo ancora raccontare un?altra piccola chicca che forse ci proietta alla prossima scommessa dei titolari di questo fantastico locale. Infatti nella bottega del Frantoio lo spazio boutique seguito e gestito da Livia Piccinni c?è una grande sorpresa. Sotto i cappelli di paglia e le magliette a righe di ottimo cotone si nasconde un biliardo storico, in attesa, chissà, di rispondere ad un nuovo desiderio della clientela del Frantoio... Ricordiamo che il Frantoio si trova in via Renato Fucini 10 a Capalbio, si affaccia su piazza della Provvidenza a fianco dell?omonima chiesina. I contatti sono i seguenti: tel. 0564896484, mail mc.monaci@hotmail.it, sito internet www.frantoiocapalbio.com LE rUBriCHE ? 101 le rubriche LA ricettA| Prelibatezze da cucinare e... gustare La torta salata di carciofi, una vera leccornia di un banchetto primaverile In linea con la stagione primaverile, questo mese nello spazio dedicato alle ricette presentiamo la torta salata di carciofi una proposta versatile che può essere un antipasto o un contorno o anche un accompagnamento a salumi e formaggi a merenda. Ne esistono varie versioni ma comunque la si prepari la torta salata di carciofi è una vera leccornia di un banchetto primaverile all?aria aperta di alissa Mattei uando arriva la primavera e dalle grandi foglie della pianta dei carciofi escono quelle belle testine tonde, che sono realmente boccioli e non frutti del carciofo, viene voglia di preparare una bella torta salata, che è un piatto semplice ma che può allietare i nostri pranzi, cene e scampagnate di Maggio. Qualche notizia sul carciofo. Il car- Q 102 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 ciofo è una pianta di coltura antica, originaria del Medio Oriente, usata dagli Egizi, dai Romani ed infine dagli Spagnoli in Sicilia. Il nome sembra derivare da cinis, cenere che veniva usata per i terreni dove venivano piantati i carciofi. Una curiosità su questa pianta: Pablo Neruda ha dedicato un poema a questo ortaggio (Ode al Carciofo). Tornando alla nostra ricetta, si tratta di una preparazione versatile che può essere un antipasto o un contorno o anche un accompagnamento a salumi e formaggi a merenda. I Francesi la chiamano quiche o clafoutis salato, ma a me piace chiamarla torta anche perché la ricetta che propongo è più semplice di quella francese e quindi un po? più dietetica. Naturalmente al posto della pasta brisè, potete preparare una schiacciata con pasta di pane lavorata con poco lievito la sera prima, poi la stendete su una teglia oleata, cuocete in forno ad alta temperatura per pochi minuti (250°C), la riempite con i carciofi cucinati come di seguito e chiudete con uno strato di pasta, ripassando in forno per 10 minuti, è fantastica! Vorrei dire che queste sono due versioni (contadina e nobile) dello stesso concetto di base di torta/focaccia ripiena. Un?altra versione della torta è tipo frittata senza coperchio di pasta, solo con il fondo ed i carciofi-formaggio uova come ripieno. In qualsiasi versione la prepariate è una vera leccornia di un banchetto primaverile all?aria aperta! Ingredienti per 8 persone Preparazione della pasta brisè Farina 300 g Burro 150 g uova 1 (+1 sbattuto) Sale qb Acqua fredda 50 g Mescolare velocemente gli ingredienti, anche con un robot da cucina, lavorare e mettere in frigo per almeno un?ora. Spianare e stendere su pirofila da 28 cm (altezza 2 cm). Preparazione del ripieno carciofi aglio fresco peperoncino pecorino olio extra vergine maggiorana 10 1 1 300 g 100 g qb Come si prepara Distendere la pasta brisè sulla pirofila e cuocere in forno con carta da forno, ponendo sopra fagioli per mantenere la pasta ben stesa per 15 min. a 180°C. Togliere dal forno e spennellare con l?uovo, rimettere in forno per 5 minuti. In una casseruola appassire l?aglio fresco, aggiungere il peperoncino, i carciofi, precedentemente puliti, sale ed acqua, coprire e cuocere per pochi minuti. Sistemare i carciofi sul fondo pasta brisè precedentemente cotta, aggiungere il pecorino tagliato a dadini e maggiorana, ricoprire con la pasta brisè, spennellare con l?uovo, fare un piccolo foro centrale per far fuoriuscire il vapore, cuocere per 20 minuti. Si può anche aggiungere ricotta, latte ed uova, altri formaggi, prosciutto a piacere e fantasia. *Alissa Mattei e Luciano Cipriani vi aspettano per assaporare questo, come tanti altri prelibati piatti della cucina maremmana, ma non solo, presso l?Agriturismo - Ristorante Casa Montecucco, situato tra Giuncarico e Ribolla, in loc. Castel di Pietra 58020 Gavorrano. Info per prenotazioni: tel. 0566 80135, e-mail casamontecucco@libero.it le news le news Premio mercurio 50&Più toscana 2015, premiati 54 imprenditori del commercio, turismo e servizi nelle province toscane. E tra questi anche 5 ?maestri del commercio? grossetani Nel Salone de? Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze, 54 Maestri del Commercio provenienti da tutte le province toscane hanno ricevuto il Premio Mercurio, l?onorificenza di carattere regionale assegnata da 50&Più e Confcommercio Toscana a chi ha dedicato l?intera vita al commercio, al turismo, ai servizi. ?Mercurio nella mitologia greca e latina ? ha spiegato il presidente regionale 50&Più Toscana Antonio Fanucchi ? è il dio della comunicazione e dello scambio di merci. Fare impresa nei nostri settori può dare molte soddisfazioni ma richiede grandi sacrifici e grande coraggio, ed è questo che oggi noi ci troviamo a premiare. Sono donne e uomini che hanno investito e rischiato in prima persona, che hanno resistito nelle avversità, che hanno contribuito al benessere e allo sviluppo dei nostri territori?. Negozianti tradizionali, macellai, alimentaristi, gestori di hotel, imprenditori dei servizi di tutte le province toscane hanno ricevuto il premio alla presenza dei vertici nazionali 50&Più, della dirigenza regionale e nazionale Confcommercio e delle autorità regionali e cittadine. Tra loro, hanno ricevuto il prestigioso riconoscimento anche 5 commercianti ?storici? grossetani: Eraldo Menchetti, Giuliano Menchetti, Arnaldo Bianchi, Agostino Ringressi e Alvo Sbrulli. Durante la cerimonia, Renato Borghi, presidente nazionale 50&Più, il cui intervento è stato introdotto dal saluto del Segretario Generale Gabriele Sampaolo, ha 104 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 sottolineato quanto i sentimenti e la passione siano essenziali anche nelle attività economiche e la necessità di non rinunciare alla nostra storia, ai nostri valori, ai nostri ideali. Presenti anche Franco Marinoni, direttore generale Confcommercio Toscana, Anna Lapini, presidente regionale Confcommercio ed il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. Soddisfazione è stata espressa dal presidente della 50&Più di Grosseto Alfio Franco Baraldi. ?È stata una cerimonia meravigliosa ? ha commentato a conclusione della giornata ?, in una location straordinaria come il Salone de? Cinquecento. Sono commosso, ho visto nonni a ritirare il premio con i nipoti, famiglie che da tre generazioni portano avanti la loro attività, gente che è da 50 anni che lavora con impegno, magari senza prendere un giorno di ferie. Queste persone sono la struttura portante della nostra categoria e mi auguro che siano un esempio per le nuove generazioni, che devono andare avanti superando le difficoltà e la burocrazia che esistono oggi. La 50 & Più di Grosseto cerca di dare un supporto a tutti questi lavoratori?. Ecco chi sono gli imprenditori premiati ?Mercurio? della provincia di Grosseto ARNALDO BIANCHI La passione per il mestiere di fornaio risale al periodo del passaggio del fronte nel suo paese Torniella. L?enorme movimento di persone nella bottega, la lavorazione del pane e il numero di soldati in uniforme lo affascinò talmente da farlo decidere che da grande avrebbe fatto il soldato o il fornaio. Così è diventato titolare del negozio di generi alimentari e forno a legna, gestito dalla famiglia da tre generazioni. La bottega è stata anche un punto d?incontro ed ha mantenuto nel tempo quella funzione sociale e di aggregazione che oggi non c?è più. L?attività è stata chiusa il 31 dicembre 2013. ALVO SBRULLI Alvo nato a Scansano nel 1932 è l?ultima generazione della famiglia Sbrulli che da oltre 150 anni gestisce ?L?Appalto? di Poggioferro. Dal 1927 la famiglia Sbrulli si trasferì nella nuova sede in via Amiatina, dove ancora oggi Alvo e la moglie Adria alla veneranda età di oltre 80 anni continuano l?attività. L?Appalto, il ?generi alimentari? e anche una cucina casalinga sono stati punto di riferimento nella località. Alvo per oltre 30 anni ha anche svolto l?attività di ambulante. notizie varie dalla maremma ERALDO MENCHETTI E GIULIANO MENCHETTI Nel 1950 Roberto Menchetti insieme al figlio Eraldo, inizia l?attività di artigiano delle calzature a Grosseto, producendo stivali, sandali scarponcini. Nel 1952 rileva un negozio di calzature posto in Corso Carducci 65, creando la sua prima ditta commerciale ?La Rinascente? e consentì a Roberto di inserire anche il figlio Giuliano. Nel 1962 con le mogli decisero di aprire un nuovo negozio ?Calzoleria F.lli Menchetti? al quale collabora anche la figlia. Dopo 47 anni, l?attività viene chiusa nel 2009. AGOSTINO RINGRESSI Nel 1962 inizia l?attività in Grosseto per la Società Aica ? Acam che allora era concessionaria Opel per Livorno e Grosseto. Nel 1966 sceglie di mettersi in proprio vendendo auto usate e nuove. Dopo alcuni anni diventa concessionario delle vetture Fiat Giannini con allestimenti installati dalla Giannini che le rendeva uniche e speciali, in seguito di altri due marchi, i fuori strada Aro Ischia e vetture Hyundai. Attualmente dopo 52 anni è ancora venditore plurimarche di veicoli nuovi e usati. Premio letterario ?Un monte di Poesia?, varata la decima edizione Decima edizione per il concorso letterario Premio ?Un Monte di Poesia? 2015 di Abbadia San Salvatore (Siena). L?iniziativa patrocinata da Amministrazione comunale e Proloco di Abbadia San Salvatore e dall?accademia Vittorio Alfieri di Firenze prevede 3 sezioni: Sezione poesia a tema: ?La montagna?: vita, costumi, folklore, paesaggio; Sezione a tema libero: poesie edite o inedite; Sezione giovani: poesia a tema libero riservato ai giovani che alla data di scadenza, non abbiano compiuto il diciottesimo anno di età. Solo per questa edizione c?è anche la Sezione speciale decima edizione: riservata a tutti gli autori che hanno partecipato alle precedenti edizioni, classificandosi tra la 1° alla 5° posizione. Si concorre inviando una sola poesia a tema libero edita o inedita. Tutti gli elaborati dovranno essere inviati entro il 30 giugno 2015. È consentita la partecipazione a poeti italiani e stranieri (solo testi scritti in italiano). successo per il raduno equestre nel Parco della maremma Bel successo per il raduno equestre che si è svolto il 28 e 29 marzo nel Parco della Maremma che ha visto la partecipazione di un centinaio di cavalieri provenienti da diverse città italiane. E la Maremma si conferma come la patria del turismo equestre a Maremma patria del turismo equestre? Sembra proprio di sì. E del resto non potrebbe essere diversamente considerando l?ambiente incontaminato, la natura, il clima ideale in qualunque stagione dell?anno, la varietà di strutture ricettive e soprattutto agrituristiche che questo angolo di Toscana è in grado di offrire. Una conferma di tutto questo l?ha data il bel successo riscosso dal raduno equestre del 28-29 marzo nel Parco della Maremma. Circa 100 cavalieri con tanto di cavalli provenienti da diverse città italiane hanno percorso le ippovie attraversando i monti dell?Uccellina da Talamone ad Alberese in due tappe toccando i punti più belli del parco: Cala di Forno, Le Cannelle e la spiaggia di Collelungo ricchi di storia e natura selvaggia rimasta intatta come al tempo dei L briganti. Il binomio Maremma e cavalli è stato confermato dall?elevato numero di presenze del mondo equestre che apprezza, non solo la bellezza del territorio ma anche i cavalli di razza maremmana, quelli di vecchio stampo che accompagnavano i butteri nel loro lavoro da mandriani. A rendere possibile il raduno sono state le strutture ricettive che hanno dato ospitalità ai cavalieri con le rispettive famiglie e importantissimo fornito gli alloggi per i loro cavalli; il circolo ippico dell?Uccellina al Collecchio ha ospitato circa 90 cavalli. Grazie al bel tempo e alla disciplina dei partecipanti il raduno si è svolto nel migliore dei modi lasciando tutti contenti e con la voglia di ritornare, così il raduno si ripeterà anche nel mese di ottobre nei giorni 2-3-4. LE nEWs ? 105 le news inaugurata la nuova ZPm di rispescia Studenti e istituzioni hanno recentemente tagliato il nastro della nuova Zpm Zona di protezione lungo le rotte migratorie di Rispescia. Una zona di passaggio strategica per la migrazione dell?avifauna tra la linea di costa, i Monti dell?Uccellina e l?entroterra maremmano stata inaugurata ad inizio aprile nel Centro nazionale di Legambiente a Rispescia la ?Zona di protezione lungo le rotte migratorie? (Zpm), istituita dalla Provincia di Grosseto con l?approvazione del Piano faunistico venatorio provinciale. Si tratta di un?area di 171 ettari, all?interno del Comune di Grosseto, d?importanza strategica per la migrazione dell?avifauna, visto che rappresenta una zona di passaggio obbligatorio tra la linea di costa, i Monti dell?Uccellina e i primi rilievi collinari dell?entroterra maremmana. L?area è composta da zone agricole aperte, da coltivazioni, pascoli e vede la presenza di alcune piante provviste di cavità idonee alla nidificazione dell?avifauna. Un monitoraggio dell?area ha rilevato la presenza, tra gli altri, di uccelli quali: assiolo, poiana, upupa, sparviero, balestruccio, tordo bottaccio, biancone e nibbio reale, oltre a mammiferi, rettili e anfibi. ?L?inaugurazione della Zpm ? ha spiegato Angelo Gentili, della segreteria nazionale di Legambiente e responsabile nazionale di Legambiente Turismo ? ha un ruolo importantissimo nella gestione faunistica dell?area pre-Parco, e qualifica maggiormente il nostro Centro È 106 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 nazionale, dove ogni anno centinaia di studenti, turisti e gruppi organizzati svolgono attività di educazione ambientale, turismo sostenibile e attività scientifiche. Stimolare la popolazione locale a prendersi cura del territorio e a conoscere gli aspetti più importanti a livello naturalistico è un?occasione vogliamo proporre a tutti i cittadini?. Oltre alla presentazione del pannello informativo, che illustra ai visitatori le specie presenti nella Zpm e le rotte migratorie a livello internazionale, è stata anche inaugurata l?area con il taglio del nastro che darà il via anche ad attività naturalistiche come escursioni, laboratori didattici e avvistamenti in strutture dedicate che valorizzeranno ulteriormente l?intera area durante tutto l?anno. Alla mattinata hanno partecipato, oltre ad Angelo Gentili della segreteria nazionale di Legambiente, anche Arsenio Carosi Assessore alla Mobilità del Comune di Grosseto, Massimo Machetti responsabile settore Conservazione Provincia di Grosseto, Luciano Monaci presidente Atc Gr7, Claudio Del Re Presidente Ente terre regionali toscane, Lucia Venturi Presidente del Parco naturale della Maremme. Sono ammesse fino ad un massimo di tre poesie per ogni sezione. Le premiazioni si svolgeranno domenica 18 ottobre 2015 in occasione della Festa d?Autunno presso Centro Polifunzionale Giovani. Per info rivolgersi a: Pro Loco e Consorzio Terre di Toscana tel. 0577 778324. Le ?terre della maremma? hanno incontrato la Cina di Expo: firmato l?accordo di interscambio commerciale con le imprese maremmane Le realtà produttive della Maremma toscana e laziale verso il mercato cinese. Se ne è parlato il 10 aprile all?Auditorium di Orbetello con ?Terre della Maremma incontra la Cina di Expo?, l?incontro istituzionale tra l?amministrazione capofila dell?associazione Terre della Maremma, Orbetello, i rappresentanti di tutti i comuni consociati, e Zhang Gang, segretario generale dell?Aici, associazione delle imprese di Cina in Italia, delegato dal suo Paese ad Expo 2015 per rappresentare le aziende del settore agro-alimentare. Il momento più importante è stato la firma del protocollo d?intesa per interscambi commerciali con le imprese dell?agroalimentare del territorio. ?Si tratta di un?opportunità unica nel panorama della promozione dei prodotti maremmani in Cina ? commenta Marcello Stoppa, vicesindaco di Orbetello ?. È una vera e propria corsia preferenziale che permette alle eccellenze del nostro territorio di raggiungere uno dei mercati più importanti del mondo, senza il bisogno di districarsi nella complicata burocrazia del posto o perdersi nel mare magnum della proposta commerciale?. Erano presenti tutti i sindaci dei venti Comuni della Provincia di Grosseto e della Provincia di Viterbo aderenti all?Associazione e una delegazione di Aziende dei rispettivi territori selezionati dagli stessi Comuni, i Presidenti delle Province di Grosseto e di Viterbo e i Presidenti delle rispettive Camere di Commercio. L?Associazione tosco-laziale ?Terre della Maremma? dei Comuni di Capalbio, Isola del Giglio, Magliano in Toscana, Manciano, Monte Argentario, Orbetello, Sorano e Scansano in bassa Toscana e dei Comuni di Arlena di Castro, Canino, Capodimonte, Cellere, Ischia di Castro, Montalto di Castro, Tarquinia, Tuscania,Valentano, Farnese e Tessennano nel alto Lazio è nata nel 2005. Scopo principale dell?Associazione è quello di diffondere il generale interesse per il turismo, il territorio e la sua cultura, per favorire le forme di accoglienza ed informazioni turistiche attraverso una serie di iniziative e progetti promozionali con riferimento al turismo nazionale e internazionale. Un?area molto estesa facente parte in tempi remoti di un?identità territoriale unica, pur con l?avvicendamento della presenza e il dominio di popoli diversi, fino a risultare divisa dal confine dello Stato della Chiesa e del Granducato di Toscana e, in epoca recente, dalla istituzione delle Regioni Lazio e Toscana. ruzzola, nizzola, pentolaccia: i giochi della tradizione popolare in un convegno Si è svolto l?11 aprile scorso nella sala consiliare del Comune di Manciano il convegno dal titolo ?I giochi della tradizione popolare?. L?iniziativa, promossa dall?assessorato alla Cultura del Comune di Manciano, ha visto la partecipazione di Quirino Galli, direttore del museo delle tradizioni popolari di Canepina, in provincia di Viterbo, animatore di importanti manifestazioni dedicate al recupero e alla conservazione delle tradizioni popolari. Dopo il saluto introduttivo dell?assessore alla Cultura Giulio Detti, il direttore Quirino Galli ha presentato l?esperienza del museo di Canepina, gli annuali convegni dedicati alle tradizioni popolari ?Tra Arno e Tevere? e le pubblicazioni degli atti che li accompagnano. Sul tema dei giochi della tradizione popolare sono intervenuti: lo storico Angelo Biondi (Quando si giocava senza giocattoli), il professor Lucio Niccolai (su alcuni giochi come la nizzola, la pentolaccia, la ruzzola, tradizioni popolari da recuperare e valorizzare) e l?assessore all?Urbanistica Daniele Pratesi (il dibattito nel Consiglio comunale di Manciano sul gioco della ruzzola e i luoghi di svolgimento del gioco nei primi del Novecento). ?L?amministrazione comunale ? spiega l?assessore Giulio Detti ? con il prezioso aiuto del professor Lucio Niccolai ha organizzato con grande piacere questa iniziativa sui giochi popolari. Negli ultimi anni, con la ruzzola urbana giocata nel torneo di Vivamus, si è cercato di valorizzare le antiche tradizioni e mi auguro che da questo convegno nascano altre idee interessanti per organizzare, in futuro, iniziative specifiche in collaborazione con altri comuni limitrofi?. Alla giornata hanno partecipato il sindaco di Manciano Marco Galli e l?assessore alla Cultura di Canepina, Carlo Palozzi. acquario comunale e club subacqueo, eccellenza culturale della città di Grosseto Una mattinata all?insegna dell?attività del Club subacqueo Grossetano, quella organizzata il 10 aprile scorso per celebrare oltre un anno di rinnovata gestione dell?Acquario comunale nella Troniera degli Arcieri. Il Club è una realtà storica, nata nel 1952, che vanta oggi 165 soci e che può ormai contare su validi percorsi espositivi e su di un vero e proprio ?Centro comunale didattico sul mare? dal grande valore scientifico nel campo dello studio delle biodiversità, nonché ?Centro Recupero delle Tartarughe Marine?; un riferimento per tutta la Toscana e un ulteriore luogo privilegiato per la promozione della cultura cittadina perché capace di rappresentare una vera e propria eccellenza nel cuore delle Mura, tanto da essere importante anche per il conseguimento della ?Bandiera Blu?. Soddisfazione è arrivata dal sindaco Emilio Bonifazi che ha sottolineato come:?(...) questa struttura rappresenti una grande opportunità nel cuore delle Mura, tanto come svago per appassionati quanto come strumento di ricerca scientifica per studiosi e di accrescimento culturale per le scuole. E poi è proprio un bel luogo, suggestivo e accogliente, che merita di essere visitato e valorizzato?. ?L?immagine del vecchio Acquario comunale è scomparsa ? ha spiegato l?assessore alla Cultura, Giovanna Stellini ? per fare spazio a quella di un luogo da vivere e che può essere, e lo sarà, teatro di tanti eventi in città: abbiamo oggi una realtà più accogliente, moderna e densa di conoscenze: un vero patrimonio a disposizione di tutti: ricercatori, appassionati, turisti e studenti di ogni età?. Il Presidente del Club Subacqueo Grossetano, Fabio Biagini ha voluto evidenziare: ?(...) la passione degli associati, di tanti campioni vincitori di titoli italiani, europei e mondiali, che si adoperano per diffondere la conoscenza, la cultura, il rispetto e l?amore per il mare con un impegno costante, per niente facile ma ricco di soddisfazioni, visto il successo delle iniziative organizzate e l?entusiasmo per quelle in programma?. L?ATTIVITà DEL CENTRO. Dopo aver ottenuto nel dicembre del 2013 l?autorizzazione provinciale per poter ospitare e curare le tartarughe marine in difficoltà e dopo gli importanti lavori di manutenzione straordinaria ai locali, rimessi completamente a nuovo e resi più fruibili, il Centro ha fatto un salto di qualità. Negli anni è stato in grado di ospitare in maniera permanente centinaia di tartarughe bisognose di ricovero e, a febbraio 2014, è stata firmata una nuova convezione tra l?Amministrazione e l?associazione con la nascita del vero e proprio ?Centro Recupero Tartarughe Marine? (da giugno 2014 partner ufficiale della Rete Toscana dell??Osservatorio Toscano Cetacei e Tartarughe Marine?). Nell?ottobre successivo è arrivata l?importante autorizzazione ufficiale da parte del Ministero dell?Ambiente: l?impegno è dunque quello nelle attività di ricerca, monitoraggio e conservazione, prelievo, trasporto, detenzione e manipolazione finalizzata al soccorso e cura delle tartarughe marine, seguito dalla significativa attività di liberazione delle stesse. Attualmente sono 4 gli esemplari ricoverati in attesa di essere reimmessi in mare. Sabato 11 aprile, due di loro, sono state reinserite e dotate di trasmettitori satellitari per rivelare i loro spostamenti e studiarne il comportamento. LE nEWs ? 107 le news Vari convegni e iniziative sono state organizzate in questo anno e numerosi esemplari di tartaruga marina sono stati curati e protetti a Grosseto dopo essere stati salvati lungo tutta la costa maremmana. Il Centro con ingresso in via Porciatti è quotidianamente meta delle scuole e di studenti di ogni età provenienti da tutta la Provincia. Tra le attività previste anche laboratori, tirocini universitari e stage formativi. La sede è stata arricchita recentemente di ulteriori pannelli espositivi che permettono un valido e reale percorso didattico e informativo che rende la troniera un centro comunale didattico sul mare di grande completezza. L?orario di apertura al pubblico (a prescindere dagli appuntamenti delle scuole) prevede il martedì dalle 9,30 alle 12,30, il giovedì dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 18 e il sabato dalle 16 alle 19. Un impegno importante reso possibile anche grazie al sostegno di tante aziende e attività cittadine. tornano i collegamenti della linea 17 per alberese e marina di alberese Si sono intensificati dal 3 aprile i servizi della linea urbana 17 di Tiemme che effettua il collegamento tra le località di Alberese, Rispescia e Marina di Alberese. In accordo con l?Ente Parco Regionale della Maremma, il Comune di Grosseto e la Provincia di Grosseto, Tiemme ha attivato il servizio per un periodo di tempo più ampio rispetto al passato, ovvero già dal fine settimana di Pasqua e fino al 4 ottobre 2015. Una soluzione di mobilità sostenibile per raggiungere le aree del Parco della Maremma e la relativa spiaggia, utile sia per la cittadinanza residente che per i 108 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 turisti in visita sul territorio. Nel periodo che va fino al prossimo 10 giugno e, successivamente, dal 7 settembre al 4 ottobre 2015, la linea 17 è attiva nei fine settimana, nei giorni di venerdì, sabato e domenica con orario dalle 9 alle 19. A questi giorni si aggiungeranno anche tutte le giornate festive e i relativi ponti primaverili in calendario nelle prossime settimane, quindi venerdì 1° maggio e lunedì 1° e martedì 2 giugno (ponte per la Festa della Repubblica). Durante l?estate poi la linea 17 sarà attiva tutti i giorni. Il biglietto prevede il costo ordinario con tariffa urbana (1,20 euro, tariffa B): per l?acquisto gli utenti possono rivolgersi alle biglietterie autorizzate oppure scaricare la App Tiemme Mobile che consente l?accesso alla modalità di acquisto online tramite il sistema Ticco. Il quadro completo degli orari della linea 17 è disponibile alle paline di fermata, alle biglietterie aziendali o sul sito web di Tiemme. Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi al servizio Info Mobilità chiamando l?800-922.984 da telefono fisso o l?199-168.182 da cellulare. Con ?accadueo? studenti a teatro per applaudire otto storie sull?acqua Il 9 aprile scorso sul palco del Nuovo Teatro comunale di Santa Fiora la compagnia Giallo Mare Minimal Teatro ha portato in scena lo spettacolo ?Accadueo?, testo e regia Vania Pucci, immagini eseguite dal vivo Ornella Stabile, luci e allestimento Lucio Diana, tecnico audio e luci Roberto Bonfanti, contributo alla drammaturgia Renzo Boldrini. L?appuntamento, organizzato da Acquedotto del Fiora in collaborazione con il Comune di Santa Fiora, fa parte del ricco calendario promosso da Acquedotto del Fiora, che nell?anno di Expo 2015 ?nutrire il pianeta, energia per la vita? ha scelto di utilizzare come filo conduttore delle proprie iniziative il tema della ?sostenibilità?. Oltre al presidente di Acquedotto del Fiora Tiberio Tiberi, hanno partecipato all?evento per il Comune di Santa Fiora il consigliere comunale con delega alla cultura Luciano Luciani e per il comune di Castel del Piano l?assessore al turismo Stefania Colombini. I circa 200 bambini presenti, provenienti dalle scuole primarie di Santa Fiora, Castiglione della Pescaia, Istia d?Ombrone, Castel del Piano e Staggia, hanno assistito alla messa in scena di otto piccole storie sull?acqua: a narrarle l?attrice Vania Pucci e l?artista multimediale Ornella Stabile, che ha utilizzato una particolare macchina scenografica: una videocamera riprende un piano colmo di sabbia che le sue mani scolpiscono, modellano, disegnano con straordinaria abilità. Al termine dell?appuntamento, alcune delle classi presenti si sono recate in visita alle sorgenti di Santa Fiora, per vedere dal vivo l?inizio del ?ciclo dell?acqua potabile? nel sistema idrico integrato, dove la risorsa idrica sgorga dalla montagna per essere poi incanalata nelle condotte e da qui arrivare nelle case, viaggiando attraverso gli oltre 8.300 chilometri di reti acquedottistiche gestite da Acquedotto del Fiora. ?Expo 2015 ?nutrire il pianeta energia per la vita? pone l?attenzione sulla sostenibilità alimentare ? ha commentato il presidente di Acquedotto del Fiora Tiberio Tiberi ? tema che ben si coniuga con la sostenibilità idrica e ambientale, ?missione? di chi quotidianamente è impegnato nella distribuzione di acqua per i bisogni dei cittadini, nella collettazione e depurazione delle acque reflue per la salvaguardia ambientale e nella promozione e divulgazione della cultura dell?acqua e del suo uso consapevole. Già in passato, grazie anche alla collaborazione con altre istituzioni, enti e associazioni, il gestore ha realizzato progetti educativi sulla risorsa idrica, rivolti in particolar modo ai ragazzi, i protagonisti di domani. Per questo 2015, quello di Expo, da una parte Acquedotto del Fiora ribadisce con ancora più forza, la valenza della cultura dell?acqua e della salvaguardia ambientale, dall?altra continua a garantire un?intensità d?investimenti di circa 100 euro all?anno ad abitante residente, oltre 3 volte la media nazionale. Rendere ancora più efficiente il servizio erogato, migliorare la qualità della vita dei cittadini e salvaguardare il territorio e il suo ambiente contribuiscono a costruire quella nuova idea di futuro che la Regione Toscana presenterà ad Expo 2015, un?idea che fa della sostenibilità e della qualità della vita delle condizioni imprescindibili alla base di ogni possibile e realizzabile progetto di sviluppo?. trofeo Città di Follonica, premiati i vincitori del quarto concorso fotografico nazionale Grande successo e partecipazione per la cerimonia di premiazione del quarto concorso fotografico nazionale Trofeo Città di Follonica 2015 organizzato da Fotoclub Follonica BFI con il patrocinio di FIAF che si è tenuta il 18 aprile presso la Pinacoteca Civica di Follonica. Sono intervenuti i vincitori, i giurati ed i sostenitori del concorso fotografico: Comune di Follonica, Elettromar S.p.A., Banca Cras, Villaggio Mare Si, Moris Farms. Giunto alla quarta edizione il ?Trofeo Città di Follonica 2015? ha visto aumentare di circa il 42% le iscrizioni rispetto l?anno precedente. Le tre giurie ? giuria per la Sezione Tema Libero composta da Carlo Lucarelli, Bruno Madeddu, Michele Buonanni chiamati ad esaminare 1.719 fotografie di 439 autori; giuria della Sezione Tema Natura composta da Valter Bernardeschi, Giovanni Frescura, Fabio Beconcini chiamati ad esaminare 799 fotografie di 204 autori; giuria della Sezione Portfolio composta da Fausto Podavini, Saverio Langianni, Orietta Bay chiamati ad esaminare i portfolio di 284 autori ? al termine di un lavoro molto impegnativo, hanno individuato i seguenti premi come da regolamento: Premio Miglior Autore: Sara Munari, con il portfolio ?Sonia? Premio Miglior Autore Under 29: Tiberio Ventura, con il portfolio ?South-?side Shadows? Primo premio Tema Libero: Giovanni Cappiello, con l?opera ?From Above? Secondo premio Tema Libero: Rosario Lo Presti, con l?opera ?Allahbad, 2013? Terzo premio Tema Libero: Bruno Cherubini, con l?opera ?Donne In Fabbrica? Primo premio Tema Natura: Marco D?agaro, con l?opera ?Tra I Crocus? Secondo premio Tema Natura: Milo Angelo Ramella, con l?opera ?Panda Giocoliere? Terzo premio Tema Natura: Mirko Zanetti, con l?opera ?Jaguar 1? Primo premio sezione Portfolio: Simone Stefanelli, con il portfolio ?Voodoo Night? Secondo premio sezione Portfolio: Andrea Foligni, con il portfolio ?Grazie e Arrive- ?stendardi d?artista?, mostra urbana a massa marittima Una mostra urbana in forma di concorso. È l?idea avuta dall?Associazione Culturale ?Art@ltro? in collaborazione con il Comune di Massa Marittima con l?iniziativa ?Stendardi d?artista? che terrà banco per tutta l?estate nella Città del Balestro i chiama ?Stendardi d?artista? 2015 ed è una bella iniziativa promossa dall?Associazione Culturale ?Art@ltro? in collaborazione con il Comune di Massa Marittima, con l?approvazione e adesione della Consulta delle Associazioni culturali della città. ?L?invito ? sottolineano gli ideatori ? è rivolto agli artisti affinché propongano un?opera, sotto forma di stendardo, da esporre nel centro storico (via Moncini, via della Libertà, via Goldoni e altre vie) di Massa Marittima per la stagione estiva 2015. Lo scopo è di creare dei nuovi, affascinanti percorsi che s?intreccino con i monumenti, le vie, le piazze e la storicità del luogo, attraverso un intervento di arte urbana. Mettendo in gioco le proprie idee e la propria creatività, ogni artista è libero di realizzare uno stendardo ? o anche più di uno ? con un tema a sua scelta, rispettando solamente i vincoli indicati nel Regolamento. A questa mostra urbana è abbinato un Concorso: nei mesi d?esposizione (tra giugno e settembre) i passanti potranno ammirare i lavori e votare quello preferito attraverso tagliandi, reperibili nei negozi e nelle attività commerciali e turistiche?. Ai più votati saranno assegnati premi e riconoscimenti. S La partecipazione a ?Stendardi d?artista 2015? è libera e gratuita. Gli stendardi, a tema libero, devono essere realizzati con materiali e tecniche scelti dall?artista, ma adatti necessariamente a resistere all?aperto. Sono accettate anche fotografie. Gli stendardi consegnati dagli artisti entro il 22 maggio 2015 saranno esposti dal 23 al 31 maggio nella Palazzo dell?Abbondanza, in occasione della Mostra storica dei Terzieri e della presentazione del Palio per il Balestro del Girifalco. Da qui, saranno poi appesi nelle vie cittadine. Qualora gli artisti consegnassero gli stendardi successivamente, gli stessi saranno appesi secondo i tempi tecnici indicati dal Comune di Massa Marittima. Indicativamente, gli stendardi rimarranno in esposizione dal 1 giugno al 30 settembre 2015, salvo problemi tecnici o imprevisti e salvo la possibilità di estendere la mostra anche a ottobre. Il termine per partecipare è fissato al 10 maggio. Info: Associazione Art@ltro, via della Libertà 15 - 58024 Massa Marittima (Gr), sito web www.ArtAltro.it, email artaltro@gmail.com LE nEWs ? 109 le news i due bus elettrici di E-Life a milano per l?Expo La Maremma e la Toscana protagoniste dal 1° maggio con il trasporto pubblico a impatto 0. E-Life fornirà gli autobus grazie all'accordo con la società Arriva realtà che gestirà i servizi di trasporto all'Expo, in seguito all'aggiudicazione del relativo bando di gara stato Emilio Bonifazi, sindaco e presidente della provincia di Grosseto, a salutare i due imponenti rappresentanti della Maremma Toscana in partenza per l?EXPO di Milano. I due bus elettrici ? i primi in Europa con queste caratteristiche ? il 23 aprile sono partiti dalla piazza principale di Grosseto per arrivare regolarmente a Milano dove saranno in servizio a partire dal 1° maggio fino al 31 ottobre 2015. E-Life fornirà gli autobus grazie all?accordo con la società Arriva realtà che gestirà i servizi di trasporto all?Expo, in seguito all?aggiudicazione del relativo bando di gara. I bus, oltre alla loro tecnologia porteranno in giro durante l?Esposizione Universale il marchio ?Maremma Toscana? stampato sulle fiancate e quello di Toscana Promozione. Si calcola che nei 6 mesi di servizio trasporteranno migliaia di persone. Il marchio E-Life (Eletric Mobility European Dealer), affiancato da quello territoriale di ?Maremma Toscana?, sarà stampato anche sui titoli di viaggio appositamente realizzati e distribuiti quale biglietto utile per usufruire dei servizi di collegamento. È 110 ? Maremma Magazine ? Maggio 2015 ?La nostra terra manda all?EXPO, oltre alle iniziative organizzate dai nostri Comuni, due straordinari ambasciatori ? commenta Emilio Bonifazi, sindaco e presidente della Provincia di Grosseto ? Sono la sintesi di ciò che vogliamo raccontare della nostra terra. La tecnologia e la ricerca da cui sono nati i bus di E-Life ben rappresentano l?intelligenza e la volontà di innovazione delle nostre comunità, il rispetto dell?ambiente che garantisce la loro fonte di trazione conferma le scelte che da sempre sono state fatte nell?amministrare la Maremma. È un grande risultato per l?impresa pensata e promossa localmente di cui andiamo fieri?. ?Grazie alla presenza degli autobus di E-Life ad Expo 2015 il messaggio della Toscana all?Esposizione Universale sarà ulteriormente rafforzato ? commenta Silvia Burzagli, vice direttore di Toscana Promozione e coordinatrice della partecipazione regionale a Expo -. La Toscana, infatti, arriva a Expo con un claim forte che apre al racconto di una storia fatta di ricerca e innovazione applicata ad ogni ambito e settore della nostra vita ed economia. In questo, E-Life diventa testimonial di primo piano non solo dell?eccellenza della Maremma, ma di tutta la nostra Regione?. derci? Terzo premio sezione Portfolio: Francesco Comello, con il portfolio ?Bolivia, diario di un Fotografo Visionario? Premio speciale Elettromar: Cristiana Bonazza, con l?opera ?Passo Bernina? Premio speciale Banca Cras: Alberto Ghizzi Panizza, con l?opera ?Io Dormo Da Solo? Premio speciale MorisFarms: Simone Boddi, con l?opera ?Pienza 13? Premio speciale MareSì: Massimo Panzavolta, con l?opera ?Linee e Orizzonti? Premio speciale Miglior Ritratto: Alessandra Barsotti, con l?opera ?R? Premio speciale Miglior Paesaggio: Elena Bacchi, con l?opera ?Lago Santo? Premio speciale Miglior foto sportiva: Giulio Montini, con l?opera ?Cavalli sul ghiaccio? Premio speciale della Giuria: Aldo Soligno, con il portfolio ?The Struggling Life Of Gay Community In Uganda? Nell?occasione è stata inaugurata la mostra fotografica delle opere in concorso premiate che rimarrà aperta fino al 17 maggio. da manciano a Cannes, ?Uomo in mare? della regista santarelli ?Uomo in mare? è il cortometraggio scritto e diretto dalla regista mancianese Antonella Santarelli con la collaborazione artistica di Enrica Antonioni. Il corto parteciperà dal 13 al 24 maggio al Festival di Cannes nella sezione riservata agli short film, una vetrina importante per il mercato internazionale. ?Uomo in mare? è stato girato in Maremma tra il Monte Labro e Marina di Alberese, racconta la storia di un gruppo di persone in meditazione su una montagna, che con alcuni rituali cercano di accedere a mondi paralleli. ?In questa storia ? spiega la regista Santarelli - si cerca di raccontare il dualismo che c?è in ogni aspetto della vita, il buio e la luce, il femminile e il maschile, credere e non credere e soprattutto il tentativo da parte dell?uomo di cercare di entrare in contatto con il linguaggio dell?armonia universale, dove tutto si unisce per diventare una cosa sola?. Il dialogo all?interno della Grotta di Davide Lazzaretti, è formato dai frammenti tratti dal libro ?Il miele? di Tonino Guerra, la cui moglie Eleonora Guerra ha dato il permesso di usare. Gli attori principali sono Guido Rosetti attore esordiente di Ravenna e Irene Paoletti insieme al Teatro Studio di Grosseto. La fotografia è di Miles Furnell, mentre le musiche sono di Mauro Tiberi e Paolo Fresu. Antonella Santarelli è nata a Manciano nel 1967. Si laurea in architettura all?università degli studi di Firenze nel 1999. Lavora come architetto a Firenze, Parigi e Londra ed è titolare dello Studio Arcadia a Poggio Murella, nel comune di Manciano. Nel 2011 frequenta un master per l?organizzazione di eventi culturali. Nel 2012 realizza, come produttore esecutivo ?Alla ricerca della bella Antiglia? per la pro loco di Poggio Murella e il documentario ?Sulle tracce di Antiglia? nel 2013 come regista e produttore. Per interviste alla regista scrivere all?indirizzo e-mail: arcadiatuscany@gmail.com La Parrocchia di san Giuseppe in festa per il suo patrono e per i 75 anni di consacrazione della chiesa Festa grande a Grosseto per la Parrocchia di San Giuseppe che ha celebrato il suo patrono e i 75 anni di consacrazione della chiesa. Era il 19 marzo 1938 quando la parrocchia di San Giuseppe venne ufficialmente eretta: fu la prima fuori dalle mura cittadine. Fino a quel momento, infatti, la città di Grosseto aveva solo la parrocchia della Cattedrale. Il vescovo Paolo Galeazzi desiderò costruire la nuova chiesa parrocchiale per venire incontro alle esigenze spirituali di una città in espansione, con la popolazione che stava crescendo e che iniziava ad abitare anche oltre il perimetro del centro e dell?anello intorno alle Mura Medicee. La nuova parrocchia, in via Sauro nel quartiere Barbanella, fu dedicata a San Giuseppe in ricordo del passaggio a Grosseto di Papa Innocenzo II il 19 marzo 1133. In quell?occasione il pontefice firmò la Bolla ?Iustus Dominus? con cui sancì la pace fra la Repubblica di Pisa e quella di Genova mentre cinque anni dopo, il 9 aprile 1138, con la Bolla ?Sacrosancta Romana Ecclesia? avrebbe elevato Grosseto a rango di città trasferendovi la sede vescovile da Roselle. La prima pietra della nuova chiesa fu posta il 27 aprile 1935, il 19 marzo 1938 fu eretta a parrocchia e il 14 aprile 1940 venne consacrata. Quest?anno sono, dunque, 75 anni dalla consacrazione e la comunità parrocchiale, con il parroco don Fabio Bertelli e il vice don Patrizio Corbelli, hanno desiderato festeggiare questa particolare ricorrenza, abbinandola alla festa del patrono San Giuseppe. Le celebrazioni si sono tenute domenica 22 marzo. In mattinata si è svolta la pro- cessione per le vie del quartiere, al termine della quale il vescovo Rodolfo ha presieduto la solenne concelebrazione eucaristica animata dal coro parrocchiale. Ha fatto seguito un pranzo comunitario. Nel pomeriggio nel campino da calcio esposizione-gara canina con gli amici di ?Pelosetti nel cuore?, seguito in chiesa dal concerto del ?Leopoldo gospel choir? diretto dal maestro Rossano Gasperini. È stata inoltre allestita una mostra fotografica per ripercorrere i momenti salienti dei 75 anni di vita parrocchiale. In occasione della festa patronale dedicata a San Giuseppe, sposo di Maria, padre putativo di Gesù, ma anche lavoratore, sono stati presenti anche l?animatore diocesano del ?Progetto Policoro? e rappresentanti dell?ufficio diocesano per la pastorale sociale e del lavoro, per far conoscere ancor di più l?iniziativa organica della Chiesa italiana per tentare di offrire risposte concrete al problema della disoccupazione, soprattutto giovanile. Il ?Progetto Policoro? non è un ufficio di collocamento, ma un percorso molto operativo e concreto che affronta il problema della disoccupazione, specialmente giovanile, attivando iniziative di formazione e una nuova cultura del lavoro per promuovere e sostenere coloro i quali hanno un?idea imprenditoriale. Partito all?inizio di quest?anno anche nella nostra diocesi, ha visto un?attività già molto intensa. resistere, pedalare, resistere. in bicicletta lungo i sentieri della memoria Il 26 aprile scorso, in occasione del 70° anniversario della Liberazione dal nazifascismo è tornata, per il terzo anno consecutivo, ?Resistere Pedalare Resistere in Bicicletta sui sentieri della Memoria?, iniziativa promossa in tutta Italia da FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) e a Grosseto, dall?Associazione Culturale FIAB-Grossetociclabile in collaborazione con ISGREC, ANPI e Festival Resistente. Dopo gli appuntamenti dedicati alla Memoria dei Martiri di Istia (28 Aprile 2013) all?eccidio di San Leopoldo (27 Aprile 2014) e alla lotta partigiana del Tenente Gino (18 Maggio 2014) l?appuntamento 2015, si è legato ad un evento, avvenuto il 17 Giugno 1944 nel comune di Roccastrada in località Ponte del Ricci e culminato con lo scontro a fuoco tra una formazione partigiana e l?esercito tedesco, che vide la tragica morte di quattro giovani partigiani. L?iniziativa, un vero e proprio ?Itinerario della Memoria?, ha visto partenza e arrivo a Sticciano Scalo ed ha offerto un itinerario nel quale sono state ripercorse, in bicicletta, le stesse strade che in quegli sciagurati giorni furono percorse dalle staffette partigiane e dai convogli dell?esercito tedesco in ritirata, con una breve cerimonia commemorativa sul luogo dello scontro posto all?incrocio dell?attuale SP 31 e la SP 19 di Montemassi. Il momento commemorativo non si è esaurito però con la ricerca della ?memoria storica? ma nella seconda parte ha offerto anche un lungo tratto attraverso il Parco delle Colline Metallifere, sulle strade delle vecchie miniere di Ribolla. L?evento in bicicletta è promosso dall?Associazione Culturale FIAB-GROSSETOCICLABILE. La ricostruzione dei fatti, con reading tratti dal libro di Cinzia Pieraccini ?Una strage da riscoprire, 17 giugno 1944, Ponte del Ricci? è stata curata dall?Istituto Storico Grossetano della Resistenza e dell?Età Contemporanea. LE nEWs ? 111 marEmma maGaZinE mensile di informazioni turistiche e culturali sulla maremma Registrazione presso il Tribunale di Grosseto n. 8 del 23 settembre 2002 iscrizione ROC n. 10360 del 26.8.2004 Poste italiane spa Spediz. in Abbonamento Postale - d.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, dCB Grosseto dirEttorE rEsPonsaBiLE Celestino Sellaroli rEdaZionE Maurizio Bernardini, Vanna Francesca Bertoncelli, Angelo Biondi, Francesca Costagliola, Claudia della Monaca, Stefano Fabbroni, Sara Landi, Maria Grazia Lenni, Rossano Marzocchi, Paolo Mastracca, Alissa Mattei, dianora Tinti, Antonella Vitullo, Eleonora Zannerini, Sabino Zuppa ConsULEnZa EditoriaLE Corrado Barontini EditorE CS Editore dirEZionE, rEdaZionE E PUBBLiCità CS Editore, Via Tripoli n. 10 - 58100 Grosseto - Tel. 0564 20426 - Fax 0564 429364 - Cell. 349 2872103, email maremma.magazine@virgilio.it oppure info@maremma-magazine.it, sito web www.maremma-magazine.it stamPa Tipolitografia Ambrosini Gianfranco Zona industriale Loc. Campo Morino - 01021 Acquapendente (VT) - Tel. 0763.711040, sito web www.tipografiaambrosini.it, e-mail info@tipografiaambrosini.it arrEtrati i numeri arretrati possono essere richiesti a CS Editore - Via Tripoli n. 10 - 58100 Grosseto - Tel. 0564 20426 Fax 0564 429364, inviando anticipatamente l?importo pari al doppio del prezzo di copertina, mediante assegno bancario non trasferibile intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli o bollettino sul conto corrente postale n. 39735576 intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto aBBonamEnti PreZZi: una copia euro 3,50; abbonamento annuale (10 numeri): euro 30,00 per l?italia ed euro 140 per l?estero. L?abbonamento decorrerà dal primo numero disponibile (prima della spedizione mensile in abbonamento postale) e potrà avere inizio in qualsiasi periodo dell?anno. Per il rinnovo attendere l?avviso di scadenza. Modalità di PagaMento: Gli importi indicati potranno essere versati: ? tramite assegno non trasferibile intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, da inviare a CS Editore, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; ? mediante bollettino postale sul conto corrente n. 39735576 intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; ? mediante carta di credito. sUGGErimEnti Le informazioni inserite in questo numero sono state raccolte in anticipo rispetto alla programmazione definitiva degli eventi. Suggeriamo pertanto ai lettori di verificare sempre, telefonicamente, se non siano intervenuti cambiamenti nelle date, negli orari. La redazione di Maremma Magazine non assume alcuna responsabilità per quanto riguarda l?effettiva attuazione delle iniziative elencate nelle pagine precedenti, né per eventuali cambiamenti di programma. PEr Contatti Gli enti, le associazioni, le pro loco, i privati che volessero inviarci i calendari delle varie manifestazioni possono farlo: ? per fax al numero 0564/429364; ? per posta ordinaria all?indirizzo Maremma Magazine c/o CS Editore, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; ? per e-mail agli indirizzi: redazione@maremma-magazine.it oppure maremma.magazine@virgilio.it N.B. I programmi degli eventi devono tassativamente pervenire in redazione entro il 20 del mese precedente a quello nel quale andranno a svolgersi. Eventuali collaborazioni sono libere e gratuite. © 2015 CoPyriGHt Cs EditorE Tutti i diritti riservati. Testi, fotografie e disegni contenuti in questo numero non possono essere riprodotti, neppure parzialmente, senza l?autorizzazione scritta dell?Editore. Questo periodico è associato all?usPi unione stampa Periodica italiana e all?a.n.e.s. associazione nazionale editoria Periodica specializzata