1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
VERSIONE DEMO (solo 10 pagine visibili)
Per acquistare questa copia clicca
sul tasto "ACQUISTA" in basso

  - La copia visualizzata
  - Un abbonamento
A proposito dello scalo civile di Grosseto... Il servizio pubblicato nel numero scorso di Maremma Magazine dedicato all'aeroporto di Grosseto e alle difficoltà incontrate dallo scalo civile ("Aeroporto civile di Grosseto: quando la Maremma potrà volare?", il titolo) non è passato inosservato. Di seguito pubblichiamo una serie di post raccolti sulla pagina Facebook dedicata alla nostra testata. Vanni Valenti - Sarebbe meraviglioso avere uno aeroporto civile in città. Massimo Vongher - Volerà quando si riuscirà a fare l'autostrada cioè mai! Clementina Piluso - Tutti ci vogliamo dimenticare che l'aeroporto militare di Grosseto è anche una sede e base per la difesa della nostra capitale. Dove pare sia presente tutto l'occorrente in armamenti... Io credo che la storia dell'aeroporto è assolutamente tempo perso... Chiunque voli nelle città europee sa che un'ora per lo spostamento dall'aeroporto ad un qualsiasi albergo sono fisiologici... abbiamo Pisa... Potenziare linee veloci sulla linea tirrenica verso Roma con navette per i principali aeroporti... sarebbe forse più realizzabile. Francesco Bottelli - Per noi che veniamo volentieri da Milano in Maremma sarebbe molto comodo arrivare praticamente in aereo direttamente al mare. Quando avete news fatecele sempre sapere. Grazie Massimo Machiavelli - Purtroppo Pisa funge (giustamente) da catalizzatore! Ma... un Unione con Firenze potrebbe essere interessante da valutare! Francesco Repola - Il break-even economico per un aeroporto zonale, come potrebbe essere ­ eventualmente quello di Grosseto ­ è dato da un transito di passeggeri compreso fra 1 e 2 milioni ogni anno. Se i transiti sono un numero inferiore, vuol dire che qualcuno deve finanziare la differenza. Chi? Invece di rincorrere chimere che, nella migliore delle ipotesi, sono solo generatrici di costi (leggi sede universitaria a Grosseto) sarebbe più saggio integrare la nostra città in un sistema di comunicazione evoluto: collegamenti veloci e in orari strategici con gli aeroporti di Pisa e Roma, con i porti di Livorno e Civitavecchia, con le stazioni di Pisa e Firenze (visto che a Grosseto sono stati tagliati i collegamenti fer- roviari più importanti), possibilità di check-in direttamente sui mezzi... la fantasia non manca. Marina di Grosseto e quei tetti delle cabine in amianto... Gentili signori, sono un assiduo frequentatore della splendida Maremma ed in particolare del litorale costiero. Vorrei segnalarvi una criticità non degna di una località con Bandiera Blu. Ho notato che molti lidi di Marina sono ancora inspiegabilmente dotati di coperture cabine in amianto, spesso in cattivo stato di manutenzione e, sempre, a stretto contatto con i giochi per i bambini, sia privati che comunali. Come è possibile ciò? Come mai il Comune ha posizionato le proprie strutture dedicate ai bambini a contatto (max 2 metri) con manufatti in eternit? Potreste sollevare il problema sulla vostra rivista al fine di dare il giusto risalto al pericolo che corrono i frequentatori dell'arenile? Grazie. Salvatore Un assedio (gioviale) alla Città di Grosseto in Terra di Maremma L'assedio alla città ha inizio intorno alla metà del 2010 con la concentrazione delle truppe degli espositori nella piazzaforte del Madonnino, a nord di Grosseto. Qualche anno dopo, il 17 di un maggio alquanto marzolino, i rappresentanti del potere politico ed economico fanno il loro ingresso in città da porta Corsica e raggiungono, tra gli abitanti "straniti", il centro cittadino. È l'inizio di un assedio pacifico teso a promuovere i vini e le eccellenze agroalimentari della Maremma Toscana. Le tensostrutture vengono montate, quali moderni accampamenti, nelle piazze storiche della capitale della Maremma, dove gli espositori si appostano con le loro produzioni enologiche, gastronomiche ed artigianali. Il tempo inclemente, una rarità per questa terra, crea qualche difficoltà alle operazioni di insediamento. I grossetani agiscono una breve resistenza nel tentativo di difendere il diritto al loro quieto vivere in una città di provincia. Decidono la resa attratti dalle opportunità che la vetrina di Maremma può offrire loro. Giovani e giovanis- simi, coppie con bambini, anziani, richiamati dall'evento affollano vie e piazze. Dopo un primo momento di esitazione, si affacciano alle postazioni dove, aiutati dall'elegante ed esauriente catalogo delle manifestazioni, che ben illustra gli eventi, il percorso e le aziende del Wine and Food, vengono conquistati dalla varietà e dalla qualità delle produzioni in mostra. La piana di Maremma è sferzata dal vento e dallo spirito di innovazione. Le possenti mura a corona dell'abitato, ancora una volta hanno resistito all'attacco e così la vetrina dei prodotti di Maremma è stata allestita nelle piazze del centro cittadino, quasi mercato diffuso. All'ombra di quella Cattedrale tanto cara ai grossetani intitolata al Santo Patrono della città. Cittadini e turisti, armati di calici da degustazione, si aggirano tra i gazebo che espongono le produzioni maremmane immersi in un concerto di profumi e suoni, colori e voci. Ma poiché "non di solo pane vive l'uomo" (Deuteronomio 8,3) ecco, al seguito dei conquistatori far capolino la cultura, considerata elemento fondante dell'economia. Numerosi gli eventi collaterali dove musica e fotografia, cinema e pittura si rincorrono tra i vicoli, nei musei e nei teatri. Giovanni Lamioni, presidente della CCIAA, animato da spirito intraprendente e combattivo, convinto come nessuno, della validità del marchio MAREMMA nel mondo, ha studiato l'operazione a tavolino, nei minimi dettagli, lasciando niente all'improvvisazione. Sostiene con caparbietà la necessità, per i produttori, di fare squadra per affrontare le sfide con la quotidianità in un momento di grave crisi e, per chi ha responsabilità di governo, quella di fare alleanza. Ma la storia di Grosseto testimonia un assedio di ben altra natura. A Porta Vecchia, una lapide ricorda quanto avvenuto in un 17 che si perde nel crepuscolo del tempo. Era il 1328, di settembre, quando i grossetani, con il sostegno "operativo" di donne e bambini opposero resistenza all'assedio dell'Imperatore Ludovico il Bavaro respingendo le truppe che circondavano la città. Da allora, a ricordare quell'eroica difesa, lo stemma di Grosseto, il grifone d'argento su campo rosso, viene armato di spada. Lettera firmata Avete idee e consigli da darci, complimenti o critiche da fare, oppure più semplicemente volete commentare un articolo o dire la vostra su un certo argomento? Questo spazio è per voi. Scriveteci via e-mail all'indirizzo redazione@maremma-magazine.it Compatibilmente con lo spazio a disposizione pubblicheremo il vostro intervento. 6 · Maremma Magazine · Giugno 2013 La Voce dei Lettori L'editoriaLe Primo Piano 14 .........Maremma Wine Food Shire 2013, cronaca di un successo tutt'altro che annunciato 22 ........."Ne.T. - Network for Tourism", la Maremma che fa sistema nel turismo nell'era digitale 26 .........E Marina di Grosseto a luglio diventa capitale mondiale della vela 30 .........Amiata Piano Festival, al via l'edizione 2013 nel segno della grande musica 35 .........Note vintage e buona cucina: il mix perfetto di "Civitella in Musica" 38 ........."Sonata di mare", quando la musica unisce popoli e territori 42 .........Giuncola e Granaiolo, un tuffo nella tradizione di Maremma in compa- 30 42 gnia dei Butteri 46 .........1988-2013: venticinque anni di UNITRE a Grosseto 49 .........In memoriam di Italo Valassina, fondatore dell'Unitre 52 .........Mara Franci: quei dialoghi blu, viaggio alla ricerca dell'essere 56 .........Banca di Saturnia e Costa d'Argento, bilancio in salute nel segno dell'impegno verso il territorio 60 ........."L'alta valle dell'Albegna tra Maritima e Francigena", sulle tracce della storia nel libro di Gilia Pandolfi 64 .........Acqua e Aria e Palmieri, quando un nome diventa simbolo del "fare impresa" di una terra L'agenda 70...........Giugno nei Parchi della Val di Cornia 71 .........Piero Ardenghi in mostra a Castiglione 42 In copertina, un Buttero di Maremma (foto Agriturismo Giuncola e Granaiolo) sommario · 9 84 102 di Stefano Colli 89 .........Le Pillole Benefiche di Antonio Cocchia 90 ........."L'inganno dello specchio" Immagine e disturbi del comportamento alimentare in adolescenza Personaggi 92 .........Giacomo Nani, un geniale artista portercolese del `700 Di vino in cibo 94 .........Le Mortelle, tutto il sapore della Maremma in Fattoria A Tavola 98 .........Ristorante Pizzeria "Giacomino", la freschezza e i colori del buon mangiare mediterraneo La Ricetta 102 .......Le lasagne ai carciofi, bontà a tavola da gustare neWs 104 .......Sulla Maremma sventolano le Bandiera Blu 111 105 ......."Mare per tutti" sbarca di nuovo a Marina di Grosseto e Principina a Mare 105 .......San Giorgio, successo per la Festa a Montorgiali 106 .......BCC e Legambiente ancora insieme per le Rinnovabili 106 .......ABIO Grosseto ha rinnovato il consiglio direttivo 107 .......AVIS provinciale, Carlo Sestini confermato presidente 108 .......La Banca di Saturnia e Costa d'Argento al fianco di agricoltori e imprese colpite dall'alluvione 108 .......Il "Mercato contadino" della Cia a Barbanella alla Fondazione Il Sole 109 .......`Pietà del Cigoli', definita la donazione da parte del collezionista Luzzetti 109 .......Commemorate le vittime del bombardamento di Pasquetta 110 .......Festival "Alterazioni 2013": protagonisti cercasi 111 .......Renzo Guidi, Gentiluomo di terra e di mare 10 · Maremma Magazine · Giugno 2013 Maremma Wine Food Shire, un progetto da apprezzare che fa bene al territorio e perplessità ­ inutile negarlo ­ erano tante. Lo spostamento della manifestazione Maremma Wine Food Shire, dalla collaudata location del Centro Fiere in loc. Madonnino al Centro storico di Grosseto, qualche mugugno l'aveva prodotto e in tanti avevano paventato il rischio che una bella fiera dedicata alle eccellenze enogastronomiche di Maremma potesse trasformarsi in una... sagra paesana, snaturandosi completamente. Un rischio che Giovanni Lamioni, presidente della Camera di Commercio di Grosseto ha deciso ostinatamente di voler correre, persuaso dalla convinzione che fosse importante restituire un ruolo di centralità al capoluogo maremmano, che vive troppo spesso di luce riflessa rispetto al contesto territoriale in cui si inserisce, ovvero la Maremma. E alla fine, possiamo dirlo, ha avuto ragione. La sfida è stata vinta. E anche se non è stato possibile allestire gli stand sulle Mura Medicee, come da progetto originario, l'edizione 2013 del Maremma Wine Food Shire, svoltasi nel "salotto buono" della città, dal 17 al 19 maggio scorsi, ha comunque fatto centro, riscuotendo buoni consensi. Grosseto ne ha sicuramente beneficiato: il centro storico (in sofferenza da anni) nella "tre giorni" ­ che abbiamo seguito attentamente ­ è sembrato rinascere, rinvigorito e colorato dagli stand, dal pubblico e dalle tante iniziative messo a punto per l'occasione. Dunque, lo ribadiamo per la città l'evento è stato indubbiamente positivo. E per i produttori? Chissà. Molti, sentiti personalmente, hanno espresso un giudizio positivo, altri di equidistanza, altri ancora negativo. In tanti hanno rimandato una qualsiasi valutazione complessiva al post evento, ai giorni, alle settimane o forse anche ai mesi successivi, nella speranza che l'opera di semina effettuata in occasione del MWFS possa trasformarsi in ordini concreti da evadere. In ogni caso, al di là dei risultati e dei ritorni tangibili che i produttori conseguiranno nel tempo, crediamo che siano molti gli aspetti positivi da sottolineare e che ­ messi tutti insieme ­ fanno del MWFS un appuntamento interessante, decisamente da apprezzare e sostenere. Vediamone qualcuno. Il primo aspetto positivo è dato dal fatto che l'intera progettualità è finanziata in modo massiccio da Unioncamere che, avendo individuato nel MWFS un progetto meritevole, lo sostiene con un intervento importante, in termini di risorse. E si badi bene che l'Unione nazionale della Camere di Commercio non elargisce risorse a destra e a manca, ma solo laddove intraveda un'effettiva validità del disegno da sostenere. A dire il vero l'evento maremmano è stato anche eletto a modello di sinergia tra pubblico e privato, da imitare e replicare in altre sedi e questo non fa altro che rafforzare il discorso. Il secondo motivo è dato dal fatto che l'evento accende per L tre giorni i riflettori nazionali ed internazionali sulla Maremma, promossa su larga scala, attraverso campagne pubblicitarie sui principali media che catalizzano la loro attenzione sulla kermesse e più in generale sulle bellezze del territorio. Quest'anno sono arrivati giornalisti delle principali testate nazionali e troupe televisive come Linea Verde Orizzonti, Sereno Variabile, Rai Tg2 Eat Parade, Tg2 Sì Viaggiare, ma anche Class Life e Class Tv, che hanno realizzato programmi e speciali. Ai giornalisti la Camera di Commercio ha offerto anche la possibilità di partecipare ad un tour guidato alla scoperta degli angoli più affascinanti della provincia. Quindi, la risonanza mediatica c'è ed è indubbia, cosa che non può far altro che bene al territorio nell'ottica della sua promozione. Non a caso MWFS rientra in una strategia di più vasta scala, voluta dalla Cciaa, tesa a promuovere il brand Maremma attraverso i suoi prodotti e le sue eccellenze agroalimentari. Oltre ai giornalisti, nell'occasione, vengono invitati a partecipare in buon numero operatori e buyers internazionali impegnati in un serrato programma di incontri finalizzati alle transazioni commerciali: quest'anno ne sono arrivati una cinquantina provenienti da tutto il mondo, tra cui Emirati Arabi, Usa, Germania, Inghilterra, Taiwan... "Maremma Wine Food Shire è una mano tesa al turismo e all'intero sistema economico provinciale". Così è stata definita la manifestazione nel talk show "Grosseto Capitale della Maremma" che si è svolto nella giornata inaugurale, alla presenza del presidente della Camera di Commercio di Grosseto Giovanni Lamioni, del presidente della Provincia Leonardo Marras e del sindaco di Grosseto Emilio Bonifazi. E proprio da tale convegno è emerso un altro degli aspetti positivi di cui dicevamo sopra. All'incontro sono intervenuti due ospiti di riguardo: Ferruccio Dardanello e Claudio Gagliardi, presidente e segretario generale di Unioncamere nazionale. Dardanello parlando dell'Expo 2015 ­ ed in particolare del progetto che vede oltre 1.500 ristoratori all'estero riportare la certificazione del gusto sotto l'insegna `Ristoranti italiani nel mondo, ospitalità italiana' ­ ha proposto al territorio di mettere a punto un pacchetto Expo col marchio Maremma da vendere appunto in tale occasione. "Vi propongo di costruire un bel prodotto ­ ha detto Dardanello ­ e noi lo metteremo in duemila punti vendita del mondo tramite la nostra straordinaria rete. Lamioni, anche nel suo ruolo di vicepresidente di Unioncamere sarà il vostro ambasciatore. Dal vostro territorio, ne sono sicuro, può arrivare una delle proposte più accattivanti". Può bastare per elevare l'evento a progetto da sostenere convintamente e sul quale continuare ad investire (magari con le migliorie che si rivelassero necessarie), per il bene della Maremma? Crediamo di sì... EditorialE · 13 Primo Piano eventi maremma Wine Food shire 2013, cronaca di un successo tutt'altro che annunciato La grande vetrina dei vini e dell'agroalimentare di qualità rigorosamente "Made in Maremma" ma anche, per la prima volta, dell'artigianato artistico, ideata dalla Camera di Commercio in collaborazione con Comune e Provincia di Grosseto, ha invaso le strade del cuore della città di Grosseto. Ed è stato un successo... 14 · Maremma Magazine · Giugno 2013 Maremma Wine Food Shire è una mano tesa al turismo e all'intero sistema economico provinciale". Vogliamo partire da qui, da questa semplice considerazione ­ scaturita nel talk show "Grosseto Capitale della Maremma" che si è svolto nella sala Contrattazioni di via Cairoli (era uno dei momenti clou della tre giorni) ­, per raccontare l'edizione 2013 del Maremma Wine Food Shire proposto a Grosseto dal 17 al 19 maggio scorsi. Un'edizione dal successo tutt'altro che scontato, ma che alla fine nel complesso è piaciuta, come confermano la fiumana di gente che si è vista nelle vie e nelle piazze cittadine ed i commenti raccolti nell'occasione tra gli operatori ed il pubblico. L'evento fortemente voluto dalla Camera di Commercio e realizzato in collaborazione con Provincia e Comune di Grosseto ha portato nel centro storico migliaia di visitatori, facendo ricredere chi aveva espresso perplessità sul trasferimento di location dal Centro Fiere del Madonnino al cuore pulsante del capoluogo maremmano. Gli stand, quasi sempre gremiti (soprattutto quelli in piazza Dante e piazza Duomo), hanno proposto enogastronomia di qualità, mostrando al mondo tutte le potenzialità di questa terra straordinaria. La kermesse ha richiamato visitatori da tutta Italia, esperti del settore, giornalisti, oltre 50 buyers provenienti da tutto il mondo, tra cui Emirati Arabi, Usa, Germania, Inghilterra, Taiwan... Ed anche i cittadini hanno riscoperto la magia del "salotto buono della città" che si è vestito a festa, per l'occasione, con giochi di luce multicolore e con un'atmosfera davvero unica. Circa 130 sono stati gli espositori tra wine, food e artigianato artistico, associazioni e consorzi di valorizzazione delle produzioni e quattro invece le location dedicate al vino e alle produzioni enogastronomiche di qualità, dove è stato possibile fare acquisti e degustazioni: piazza Duomo, piazza Dante, piazza del Mercato (ex piazza del Sale) e piazza Pacciardi (ex piazza della Palma), mentre in piazza San " Francesco hanno trovato spazio spazio, per la prima volta nella storia del Maremma Wine Food Shire, i gazebo dell'artigianato, con ARTour il bello in piazza. Piazza Baccarini, accanto al Museo Archeologico e d'Arte della Maremma, ha ospitato lo stand del sigaro, a cura del Circolo Toscano di Maremma, e l'ufficio stampa dell'evento. Insomma, c'è di che essere soddisfatti, anche perché eventi del genere alla Maremma non fanno altro che bene. E allora ripercorriamo le tappe salienti dell'edizione 2013 della vetrina sulle eccellenze enogastronomiche maremmane, con una sorta di cronaca di un successo, come da titolo, tutt'altro che annunciato. Gli eventi Il calendario è stato ricchissimo di appuntamenti tra convivialità, cultura del gusto e valore del cibo. Hanno partecipato con i loro prodotti di qualità, dal vino ai salumi ai formaggi, tantissime aziende agricole della provincia, mentre chef, esperti enogastronomici, enologi, operatori del settore hanno accompagnato buyers, ospiti e cittadini nel viaggio alla scoperta dei sapori di questa terra meravigliosa. Molti i momenti clou da ricordare. A cominciare dal taglio del nastro ­ ad Primo Piano · 15 opera del presidente della Camera di Commercio Giovanni Lamioni ­ alla presenza di un parterre tra autorità e rappresentanti degli enti, delle istituzioni e delle associazioni di categoria, davvero di prim'ordine. Subito dopo è seguito il talk show dal titolo "Grosseto capitale della Maremma" in cui sono intervenuti lo stesso presidente della CCIAA Lamioni, il presidente della Provincia Leonardo Marras ed il sindaco di Grosseto Emilio Bonifazi. L'incontro è stato moderato dal giornalista esperto di enogastronomia Paolo Massobrio, mentre Andrea Guolo ha presentato i dati sull'inchiesta "La Maremma per i 100 vip", effettuata dalla redazione di Papillon contattando personaggi del mondo dello spettacolo, dello sport, politici e uomini della finanza. A conclusione sono stati premiati i vincitori del concorso fotografico "Passione di Maremma" lanciato dalla Camera di Commercio per la valorizzazione dell'immagine del patrimonio storico, ambientale e naturalistico del territorio, promuovendo il "brand Maremma", la strategia di marketing alla base di molte progettualità avviate negli ultimi anni dall'Ente camerale, compreso l'evento Maremma Wine Food Shire. Spazio è stato dato anche all'educazione alimentare. La sala Contrattazioni della CCIAA si è trasformata a più riprese in un laboratorio del gusto, per grandi e piccini. Il pomeriggio del sabato le specialità locali sono state raccontate dal "Golosario" Paolo Massobrio in un percorso itinerante nelle vie del centro storico. L'esperto è stato accompagnato dai Briganti di Maremma con i loro canti della tradizione. Sempre nella sala Contrattazioni della Camera di Commercio si è svolta una delle iniziative più particolari: Marco Lombardi ha presentato la sua "Cinegustologia... se il vino fosse un film". Un sommelier "sui generis" ha abbinato sei vini, che rappresentano i vitigni più rappresentativi della Maremma, ad altrettanti film a seconda delle sensazioni da questi suscitate. L'ultimo giorno è stato dedicato in particolare ai "wine tasting", alle degustazioni guidate di prodotti gastronomici e ai "cooking show" con grandi chef ed esperti del settore, con il coordinamento di Massobrio e dell'enologo Graziana Grassini. In piazza del Sale si è potuto imparare come si prepara il pesce seguendo le dimostrazioni pratiche dei produttori. Un'iniziativa, questa, inserita nel progetto "DiMaremma ­ Pesce d'autore". In piazza Baccarini, invece, è stato possibile degustare il sigaro toscano in abbinamento con i vini maremmani e i distillati e si è potuto anche assistere alla "costruzione" di un sigaro a cura di una delle ultime "sigaraie" d'Italia. Ricette tradizionali sono state al centro degli speciali menù proposti dal 17 al 19 maggio nei ristoranti aderenti a Vetrina Toscana e alle "Strade del vino e dei sapori di Maremma". Come ogni anno, hanno partecipato buyers da tutto il mondo che hanno avuto modo di conoscere, oltre alle produzioni agroalimentari, anche la bellezza e l'accoglienza della città di Grosseto. Gli addetti sono arrivati da 14 Stati: Perù, Cina, Qatar, Messico, Russia, Turchia, Giappone, Marocco, Emirati Arabi, Stati Uniti, Germania, Polonia, Regno Unito e Taiwan. Il cinema è stato il protagonista dell'evento collaterale che si è inserito nel programma del Maremma Wine Food Shire con il festival "DiVino Commedia" ed il Premio Mario Monicelli, pro- 16 · Maremma Magazine · Giugno 2013 "grosseto capitale della maremma" A Maremma Wine Food Shire un talk show ha fatto il punto sul futuro di questa terra. Presenti i vertici di Unioncamere nazionale no dei momenti più significativi del Maremma Wine Food Shire 2013 è stato il talk show "Grosseto Capitale della Maremma" che si è svolto nella sala contrattazioni di via Cairoli nella giornata inaugurale. Moderato dal giornalista Paolo Massobrio, hanno partecipato il presidente della Camera di Commercio di Grosseto Giovanni Lamioni, il presidente della Provincia Leonardo Marras ed il sindaco di Grosseto Emilio Bonifazi. Ospiti di riguardo, Ferruccio Dardanello e Claudio Gagliardi, presidente e segretario generale di Unioncamere nazionale. "Molti hanno solo un'immagine bucolica di questo territorio, che invece è molto proiettato nel futuro ed anzi propenso all'innovazione ­ ha spiegato Lamioni ­ sono anche convinto che la Maremma faccia tendenza, che abbia un grande appeal semplicemente per quello che è. La nostra è una terra straordinaria: noi non dobbiamo millantare nulla". Secondo Lamioni, Maremma Wine Food Shire è un "evento verità". "Tutto ciò che è prodotto in Maremma è genuino perché arriva da una terra altrettanto genuina ed intatta ­ ha continuato il Presidente ­ caratterizzata da un sistema di parchi e da una biodiversità straordinaria. La scommessa è solo questa, con coraggio e determinazione portare la Maremma nel mondo e il mondo in Maremma.Tutto ciò che viene prodotto qui è figlio di un territorio genuino. Pochi altri territori possono vantare questa varietà e qualità". Il sindaco di Grosseto Emilio Bonifazi ha sottolineato l'importanza della siner- U gia tra Comune, Provincia e Camera di commercio per la realizzazione del grande evento nel centro storico. "Stiamo lanciando un messaggio di speranza e di ottimismo" ha spiegato il primo cittadino. Il presidente della Provincia Leonardo Marras nel talk show ha parlato dell'Expo del 2015 a Milano, che sarà incentrato sul temi dell'alimentazione, come di un appuntamento importante per il territorio, e di Maremma Wine Food Shire come di un momento di verifica di una capacità di fare sistema. "Una capacità, questa ­ ha detto Marras ­ che in passato ci è mancata e che adesso stiamo imparando. Gli ultimi anni, in questo senso, sono stati un progresso continuo. Ora si sono svolti gli Stati Generali del Vino. Nel settore agroalimentare entro il 26 giugno nascerà ad Alberese il nuovo Polo tecnologico della produzioni alimentari di qualità". Anche Dardanello, presidente di Unioncamere, ha precisato che l'Expo del 2015 sarà un appuntamento grandissimo, ma non l'unico."Anche noi abbiamo un progetto che oramai è decollato ­ ha spiegato Dardanello ­ che vede oltre 1.500 ristoratori all'estero che riportano la nostra certificazione del gusto `Ristoranti italiani nel mondo, ospitalità italiana'. Noi vorremmo vendere un pacchetto Expo col marchio Maremma ­ ha continuato ­. Vi propongo di costruire un bel prodotto e noi lo metteremo in duemila punti vendita del mondo tramite la nostra straordinaria rete. Lamioni, anche nel suo ruolo di vicepresidente di Unioncamere sarà il vostro ambasciatore. Dal vostro territorio, ne sono sicuro, può arrivare una delle proposte più accattivanti". Primo Piano · 17 La maremma "immortalata" da turisti e visitatori Successo anche per il concorso fotografico targato Cciaa "Passione di Maremma" nell'ambito del Maremma Wine Food Shire 2013 O ltre trecento immagini scattate da 63 "appassionati" di Maremma. È stata un successo la prima edizione del concorso fotografico intitolato "Passione Maremma", lanciato dalla Camera di Commercio di Grosseto per valorizzare l'immagine del territorio. Le foto sono arrivate da tutta Italia e raccontano storie e soggetti diversi di questa terra emozionante, dal romanticismo del mare al tramonto all'eleganza dei cavalli allo stato brado, dai colori delle campagne al ripetersi della tradizione nei lavori artigianali che ancora si fanno nei borghi antichi, dalla natura più selvaggia dei parchi al patrimonio storico-artistico di paesi e città. L'idea del bando lanciato dalla Cciaa è quella di avere lo sguardo del turista che viene in Maremma, di ottenere una sorta di piccolo spaccato sui ricordi e sull'immagine che il territorio lascia ai visitatori. Gli scatti più belli, uno per ogni partecipante, sono stati esposti nella mostra che è rimasta aperta al pubblico al Museo Archeologico e d'Arte della Maremma dal 17 al 26 maggio. A selezionare le foto sono state due giurie: una tecnica, composta da Mauro Papa, direttore del Cedav di Grosseto con i fotografi Carlo Bonazza e Marco Tisi, ed una "d'onore", formata dalla regista Cinzia Th Torrini, dal presidente della Cciaa di Grosseto Giovanni Lamioni e da Rossana Podestà, grande attrice degli anni `60 e appassionata di fotografia. Questi i vincitori del concorso Foto e Video "Passione Maremma". Per la categoria fotografica, Germano Evangelisti (Roma) si è classificato al primo posto con l'immagine "Impagliatori di Pitigliano" (foto sotto), mentre la seconda immagine premiata è stata "Tramonto invernale a Castiglione della Pescaia" di Gianfranco Sala, residente a Parabiago in provincia di Milano, e terza invece è stata la fotografia "Maremma Sunset" di Raffaele Ballirano, di Civitavecchia. Nella categoria video è risultata vincitrice la giovane Valentina Nenzi di Firenze con il video "Bellezza e tradizione". I vincitori, tutti visibilmente emozionati, sono stati premiati dalle autorità durante il talk show inaugurale di Maremma Wine Food Shire, chiamati sul palco dal giornalista Paolo Massobrio. I primi classificati di ambedue le categorie potranno usufruire di un soggiorno gratuito per due persone in provincia di Grosseto, mentre secondo e terzo riceveranno un premio composto da prodotti tipici maremmani. mezzanotte. Una sollecitazione, questa, che va vista come una risposta importante. È come quando il pubblico, preso dall'entusiasmo, chiede il bis a fine concerto! Credo che Maremma Wine Food Shire nel centro storico sia stata un capolavoro. Sabato sera a Grosseto sembrava di vivere `la movida madrilena'. I produttori erano esausti ed ovviamente contenti. In città ­ ha sottolineato Lamioni ­ si respirava un entusiasmo che non ha eguali. Anche la domenica mattina ho visto stand affollatissimi. E poi la qualità, a partire dall'arredo degli stand, è stata notata da tutti. Una risposta, questa, a tutti coloro che, strumentalmente, pensavano che il Maremma Wine Food Shire in città si sarebbe trasformato in una festa paesana. Abbiamo ricevuto molti apprezzamenti, il riscontro è stato più che positivo. Gli organizzatori delle iniziative della Dante Alighieri che sono venuti da Roma, ad esempio, mi hanno detto che neanche a Trastevere si è mai visto un evento del genere. Ad ogni analisi strutturale che presentiamo, affianco sempre quelle che definisco le mie verità empiriche... e cioè ciò che arriva dal rapporto diretto che ho con le imprese. A Grosseto si è respirata, in questi tre giorni intensi, aria da vero rinascimento. Se c'è qualcuno che non lo ha fatto ­ ha concluso Lamioni ­, o ha l'asma... o è in malafede". I commenti dei produttori Maremma Wine Food Shire ha conquistato la città di Grosseto, ma anche produttori e artigiani che sono rimasti molto soddisfatti. Questi alcuni pareri raccolti. "Questa manifestazione ha dimostrato che c'è un cuore che batte in città ­ hanno detto Giovanna Soldati e Massimo Bigozzi ­ il capoluogo ha bisogno di essere rivitalizzato, si vede da come ha risposto la gente, che ha voglia di vivere questa città. Si vede che questa manifestazione è stata organizzata con la testa e con il cuore. Vogliamo sottolineare il grande rispetto che la Camera di commercio ha messo nell'organizzazione anche con piccoli particolari, come evitando di allestire un ristorante Maremma Wine Shire come avveniva negli anni scorsi". Soldati e Bigozzi, nei tre giorni dell'evento, sono rimasti aperti al pubblico fino all'una di notte con il loro stand tra 18 · Maremma Magazine · Giugno 2013 clienti. Qui possiamo rispondere alle loro domande e dare informazioni sull'origine e sulla realizzazione dei nostri dolci tipici". Andrea Savio, dell'azienda Il Mustiaio: "Sono molto soddisfatto, mi è piaciuta molto questa edizione di Maremma Wine Food Shire nel centro storico, soprattutto per l'atmosfera e per i contatti che abbiamo preso. La gente è contenta, tutti hanno detto che una manifestazione così a Grosseto non si era mai vista". Maurizio Manno del progetto DiMaremma ha aggiunto: "Le nostre dimostrazioni sono andate bene. Abbiamo interagito con il pubblico che si è dimostrato curioso ed interessato al pesce e ai piatti di Maremma. Abbiamo preparato carpacci e zuppe destrutturate partendo dal pesce intero". Per la Fattoria Le Spighe ha detto Giancarlo Francia: "La manifestazione mi è piaciuta, credo che questa sia la formula da perseguire per far vivere la città. Inoltre il vino, e ne sono convinto, va venduto in mezzo alla gente. Anche se non viene acquistato direttamente, questa vetrina è un ritorno per l'azienda. Anche i buyers scommetto che faranno la loro parte importante". "Sono state tre giornate intense, abbiamo preso contatti importanti ­ ha spiegato Claudia Checcucci, dell'azienda agricola Gramineta ­ preferisco così che la Fiera classica, mi piace di meno il commerciale standard. Qui abbiamo potuto parlare alle persone per far conoscere i nostri prodotti". "È la prima volta che partecipiamo a questa iniziativa della Cciaa ­ ha detto Graziano Quadalti, dell'omonima azienda agricola, dal suo stand vista Duomo ­ Siamo rimasti molto contenti, la gente ha partecipato ed assaggiato". "Se dovessi dare un voto a questa manifestazione è solo l'ottimo ­ ha commentato Daniela Horia per l'azienda Leonardo Salustri ­. Mi è piaciuta, è stata una manifestazione interessante specie per i contatti che abbiamo preso con gli importatori stranieri". "Maremma Wine Food Shire è una iniziativa interessante che ci ha dato l'opportunità di farci conoscere come di mostrare ciò che l'Amiata può offrire. Ringraziamo la Camera di Commercio per questa opportunità. Anche i turisti si sono dimostrati incuriositi dal nostro prodotto". Così ha detto Sonia Raffi, dipendente del Birrificio artigianale Amiata. "Gli stand sono funzionali, aiuta il fatto che qui, nel centro storico, si possa fare vendita al minuto ­ ha spiegato Mirko Rossi, dell'azienda Abbraccio di Anna Ciacci ­. Con i turisti abbiamo avuto un riscontro molto positivo" Per Fattorie dei Cavalieri Marco Burlandi ha espresso il suo parere favorevole. "Credo che sia migliore il centro storico come location. Il bilancio vero si farà solo dopo l'incontro con i buyers che sono già arrivati. È interessante vederli che girano per la città, Primo Piano · 19 alla scoperta del capoluogo e alla ricerca di un contatto con i produttori". Roberto Aluigi di Fais Jeans: "La mia opinione è più che positiva. Questa è una manifestazione riuscita, la gente c'è, nonostante il tempo non sia stato dei migliori" Anche la Cantina di Pitigliano esprime il suo entusiasmo nei confronti della manifestazione: "Una vetrina importante in quanto ci fa avere un contatto diretto con il nostro consumatore finale". I commenti dei commercianti Anche i commercianti sono rimasti soddisfatti dell'evento. Abbiamo rac- colto alcuni commenti. Jimmy Betti del Jab di Piazza del Sale ha commentato: "Siamo rimasti molto contenti. Finalmente si è vista un po' di vita nel centro storico. Ce n'era bisogno. Anche i clienti hanno fatto molti complimenti agli organizzatori dell'evento". Moreno Cardone chef del ristorante l'Uva e il Malto ha detto: "Una grande manifestazione così nel centro storico non si era mai vista. La Camera di Commercio, con questa idea del presidente Giovanni Lamioni, ha dato un contributo fortissimo alla città. Io ho lavorato tantissimo in questi giorni, è stato un modo per rilanciare l'enoga- stronomia. Ho avuto a cena persone dal Lussemburgo che sono venute qui dall'Argentario per vedere la manifestazione e sono rimaste molto colpite dal Maremma Wine Food Shire. Ne siamo tutti orgogliosi". Mauro Sbrana del bar Gallery ha espresso grande soddisfazione, ha parlato di un evento straordinario e di grande classe, da ripetere nella città di Grosseto e che ha visto la collaborazione dei commercianti. "Noi abbiamo cercato di fare la nostra parte ­ ha spiegato ­ organizzando serate con musica e cibo rigorosamente di qualità. Questo deve essere lo standard. È stato davvero bellissimo". a Fausto Brizzi la prima edizione del Premio mario monicelli È stato consegnato a Fausto Brizzi il Premio Mario Monicelli istituito a partire da quest'anno dalla Fondazione Grosseto Cultura. Sabrina Ferilli, protagonista del prossimo film di Brizzi, è stata l'ospite d'onore della cerimonia che si è svolta nel corso di una bella serata al Teatro Moderno il 10 maggio scorso. Curato da Mario Sesti e Jacopo Mosca, il Premio Mario Monicelli, si è inserito all'interno di Divino Commedia, iniziativa della Fondazione, che ha trovato spazio nella manifestazione "Maremma Wine Food Shire", promossa da Camera di Commercio, Comune e Provincia di Grosseto di scena dal 17 al 19 maggio scorsi nel centro storico della città toscana. Un Premio, un festival e un'elegante kermesse enogastronomica che, per la prima volta, uniscono a nozze due simboli planetari della cultura e dello "spirito" italiano: la commedia cinematografica e il vino d'autore. La cerimonia di consegna del Premio a Fausto Brizzi, il 10 maggio al Teatro Moderno, ha fatto da anteprima ad un grande evento come il Maremma Wine Food Shire, che ha visto molti altri appuntamenti nel nome di Monicelli e della commedia all'italiana come la proiezione del documentario Alberto il grande di Luca e Carlo Verdone. "Sono felice dell'istituzione di un premio intitolato a Mario Monicelli ­ ha detto Chiara Rapaccini ­ all'interno di un'iniziativa cinematografica dedicata alla commedia in Maremma. Penso che avrebbe apprezzato e spero che il riconoscimento, in futuro, possa essere il luogo di scoperta di nuovi talenti della commedia italiana". "Da sempre ­ ha sottolineato Loriano Valentini, presidente di Fondazione Grosseto Cultura ­ Grosseto e la sua provincia hanno affascinato i maestri del cinema italiano e internazionale, che hanno scelto questa terra come set dei loro film o, è il caso proprio di Mario Monicelli, come "buen retiro". Qui la cultura del buon cinema ha radici profonde e un presente importante. Da qui, in particolare negli ultimi anni, emergono molti giovani talenti ­ registi, attori, sceneggiatori, tecnici ­ fra i più interessanti del nostro Paese. Investiamo sul cinema, con l'obiettivo di trasformare una solida tradizione in un futuro possibile. Un futuro nel quale questa magnifica periferia geografica d'Italia sia identificata come un autorevole punto di riferimento per la cultura e l'industria cinematografica nazionale". 20 · Maremma Magazine · Giugno 2013 "ne.t. - network for tourism", la maremma che fa sistema, nel turismo, nell'era digitale Il web al servizio delle imprese turistiche maremmane e della promozione del territorio nella logica del "fare sistema". Ha riscosso un grande successo il progetto di formazione "Ne.T: Network For Tourism" realizzato dal C.O.A.P. azienda speciale della Camera di Commercio di Grosseto in partenariato con le agenzie formative C.D.C, CIPA-AT Grosseto e TS Grosseto e finanziato dalla Provincia di Grosseto L a rete, le nuove tecnologie, il mondo social come supporto alla crescita imprenditoriale degli operatori turistici maremmani e più in generale come strumenti di promozione del territorio. È stato questo il senso del progetto "Ne.T: Network For Tourism. Il web per sviluppare la competitività delle imprese turistiche della Maremma" realizzato dal C.O.A.P. azienda speciale della Camera di Commercio di Grosseto in partenariato con le agenzie formative C.D.C, CIPA-AT Grosseto eTS Grosseto e finanziato dalla Provincia di Grosseto nell'ambito del Bando POR FSE 2007/2013 ob 2 Competitività Regionale ed Occupazione "Social Front Office di Maremma". L'iniziativa, strutturata come corso di formazione gratuito, si è rivolta a 300 operatori del settore turistico della Provincia di Grosseto ed è stata sostenuta da numerose e importanti organizzazioni e istituzioni del nostro territorio tra le quali: Camera di Commercio, Federalberghi, Confagricoltura, C.I.A., Associa- zione Strada del Vino e dei Sapori Monteregio di Massa Marittima, Associazione Provinciale Terranostra, Confesercenti, Consorzio di tutela del Morellino di Scansano. Il progetto si è articolato in un percorso formativo della durata totale di 27 ore (19 ore di lezioni di aula più 8 ore di visita didattiche di territorio) ed ha offerto la possibilità agli operatori turistici di affinare o sviluppare le proprie conoscenze e competenze nell'ambito dell'utilizzo del web 2.0 come strumen- 22 · Maremma Magazine · Giugno 2013 to di marketing e promozione della propria attività e della Maremma grossetana come destinazione turistica. L'intento è stato quello di trasmettere ai partecipanti non solo conoscenze e capacità tecniche utili per sviluppare e rafforzare l'utilizzo del web marketing attraverso l'uso dei principali social media (Flickr, Instagram, Foursquare, Facebook, Twitter, etc.) per la promozione della propria attività, ma anche, più in generale, favorire la nascita e la diffusione tra gli operatori turistici della consapevolezza che, operando e agendo in una logica di sistema, aumentano le possibilità di promuovere e valorizzare la Maremma grossetana quale destinazione turistica. Tre sono state le fasi del percorso: la prima di lezioni in aula (3 lezioni da 5 ore ciascuna) è stata dedicata alla formazione dei destinatari sull'utilizzo delle tecnologie e degli strumenti del web 2.0 per la promozione del territorio; la seconda fase (della durata di 8 ore) ha previsto la realizzazione di una "lezione di territorio" finalizzata a favorire, attraverso modalità formative alternative ed esperienziali, una maggiore conoscenza e consapevolezza degli operatori turistici delle attrattive e peculiarità del nostro territorio; infine, la terza fase (della durata di 4 ore) è stata dedicata ad una verifica e a un consolidamento delle competenze acquisite nelle precedenti attività. Queste tre fasi sono state replicate in 15 edizioni realizzate in 8 località diverse del territorio provinciale (Grosseto, Primo Piano · 23 Massa Marittima, Follonica, Manciano, Porto Santo Stefano, Arcidosso, Scansano e Orbetello), con l'obiettivo di facilitare la partecipazione dei diversi soggetti interessati. Il progetto inoltre, ha offerto al termine del percorso didattico, un tour della durata di 3 giorni di visita a siti di particolare attrattività e importanza turistica della Provincia di Grosseto. Al tour, o come è stato meglio nominato edu-blog tuor (cui dedicheremo un ampio servizio nel prossimo numero) hanno avuto la possibilità di partecipare i 15 migliori allievi selezionati nelle fasi formative (uno per ciascuna edizione) che sono stati accompagnati in questa esperienza da blogger esperti che hanno illustrato loro come promuovere turisticamente, attraverso il racconto scritto e immagini, il territorio della Maremma grosseta- na valorizzando le sue caratteristiche, le sue eccellenze e tutto ciò che esso può offrire ad un turista. Il corso ­ rivolto ad imprenditori ed operatori del settore turistico (alberghi, agriturismi, stabilimenti balneari, ristoranti...), collaboratori anche stagionali di strutture turistiche e operatori del settore turistico (agenzie di viaggi, ecc.), imprenditori e operatori di aziende della filiera agroalimentare che nel ruolo di produttori di eccellenze e tipicità locali diventano veicolo di promozione turistica della Maremma ­ ha visto la partecipazione di molti giovani, entusiasti per l'opportunità che è stata loro concessa e che hanno saputo cogliere al volo. Soddisfatti ovviamente tutti gli ideatori ed organizzatori, a partire dal Coap diretto da Luca Biliotti e dai partner del percorso, i docenti Francesco Gentili e Robi Veltroni, per arrivare alla Provincia di Grosseto che ha finanziato e creduto fortemente nel progetto. Progetto che è stato coordinato da Daniela Battafarano ed ha avuto quali anime convinte l'assessore provinciale al Turismo e Formazione Professionale Gianfranco Chelini ed i dirigenti Francesco Tapinassi e Paola Parmeggiani. I risultati (decisamente soddisfacenti ed incoraggianti) saranno presentati a settembre in occasione di un apposito convegno di cui daremo notizie nei prossimi numeri di Maremma Magazine. Per maggiori informazioni relativamente al progetto Ne.T è possibile contattare il C.O.A.P (www.coap.info) inviando una e-mail all'indirizzo progettonet@coap.info o telefonando allo 0564 25941. Un po' di numeri · Oltre 6000 chilometri coperti da tutor e formatori per le 15 edizioni dei corsi · Oltre 1500 chilometri coperti dai partecipanti alla scoperta del territorio · Oltre 400 chilometri coperti dal blogtour · Oltre 400 ore di lezione 24 · Maremma Magazine · Giugno 2013 · Oltre 200 maremmans attivi nel gruppo chiuso di Facebook · Oltre 5000 visualizzazione del blog dei maremmans · Oltre 700 Mi Piace nella pagina ufficiale Maremmans su Facebook · Oltre 1200 immagini su Instagram dei #maremmans n "Edu Blog Tour" della Maremma della durata di tre giorni con protagonisti i "ragazzi digitali": il progetto "NeT Network for Tourism", realizzato dal Coap e finanziato dalla Provincia di Grosseto attraverso il Fondo Sociale Europeo, è stato anche questo, ovvero un tour in giro per la Maremma per trasferire competenze e conoscenze ad un gruppo ristretto di allievi (15 in tutto) su come utilizzare al meglio lo strumento dei social network per valorizzare, promuovere e far conoscere al pubblico "social" il territorio e le sue attrattività. Sostenuto da numerose e importanti organizzazioni e istituzioni del nostro territorio il progetto ha proposto un percorso formativo della U durata totale di 27 ore (19 ore di lezioni di aula più 8 ore di visita di territorio) per offrire la possibilità agli operatori turistici di affinare o sviluppare le proprie conoscenze e competenze nell'ambito dell'utilizzo del web 2.0 come strumento di marketing e promozione della propria attività e della Maremma grossetana come destinazione turistica. Da quel percorso formativo, sono stati selezionati, 15 allievi che sono partiti per un tour della durata di 3 giorni in visita a siti di particolare attrattività e importanza turistica del territorio. In questa esperienza sono stati accompagnati da 8 blogger esperti che hanno illustrato loro come promuovere turisticamente, attraverso il racconto scritto e immagini, il territorio della Maremma grossetana valorizzando le sue caratteristiche, le sue eccellenze e tutto ciò che esso può offrire ad un turista. Un ampio resoconto di questo blog tour sarà pubblicato nel prossimo numero di Maremma Magazine. Nella foto, i partecipanti all'Edu-Blog-Tour in giro per la Maremma Primo Piano · 25 marina di grosseto a luglio diventa capitale mondiale della vela Marina di Grosseto capitale mondiale della vela? Proprio così. La frazione balneare del comune di Grosseto si appresta a mettersi in vetrina ospitando due competizioni internazionali: il Campionato del mondo formula 18 dal 5 al 12 luglio e il Campionato del mondo classe RS Feva Under 16 dal 19 al 26 luglio ue competizioni velistiche internazionali, il Campionato del mondo formula 18 dal 5 al 12 luglio e il Campionato del mondo classe RS Feva Under 16 dal 19 al 26 luglio. Sono questi i due eventi sportivi di scena in piena estate a Marina di D Grosseto, che per un mese diventerà capitale mondiale della grande vela. Una prestigiosa vetrina che la città di Grosseto è intenzionata a valorizzare quale grande occasione di visibilità internazionale, anche in chiave turistica. Già perché queste due importanti manifestazioni veliche, porteranno centinaia di equipaggi e migliaia di atleti con un esercito di tifosi e giornalisti al seguito. Un progetto che vede coinvolti gli enti locali grossetani, Comune e Provincia, insieme alla Regione Toscana e la 26 · Maremma Magazine · Giugno 2013 regate. Una partecipazione ampia con tante presenze da tutto il mondo e in particolare dalla Francia, dai Paesi Bassi, dalla Gran Bretagna, dalla Germania, dall'Austria, dal Belgio, dalla Danimarca, dalla Finlandia, dalla Grecia, dall'Irlanda, dalla Spagna, dalla Svezia, dalla Svizzera, dall'Ucraina, dalla Polonia, dall'Ungheria, ed ovviamente dall'Italia, tanto per rimanere in Europa. Ma in arrivo anche dall'Argentina, dal Cile, dall'Australia, dagli Stati Uniti e persino dal Kenia e dalla Nigeria. Molti i nomi di spicco che faranno dei Mondiali di Marina di Grosseto, un appuntamento da non perdere per la vela internazionale. Tra questi in primis quello di François Gabart, il recente vincitore del Vendée globe; lo skipper francese avrà come compagno di avventura Mathieu Vandamme, campione uscente F18. Non da meno anche la presenza, sulla linea di partenza, di Mitch Booth con il figlio Jordi; leggenda dei catamarani con varie partecipazioni olimpiche, l'ultima a Qingdao (Pechino 2008), Mitch Booth ha lavorato allo sviluppo del Wildcat con Hobie Cat e dopo l'avventura di Coppa America con China Team, è diventato commentatore sportivo. Ma non finisce qui perché a Marina di Grosseto, infatti, dopo il Mondiale F18, sarà teatro di un secondo grande evento: il Campionato mondiale di vela RS Feva youth, di scena dal 19 al 26 luglio. Sono attesi circa 400 giovanissimi velisti, d'età compresa tra i 12 e i 16 anni, per un totale di 200 imbarcazioni, provenienti da tutti i continenti. "Con queste due prestigiose manifestazioni sportive a Marina di Grosseto ­ sottolinea il sindaco Emilio Bonifazi ­ il nostro territorio avrà grosse opportunità per consolidare la propria vocazione turistica che lega le presenze di villeggianti non solo alle bellezze paesaggistiche, al mare e alla natura, ma anche al suo potenziale logistico e alla importante tradizione sportiva, all'attività e all'impegno di tanti appassionati. I due campionati mondiali rappresentano una grande opportunità per la città e per tutto il territorio. È prevista una grande partecipazione di velisti provenienti da tutto il mondo, ed il Comune, insieme alla Compagnia della Vela ed agli operatori turistici ed economici del territorio sta lavorando per- Compagnia della Vela di Grosseto, oltre ad alcuni sponsor come la Banca della Maremma e Colle Massari. Il Comitato Mare.Vela Internazionale, individuato per l'organizzazione degli eventi velici, è ormai al lavoro da tempo per organizzare al meglio gli appuntamenti di luglio e sfruttare appieno l'opportunità offerta al territorio in chiave turistica. Per quanto riguarda i Mondiali F18 (i catamarani per intendersi), in programma dal 5 al 12 luglio, saranno circa 200 gli equipaggi partecipanti alle Primo Piano · 27 ché questo evento riesca al meglio, anche nell'ottica di fare di Marina di Grosseto, nella sede della nostra colonia che stiamo ristrutturando, un centro velico permanente di livello internazionale: è un obiettivo concretamente raggiungibile, per il quale serve la collaborazione di tutti". "Il territorio grossetano ­ rilancia il vice sindaco e assessore allo sport, Paolo Borghi ­ si appresta a vivere una grande opportunità grazie a queste due manifestazioni sportive e per questo stiamo lavorando senza sosta in modo da mettere tutti nelle condizioni ideali per accogliere atleti, equipaggi e persone al seguito. Si tratta di una importante occasione di rilancio per l'intera frazione, da un punto di vista turistico e d'immagine e siamo certi che tutto questo porterà benefici anche all'economia locale. Sarà un evento sportivo di grande livello con centinaia di equipaggi e migliaia di atleti, che catalizzerà l'attenzione di migliaia di tifosi e giornalisti di tutto il mondo. Insomma, una grande occasione di visibilità per Grosseto, che possiamo sfruttare anche in chiave turistica e che, sono sicuro, favorirà il rilancio della nostra frazione balneare, anche grazie ai tanti eventi sportivi che, da qui a luglio, si terranno nella frazione". "La Provincia di Grosseto ­ sottolinea Leonardo Marras, presidente della Provincia di Grosseto ­ partecipa ben volentieri all'organizzazione dei campionati del mondo di vela a Marina di Grosseto, ritenendolo un importantissimo appuntamento non solo per gli sportivi ma per l'intero territorio. Un'occasione di promozione della Maremma Toscana attraverso lo sport: si concentreranno, infatti, a Marina di Grosseto, centinaia di equipaggi provenienti da tutto il mondo. Una iniziativa importante anche alla luce del legame tra il nostro territorio e questa disciplina sportiva che in Maremma ha trovato la patria ideale". Due parole sul Comitato Mare.Vela Internazionale. Il sodalizio nasce come soggetto preposto ad organizzare eventi velici internazionali e non in Maremma, con lo scopo di diffondere il messaggio che a Marina di Grosseto, davanti alla Colonia S. Rocco, esiste uno sport, tra i migliori al mondo per condizioni di vento, di onda, di confort, con una spiaggia grande e profonda. La sede del Comitato, presso il piano terreno della stessa Colonia, è stata assegnata dal Comune di Grosseto, ed è stata inaugurata in occasione del campionato nazionale assoluto di Wsurf, lo scorso anno, con settanta atleti ed una mostra del vignettista architetto di fama internazionale Massimo Chiodelli detto "chiod". I membri del Comitato sono Marco Borioni presidente, Paolo Prisciandaro tesoriere e Cristina Leone vicepresidente. Inoltre il Comune di Grosseto ha istituito un Comitato d'Onore composto dal Sindaco Emilio Bonifazi, che lo presiede, da Salvatore Allocca, Leonardo Marras, Francesco Carri, Gianni Lamioni, Claudio Ceroni, Marco Simiani, Carlo Croce, Ilarione dell'Anna, Mauro Giomi, Franco Agostinelli, Alessandro Capitani, Alessandra Sensini, Luciano Serra, Nicola Falco, Claudio Tipa, Cristina Bazzini, Paolo Lecci e Jacopo Zuccheri. Da ricordare che i loghi del Comitato stesso e dei Mondiali sono stati realizzati dagli studenti Polo commerciale artistico grafico e musicale Bianciardi di Grosseto. Nell'ambito di un progetto che ha visto coinvolti gli studenti dell'istituto superiore grossetano, sono stati scelti da esperti di vela i lavori di Valerio Stronchi e Michael Capolupo. I due progetti grafici rappresentano l'immagine dei mondiali di vela di Marina di Grosseto 2013. Il primo realizzato da Valerio Stronchi è quello scelto per rappresentare il Comitato Mare.Vela Internazionale. Il secondo logo è quello dei due campionati del mondo della classe F18 catamarani e della classe RS Feva, scelto dai velisti agonisti della Compagnia della Vela di Grosseto realizzato da Michael Capolupo. 28 · Maremma Magazine · Giugno 2013 amiata Piano Festival, al via l'edizione 2013 nel segno della grande musica ColleMassari Forte del successo registrato nelle ultime otto edizioni fin qui svolte, torna anche quest'anno l'Amiata Piano Festival, la bella rassegna concertistica promossa dalla Fondazione Bertarelli con la direzione artistica di Maurizio Baglini che ruoterà attorno alle tre tranches Baccus, Euterpe e Dionisus di scena rispettivamente negli ultimi week-end di Giugno, Luglio e Agosto. Il festival L'Amiata Piano Festival è nato nel 2005 alle pendici del Monte Amiata, grazie ai due fondatori Stefan Giesen e Maurizio Baglini, e si è caratterizzato fin dall'inizio per la forte impronta musicale internazionale, in uno scenario paesaggistico di rara bellezza e in un contesto enologico di assoluto prestigio. Dopo due fortunati concerti nel 2006 è nata la collaborazione con Collemassari, sfociata nel 2009 nel sostegno assoluto della Fondazione Bertarelli e nella creazione di Nuova Amiata Emozioni, associazione nata con lo scopo primario di promozione del territorio del Monte Amiata. Dal 2011 la direzione artistica del Festival nel suo complesso è stata affidata a Maurizio Baglini, che ha reso la manifestazione uno tra i più prestigiosi appuntamenti musicali internazionali del territorio, forte anche del sostegno dei più importanti canali di informazione, nonché di un pubblico sempre più numeroso e affezionato. La rassegna di successo, che da nove anni incontra il favore del pubblico e della critica, si svolge in una cornice paesaggistica da favola, perla di quella Toscana poco nota, lontana dal caos generato dal turismo di massa. Raffinati ed eleganti scorci, ancora da scoprire, in piena e perfetta armonia nel rapporto tra uomo e natura, sono lo sfondo ideale per l'ascolto di pregiate partiture eseguite ed interpretate da grandi Maestri del panorama musicale mondiale. Le bellissime colline avvitate di Poggi del Sasso, Cinigiano, in provincia di Grosseto, sono un luogo da sempre in grado di stupire il pubblico e di regalare un'esperienza sicuramente indimenticabile. Questo paesaggio straordinario, pieno di testimonianze storiche e culturali, insieme alla divina musica dell'Amiata Maurizio Baglini 30 · Maremma Magazine · Giugno 2013 Nella foto la splendida Cantina di ColleMassari Piano Festival rende questo evento, unanimemente riconosciuto, uno dei festival di musica da camera più apprezzati d'Europa. L'edizione 2013 Una nona edizione dalla struttura completamente nuova: tre lunghi fine settimana di quattro concerti ciascuno, tutti riconoscibili per la specificità delle tematiche musicali offerte, in contesti itineranti che vanno dal Podere S. Giuseppe, ovvero la Sala Musica di Collemassari, alla Chiesa dei SS. Pietro e Antonio Abate nella tenuta di Montecucco, alla Chiesa di S. Agostino a Montalcino per poi arrivare, durante il Dionisus, a fine agosto, nella cornice della Cantina di Collemassari. Le tre tranches Baccus, Euterpe e Dionisus occupano rispettivamente gli ultimi week-end di Giugno, Luglio e Agosto. Ogni concerto è stato concepito in Il pubblico funzione del luogo in cui esso stesso si terrà, con un'attenzione particolare al richiamo di pubblico che il luogo stesso, oltre al programma ed agli artisti presenti in ogni singolo evento musicale, possono generare. Il festival si apre il 27 giugno con gli artisti residenti, fondatori del Festival, Silvia Chiesa e Maurizio Baglini che offriranno un unicum del repertorio per violoncello e pianoforte, pianoforte solo e violoncello solo, con un dialogo netto col pubblico che potrà chieder loro di suonare opere scelte "à la carte". Ospite d'onore della serata sarà il Maestro Nicola Sani di cui Baglini proporrà Concetto Spaziale, brano per pianoforte e amplificazione acustica, entusiasmante esempio di musica contemporanea da vedere, oltre che da ascoltare. Accanto a Sani, le più celebri composizioni per pianoforte e per violoncello, vere e proprie gemme dell'immaginario collettivo: il pubblico potrà sperimentare una sorta di juke box dal vivo, in cui gli artisti saranno pronti a suonare appunto sur demande! Il 28 giugno ci sarà Corrado Augias, celebre musicofilo e personaggio culturale di primaria importanza nel panorama italiano. Accanto a lui, per uno spettacolo sulla Traviata di Verdi, il pianista Giuseppe Fausto Modugno. Omaggio agli artisti che con Baglini fondarono il Festival nel lontano 2005 per sabato 29 giugno: Gabriele Pieranunzi, Alexander Ivashkin e Francesco Fiore, per un raffinatissimo trio d'archi nella chiesa della Tenuta di Montecucco, nuovo luogo di fortissimo fascino per il pubblico presente. Chiusura della prima tranche il 30 giugno con il primo recital esclusivamente pianistico in compagnia di un graditissimo ritorno: Konstantin Lifschitz, su un programma dedicato alla Fuga, in una produzione degna dei maggiori festival musicali del mondo. La degustazione 32 · Maremma Magazine · Giugno 2013 note vintage e buona cucina: il mix perfetto di "civitella in musica" È davvero un bel mix di musica ed enogastronomia quello che si respira ogni anno ­ ormai da dieci ­ in quel di Civitella Marittima con la manifestazione che va sotto il titolo di "Civitella in Musica - A Tavola... sotto le Stelle", un appuntamento classico organizzato dall'Unione Sportiva Civitella, con il patrocinio ed il supporto di vari sponsor, riservato a tutti gli amanti della buona cucina, del ballo e delle note vintage utto pronto per la decima edizione di Civitella in Musica. Il Festival della buona musica e dell'ottima cucina, organizzato dalla U.S.D. Civitella nella bella cornice del campo sportivo comunale "G. Tonini" di Civitella Marittima, aprirà i battenti sabato 15 giugno. Festival? Manifestazione culturale? Manifestazione musicale? Enogastro- T nomica? Un po' di tutto miscelato in giuste dosi per ottenere un variegato appuntamento annuale ricco di divertimento. Con la fervida collaborazione tra U.S.D Civitella, Comune di Civitella Paganico, Banca della Maremma, Provincia di Grosseto e la instancabile popolazione di Civitella Marittima è nata questa rassegna di eventi estivi con lo scopo di far conoscere questo pittoresco angolino di Maremma. L'offerta è vasta: buona musica, ottima cucina e tanta allegria, serate danzanti, mostre, mercatini e concerti (gratis!) accompagnati da piatti succulenti della cucina locale in una location ben attrezzata, facilmente raggiungibile, immersa nel verde e sotto le stelle. Rimanendo fedele al suo ormai col- Primo Piano · 35 laudatissimo cliché, anche questa importante edizione del decennale si svilupperà attraverso sette fine settimana a partire dal 15 giugno e fino a domenica 28 luglio, uno splendido modo di dare il benvenuto all'estate. Dopo il successo degli scorsi anni, ancora tanta musica e spettacoli, accompagnati dalle specialità gastronomiche della tradizione toscana e civitellina, in un cocktail piacevole e apprezzato. Ogni fine settimana appuntamento con un menù diverso. Sul palco si alterneranno, ancora una volta, grandi artisti e nuove proposte in un mix che si preannuncia al solito accattivante. Ci svela il programma di quest'anno uno degli ideatori ed autentico deus ex machina della ricca kermesse, Piero Cortecci. «Il primo week end dell'edizione 2013 ­ spiega Cortecci ­ vedrà anche l'abbinamento sport, spettacolo e impegno sociale. Si comincia sabato 15 giugno, con il Torneo di Rugby "Sangue fonte di vita", organizzato in collaborazione con il gruppo donatori di Sangue Fratres di Civitella Marittima, un'occasione per presentare una disciplina sportiva molto bella e purtroppo poco seguita e sensibilizzare i presenti sull'importanza della donazione del sangue. E per concludere in allegria la serata tutti in pista con le magiche atmosfere dell'Orchestra Spettacolo di Giorgio Franceschi. Domenica 16 ci sarà poi la "reunion" degli Alpini con il concerto della fanfara di Lucca e la sera un esibizione di Ginnastica artistica dei piccoli allievi della Polisportiva di Paganico. Tema gastronomico: I sapori di una volta "La pulenda coll'animelle". Nel secondo week end il clou si vivrà sabato 22 giugno con il 2° Raduno delle Auto e Moto d'Epoca e la musica dell'Orchestra Arcobaleno. Tema gastronomico "Sagra del Pincio". Terzo fine settimana all'insegna della danza. Sabato 29 giugno è prevista infatti l'esibizione degli allievi della Scuola di Ballo "Dance School" di Grosseto con Davide Dj alla consolle musicale, mentre il tema gastronomico sarà nel nome del pesce con la "Cacciuccata". Ancora grande musica nel quarto week end, sabato 6 luglio con "Senza orario, senza bandiera... 45 anni dopo", uno spettacolo rievocativo del famoso disco dei New Trolls, con i testi del poeta Riccardo Mannerini e di Fabrizio De André, che viene unanimemente considerato una delle pietre miliari del progressive italiano. Lo spettacolo, basato sull'esecuzione del- 36 · Maremma Magazine · Giugno 2013 "sonata di mare", quando la musica unisce popoli e territori Entra nel vivo "Sonata di Mare" il progetto transfrontaliero Italia-Francia marittimo, per creare un circuito di festival dell'area marittima e costiera della Toscana, Corsica, Sardegna e Liguria, valorizzare la musica tradizionale e contemporanea e creare nuove produzioni musicali transfrontaliere, frutto della contaminazione tra i territori Il progetto Si chiama "Sonata di Mare" ed è un progetto transfrontaliero, di cui è capofila la Provincia di Grosseto, che nasce con l'obiettivo di costruire un circuito di festival, eventi e produzioni artistiche per la valorizzazione congiunta della musica tradizionale e contemporanea e la creazione di forme musicali innovative caratterizzate soprattutto dal jazz. Leit motiv di fondo è l'idea di diffondere nei territori la consapevolezza che la cultura, e nello specifico la musica, può rappresentare un fattore decisivo per lo sviluppo sostenibile dei territori e conseguente miglioramento della qualità della vita delle popolazioni, veicolando saperi, tradizioni, valori e innovazione. L'area di riferimento del progetto è l'intero spazio marittimo e costiero del P.O. Programma Operativo Transfrontaliero: Toscana, Corsica, Sardegna e Liguria. Il tema del progetto si inscrive nella promozione della musica come contenitore di esperienze condivisibili attraverso le tracce sonore del mare e dei suoi confini. Nello specifico si valorizza "la voce", intesa nell'accezione sia di primordiale strumento di comunicazione sia nelle sue manifestazioni estetiche che spaziano dalla musicalità, alla poesia estemporanea, alle tradizioni orali legate alla trasmissione del sapere, alla polifonia e monofonia, al canto e ai suoni del lavoro del mare, nonché all'ascolto delle "musiche" e delle "voci" che dal mare provengono; e si valorizza anche la percussione intesa, invece, come base ritmica dell'espressione artistica ma anche del lavoro con cui l'uomo accompagna la sua opera, i ritmi e le poliritmie del lavoro del mare e per mare. Lo scopo è quello di mettere in risalto i legami culturali tra le popolazioni per dare nuovo impulso alla creatività, al dialogo sociale, alla costruzione di identità complesse, nonché alla promozione economica e turistico-culturale dei territori interessati, valorizzando attraverso festival specifici, seminari-concerto e workshop, la musica come strumento di coesione sociale e sviluppo sostenibile. 38 · Maremma Magazine · Giugno 2013 Stefano Cocco Cantini Paolo Fresu Foto di Manuela Abis Orchestrada Nelle foto alcuni dei protagonisti dei festival Antonello Salis Fabrizio Bosso A Cumpagnia corsa Il progetto intende garantire a livello transfrontaliero uno scambio e un confronto, finalizzato anche alla nascita di nuove produzioni artistiche, tra creativi, studiosi e direttori artistici dei festival interessati dal progetto ed esperti di sviluppo sostenibile, con particolare attenzione al coinvolgimento dei giovani e alla valorizzazione comune dei territori e delle diverse identità culturali. Produzioni, caratterizzate soprattutto dal jazz, che saranno poi promosse all'interno della rete dei festival transfrontalieri contribuendo ad un loro reciproco arricchimento in termini di programmazioni, generi musicali trattati e artisti coinvolti. La riflessione che accompagnerà l'intero progetto sarà arricchita da vari approfondimenti tematici di cui ogni partner si farà portavoce ed esponente, sempre in un'ottica di mutuo arricchimento. La circolazione delle nuove produzioni e dei risultati di progetto saranno ugualmente realizzate in maniera congiunta attraverso la creazione di un itinerario turistico culturale transfrontaliero ed eventi da promuovere anche su nave come momento di congiunzione tra le 4 regioni del P.O. e valorizzazione dell'elemento naturale rappresentato dal mare. I partner La Provincia di Grosseto partecipa al progetto Sonata di Mare con il Grey Cat Festival. Gli altri partner del progetto sono: il Comune di Berchidda in Sardegna che partecipa con il Time in Jazz festival; la Provincia di Savona che partecipa con il PercFestival; la Provincia di Pisa con MusicaStrada; la Provincia di Lucca con Anfiteatro jazz, Massarosa Jazz fest e Barga Jazz festival; la Provincia di Massa Carrara con il Festival Lunatica; la Provincia di Livorno con festival in via di definizione; e la Collectivité Territoriale de Corse con Festivoce a Pigna, Calvi on the Rock e Porto Latino a Ajaccio. Il percorso Il progetto ha avuto formale inizio il 30 maggio 2012 e si concluderà a ottobre 2014. La presentazione ufficiale è avvenuta lo scorso anno, ad agosto, nella cornice dell'hotel Approdo di Castiglione della Pescaia. Nei primi dieci mesi, al fine di ipotizzare una strategia di valorizzazione e promozione congiunta dei festival e delle nuove produzioni musicali, tutti i partner del progetto sono stati impegnati nella redazione di un'analisi dei punti deboli e dei punti forti del sistema di produzione e promozione dei festival e nella realizzazione degli approfondimenti tematici propedeutici alla pianificazione degli stessi festival e delle nuove produzioni musicali (già definite, come da box a fondo articolo). Tutte le analisi Swot stanno confluendo in un unico documento; la Collectivité Territoriale della Corsica sta inoltre lavorando ad una analisi swot sull'impatto ambientale dei festival interessati dal progetto che verrà presentata alla Commissione Europea per la realizzazione di un Libro Bianco. La Provincia di Grosseto ha affidato l'analisi Swot e l'approfondimento tematico alla Scuola di Musica Follonichese "Bonarelli" che ha presentato i risultati dell'indagine nel corso del seminario "Maremma in jazz-Sonata di mare", svoltosi il 15 marzo, a Grosseto, alla Fondazione Il Sole, in via Uranio. Nell'occasione Serena Bellagotti ha illustrato l'analisi swot sul sistema di produzione e promozione musicale del Jazz in provincia di Grosseto, mentre Federica Nardacci ha presentato l'approfondimento sui punti di unione tra il jazz e la tradizione musicale maremmana. L'incontro si è aperto con il saluto dell'assessore provinciale alla Cultura, Cinzia Tacconi. Quindi è seguito l'intervento della referente del progetto Sonata di Mare per la Provincia di Grosseto, Maria Cristina Mazzolai. In chiusura è stato dato spazio alla musica Jazz del sassofonista Stefano Cocco Cantini, direttore artistico del Grey Cat Festival, affiancato da Enrico Rustici, studioso di poesia orale e improvvisatore in ottava rima, e dal jazzista di fama internazionale Antonello Salis. I tre artisti hanno presentato un piccolo anticipo di quella che sarà la nuova produzione transfrontaliera della Provincia di Grosseto dal titolo "I 7 Modi" che sarà lanciata nell'ambito del Grey Cat Transfrontaliero-Sonata di Primo Piano · 39 Mare il 22 agosto prossimo. Le dichiarazioni "Sonata di mare ­ spiega Tiziana Tenuzzo, assessore provinciale alla Cooperazione internazionale ­ individua nella musica l'elemento di forza per promuovere il dialogo e lo scambio culturale tra territori che si affacciano sul mare Mediterraneo, accomunati da una grande tradizione musicale e orale. Il progetto prevede l'organizzazione di seminariconcerto, workshop per giovani musicisti, attività didattiche nelle scuole e la creazione di un itinerario turistico legato ai Nella foto Antonello Salis, Enrico Rustici e StefanoCocco Cantini il 15 marzo scorso presso la Fondazione Il Sole festival, che vogliamo promuovere anche attraverso accordi con le compagnie navali che viaggiano nel Mediterraneo". "La Provincia di Grosseto ­ sottolinea Cinzia Tacconi, assessore alla Cultura ­ partecipa con il Grey Cat, perché la musica jazz è al centro di questo progetto culturale, con altri nomi importanti come Paolo Fresu per esempio, noto musicista Jazz direttore artistico del Time in Jazz Festival di Berchidda, Rosario Bonaccorso noto musicista e direttore artistico del Percfest di Laigueglia, nonché l'Orchestra Jazz di Barga. Il Jazz è il genere musicale che meglio si presta all'improvvisazione e alle contaminazioni". "La sostenibilità è uno dei punti di forza del progetto, che prevede anche la realizzazione di uno studio sull'impatto ambientale e sociale dei festival, per arrivare ad una sorta di libro bianco delle buone pratiche da presentare alla Commissione europea. Grazie a questa particolarità, al valore dei festival, ma anche alla realizzazione delle nuove produzioni transfrontaliere il progetto è arrivato secondo nell'asse Cultura e Ambiente del Programma Transfrontaliero." e nuove produzioni del progetto Sonata di Mare saranno in tutto dieci. La prima a debuttare sarà quella della Provincia di Savona, con la proposta dal titolo In mezzo c'è solo il mare di scena il 18 giugno a Laigueglia nell'ambito del Percfest di Laigueglia realizzata da Rosario Bonaccorso e che vedrà la partecipazione anche di Fabrizio Bosso. Quindi, sarà la volta della Provincia di Lucca che il 27 giugno a Lucca nella Piazza Anfiteatro nel contesto della rassegna Anfiteatro jazz proporrà la performance Voce di Vento con l'orchestra di Barga jazz. Doppio appuntamento con la Corsica a luglio: il primo l'8 luglio con Opus presso l'Auditorium di Pigna nell'ambito di Festivoce; il secondo (in data ancora L Le nuove produzioni da fissare) con 5 Mori ad Ajaccio (nel cartellone del Porto Latino di Saint Florent). Sempre a luglio, il 25, entrerà in pista anche la Provincia di Massa Carrara con la proposta Radio Libertaire, tappa importante del festival Lunatica. Tre i debutti ad agosto: quello della Provincia di Pisa la cui produzione si intitola Orchestrada e che verrà presentata il 1° a Pontedera in seno al cartellone di Musicastrada; quello del Comune di Berchidda in Sardegna che il 9 agosto per Time in jazz darà vita a Mistico Mediterraneo realizzato da Paolo Fresu e che vedrà la partecipazione anche di Daniele Bonaventura e del Coro A' Filetta di Calvi; e infine quello della Provincia di Grosseto che offrirà al progetto Sonata di Mare la produzione "I 7 Modi" realizzata da Stefano Cocco Cantini e che vedrà la partecipazione anche di Antonello Salis e di cui è stata data una prima anticipazione il 15 marzo scorso in occasione del seminario presso la Fondazione Il Sole. L'appuntamento è fissato per il 22 agosto a Follonica nell'ambito del Grey Cat Festival Transfrontaliero (19-24 agosto). Le ultime due produzioni saranno quelle della Provincia di Livorno ad ottobre (data, luogo e titolo produzione in via di definizione) e ancora della Corsica ad aprile 2014 con "L'Isola Sconosciuta" a Calvi nell'ambito del festival Calvi on the rock. Da ricordare che le dieci produzioni, dopo le "prime" verranno replicate nei vari festival dei territori interessati (Liguria, Toscana, Sardegna e Corsica) sia nel corso dell'anno 2013 che nel corso dell'anno 2014. 40 · Maremma Magazine · Giugno 2013 giuncola e granaiolo, un tuffo nella tradizione di maremma in compagnia dei Butteri È un autentico tuffo nella tradizione per entrare in contatto più da vicino con uno dei miti di questa terra ­ i Butteri ­ e con i più genuini sapori della buona tavola, quello che è possibile fare ogni venerdì dal 14 giugno al 6 settembre nella cornice dell'agriturismo Giuncola e Granaiolo nel cuore del Parco della Maremma 42 · Maremma Magazine · Giugno 2013 U Primo Piano · 43 cavalli, questi cow-boy nostrani daranno vita ad una rappresentazione di lavoro e giochi tradizionali con bestiame maremmano e coinvolgeranno il pubblico in un carosello di emozioni guidati da Enrico Scolari e Federico Forci (presenti con un proprio evento al "Gran Galà" svoltosi a Fiera Cavalli a Verona nel 2012) e Margherita Barco. Lo spettacolo sarà preceduto da una cena con menù tipico maremmano "dall'antipasto al dolce" con prodotti di filiera corta e km 0 del Parco della Maremma sotto la bandiera del consorzio Naturalmente Toscana (di cui l'azienda fa parte), intramezzata a tavola dai racconti degli stessi protagonisti dello spettacolo che introdurranno tutti i partecipanti alla scoperta di un mondo agricolo e contadino ormai lontano, ma ancora vivo nella memoria di tutti. La parte gastronomica sarà affidata allo Chef Pietro Urru che accompagnerà gli ospiti nella presentazione di piatti e prodotti tipici del territorio: unico obiettivo della serata un concentrato di tradizioni per tutti i gusti e palati! Ma vediamo nel dettaglio il programma di questa bella iniziativa di scena presso l'agriturismo Giuncola e Granaiolo, come detto ogni venerdì dal 14 giugno al 6 settembre (dopo tale data l'iniziativa verrà proposta solo con un numero minimo di partecipanti, tutti gli aggiornamenti saranno sul sito web www.giuncola.it). Dopo una piacevole giornata al mare o in tour sulle colline dell'entroterra maremmano o alle terme (le occasioni di svago in Maremma non mancano ed ognuno potrà scegliersi quella che preferisce!), la serata alla Giuncola si aprirà alle 19,45 con una degustazione di benvenuto: un buon calice di vino con crostini maremmani. Quindi, ecco che avrà inizio la nostra cena tipica , a base di piatti di terra (antipasti, primi e zuppe, secondi piatti a base di carne del territorio). A questo punto, intorno alle 21.30, inizierà lo spettacolo. Nello spazio appositamente allestito entreranno in scena i Butteri dando vita a delle dimostrazioni delle loro attività quotidiane. Tra queste: la conduzione e lo sbrancamento delle manze maremmane e la cattura di un esemplare nel tondino con tanto di simulazione della merca del bestiame. Al termine della prima parte, dopo aver ricondotto gli animali nel recinto, il programma offrirà intorno alle 22,15, direttamente a bordo campo, il buffet di dolci ed una degustazione di vini locali. Intorno alle 22,45 inizierà la seconda parte dello spettacolo che ruoterà attorno ai Giochi tradizionali dei Butteri (Bella Marsiglia) e al Gioco della rosa con coinvolgimento del pubblico. In mezzo alla parte ludica vi sarà la cattura e la doma di un puledro. Un carosello finale chiuderà la serata intorno alle 23,15. Il prezzo per questa iniziativa alla Giuncola comprensiva della cena e dello spettacolo è di 45,00 a persona (solo spettacolo e buffet di dolci tipici 15,00). Pagamento sul posto. Previste riduzioni per bambini tra i 6 e i 10 anni: 15,00 la cena ed omaggio lo spettacolo, sotto i 5 anni i bambini sono graditi ospiti. Per info e prenotazioni: 0564 405922 - 335 6872981, www.giuncola.it, info@giuncola.it, presenti su facebook. 44 · Maremma Magazine · Giugno 2013 1988-2013: venticinque anni di Unitre a grosseto Nozze d'argento per l'Unitre ovvero l'Università delle Tre Età, fondata nel 1988 da Italo Valassina, recentemente scomparso. Il racconto di questi venticinque anni di ininterrotta e prolifica attività portata avanti dal sodalizio, nelle parole della presidente di Grosseto Giuseppina Scotti enticinque anni di Unitre ­ Università delle Tre Età. Un traguardo importante per il sodalizio fondato nel 1988 a Grosseto da Italo Valassina (recentemente scomparso) e da sempre guidato con grandissima dedizione e cura da Giuseppina Scotti. Una significativa ricorrenza celebrata con una bellissima festa il 12 maggio scorso presso l'Hotel Terme Marine Leopoldo II a Marina di Grosseto alla presenza della presidente Nazionale Irma Maria Re, del vice Presidente Nazionale Gustavo Cuccini ed ovvia- V mente del presidente di Grosseto, Giuseppina Scotti anima dell'Unitre da 25 anni e Consigliere Nazionale per la Toscana da nove. Ed è proprio con lei che vogliamo tracciare un bilancio di questo quarto di secolo trascorso alla guida di questo importante sodalizio che svolge un'opera davvero meritoria sul fronte del sociale per tutta la cittadinanza grossetana. Detto per inciso la festa, dopo il saluto dei rappresentanti delle istituzioni locali (era presente l'assessore comunale Giovanna Stellini) e gli interventi dei vertici Unitre, ha proposto la lettura delle poesie degli associati studenti del corso di scrittura curato dalla Prof. Bernardina Tarlati ed una riuscita esibizione del Coro Unitre diretto dal soprano Cleofe Arguello e dal Maestro Vincenzo Merone; un ricchissimo pranzo ha fatto da epilogo alla celebrazione davvero ottimamente riuscita. Allora Giuseppina parliamo di questi 25 anni di Unitre a Grosseto? Si tratta di un momento solenne per la nostra Istituzione. Però, come ebbi a scrivere al compimento dei 20 anni di attività, anche questo non è un traguardo, bensì soltanto una tappa per proseguire oltre, nell'interesse e con la stessa attenzione di sempre verso la nostra Associazione e soprattutto verso i nostri Giuseppina Scotti Associati. Come e quando è nata l'Unitre a Grosseto? L'Unitre a Grosseto nasce nel gennaio 1988, per volontà del Prof. Italo Valassina, Direttore allora del Centro Studi Associazione Culturale Insegnanti, oggi nostro compianto Presidente Onorario, al quale va il nostro più sentito e fervido pensiero e ricordo, in collaborazione, appunto in quel momento, con Pier Vittorio Orlandini, Presidente dell'Associazione Esperantista Grossetana la nostra Unitre. Si unisce a loro un gruppo di 22 persone, che diverranno i Soci Fondatori dell'Associazione che, proprio a Grosseto, quale fatto innovativo, fu, per la prima volta, denominata Università delle Tre Età per quell'aspetto intergenerazionale che la contraddistingue e la diversifica, ponendola oltre ogni età, con fusioni di esperienze e di entusiasmi, comuni interessi e programmi di reciproco arricchimento fra generazioni. Che cosa rappresenta oggi per la città di Grosseto, l'Unitre? "Universitas": corporazione di maestri e alunni, così come era definita un tempo l'università. Questo è l'Unitre, che da 25 anni svolge un compito socioculturale, me lo consenta, ad alto livello, mantenendo vivi i fondamentali principi con i quali si è sviluppata in Italia e 46 · Maremma Magazine · Giugno 2013 all'estero e che sono, oggi, fondamentali anche per l'Europa, che insiste sull'opportunità che l'individuo partecipi dinamicamente ad attività culturali e del tempo libero, mantenendo le proprie reti sociali, acquisendo nuove conoscenze, contribuendo alla propria realizzazione e al proprio benessere personali con l'accesso alla formazione continua e all'apprendimento intergenerazionale per acquisire sempre nuove competenze a qualsiasi età, appunto. Sono proprio questi i principi fondamentali dell'Unitre, partendo dal presupposto che "l'Uomo è relazione" e perciò tutta la sua vita dipende dal buon esito delle relazioni: sono gli altri che hanno il mio "ben-essere", che si desume dall'abilità a ricevere e restituire formazione, perché la nostra "pacificazione" è lo stare bene con noi stessi, ma prima con gli altri, riconoscendo bene "l'altro", imparando a gestire le situazioni che si presentano di volta in volta. È la formazione che si attua proprio attraverso i nostri Corsi che può servire ad imparare a relazionarsi in un'unità con gli altri e la comunicazione è la logica scaturigine da tutto ciò: questo per ciò che concerne un colloquio fattivo tra generazioni e per creare una società per tutte le età e proprio l'Unitre può divenire il mezzo più idoneo per scoprire, fondamentalmente, i rapporti più reali in questo campo, spingendo ognuno a rivedere la propria situazione. In quest'ottica e in questa programmazione ci siamo avviati, praticamente da sempre, a compiere 25 anni di attività ininterrotta, assidua e instancabile desiderosi, certamente, di allargare i nostri orizzonti e il nostro impegno verso tutti gli Associati autentica anima e fulcro dell'Unitre. A conferma di questo vi è l'intensa attività svolta in questi venticinque anni, un'attività davvero ricca e variegata. Parliamone. Nel tempo abbiamo promosso numerosissimi corsi di studio e svariati laboratori (in questo Anno Accademico se ne contano ben 44), incontri mensili che, nel trascorrere degli anni, hanno visto a Grosseto personaggi di alta cultura: dal Rabbino Toaff al Prof. Brezzi che tenne la prolusione ufficiale di inaugurazione nel 1988 e medievalista di fama internazionale, a tutti i maggiori rappresentanti delle varie fedi religiose a livello mondiale, a giornalisti di chiara fama, a professori stranieri dalle più importanti università europee, al Prof. Lefevre presidente dell'Ufficio informazioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri e altri personaggi di nome che si sono avvicendati all'Unitre. È stata istituita una Compagnia teatrale, un Coro, sono state effettuate Mostre dei nostri lavori e incontri con autori, spettacoli ben riusciti, gite di intenso interesse culturale e di socializzazione, anche alla scoperta di luoghi poco conosciuti e visitati. Sono stati organizzati ben curati incontri di medicina ­ e qui sento profondamente il dovere di ricordare il Prof. Eraldo Camarri, che in ogni momento è stato molto presente e sollecito nei confronti dell'Unitre ­, spettacoli benefici e incontri corali presso vari istituti per anziani e mercatini solidali, Primo Piano · 47 Foto Samuele Tronchi Nella foto un momento della lettura delle poesie in occasione della Festa per i venticinque anni dell'UNITRE conferenze-concerto, del tutto innovative per la nostra città, riunioni conviviali festose e gradite, incontri a livello regionale a cui, per far conoscere alle Unitre della Toscana la realtà di Nomadelfia, hanno partecipato fino a 500 persone. Da ricordare anche il 1° convegno nazionale a Grosseto, per la celebrazione del ventennale Unitre, su una tematica, ora sempre più di tragica attualità: la violenza in generale e in particolare sulle donne, per cui ci siamo posti sempre negli interessi generali non solo della città, ma del paese tutto. E poi ancora: incontri con i giovani, come il recentissimo organizzato da "Europe Maremma" durante il quale giovani e meno giovani hanno approfondito insieme temi di cultura varia e approfondimento di ricerca; numerosissimi eventi celebrativi per i 150 anni dell'Unità d'Italia. Ovviamente per fare tutto questo è importante il gioco di squadra. In questo senso chi si sente di ringraziare? I ringraziamenti più calorosi vanno verso tutti coloro che mi hanno accompagnato, molti per ben 25 anni, in questo impegno non indifferente, ringraziamenti che rivolgo ai membri di tutti i vari Consigli Direttivi, fino all'attuale. Poi un ringraziamento speciale mi sento di farlo alla memoria del Prof. Italo Valassina, Fondatore, da me voluto Presidente Onorario e, fino all'ultimo periodo, sempre attento e collaborativo. Ma la lista è lunga. Ringraziamenti vanno anche a tutto il Corpo Docente, così presente, capace e altruista, a tutte le Organizzazioni che, in qualsiasi modo, hanno aiutato, aiutano e collaborano con l'Unitre nello scorrere della sua programmazione, prima fra tutte l'Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra e Fondazione. Tale ente ci ospita generosamente dal 1989, rendendo Nella foto il momento dell'esibizione del Coro possibile la nostra sopravvivenza nella città di Grosseto, e per questo ringrazio tutti i Presidenti che si sono susseguiti in questi anni: dal primo, l'avv. Sandri (che accettò, attraverso i buoni uffici della nostra associata sig. Ida Piani di ospitare gratuitamente l'Unitre nella sede dove tutt'ora opera in Via Garibaldi) fino all'ultimo Andrea Malentacchi, figlio del Comm. Riccardo Malentacchi, da poco scomparso. Mi consenta di citare anche Marisa e Tosca Fares, per me e per i vecchi iscritti nomi da ricordare con stima e affetto. Poi, un affettuoso e profondamente sentito ringraziamento non può non andare a Carla Galli, Luigi Pecchi, Umberto Spallone e al nostro ex tesoriere Alessandro Bellucci. Infine, un grazie particolare e caloroso a tutti gli associati che hanno riposto fiducia nell'Unitre, in particolare ai Corsisti da ben 25, 23 o 20 anni e un tenero ricordo verso Coloro che non sono più fra noi, ma che hanno fatto parte di questa grande famiglia. Tutto questo è l'Unitre, un sodalizio fatto di persone portatrici di una cosa dal valore incommensurabile, ovvero la memoria storica, così importante in una società frenetica come quella in cui viviamo oggi, memoria da trasmettere ai giovani e a tutti coloro che vorranno seguire questo percorso nei tempi futuri. E la storia, c'è da scommetterlo, considerando l'entusiasmo ancora vivo in tutti gli interpreti, sicuramente continuerà... 48 · Maremma Magazine · Giugno 2013 in memoriam di italo Valassina, fondatore dell'Unitre Se n'è andato da poco un personaggio di spicco della cultura maremmana: Italo Valassina, ovvero il fondatore prima del "Centro Studi - Associazione Culturale Insegnati" e poi dell'Unitre (oggi "Università delle Tre Età"), alla quale dedicò appieno la sua grande cultura ed il suo instancabile impegno DI GiUsePPinA sCoTTi* ...Correva l'anno 1966...": così avrebbe esordito il Prof. Italo Valassina, una figura sensibile e di impegno, quale professionista e studioso di grande rilievo nella vita culturale e che ha indubbiamente significato molto per la città di Grosseto. Nato a Tivoli da famiglia lombarda e sposatosi a Roma con Antonietta, dalla quale ha avuto tre figli maschi, si trasferì, appunto nel 1966, nella nostra Grosseto, città alla quale si sentì immediatamente legato da profonda considerazione ed affetto. Con una lungimiranza davvero eccezionale, comprese l'importanza di aiutare i giovani ed anche i meno giovani (così come tutti coloro che non avevano potuto intraprendere o si erano trovati nella posizione di dover interrompere gli studi), ad iniziare un percorso qualificante. Già a Viterbo aveva aperto una prima scuola di recupero, ma, con l'arrivo a Grosseto, il suo benemerito progetto si ampliò fondando, per la prima volta nel luogo, il Centro Studi - Associazione Culturale Insegnanti, in Via Cavour 16, nel pieno centro storico e sviluppando, quindi, ulteriori sedi: in Via Tolmino e fuori capoluogo a Castel del Piano, Follonica e un ciclo di lezioni anche a Semproniano. Con perspicacia e viva capacità organizzativa e culturale si strinse intorno a lui un folto gruppo di validi insegnanti, che formarono il nucleo operativo della scuola ed aprì, oltre a Corsi di recupero per la Scuola Media, Ragio- " neria e Geometri, anche Corsi Professionali del tutto nuovi a Grosseto, quali quelli per Odontotecnici, Dirigenti e Assistenti di Comunità e il Liceo Linguistico. Quanti giovani, perciò, devono veramente il loro sapere, ma soprattutto la possibilità di trovare lavoro e di intraprendere una professione, al Prof. Valassina? Molti, veramente molti, che hanno trovato in lui e nel suo Staff anche tanta comprensione, solidarietà, aiuto e sostegno morale, oltre che un'attenta preparazione negli studi. Non era, infatti, la sua, una normale scuola, ma un luogo in cui venivano davvero "tirate fuori" le capacità di coloro che si presentavano al Centro Italo Valassina Studi. Di carattere forte, predisposto a dedicarsi agli altri, con una preparazione culturale personale immensa, che spaziava davvero nello scibile e sempre altamente consapevole delle capacità reali insite nell'uomo, al quale egli sapeva porgere una mano valida di aiuto, egli con altrettanto grande spirito di iniziativa, nella primavera del 1988 (venuto a conoscenza dell'esistenza, anche in Italia, dell'Università della Terza Età, sviluppatasi a Torino), maturò, su quel modello, l'idea, con la collaborazione di Pier Vittorio Orlandini, Presidente del Gruppo Esperantista Grossetano, di fondare, anche nella nostra città, una Sede Autonoma Unitre. L'Unitre (ormai divenuta Università delle Tre Età, intergenerazionalità che fu, per la prima volta fortemente voluta proprio dalla sede di Grosseto, attraverso dibattiti e scambi vivaci di idee con la Sede Nazionale di Torino), compie quest'anno 25 anni di attività ininterrotta e sempre in crescita. Purtroppo, però, in questo stesso anno deve piangere la scomparsa del suo Fondatore emerito, del Docente illuminato per tanti anni e del suo Presidente onorario, carica da me personalmente e fortemente voluta per Lui, ma quasi impostagli per la sua riservatezza e il suo essere schivo alle cariche. Sempre attento e presente, sino all'ultimo, nell'amato ambito Unitre, che riteneva, a giusto merito, una "sua creatura", per averla fortemente e Primo Piano · 49 caparbiamente voluta e fondata con un gruppo di Soci Fondatori provenienti sia dal Centro Studi che dal Gruppo Esperantista Grossetano, ci ha lasciato, oltre all'imperituro ricordo nella nostra mente e nel nostro cuore, un cospicuo lascito di libri e, ancor di più, una serie estremamente interessante di pubblicazioni in proprio, tutte molto particolari e costruite attraverso la sua genialità compositiva, che riguardano sia la storia dell'Unitre dai primordi, con una bella galleria di fotografie, documenti e suoi personali commenti, sia temi di varia cultura, quella cultura che spaziava a largo raggio e che ha elargito, per anni e a piene mani, ai nostri Associati, destando estremo interesse e soddisfazione negli "alunni" che lo seguivano attenti ed ammirati: indimenticabili le sue splendide "Lecturae Dantis" e tutte le altre lezioni, su qualsiasi materia. Ma il Prof. Valassina, che io personalmente rimpiango per il suo consiglio, la sua vitalità e la sua presenza al mio fianco, lungo l'arco di questi 25 anni, se vogliamo silenziosa, rispettosa, ma sempre colma di affetto, stima, quasi una forma di celata riconoscenza per aver proseguito il suo disegno operativo, non è stato soltanto il Fondatore dell'Unitre, ma ne è stato pure il mecenate, fornendo, soprattutto nei primi anni, gli spazi operativi, come la segreteria, le aule, gli ambienti che erano di sua proprietà per lezioni, mostre e accoglienza in genere, oltre che arredi, sussidi audio-visivi e consulenze varie. La sua presenza, comunque, negli ultimi tempi, non sempre fisica, lo era moralmente e spiritualmente ed il suo profondo attaccamento all'Associazione, egli l'ha dimostrato anche nel momento del trapasso, quando ha rivolto l'ultimo pensiero proprio all'Unitre, esprimendo l'estremo desiderio che proprio questa Istituzione fosse la messaggera, a tutta la città, della sua dipartita. La sua personalità ha fatto sempre sì che l'Unitre seguisse le sue preziose indicazioni, i suoi giusti dettami, i migliori percorsi, e proprio attraverso questi l'Associazione ha ritrovato sempre nuova linfa e ulteriore spinta ai propri impegni, anche in momenti di difficoltà. La perdita, certamente, è davvero grande ed è giusto che la città tutta lo ricordi nel suo valore e nella sua personalità di spicco nel campo dell'istruzione cittadina e si unisca al cordoglio della famiglia e, mi si consenta, anche a quello della grande famiglia Unitre, che piange un "Padre", un Cultore, un Amico. *Presidente UNITRE di Grosseto mara Franci: quei dialoghi blu, viaggio alla ricerca dell'essere Emozionare. Una parola magica che non è prerogativa di tutti, ma solo di alcuni privilegiati con doti particolari che attraverso un'opera d'arte (sia un quadro, una scultura o una poesia) arrivano a toccarti nel profondo dell'essere, lasciandoti qualcosa d'importante dentro. Bene l'artista Mara Franci, questa dote ce l'ha, perché con i suoi lavori le emozioni le trasmette davvero... Un'ombra/ chéta e sorniona/ si lascia intuire/ ...l'essenza/ e m'accende d'inquieta ricerca:/ inesorabile destino/ verso l'infinito". Già il titolo, E un'ombra mi fece l'occhiolino, basterebbe a introdurre il colore della personalità e del percorso di Mara Franci (1954, San Giovanni delle Contee, Gr). L'attitudine alla cura degli altri, inizialmente, le fa intraprendere gli studi in Medicina con l'ottica di una futura specializzazione in psichiatria. Si rende conto ben presto che non è quello il sapere che cercava e adotta una soluzione di ripiego: consegue il diploma in ostetricia e dopo averla praticata per un certo periodo, quel desiderio di una visione più allargata e unitaria della cura a fronte degli insegnamenti meccanicistici " ricevuti, le fa abbandonare la professione. Sentendo il bisogno di un contatto più stretto e profondo con la natura ­ Natura madre ­ si trasferisce nella sua campagna d'origine, nel cuore del territorio maremmano, dove si avvicina all'Agricoltura Biodinamica dopo aver seguito un percorso di studi antroposofici presso la scuola-azienda pilota de "La Zelata" di Bereguardo (PV). Racconta la stessa che "nell'attività agricola e quindi nella vita di tutti i giorni, erano inclusi i concetti di anima, spirito. La pratica e quindi la sperimentazione, dovevano rivelarmi se questi concetti fossero realtà, realtà non visibili, non tangibili, la cui presenza, se vera, reale, avrebbe dovuto comunque far sortire degli effetti concreti". Secondo le parole del mae- "Libertà di essere", tecnica mista, 90x120 stro del pensiero antroposofico, Rudolf Steiner "la natura manifesta delle intenzioni che non porta a compimento". In questo senso, l'ottica dell'intervento umano non è più quella di dominio, ma di una predisposizione all'ascolto sia verso l'Altro, sia verso sé stessi. Nell'83 a Milano avviene per Mara l'incontro fondamentale con Baba Bedi XVI, un indiano dell'India che pratica pranoterapia psicosomatica. La invita ad approfondire le sue possibilità creative facendo perno su quelli che erano blocchi puramente fisici. Mara intraprende un percorso a ritroso: "la scoperta del nuovo, la sorpresa, la meraviglia, la gioia di riappropriarsi ad ogni passo sudato, sofferto, di un pezzetto di se stessi... Non esistono barriere alla propria possibilità se non noi stessi". Nascono i primi lavori di getto, le prime dieci scritture dipinte, un percorso di liberazione, che vanno al nocciolo del problema estraendolo dalla propria interiorità: sono raffigurazioni al limite del simbolico dove emerge una figura simile a una spirale immersa nel bianco della superficie. Di pari passo è importante per Mara la descrizione, non solo della rappresentazione, ma anche della modalità con cui avviene la pratica della pittura. La qualità della poesia che nasce è l'immediato in sé, nella semplicità dell'esserci, dell'esigenza della parola tracciata. Un esempio: "La vita è/ una sorgente/ di possibilità infinite/ che si riversa in noi/ e ci sommerge.../ La vita è/ un atto d'amore". Attraverso la possibilità espressiva, legata all'invito del maestro Baba Bedi 52 · Maremma Magazine · Giugno 2013 Primo Piano · 53 "La bacheca", tecnica mista, 85x70 XVI, Mara si avvicina a quel tutto, da sempre ricercato, che la lega a una conoscenza maggiore di se stessa. Ancora le parole di Mara: "...Taccia il saputo!/ Entri l'Egregio Sconosciuto/ "la realtà del presente"/ che sola/ sazia l'anima/ che sola/ non le mente". Avvertire il reale in un territorio altro da noi e dal reale stesso è vivere nel `sensibile', in una dimensione di apertura, di accoglienza. Il sensibile è il nostro essere nella vita, è il nostro avvicinarci perpetuo a ciò che ci attornia e allo stesso tempo ci riempie. Il lavoro di Mara, sia esso parola, sia esso fatto di colore e forma, è lo svelarsi di quel gesto di ascolto. "Inquietudine del sé", pastelli e crete su carta, 50x70 Nascono cicli di pitture dove prevale l'uso del colore blu oltremare. Il pensiero fluisce sulla superficie che si fa sempre più profonda: "...non esiste altro che la tensione di lavorare con il blu, di mettere il blu in quel supporto, senza scopo, senza fine alcuno. Non c'è l'intenzione di fare qualcosa di bello né di fare un quadro da vendere, c'è solo questo desiderio impellente, l'urgenza di lavorare con il blu, di mettere il blu dal barattolo al supporto". Le sue quattro esposizioni ­ nell'87 nel comune Santa Fiora, sul Monte Amiata e subito dopo a San Quirico di Sorano (Gr), nell'88 nel teatro di Montemerano (Gr), nel `90 a Milano al centro culturale San Fedele ­ richiamano sempre maggiore interesse di pubblico. Chi scrive in questo momento, potrebbe dire che nel primo ciclo dei blu, in quegli otto quadri, esposti nell'87, si ha l'impressione di essere accolti in una dimensione profonda, interiore, materna. Mentre nella seconda serie prodotta nel 2010 intitolata `Paesaggi interiori. Tutto blu', si avverte una diversa prospettiva verso l'alto che mantiene per altro l'aggancio con l'interiorità blu. D'altra parte preferisco ricordare come Mara sia stata colpita dal dialogo che i suoi dipinti hanno creato con le persone che assistevano all'esposizione. Mi permetto in conclusione di trascrivere ancora le parole di Mara, stavolta dirette a me: "quei libri che ti ho dato ­ in cui custodiva il suo percorso fatto di disegni, pitture, poesie, prose, ricordi, incontri, generosamente apertomi ­ contengono un lavoro di ricerca dell'Essere. Ci sono migliaia di libri su questo argomento, io ne ho scritto uno o meglio, due ma si intersecano (li trovate nei siti web: www.marafranci.it, www.marafranci.com) con gli strumenti che mi si confacevano: parole, pastelli, poesie vere e proprie, pennelli, argilla, pennellessa, bricolage, pranoterapia. È un libro ben riuscito? Ai posteri l'ardua sentenza. Ma è il mio libro, io sono quel libro tutto intero, io non sono solo alcune pagine di quel libro". Chiedetele dunque, se avrete occasione di ammirare le sue opere di farvi sfogliare quei `due libri' perché c'è sempre un oltre a ciò che singolarmente si può vedere nelle opere di Mara Franci. L'immobilità di una poesia, di un quadro è solo apparente: si avverte un tremito impercettibile che se toccato fa nascere quel dialogo tanto ricercato da Mara ma anche dall'uomo nel suo essere al mondo. Andrea Mello Emersione dal profondo: mostra del percorso artistico poetico di Mara Franci presso il Casale Santo Stefano (strada provinciale La Trappola 162, Grosseto), 9-15 giugno 2013 (orario serale dalle 18,00 alle 22,30). Saranno esposte venti opere circa rappresentative l'evoluzione pittorica dell'artista dall'83 al 2010. 54 · Maremma Magazine · Giugno 2013 1997. Dopo una serie di tentativi andati a vuoto, la scelta di due famiglie di lasciare la Città e trasferirsi in campagna acquistando una proprietà vicino al mare, ai confini del Parco Naturale della Maremma, segna l'inizio del progetto Casale Santo Stefano, la vecchia muccheria Ponticelli. I primi interventi riguardano la piantumazione di alcune essenze e alberi che oggi arricchiscono il giardino del Casale. Vengono piantati i più significativi arbusti della macchia mediterranea in armonia con palmeti, pini marittimi, sughere e lecci. Negli anni la proprietà viene arricchita attraverso la ristrutturazione della vecchia stalla dove si sono conservati con attenzione e cura i particolari della struttura originaria quali la travatura in legno e le pareti con mattoncini pieni a faccia vista. Accogliendo inizialmente le richieste di alcuni amici vengono organizzati i primi matrimoni con l'ausilio di catering esterni, poi la volontà di far nascere un ristorante proprio per organizzare gli eventi in piena autonomia. La ristrutturazione del resto del Casale avviene per gradi e attraverso l'opera dei proprietari che si sono personalmente cimentati come idraulici, muratori e falegnami. Oggi la Casa Vacanze conta alcuni appartamenti e camere che prendono il loro nome dalle "onorevoli" frisone che abitavano nella vecchia muccheria (Adele, Amelia e Alice), accoglienti e arredati con cura dei particolari. Una piscina immersa nel verde ed il ristorante del Casale che si affaccia sul giardino, completano questa oasi di relax a soli due chilometri dalla spiaggia incontaminata di Principina a Mare. Gli ospiti trovano quindi un ambiente di gusto, ma con ospitalità naturalmente familiare e vi soggiornano anche solo dalla mattina alla sera usufruendo dei numerosi servizi che lo Staff del Casale mette a disposizione quali la piscina, i corsi di acqua gym, pilates e yoga sul prato, la piccola biblioteca ed il gazebo naturale con trattamenti olistici. "Abbiamo visto nascere questo luogo come "un figlio", con la stessa soddisfazione abbiamo assistito ai suoi primi passi e ai suoi sviluppi, e con lo stesso amore ed entusiasmo lo vediamo crescere". E a partire dalla stagione turistica 2013 la struttura viene inoltre resa disponibile dai proprietari per mostre ed eventi sia culturali che enogastronomici al fine di valorizzare e promuovere artisti e tipicità della nostra Maremma. Il via alla serie di appuntamenti presso il Casale S.Stefano verrà dato domenica 9 giugno alle 18,00, con una serata speciale di "Benvenuto all'Estate 2013, "Tra natura e cultura". L'aperitivo inaugurale proposto dal Ristorante del Casale S.Stefano, che ritroverete quest'anno con un nuovo "look", si svolgerà in un quadro di colori e suoni, immersi nel bellissimo giardino della struttura. In questa cornice naturale gli ospiti potranno assistere a presentazioni e piccole anticipazioni di quelle che saranno le proposte del Casale per un'Estate alternativa e ricca di iniziative. L'esposizione dell'artista Mara Franci, che avrà la sua vernice proprio durante la serata del 9 giugno, sarà la prima di una serie di eventi culturali volti a valorizzare i talenti del nostro territorio. L'idea nasce dal desiderio dei proprietari, di aprire il Salone degli eventi, originariamente la stalla principale della "Fattoria Le Strillaie", e farne una vetrina innovativa a disposizione di chi volesse promuoversi o proporre iniziative culturali ed enogastronomiche connesse con la tradizione della nostra Maremma. gLi eVenti di giUgno Domenica 9 giugno: ore 18,00 inaugurazione dell'esposizione dell'artista Mara Franci (che proseguirà fino al 15 giugno) Giovedì 13 giugno: ore 18,30 aperitivo letterario Silvia Caselli presenta il suo libro "Diario di viaggio" Giovedì 20 giugno: ore 19,00 "Sangiovese in rosa" serata degustazione bordo piscina con Podere 414. Giovedì 27 giugno: ore 19,30 presentazione della scuola di naturopatia "Umanitas" di Grosseto. Venerdi 28 giugno: ore 19.00 Maria Luisa Scorza presenta il suo libro "Mangiare di Maremma" a seguire cena con degustazione di ricette originali Appuntamenti settimanali al Casale: lezioni di pilates, acqua gym e yoga. Per chi fosse interessato a partecipare o a proporre iniziative ed eventi questi i contatti: cell. 3939701326 ­ 3486351384, rete fissa 0564/30149, mail info@casalesantostefano.it - simodestia@gmail.com, facebook Casale S.Stefano. Nella foto, uno scorcio del Casale S.Stefano Primo Piano · 55 Banca di saturnia e costa d'argento, bilancio in salute nel segno dell'impegno verso il territorio Bilancio in salute e rinnovato impegno verso il territorio di riferimento che oggi si estende, dopo la fusione dello scorso anno, su otto importanti comuni della Maremma. Questo in sintesi quanto è emerso in occasione dell'Assemblea annuale dei Soci della Banca di Saturnia e Costa d'Argento Credito Cooperativo per l'approvazione del Bilancio 2012 svoltasi il 19 maggio scorso ad Albinia presso i locali della Cooperativa Co.Pa.Ca ilancio positivo per la Seconda Assemblea dei Soci della Banca di Saturnia e Costa d'Argento Credito Cooperativo svoltasi il 19 maggio scorso ad Albinia presso i locali della Cooperativa Co.Pa.Ca.. La Banca di Saturnia e Costa d'Argento quest'anno ha ritenuto opportuno "quale attestato di solidarietà e di vicinanza a tutto il territorio e alla sua economia" tenere l'annuale assemblea dei soci proprio ad Albinia che, assieme alla zona di Marsiliana, è stata colpita dagli aventi alluvionali nel novembre 2012. La manifestazione ha visto la partecipazione di circa 600 soci. Presenti anche le autorità locali, tra cui il sindaco di Manciano Marco Galli e il sindaco di Scansano Sabrina Cavezzini, i quali hanno tenuto a ringraziare la Banca per l'impegno costante profuso sul territorio; il Sindaco di Orbetello Monica Paffetti ha inviato una lettera di saluto e ringraziamento, scusandosi di non poter essere presente per impegni istituzionali. L'Assemblea, condotta dal Presidente B Enrico Petrucci, si è aperta con la presentazione, da parte del Consiglio di Amministrazione, dei risultati economici raggiunti durante il primo anno di lavoro a Banca unita, in seguito alla fusione avvenuta lo scorso anno. L'Assemblea dei Soci ha quindi approvato il bilancio al 31.12.2012. I dati economici, nonostante il periodo di congiuntura economica sfavorevole, sono confortanti: il patrimonio netto risulta pari a 53 milioni di euro, la raccolta si attesta sui 322 milioni di euro e gli impieghi raggiungono i 275 milioni; i soci sono 3.810, 13 le filiali con 8 Comuni serviti e 17 Comuni di competenza. Una volta illustrati i dati, il Presidente Petrucci ha poi esposto le modalità d'impiego dei 42.683,00 euro provenienti dalle donazioni versate sul conto "Pro Alluvionati" aperto presso l'Istituto in seguito all'evento calamitoso di novembre scorso. Una parte dei proventi, precisamente euro 13.583,00, sono già stati donati all'Istituto Comprensivo "G. Civi- nini" di Albinia per l'acquisto di nuovi computer, stampanti e altro materiale elettronico (che è servito per allestire il nuovo laboratorio informatico della scuola) e di materiale ginnico destinato alla palestra dell'istituto. Altri 25.000,00 euro saranno invece riservati al progetto di ricostruzione delle cucine destinate alla refezione degli alunni dell'Istituto Comprensivo di Albinia e di altri Istituti del Comune. I 4.000 euro rimanenti saranno destinati invece all'acquisto dei nuovi giochi allestiti nel giardino della Scuole Materna di Albinia. In ultimo, le somme derivanti dalla rinuncia dei soci ai loro pacchi natalizi saranno impiegate nella riqualificazione di Piazza delle Regioni sempre ad Albinia, in linea con il progetto vincitore del "concorso di idee di progettazione" bandito dal Comune. L'Assemblea è stata inoltre l'occasione per salutare, insieme a tutti i soci presenti, l'attuale Direttore Generale Alfredo Franciosini, il quale ha deciso di accedere al pensionamento, dopo una onorata carriera lunga circa 40 anni, dedicata interamente alla cooperazione. Al Direttore Franciosini succederà l'attuale Vice Direttore Laura Biagianti, la quale si insedierà nel nuovo ruolo a partire dal 1° giugno 2013, forte di una lunga esperienza lavorativa quale Vice 56 · Maremma Magazine · Giugno 2013 ti tredici imprenditori appartenenti alle zone di competenza della Banca: Clodia Srl (Saturnia), Caino Srl (Montemerano), Caseificio Sociale di Manciano (Manciano), Società Agricola Terenzi Srl (Scansano), Agrimaremma Società Cooperativa Agricola (Marsiliana), Santini Beatrice (Albinia), Ledo Pesca di Costagliola Marco (Porto Ercole), Il Frantoio (Capalbio), Brunori Alessia (Capalbio Scalo), Pompei Giuseppe (Pescia Romana), Power Boats Service Srl (Porto S. Stefano), La Zonca snc (Orbetello), Azienda Agricola Rustici (Fonteblanda). Infine è stato consegnato alla Confraternita di Misericordia di Manciano il Premio alla Solidarietà, ritirato dal Governatore Marcello Santarelli, come riconoscimento per le attività di grande utilità sociale svolte costantemente a favore della comunità locale. La manifestazione è terminata con un buffet freddo curato da aziende locali, molto apprezzato dai presenti. "La Banca di Saturnia e Costa d'Argento ­ si legge in un comunicato emesso a conclusione dell'evento ­ ringrazia tutti coloro che hanno collaborato al successo della giornata: la Cooperativa Co.Pa.Ca. nella persona del Presidente Andrea Bisconti e del Direttore Roberto Angioloni per aver messo a disposizione della Banca i locali della Cooperativa, l'Associazione La Racchetta di Capalbio, il suo Presidente Giuliano Capitani e i volontari che hanno prestato servizio d'ordine e di sicurezza durante tutta la manifestazione, la Misericordia di Albinia e il Governatore Roberto Trucchi per aver messo a disposizione un mezzo di primo soccorso, gli studenti dell'Istituto Alberghiero "R. Del Rosso" di Orbetello per aver effettuato il servizio di sala durante la manifestazione, il Garden Vivai nella persona di Beatrice Santini e del suo staff di collaboratori per l'allestimento floreale, le dieci aziende locali che hanno offerto agli ospiti i loro prodotti durante il buffet finale". ···· I dati economici, nonostante il periodo congiunturale sfavorevole, sono confortanti: il patrimonio netto risulta pari a 53 milioni di euro, la raccolta si attesta sui 322 milioni di euro e gli impieghi raggiungono i 275 milioni; i soci sono 3.810, 13 le filiali con 8 Comuni serviti e 17 Comuni di competenza. Primo Piano · 57 "L'alta valle dell'albegna tra maritima e Francigena", sulle tracce della storia nel libro di gilia Pandolfi DI RossAno MARzoCChi "L'Alta Valle dell'Albegna tra Maritima e Francigena": è il bel libro di Gilia Pandolfi, frutto della passione per le ricerche archivistiche e soprattutto dell'amore per il suo Paese ­ Roccalbegna ­ e per un territorio, ricco e di grande valore, che ha visto il massimo vigore in un tempo che oggi sembra relegato ai soli ricordi " Silenzio. Dalle vie si dilata ai campi, alle rocce, sospeso. A chi ama questa terra il silenzio parla di uomini e di donne, racconta fatiche, attimi di gioia, dolori, speranze del mattino, malinconie del tramonto, preghiere..." queste le parole di un libro che trasuda da ogni pagina conoscenza e amore per una parte importante della Maremma. Chi ama la storia del territorio, la geografia fisica e le tradizioni locali apprezzerà infatti il volume di Gilia Pandolfi intitolato "L'Alta Valle dell'Albegna tra Maritima e Francigena". Capace di soddisfare appieno anche il più esigente appassionato, il libro è di una ricchezza sorprendente. Nelle sue 253 pagine, Gilia Pandolfi fornisce al lettore dati puntuali e precisi. Laureata in Lettere Classiche a Pisa, Gilia Pandolfi ha contribuito nell'ambito dell'Associazione Culturale Sancti Miniati a recuperare il vissuto della Comunità di Roccalbegna, storia, musiche, usi in cucina, racconti, leggende, favole, filastrocche, trastulli dei bimbi. Dall'amore per il suo Paese e dalla passione per le ricerche archivistiche nasce questa sua pubblicazione, in cui riporta con meticolosità l'importanza del monastero di San Salvatore ed i contrasti tra l'abbazia e la famiglia degli Aldobrandeschi, si sofferma sulle origini di Roccha Albigna, che da villaggio diventa castrum, ovvero città fortificata con mura, porte ed un castello, la Rocca appunto, costruita su quella roccia alla cui base si appoggia, dalla parte di mezzogiorno. E poi la chiesa dei santi Pietro e Paolo, progettata nel 1200 per sostituire la piccola pieve di San Giovanni Battista, in cui il viaggiatore è obbligato a passarci davanti se vuole proseguire il cammino, peraltro ricca di opere d'arte e che per la natura incoerente del terreno cominciò a creare problemi fin dalla nascita a cui gli abitanti provvidero alla conservazione in virtù di una certa agiatezza riscontrabile nell'arricchimento degli arredi, della sontuosità degli altari. Dalla relazione della visita pastorale nel 60 · Maremma Magazine · Giugno 2013 mese di maggio del 1596 si apprende che il vescovo Metello Bichi, proveniente da Stribugliano, trova nella chiesa ben sette altari. L'autrice riferisce che nell'indice della Diocesi di Sovana del 1710 la parrocchia raggiunge il vertice della sua efficienza: dodici chiese, otto sacerdoti, quattro chierici, un romitorio, tre compagnie, un ospedale, sette benefizi, sei legati, sedici cattedratici, in denaro e uno in grano. Pubblicato dall'Editrice Innocenti, il libro gode della presentazione del professor Leonardo Rombai, Ordinario di Geografia storica presso il Dipartimento di studi storici e geografici dell'Università di Firenze. Rombai ci accompagna verso lo studio della zona affermando che il volume della Pandolfi costituisce un esempio ben riuscito di storia del territorio, scritto con esposizione chiara e appropriata e frutto di una paziente ricerca sugli studi sulle fonti archivistiche e sul terreno, tanto che il lettore può toccare con mano le impronte di un'area collinare, quella dell'Albegna, che ha rappresentato per alcuni millenni un vero e proprio territorio-strada di rilevante valenza strategica, consentendo con le sue vie di comunicazione il collegamento fra la Toscana interna orientale e il mar Tirreno, e soprattutto fra la Val d'Orcia, l'Amiata e la Maremma. La Pandolfi riporta anche le relazioni dell'auditore Bartolomeo Gherardini, sulle visite fatte nel 1676 alle Città, Terre e Castella dello Stato della città di Siena per Cosimo III de' Medici. Non trascura la narrazione sui possedimenti dei Piccolomini e l'estinzione nel 1962 per mancanza di eredi, della casata con il colonnello conte Silvio Piccolomini della Triana, che dopo l'esproprio di una parte notevole dei suoi beni da parte dell'Ente Maremma, ha lasciato il castello e i poderi rimasti alle Opere Pie di Siena. Interessanti sono anche i riportati contratti di "soccità", alcuni di matrimonio, nonché i dettagliati corredi portati come dote dalle giovani in occasione delle nozze nei periodi che vanno dal 1806 al 1868. "Purtroppo ­ aggiunge la Pandolfi ­ oggi la bellissima contea rurale e il Primo Piano · 61 Castello di Triana castello versano in un abbandono completo per mancanza d'interessamento, di qualsiasi forma di manutenzione e di progettualità da parte del proprietario attuale. La terra di Roccalbegna ne ha un grave danno: sembra che agisca ancora la maledizione di Spinello Piccolomini, vicario senese nel 1555 a Roccalbegna, che, venuto in paese per prendere la fedeltà a Siena dai rocchigiani traditori passati a Firenze, fu bastonato se non addirittura ucciso. Dispiace veder morire a poco a poco quanto era stato costruito nel 1388 dai Conti Piccolomini, e andare in rovina i bellissimi poderi, imbarbarirsi una natura antica, già ricordata nelle carte Amiatine dell'- VIII secolo come terra di vigne, campi, condotte, d'acqua." La popolazione è prevalentemente anziana, si legge nel libro, i giovani continuano a fuggire dal paese. Prevale lo scetticismo, perché si ha scarsa fiducia in ciò che Roccalbegna e la sua terra potrebbero offrire al mondo di oggi. Dispiace veder morire un paesaggio per il cui disegno sono occorsi tanti secoli di lavoro, di fatiche, di speranze, giorno per giorno. Il progresso non sempre è sinonimo di miglioramento, verrebbe da dire. È anche per questo che assume ancor più valore la riscoperta del passato attraverso studi e ricostruzioni come quello del- la Pandolfi, che si sofferma a ritrarre anche uno spaccato di vita vissuta: "Sbattono gli usci all'alba dietro gli uomini di casa che vanno ai campi: incontri, brevi parole, zoccolio di somari nel lastricato e nella scalelle. Aldo, Beppe, Alberto... vanno al lavoro, non torneranno che al tramonto... È bello rimanere nel mondo rassicurante dei rumori consueti, dove tutti conoscono tutti, dove le chiavi tenute nella toppa non sigillano alcuna casa. Tra poco si apriranno le botteghe e comincerà un nuovo giorno con il cicaleccio per le strade, i richiami, le campane che ricordano la preghiera." Roccalbegna, il Sasso Roccalbegna, Chiesa dei Santi Pietro e Paolo 62 · Maremma Magazine · Giugno 2013 acqua e aria e Palmieri, un nome e un marchio simbolo del "fare impresa" in maremma Un nome ed un marchio che nel capoluogo maremmano, ma non solo, non hanno certo bisogno di presentazioni. Parliamo della famiglia Palmieri e della ditta Acqua e Aria, azienda leader nel settore termoidraulico, condizionamento, riscaldamento e trattamento delle acque (piscine per privati e centri benessere, saune e bagni turchi) guidata dal vulcanico Gianni Palmieri coadiuvato da un bel team di persone affiatate e motivate DI DiAnoRA TinTi Come è possibile trasformare un'attività artigianale in un'impresa di successo? Come è possibile, in un momento di crisi come questo, aumentare il fatturato rispetto all'anno precedente? Come è possibile diventare un punto di riferimento per un intero territorio ed essere apprezzati da clienti esigenti?". Erano queste le domande che mi ero preparata prima di andare all'appuntamento con Gianni Palmieri, fondatore di "Acqua e Aria", ormai storica impresa grossetana. Ma quando sono entrata nella sede di Via Lazzeretti, a Grosseto, e mi sono trovata di fronte un signore brizzolato dalla folta chioma e dalla battuta pronta, non ho avuto bisogno di " chiedere altro: le risposte erano tutte là, di fronte a me. E per un attimo in lui ho rivisto mio padre, commerciante grossetano, per lo stesso atteggiamento spiccio, apparentemente distaccato, ma che in realtà nasconde quella riservatezza tipica di noi maremmani. Forse anche per questo mi è rimasto subito simpatico, nonostante abbia dovuto fare i salti mortali per intervistarlo, perchè non è stato fermo un attimo e nemmeno per un momento ha interrotto il suo lavoro. Ma non poteva essere altrimenti, perchè Gianni Palmieri non ha mai amato perdere tempo, da sempre impegnato a contribuire con la sua attività al riscatto economico della Maremma. Da quel lontano 1963 quando, dopo soltanto quindici giorni di università, capì che la sua vita non sarebbe stata quella di Ingegnere e avviò la sua attività con la ditta individuale ARCA. Di tempo, da allora, ne è passato, ed ancora di più da quando suo nonno, di professione stagnino, partì da Treppio, vicino a Pistoia, per stabilirsi a Montorgiali, in quel di Scansano. Un passato che non è stato mai dimenticato ma, anzi, custodito come qualcosa di prezioso che, come un faro, ha sempre illuminato la strada di questa straordinaria famiglia grossetana. Faccio questa riflessione nel momento esatto in cui entra sua figlia Giulia. Sorridente, alla mano, si accomoda vicino e mi chiede a che punto siamo con il colloquio. Al concetto di "famiglia", le dico, curiosa di sapere cosa ne pensa. "Questa è una grande famiglia" mi dice subito. Poi Gianni continua "Composta non soltanto da me, mia moglie Vanna e le mie due figlie, Giulia e Caterina, ma anche da loro...", indica i suoi più stretti collaboratori. "Scriva, scriva... Letizia per esempio è ventisei anni che lavora qui, si occupa di pubbliche relazioni e... gliela raccomando, con lei non si scherza! Stefano invece è responsabile dell'aspetto energetico, condizionamento, trattamento aria e camere bianche (sale operatorie etc, ndr) mentre Guido del trattamento acque e di tutto ciò che riguarda le piscine. Vede ­ continua ­ l'Azienda non è soltanto della mia famiglia ma di tutti quelli che ci lavorano. Sono sempre stato convinto che il gioco di squadra sia fondamentale, così come il coin- 64 · Maremma Magazine · Giugno 2013 volgimento e le motivazioni individuali. Soltanto così è possibile mantenere una perfetta coordinazione". Chiosa Giulia:"Cuore e sentimento, prima della ragione!". La passione con la quale Gianni e Giulia parlano della loro attività e di ciò che sono riusciti a creare negli anni, mi contagia, spingendomi ad andare avanti nell'argomento. Quindi, uniti, appassionati e motivati al punto giusto? "Sempre e comunque pronti ad impegnarsi in prima persona per la nostra Azienda e per la nostra terra" mi rispondono all'unisono ed io, ancora più curiosa, vado avanti. Quali sono i pro e i contro di una gestione familiare? Incalzo. "Bah... direi che nel mio caso ci sono solo pro. Ho lavorato serenamente... non so se per lei è stata la stessa cosa... ­ ironizza Gianni ­ per vent'anni fianco a fianco con mia moglie Vanna che poi ha deciso di intraprendere l'attività di commerciante (il noto negozio di articoli da regalo e oggettistica di Corso Carducci a Grosseto, ndr). Oggi anche le mie figlie si occupano del negozio oltre che dell'Azienda "Acqua e Aria". Caterina è la presenza fissa in negozio mentre Giulia segue il lavoro di coordinamento fra le due attività, azienda e negozio. Certo capita che ci siano diversità di vedute, come è normale e giusto, ma la passione che ci accomuna ci porta sempre a trovare facilmente soluzioni condivise ai problemi che via via si presentano". Quindi nel suo caso nessun scontro generazionale? "Per carità! I giovani sono il nostro futuro e la nostra Azienda ha sempre investito tantissimo nella formazione che poi si riflette nella qualità dei servizi offerti. E poi mi piace essere contornato da giovani..." afferma Gianni convinto. Giulia concorda e non potrebbe essere altrimenti visto che, fra le tante cose che fa, è anche Presidente del Gruppo Giovani di Confindustria a livello provinciale. Una tradizione di famiglia quella di impegnarsi anche nel campo associazionistico. Gianni è stato Presidente dell'Associazione Industriale dal 2001 al 2005 così come Lino, fratello di suo padre, il primo "Palmieri" presidente. Cosa le è rimasto Gianni di quella esperienza? "Ho conosciuto tanta gente, e non so se questo sia stato un bene e un male... Scherzo! (ma io non ne sono tanta convinta, ndr) ed ho capito ancora di più quanto la Maremma sia ancora carente di infrastrutture. Certamente un bellissimo isolamento dal punto di vista della qualità della vita, ma che ci tiene troppo lontani dagli scambi commerciali e che fa lievitare i costi". "Il problema è proprio questo, insieme alla formazione di una nuova mentalità imprenditoriale". Interviene Giulia. Così le chiedo di parlarmi della sua esperienza in Confindustria e lei inizia dicendomi quanto sia importante trasmettere certi valori ai giovani. "Vado spesso nelle scuole a parlare con loro. È fondamentale far capire l'importanza dell'etica, dell'impegno sociale e della cultura d'impresa. Sono stata vicina anche a ragazzi disagiati, che uscivano da situazioni difficili, impiegandoli nella nostra Azienda e cercando di dar loro un futuro attraverso il lavoro. Un imprenditore rischia tutto se stesso, ma l'onestà e il rispetto delle regole e delle persone sono il cardine di tutto, non Primo Piano · 65 ···· Una famiglia, quella dei Palmieri, vocata all'impresa: oltre ad "Acqua e Aria" nata nel 1973, si aggiunge il negozio di oggettistica, bigiotteria, articoli da regalo, artigianato tipico, etnico ed arredamento in Corso Carducci 58 a Grosseto soltanto sul lavoro. Ecco, cerco di far passare ai più giovani il messaggio che, oltre all'impegno ed alle competenze, è necessario un comportamento corretto che poi aiuta anche nelle vita e che la crescita professionale va sempre di pari passo con quella personale". Come siete riusciti a raggiungere il top nei settori della termoidraulica, condizionamento, riscaldamento, trattamento aria ed acque, fitness? "Crederci, crederci, crederci... lavoro, lavoro, lavoro... serietà, serietà, serietà... e qualificazione del personale, perché se lavori male, hai il tempo contato. La nostra Azienda è dal 2002 che ha ottenuto il marchio ISO 9002 della qualità. Questo è un riconoscimento importante che comporta un lavoro costante nell'applicazione delle norme dettate dalle società certificatrici che ci sottopongono a continui controlli". Afferma subito Giulia. "E anche con un po' di fortuna! Mettiamoci anche quella... che non guasta mai!". Aggiunge Gianni. Uno dei vostri fiori all'occhiello è la progettazione e realizzazione di piscine sia pubbliche che private. A questo proposito mi viene in mente di aver letto da qualche parte che è stata proprio la vostra Azienda ad aver progettato e realizzato la piscina di Castelgandolfo per papa Wojtyla. Come siete riusciti in questa impresa? Risponde Gianni interrompendo, per alcuni minuti, il colloquio con un collaboratore. "Sa, le vie del Signore sono infinite..." scherza. Poi precisa. "Erano gli anni settanta, e i primi del pontificato di Giovanni Paolo II e, con la collaborazione dell'impresa Lorenzini e dell'arch. Luzzetti, tutti e due di Grosseto, riuscii a realizzare questa piscina che, fra l'altro, fu regalata al Papa dai fedeli polacchi. A quell'epoca era una cosa segretissima". Una bella soddisfazione... un'opera prestigiosa... "Si..." risponde tentando di sminuire. Poi interviene Giulia. "Abbiamo anche realizzato la piscina del complesso turistico Riva degli Etruschi a San Vincenzo (Livorno), anche quello è stato un gran lavoro!" ammette orgogliosa. Come si sposa la realizzazione di opere come queste, diciamo piuttosto costose, con il momento di crisi che sta vivendo il nostro Paese? Chiedo rivolgendomi a Giulia, perché Gianni nel frattempo è sparito... "Fortunatamente, questo settore "galleggia", anche nel 66 · Maremma Magazine · Giugno 2013 privato. Negli anni siamo riusciti a conquistare la fiducia, e dopo a mantenerla, della clientela più esigente che continua a rivolgersi a noi perché cerca la qualità, la professionalità e la conoscenza specifica. A certi livelli la crisi si sente meno, perché chi ha i soldi continua ad averli. Anche in questo momento stiamo lavorando ad opere importanti". A questo punto Giulia mi chiede se ho sufficienti informazioni per l'articolo, perché deve scappare. Io rispondo di sì, perchè effettivamente ho raccolto un bel po' di materiale e la saluto ma, mentre sto per uscire, riappare Gianni che era comunque riuscito, francamente non so come, a seguire la nostra conversazione ed interviene: "Avete parlato anche del fotovoltaico? Per rispondere in anticipo all'evoluzione della società, abbiamo anche stretto nuove collabora- zioni con Ditte importanti per il settore solare e fotovoltaico e per quello del riscaldamento e condizionamento radiante. Questo lo metta perché è un'attività molto interessante...". Poi si allontana per dare ascolto ad un collaboratore: la "famiglia" chiama...e lui, prontamente, risponde. Info: sito web www.acquaearia.com, mail: info@acquaearia.com omposta da dodici persone, "Acqua e Aria" nasce ufficialmente nel 1973 con Gianni Palmieri titolare. Ha sede in Grosseto, Via Davide Lazzeretti 10-10/A. Essenzialmente le attività principali sono quelle nel settore termoidraulico, condizionamento, riscaldamento e trattamento delle acque, piscine per privati e centri benessere, saune e bagni turchi. I marchi di cui ha la rappresentanza sono rimasti sempre i C Le aziende di famiglia soliti, ditte serissime e conosciute a livello internazionale: Riello Condizionatori SPA per il condizionamento dell'aria, Riello Bruciatori SPA per il riscaldamento e Culligan Italiana SPA per il trattamento dell'acqua e delle piscine. Ovviamente, nel tempo, alcuni hanno cambiato nome, diventando così Aermec SPA per il condizionamento, Beretta SPA per il riscaldamento. Thermital SPA per il settore solare e fotovoltaico e Velta Italia SPA per il settore del riscaldamento e condizionamento radiante sono le ultime arrivate. Per contatti: tel. 0564 470482415294-416140. A questa attività si aggiunge quella di vendita al dettaglio di oggettistica, bigiotteria, articoli da regalo, artigianato tipico, etnico ed arredamento del negozio in Corso Carducci 58 a Grosseto gestita da Vanna, Caterina e Giulia Palmieri. Per contatti: tel. 0564 414755. Primo Piano · 67 Sabato 1° giugno L'agenda · Gavorrano - I Luoghi del Tempo Suoni, Storie e Sapori in Maremma Edizione 2013. Festival promosso da Regione Toscana, Provincia di Grosseto e Musei della Maremma, con la partecipazione di Fondazione Grosseto Cultura, Comuni di Arcidosso, Gavorrano, Massa Marittima e Grosseto. Programma: Ravi-Miniera Marchi - ore 18,00 passeggiata con Paolo Poli (attore), Valentina Grazzini e Roberto Incerti (giornalisti), Alessandra Casini (direttore del Parco nazionale delle colline metallifere) "Come nasce uno spettacolo"; ore 19,00 degustazione di prodotti tipici locali; ore 19,45 Marco Baliani con Mirco Mariottini (clarinetti) "Occasioni" · Grosseto - Corale G. Puccini Concerto in occasione della Festa Parrocchiale - Dir. e organista: M° Francesco Iannitti Piromallo - Sala Chiesa S. Cuore a Grosseto (GR), ore 21,00. Info: tel. 0564 412874 - Cell. 389 5140984, www.coralepuccini.org · Monterotondo M.mo - Festa Medievale Festa medievale e inaugurazione del sito archeologico "La Rocca degli Alberti" · Porto Ercole (Gr) - Feste di Sant'Erasmo Festeggiamenti civili e religiosi in onore del Santo Patrono. · Roccalbegna e dintorni - Escursioni tra Maritima e Francigena Calendario di escursioni a cura di Carla Pau Guida Ambientale Escursionistica nella zona di Roccalbeg- na e dintorni. Programma: ANELLO DEL MONTE LABBRO - Via Parco faunistico del Monte Amiata. Partenza h 9:00 arrivo h 13:00 difficoltà escursionistica. Costo 12 euro; 6 euro bambini fino ai 10 anni + Ingresso Parco 3 euro. Per informazioni sull'itinerario vai sul sito www.carlagae.com, info@carlagae.com, 3406933470 · Roselle (Grosseto) - CAVA 2013 Cartellone di musica, teatro ed eventi nella suggestiva cornice del parco di pietra di Roselle, alle porte di Grosseto. Programma: Skaramouche in concerto - ROY PACI dj set · Venturina (Campiglia M.ma - Li) - "42 Fiera Mostra Economica Costa Toscana" Fiera campionaria ­ Artigianato, industria, agricoltura, commercio, presso i padiglioni espositivi della Cevalco in via della Fiera 1 (fino al 2 giugno). Info: 0565.852210, www.sefifiere.it · Monterotondo M.mo - Festa Medievale Festa medievale e inaugurazione del sito archeologico "La Rocca degli Alberti" · Monterotondo M.mo - Slow Food Monteregio Calendario di iniziative a cura di Slow Food Monteregio. Programma: ore 20 Agriturismo San Ottaviano Loc. Massoni Monterotondo M.mo BIRRA ALLA GRIGLIA Cena dell'11° Compleanno - Per la prima volta si festeggia il Compleanno della condotta nel Comune di Monterotondo Marittimo, Domenica 2 giugno con uno stile diverso dai precedenti, la cena sarà servita e non a buffet, non ci sarà l'Assemblea dei Soci. Nel pomeriggio visita ad una delle rare Birrerie Agricole esistenti in Italia. Info: tel. 349 0710478 · Pitigliano ­ Infiorata del Corpus Domini Come ogni anno per la festa del Corpus Domini si ripete la tradizionale infiorata dove le vie del centro storico diventano un tappeto fiorito offrendo i suoi straordinari disegni, i suoi profumi e i suoi colori ai numerosissimi fedeli e turisti. Programma: ore 16.30: Messa in Cattedrale e Processione del SS. Sacramento. · Porto Ercole - "Scuola estiva di paesaggio" Iniziativa è promossa da Provincia di Grosseto, Politecnico di Torino e Università della Tuscia, per fornire ad amministratori pubblici, tecnici e professionisti, metodologie e strumenti per la cura diffusa del territorio presso l'Hotel Don Pedro, in via Panoramica 7 · Porto Ercole (Gr) - Feste di Sant'Erasmo Festeggiamenti civili e religiosi in onore del Santo Patrono. Programma: ore 10,15 santa messa celebrata da S.E. Mons. Guglielmo Borghetti; ore 20,30 processione per terra e per mare, partenza da piazza Santa Barbara; ore 23,30 spettacolo pirotecnico · Sorano - "12 all'Ottava. I Libri in Cantina" Ogni domenica pomeriggio, dal 7 aprile al 7 luglio l'eno-osteria Ottava Rima di Sorano in via del Borgo 25 presenta "I Libri in Cantina". Dodici appuntamenti (più uno extra) con autori, editori, vignaioli, mastri birrai e casari che presenteranno le loro 68 · Maremma Magazine · Giugno 2013 opere. Con il patrocinio del Comune di Sorano. Info: www.cantinaottavarima.com · Venturina (Campiglia M.ma - Li) - "42 Fiera Mostra Economica Costa Toscana" Fiera campionaria ­ Artigianato, industria, agricoltura, commercio, presso i padiglioni espositivi della Cevalco in via della Fiera 1 (fino al 2 giugno). Info: 0565.852210, www.sefifiere.it LuneDì 3 giugno a5 A cura dell'UISP, ore 20,30 · Santa Caterina (Roccalbegna) - Torneo Calcio a 7 A cura dell'UISP, ore 20,30 · Scansano ­ Torneo Calcio a 8 A cura dell'UISP, ore 20,30 · Scansano - Torneo Calcio a 5 A cura dell'UISP, ore 20,30 · Arcille (Campagnatico) - Torneo Calcio a 8 A cura dell'UISP, ore 20,30 · Castell'azzara - Gruppo Speleologico L'Orso Attività Sociale del Gruppo Speleologico L'Orso Castell'azzara. Programma: La Grotta, P.gio Ciabattino, Vallone dell'Inferno, la vetta del M. Civitella, Vallocchino, Calla, Sassispaccati, laghetto, la Grotta. Luogo di ritrovo: CASTELL'AZZARA (Bar dello Sport- P.za Martiri di Niccioleta) ore 9. Info: 328 8312106 · Grosseto - Torneo Calcio a 11 - Esordienti A cura dell'UISP, nel campo di via Australia ore 19,15/21,00 · Porto Ercole - "Scuola estiva di paesaggio" Iniziativa è promossa da Provincia di Grosseto, Politecnico di Torino e Università della Tuscia, per fornire ad amministratori pubblici, tecnici e professionisti, metodologie e strumenti per la cura diffusa del territorio presso l'Hotel Don Pedro, in via Panoramica 7 · Porto Santo Stefano - Torneo BALLINI Calcio marteDì 4 giugno · Orbetello - Medioevo e concetti in movimento: l'arte medievale Corso finalizzato alla conoscenza della Storia dell'arte italiana ed europea dalla Tarda antichità al Basso Medioevo presso la Biblioteca Comunale " P. Raveggi" - P.zza della Repubblica, ore 18.30. Docente: Dott.ssa Lorena Manini - Chora Soc. Cooperativa. Programma: Cimabue tra arte bizantina e innovazione. Info 3939391533 · Porto Ercole - "Scuola estiva di paesaggio" Iniziativa è promossa da Provincia di Grosseto, Politecnico di Torino e Università della Tuscia, per fornire ad amministratori pubblici, tecnici e professionisti, metodologie e strumenti per la cura diffusa del territorio presso l'Hotel Don Pedro, in via Panoramica 7 · Arcidosso ­ "Cenerentola" Lettura scenica musicale, con drammatizzazione interattiva per la scuola dell'infanzia, a cura del Teatro Studio presso la Biblioteca Comunale di Arcidosso, ore 10.30. Info: Teatro Studio 392.0686787, email teatrostudio@gmail.com · Grosseto ­ Presentazione libro Alle ore 20.00, la Diocesi di Grosseto, Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici presenta il 3° volume "Contributi per l'arte in Maremma: restauri e valorizzazione del patrimonio artistico" a cura di Olivia Bruschettini. Programma: Convento di San Francesco a Grosseto, piazza San Francesco (nel Centro Storico): ore 20.00 aperitivo e cena a buffet con i vini dell'azienda ColleMassari e Montecucco; ore 21.00 Introduzione del Sindaco di Grosseto Emilio Bonifazi e saluti delle Autorità. Accompagnamento musicale di Luca Pirozzi. Evento curato da Alessio Calabrese. · Magliano in Toscana - "Scuola estiva di paesaggio" Giornata conclusiva dell'iniziativa promossa da Provincia di Grosseto, Politecnico di Torino e Università della Tuscia, per fornire ad amministratori pubblici, tecnici e professionisti, metodologie e strumenti per la cura diffusa del territorio gioveDì 6 giugno mercoLeDì 5 giugno · Arcidosso ­ "I draghi e le nuvole" Drammatizzazione interattiva di Mario Fraschetti per la scuola primaria, a cura del Teatro Studio presso la Biblioteca Comunale di Arcidosso, ore 10.30. Info: Teatro Studio 392.0686787 · Castiglione della Pescaia - Concerto L'agenda · 69 giugno intenso nei Parchi della Val di cornia Oltre alle normali visite ai parchi e ai musei, i Parchi della Val di Cornia propongono per il mese di giugno un calendario di eventi, inseriti in importanti manifestazioni come "Il Gusto dell'arte l'arte del gusto" di Vetrina Toscana. sperienze che uniscono terra, mare, profumi, luoghi magnifici e sapori autentici che si presentano come una vera e propria vetrina per il territorio con tutte le sue eccellenze e per gli operatori che vi operano, sullo sfondo dei parchi. A rafforzare il rapporto con il territorio la collaborazione con aziende, operatori e associazioni per la realizzazione di molti degli eventi proposti. Si parte domenica 9 giugno alle ore 17.00 presso il Parco costiero della Sterpaia (Piombino) con "I Grani Antichi". A novembre 2012 una porzione di terreno agricolo del Parco è stato dedicato a un progetto di recupero di coltivazioni biologiche e autoctone di frumento. Con la collaborazione dell'Università di Firenze e dell'Associazione Produttori Biologici della Toscana e Val di Cornia sono stati seminati Grani Antichi che daranno i primi "frutti" a giugno 2013. Per l'occasione è prevista una visita al bosco secolare della Sterpaia e a questi terreni, accompagnati dal Prof. Benedettelli (Università di Firenze) che ha seguito il progetto. Una passeggiata per scoprire le differenze tra vari tipi di grano e per apprezzarne le caratteristiche da concludersi con una cena al ristorante "La Baracchina" a Carlappiano, in cui il pane farà da "padrone". Quindi sabato 15 giugno l'appunta- E mento sarà alle ore 15.00 presso il Parco costiero di Rimigliano con "Giocare nel Parco" un pomeriggio dedicato ai giochi all'aperto per far riscoprire ai bambini il piacere di giocare insieme fuori dalle mura di casa. "Oggetti e sapori in una cucina medievale" sarà invece la proposta per domenica 23 giugno dalle ore 10.30 al Parco archeominerario di San Silvestro, uno sguardo tra la ceramica da cucina e da dispensa del villaggio medievale di minatori di Rocca San Silvestro, per scoprirne tecniche di realizzazione e di decorazione e gustare semplici piatti dai sapori perduti. L'evento prevede un laboratorio di ceramica ed una serie di assaggi di cibi "medievali" al ristorante Santa Barbara, nel cuore del parco. Infine, da ricordare che dal 31 maggio al 2 giugno e dal 14 al 16 giugno al Parco archeologico di Baratti e Populonia si terrà "WE DIG! WE ARCHEOLOGIA!", week-end di scavo archeologico, aperti a volontari e appassionati di archeologia italiani e stranieri, a famiglie con bambini tra gli 8 e i 14 anni e a chiunque voglia fare un'esperienza pratica per conoscere il mestiere dell'archeologo e comprendere i metodi della ricerca sul campo. Per info e prenotazioni (obbligatorie): tel. 0565 226445, prenotazioni@parchivaldicornia.it, www.parchivaldicornia.it Concerto della scuola Franceschi presso il piazzale ex Maristella ore 21.00 · Istia d'Ombrone (Grosseto) - Cena/buffet solidale Il Ristorante Il Terzo Cerchio, ad Istia d'Ombrone, alle 19.30 propone una cena/buffet solidale a sostegno degli interventi UNICEF per le bambine e i bambini siriani, vittime senza responsabilità alcuna di un conflitto dimenticato. Materie prime di produzione locale e cura amorevole nella cucina per una serata speciale, etica e sostenibile, al costo di 25 euro a persona. Bambine e bambini fino a 6 anni d'età sono accolti gratuitamente. È richiesta la prenotazione al numero 0564 408389 o all'indirizzo mail terzo.cerchio@virgilio.it. Edoardo, Ilvano, Simona e Valentina e il Comitato provinciale per l'UNICEF di Grosseto devolveranno quanto raccolto per contribuire a garantire l'invio di medicinali, kit sanitari di base e kit per la salute neonatale alle bambine e ai bambini sul territorio siriano. Iniziativa è a cura del Comitato Provinciale per l'UNICEF di Grosseto. venerDì 7 giugno · Arcidosso ­ "Il Mostro Tal Quale" Spettacolo da una fiaba di Sergio Staino - teatro di narrazione per la scuola primaria, a cura del Teatro Studio presso la Biblioteca Comunale di Arcidosso, ore 10.30. Info: Teatro Studio 392.0686787, email teatrostudio@gmail.com · Follonica - "M'innamoravo di tutto" Parole, sguardi, sogni di un Paese che non si arrende. Cartellone di appuntamenti a cura del Comune di Follonica. Programma: ore 21.15 Sala Tirreno CACCIATORI DI STORIE. Presentazione dei lavori e premiazione del concorso. Con la partecipazione delle Scuole follonichesi e del Consiglio dei Giovani. Con la collaborazione di Francesco Falaschi. Info: tel. 0566 59246 - 59348 · Grosseto - Rassegna Corale "MilleLire" Nell'anno dedicato, nell'ambito del progetto "Centanniaccanto", alla solidarietà sociale e nell'anno del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, la Soc. Corale G. Puccini Grosseto organizza una rassegna Corale cui parteciperà la stessa Corale Puccini (Direttore: M° Francesco Iannitti Piromallo), ma anche l'Ensemble Polifonico G. P. da Palestrina di Grosseto (Direttore: M° Massimo Merone) e la Corale I Madrigalisti di Magliano (Direttore: M° Walter Marzilli). Le offerte raccolte saranno interamente devolute a "Fratello Povero" della Comunità parrocchiale. Chiesa S. Francesco d'Assisi a Grosseto (GR), ore 21,15. Info: tel. 0564 412874 - Cell. 389 5140984, www.coralepuccini.org · Manciano - Street Music Festival Festival Internazionale di Street Band III Edizione a cura della Pro Loco Manciano (fino al 9 giugno). Concerti mattina, pomeriggio e sera tutti ad ingressi libero, mostra mercato dell'artigianato, punto di ristoro. Info e programma su: www.mancianostreetmusicfestival.it · Massa Marittima - I Luoghi del Tempo Suoni, Storie e Sapori in Maremma Edizione 2013. Festival promosso da Regione Toscana, Provincia di Grosseto e Musei della Maremma, con la partecipazione di Fondazione Grosseto Cultura, Comuni di Arcidosso, Gavorrano, Massa Marittima e Grosseto. Programma: Museo di S. Pietro all'Orto - ore 19,00 visita al Museo e degustazione di prodotti tipici locali; ore 19,45 I Djaguaros: Paolo Sassanelli (chitarra e voce), Luciano Scarpa (contrabbasso), Giorgio Tirabassi (Chitarra), Luca Giacomelli (chitarra), Alessandro Golini (violino) "Fiori di carta" (omaggio a Django Reinhardt) · Roselle (Grosseto) - CAVA 2013 Cartellone di musica, teatro ed eventi nella suggestiva cornice del parco di pietra di Roselle, alle porte di Grosseto. Programma: Dancehall night (dj set) 70 · Maremma Magazine · Giugno 2013 · Grosseto - Caffè della scienza Storie di scimmie: molti modi di fare pace! Con Elisabetta Palagi. Museo di Storia Naturale della Maremma (Strada Corsini, 5), ore 17,30 · Magliano in Toscana - Reading musicale Per il ciclo "Tè letterari", Reading musicale, poesie di Filomena Martire, a cura dell'associazione culturale "Arti In Corso", direzione artistica Adriana Aromolo e Dianora Tinti, presso il Centro Enoturistico di Palazzo Margherita a Magliano, ore 18.00. Info: Teatro Studio 392.0686787 · Manciano - Street Music Festival Festival Internazionale di Street Band III Edizione a cura della Pro Loco Manciano (fino al 9 giugno). Concerti mattina, pomeriggio e sera tutti ad ingressi libero, mostra mercato dell'artigianato, punto di ristoro. Info e programma su: www.mancianostreetmusicfestival.it · Marina di Grosseto - Beach Volley A cura dell'ASD VAS Grosseto · Massa Marittima - I Luoghi del Tempo Suoni, Storie e Sapori in Maremma Edizione 2013. Festival promosso da Regione Toscana, Provincia di Grosseto e Musei della Maremma, con la partecipazione di Fondazione Grosseto Cultura, Comuni di Arcidosso, Gavorrano, Massa Marittima e Grosseto. Programma: Massa Marittima ­ Mura cittadine ore 18,00 passeggiata con Federico Rampini (giornalista), Emilio Guariglia (giornalista), Roberta Pieraccioli (direttore dei Musei di Massa Marittima) "Da oriente a occidente" (in collaborazione con Libreria Matozzi); ore 19,00 degustazione di prodotti tipici. Michele Lanzini (violoncello) · Parchi della Val di Cornia - Tuscany Walking Festival Calendario di eventi alla scoperta del patrimonio storico-culturale della Val di Cornia. Programma: Parco naturale di Montioni - Triatlon lento. A piedi, in bici, in canoa: vivi il Parco con questi sport lenti. Giornata organizzata da La Baciocca, in collabora- zione con Coop Biodiversi. Informazioni: Ostello La Baciocca tel 0566 51537 - 345 4441169, info@labaciocca.it · Roselle (Grosseto) - CAVA 2013 Cartellone di musica, teatro ed eventi nella suggestiva cornice del parco di pietra di Roselle, alle porte di Grosseto. Programma: Concerto hard-rock con Acid zone e Deadly tide Domenica 9 giugno · Castell'azzara - Gruppo Speleologico L'Orso Attività Sociale del Gruppo Speleologico L'Orso Castell'azzara. Programma: Fonte Grande, strada per la Roccacia, il Droscio, il Poggio Poiacci(hum), discesa fino al vallone del Fosso Segno, le pieghe nelle stratificazioni del calcare ammonitico, Fonte del Bellino, Poggio della rosa, i calanchi nei diaspri e la cava, Colletto della Roccaccia (Roccaccia), Fonte Grande. Luogo di ritrovo: MONTEVITOZZO (piazza), ore 9. Info: 328 8312106 · Grosseto ­ Saggio Teatro Studio Laboratorio Bambini Saggio da "Il Carnevale degli insetti" di Stefano Benni con interpreti gli allievi bambini del Teatro Studio, presso il Teatro dell'Addolorata (Gorarella), ore 16.00. Info: Teatro Studio 392.0686787, email teatrostudio@gmail.com · Follonica - Campionati Nazionali Pattinaggio Artistico UISP A cura dell'UISP (fino al 19 giugno) · Manciano - Street Music Festival Festival Internazionale di Street Band III Edizione a cura della Pro Loco Manciano (fino al 9 giugno). Concerti mattina, pomeriggio e sera tutti ad ingressi libero, mostra mercato dell'artigianato, punto di ristoro. Info e programma su: www.mancianostreetmusicfestival.it · Marina di Grosseto - Beach Volley A cura dell'ASD VAS Grosseto · Parchi e Musei della Val di Cornia - Vetrina Toscana Dalle ore 10.00 Parco costiero della Sterpaia (Piombino) - "I Grani Antichi" - Visita al bosco secolare della Sterpaia e a terreni seminati con Grani Antichi, accompagnati dal Prof. Benedettelli (Università di Firenze) che ha seguito il progetto. Una passeggiata per scoprire le differenze tra vari tipi di grano e per apprezzarne le caratteristiche da concludersi con un pranzo, al Ristorante La Baracchina, in cui il pane farà da "padrone". Prenotazioni e informazioni: tel. 0565 226445 - www.parchivaldicornia.it e-mail prenotazioni@parchivaldicornia.it · Principina a Mare (Grosseto) - Casale S.Stefano Eventi Estate 2013 Calendario di iniziative culturali ed enogastronomiche al fine di valorizzare e promuovere artisti e tipicità di Maremma presso il Casale Santo Stefano (strada provinciale La Trappola 162, Grosseto). Programma: ore 18,00 inaugurazione dell'esposizione dell'artista Mara Franci (che proseguirà fino al 15 giugno). Info: cell. 3939701326 - 3486351384, rete fissa 0564/30149, mail info@casalesantostefano.it · Roccalbegna (GR) - 1° Raduno per appassionati di Mountainbike e Trekking L`Associazione Polisportiva di Roccalbegna, in collaborazione con il Comitato UISP di Grosseto ed il patrocinio del Comune di Roccalbegna, organizza per il giorno 9 giugno 2013 il 1° Raduno per appassionati di MTB, Trekking e passeggiate brevi. La partecipazione è gratuita ed aperta a tutti compresi amici e familiari dei partecipanti e non. Previsto servizio docce. "PRANZO TUTTI INSIEME" per le vie del paese - aperitivo e chiusura del raduno al Cassero previsto alle ore 17,00. Info: MTB: 335 Piero ardenghi in mostra a castiglione Quando l'arte ti prende per mano e rivela spazi inesplorati, ai confini del Sé e della conoscenza". Così la critica d'arte Elena Capone introduce la mostra "Dove mi porti..." di Piero Ardenghi che sarà allestita dal 21 giugno al 7 luglio a Castiglione della Pescaia presso Palazzo Centurioni (Borgo Medievale). "Dove mi porti... ­ continua Capone ­ è ricerca pittorica che diviene viaggio esistenziale; aperto, condiviso, forza del colore e della struttura grafica, dal moderno classico al rivoluzionario contemporaneo, è poesia persistente, lirica pittorica che va oltre l'espressionismo. (...) Artista riservato, "inseguito" dal bisogno di dipingere come necessità esistenziale, ma anche aperto all'incontro ed allo scambio, come emerge dalle sue riflessioni libere e sincere, quando nell'ambito di un'esposizione, confessa "ascolto i giudizi di tutti, in particolare degli altri artisti, sapendo bene che quando parlano di te parlano sempre di loro stessi". (...)". Piero Ardenghi nasce a Montalcino (SI) nel 1943, dopo la breve frequentazione della scuola di arti e mestieri di Siena ini- " zia a lavorare nella bottega dei fratelli Martinelli, ebanisti, specializzati per lavori di intaglio ed intarsio del legno. Nel 1964 si trasferisce a Montecatini Terme dove lavora come arredatore e addetto vendite presso un grosso mobilificio. Durante gli anni di residenza nella Città termale conosce il pittore Pietro Annigoni. Il maestro aveva da poco iniziato i lavori agli affreschi (raffiguranti soggetti biblici) nel santuario della Madonna del Buon Consiglio a Ponte Buggianese e volle coinvolgerlo nella realizzazione della grande opera. Questa "frequentazione" sarà fondamentale nella sua formazione artistica e personale. In quel periodo aderisce ed inizia ad esporre i suoi lavori di pittura in mostre collettive organizzate dal gruppo Artistico Pistoiese "Arti al Buio". Nel 1971 si trasferisce nella città di Grosseto, collabora per alcuni anni con due Gallerie Italiane, partecipa a concorsi d'arte e importanti mostre collettive, organizza e cura con successo mostre personali in luoghi pubblici e privati nel territorio nazionale. Nell'anno 2003 con una mostra a Stresa aderisce al movimento: "Il Ricambio Generazionale dopo il Novecento". Nel 2008 una sua opera è stata acquisita dal Sharjah Art Museum nell'Emirato UAE (Arabia Saudita). Fonda a Grosseto insieme a quattro amici artisti l'Associazione Culturale "EVENTI", la quale con proprie iniziative dall'anno 2000, si muove nel territorio nazionale per la promozione e la diffusione dell'Arte Contemporanea. Orario: lunedì-venerdì 17-20; sabato e domenica 10-12 / 17-20. Info: tel. 0564 456416 - cell. 339 8163661. L'agenda · 71 marteDì 11 giugno · Grosseto - Saggi Finali degli alunni dell'Istituto Musicale Comunale "Palmiero Giannetti" Museo di Storia Naturale della Maremma (Strada Corsini, 5), ore 17,00 e ore 21,00 · Orbetello - Medioevo e concetti in movimento: l'arte medievale Corso finalizzato alla conoscenza della Storia dell'arte italiana ed europea dalla Tarda antichità al Basso Medioevo presso la Biblioteca Comunale " P. Raveggi" - P.zza della Repubblica, ore 18.30. Docente: Dott.ssa Lorena Manini - Chora Soc. Cooperativa. Programma: Il Medioevo secondo Giotto. Info 3939391533 · Grosseto - Saggi Finali degli alunni dell'Istituto Musicale Comunale "Palmiero Giannetti" Museo di Storia Naturale della Maremma (Strada Corsini, 5), ore 17,00 e ore 21,00 · Piombino (Li) - Energetica Manifestazione a cura dell'Associazione Nojerksite presso la Pinetina di Riotorto (fino al 16 giugno) · Puntone di Scarlino - Campionato Nazionale Melges 24 Manifestazione velica organizzata dal Club Nautico Scarlino (fino al 16 giugno). Partenza presso la Marina di Scarlino. Info: tel. 0566 867051 venerDì 14 giugno mercoLeDì 12 giugno gioveDì 13 giugno LuneDì 10 giugno · Follonica - Torneo Calcio a 5 A cura dell'UISP, ore 20,30 · Follonica - Torneo Calcio a 7 A cura dell'UISP, ore 20,30 · Grosseto - Torneo PASSALACQUA - Calcio a 8 A cura dell'UISP, nel campo sportivo di via Australia, ore 20,30 · Marina di Grosseto - C.T. GROSSETO ASD Beach Tennis · Castiglione della Pescaia ­ Serata danzante Dalle 21.00 si balla latino americano alla piazza ex Orto del Lilli · Grosseto - Saggi Finali degli alunni dell'Istituto Musicale Comunale "Palmiero Giannetti" Museo di Storia Naturale della Maremma (Strada Corsini, 5), ore 17,00 e ore 21,00 · Piombino (Li) - Energetica Manifestazione a cura dell'Associazione Nojerksite presso la Pinetina di Riotorto (fino al 16 giugno) · Porto Santo Stefano - Argentario Sailing Week Raduno di Barche d'Epoca (fino al 16 giugno) · Principina a Mare (Grosseto) - Casale S.Stefano Eventi Estate 2013 Calendario di iniziative culturali ed enogastronomiche al fine di valorizzare e promuovere artisti e tipicità di Maremma presso il Casale Santo Stefano (strada provinciale La Trappola 162, Grosseto). Programma: ore 18,30 aperitivo letterario Silvia Caselli presenta il suo libro "Diario di viaggio". Info: cell. 3939701326 - 3486351384, rete fissa 0564/30149, · Arcidosso - "Yoga Tibetano e le sue relazioni con la Medicina Tibetana" Seminario intensivo, tenuto da Laura Evangelisti, e dallo studioso di cultura e medicina tibetana Elio Guarisco (fino al 16 giugno). Info: tel. 0564966837, www.dzogchen.it · Grosseto - Orchestra Sinfonica Città di Grosseto - Stagione concertistica 2013 Rassegna concertistica promossa dall'Associazione Musicale Orchestra Città di Grosseto. Programma: Cassero Senese ore 21 - Andrea Colombini Direttore - Concerto lirico sinfonico, Omaggio a Giuseppe Verdi. Info: tel. 0564/491805, www.orchestragrosseto.it · Grosseto - Saggi Finali degli alunni dell'Istituto Musicale Comunale "Palmiero Giannetti" Museo di Storia Naturale della Maremma (Strada Corsini, 5), ore 17,00 e ore 21,00 · Manciano - XIII Gran Fondo dei Briganti per MTB Al via l'edizione 2013 della Gran Fondo dei Briganti, una competizione sportiva di mountain bike made in Maremma! Info: Ufficio Turistico e Museo Preistoria Manciano, tel. 0564 620532 · Grosseto - "Giochi nazionali trapiantati e dializzati" Manifestazione sportiva italiana per atleti trapiantati: tre giorni di sport e solidarietà negli impianti sportivi comunali: dal campo Zauli, che sarà il punto di riferimento per numerose gare, al palazzetto dello sport di piazza Azzurri d'Italia fino alla struttura per il minigolf a Marina e anche il contesto urbano con la 20 chilometri di ciclismo su strada, la cui partenza è prevista da piazza Dante. Programma: ore 15.30 Bocce Doppio ­ campo sportivo scuola "B. Zauli" ­ Grosseto; ore 16.00 Tennis ­ campi da tennis, via Cimabue ­ Grosseto; ore 16.30 Ciclismo crono 5 km su pista ­ Velodromo di via Giotto ­ Grosseto; ore 20.00 Cena ­ c/o stabilimento balneare MORENO BEACH - Marina di Grosseto · Piombino (Li) - Energetica Manifestazione a cura dell'Associazione Nojerksite presso la Pinetina di Riotorto (fino al 16 giugno) 72 · Maremma Magazine · Giugno 2013 14-15-16 giugno · Talamone (Orbetello) NON SOLO MARE Gastronomia, musica, mostre, visite nelle aziende, escursioni in barca, laboratori didattici, mercatino 15 giugno>28 luglio (ogni sabato e domenica sera) · Civitella Marittima CIVITELLA IN MUSICA 2013 - A TAVOLA... SOTTO LE STELLE Tradizionale appuntamento gastronomicomusicale organizzato dall'Unione Sportiva Civitella, con il patrocinio ed il supporto di vari sponsor, riservato a tutti gli amanti della buona cucina, del ballo, della musica, per riassaporare e gustare quelle indimenticabili emozioni di "quando `un s'aveva punti pensieri e si mangiava... come cucinava la mi' nonna". Previste serate gastronomico musicali a tema per soddisfare ogni palato. Il tutto presso il Campo Sportivo Comunale "G. Tonini". Per info e prenotazioni 3384553358 / www.civitellainmusica.it / e-mail: info@civitellainmusica.it 22-23 giugno / 27-30 giugno e tutto luglio (dal giovedì alla domenica) · Rispescia (Grosseto) SAGRA DEL CINGhIALE Stand gastronomici, musica e ballo, presso il Campo Sportivo. La manifestazione, alla 27esima edizione, proseguirà fino al 1° agosto luglio, nei week-end (dal giovedì alla domenica). Info: www.sagracinghialerispescia.it 27 giugno · Isola del Giglio SAGRA DEL TOTANO GIGLIESE Manifestazione gastronomica presso Giglio Campese. Info: tel. 0564 809400, sito web www.isoladelgiglio.it 28>30 giugno · Monterotondo M.mo SAGRA DEL TORTELLO Degustazioni di tortelli e prodotti tipici presso la Pista dei Castagni. La Sagra del tortello maremmano di Monterotondo Marittimo è un appuntamento gastronomico che si è ormai consolidato nel tempo. Offre ai consumatori la possibilità di degustare i prodotti tipici della tradizione maremmana ed in primis i tortelli maremmani a base di ricotta e verdure ed altre specialità locali. La manifestazione si svolge il venerdì, sabato e domenica dell'ultima settimana di giugno in una struttura situata in una pineta nei pressi del paese. Fanno da contorno alla festa alcuni spettacoli e intrattenimenti e comunque musica per gli amanti del ballo. Info: Pro Loco Monterotondo M.mo tel. 329 2439457 5- 6-7 / 11-12-13-14 luglio · Sticciano Scalo (Roccastrada) 19° SAGRA DEGLI STROZZAPRETI E DEI PRODOTTI TIPICI MAREMMANI Bar, Spettacoli Gratuiti, Fiera di Beneficenza, Luna Park e Parco Giochi per bambini, Mostre ed esposizioni, Ristorante (dalle 19.30), Torneo di Calcetto Memorial "Alessio Cherubini" con la collaborazione Sezione AVIS - Amatori Calcio Sticciano ­ Associazione Filarmonica e Sezione Soci Est Maremma: questi alcuni degli ingredienti della manifestazione gastronomica promossa dalla locale associazione Pro Loco. Info: www.prolocosticciano.it e-mail: prolocosticciano@gmail.com L'agenda · 73 count down iniziato per Le notti dell'archeologia 2013 Si rinnova anche quest'anno nel mese di luglio (1-31) l'appuntamento con la grande manifestazione regionale che offre aperture straordinarie serali ed eventi in musei, aree e parchi archeologici della Toscana calda i motori l'edizione 2013 de "Le Notti dell'Archeologia" una delle più interessanti manifestazioni di promozione e valorizzazione del patrimonio archeologico di una regione S non archeologici che intendono valorizzare e promuovere il patrimonio archeologico del proprio territorio, organizzando iniziative in linea con lo spirito delle Notti dell'archeologia. Elemento caratterizzante della kermesse è l'apertura straordinaria notturna (orario 21.00-24.00) in almeno una notte durante il periodo della manifestazione della struttura partecipante. Le Notti dell'Archeologia uniscono l'antico col nuovo, il passato alla contemporaneità. E ad ogni edizione si presentano con un rinnovato impegno per fare della grande manifestazione un'opportunità non solo di accesso al sapere, ma anche di intrattenimento educativo e di turismo di qualità. Lo scorso anno furono 267 le iniziative complessive (51 in provincia di Grosseto) organizzate nelle 105 strutture (tra musei, parchi, aree archeologiche ed altro) aderenti e dislocate in ogni angolo della Toscana: aperture straordinarie e gratuite, visite guidate, eventi, spettacoli, trekking, laboratori didattici per bambini ed adulti, incontri e conferenze punteggiarono per l'intero luglio tutto il territorio regionale. Le "Notti dell'Archeologia" offrono ai visitatori l'opportunità di vedere cose, luoghi ed eventi unici con l'intento di rendere l'antico ancora vivo ed esplorabile da tutti. L'iniziativa sottolinea l'impegno costante nella promozione dei tanti musei archeologici disseminati sul territorio a custodia e valorizzazione dei segni storici delle civiltà, prima fra tutte l'etrusca, che hanno fatto grande la storia della nostra regione. Per maggiori informazioni e per conoscere gli eventi delle Notti dell'archeologia nella propria città: www.regione.toscana.it/nottidellarcheologia - Numero verde 800 860070. · Porto Santo Stefano - Argentario Sailing Week Raduno di Barche d'Epoca (fino al 16 giugno) · Puntone di Scarlino - Campionato Nazionale Melges 24 Manifestazione velica organizzata dal Club Nautico Scarlino (fino al 16 giugno). Partenza presso la Marina di Scarlino. Info: Club Nautico Scarlino, tel. 0566 867051, www.clubnauticoscarlino.com · Talamone (Orbetello) - NON SOLO MARE Gastronomia, musica, mostre, visite nelle aziende, escursioni in barca, laboratori didattici, mercatino (fino al 16 giugno) · Rispescia (Grosseto) - Spettacolo con i Butteri della Maremma Anche per il 2013 ogni venerdì dal 6 giugno al 14 settembre l'agriturismo Giuncola e Granaiolo nel cuore del Parco della Maremma in loc. Giuncola a Rispescia (Alberese) ripropone il binomio tradizioni equestri e buona cucina dando vita ad un ricco ed articolato spettacolo con i Butteri preceduto da un percorso enogastronomico, ovvero una cena con menù tipico maremmano "dall'antipasto al dolce" con prodotti di filiera corta e km 0 del Parco della Maremma (a partire dalle 19,45). Per info e prenotazioni: 0564 405922 - 335 6872981, www.giuncola.it, info@giuncola.it Sabato 15 giugno (in questo caso ovviamente parliamo della Toscana) nel panorama nazionale, giunta quest'anno alla 13esima edizione. Collaudata la formula: musei, parchi ed aree archeologiche aderenti all'iniziativa propongono nel mese di luglio di ogni anno un ricco calendario di eventi che comprendono l'apertura straordinaria notturna delle collezioni e numerose iniziative, tra cui laboratori didattici, visite guidate, spettacoli teatrali, mostre, conferenze, dirette a coinvolgere le diverse fasce di pubblico. La manifestazione ­ promossa dalla Regione Toscana in collaborazione con AMAT e Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana ­ come detto coinvolge i musei che espongono una collezione archeologica, i parchi e le aree archeologiche, ma anche musei · Arcidosso - "Yoga Tibetano e le sue relazioni con la Medicina Tibetana" Seminario intensivo, tenuto da Laura Evangelisti, e dallo studioso di cultura e medicina tibetana Elio Guarisco (fino al 16 giugno). Info: tel. 0564966837, www.dzogchen.it · Castiglione della Pescaia ­ Spettacolo Spettacolo degli allievi della scuola Musicale di Castiglione della Pescaia · Civitella Marittima - Civitella in Musica 2013 - A Tavola... sotto le stelle Tradizionale appuntamento gastronomico-musicale organizzato dall'Unione Sportiva Civitella, con il patrocinio ed il supporto di vari sponsor, riservato a tutti gli amanti della buona cucina, del ballo, della musica, presso il Campo Sportivo Comunale "G. Tonini". Programma: I SAPORI DI UNA VOLTA "La Pulenda coll'Animelle" | ore 17,00 Sport e Spettacolo - Torneo di Rugby "Sangue fonte di vita" in collaborazione con Ass.ne FRATRES Donatori Sangue di Civitella; ore 22,00 Tutti in pista con l'Orchestra Spettacolo di GIORGIO FRANCESCHI. Info e prenotazioni: 338 4553358 / www.civitellainmusica.it / e-mail: info@civitellainmusica.it · Grosseto - "Giochi nazionali trapiantati e dializzati" Manifestazione sportiva italiana per atleti trapiantati: tre giorni di sport e solidarietà negli impianti sportivi comunali: dal campo Zauli, che sarà il punto di riferimento per numerose gare, al palazzetto dello sport di piazza Azzurri d'Italia fino alla struttura per il minigolf a Marina e anche il contesto urbano con la 20 chilometri di ciclismo su strada, la cui partenza è prevista da piazza Dante. Programma: ore 8.00 Atletica Leggera - Campo di Atletica, campo sportivo scuola "B. Zauli" - Via dello Sport ­ Grosseto; ore 10.00 Ciclismo 20 km. in linea su strada ­ partenza Piazza Duomo, arrivo Velodromo di via Giotto; ore 9.00 Tennis Tavolo Palazzetto dello Sport, Piazza Azzurri d'Italia ­ Grosseto; ore 12.30 Pranzo c/o Campo di Atletica, , via dello Sport - campo sportivo scuola "B. Zauli" ­ Grosseto; ore 15.00 Bocce Singolo - campo sportivo scuola "B. Zauli"- Grosseto; ore 18.00 Marcia 3km femminile/5km maschile ­ campo sportivo scuola "B. Zauli" ­ Grosseto; ore 20.00 Buffet c/o Bar Briganti ­ fronte a Minigolf ­ Marina di Grosseto; ore 21.00 Minigolf ­ Marina di Grosseto · Marina di Grosseto - Beach Volley 74 · Maremma Magazine · Giugno 2013 nizzata da Euromusic & Communication Divisione Classica, con la direzione artistica di Antonio Bonfilio. Programma: Teatro Castagnoli Apertura Festival con Istituti Musicali Grosseto-Follonica-Pitigliano-Scansano Domenica 16 giugno · Arcidosso - "Yoga Tibetano e le sue relazioni con la Medicina Tibetana" Seminario intensivo, tenuto da Laura Evangelisti, e dallo studioso di cultura e medicina tibetana Elio Guarisco (fino al 16 giugno). Info: tel. 0564966837, www.dzogchen.it · Civitella Marittima - Civitella in Musica 2013 - A Tavola... sotto le stelle Tradizionale appuntamento gastronomico-musicale organizzato dall'Unione Sportiva Civitella, con il patrocinio ed il supporto di vari sponsor, riservato a tutti gli amanti della buona cucina, del ballo, della musica, presso il Campo Sportivo Comunale "G. Tonini". Programma: I SAPORI DI UNA VOLTA "La Pulenda coll'Animelle" | Raduno degli ALPINI e concerto della FANFARA di Lucca; ore 21,00 Esibizione degli allievi di Ginnastica Artistica di Paganico · Grosseto - Gli incontri di Pelagos I cetacei e il loro ruolo come indicatori della qualità ambientale. Con Letizia Marsili. Museo di Storia Naturale della Maremma (Strada Corsini, 5), ore 21,30 · Grosseto - Concerto Concerto dell'Orchestra Giovanile della Fondazione, del Coro dell'Istituto Musicale Comunale e del GuitarEnsemble - Duomo di Grosseto, ore 21,00 · Grosseto - "Giochi nazionali trapiantati e dializzati" Manifestazione sportiva italiana per atleti trapiantati: tre giorni di sport e solidarietà negli impianti sportivi comunali: dal campo Zauli, che sarà il punto di riferimento per numerose gare, al palazzetto dello sport di piazza Azzurri d'Italia fino alla struttura per il minigolf a Marina e anche il contesto urbano con la 20 chilometri di ciclismo su strada, la cui partenza è prevista da piazza Dante. Programma: ore 9.00 Golf 9 buche ­ Argentario Club; ore 10.00 Volley ­ Palazzetto dello Sport, Piazza Azzurri d'Italia ­ Grosseto; ore 10.00 Nuoto ­ piscina campo sportivo scuola "B. Zauli" ­ Grosseto; ore 13.00 Pranzo sociale c/o PATTINODROMO ­ Marina di Grosseto · Marina di Grosseto - Beach Volley A cura dell'ASD VAS Grosseto · Piombino (Li) - Energetica Manifestazione a cura dell'Associazione Nojerksite presso la Pinetina di Riotorto (fino al 16 giugno) · Porto Ercole - Corri nella Maremma 2013 Scarpinata dei Forti Spagnoli A cura dell'UISP, ore 19,00 · Porto Santo Stefano - Argentario Sailing Week Raduno di Barche d'Epoca (fino al 16 giugno) · Puntone di Scarlino - Campionato Nazionale Melges 24 Manifestazione velica organizzata dal Club Nautico Scarlino (fino al 16 giugno). Partenza presso la Marina di Scarlino. Info: Club Nautico Scarlino, tel. 0566 867051, www.clubnauticoscarlino.com · Roccalbegna e dintorni - Escursioni tra Maritima e Francigena Calendario di escursioni a cura di Carla Pau Guida Ambientale Escursionistica nella zona di Roccalbegna e dintorni. Programma: La Via del Sale nell'Alta Valle dell'Albegna ­ da Roccalbegna a Rocchette di Fazio. Partenza h 8:30 arrivo h 15:30. Difficoltà escursionistica. Costo 12 euro; 6 euro bambini fino ai 10 anni. Per informazioni sull'itinerario vai sul sito www.carlagae.com, 3406933470 · Sorano - "12 all'Ottava. I Libri in Cantina" Ogni domenica pomeriggio, dal 7 aprile al 7 luglio l'eno-osteria Ottava Rima di Sorano in via del Borgo 25 presenta "I Libri in Cantina". Dodici appuntamenti (più uno extra) con autori, editori, vignaioli, mastri birrai e casari che presenteranno le loro opere. Con il patrocinio del Comune di Sorano. Info: www.cantinaottavarima.com · Talamone (Orbetello) - NON SOLO MARE Gastronomia, musica, mostre, visite nelle aziende, escursioni in barca, laboratori didattici, mercatino "contributi per l'arte in maremma", ecco il 3° volume 'Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Grosseto promuove da qualche anno lo studio e la ricerca sul patrimonio storico artistico del nostro territorio e della Provincia di Grosseto. Questi studi sono stati raccolti e pubblicati nella collana "Contributi per l'Arte in Maremma" a cura di Olivia Bruschettini, che prevede la pubblicazione sistematica di importanti saggi a carattere storico, artistico ed architettonico di questo territorio. Per quest'anno è in uscita il 3° volume, dal titolo "Contributi per l'arte in Maremma: restauri e valorizzazione del patrimonio artistico" che sarà presentato il 5 giugno, presso il Convento di San Francesco a Grosseto, piazza San Fran- L cesco (nel Centro Storico). "Si tratta di una raccolta di saggi ­ si legge in una nota introduttiva ­ realizzati in occasione di importanti restauri o ristrutturazioni nella nostra provincia, sia da funzionari della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio, sia da Storici dell'Arte. Il volume fornisce importanti contributi scientifici raccolti in anni di studio. La parte prettamente tecnica, descrittiva del progetto di intervento di restauro, è curata dai tecnici restauratori. Tale raccolta garantisce quindi un importante contributo divulgativo di queste iniziative ed una continuità meritevole a queste proposte, non solo rivolte alla conservazione, ma anche alla diffusione e valorizzazione di questi studi". Il volume è stato finanziato dalla Fon- dazione Bertarelli. La presentazione curata da Alessio Calabrese avrà inizio alle 20.00, con un aperitivo ed una cena a buffet con i vini dell'azienda ColleMassari e Montecucco. Quindi, seguiranno l'introduzione del sindaco di Grosseto Emilio Bonifazi e i saluti delle Autorità. Previsto anche accompagnamento musicale di Luca Pirozzi. L'agenda · 75 LuneDì 17 giugno · Braccagni (Grosseto) - "Coppa Bruno Passalacqua" Prima semifinale del 39° Torneo di calcio giovanile organizzato dalla Pol. Nuova Grosseto Barbanella e dal Milan Club "B. Passalacqua" di Grosseto, in memoria di Bruno Passalacqua, già General Manager del Milan F.C., negli anni '60, presso il Campo sportivo di Braccagni (ore 21,15). to) (ore 18). Un'esperienza coinvolgente sulla storia, cultura e tradizioni della Maremma con butteri, cavalli e vacche di pura razza maremmana. Info per conferme e prenotazioni: tel. 333 9579733 gioveDì 20 giugno marteDì 18 giugno · Braccagni (Grosseto) - "Coppa Bruno Passalacqua" Seconda semifinale del 39° Torneo di calcio giovanile organizzato dalla Pol. Nuova Grosseto Barbanella e dal Milan Club "B. Passalacqua" di Grosseto, in memoria di Bruno Passalacqua, già General Manager del Milan F.C., negli anni '60, presso il Campo sportivo di Braccagni (ore 21,15). · Orbetello - Medioevo e concetti in movimento: l'arte medievale Corso finalizzato alla conoscenza della Storia dell'arte italiana ed europea dalla Tarda antichità al Basso Medioevo presso la Biblioteca Comunale " P. Raveggi" - P.zza della Repubblica, ore 18.30. Docente: Dott.ssa Lorena Manini - Chora Soc. Cooperativa. Programma: Simone Martini e il Gotico Cortese. Info 3939391533 · Roselle (Grosseto) - Il leggendario spettacolo equestre con i butteri della Maremma Eccezionale esibizione dei Butteri, gli ultimi mandriani a cavallo in Europa, che danno un saggio del loro lavoro quotidiano, presso la Fattoria il Marruchetone sulla strada dello Sbirro a Roselle (Grosse- · Castiglione della Pescaia ­ Serata danzante Dalle 21.00 si balla latino americano alla piazza ex Orto del Lilli · Principina a Mare (Grosseto) - Casale S.Stefano Eventi Estate 2013 Calendario di iniziative culturali ed enogastronomiche al fine di valorizzare e promuovere artisti e tipicità di Maremma presso il Casale Santo Stefano (strada provinciale La Trappola 162, Grosseto). Programma: ore 19,00 "Sangiovese in rosa" serata degustazione bordo piscina con Podere 414. Info: cell. 3939701326 - 3486351384, rete fissa 0564/30149, mail info@casalesantostefano.it · Braccagni (Grosseto) - "Coppa Bruno Passalacqua" Finale del 39° Torneo di calcio giovanile organizzato dalla Pol. Nuova Grosseto Barbanella e dal Milan Club "B. Passalacqua" di Grosseto, in memoria di Bruno Passalacqua, già General Manager del Milan F.C., negli anni '60, presso il Campo sportivo di Braccagni (ore 21,15). · Castiglione della Pescaia - "Dove mi porti..." Inaugurazione della mostra di Piero Ardenghi presso Palazzo Centurioni in via dell'Ospedale 11 (Borgo Medievale) (fino al 7 luglio) · Grosseto - Bbc Mastiff Enegan Toshiba Grosseto Vs. San Marino Seconda giornata del girone di ritorno del campionato di Italian Baseball League allo stadio Roberto Jannella di Grosseto venerDì 21 giugno · Grosseto - Fase Finale del 9° Concorso Musicale Palmiero Giannetti Teatro degli Industri (Via Mazzini, 99), ore 20,45 · Montemerano (Manciano) - Festival della Tradizione Popolare A cura della Pro Loco Montemerano. Info: Ufficio Turistico e Museo Preistoria Manciano info@mancianopromozione.com, tel. 0564 620532 · Marina di Grosseto - Beach Tennis ASD BEACH TENNIS TOSCANA · Rispescia (Grosseto) - Spettacolo con i Butteri della Maremma Anche per il 2013 ogni venerdì dal 6 giugno al 14 settembre l'agriturismo Giuncola e Granaiolo nel cuore del Parco della Maremma in loc. Giuncola a Rispescia (Alberese) ripropone il binomio tradizioni equestri e buona cucina dando vita ad un ricco ed articolato spettacolo con i Butteri preceduto da un percorso enogastronomico, ovvero una cena con menù tipico maremmano "dall'antipasto al dolce" con prodotti di filiera corta e km 0 del Parco della Maremma (a partire dalle 19,45). Per info e prenotazioni: 0564 405922 - 335 6872981, www.giuncola.it, info@giuncola.it Sabato 22 giugno mercoLeDì 19 giugno · Castiglione della Pescaia - Concerto Concerto di due formazioni corali: il Coro di Voci Bianche "InCantus" di Grosseto (diretto dal M° Sandra Biagioni) ed il Coro dei Concordi di Roccastrada (diretto dal M°Alessio Pagliai) in Piazza Solti alle ore 21.00. L'ensemble vocale proporrà un repertorio di canti conosciuti, appartenenti in prevalenza al genere pop, sostenuti dall'accompagnamento del pianoforte. L'ingresso è gratuito. · Civitella Marittima - Civitella in Musica 2013 - A Tavola... sotto le stelle Tradizionale appuntamento gastronomico-musicale 76 · Maremma Magazine · Giugno 2013 La nascita viene infatti fatta risalire al secolo XVII ad opera del Granduca Ferdinando II de' Medici, in onore del patrono degli animali Sant'Antonio da Padova. L'iniziativa richiama ogni anno un folto pubblico 15-16 giugno · Marina di Grosseto (Gr) "Maremma Antiquaria" Mercatino delle cose antiche e meno antiche, numismatica, collezionismo e tante curiosità organizzato da Confesercenti, in via XXIV Maggio e via Cadorna. L'appuntamento si svolge ogni terzo week-end del mese, tutto l'anno. Info: tel. 0564.43881 15-16 giugno · Orbetello 10° Festa del Fiore Un mercato di profumi e colori. Manifestazione florovivaistica, giardinaggio, artigianato e prodotti a tema floreale a cura di Mercatotenda presso il Parco delle Crociere. Orario 10.00-22.00. Ingresso gratuito. Info: Mercatotenda Eventi Tel e Fax 055489776 ­ 3483396638 15-16 Giugno · Cecina Mare (Li) Cecina Comics e Cosplay Evento legato al mondo del Cosplay, dei Fumetti, dei Videogames e dei Giochi di Ruolo dal Vivo. Info: www.cecinacosplay.it 22-23 giugno · Porto Santo Stefano Artigianato e Degustazioni in Corso Umberto Artigianato, degustazioni a cura di Mercatotenda presso Corso Umberto 29-30 giugno · Marina di Grosseto Mercatino Mercatino dell'artigianato, antiquariato e prodotti tipici alimentari organizzato da Artingegno - Arti e Mestieri per le vie centrali. INFO: Pina tel. 339 6234723 / Alessandro tel. 347 8709729 / www.artingegno.biz 29-30 giugno · Porto Santo Stefano (Monte Argentario) Mercatino Mercatino dell'artigianato, antiquariato e prodotti tipici alimentari organizzato da Artingegno - Arti e Mestieri sul lungomare dei Navigatori e/o corso Umberto e/o piazzale dei Rioni. INFO: Pina tel. 339 6234723 / Alessandro tel. 347 8709729 / www.artingegno.biz 29-30 giugno · Follonica Mercatino Mercatino di artigianato, antiquariato di qualità organizzato da Artingegno - Arti e Mestieri in Viale Italia. Orario 7/24. INFO: Pina tel. 339 6234723 / Alessandro tel. 347 8709729 / www.artingegno.biz L'agenda · 77 manciano capitale della musica di strada Tutto pronto per il "Manciano Street Music Festival", festival dal respiro internazionale di Street Band giunto alla terza dizione, promosso dalla Pro Loco ed in programma dal 7 al 9 giugno Concerti mattina, pomeriggio e sera ad ingressi libero I l Manciano Street Festival andrà in scena dal 7 al 9 giugno nelle strade di Manciano. Saranno tre giorni di festa, un'autentica festa di popolo che soltanto gli artisti di strada riescono a trasmettere e infondere in maniera omogenea tra le generazioni. Ideatore, promotore e anima dell'evento è Michele Santinelli che è riuscito nell'intento di mettere in piedi la terza edizione dopo che nel 2012 c'era stato un anno sabbatico. L'organizzazione è curata dalla Pro Loco di Manciano con la collaborazione ed il contributo del comune di Manciano. L'evento richiamerà a Manciano un numero consistente di visitatori che accorreranno per assistere alle performance delle band provenienti da tutta Europa specializzate nella cosiddetta musica da strada. Manciano diventa quindi il palcoscenico ideale di questa manifestazione internazionale in considerazione della grande tradizione che il territorio e la gente del comune di Manciano vanta nel mondo della musica. Basti pensare ai corpi bandistici di Montemerano, Saturnia e Poggio Murella che hanno una storia secolare, senza dimenticare la scuola di musica "Diego Chiti" che da 26 anni sforna musicisti e orchestre apprezzate. A questa lunga tradizione mancava soltanto il passo in avanti per organizzare qualcosa che lasciasse il segno e Michele Santinelli, brillante e bravo musicista è riuscito a coronare il suo sogno: fare in modo che il calore della gente sia il collante tra lo strumento musicale ed il pubblico. Per questo motivo a Manciano si profilano tre giorni imperdibili per tutti gli appassionati di musica, con le band che praticamente suoneranno ininterrottamente dalla mattina alla sera. Un appuntamento a cui non possono mancare neanche coloro che amano le tradizioni e la storia del territorio maremmano, visto che sarà possibile apprezzare l'evoluzione ed i diversi modi in cui può essere interpretata la musica bandistica che da queste parti è particolarmente apprezzata e che fa parte a pieno titolo di una tradizione secolare. A tale proposito Michele Santinelli osserva: "per gli affezionati e irremovibili musicanti delle bande è la dimostrazione che quella tradizione esiste e si sviluppa in chiave moderna, riconoscendo alla bande di paese l'origine di questo nuovo modo di fare musica". L'obiettivo degli organizzatori è quello di riuscire a contagiare tutti con l'entusiasmo che queste band riescono a sprigionare, trasmettendo gioia senza nessuna esclusione, dai bambini appena nati agli ultracentenari tutti potranno applaudire al suono delle band che concluderanno la manifestazione con un mega concerto collettivo che si annuncia da brividi. Info e programma su: www.mancianostreetmusicfestival.it Paolo Mastracca organizzato dall'Unione Sportiva Civitella, con il patrocinio ed il supporto di vari sponsor, riservato a tutti gli amanti della buona cucina, del ballo, della musica, presso il Campo Sportivo Comunale "G. Tonini". Programma: SAGRA DEL PINCIO | 2° Raduno delle Auto e Moto d'Epoca e poi via con le danze in compagnia dell'Orchestra ARCOBALENO · Follonica - "M'innamoravo di tutto" Parole, sguardi, sogni di un Paese che non si arrende. Cartellone di appuntamenti a cura del Comune di Follonica. Programma: (la data potrebbe subire variazioni) - ore 21,15 - Giardino del Casello Idraulico Quale paese siamo diventati? Lo sguardo della commedia italiana degli ultimi anni (Dai Soliti Idioti A Cetto La Qualunque) Incontro con Gianni Canova. Info: tel. 0566 59246 - 59348 · Grosseto - Bbc Mastiff Enegan Toshiba Grosseto Vs. San Marino Seconda giornata del girone di ritorno del campionato di Italian Baseball League allo stadio Roberto Jannella di Grosseto · Grosseto - La dimensione emozionale in musicoterapia: il viaggio nella musica `naturale' Percorso musicoterapico condotto da Giangiuseppe Bonardi organizzato dal Centro Studi Musicoterapia in collaborazione con la Scuola di Musica "G.Chelli" e con il patrocinio del Comune e della Provincia di Grosseto, presso la Sala S.Paolo in via Ferrucci 11, con inizio ore 9:30. Info: Prof.ssa Maria Grazia Bianchi info@centrostudimusicoterapia.it tel 3296042359 · Grosseto - Notte Bianca - Solstizio d'Estate Manifestazione promossa dall'Ascom Confcommercio nel Centro Storico di Grosseto · Grosseto - Gli incontri di Pelagos Il monitoraggio dei grandi vertebrati marini in Toscana: la rete di intervento per gli spiaggiamenti. Con Cecilia Mancusi. Museo di Storia Naturale della Maremma (Strada Corsini, 5), ore 21,30 · Marina di Grosseto - Beach Tennis ASD BEACH TENNIS TOSCANA · Montemerano (Manciano) - Festival della Tradizione Popolare A cura della Pro Loco Montemerano. Info: Ufficio Turistico e Museo Preistoria Manciano info@mancianopromozione.com, tel. 0564 620532 · Orbetello - Estate al Museo Visite e laboratori didattici gratuiti a cura di Chora Società Cooperativa presso il Museo Archeologico " Polveriera Guzman". Programma: ore 18.00 "Le origini della pittura". Laboratorio didattico per famiglie. Riproduzione di pitture mediante l'utilizzo di pigmenti naturali. Ingresso libero e gratuito. Info: cell. 3492958300 · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - 18a Laparoscopic - Golf Cup 2013 e Cronometro Ciclistica Gara Combinata di Golf e Cronometro Ciclistica presso il Golf Club Punta Ala. Info: Golf Club Punta Ala tel. 0564 922121, e-mail: info@golfpuntaala.it; Gruppo Ciclistico Castiglionese tel. 0564 935494, e-mail: saletti.m@tiscali.it · Roccatederighi (Roccastrada) - "Mostra la Rocca" Visite guidate gratuite del paese e della mostra. Partenza visita ore 17,30 P.zza della Croce c/o Maremma in bici. Info: 0564 569660 (Riccardo Baldanzi) mail: info@marermmainbici.it · Roselle (Grosseto) - CAVA 2013 Cartellone di musica, teatro ed eventi nella suggestiva cornice del parco di pietra di Roselle, alle porte di Grosseto. Programma: Drum `n' bass night Domenica 23 giugno · Civitella Marittima - Civitella in Musica 2013 - A Tavola... sotto le stelle Tradizionale appuntamento gastronomico-musica- 78 · Maremma Magazine · Giugno 2013 226445 - www.parchivaldicornia.it · Roccalbegna e dintorni - Escursioni tra Maritima e Francigena Calendario di escursioni a cura di Carla Pau Guida Ambientale Escursionistica nella zona di Roccalbegna e dintorni. Programma: Il Villaggio rupestre di Vitozza e le Sorgenti del Fiume Lente. Partenza h 9:30 arrivo h 12:00 difficoltà escursionistica. Costo 12 euro; 6 euro bambini fino ai 10 anni. Per informazioni sito www.carlagae.com, 3406933470 · Scansano - Terre di Scansano Classica Festival: il Morellino Ama la Musica Rassegna concertistica, alla seconda edizione, organizzata da Euromusic & Communication Divisione Classica, con la direzione artistica di Antonio Bonfilio. Programma: Teatro sull'acqua Sasseta Alta al Tramonto Palo Alto Chamber Orchestra California · Sorano - "12 all'Ottava. I Libri in Cantina" Ogni domenica pomeriggio, dal 7 aprile al 7 luglio l'eno-osteria Ottava Rima di Sorano in via del Borgo 25 presenta "I Libri in Cantina". Dodici appuntamenti (più uno extra) con autori, editori, vignaioli, mastri birrai e casari che presenteranno le loro opere. Con il patrocinio del Comune di Sorano. Info: www.cantinaottavarima.com Loco del Comune (fino al 7 luglio). Info: tel. 0564 620532 mercoLeDì 26 giugno LuneDì 24 giugno · Manciano - Vivamus A cura dell'Assessorato al Turismo e di tutte le Pro Loco del Comune (fino al 7 luglio). Info: tel. 0564 620532 · Manciano - Vivamus A cura dell'Assessorato al Turismo e di tutte le Pro marteDì 25 giugno · Grosseto ­ Saggio Teatro Studio Laboratorio Adulti Saggio da "...Ceneri di Borges..." da alcuni racconti di Borges con interpreti gli allievi bambini del Teatro Studio (luogo e orario da stabilire). Info: Teatro Studio 392.0686787 · Manciano - Vivamus A cura dell'Assessorato al Turismo e di tutte le Pro Loco del Comune (fino al 7 luglio). Info: tel. 0564 620532 · Orbetello - Campionati Italiani di Tennis per Geometri e G.L. Torneo di tennis alla 11esima edizione promosso dal Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Grosseto, presso il Circolo Tennis Orbetello ASD. Programma: ore 21,30 presso Park Hotel & Residence, Via Donatori del Sangue Cerimonia di apertura del campionato con estrazione dei gironi e formulazione calendario ­ distribuzione gadget. Info: www.ctorbetello.it · Roselle (Grosseto) - Il leggendario spettacolo equestre con i butteri della Maremma Eccezionale esibizione dei Butteri, gli ultimi mandriani a cavallo in Europa, che danno un saggio del loro lavoro quotidiano, presso la Fattoria il Marruchetone sulla strada dello Sbirro a Roselle (Grosseto) (ore 18). Un'esperienza coinvolgente sulla storia, cultura e tradizioni della Maremma con butteri, cavalli e vacche di pura razza maremmana. Info per conferme e prenotazioni: Equinus, tel. 333 9579733 "La storia dello Yachting nei mezzi scafi di Paolo coari" arà inaugurata giovedì 13 giugno a partire dalle ore 18 presso la galleria ARTEMARE di Porto Santo Stefano, in corso Umberto 75-77, la mostra "La storia dello Yachting nei mezzi scafi di Paolo Coari" che vede esposte dieci opere d'arte nautica. I mezzi scafi in esposizione, demicoque per i francesi e half hull o half block in lingua anglosassone, sono il risultato di tanti anni di lavoro di Paolo Coari, Past President del Circolo della Vela di Roma; essi riproducono fedelmente le linee d'acqua di tanti leggendari yacht dallo Spray di Joshua Slocum navigatore statunitense, primo ad effettuare la circumnavigazione del globo in solitario, al Britannia di Re Giorgio V affondato alla sua morte e di altre imbarcazioni con tanta storia alcune delle quali hanno vinto la Coppa America. I mezzi scafi, strumenti progettuali che escono dalle abili mani di maestri d'ascia e di architetti navali del passato e del presente, sono realizzati con legni pregiati e vengono considerati vere e proprie opere d'arte, oggetto di alto collezionismo. Paolo Coari nato a Roma e laureatosi in fisica nucleare, ha fin da studente iniziato ad andare a vela e a far regate con il S Lanzerota, prototipo del 1950 con linee sorprendentemente moderne di proprietà del padre Luigi. Ha partecipato a più di mille regate nel Tirreno, Adriatico ed Egeo riempiendo casa di coppe vinte con le imbarcazioni Asteria I, Asteria II e Primadonna. A lui ben si attaglia il motto di Carlo Sciarrelli: "Chi d'acqua di mare si bagna, non s'asciuga mai!". Durante la sua attività sportiva il mondo della vela ha attraversato periodi di grandi cambiamenti, passando dal tempo in cui tra le attrezzature di uno yacht non poteva mancare l'ancora galleggiante, le vele erano in dacron e gli strumenti di navigazione approssimativi (bussola, radiofari e rotta stimata riportata ogni ora sulle carte), ad oggi dove della barca si conosce la posizione istante per istante. Paolo Coari ha ricoperto la carica di Presidente del Circolo della Vela di Roma negli anni 1993-1996 e 1999-2004. Tra i suoi maestri viene orgogliosamente ricordato l'ammiraglio Agostino Straulino il "padrone del vento", che ha introdotto lo spirito agonistico delle derive nel mondo allora molto crocieristico, sotto la cui guida ha regatato a bordo del Kerkira II, III e IV. Quanto alla produzione dei mezzi scafi ricorda sempre presente come modello da raggiungere l'Architetto Ettore Mariotti, dal quale è rimasto stato contagiato nella produzione delle bellissime opere. La mostra rimarrà aperta fino a lunedì 24 giugno con orario 10-13 e 1620,30, tutti i giorni entrata libera. Info: tel. 0564 810336, cell. 339 6930708. L'agenda · 79 · Castiglione della Pescaia ­ Notte Bianca Notte Bianca con tema gli anni `70 · Grosseto - Campus Estivo Cedav Junior Laboratori didattici di arte, musica e scienza per bambini dai 6 agli 11 anni. Museo di Storia Naturale della Maremma (Strada Corsini, 5), dal lunedì al venerdì, dalle 8,00 alle 13,00 · Manciano - Vivamus A cura dell'Assessorato al Turismo e di tutte le Pro Loco del Comune (fino al 7 luglio). Info: tel. 0564 620532 · Orbetello - Campionati Italiani di Tennis per Geometri e G.L. Torneo di tennis alla 11esima edizione promosso dal Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Grosseto, presso il Circolo Tennis Orbetello ASD. Programma: 1° e 2° giornata: ore 9,00: Inizio degli incontri; ore 22,00: Termine degli incontri · Piombino (Li) - Festa del Rugby Manifestazione a cura dell'Etruria Rugby presso il Campo di Rugby G. Venturelli (fino al 30 giugno) · Poggi del Sasso (Cinigiano) - AMIATA PIANO FESTIVAL 2013 Rassegna concertistica. Programma: BACCUS - Sala Musica Collemassari, Podere San Giuseppe, Poggi del Sasso (GR) h. 19 / 7 pm Maurizio BAGLINI e Silvia CHIESA à la carte con la partecipazione straordinaria di Nicola SANI. Info: www.amiatapianofestival.com · Principina a Mare (Grosseto) - Casale S.Stefano Eventi Estate 2013 Calendario di iniziative culturali ed enogastronomiche al fine di valorizzare e promuovere artisti e tipicità di Maremma presso il Casale Santo Stefano (strada provinciale La Trappola 162, Grosseto). Programma: ore 19,30 presentazione della scuola di naturopatia "Umanitas" di Grosseto. Info: cell. 3939701326 - 3486351384, rete fissa 0564/30149, mail info@casalesantostefano.it venerDì 28 giugno · Grosseto - I Love Soul Concerto jazz del duo Stefano `Cocco' Cantini e Mauro Grossi. Museo di Storia Naturale della Maremma (Strada Corsini, 5), ore 21,30 · Grosseto - Campus Estivo Cedav Junior Laboratori didattici di arte, musica e scienza per bambini dai 6 agli 11 anni. Museo di Storia Naturale della Maremma (Strada Corsini, 5), dal lunedì al venerdì, dalle 8,00 alle 13,00 · Manciano - Vivamus A cura dell'Assessorato al Turismo e di tutte le Pro Loco del Comune (fino al 7 luglio). Info: tel. 0564 620532 · Massa Marittima - XVI Campionati Nazionali Giovanili della Bandiera Quest'anno i Campionati sono organizzati dalla Società dei Terzieri Massetani e coinvolgeranno circa 1.000 giovanissimi atleti e altrettanti accompagnatori e sostenitori che per 3 giorni animeranno la Piazza del Duomo e tutto il centro storico di Massa Marittima. Venerdì 28 giugno alle ore 21,00 un solenne Corteo Storico di tutti gli atleti provenienti da 31 città Italiane sfileranno per il Centro cittadino dove con un tripudio di bandiere multicolori al suono di chiarine e dei tamburi si apriranno ufficialmente i XVI Campionati Nazionali Giovanili. È prevista una massiccia presenza di pubblico e di tante Autorità istituzionali. Le gare proseguiranno nei giorni di sabato e domenica mettendo in luce la bravura e i virtuosismi di tanti giovani atleti della penisola. · Orbetello - Campionati Italiani di Tennis per Geometri e G.L. Torneo di tennis alla 11esima edizione promosso dal Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Grosseto, presso il Circolo Tennis Orbetello ASD. Programma: 3° giornata: ore 9,00/12,00: Inizio degli incontri; ore 15,00/22,00: Semifinali · Piombino (Li) - Festa del Rugby Manifestazione a cura dell'Etruria Rugby presso il Campo di Rugby G. Venturelli (fino al 30 giugno) · Piombino (Li) - Festa di Beneficenza Manifestazione a cura dell'Associazione Tolla in Piazza Dante (fino al 30 giugno) · Poggi del Sasso (Cinigiano) - AMIATA PIANO FESTIVAL 2013 Rassegna concertistica. Programma: BACCUS - Sala Musica Collemassari, Podere San Giuseppe, Poggi del Sasso (GR) h. 19 / 7 pm - Corrado AUGIAS e Giuseppe Fausto MODUGNO: spettacolo sulla Traviata di Giuseppe Verdi. Info: www.amiatapianofestival.com · Principina a Mare (Grosseto) - Casale S.Stefano Eventi Estate 2013 Calendario di iniziative culturali ed enogastronomiche al fine di valorizzare e promuovere artisti e tipicità di Maremma presso il Casale Santo Stefano (strada provinciale La Trappola 162, Grosseto). Programma: ore 19.00 Maria Luisa Scorza presenta il suo libro "Mangiare di Maremma" a seguire cena con degustazione di ricette originali. Info: cell. 3939701326 - 3486351384, rete fissa 0564/30149, mail info@casalesantostefano.it · Rispescia (Grosseto) - Spettacolo con i Butteri della Maremma Anche per il 2013 ogni venerdì dal 6 giugno al 14 settembre l'agriturismo Giuncola e Granaiolo nel cuore del Parco della Maremma in loc. Giuncola a Rispescia (Alberese) ripropone il binomio tradizioni equestri e buona cucina dando vita ad un ricco ed articolato spettacolo con i Butteri preceduto da un percorso enogastronomico, ovvero una cena 80 · Maremma Magazine · Giugno 2013 > fino a luglio (dal 27 luglio 2012) · Massa Marittima "Ornamenti dalla preistoria. I pendagli in steatite di Gavorrano" Mostra presso il Museo Archeologico in piazza Garibaldi. Ingresso con biglietto del museo INIZIANO 9-15 giugno · Principina a Mare (Grosseto) Emersione dal profondo Mostra del percorso artistico poetico di Mara Franci presso il Casale Santo Stefano (strada provinciale La Trappola 162, Grosseto). Saranno esposte venti opere circa rappresentative l'evoluzione pittorica dell'artista dall'83 al 2010. Orario serale dalle 18,00 alle 22,30. Info: cell. 3939701326 3486351384, rete fissa 0564/30149 15>25 giugno 2013 · Capalbio Anima Urbis, Iter Perfectionis II Mostra delle opere in fotoceramica di Silvia Serenari a cura di Davide Sarchioni presso Il Frantoio. Inaugurazione 15 giugno ore 19 13>24 giugno · Porto Santo Stefano La storia dello Yachting nei mezzi scafi di Paolo Coari Dieci opere d'arte nautica in mostra presso la galleria ARTEMARE di Porto Santo Stefano, in corso Umberto 75-77. Orario 10-13 e 16-20,30, tutti i giorni entrata libera. Info: cell. 339 6930708 - 0564 810336 15>25 giugno · Capalbio Bordeline Tra spirito e materia. Special project Vincenzo Marsiglia, Orsina Sforza. Mostra a cura di Davide Sarchioni presso Il Frantoio. Le né-lampade-né sculture di Orsina Sforza giocano con le opere, anch'esse in bilico tra arte e designer, dell'autore poliedrico Vincenzo Marsiglia. Inaugurazione 15 giugno ore 19.00 15 giugno>28 luglio · Roccatederighi (Roccastrada) Mostra la Rocca Manifestazione patrocinata dal Comune di Roccastrada con il contributo della Biblioteca comunale di Roccastrada, gestita da Coeso SdS, e la partecipazione dei ragazzi disabili del centro "Il Girasole" di Grosseto che esporranno, nelle vie del paese, le proprie opere. Eventi permanenti dal 15 Giugno al 28 Luglio: 1) Percorso di scultura (Centro Storico). Opere di Roberto Brunacci, Centro diurno Il Girasole, Luciano Durante, Renzo Durante, Giacomo Del Giudice, Sarah Del Giudice, Patrizia Lottini, Francesco Lucatelli, Vittoria Marziari, Pier Angelo Niosi, Giampaolo Osele, Renato Pisani, Gabriele Schnitzenbaumer; 2) Mostre di pittura: Sala Parrocchiale: Antonella Giordano, Andrea Massaro; Centro Civico: Torsten Krutsch; Centro Storico: Arte Postale - Mail Art, Installazioni tecniche miste (Centro Storico): Ugo Antinori, Anna Cassarino, Francesco Ciavarella, Silvia Giuliano, Chiara Paderi; Performance (Centro Storico) Mauro Pulcinella (Sismografia Emozionale). Info: ProLoco Roccatederighi tel. 0564 567244 www.mostralarocca.it 21 giugno>7 luglio · Castiglione della Pescaia "Dove mi porti..." Opere di Piero Ardenghi in mostra presso Palazzo Centurioni in via dell'Ospedale 11 (Borgo Medievale). Orario: lunedì-venerdì 17-20; sabato e domenica 10-12 / 17-20 26 giugno>26 luglio 2013 · Puntone di Scarlino Spazio Transiti - LA FORMA DEL TEMPO Arte contemporanea alla Marina di Scarlino in località Puntone a cura di Paolo Campiglio con la collaborazione di Chiara Gatti. Mostra personale di Elena Modorati. Info: tel. 335.6899931, www.marinadiscarlino.com 28 giugno>14 luglio 2013 · Capalbio Parco archeologico e paesaggistico della Valle d'Oro Mostra fotografica by Andrea De Maria, presentazione libro ed. Effigi presso Il Frantoio. A cura di Associazione Culturale Maremma Mare. Inaugurazione 28 giugno ore 19.00 L'agenda · 81 "i luoghi del tempo": suoni, storie, sapori in maremma Un evento per apprezzare luoghi poco conosciuti o frequentati di Maremma: dopo il successo della sua prima edizione, è tornato "I Luoghi del Tempo", il festival promosso da Regione Toscana, Provincia di Grosseto e Musei della Maremma con menù tipico maremmano "dall'antipasto al dolce" con prodotti di filiera corta e km 0 del Parco della Maremma (a partire dalle 19,45). Per info e prenotazioni: 0564 405922 - 335 6872981, www.giuncola.it, info@giuncola.it Sabato 29 giugno I luoghi del Tempo è un festival che elegge luoghi esclusivi, antichi e nascosti, musei, aree archeologiche, per recuperare una nuova dimensione del tempo a favore del piacere della cul- tura, della gastronomia, delle tradizioni umane, dell'intrattenimento consapevole, che si avvale della preziosa collaborazione di Slow Food e la Società Italiana dei Viaggiatori. "Il nostro territorio ­ commenta Cinzia Tacconi, assessore alla Cultura della Provincia di Grosseto ­ è un museo a cielo aperto, la natura, la storia, le sue peculiarità lo rendono speciale, merita di essere valorizzato in ogni maniera. Il festival I luoghi del tempo è una grande opportunità per scoprire e riscoprire angoli nascosti della Maremma accompagnati da guide turistiche molto particolari". Facili le istruzioni per l'uso della kermesse aperta a tutti nel cuore della Maremma: aver voglia di passeggiare nella natura o nei centri storici, accompagnati dal racconto di storie e tradizioni, per assaporare prodotti tipici locali e farsi cullare dalla buona musica. Un festi- val slow in controtendenza con il turismo di massa, I luoghi del Tempo guarda a un turismo responsabile e di qualità. Il programma di questa seconda edizione, con la partecipazione di Fondazione Grosseto Cultura, Comuni di Arcidosso, Gavorrano, Massa Marittima e Grosseto, ha già interessato le Mura Medicee di Grosseto, il Monte Labro (Arcidosso) e la Miniera Marchi a Ravi (Gavorrano), mentre deve ancora offrire un doppio appuntamento presso le Mura e il Museo di S. Pietro all'Orto di Massa Marittima. Il fine settimana che chiude il festival si svolgerà a Massa Marittima: venerdì 7 giugno, alle ore 19, il festival proporrà la visita del museo di San Pietro all'Orto seguita dalla degustazione di prodotti tipici locali e dal concerto dei Djaguaros: gli attori Paolo Sassanelli, Luciano Scarpa e Giorgio Tirabassi (con Luca Giacomelli e Alessandro Golini) in "Fiori di carta" vestiranno i panni di musicisti in onore di Django Reinhardt, i suoni saranno quelli del gipsy jazz. Sabato 8 alle ore 18 la passeggiata lungo le mura cittadine sarà guidata dall'inviato di Repubblica Federico Rampini, accompagnato da Emilio Guariglia (giornalista), Roberta Pieraccioli (direttore dei Musei di Massa Marittima), che parlerà delle sue esperienze in anni di corrispondenza tra Cina e Stati Uniti "Da oriente a occidente" (in collaborazione con Libreria Matozzi); seguirà una degustazione di prodotti tipici. Michele Lanzini (violoncello) Le passeggiate sono a partecipazione gratuita con prenotazione (massimo 60 persone). Lo spettacolo con degustazione del 7 giugno è con ingresso a pagamento 5 euro (massimo 150 persone) Informazioni e prenotazioni passeggiate tel. 0566 52012 (ore 9-13 e 1619); vendita biglietti spettacoli Circuito regionale Box Office - www.boxol.it · Castiglione della Pescaia ­ Concerto Concerto Accademia Solti in piazzale ex Maristella · Civitella Marittima - Civitella in Musica 2013 - A Tavola... sotto le stelle Tradizionale appuntamento gastronomico-musicale organizzato dall'Unione Sportiva Civitella, con il patrocinio ed il supporto di vari sponsor, riservato a tutti gli amanti della buona cucina, del ballo, della musica, presso il Campo Sportivo Comunale "G. Tonini". Programma: CACCIUCCATA | Spettacolo degli Allievi della Scuola di Ballo DANCE SCHOOL di Grosseto alla consolle "DAVIDE DJ" · Manciano - Vivamus A cura dell'Assessorato al Turismo e di tutte le Pro Loco del Comune (fino al 7 luglio). Info: tel. 0564 620532 · Massa Marittima - XVI Campionati Nazionali Giovanili della Bandiera Proseguono le gare valide per i Campionati organizzati quest'anno dalla Società dei Terzieri Massetani con il coinvolgimento di circa 1.000 giovanissimi atleti in Piazza del Duomo · Magliano in Toscana - Vox Mundi Festival 2013 Festival di musiche dei popoli, giunto alla sesta edizione promosso dal Comune di Magliano in Toscana, con la collaborazione dell'Associazione musicale Soul Diesis e con la direzione artistica è di Carla Baldini. Programma: Anteprima nel centro storico della frazione di Montiano con la vocal Band Blue Penguin che presenterà lo spettacolo "Nove voci ... quasi un'orchestra". Info: tel. 0564.593249, 335.5849911, sito web: www.voxmundifestival.org · Orbetello - Estate al Museo Visite e laboratori didattici gratuiti a cura di Chora Società Cooperativa presso il Museo Archeologico " Polveriera Guzman". Programma: ore 18.30 "Scopriamo le Meraviglie del Museo Archeologico". Visita guidata alle Collezioni del Museo Archeologico " Polveriera Guzman". Ingresso libero e gratuito. Info: cell. 3492958300 · Orbetello - Campionati Italiani di Tennis per Geometri e G.L. Torneo di tennis alla 11esima edizione promosso dal Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Grosseto, presso il Circolo Tennis Orbetello ASD. Programma: Finale: ore 9,00: Finali. A seguire premiazione, buffet e saluti · Parco della Maremma - Maremma Santa e Briganta Calendario di escursioni e trekking alla scoperta di luoghi e storie legate a personaggi divenuti simbolo della Maremma a cura dell'associazione Terramare, con il patrocinio della Provincia di Grosseto. Programma: Escursione nel Parco della Maremma (da Talamone, Orbetello), in collaborazione con l'Ente Parco Regionale della Maremma. Info e prenotazioni: tel. 3402600957 - 3316463193. · Piombino (Li) - Festa del Rugby Manifestazione a cura dell'Etruria Rugby presso il Campo di Rugby G. Venturelli (fino al 30 giugno) · Piombino (Li) - Festa di Beneficenza Manifestazione a cura dell'Associazione Tolla in Piazza Dante (fino al 30 giugno) · Poggi del Sasso (Cinigiano) - AMIATA PIANO FESTIVAL 2013 Rassegna concertistica. Programma: BACCUS Chiesa SS. Pietro e Antonio Abate, Tenuta di Montecucco, Poggi del Sasso (GR) h. 19 / 7 pm - Trio d'archi: Gabriele PIERANUNZI, Francesco FIORE 82 · Maremma Magazine · Giugno 2013 Domenica 30 giugno · Castell'azzara - Gruppo Speleologico L'Orso Attività Sociale del Gruppo Speleologico L'Orso Castell'azzara. Programma: Il Monte Civitella. La Grotta, P.gio Ciabattino, Vallone dell'Inferno, la vetta del M. Civitella, Vallocchino, Calla, Sassispaccati, laghetto, la Grotta. Luogo di ritrovo: CASTELL'AZZARA(Bar dello Sport- P.za Martiri di Niccioleta) ore 9. Info: 328 8312106 · Civitella Marittima - Civitella in Musica 2013 - A Tavola... sotto le stelle Tradizionale appuntamento gastronomico-musicale organizzato dall'Unione Sportiva Civitella, con il patrocinio ed il supporto di vari sponsor, riservato a tutti gli amanti della buona cucina, del ballo, della musica, presso il Campo Sportivo Comunale "G. Tonini". Programma: CACCIUCCATA · Torre Saline Albinia (Orbetello) - IV Palio della Torre Corsa dei barchini tra le contrade di Albinia · Manciano - Vivamus A cura dell'Assessorato al Turismo e di tutte le Pro Loco del Comune (fino al 7 luglio). Info: tel. 0564 620532 · Marina di Grosseto - C.T. GROSSETO ASD Beach Tennis Torneo di beach tennis · Massa Marittima - XVI Campionati Nazionali Giovanili della Bandiera Giornata conclusiva dei Campionati organizzati quest'anno dalla Società dei Terzieri Massetani con il coinvolgimento di circa 1.000 giovanissimi atleti in Piazza del Duomo · Piombino (Li) - Festa del Rugby Manifestazione a cura dell'Etruria Rugby presso il Campo di Rugby G. Venturelli (fino al 30 giugno) · Piombino (Li) - Festa di Beneficenza Manifestazione a cura dell'Associazione Tolla in Piazza Dante (fino al 30 giugno) · Poggi del Sasso (Cinigiano) - AMIATA PIANO FESTIVAL 2013 Rassegna concertistica. Programma: BACCUS - Sala Musica Collemassari, Podere San Giuseppe, Poggi del Sasso (GR) h. 19 / 7 pm - Konstantin LIFSCHITZ, recital pianistico. Info: sito web www.amiatapianofestival.com · Roccalbegna e dintorni - Escursioni tra Maritima e Francigena Calendario di escursioni a cura di Carla Pau Guida Ambientale Escursionistica nella zona di Roccalbegna e dintorni. Programma: La Via delle Stelle da Roccalbegna alla Riserva di Pescinello. Partenza h 9:00 arrivo h 14:00. Difficoltà escursionistica. Costo 12 euro; 6 euro bambini fino ai 10 anni. Per informazioni sito web www.carlagae.com, info@carlagae.com, 3406933470 · Roccatederighi (Roccastrada) - "Mostra la Rocca" Manifestazione patrocinata dal Comune di Roccastrada con il contributo della Biblioteca comunale di Roccastrada, gestita da Coeso SdS, e la partecipazione dei ragazzi disabili del centro "Il Girasole" di Grosseto che esporranno, nelle vie del paese, le proprie opere. Programma: Chiesa di San Martino ore 21,00 Concerto: "LA VITA E' BELLA". Coro dei Concordi di Roccastrada - dir. Maestro Alessio Pagliai. Orchestra d'Archi "Haendel" di Piombino - dir. Maestro Christine Angele. Al termine della serata: Degustazione di vini offerti da Azienda Ampeleia di Roccatederighi · Roselle (Grosseto) - CAVA 2013 Cartellone di musica, teatro ed eventi nella suggestiva cornice del parco di pietra di Roselle, alle porte di Grosseto. Programma: Concerto jazz con Raffaello Pareti · Sorano - "12 all'Ottava. I Libri in Cantina" Ogni domenica pomeriggio, dal 7 aprile al 7 luglio l'eno-osteria Ottava Rima di Sorano in via del Borgo 25 presenta "I Libri in Cantina". Dodici appuntamenti (più uno extra) con autori, editori, vignaioli, mastri birrai e casari che presenteranno le loro opere. Con il patrocinio del Comune di Sorano. Info: www.cantinaottavarima.com Vox mundi Festival, al via l'edizione 2013 orna dal 29 giugno a Magliano in Toscana il Vox Mundi Festival 2013. Il festival maremmano di musiche dei popoli, giunto alla sesta edizione, presenta quest'anno un ricco carnet di appuntamenti non solo concertistici. Infatti, oltre al consueto concerto del sabato sera preceduto da "Un assaggio di Maremma" ­ apprezzatissima degustazione di vini e prodotti tipici ­ il suggestivo borgo medioevale sarà animato da un'ininterrotta serie di eventi di vario genere. Il cartellone dei concerti del festival si aprirà sabato 29 giugno con una gustosa Anteprima in programma nel centro storico della frazione di Montiano. La vocal Band Blue Penguin presenterà lo spettacolo "Nove voci ... quasi un'orchestra". Il cartellone principale proseguirà nella piazza del Popolo di Magliano in Toscana. Prima tappa del giro del mondo del Vox Mundi Festival sarà il Galles: sabato 6 luglio saranno a Magliano i Calan, definiti "New ambassadors of Welsh Cool". Sabato 13 luglio sarà la volta del Fado portoghese con il Clube de Fado di Mario Pacheco. T Sabato 20 luglio, dalla California, i leggendari Tuck & Patty: il duo chitarravoce più famoso al mondo. Sabato 27 luglio il festival proporrà i tedeschi Polkaholix. Il Festival si chiuderà venerdì 2 agosto con una produzione originale dal titolo "Canti di mare e di maremme". I suoni della banda polifonica della Corsica Zamballarana si incontreranno con la musica popolare toscana del Coro delle Donne di Magliano. Come detto le novità di questa sesta edizione di Vox Mundi Festival saranno le due mini-rassegne che si svolgeranno con cadenza settimanale per tutto il periodo del Festival: "Giovedì al Torrione: Maledetti Toscani", incontri con personaggi dell'arte e della cultura rappresentativi della nostra regione intervistati da Fabio Canessa nell'incantevole giardino del Torrione delle Mura medievali e ogni venerdì "Musiche del mondo nelle vie del borgo", concerti di musiche del mondo a dimensione acustica, ambientati in alcuni angoli caratteristici del centro storico di Magliano in Toscana. Info: tel. 0564 593249, 335 5849911, sito web www.voxmundifestival.org, email info@voxmundifestival.org L'agenda · 83 C'è da vedere | Perle e itinerari da scoprire in terra di Maremma Le rubriche La Casa Museo di Monticello Amiata, e il viaggio nel tempo può cominciare È un suggestivo viaggio a ritroso nel tempo quello che consente di fare la vista alla Casa Museo di Monticello Amiata (siamo nel comune di Cinigiano), piccolo museo etnografico che documenta la vita domestica quotidiana ed il lavoro in un paese di alta collina alla fine dell'ottocento, mostrando uno spaccato di una società rurale che va scomparendo di pari passo con l'avanzare del mondo tecnologico. S ituato su uno dei colli occidentali del Monte Amiata, Monticello (Cinigiano) è circondato da centinaia di ettari di bosco di castagni e di conifere. Numerosi sono i punti panoramici, raggiungibili percorrendo antichi sentieri, che si aprono sulla Maremma fino al mare e sulle valli dell'Orcia e dell'Ombrone. Monticello Amiata è la porta di accesso alla riserva naturale regionale di poggio all'Olmo. Il centro storico risale al risale al 1242, anno in cui i Monaci Benedettini dell'abbazia di S. Salvatore concessero questo colle roccioso, posto a 735 metri sul livello del mare, ai loro fedeli sudditi, per costruire un nuovo paese dopo la distruzione di Montepinzuto in seguito ad un incendio. Una edificazione che seguì un preciso piano urbanistico: la Chiesa del punto più alto, due porte orientate una a 84 · Maremma Magazine · Giugno 2013 nord e una a sud, ed una via centrale che le univa interrotta dalla piazza della chiesa. Dalle vie principali partono le vie laterali, vie che sono messe a loro volta in comunicazione dai chiassi: viuzze trasversali che interrompono il susseguirsi delle case. Le prime notizie risalgono all'860, quando apparteneva all'Abbazia di San Salvatore. Prima Berengario l'8 dicembre del 915, poi Re Arnolfo il 24 febbraio 996 e infine il 5 aprile 1037 l'Imperatore Corrado II, confermarono Monticello alla stessa Abbazia. Gli abati amiatini controllarono il castello fino al 1313 e della loro potestà testimonia una lettera dell'Imperatore Arrigo VII contro Siena guelfa, notificata agli abitanti di Monticello. Come altri paesi della montagna, cedette alle garanzie senesi solo dall'inizio del XV secolo e dal 1413 è Capoluogo di Giurisdizione Civile della Repubblica, mantenendo un Potestà fino al passaggio, nel 1837, sotto il vicariato di Arcidosso. Dal 1559 Monticello è integrato al Granducato. La cinta muraria presentava due porte contrapposte, una detta Porta Grande, o Monticelli a sud, e l'altra Porta Piccina, o San Francesco, a cinque bastioni dei quali ne rimangono solo due a Nord dell'abitato. Nei pressi della Chiesa del Lampino e attraverso una folta vegetazione, si possono rag- giungere le cosiddette Buche degli Zingari. Nel cuore di questo borgo antico e così ricco di storia si trova la Casa Museo, piccolo museo etnografico (che vale da solo una visita a Monticello Amiata), che documenta la vita domestica quotidiana ed il lavoro in un paese di alta collina alla fine dell'ottocento, mostrando in modo suggestivo uno spaccato di una società rurale che va scomparendo di pari passo con l'avanzare del mondo tecnologico. Il primo nucleo di oggetti e la prima mostra risalgono al 1981, ma il museo ha assunto l'attuale definizione intorno al 1988/89. Le rUBricHe · 85 La raccolta ha avuto origine durante l'edizione del 1981 della `Festa della castagna', che si celebra a Monticello Amiata intorno ai primi di ottobre di tutti gli anni. In quell'occasione l'Associazione Pro-Loco organizzò una mostra di oggetti relativi alla raccolta e alla lavorazione delle castagne. In seguito la mostra fu allargata ad altri temi, sempre attinenti la vita rurale locale, grazie al flusso di oggetti che gli abitanti del paese fornivano in maniera quasi completamente spontanea. L'esposizione comprende una collezione di oggetti di arredamento e di uso domestico, di attrezzi relativi al lavoro dei campi, del bosco ed alle attività artigianali tipiche dell'alta collina e della montagna. Di questi circa 300 sono stati sistematizzati ed hanno avuto una prima catalogazione. Ora è un piccolo museo etnografico che come detto presenta la vita domestica quotidiana ed il lavoro in un paese di alta collina alla fine dell'ottocento. Il Museo si articola in due sezioni espositive distinte. Una prima sezione è ospitata in due stanze, camera e cucina arredate con utensili originali raccolti "in loco": il focolare è pronto per essere acceso, il catino di coccio dove si lavano i piatti attende sulla mensola, il "naspo" è appoggiato in un angolo; nella camera la culla di vimini e la vecchia bambola sul canterano ricordano bambini dagli occhi stupiti. La seconda sezione, ospitata nei locali sotterranei alla casa, in un ex frantoio è suddivisa per settori e raccoglie attrezzi legati ai mestieri: il lavoro in campagna, nel castagneto, la trebbiatura, il ciabattino. Ci sono: mazzanghera, falcione, scarpe con le bullette. L'antico frantoio è stato ricostruito e la poderosa macina di pietra campeggia nella stanza. Si tratta di un museo singolare, non tanto per la natura degli oggetti che ospita, quanto per la ricostruzione totale di un ambiente e di un'atmosfera d'epoca. La Casa Museo di Monticello Amiata si trova in Via Grande. Info: tel. 0564 965220, sistemamusealeamiata@uc-amiata.gr.it 86 · Maremma Magazine · Giugno 2013 "L'estate di emma", l'opera prima di stefano colli Debutto letterario per il grossetano Stefano Colli che con "L'estate di Emma" per Europa edizioni (2013, Collana: Edificare universi, Prezzo: euro 13,90, Pagine: 154), presenta il suo primo romanzo: un bel lavoro ambientato fra la Maremma grossetana e Siena, scritto con un linguaggio disinvolto e attraente, che appassiona il lettore DI CoRRADo BARonTini 'intitola "L'estate di Emma", edito da Europa Edizioni, ed è il primo romanzo pubblicato da Stefano Colli, un grossetano che da alcuni anni coltiva la passione dello scrivere. Dico subito che il libro, presentato a Grosseto il 10 aprile scorso, alla Sala Pegaso della Provincia, è ambientato fra la Maremma grossetana e Siena, ed è scritto con un linguaggio disinvolto e attraente, che appassiona il lettore. "In genere quando arrivo in Maremma, riesco ad ammirare il paesaggio dalla sua parte nord, che guarda verso Follonica. Mi ricorda i quadri di Cezanne. Mi infonde un senso di quiete, di armonia. I colori variopinti, le colline ondulate, la campagna che si sposa in un binomio unico con il mare..." S Piccole pennellate poetiche che collocano le vicende del libro in scenari concreti. Ci sono poi i profili della città capoluogo, dove si svolge la prima parte del racconto: "Grosseto è una cittadina simpatica, accogliente. Una città a misura d'uomo, che negli ultimi tempi si è allargata considerevolmente verso la periferia. [...] Passeggio in una via immediatamente fuori delle mura medicee e posso ammirare il Cassero. Si erge imponente a guardia delle nostre inquietudini..." Le inquietudini dei personaggi di questa storia sono i tratti forti dello stile di Colli che, come viene sottolineato nel risvolto di copertina, "denuncia la spietata chiusura mentale, rigida e crudele, della società attuale, anteponendo, come a fornire un antidoto, la forza della vita e il valore dei rapporti autentici". I protagonisti sono figure problematiche che offrono diversi spunti per comprendere la società di oggi, i rapporti generazionali, gli intrecci amorosi... Incontri imprevisti e inattesi realizzano la trama del racconto che si sviluppa in un panorama reale fatto di riferimenti precisi: il centro storico di Grosseto, ma anche Castigliane della Pescaia, Principina a Mare, Punta Ala con la discoteca Black Sun... Siamo proprio in Maremma, d'estate. L'incontro con Emma, è casuale. Il suo nome entra nel titolo e si capisce, leggendo il libro, la vera ragione: è una donna fuori dagli schemi, imprevedibile, sicuramente complicata. 88 · Maremma Magazine · Giugno 2013 Le Pillole Benefiche di antonio cocchia Un piccolo volume, che condensa il Cocchia-pensiero, in vendita, a Grosseto, in corso Carducci presso la Libreria Palomar nche questo è Maremma. Fare beneficenza, beneficare cioè fare del bene morale e materiale. È ciò che, con una serena immediatezza cerca di fare, su facebook, il nostro autore. Qui posta immagini, pensieri e parole tratte dalla quotidianità, come anche ricordi di vita familiare e di relazioni amicali. Un suo diario personale da cui emerge il ritratto di un uomo sensibile, raffinato lettore, conoscitore delle cose della vita, amante del bello. Forti in lui il senso dell'amicizia e della solidarietà. Spirito libero non risparmia critiche a chi fa cattivo uso del potere. I suoi post vogliono essere un luogo di incontro soprattutto con i giovani. I troppi giovani ai quali non è stata fornita una ragione di vita, fondamentale per progettare e poi, realizzare. Una generazione a cui è stato dato troppo ed insieme tolto tutto che trascina l'esistenza tra un soggettivismo esasperato e la vacuità del relativismo. All'emergenza educativa in senso lato, dove famiglia e scuola in profonda crisi, sono latitanti, Antonio Cocchia, noto in città come esperto gioielliere, contrappone una sorta di educazione sentimentale dei nostri giorni, rivolgendosi proprio ai giovani che cerca di coinvolgere nella "lettura" di argomenti di varia attualità come educazione alla vita. Il tema della trasmissione dell'esperienza attraversa la storia dell'uomo trattato da letterati, filosofi, poeti. A Sanremo, quest'anno, il brano Il futuro che sarà ci porta ai fondamenti della vita tra il nulla e la speranza: Colgo occasioni così senza necessità/ A volte la vita è così comoda anestesia/ Spiegami il senso dimmi la verità, profeta,/ Dimmi che qualcosa cambierà. È l'eterno fanciullino, lo psicoanalitico Peter Pan che trascina un'esistenza indolente interrotta da vuote fantasie più ancora che da vaghe ambizioni. A giustificare il proprio fermo immagine tira in ballo le circostanze che non si adeguano all'individualistico fantasticare in cui resta avviluppato. "Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo" ricor- A da Cocchia ai suoi oltre 1300 amici su facebook, citando una poesia di Neruda. È nell'oggi, il tempo intermedio tra il passato ed il futuro, che si deve operare per dare una speranza alla società. Educazione sentimentale come educazione all'Amore è il messaggio di Ivano Fossati in L'Amore fa: "L'amore parla con i vecchi/ L'amore fa guerra agli idioti e agli arroganti pericolosi/ L'amore fa belli gli uomini, sagge le donne l'amore fa/ Fa grandi le occasioni di credere e d'imparare" Andare dal digitale al cartaceo nell'intenzione di Antonio Cocchia significa passare dal fare del bene morale a fare del bene materiale. Il ricavato della vendita del "libercolo" come con ironia lo chiama l'autore, viene infatti devoluto in beneficenza. Il piccolo volume 112 IMMAGINI, PENSIERI E PAROLE è in vendita, a Grosseto, in corso Carducci presso la Libreria Palomar. Una delle dieci librerie più belle d'Italia, secondo la classifica redatta da Panorama (Maremma Magazine, aprile 2013) dove il cliente, inebriato dall'odore della carta stampata e dal profumo dei vini è accolto e coccolato. Vanna Francesca Bertoncelli Le rUBricHe · 89 "L'inganno dello specchio" Immagine e disturbi del comportamento alimentare in adolescenza Un libro ­ quello scritto a quattro mani da Laura Dalla Ragione e Sabrina Mencarelli (Franco Angeli editore) ­ pensato per chi si occupa della terapia dei disturbi del comportamento alimentare e al tempo stesso per tutti coloro che quotidianamente sentono il bisogno di capire se stessi. " L'inganno dello specchio. Immagine corporea e disturbi del comportamento alimentare in adolescenza" è il titolo del libro scritto da Laura Dalla Ragione e Sabrina Mencarelli (Franco Angeli editore) presentato il 16 maggio scorso a Grosseto nella sala consiliare del Palazzo della Provincia per iniziativa dell'associazione Perle Onlus, che da anni si occupa dei disturbi del comportamento alimentare. L'incontro è stato coordinato da Giuseppe Cardamone, direttore del dipartimento di salute mentale (Dsm) della Asl 9 di Grosseto e ha visto l'intervento di Mariella Falsini, presidente dell'associazione Perle Onlus; Edvige Facchi, psichiatra e psicoterapeuta del Dsm della Asl 9 di Grosseto; Maurizio Riccetti coordinatore de "Il Mandorlo", Centro diurno dei disturbi del comportamento alimentare (Dca) della Asl 9 di Grosseto; Paola Bianchini, Cattedra di filosofia estetica dell'università degli studi di Perugia; Luca Mantiglioni, caposervizio del quotidiano "La Nazione" di Grosseto; Eva Tondi, della scuola Arte Danza. L'inganno dello specchio è un libro pensato per chi si occupa della terapia dei disturbi del comportamento alimentare e al tempo stesso per tutti coloro che quotidianamente sentono il bisogno di capire se stessi. Non c'è nulla di più intimo ed estraneo dell'incontro con la propria immagine riflessa. Questo libro con occhio attento, indaga su come restituire senso e consistenza a quell'incontro: presenta le modalità per riconoscere e valutare il grado di insoddisfazione, distorsione, alter- azione dell'immagine corporea, e soprattutto le terapie che, con grande efficacia, utilizzano il lavoro sullo schema corporeo nel trattamento dei disturbi del comportamento alimentare. Di fronte alla grammatica visiva del nostro tempo che ci spinge a vedere il corpo e la nostra immagine come un oggetto da perfezionare ­ un progetto sempre in via di definizione ­ questo libro torna a riflettere sul rapporto tra corpo e cultura, sul significato che viene incarnato dal corpo, attraverso il quale ognuno di noi entra in contatto con il mondo. Un libro che offre importanti spunti di riflessione a chi quotidianamente, incontrando l'immagine sconosciuta di se stesso, sente il bisogno e la curiosità di rintracciare il senso di quell'incontro. Nella foto un momento della presentazione 90 · Maremma Magazine · Giugno 2013 giacomo nani, un geniale artista portercolese del `700 Un'artista portercolese del `700 imprescindibilmente legato al borgo argentarino, da cui partì appena diciassettenne alla volta di Napoli per cercare migliori fortune e dove riuscì ad affermarsi con il suo talento. Parliamo di Giacomo Nani personaggio forse poco conosciuto ma geniale DI FRAnCesCA CosTAGliolA l viaggio, un tema difficile da esplicare, vuoi per la pregnanza semantica, così densa di sfumature, vuoi per la profonda carica emotiva di cui si alimenta. Il viaggio rappresenta, come ci insegna la letteratura di ogni epoca, una metafora dell'esistenza, un percorso ora tortuoso, ora lineare, con allontanamenti e a volte convergenze, frammentato da ricordi e proiettato verso una meta, che diventa essa stessa, il senso di una vita. Ci sono viaggi ricchi di speranza e viaggi senza ritorno. Spesso diventano protagonisti i luoghi, come quelli mitici dell'Odissea, senza i quali non avrebbe avuto ragion d'essere il poema omerico. Un viaggio della nostalgia, dell'esilio, è stato quello intrapreso dall'autore latino Rutilio Namaziano, il quale dovette I lasciare l'amata Roma, terra di ogni felicità, per ritornare in Gallia, propria terra natia, saccheggiata e distrutta dalle incursioni barbariche, sentendosi in dovere di far fronte ai danni e di provvedere alle ricostruzioni. Egli costeggiò il litorale tirrenico, come ci racconta nella sua più celebre opera il De reditu suo. Tra i luoghi di Maremma viene citato l'Argentario, avamposto strategico e nodo cruciale di collegamento tra il nord ed il sud della penisola. Proprio qui, a Porto Ercole, due viaggi hanno segnato la vita di due grandi artisti, legati per sempre a questo luogo. Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, vi giunse morente e qui si spense il 18 luglio 1610, dopo una vita densa di vicissitudini turbolente, drammatiche, intense, dove l'arte sembra conferire espressione ad un'esistenza trascorsa tra luci ed ombre, tra estro e malinconie struggenti, tra gesta sublimi e vorticosi precipizi. Da questo stesso borgo di pescatori, a 17 anni intraprese un viaggio carico di promesse e di speranze Giacomo Nani. Due viaggi diversi, uno verso la fine di una vita vissuta fino in fondo nel bene e nel male, l'altro verso il futuro e, Porto Ercole, forse suo malgrado, silente protagonista e rispettoso spettatore di due insigni esistenze. Per onorare la memoria dell'artista portercolese, qualche anno fa fu a lui intitolata la scalinata della Rocca: il suo nome compare così vicino a quello di Michelangelo Merisi ricordato in una lapide del 1973, posta dietro la porta d'accesso al borgo vecchio. Essa recita così: "Qui chiudeva la sua tormentosa vita Michelangelo da Caravaggio pittore dopo che la potenza del suo genio aveva creato uno dei più fulgidi momenti dello spirito umano." Le due illustri personalità sono idealmente vicine, entrambe hanno un posto di primo piano nella memoria storica di Porto Ercole. La cerimonia fu voluta dall'Amministrazione Comunale per onorare la vita e le opere di Giacomo Nani e la proposta di dedicare una via all'artista fu intrapresa dall'Associazione Culturale Port'Ercole, presieduta da Alessandro Ferrini da tempo impegnato in ricerche capillari e minuziose per divulgare, attraverso iniziative culturali, le vicende personali e le opere iconografiche di Giacomo Nani. Volgendoci al passato, ci accorgiamo che inevitabilmente le vicende locali si 92 · Maremma Magazine · Giugno 2013 inseriscono e si dipanano in contesti ben più ampli e complessi, nazionali ed internazionali. In questi si inserisce la figura di Giacomo Nani e la decisione di intraprendere un viaggio verso un futuro migliore. Giacomo nacque il 5 febbraio 1698 da Caterina Mangusi originaria di Civitavecchia e da Francesco Nani di Alessandria. La famiglia Nani di cui Giacomo fu il terzo figlio, si trasferì a Porto Ercole per ragioni di lavoro. La vita a Porto Ercole non fu delle più facili a causa delle drammatiche congiunture internazionali che portarono alla Guerra di Successione Spagnola, che dal 1700 al 1714 seminò lutti e distruzioni in tutta Europa. Il 22 marzo 1712 Porto Ercole, che fin dall'inizio della guerra era possesso spagnolo, passò sotto l'egida degli austriaci come già era accaduto per gli altri centri dello Stato dei Presidi. Furono anni terribili anche a causa di devastanti calamità naturali che portarono alla distruzione delle coltivazioni di ulivo, risorsa dell'economia locale e per un terremoto seguito da un maremoto, che nel 1719 procurò ulteriori disastri e vittime. In un contesto sociale ed economico così problematico, la famiglia Nani maturò la decisione di lasciare il paese e di cercare fortuna altrove. La destinazione scelta fu Napoli, luogo vivace e di profonda vocazione artistica, dove il già talentuoso Giacomo non fece fatica ad inserirsi, perfezionando le proprie capacità. Nella città partenopea fu molto apprezzato e valorizzato dal re Carlo VII di Borbone e dal figlio Ferdinando IV. Collaborò nelle fabbriche di ceramiche di Capodimonte, contribuendo al prestigio che comportò tale produzione. Proprio a Napoli si spense nel 1770 all'età di 72 anni. Non dimenticò mai le proprie origini, come viene testimoniato in un atto notarile del 1738, recentemente ritrovato, al notaio che rogava l'atto di acquisto di un immobile, dichiarò "...di avere 40 anni e di essere nato a Porto Ercole nello Stato dei Presidi di Toscana". Ma quali sono i soggetti privilegiati dell'arte di Giacomo Nani? Deliziose nature morte che ripropongono le tipiche composizioni seicentesche di scuola napoletana, vasi e cesti minuziosamente dipinti, ricchi di ortaggi, cibi della tradizione partenopea e mediterranea, fiori dai colori pastello disposti in modo affastellato su vasi e tavoli di legno, a cui fanno da cornice panorami bucolici, piccoli uccelli colorati che sembrano osservare quanto è abbondantemente posto sui tavoli, in modo volutamente e voluttuosamente disordinato, immagini di vita quotidiana, scene rubate ad un'intimità familiare, dove prevale il gusto per i particolari e per i decori, nel più vivido stile dell'artista. Il Caravaggio e Giacomo Nani: due personalità, due storie umane, due sensibilità artistiche profondamente diverse, un umile borgo di pescatori, a cui i due artisti sono e sempre saranno legati da documenti storici e dalla memoria, sulla quale si fonda la cultura di un popolo ed ancora... il viaggio fisico, ma anche il viaggio metafora spirituale in cui e mediante cui si snoda il senso dell'esistere. Da una parte un viaggio verso la fine di un'intensa vita terrena e al tempo stesso verso una fama imperitura, superiore all'oblio della materia e all'usura del tempo che fugge via implacabile, dall'altra un viaggio verso la speranza, verso un futuro migliore intrapreso da un adolescente ricco di ingegno e dalla sua famiglia. E oggi, a distanza di tempo, la piacevole sensazione che il Caravaggio e Giacomo Nani un po' appartengano a Porto Ercole... Le rUBricHe · 93 Le mortelle, tutto il sapore della maremma in Fattoria Ce ne siamo occupati altre volte in passato. Questa volta lo facciamo per segnalare che la Fattoria Le Mortelle, di proprietà della famiglia Antinori, alle spalle di Castiglione della Pescaia, sulla strada che porta a Tirli, ha recentemente inaugurato il nuovo punto vendita di prodotti aziendali (freschissimi e a km. meno di 0) all'interno del casolare ristrutturato e ricavato dalla vecchia casa padronale DI nADiA iACoPini " Far spesa di Maremma" a due passi da Castiglione della Pescaia. Proprio così. Pesche, susine, albicocche, fichi, lamponi, mirtilli, fragole e more. Ed ancora, asparagi, basilico, insalata, carciofi, zucchine, peperoni e melanzane. C'è l'imbarazzo della scelta, perché in primavera e in estate la terra è una sinfonia di verde e di colori, che appaga tutti i sensi, vista, udito, olfatto, gusto e tatto. Tra frutta e verdura, si può scegliere anche il vino, che è da sempre uno dei protagonisti di questa terra. E qui si chiama Botrosecco, il rosso Maremma Toscana Doc (Cabernet Sauvignon, con una piccola parte di Cabernet Franc), e Vivia, il bianco Maremma Toscana Doc (che si ottiene da Vermentino, Viognier e Ansonica). A questi si aggiunge nel 2009 il Poggio alle Nane, rosso Maremma Toscana Igt. Vino di altissimo livel- lo fin dalla prima annata, che nasce dalla selezione delle migliori uve di Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc provenienti dall'area più vocata della fattoria, affinato per 18 mesi in barrique e un anno in bottiglia. Un vino incredibile, prodotto da una delle migliori cantine al mondo, ma non l'unico e il solo protagonista, quando si parla di Maremma. Parola di Antinori. 94 · Maremma Magazine · Giugno 2013 legame con la tradizione più antica, riletta in chiave moderna e tecnologica. Una cantina ecosostenibile, quella di Antinori, costruita con un impatto visivo pari a zero, in osmosi con la campagna circostante, e svelata solo dalla presenza di alcune fenditure oltre la collina, dalle quali la struttura rivela il suo stargate, un'anima di vetro, legno ed acciaio, che colpisce e sbalordisce per semplicità e minimalismo integrato con tecnologia ed innovazione. Al centro una scala elicoidale, che svela gli strati e i livelli della cantina e che mostra la presenza dei serbatoi sospesi ed il senso dell'efficienza del loro funzionamento; un processo di vinificazione che avviene in totale assenza di pompe ed in completo risparmio energetico, per consentire quella che viene denominata "vinificazione a caduta", un trattamento naturale delle uve, che regalano un risultato più equilibrato ed elegante al vino otte- nuto, che sa appagare anche i gusti dei palati più raffinati. E l'idea di fare l'orto, e di vendere o di poter degustare tutti i prodotti della terra? "Macchè idea, e soprattutto, macchè orto!" esclama ridendo Fabio Ratto, Direttore della Fattoria, che abbiamo incontrato per parlarci, a questo proposito, dell'apertura del nuovo punto vendita dei prodotti aziendali, all'interno del casolare ristrutturato e ricavato dalla vecchia casa padronale della Fattoria. "Nessuna idea, perché qui viene naturale coltivare frutta e verdura, più che altro per comodità e per poter offrire ai nostri clienti, che vengono a vedere la cantina, anche tutti gli altri numerosissimi prodotti che questa splendida terra è in grado di dare. L'orto ce lo abbiamo praticamente da sempre, e il frutteto in questione fa riferimento ai 15 ettari del terreno, che facevano parte della Fatto- Le rUBricHe · 95 ria in origine, e che viene coltivato rigorosamente secondo agricoltura biologica. In questo modo possiamo mettere a disposizione, durante le visite e le degustazioni, tutto ciò che di fresco offre la nostra azienda, secondo i prodotti tipici di ogni stagionalità. Vogliamo far conoscere insomma l'esperienza unica e multisensoriale. Quella di trascorrere un po' di tempo alle Mortelle, che significa tra le altre cose assaporare un buon vino ma anche degustare qualche prelibatezza della terra, respirare l'aria di Maremma, e lasciarsi coccolare dalla tranquillità e dal relax della natura e di una vista impagabile, in ogni momento della giornata". Toccando con mano, aggiungiamo noi, i prodotti coltivati, potendone scegliere quantità e qualità, che provengono dalla raccolta appena effettuata, e con la possibilità di portare con sé e a casa propria, insieme al vino ed ai prodotti acquistati in fattoria, un piccolo pezzo di Maremma, fatto dal ricordo e dall'assaggio di tanta bellezza, naturalità e bontà. L'apertura ufficiale del nuovo spazio di vendita dei prodotti biologici è avvenuta poco più di due mesi fa in occasione della Giornata Fai di Primavera, durante la quale vi è stata la possibilità per tutti di visitare la cantina aperta e l'intera fattoria. La manifestazione, come tante altre che stanno interessando la Maremma, prende avvio in completa sinergia con il territorio circostante e con l'obiettivo di fare sistema con le altre strutture ricettive, in modo tale da far conoscere ai turisti, italiani e stranieri, tutti gli itinerari storici e naturalistici e le numerosissime iniziative di sviluppo turistico legato alla Maremma, al suo Brand ed ai suoi prodotti. Fin da ora e per tutta la stagione quindi, la Fattoria è aperta al pubblico con il nuovo punto vendita aziendale e con il nuovo orario, sette giorni su sette, da mattina a sera, per un giro tra le colline di uliveti e vigneti, per escursioni guidate e picnic sul lago della fattoria, o per acquistare il vino e gli altri prodotti aziendali, direttamente, è il caso di dirlo, dal produttore al consumatore, secondo lo stile della filiera corta a km 0. Per prenotare una visita, o assaggiare vino e prodotti tipici, durante una merenda, un aperitivo o una cena degustazione in fattoria, o per tutte le altre informazioni, è possibile chiamare direttamente Fattoria Le Mortelle, Località Ampio di Tirli, Castiglione della Pescaia (GR), telefonando al numero 0564 944003, oppure al numero cellulare 347 4610704, o mandare una mail a mortelle@antinori.it 96 · Maremma Magazine · Giugno 2013 ristorante Pizzeria "giacomino", la freschezza e i colori del buon mangiare mediterraneo Oggi più che mai si va alla ricerca di trattorie e di ristorantini dove poter mangiar bene senza spendere troppo e dove la qualità dei prodotti (sia di mare che di terra) insieme alla semplicità della cucina, rendono onore alla buona tavola mediterranea. Tutto questo lo si può trovare al Ristorante Pizzeria "Giacomino" a Castiglione della Pescaia, un locale interessante sicuramente da sperimentare... DI AnTonellA ViTUllo l Ristorante Giacomino si trova in via Roma, tra i primi stabilimenti balneari che si incontrano camminando sulla suggestiva e famosa passeggiata del lungomare di Castiglione della Pescaia, cittadina che è stata premiata anche quest'anno ­ per la tredicesima volta consecutiva ­ con la "Bandiera Blu 2013" il riconoscimento che viene assegnato dalla Fee (Foundation for Environmental Education) per la qualità ambientale. Il locale vanta una lunghissima tradizione. Già della famiglia Stoffella dal 1983, è una realtà consolidata nel panorama culinario internazionale di Castiglione della Pescaia, punto di riferimento turistico soprattutto per gli stranieri. Il giovane e tenace grossetano Marco Vannini, inserito da tempo nel settore della ristorazione, sposa Luana Stoffella e nel 2004 rileva dal suocero l'attività. Se è vero che ogni ristorante rispecchia le qualità e il carattere di chi lo I gestisce, posso apertamente confermare che questo locale riflette le doti e il carisma che appartengono a Marco Vannini e alla sua splendida e giovane famiglia. Marco Vannini è un uomo solare, dal sorriso schietto e dallo sguardo luminoso e dolce, la cui tenacia e il cui orgoglio hanno fatto di lui un "self-made man". Con costanza, impegno, determinazione e rispetto e con altrettanta gavetta ha imparato il mestiere entrando nel mondo (non facile) della ristorazione. Sua moglie Luana, trentina di nascita, gli è sempre accanto e costituisce l'altro pilastro portante del locale. Un ristorante senza fronzoli ma essenziale e dagli spazi luminosissimi, una sala enorme che ospita sino a 180 posti, con tavoli allineati ordinatamente e incorniciati da vetrate che si affacciano sulla spiaggia e sul mare azzurro e che lasciano intravedere il faro di Castiglione, quasi come un approdo simbolico! Una bella "famiglia" che ho il piacere di conoscere e di presentare ai nostri lettori, costituita sia dalla moglie Luana e dai loro due splendidi figli Sofia e Thomas, che dall'affezionato personale della cucina e della sala che puntualmente ogni anno rinnova con i proprietari la stagione estiva. Figure fedelissime sono i due cuochi Alberto e Roberto che, con la simpatica e carismatica signora Elena (moglie di Alberto), assistente in cucina e figura importante e di lunga esperienza nei vari settori di questo ristorante, fanno parte di una consolidata brigata. Come la maggior parte dei ristoranti di Castiglione della Pescaia, anche il Ristorante Pizzeria Giacomino apre i battenti ad inizio primavera quando le nostre spiagge cominciano ad essere frequentate dai turisti per la maggior parte stranieri. Molti ci risiedono essendosi trasferiti e scegliendo la Maremma come loro rifugio di vita, altri arrivano puntualmente ad inaugurare la stagione esti- 98 · Maremma Magazine · Giugno 2013 Le rUBricHe · 99 ···· Un locale il cui tratto caratteristico si identifica nel mangiar sano e nell'ospitalità, simboli per antonomasia della vera cucina italiana che qui vengono espressi, da Marco Vannini ed il suo staff, in ogni dettaglio all'insegna del motto: "si può e si deve dare sempre il meglio"... va con le loro prime presenze sotto gli ombrelloni degli stabilimenti appena riaperti e rimessi in ordine. Per meglio rispondere alle esigenze del Turismo che chiede sempre più professionalità, accoglienza e prezzi accessibili, il Ristorante Giacomino offre alla sua clientela una cucina di qualità con prodotti freschi, e con un servizio veloce, evitando così ai commensali quelle estenuanti attese tra una portata e l'altra come spesso avviene in molti locali. Infatti, nonostante il ristorante sia sempre affollato, si trova tuttavia sempre un posto dove sedersi per poter gustare l'ottima cucina o l'immancabile pizza cotta in forno a legna che da Giacomino, tutti lo sanno, è proprio buona! Ma questo ve lo faccio raccontare per- sonalmente da Marco Vannini. Cos'ha la vostra pizza di così speciale? Sicuramente l'impasto che preparo io stesso, l'attenta cottura nel forno a legna e gli ingredienti genuini come l'uso della mozzarella campana di Salerno, la salsa di pomodoro sempre fresca, la lievitazione naturale e dal momento che, anche l'occhio vuole la sua parte, la guarnizione personalizzata di ogni pizza con spezie profumate mediterranee: basilico, origano, rosmarino. Il tutto condito ovviamente con olio d'oliva locale. Una pizza cotta rigorosamente in forno a legna ed accompagnata sempre da un buon e fresco boccale di birra alla spina, irrinunciabile piacere 100 · Maremma Magazine · Giugno 2013 Marco Vannini per i buongustai della tradizione italiana apprezzata in tutto il mondo. Verissimo, anche la nostra birra alla spina è italiana ma non mancano le varie marche internazionali della birra in bottiglia. Quali sono le altre specialità della casa? E quali quelle più richieste dalla vostra clientela abituale? La nostra specialità è il caciucco che il cuoco Alberto prepara per noi da sempre. Tra i primi piatti non mancano mai gli spaghetti con le vongole come le fantastiche lasagne preparate secondo la tradizione. E poi semplici ma non facili sono gli spaghetti aglio, olio e peperoncino di Roberto (che faccio anch'io, ma che non sono speciali come i suoi). E per quanto riguarda il dessert? È mia moglie Luana che prepara i dolci ogni mattina. Ci sono clienti che richiedono abitualmente, anzi vengono appositamente da noi, per gustare il fantastico tiramisù o la speciale panna cotta che sono davvero golosità uniche ed irrinunciabili e che lei sa fare magistralmente! La vostra carta dei vini? Oltre ai vini toscani compreso il nostro Morellino, abbiamo una lista di vini delle varie regioni. Posso però dire che è ottimo anche il nostro vino sfuso sia bianco che rosso proveniente dalla Cantina di Pitigliano. Insomma, un locale la cui bandiera, senza dubbio, si identifica nel mangiar sano e nell'ospitalità, simboli per anto- nomasia della vera cucina italiana che al Ristorante da Giacomino vengono espressi in ogni dettaglio. Qui anche il turista si sente a casa ed è per questo che ogni anno ci ritorna. Quando si lavora con passione, l'impegno viene sempre ripagato dal ritorno della clientela. Questo meritato riconoscimento è la vera forza di Marco Vannini e della sua stupenda famiglia nonché dell'intera sua squadra! Non a caso il suo ricorrente motto è: "si può fare e dare sempre il meglio". Info: Ristorante Pizzeria Giacomino Via Roma, 5 - Castiglione della Pescaia (GR), Tel. e Fax 0564 935059, Cell. 333.6515344, www.ristorantepizzeriagiacomino.it, info@ristorantepizzeriagiacomino.it Le rUBricHe · 101 Le lasagne ai carciofi, bontà a tavola da gustare Questo mese, nello spazio dedicato alle ricette, presentiamo un piatto che combina i frutti di questa stagione con una ricetta tradizionale: le lasagne ai carciofi. Il mix creato da una pasta sottile, una buona besciamella e carciofi saltati in padella ci forniscono un piatto delicato ma al contempo saporito. Provare per credere... DI AlissA MATTei* ensando di preparare un nuovo piatto, mi è venuto in mente di combinare i frutti di questa stagione con una ricetta tradizionale. Le lasagne hanno origini romane, naturalmente si trattava di pasta a losanghe irregolari che venivano condite con legumi e formaggio. "Lasana" o " lasanum" era il loro nome che significava "vaso" o "recipiente"; era un piatto P amato particolarmente da Cicerone. Francesco Zambrini nel XIV secolo per la prima volta riportava la vera lasagna con la pasta a strati; la loro consacrazione avvien poi nel 1935 quando Paolo Monelli scrisse il " Ghiottone errante". Alle lasagne della tradizione emiliana e non solo, abbiamo abbinato i carciofi dell'orto, che quest'anno grazie all'abbondante pioggia, abbiamo prodotto in quantità esagerata. La combinazione di una pasta sottile, una buona besciamella e carciofi saltati in padella ci forniscono un piatto delicato ma al contempo saporito. PREPARAZIONE DELLA PASTA: A differenza della preparazione clas- 102 · Maremma Magazine · Giugno 2013 *Alissa Mattei e Luciano Cipriani vi aspettano per assaporare questo, come tanti altri prelibati piatti della cucina maremmana, ma non solo, presso il Bed & Breakfast - Ristorante Casa Montecucco, situato tra Giuncarico e Ribolla, in loc. Castel di Pietra - 58020 Gavorrano. Info per prenotazioni: tel. 0566 80135, e-mail casamontecucco@libero.it Le news sulla maremma sventolano le Bandiere Blu Sono 246, distribuite in 131 Comuni, le spiagge di qualità in Italia, premiate con la Bandiera Blu, il riconoscimento che valuta le acque pulite, i servizi e il rispetto dell'ambiente. I prestigiosi vessilli che la Fee (Foundation for Environmental Education) assegna ogni anno alle località balneari che si sono dimostrate capaci di coniugare lo sviluppo turistico, la qualità dei servizi e la tutela dell'ambiente, per la Toscana sono stati 17 (superata solo dalla Liguria e Marche). Le Bandiere Blu Grossetane sono state assegnate ­ come ormai accade da diversi anni ­ a Follonica, Castiglione della Pescaia, Marina e Principina di Grosseto, Monte Argentario (Grosseto). I parametri-ingredienti dello sviluppo sostenibile sono diversi.Tra questi: la qualità delle acque di balneazione e dei servizi, a cominciare da quelli in spiaggia e delle attività ricettive, una corretta gestione dei rifiuti, alla presenza del verde, di arredo urbano curato, di aree pedonali e ciclabili, fino all'educazione ambientale e alle certificazioni di qualità. "E così Follonica è una delle 17 elette toscane e il pennone di Piazza a Mare potrà accogliere anche questo anno la Bandiera Blu della Fondazione FEE, simbolo di qualità ambientale delle località costiere ­ ha detto l'assessore Novelli a Roma, per il ritiro della Bandiera Blu, in rappresentanza del Comune di Follonica ­ questo riconoscimento è una vittoria, conquistata dalla nostra città grazie ai servizi e alla qualità di Nella foto Emilio Bonifazi e Giovanna Stellini (Comune di Grosseto) Nella foto Elena Nappi e Giancarlo Farnetani (Comune di Castiglione della Pescaia) acqua e spiagge, nonostante i parametri, imposti dalle normative nazionali e europee, siano sempre più restrittivi. Questo territorio si impegna molto, anche perché qui non abbiamo oasi naturalistiche ma un sistemacittà, che comunque sta risultando vincente grazie all'attenzione e alla sinergia di amministratori, imprenditori e cittadini. Alla cerimonia a Roma, alla presenza di tantissimi amministratori, Follonica è risultata una delle città più "longeve" per mantenimento della Bandiera blu... ben 14 anni consecutivi con questo biglietto da visita di tutto rispetto!". Meglio di Follonica in termini di longevità si pone però Grosseto che conquista l'ambito riconoscimento per il 15° anno consecutivo con le destinazioni di Marina di Grosseto e di Principina a Mare. "Sono ormai molti anni che la Fee riconosce a Grosseto la bandiera blu ­ ha commentato il Sindaco Emilio Bonifazi. Si tratta di un riconoscimento che ci rende orgogliosi perché certifica l'impegno del Comune di Grosseto non soltanto nel mantenimento della qualità dei servizi nelle nostre località balneari, ma anche dell'attività di conservazione e difesa dell'ambiente, coniugata con uno sviluppo turistico sostenibile. Insomma si tratta di un risultato importante frutto di un lavoro costante durante tutto l'anno". "Le nostre frazioni balneari, Marina di Grosseto e Principina ­ ha ricordato l'assessore al turismo Giovanna Stellini ­ continuano ad essere riconosciute come località di interesse per un turismo attento all'ambiente e alla qualità. Per questo siamo impegnati a mantenere alto il livello di attenzione ed a lavorare per il miglioramento dei servizi. Quest'anno in particolare, accanto ai tanti progetti di riqualificazione della costa e ad una costante attenzione per la sicurezza e i servizi lungo il litorale, potremo contare su un evento internazionale, i mondiali di catamarano formula 18, che costituiscono uno dei punti cardine del nostro progetto di rilancio della costa". Tra le località maremmane premiate c'è anche Castiglione della Pescaia che si è aggiudicata il titolo per il tredicesimo anno consecutivo. Un premio che quest'anno si sdoppia in due riconoscimenti: il primo per la qualità delle spiagge e il secondo per il porto turistico di Punta Ala. Grande soddisfazione dunque per il sindaco Giancarlo Farnetani e la sua Giunta che, giusto qualche giorno fa, hanno guadagnato il titolo di Comune Europeo dello Sport 2014 rilasciato dall'Aces Europe a seguito di una visita dei commissari europei delegati alla valutazione degli impianti sportivi castiglionesi. Importanti successi dunque, che si vanno a sommare ad altri esclusivi impegni presi da questa Amministrazione come la sottoscrizione al Santuario dei Cetacei Pelagos, al progetto la Casa dei Pesci e al riconoscimento Emas tutti volti alla salvaguardia del territorio e della natura al fine di alza- 104 · Maremma Magazine · Giugno 2013 re gli standard qualitativi legati all'ambiente. "Un grande ulteriore traguardo raggiunto dal nostro comune ­ spiega il sindaco Farnetani ­. Un tassello, che si va ad aggiungere a quelli che Castiglione ha saputo guadagnare fino ad ora e che significa molto in termini di qualità ambientale e di mantenimento degli standard. Standard che risultano sempre più difficili da mantenere visti gli insufficienti fondi statali stanziati con conseguenti sacrifici da parte dei Comuni, ma che si rivelano però indispensabili se messi in relazione ad una politica di miglioramento continuo necessaria al mantenimento e alla tutela del patrimonio naturale di cui disponiamo al fine di favorire un turismo di qualità. A questo proposito, ringrazio tutti gli operatori balneari castiglionesi per lo splendido lavoro svolto". "La Toscana si è qualificata al terzo posto in Italia, dopo Liguria e Marche, per quantità di Comuni che hanno, nel 2013, ritirato questo importante riconoscimento ­ dice il vice sindaco Elena Nappi ­. Per quello che ci riguarda, siamo convinti che anche questo anno Castiglione sarà in grado di offrire ai nostri turisti grande qualità ambientale delle spiagge, servizi balneari di soccorso e di salvataggio sempre efficienti e accessi al mare consentiti alle persone con disabilità". "mare per tutti" sbarca di nuovo a marina di grosseto e Principina a mare "Mare per tutti" è pronto ad accogliere sulla spiaggia grossetana i suoi ospiti per la stagione estiva 2013. Il progetto, realizzato dal Comune e reso possibile grazie alla disponibilità degli stabilimenti balneari di Marina di Grosseto e Principina a Mare, prenderà il via sabato 1° giugno e si concluderà il 15 settembre. A usufruirne saranno le persone con invalidità totale e con disabilità parziale, residenti e turisti, a cui verranno assegnate una postazione dotata di ombrellone e due lettini (o sdraie), vicino a un camminamento in grado di garantire un facile accesso al mare. Ciascuna persona ammessa potrà avvalersi dell'aiuto di uno o due accompagnatori. Il soggiorno marino, gratuito, avrà la durata di una settimana; per potersi san giorgio, successo per la Festa a montorgiali Nel solco di una tradizione ormai secolare si è svolta anche quest'anno la Festa di San Giorgio a Montorgiali. E nell'occasione è stato presentato il nuovo drappellone dedicato al Santo, opera pensata e dipinta dal pittore Dino Petri A nche quest'anno, il 23 di aprile, si è svolta la tradizionale festa di San Giorgio a Montorgiali. Nonostante il fenomeno diffuso dello spopolamento dei paesi dell'entroterra grossetano, l'amore e l'attaccamento a questa festa riesce ancora a radunare e costituire un comitato in grado di realizzare una bella manifestazione. La sera precedente è stato illuminato il percorso che dal paese porta la santuario, creando un effetto particolarmente suggestivo. Al mattino la "Cavalcata" che evoca la venuta del Santo, dà inizio alla manifestazione. Diversi cavalieri hanno percorso il circuito interno dell'abitato per poi dirigersi al santuario seguiti dalla processione dei fedeli insieme alle autorità religiose e civili. Per primi due cavalieri sui loro cavalli bianchi, si sono presentati di fronte al santuario dove si è poi celebrata la messa solenne. Al ritorno in paese, nella piazza gremita di festaioli e cavalieri, mentre si distribuivano i famosi biscotti tradizioNella foto un momento della presentazione del drappo firmato dall'artista Dino Petri nali della festa, si è svolto un fuori programma speciale: la presentazione di un nuovo palio dedicato a San Giorgio in Montorgiali, opera pensata e dipinta dal pittore Dino Petri. Nella descrizione di questo pregevole lavoro, l'autore ha dichiarato di voler rinnovare questa consuetudine storica della festa, come si legge nel bel libro "Montorgiali, castello di Maremma" pubblicato recentemente. Nel dipinto, in uno stile classicheggiante, è raffigurato San Giorgio che su un poderoso cavallo bianco uccide il feroce drago vicino alla fonte, liberando così la bella fanciulla, sullo sfondo di un ubertoso paesaggio maremmano dove ben si distingue il santuario di Montorgiali dedicato al santo stesso. La cerimonia è proseguita con la benedizione del palio officiata dal parroco, alla presenza di Sabrina Cavezzini, sindaco di Scansano, dell'assessore Mazzuoli e dell'assessore provinciale, montorgialese, Arsenio Carosi. Le neWs · 105 Bcc e Legambiente ancora insieme per le rinnovabili prenotare e per avere maggiori informazioni ci si può rivolgere all'Ufficio relazioni con il pubblico, in corso Carducci 1 a Grosseto (tel. 0564/488242; fax 0564/488286), il martedì e il giovedì dalle 15.30 alle 17.30. Questo l'elenco degli stabilimenti che, ad oggi, hanno aderito all'iniziativa per l'edizione 2013: Le Nazioni, Medusa e Grifomare a Principina mare e Bertini, Tropical, La Bussola, Kursaal, Gabry, La Rotonda, Nettuno, Gondoletta, Moderno, Paperino, Oscar, Il Faro, Sirena, Il Lido, Rosmarina, Giglio, Moreno Beach, Moby Dick e Tre Stelle a Marina di Grosseto. aBio grosseto ha rinnovato il consiglio direttivo Cambio ai vertici dell'associazione ABIO Grosseto (Associazione per il Bambino In Ospedale): lo scorso 14 aprile l'assemblea dei soci ha votato per il rinnovo dei componenti del consiglio direttivo. I sette consiglieri eletti, durante la prima riunione del consiglio, hanno attribuito le nuove cariche: Sonia Del Fa (tesoriere), Monia Tanganelli (segretario), Chiara Notari (responsabile della formazione), Paola Petrucci (responsabile del volontariato), Luca Tenerini (responsabile dei progetti e manifestazioni), Paola Pallotta (responsabile della comunicazione). Come presidente è stata eletta Cristina Cardarelli che è subentrata a Valentina Domeniconi. E proprio a quest'ultima la neo eletta ha voluto rivolgere le sue prime parole in segno di ringraziamento: "È stata una figura importante per la nostra associazione ­ ha detto Cristina Cardarelli ­: una delle fondatrici, ha lavorato con grande impegno all'interno del consiglio direttivo dal primo giorno e ha svolto con grande lungimiranza e determinazione il ruolo di presidente. Vorrei ringraziarla, a nome mio, dei nuovi consiglieri e di tutti i volontari e soci per la dedizione e l'impegno che ha profuso in ABIO, per l'attenzione con la quale ha saputo seguire le situazioni interne al gruppo, al reparto ma anche le relazioni esterne con l'amministrazione pubblica. Sono consapevole dell'importanza del ruolo che è stato affidato a me e agli altri consiglieri ma sono anche certa che lavoreremo tutti insieme per proseguire il buon lavoro fatto fin qui e per giungere a traguardi sempre più importanti. Grazie ancora a tutti e buon lavoro!". Intanto l'associazione ABIO Grosseto ringrazia pubblicamente gli alunni delle classi II A e II E della scuola secondaria Rinnovata per il triennio 2013-2015 l'intesa, che sta dando importanti risultati, tra il Credito Cooperativo e Legambiente per la diffusione e l'uso di fonti di energia rinnovabile ed alternativa attraverso la rete delle Bcc e con finanziamenti a tasso agevolato. egambiente e Federcasse hanno rinnovato per il triennio 20132015 la "convenzione quadro" per la diffusione e l'uso di fonti di energia rinnovabile ed alternativa attraverso la rete delle Bcc e con finanziamenti a tasso agevolato. "In Toscana l'accordo tra Legambiente e Bcc ­ afferma Angelo Gentili, della segreteria nazionale di Legambiente ­ ha avuto un enorme successo ed è riuscito a promuovere efficienza e rinnovabili in modo diffuso e distribuito tra le famiglie, gli imprenditori e gli enti locali toscani. Un modo chiaro ed efficace per abbattere le emissioni e favorire un vero e proprio cambio di rotta in ambito energetico. Un ruolo di primo piano è stato svolto dalla Banca della Maremma che ha creduto fin dall'inizio a questo percorso e insieme al Centro nazionale per le energie rinnovabili di Legambiente, presente a Grosseto, ha dato vita a questo processo virtuoso. La convenzione siglata oggi dai vertici nazionali di Legambiente e Bcc premia l'itinerario fino a oggi seguito, lo valorizza, e scommette sul futuro con un fronte ampio di finanziamenti agevolati per i cittadini basati sulla sostenibilità e gli stili di vita in chiave ecologica". Destinatari dei finanziamenti agevolati delle Bcc (a fronte di istruttoria tecnica di Legambiente) sono privati citta- L dini, imprese ed enti pubblici che hanno l'opportunità di migliorare l'efficienza energetica dei propri locali o di diventare, essi stessi, produttori di energia pulita. Ad oggi, difatti, la partnership BccLegambiente ha consentito di rendere operativi 5.440 progetti su tutto il territorio nazionale, per un totale di 260 milioni di euro di investimenti. In particolare si è trattato di 5.187 interventi di installazione di fotovoltaico, 223 di impianti di solare termico, 51 per impianti a biomasse, 132 per interventi di efficienza energetica, 12 di mini eolico, 14 di geotermico, 2 mini idroelettrico. Sono stati inoltre anche finanziati 97 interventi di bonifica di coperture in Eternit (amianto) sostituiti con impianti fotovoltaici. Particolare soddisfazione è stata espressa dal Presidente di Federcasse Alessandro Azzi: "Gli importanti risultati raggiunti in questi anni di collaborazione con Legambiente ­ sottolinea il Presidente ­ ci danno conferma della bontà di questo progetto. E ci dicono che è possibile, anche attraverso interventi apparentemente "minori", raggiungere obiettivi di grande portata contribuendo a diminuire sensibilmente le emissioni inquinanti e favorendo la tutela e la conservazione dei nostri territori, in una logica di sostenibilità". 106 · Maremma Magazine · Giugno 2013 Mauro Gennai di Orbetello, Diego Armini di Sticciano e Alvaro Bonelli di Gavorrano-Scarlino. Una assemblea quella capalbiese che ha visto come ospiti, oltre al sindaco Luigi Bellumori e a quello di Orbetello, Monica Paffetti, il presidente della Provincia, Leonardo Marras, l'assessore regionale al Welfare e Sociale, Salvatore Allocca, il direttore sanitario della Asl 9, Danilo Zuccherelli, e il presidente regionale di Avis, Luciano Franchi. Un parterre dunque di primo piano a fare da corollario a questo momento assembleare in cui Avis ha voluto dare un segno di cambiamento nella continuità. Nella relazione il presidente Sestini, ha snocciolato i numeri di una annata non esaltante sul fronte delle donazioni, complice anche le difficoltà vissute dal territorio. "Pur sfondando la quota delle 13mila donazioni (13.025 e terza Avis della regione) ­ ha detto Sestini ­ l'incremento percentuale rispetto al 2011 è stato di appena dello 0,43%, ben al di sotto dell'obiettivo regionale che il CRS ha fissato, a inizio anno, al 3%. Il sangue intero regredisce di 62 unità (-0.67%), il plasma viceversa, cresce di 272 (+10,09%), mentre il multicomponent arretra di 98 sacche (-9,18%). Inoltre ­ continua ­ con 2.966 unità di plasma abbiamo finalmente ottenuto l'autosufficienza a livello locale di plasmaderivati che ha fruttato 750mila euro di risparmio alla Asl a cui si aggiungono 350mila euro derivati dalle unità di sangue intero inviate ad altre aziende." Ma quello che è emerso dal lavoro dell'ultimo quadriennio è una Avis provinciale in crescita come associazione che può contare su 9.112 soci (8.058 nel 2010 +11,5%), e con 8.657 donatori (7.555 +14,58% sempre rispetto al 2010), di cui 800 sono nuovi. Nell'assemblea di Capalbio sono stati anche eletti i candidati della provincia di Grosseto al consiglio regionale e i delegati che rappresenteranno l'associazione, alla assemblea elettiva regionale di Casciana Terme. E a proposito di Avis Provinciale, ottimi frutti ha dato anche il connubio con la Fondazione Grosseto Cultura in occasione della manifestazione "La scuola tra i suoni" del 9 maggio scorso e del "Premio Monicelli" del 10 presso il teatro Moderno, dove era stato allestito un punto informativo. A dirlo in primo luogo sono i numeri, con diciotto iscrizioni di persone candidate a diventare donatori di sangue, ma anche il riscontro ottenuto nell'opera di sensibilizzazione alla donazione di midollo, dopo i protocolli d'intesa con Admo. "Un ringraziamento particolare come Avis provinciale ­ ha commentato il presidente, Carlo Sestini ­ lo rivolgo in primo luogo a chi ha firmato il modello di adesione alla nostra associazione, mostrando altruismo e senso civico, per poi estenderlo a chi ha diretto questo progetto, la maestra Gloria Mazzi, al presidente della Fondazione Grosseto Cultura, Loriano Valentini e al consigliere Danilo Piani. Senza la loro sensibilità e disponibilità non avremmo mai avuto modo di ottenere questi risultati. Spero adesso che questa collaborazione possa continuare, perché dove ci sono i giovani e dove c'è cultura Avis c'è per promuovere un'altra cultura, quella del dono del sangue e della solidarietà, che non si insegna ma si acquisisce partendo proprio dai più giovani. Una siffatta riflessione ­ conclude il presidente Sestini ­ mi porta a lanciare un appello e un invito: spero che siano in molti ad avvicinarsi alla donazione, proprio come hanno fatto queste diciotto persone, perché i dati non sono confortanti; alla carenza cronica di zero negativo si è associata la mancanza di Nella foto, da sin. Loriano Valentini, Carlo Sestini (presidente provinciale Avis), Sabrina Ferilli, Emilio Bonifazi in occasione della serata del 10 maggio scorso al Teatro Moderno Le neWs · 107 108 · Maremma Magazine · Giugno 2013 commemorate le vittime del bombardamento di Pasquetta Il 26 aprile, una messa in suffragio, l'intitolazione di un'area a verde pubblico e la deposizione di una corona d'alloro al monumento alle vittime civili di guerra vicino al Parco giochi Pollini, in ricordo dei 134 grossetani morti nella strage del 1943 stata celebrata il 26 aprile la commemorazione delle vittime della strage di Pasquetta. Una giornata dedicata al ricordo dei 134 grossetani, molti dei quali bambini, che proprio in quel giorno del 1943 morirono sotto le bombe delle forze alleate, mentre giocavano nel luna park allestito in piazza De Maria. Per non dimenticare quell'eccidio che è ancora scolpito nella mente di molti cittadini, è stata celebrata una messa in suffragio dei caduti civili di guerra nella basilica del Sacro Cuore, con Guglielmo Borghetti, amministratore apostolico della diocesi di Grosseto, alla presenza del sindaco Emilio Bonifazi e Giuseppe Checcaglini, presidente provinciale dell'associazione Vittime civili di guerra onlus, che con il Comune ha promosso le iniziative del 26 aprile. Quindi, è seguita la cerimonia d'intitolazione dell`area verde lungo le Mura in via Porciatti (la zona compresa tra il Campo Amiata e il Vallo degli arcieri), "Ai caduti durante il bombardamento angloamericano a Grosseto, lunedì di Pasqua 26/041943". All'iniziativa, con lo sfondo suggestivo del Cassero, sono intervenuti, oltre al Sindaco Emilio Bonifazi, anche il Presidente del Consiglio provinciale Sergio Martini, l'assessore comunale alla Cultura, Giovanna È Stellini, Mons. Franco Cencioni e il Presidente provinciale dell'Associazione nazionale vittime civili di guerra, Giuseppe Checcaglini. Successivamente la cerimonia si è spostata in via Ximenes, nei pressi del Parco giochi Pollini, dove è stata deposta una corona d'alloro ai piedi del monumento alle vittime civili di guerra. "Molti grossetani ricordano, con il dolore di chi ne è stato testimone, quel giorno di festa trasformato improvvisamente in uno dei giorni più luttuosi per la nostra città ­ ha detto il sindaco di Grosseto, Emilio Bonifazi ­ e il nostro impegno è quello di tenere vivo questo ricordo. Da un lato, infatti, lo consideriamo un doveroso omaggio a quanti hanno perso la vita in un modo così inaspettato e atroce; dall'altro vogliamo che non sia mai sbiadita l'immagine delle tante efferatezze legate alla guerra, con l'enorme carico di sofferenze che ha segnato per sempre la vita di moltissime famiglie. Non dimenticare: questo è il monito che dovremmo fare nostro, sempre. Non dimenticare per non rischiare di dover, di nuovo, raccontare eventi tragici come questo. E per fare tesoro dei grandi valori come il dialogo e la comprensione, la condivisione e il confronto a volte anche acceso, ma pur sempre improntato sulla tolleranza e sul rispetto dell'altro e degli altri". Le neWs · 109 Festival "alterazioni 2013": protagonisti cercasi Arte contemporanea, musica, fotografia: l'associazione Artq lancia tre concorsi per dare a tanti giovani creativi l'opportunità di essere protagonisti del Festival Alterazioni 2013, che si svolge ad Arcidosso dal 26 al 28 luglio. ero e proprio talent scout anticipatore di nuove tendenze, il Festival, alla sua quarta edizione, si è rivelato un'importante vetrina per artisti emergenti. C'è ancora tempo per partecipare: il bando Alterazioni visive, dedicato all'arte contemporanea, prevede un premio di 1.000 euro per il miglior artista under 35. Le opere che passeranno la V Genova. Il bando scade il 15 giugno. La partecipazione al concorso è aperta a tutti, senza limiti di età, nazionalità o professione e ad ogni forma espressiva: gruppi musicali, dj set, sperimentazioni e contaminazioni audio-video. È richiesta una quota associativa di 20 euro. In collaborazione con il club fotografico Circolo di Confusione, l'associazio- selezione saranno esposte al Castello Aldobrandesco di Arcidosso dal 27 luglio al 1° settembre. Il tema scelto è il "Risveglio delle origini, uomo e natura, tra spirito e follia, dominio e creazione". Gli artisti avranno il compito di rievocare quel sentimento primordiale di connessione indissolubile, tra uomo e natura, per riscoprire l'essenza delle origini, la semplicità maestosa dell'interazione quotidiana con i 4 elementi naturali, terra, acqua, fuoco e aria. Il bando scade il 15 giugno. La partecipazione è aperta a tutti senza limiti di età, nazionalità o professione e ad ogni forma espressiva, dalla pittura, alla scultura, fotografia, grafica, illustrazione, video, installazione, design. La quota d'iscrizione è 20 euro. Per cantanti, musicisti e band emergenti, c'è Alterazioni musicali, che dà ai vincitori la possibilità di esibirsi al Festival Alterazioni, al Reset Festival 2013 di Torino e al Forevergreenfestival 2013 di 110 · Maremma Magazine · Giugno 2013 ne artq propone, inoltre, il concorso fotografico "Pieces of (H)EART(H)" dedicato alla reazione umana di fronte alle calamità naturali. Le foto selezionate andranno a formare un'installazione composita esposta, nella mostra "Alterazioni visive", al Castello Aldobrandesco di Arcidosso dal 27 luglio al 1° settembre. Tutte le foto saranno pubblicate sul sito www.artq.it nella sezione "Pieces of (H)EART(H)" e sulla pagina Facebook www.facebook.com/artqassociazione. Per partecipare è necessario inviare gli scatti fotografici, entro il 30 giugno, a fotografia@artq.it Per l'associazione Artq, che ha ideato il Festival e lo ha fatto crescere in questi anni, "Alterazioni" è un atto d'amore verso l'Amiata, un'apertura per accogliere le tendenze artistiche più vive e interessanti che possono trovare in questa montagna un'energia particolare, unica e irripetibile. Info: www.artq.it te passo che consente di incrementare il patrimonio artistico della città di Grosseto. Per questo vorrei ringraziare Gianfranco per l'interesse che ha sempre dimostrato verso la città e per il suo impegno, che ci ha consentito in questi anni di allestire mostre di altissimo livello, a partire dalla più recente, incentrata proprio sulla Pietà del Cigoli, ultimo tassello di una collaborazione avviata nel 2007 con la mostra Teatralità nel Barocco Fiorentino e proseguita con La Bella Maniera in Toscana nel 2008 e con Signori di Maremma nel 2009. Un ringraziamento particolare va anche al notaio grossetano Antonio Abbate che ha seguito l'iter della donazione gratuitamente: un ottimo esempio di liberalità e di attenzione nei confronti della città di Grosseto". Ci svela l`opera Sandro Bellesi. "Proveniente dalla cappella di un palazzo gentilizio fiorentino, l'opera, in eccellente stato di conservazione, rappresenta uno degli episodi sacri più toccanti tratti dalla Passione e dalla Morte di Cristo. Noto comunemente come Pietà, il tema del dipinto illustra con dovizia di dettagli il corpo ormai senza vita del figlio di Dio che, dopo essere stato martirizzato, è sostenuto con amore dalla madre Maria e da Giuseppe di Arimatea. Per accrescere il drammatico sentimentalismo della scena percepibile soprattutto dal volto angosciato della Vergine, che sembra raccogliere dentro di se tutta la sofferenza dell'umanità ormai privata della salvezza divina, sono stati inseriti paradigmaticamente due angeli nello sfondo, effigiati in atto di sostenere sopra un panno immacolato alcuni strumenti della Passione, ovvero alcune spugne imbevute nell'aceto, la punta della lancia e i chiodi. Connessa alla Passione risulta ancora la corona di spine disposta in primissimo piano, all'altezza della mano destra di Cristo [...].". Grazie a questa donazione il Comune di Grosseto incrementa il proprio patrimonio artistico, costituito principalmente da opere di arte moderna che hanno raggiunto la significativa quota di 400 opere (tra cui lavori di Aldi, Alinari, Bendini, Bentivoglio, Caruso, Consorti, Faccendi, Fioroni, Gentili, Levi, Nanni, Orlandini, Pascucci, Patella, Spoerri, Treccani, Trubbiani,Vacchi). Tale collezione si è ampliata nel corso degli anni `90 con la donazione Centracon e più di recente con le donazioni Zancanaro e Sbrilli. Tutte le opere del Comune sono inventariate dal Centro di documentazione sulle arti visive e l'elenco è disponibile sul sito Internet http://cedav.comune.grosseto.it sto la sua isola, come la chiamava lui; l'Elba, Capraia, Corsica. Con gli anni la sua navigazione si prolungava in tempo e miglia: nel Mediterraneo, ai Caraibi, ma sempre con annesso ritorno a Castiglione e se gli si domandava com'era andata, diceva sempre la stessa cosa, sono tornato, quindi è buon segno. Finita la stagione di apertura dell'hotel, partiva di nascosto della mamma, che aveva sempre paura del mare, ma quando toccava terra, il suo primo pensiero era per lei, una cabina telefonica per chiamare casa e dire, sto bene torno stasera. Con il tempo crescevano le distanze che lo portavano fuori di casa e così le assenze si prolungavano. Torno domani, poi diceva rientro venerdì, poi tra una settimana, e così via e le sue avventure per mare si prolungavano sempre di più. L'albergo gli permise di conoscere personaggi famosi e quelli che famosi sarebbero diventati anche grazie a lui. Ambrogio Fogar un milanese col pallino delle avventure estreme, arrivò a Castiglione cercando una barca per fare il giro del mondo a vela. Renzo gli fece conoscere un suo grande amico Niccolò Puccinelli, fratello di mare e proprietario del Cantiere 71 e così nacque una trilogia che forma parte della storia di Castiglione della Pescaia. Ma non fu l'unico incontro che lo rese protagonista tra gli amanti del mare. Anni dopo fu la volta di Patrizio Bertelli, arrivato da Arezzo con la voglia di mare, anche a lui fece comprare la prima barca, il resto della storia è nota ai più, ma Bertelli ha sempre considerato Renzo il suo maestro al punto di volerlo nell'avventura chiamata Luna Rossa come il portafortuna, 17esimo uomo dell'equipaggio in Nuova Zelanda dove conquistò la Louis Vuitton Cup. Renzo era lì con i suoi settanta anni e più, insieme ai ragazzi dell'equipaggio diventati presto suoi amici nonostante la differenza di età tra loro. Nessuno ha dimenticato la serata di festa da lui offerta nel suo ristorante al rientro dell'equipaggio in Italia. Ma la sua avventura non è finita lì: Nella foto, Renzo Guidi al timone di Luna Rossa è continuata sempre in Nuova Zelanda nel 2003 e poi a Valencia nel 2007. Molti sanno che questa esperienza diede a Renzo l'opportunità di mettere nero su bianco episodi importanti della sua vita. Lui diceva che si era messo a scrivere un pomeriggio nella sua camera d'albergo ad Auckland mentre i ragazzi si allenavano perché gli mancava il suo mare, e scrivendo gli sembrava di averlo più vicino. In una terra lontana dalla sua e in un mare diverso dal suo mare volle rammentare cose vissute in altri tempi. Il brogliaccio piace a un amico giornalista. Nasce così "Il vento fin qua" il racconto di vita di un marinaio, velista finito a bordo di Luna Rossa per fare un piacere a un amico. Socio storico del Club Velico di Castiglione della Pescaia, diventò socio della Lega Navale Italiana nel 2005 e fino ai suoi ultimi giorni mi continuava a dire: "fai, tu che hai voglia di fare, tutti gli amanti del mare dovrebbero insegnare a conoscere il mare e ad amarlo; andare a vela... no, quello non si può insegnare, andare a vela s'impara e basta". Luisa del Valle Le neWs · 111 direttore resPonsaBiLe Celestino Sellaroli redaZione Nicola Alocci, Francesca Costagliola, Claudia Della Monaca, Giulia Focardi, Nadia Iacopini, Maria Grazia Lenni, Rossano Marzocchi, Paolo Nardini, Dianora Tinti, Eleonora Zannerini consULenZa editoriaLe Corrado Barontini editore CS Editore direZione, redaZione e PUBBLicità CS Editore, Via Tripoli n. 10 - 58100 Grosseto - Tel. 0564 20426 - Fax 0564 429364 - Cell. 349 2872103, email maremma.magazine@virgilio.it oppure info@maremma-magazine.it, sito web www.maremma-magazine.it stamPa Tipolitografia Ambrosini Gianfranco Zona Industriale Loc. Campo Morino - 01021 Acquapendente (VT) - Tel. 0763.711040, sito web www.tipografiaambrosini.it, e-mail info@tipografiaambrosini.it arretrati I numeri arretrati possono essere richiesti a CS Editore - Via Tripoli n. 10 - 58100 Grosseto - Tel. 0564 20426 Fax 0564 429364, inviando anticipatamente l'importo pari al doppio del prezzo di copertina, mediante assegno bancario non trasferibile intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli o bollettino sul conto corrente postale n. 39735576 intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto aBBonamenti PRezzi: una copia euro 3,50; abbonamento annuale: euro 33,60 per l'Italia ed euro 140 per l'estero. L'abbonamento decorrerà dal primo numero disponibile (prima della spedizione mensile in abbonamento postale) e potrà avere inizio in qualsiasi periodo dell'anno. Per il rinnovo attendere l'avviso di scadenza. MoDAliTà Di PAGAMenTo: Gli importi sopra indicati potranno essere versati: · tramite assegno non trasferibile intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, da inviare a CS Editore, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; · mediante bollettino postale sul conto corrente n. 39735576 intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; · mediante carta di credito. sUggerimenti Le informazioni inserite in questo numero sono state raccolte in anticipo rispetto alla programmazione definitiva degli eventi. Suggeriamo pertanto ai lettori di verificare sempre, telefonicamente, se non siano intervenuti cambiamenti nelle date, negli orari. La redazione di Maremma Magazine non assume alcuna responsabilità per quanto riguarda l'effettiva attuazione delle iniziative elencate nelle pagine precedenti, né per eventuali cambiamenti di programma. Per contatti Gli enti, le associazioni, le pro loco, le agenzie per il turismo, i privati che volessero inviarci i calendari delle varie manifestazioni possono farlo: · per fax al numero 0564/429364; · per posta ordinaria all'indirizzo Maremma Magazine c/o CS Editore, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; · per e-mail agli indirizzi: redazione@maremma-magazine.it oppure maremma.magazine@virgilio.it N.B. I programmi degli eventi devono tassativamente pervenire in redazione entro il 20 del mese precedente a quello nel quale andranno a svolgersi. Eventuali collaborazioni sono libere e gratuite. Il materiale inviato, anche se non pubblicato, non verrà restituito. © 2013 coPYrigHt cs editore Tutti i diritti riservati. Testi, fotografie e disegni contenuti in questo numero non possono essere riprodotti, neppure parzialmente, senza l'autorizzazione scritta dell'Editore. Questo periodico è associato all'UsPi Unione stampa Periodica italiana e all'A.n.e.s. Associazione nazionale editoria Periodica specializzata