1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
VERSIONE DEMO (solo 10 pagine visibili)
Per acquistare questa copia clicca
sul tasto "ACQUISTA" in basso

  - La copia visualizzata
  - Un abbonamento
Il Saluto del VeScoVo aI turIStI In MareMMa Carissimi amici, il mio saluto a voi tutti che avete deciso di trascorrere il vostro periodo di vacanze in Maremma, lungo le coste grossetane del Mar Tirreno ed anche nelle altre località della terraferma. Il potente richiamo della bellezza che, insieme all'esigenza di ritemprare le forze fisiche, vi ha portato qui, vi permetta di entrare a contatto con la lunga e bella storia di questa terra, che risale fino all'epoca degli Etruschi e che, fin dalle sue origini, è stata luogo di incontro e di confronto tra uomini, storie e culture antichissime, raccogliendo la sfida della diversità e testimoniandone la sorprendente ricchezza. Le radici della storia di questa nostra cara terra affondano nella fede cristiana e, proprio attingendo alla sua linfa vitale, la gente maremmana ha costruito ed alimentato per secoli quella libertà di cui va giustamente fiera. Mi è prezioso ricordare che fu proprio il Granduca di Toscana, nel 1786, a cancellare la pena di morte. La Chiesa che vive in Maremma ­ umile e fiera testimone di Colui che ci ha detto: «Sarete liberi davvero» ­ si mette a vostra disposizione in tutti i modi congeniali alla sua missione e alla sua riconosciuta genialità per rendere possibile e più efficace il vostro riposo. E se è vero che col lavoro di tutti i giorni la persona umana partecipa all'eccellente opera creatrice di Dio, è altrettanto vero che pure il necessario riposo è imitazione del Signore: dopo la creazione, Egli si riposò. Per questa nobile ragione, le ferie, le vacanze, si inseriscono dignitosamente nella maniera tutta umana d'interpretare lo scorrere del tempo della vita; ma esse, per i motivi accennati, assumono pure un valore religioso che le impreziosiscono. Noi, insieme a voi, intendiamo allora giungere sempre e con estrema semplicità fino al cuore di Colui che tutta questa bellezza e questa potenza umana ha preparato per ogni persona che lo desideri davvero. Il tempo del riposo, vissuto in questa prospettiva, vi garantisco, potrà essere un tempo di reali amicizie, occasioni edifi- canti di nuovi rapporti, insomma un tempo che permetterà di gustare a pieno tutte le ricche dimensioni dell'uomo e del mondo. Proponendo con umiltà alla libertà di ciascuno i gesti della fede, io personalmente ­ e con me tutta la Chiesa maremmana ­ vuol farsi eco della celebre risposta di Gesù ai suoi amici, quando Andrea e Giovanni, desiderosi di stare con Lui perché colpiti dalla sua straordinaria umanità, gli chiesero: «Maestro, dove abiti?» Gesù rispose: «Venite e vedrete». E quel giorno quegli uomini stettero a casa sua fino alle «quattro del pomeriggio». Se vi farà piacere, volentieri staremo con voi per qualche tempo in nome di Gesù e di Sua madre Maria. Vi accolgo con gioia e vi auguro di trarre beneficio dal vostro soggiorno qui tra noi in Maremma. Buone vacanze! + Franco Agostinelli Vescovo di Grosseto "SpIagge cruelty free", una caMpagna antI-uccISIone dI anIMalI per gIoco Il Comitato Marina di Grosseto (Comitato Spontaneo di Quartiere) promuove le spiagge di Marina "cruelty free" ed invita responsabili degli stabilimenti balneari ed i vigili urbani ad un'adeguata opera di sorveglianza affinché non vengano uccisi "per gioco" da bambini animali acquatici facendoli morire dopo lunghissime sofferenze in secchielli con poca acqua, tenuti sotto il sole (che alza la temperatura del liquido rapidamente provocando terribile lenta asfissia negli animaletti) gettandoli infine sulla sabbia, spesso ancora vivi, nel tragitto di ritorno a casa o nei secchi della spazzatura quando i bambini ed i loro genitori si rendono conto che, quelle "cose", "puzzano", non considerando che questo è normale per qualunque essere vivente in decomposizione che sia stato ucciso... Basta far uccidere granchi e pesciolini nei secchielli dai bimbi a Marina! Questo comportamento configura pienamente il reato di maltrattamento ed uccisone di animale punito dalla legge. Persone del Comitato sorveglieranno affinché non vengano maltrattati animali in spiaggia e chiederanno interventi delle Forze dell'Ordine. Anche pesci, granchi, molluschi sono esseri viventi ai quali non può essere tolta la vita per gioco e con torture. Promuoviamo a Marina di Grosseto comportamenti eticamente corretti nei bambini, fondamentali per la loro vita da adulti ed invitiamo gli adulti, che permettono questi "giochi" ai loro bambini, a prendere coscienza empaticamente della sofferenza vera di esseri viventi fatti morire lentamente senza motivo, invitando chiunque assista a questo tipo di maltrattamenti ad intervenire. La legge contro i maltrattamenti e uccisioni di animali (legge 189/04, art. 544/bis, 544/ter), non esclude dal suo campo di applicazione i "giochi" dei bambini in spiaggia. Un comportamento, tra l'altro, messo in atto "senza necessità", tranne che non si voglia intendere come necessario rischiare di maltrattare o uccidere un animale per gioco. È proprio il "senza necessità" a rendere concreta l'ipotesi del reato. Ricordiamo, in ultimo, che un minore non può (... per fortuna) essere imputato. A risponderne saranno sempre gli adulti come già avviene in altre civili località balneari. Comitato Marina di Grosseto (Comitato Spontaneo di Quartiere) a propoSIto della feSta della BIrra a groSSeto Salve, sono vostra affezionata lettrice e vi faccio molti complimenti per il giornale, sia per gli articoli che per i servizi fotografici. Il 7 giugno ero a Grosseto proprio per la Festa della Birra e sinceramente ho visto molto rispetto per il "Corpus Domini". Certo c'era molta gente in giro, c'erano i banchetti che servivano la birra, ma nessun gruppo ha iniziato a suonare fintanto che in piazza c'è stata la processione e in Chiesa la Messa. Inoltre ho trovato che il livello dei musicisti che suonavano nei vari angoli e vie del centro era molto buono e i volumi non troppo alti. Credo che con un po' di tolleranza si possa convivere molto bene, no? Grazie per l'attenzione. Giada Germani Massa Marittima Avete idee e consigli da darci, complimenti o critiche da fare, oppure più semplicemente volete commentare un articolo o dire la vostra su un certo argomento? Questo spazio è per voi. Scriveteci via e-mail all'indirizzo redazione@maremma-magazine.it Compatibilmente con lo spazio a disposizione pubblicheremo il vostro intervento. 6 · Maremma Magazine · Agosto 2012 la Voce deI lettorI l'edItorIale 22 27 46 .........L'oro di Sovana, fascino e mistero di uno straordinario ritrovamento 50 .........Warhol/Haring... la Maremma in estate si confronta con la pop art 55 .........Un tuffo dove l'acqua è più blu. A scuola di diving in Maremma 58 .........Giorgio Angiolini, il disegnatore del Granduca 62 .........Da Saturnia al Burkina Faso: il volo umanitario di Vittorio Piccini l'agenda 68 .........Casalone, agosto al galoppo di mercoledì e venerdì 71 .........Il fascino di uno spettacolo tra le rovine... 73 .........LE SAGRE 74 .........Nel vivo l'ottava edizione dell'Amiata Piano Festival 77 .........Grosseto, un Centro vivo di Giovedì 38 prIMo pIano 14 .........La Maremma, terra di grandi vini e di... cantine d'autore 22 .........Tra novità e divertimento torna Festambiente, il Festival Nazionale di Legambiente 27 .........Con "Terra Somnia" un tuffo... "Dentro... il Medioevo" a Scansano 30..........Apritiborgo, quando la città diventa teatro tra canti, incanti e meraviglie 35 .........Vinellando, al via la tredicesima edizione nel nome del Morellino 38 .........Capalbio Libri, e lo show in piazza Magenta può cominciare 42 .........Vetulonia, in mostra per la prima volta in Toscana i tesori degli antichi re di Basilicata In copertina, la cantina della della Tenuta dell'Ammiraglia con sede a Magliano in Toscana SoMMarIo · 9 84 102 109 107.......La Città di Grosseto ricorda l'artista Carlo Gentili con l`intitolazione di un largo nel centro storico 108.......Si arricchisce la collezione d'arte del Comune di Grosseto 108......."Colori e Sapori di Maremma", in mostra le opere di Dino Petri 108.......La Provincia investe 100mila euro nella formazione degli operatori turistici per migliorare il sistema dell'accoglienza 109.......Visita del Soroptimist Club di Grosseto a Poggio Ballone 110......."Passione Maremma", primo concorso fotografico e video 110.......Al via il servizio di help desk turistico della Provincia di Grosseto 110.......Un mandato all'insegna delle energie sostenibili: 80 gli impianti autorizzati dalla Provincia di Grosseto 111.......Grande successo per il Concerto "Note... Melodie" 111.......Tenuta Poggione, azienda top del 2012 provincia italiana" Vino e dintorni 94 .........Podere Carrareccia, quando piccolo è bello e di qualità! 96 .........WINE & FOOD NEWS Di vino in cibo 98 .........De Triachi, la passione e il lavoro di una famiglia toscana di viticoltori La Ricetta 102.......Gli Gnudi o Ravioli, una bontà a tavola NEWS 104.......Canti e musica popolare con Il Coro degli Etruschi e la cantante folk Lisetta Luchini nella suggestiva cornice del "Giardino di Elenina" a Montepescali 104.......Paolo Regina ha lasciato l'Ascom di Grosseto 105......."Grifone d'Oro" 2011 alla memoria del Prof. Camarri 107.......Il Giglio rivuole il suo elmo etrusco... recuperato in un relitto al campese, dal 1982 è stato trafugato all'estero 10 · Maremma Magazine · Agosto 2012 L'abolizione delle province... perché non ci convince... O rmai sta diventando una farsa. Neanche troppo divertente. Anzi diremmo quasi: stucchevole e fastidiosa. Il tema dell'abolizione delle province sta impazzando (è proprio il caso di dire) da troppo tempo perché possa essere preso sul serio, tanto che stargli dietro comincia ad essere complicato. Ogni giorno esce una notizia nuova, a proposito dei criteri, delle terminologie, delle tempistiche, per arrivare al fatidico epilogo della soppressione di un ente che sembra essere diventato la causa di tutti i mali del mondo. Del resto, questo potrebbe essere assunto come l'emblema di un paese allo sbando, commissariato da un Governo di tecnici che ci sta massacrando per la gioia degli speculatori e della Finanza, assurda regina incontrastata, su scala mondiale, dei destini dei popoli e da cui non riusciamo proprio a liberarci... Ma tant'è, questo è il quadro che ci si presenta all'inizio, anzi nel bel mezzo, di questa calda estate 2012. Già, le province e la quaestio della loro abolizione. Chi scrive ha dei seri dubbi che senza questi enti vivremmo meglio e... saremmo tutti più felici, come qualcuno tenta, con pervicacia sospetta, di farci credere. E francamente lascia davvero perplessi, per non dire sconcertati, l'accanimento con il quale si sta tentando in tutti i modi di toglierle di mezzo. Ormai sono diventate un totem da abbattere e dare in pasto all'opinione pubblica per distrarla dai problemi reali e far vedere che qualcosa (pochissimo) la politica (sempre più con la p minuscola) è ancora in grado di fare. l'ingrandimento e le ricchezze di Livorno ne fanno naturalmente una sesta Provincia marittima. La Commissione vedrà se la Provincia di Grosseto abbia ragione di esistere separatamente". Queste parole, ovviamente, suscitarono grande apprensione ed allarme negli abitanti di Grosseto ed in quelli delle altre località della provincia, anche perché ad esse si aggiunsero le dichiarazioni di una Commissione, creata dal Municipio di Siena, la quale aveva sostenuto che "...per interessi, per consuetudini, per ragione economica e civile, la provincia di Grosseto è territorio Senese... e la convenienza, l'utilità e la giustizia reclamano doversi, nella nuova ripartizione delle province, riunire la Maremma al territorio senese, facendone centro Siena" (ecco come eravamo considerati: dei sudditi di Siena, una loro proprietà!). Fortunatamente non se ne fece di niente. Vi fu una sollevazione popolare, venne presentata una Petizione al Parlamento ed al Governo del Re, in data 20 aprile 1861, in cui si spiegavano le ragioni della contrarietà al ritorno sotto il dominio di Siena. Così, l'operazione non andò avanti e la Provincia di Grosseto mantenne la sua autonomia. Come cambia il mondo in 150 anni! Oggi, invece, tutti sembrano inneggiare alla soppressione di questo ente... Ma a parte questo aspetto di natura, anche, per così dire, romantica, c'è un secondo motivo che ci induce ad essere contrari all'abolizione delle province o, quanto meno, a non considerarlo un tema centrale e prioritario. Un motivo di metodo. Che senso ha, in una logica di risparmio, partire dalle province ­ tra l'altro previste dalla nostra Costituzione ­ quando invece dovrebbe essere l'intera la macchina statale, a tutti i livelli ­ e sottolineiamo a tutti i livelli ­ a dover essere riorganizzata? Gli sprechi non si annidano solo nel soggetto "ente provincia" come vogliono farci credere. Ma in tutti i meandri di un complesso apparato istituzionale che fa acqua da tutte le parti. È da qui allora che il discorso dovrebbe muovere: da un disegno totale e unitario che, da cima a fondo, riveda la struttura complessiva dello nostro Ordinamento, migliorandola. I Comuni, le Regioni, lo Stato e i suoi apparati (centrali e periferici), sono forse delle oasi in cui tutto funziona alla perfezione? Ma per favore.... La triste storia dell'Italia è segnata da assurdità e sprechi incredibili ­ e poi ci domandiamo come mai l'Italia sta andando a rotoli ­ cui prima o poi dovrà pur essere posto rimedio e di cui paghiamo oggi le conseguenze. I privilegi della casta sono uno scandalo, così come sono uno scandalo ­ tanto per fare dei banalissimi esempi ­ le pensioni d'oro e i compensi milionari (in euro) dei manager pubblici, pagati con i soldi di tutti, i 315 comuni della sola Provincia di Torino, i 55 consiglieri regionali toscani da 10.000 euro al mese, i 30.000 dipendenti della Regione Sicilia, i costi del Quirinale e degli altri Palazzi del Potere, i miliardi di euro da spendere per acquistare gli F35 (per tornare all'Editoriale di qualche numero fa), ma potremmo continuare a lungo. E allora facciamola per davvero la spending review, in maniera complessiva. Possibilmente senza capri espiatori, senza calpestare la storia e soprattutto senza farci passare per degli allocchi. Buona estate a tutti. I motivi che ci inducono ad assumere una posizione, perlomeno critica ed in controtendenza rispetto ad una vox populi ormai schierata a favore della loro cancellazione, sono diversi. Una prima ragione è di natura storica. E qui sarebbe il caso di discernere. Vi sono province nate dal niente negli ultimi anni che ­ quelle sì ­ meriterebbero di essere spazzate via. Ma vi sono per contro realtà, come ad esempio la Provincia di Grosseto, con una loro (appunto) storia ed una loro precisa identità, maturata nel corso degli anni, se non ­ come nel nostro caso ­ dei secoli. L'autonomia della Provincia di Grosseto dallo stato senese risale infatti al 1765 e fu opera del Granduca Pietro Leopoldo di Lorena. Non uno qualunque o l'ultimo arrivato, come Monti. Ebbene, calpestare questo passato... per decreto, in nome di una (falsa) necessità di risparmiare, ci sembra irrispettoso nei confronti delle popolazioni che in molti casi si sono battute per conquistare un livello di autonomia e affrancarsi da altre realtà vicine, che ci hanno spesso considerato dei sudditi, solo da sfruttare (ogni riferimento a Siena e a Firenze, è... puramente voluto). Già un tentativo di abolizione della Provincia di Grosseto fallì miseramente dopo l'Unità d'Italia (ce ne siamo occupati recentemente in un nostro servizio a firma di Luciano Lodde), quando nell'ambito di un progetto di legge del ministro Minghetti, del 13 marzo 1861, sull'amministrazione comunale e provinciale, ad un certo punto si stabiliva quanto segue: "...L'altra aggregazione parimenti naturale è la Provincia, la quale ha origine pur'essa da interessi comuni di un ordine più complesso e dalle tradizioni... La Toscana ha storicamente 5 antiche Province: Firenze, Pisa, Siena, Lucca, Arezzo; EditoriaLE · 13 Primo Piano ArchitetturA la Maremma, terra di grandi vini e di... cantine d'autore A CURA dI Marco Del Francia e Giovanni ToMbari Da Rocca di Frassinello all'Ammiraglia, passando per ColleMassari, Pieve Vecchia e Le Mortelle: viaggio alla scoperta delle cantine d'autore in Maremma, ovvero quelle strutture all'interno di importanti aziende vitivinicole, interessanti, oltre che per la parte enologica, anche dal punto di vista architettonico 14 · Maremma Magazine · Agosto 2012 L'Ammiraglia egli scorsi anni il mondo del vino si è completamente rivoluzionato. Al posto di tradizione e regionalismo che prima ne caratterizzavano l'immagine, oggi sono in primo piano il lifestyle e l'internazionalità. Molte cantine presentano sé stesse ed i propri prodotti con un'architettura ad alto impatto mediatico, locali di degustazione eleganti e bottiglie ed etichette dal disegno moderno. Il nuovo valore attribuito al vino ed il grande interesse per questo prodotto hanno portato alla nascita di una nuova generazione di cantine, wine bar, wine restaurant. Sono passati i tempi in cui il vino aveva addosso l'immagine di locali bui con pesanti tavoli di legno. Oggi prevale il design raffinato, cool ed elegante. Le cantine non sono più luoghi appartati, sono diventate mete di un turismo sempre più diffuso; rese oggetto di culto, tendono a diventare luoghi di intrattenimento. Lo sviluppo del turismo enogastronomico e la trasformazione delle aziende vitivinicole in veri e propri brand spingono i produttori più importanti a rivolgersi a noti progettisti del panorama nazionale ed internazionale per caratterizzare la propria immagine con l'architettura. Le belle e recenti cantine di Rocca di Frassinello, ColleMassari, Pieve Vecchia, Le Mortelle ed Ammiraglia fanno della Maremma uno dei territori dove il contenitore accattivante dialoga sapientemente con nuove tecniche di produzione e con la qualità del prodotto N finito, il vino appunto. E allora sveliamole queste cantine d'autore che danno lustro anche al contesto in cui si inseriscono rappresentando delle attrazioni anche in chiave turistica. Probabilmente ce ne saranno anche altre, ma intanto partiamo da queste. Cantina l'ammiraglia La prima tappa del nostro viaggio ci porta alla Tenuta dell'Ammiraglia situata a Magliano in Toscana presso i Poderi della Capitana. La cantina dell'azienda dei Marchesi Frescobaldi è stata progettata dallo Studio Sartogo Architetti Associati tra il 2003 e il 2005 e costruita tra il 2005 e il 2009. Per realizzarla con l'intento di aprire una sottile e longilinea fessura nel declivio naturale del terreno è stato sollevato un lembo di terra. Questo "segno" ha un profilo curvilineo, segue le curve di livello e quindi continua l'andamento naturale del terreno. La composizione si sviluppa secondo le geometrie di due principi ordinatori: quello curvilineo, dettato dalla giacitura e dall'andamento delle curve di livello, e quello radiale, che fa riferimento ad un unico centro geometrico. L'architettura che scaturisce da questo gesto appare all'esterno semplicemente come una superficie aperta verso il declivio del terreno. Al di sopra il terreno naturale è mantenuto con scrupolo nella sua integrità affinché i segni dell'artificiale siaL'Ammiraglia prIMo pIano · 15 Cantina Pieve Vecchia no integrati con quelli del naturale. All'interno domina il legno: il soffitto è costruito con un solaio a travetti e pianali in lamellare di legno, la pavimentazione è in cemento colorato con le terre di Maremma. I pilastri in ferro che sorreggono la copertura sono disposti secondo l'intersezione dei sistemi che generano le principali geometrie, sia radiale che curvilinei richiamando percettivamente gli elementi naturali della vallata, creando una continuità visiva con questa. Oltre la lavorazione uve, vinificazione e invecchiamento, la nuova costruzione prevede un centro accoglienza visitatori con sala convegni, vendita e wine-tasting, uffici gestione ed annessa foresteria. Cantina Pieve veCChia Altra perla architettonica è la Cantina Pieve Vecchia in loc. Fabbrucci dalle parti di Campagnatico, recentemente (nel 2010) completata ed inaugurata. L'opera si inserisce all'interno di un progetto di ospitalità, qualità della vita e valorizzazione del territorio sviluppato dalla famiglia Monaci in questo angolo di Maremma. Dopo aver dato vita al piccolo, ma suggestivo relais La Locanda del Glicine, il percorso si è allargato al mondo del vino (siamo nella zona della DOC Montecucco, una denomina- zione giovane, nata nel 1998, ma in forte crescita). È nata così l'esigenza di edificare una cantina per la vinificazione dell'uva, la cui progettazione è stata affidata all'arch. Cini Boeri con la collaborazione dell'arch. Enrico Sartori. Il landscape è stato curato dall'arch. Marco Baj. La cantina della Pieve Vecchia è stata progettata per inserirsi nel contesto territoriale con garbo e impatto zero. Il design essenziale e l'occhio attento dei progettisti verso i temi della sostenibilità, permettono all'opera di congiungersi al territorio con grande armonia. La cantina è stata costruita per 3/4 nel sottosuolo, mentre il rimanente 1/4 è in 16 · Maremma Magazine · Agosto 2012 Quest'ultima parte del complesso, situata sopra il fabbricato esposto a sud, si esprime con un linguaggio diametralmente opposto a quello del piano interrato. Una struttura vetrata con copertura metallica dalla forma di una vela, esprime leggerezza e luminosità ospitando sala degustazione, sala multiuso per riunioni, negozio, uffici e direzione ma proiettandosi dall'altro canto con carattere fuori dalla collina e dal terreno sottostante per aprirsi alla vista della valle dell'Ombrone da una parte e dall'altra alla vista delle colline del Montecucco. Cantina roCCa di Frassinello Altra cantina d'autore è la Cantina Rocca di Frassinello che sorge in prossimità del poggio la Guardia a Gavorrano. Progetto e Direzione dei Lavori portano una firma illustre: quella dell'architetto genovese Renzo Piano, conosciuto in tutto il modo e ad oggi considerato il più prolifico architetto italiano vivente, nonché quello che ha realizzato opere nel maggior numero di paesi. Dopo aver fondato nel 1971 lo studio "Piano & Rogers", con Richard Rogers, suo partner nel progetto del Centre Pompidou a Parigi e dato vita nel 1977 all' "Atelier Piano & Rice", con l'ingegnere Peter Rice, figura professionale che lo affiancherà per lunghi anni, e che collaborerà a tanti progetti, sino alla sua scomparsa nel 1992, ha successivamente costituito superficie. I lavori si sono sviluppati in due fasi: 2005-2007 per la parte interrata e 20072010 per quella fuori terra. La sezione interrata si compone di un'area fermentazione caratterizzata da 32 tini in acciaio INOX a temperatura controllata suddivisi in Barriccaia e Vinsantaia, un magazzino con ambienti per l'imbottigliamento, l'Enoteca e locale per la mescita. La sezione in superficie è invece composta da: Wine Bar, Negozio per la vendita di prodotti tipici locali, Sala conferenze. Al fine di conciliare la grande volumetria richiesta dal programma produt- tivo dell'edificio con il delicato tessuto collinare, il progetto ha "destrutturato" la massa totale dell'edificio in due corpi di fabbrica totalmente interrati, collegati da una piazza centrale che richiama il concetto spaziale e funzionale del borgo medievale. I due elementi interrati sviluppano contemporaneamente più funzioni, dalla ricezione delle uve, alla presenza degli uffici e servizi per il personale di cantina, fino allo scarico e carico del prodotto imbottigliato. Il piazzale di ricezione centrale crea un taglio nel terreno, visibile solo dall'alto, e diventa il fulcro dell'attività produttiva e turistico-ricettiva della cantina. Cantina Pieve Vecchia prIMo pIano · 17 il "Renzo Piano Building Workshop", con sede a Parigi e a Genova, in cui lavorano circa cento persone tra architetti, ingegneri e specialisti, in stretta collaborazione con alcuni architetti associati, a lui legati da lunghi anni di esperienza. Nel 1998 ha ricevuto il Premio Pritzker, consegnatogli durante la tradizionale cerimonia alla Casa Bianca dal Presidente Bill Clinton. La cantina Rocca di Frassinello, ideata nel 2001, è stata costruita tra il 2003 e il 2007. Si tratta di un garden space per la raccolta e la trasformazione delle uve, con la loro stagionatura all'interno di una complessa struttura sotterranea, dove sono sistemate le barrique. Esternamente assume le vesti di un grande parterre coperto da una leggeris- sima pensilina metallica, mentre in alto troneggia un'alta torre, quasi a richiamare il tema dei campanili che di lì a poco la bellissima Montepescali ci ricorda. Tranne l'ausilio del metallo per la copertura tutti i corpi fuori terra sono trattati ad intonaco come è di rigore nella tradizione costruttiva locale. Ma la grande scoperta avviene solo nel sotto suolo, dove una enorme cavea scavata nella collina ospita come tanti spettatori sui gradoni di un teatro, le barrique. Così sistemate, queste, rappresentano il pubblico di uno spettacolo immaginario dove al centro della scena c'è proprio il visitatore. Cantina Colle massari Spostandosi verso l'entroterra collina- ColleMassari re maremmano in direzione di Cinigiano incontriamo ColleMassari (di cui ci siamo occupati per la parte vitivinicola nel numero scorso). In questo caso il progetto e la direzione dei lavori sono a firma di Edoardo Milesi, bergamasco, molto noto nel grossetano dove ha sede uno dei suoi due studi (l'altro è a Bergamo) e dove ha realizzato moltissimi lavori tra cui il Monastero di Siloe in loc. Poggi del Sasso (Cinigiano), la ristrutturazione dei castelli medievali di ColleMassari e di Vicarello, il recupero a scopo ricettivo di un vecchio mulino in area archeologica a Vetulonia di Grosseto. Dal giugno 2009 è Presidente del Comitato Culturale della Fondazione Socio Culturale Montecucco ora Fondazione Bertarelli. La Cantina di ColleMassari è stata progettata nel 2000 e realizzata tra il 2001 e il 2005. Il progetto è stato presentato alla XII Biennale di Venezia 2010 Padiglione Italia e all'evento collaterale "Cattedrali del Vino". Il fabbricato è una scatola di legno interrata. I magazzini, i locali tecnici, il ricovero dei mezzi agricoli sono ricavati nella collina. Unico elemento emergente è una quinta bianca che uscendo dalla collina organizza e riordina gli spazi esterni necessari alla manovra degli automezzi. La voglia di progettare degli spazi e non un edificio appare ancora più evidente nel corpo di fabbrica che emerge oltre la "scatola di legno" e la sovrasta sullo spigolo sud-ovest. Una gabbia rada e leggera di pilastri e travi in cemento bianco che come un 18 · Maremma Magazine · Agosto 2012 pergolato nasce dalla vigna e si appoggia in modo quasi provvisorio sopra il corpo interrato. Una maglia bianca che trattiene come una rete il paesaggio circostante riempiendosi via via di eventi legati alla produzione e alla commercializzazione del vino ma anche alla promozione del territorio. Uno spazio opposto ma complementare al solido ventre ricostruito della collina che trasforma e gelosamente protegge il suo prezioso prodotto, uno spazio pulsante di attività legate alla conoscenza del vino, alla degustazione, ai suoi approfondimenti scientifici e conviviali. La grande "scatola" di legno della cantina di ColleMassari alterna i pieni e i vuoti lungo un percorso interno-esterno conseguente al funzionamento produttivo del fabbricato che ricalca esattamente le fasi del processo enologico. Cantina le mortelle Infine, chiudiamo il nostro viaggio con Le Mortelle, in località Ampio nel Comune di Castiglione della Pescaia. L'azienda è di proprietà della famiglia Antinori. Progettata tra il 2004 e il 2007 da Hydea e realizzata tra il 2008 e il 2010 la Cantina de Le Mortelle si colloca in cima ad un lieve cono collinare a 7 km di distanza dal mare. L'idea di base è stata quella di procedere con la demolizione delle volumetrie preesistenti, con la sola esclusione della casa colonica, e di collocare buona parte della nuova cantina sottoterra apportando dei tagli laterali per consen- tire un'illuminazione dosata nei punti cardinali. Ne è scaturita una forma cilindrica di tre piani che contiene tutte la varie fasi del ciclo produttivo del vino, dalla raccolta dell'uva, alla fermentazione, allo stoccaggio fino all'invecchiamento in barriques nel piano più basso. Il ciclo produttivo enologico segue la linea di caduta naturale dall'alto verso il basso con l'arrivo delle uve nella parte alta, l'invecchiamento ed infine la partenza del prodotto finito nella parte bassa. La luce, un fattore determinante nell'architettura di una cantina, viene dosata attraverso dei tagli laterali ed uno al centro in alto, in corrispondenza dell'asse del cilindro. Al cilindro di base si aggregano spazi interni ed esterni fondamentali per il funzionamento della can- tina: uffici, servizi, collegamenti verticali, spazi di accoglienza di clienti e visitatori, oltre a vani tecnici, magazzini e piazzali di arrivo e partenza dei prodotti. Il fulcro della cantina e del connettivo di tutte le funzioni è costituito da una scala in acciaio di forma elicoidale che si snoda nel pozzo centrale di luce e mette in comunicazione funzionale e visiva fra di loro tutti i piani. L'ultimo piano ha per copertura una struttura di legno lamellare ed acciaio coperta all'esterno dal verde, che chiude il volume ed evidenzia all'esterno il colmo della collina. Fotografie del servizio a cura dei committenti e dei progettisti delle opere Le Mortelle prIMo pIano · 19 tra novità e divertimento torna festambiente, il festival nazionale di legambiente "L'avventuroso villaggio dei pipistrelli" nella Città dei Bambini, il primo prototipo di casa ecologica in legno a emissioni zero, un'apposita area per le ricette anticrisi e una tisaneria nell'area benessere con musicoterapia. Queste alcune delle novità dell'edizione 2012 di Festambiente il Festival nazionale di Legambiente di scena dal 10 al 19 agosto orna Festambiente, il Festival nazionale di Legambiente dedicato all'ecologia, alla solidarietà e alla cultura, che riaprirà i battenti dal 10 al 19 agosto 2012 a Rispescia (Grosseto). Tantissime le novità dalla musica al cinema, dal teatro alle mostre mercato, dai dibattiti alle terapie naturali, dalla Città dei bambini alla ristorazione tradizionale, biologica e vegetariana. Per 10 giorni si realizzerà il più grande festival dedicato all'ambiente, uno degli eventi più attesi dell'estate 2012 che T conferma ogni anno circa 80.000 visitatori. i Concerti 2012 Dieci giorni di grandi concerti di artisti di fama nazionale e internazionale. Tra le tematiche di questa edizione, per quanto riguarda la musica, oltre alla poesia di De Gregori, ci sarà la musica etnica dal sud del mondo e dall'est europeo con Mannoia, Bregovic e Capossela. Il festival si aprirà con il fascino inesauribile della musica di Vinicio Capossela, venerdì 10 agosto. L'11 agosto sarà la volta di Francesco De Gregori, il 12 agosto l'allegria e la simpatia di Rocco Papaleo mentre il 13 la P.F.M. Il 14 agosto Fiorella Mannoia e il 15, per Ferragosto, la band maremmana dei Quartiere Coffee aprirà il concerto di Alborosie. Il 16 agosto sarà la volta degli Afterhours, il 17 a grande richiesta Caparezza, il 18 l'irresistibile Teo Teocoli e il 19 agosto chiusura con la musica balcanica di Goran Bregovic. "Festambiente rappresenta sempre 20 · Maremma Magazine · Agosto 2012 altre novità Ma le novità dell'edizione 2012, illustrate ancora da Gentili, non finiscono qui. "Sarà inaugurata nell'edizione 2012 di Festambiente un prototipo di casa ecologica a emissioni zero, unico in Italia per il clima mediterraneo, realizzata con tecnologie innovative e a risparmio energetico (pannelli fotovoltaici, solari termici), legno come materiale base per l'abitare sostenibile (pareti coibentate, pavimento radiante) che si adatta al clima mediterraneo rendendo la casa fresca d'estate e calda d'invero. All'interno elettrodomestici di nuova tecnologia, oltre a un osservatorio con studi universitari. Intorno, invece, una mostra espositiva con gli ultimi prototipi e istallazioni nell'ambito energetico sugli stili di vita. Tra le novità anche un'area apposita dedicata alle ricette anticrisi in chiave ecologica per un ambientalismo domestico ed economico: dal sapone al pane fatto in casa, dagli orti urbani ai gas fotovoltaici, dalla pratica del baratto all'utilizzo della bicicletta. Nell'area dedicata alle terapie naturali sarà realizzata una tisaneria dove si potranno degustare tè e tisane rilassanti e depurative, in un'area dedicata al silenzio, alla meditazione e alla spiritualità dove ci si potrà rilassare in armonia con la natura aiutati dalla musicoterapia". la Città dei Bambini "Novità di quest'anno, oltre al Treeclimb per bambini dove i piccoli diventeranno scalatori di alberi ­ aggiunge Gentili ­, ci sarà anche l'avventuroso villaggio dei pipistrelli, con il progetto "Un pipistrello per amico" di Coop, che permetterà ai bambini di capire in modo semplice l'importanza di questi prIMo pIano · 21 volatili e l'aiuto che ci danno nel combattere gli insetti più fastidiosi. Tutto questo all'interno della "Città dei bambini", dove i più piccoli possono giocare in libertà e dove, grazie agli educatori di Legambiente, ci saranno divertenti laboratori, giochi, spettacoli teatrali, ricche merende e percorsi magici nei laghetti di Festambiente. Anche i bar sono fatti per i più piccoli con banconi, tavoli e sedie colorate a dimensione di bambino, dove poter gustare succhi di frutta, dolci e gelati di ogni gusto". la ristorazione Tra le innovazioni gastronomiche del 2012 ci sarà La Bottega De(l)gusto: un'area arricchita con la presenza di prodotti biologici e tipici di qualità legati sia alla realtà locale maremmana sia al panorama nazionale. All'interno di questo spazio degustazioni e laboratori del gusto per incentivare il consumo di prodotti agricoli in armonia con la natura, legati alla stagionalità, e soprattutto alle tradizioni del territorio. Ci sono poi il Ristorante vegetariano più grande d'Italia, dove assaporare piatti speciali preparati dallo chef internazionale Giuseppe Capano, e il ristorante "Peccati di gola" situato in un suggestivo uliveto sotto le stelle dove degustare ogni sera, a lume di candela, un menù diverso con piatti della migliore tradizione toscana abbinati a una selezione dei migliori vini del territorio. Ma per chi gradisce uno spuntino al volo o un boccone tra un dibattito e uno spettacolo ci sono i quattro Bar e la "Stuzzicheria" dove gustare aperitivi bio, insalate di farro, panini e stuzzichini con salumi, formaggi e verdure, o semplicemente frutta fresca, succhi, gelati e dolci tipici. Ricca anche la Rassegna degustazione sui migliori vini biologici nazionali e sui migliori oli extravergine d'oliva. Clorofilla Film Festival e altro Per gli amanti del cinema l'appuntamento è con il "Clorofilla Film Festival", la rassegna cinematografica che anche quest'anno darà spazio al cinema meno conosciuto. Tutte le sere film, cortometraggi e documentari all'aperto a partire dalle 21, in attesa del concerto. Non solo. Laboratori sulle energie rinnovabili, mostre e terapie naturali in una vasta area appositamente allestita dove è situato anche l'Ecomercato, lo speciale Bazar di Legambiente dov'è possibile trovare di tutto: dai prodotti alimentari a quelli per la casa, dalla cancelleria ecologica agli oggetti in cacca d'elefante, dai giochi solari all'artigianato equo&solidale. "Tutto questo ­ conclude Gentili ­ per ribadire ancora una volta l'importanza di uno stile di vita consapevole e sostenibile, anche attraverso il risparmio energetico, la raccolta differenziata, l'uso di stoviglie interamente biodegradabili o lavabili e l'alimentazione biologica di qualità. Anche per questo il festival ha adottato misure concrete per abbattere il proprio impatto ambientale aderendo anche quest'anno alla campagna Azzero CO2, che neutralizza le emissioni di anidride carbonica tramite la piantumazione di alberi". Info: www.festambiente.it la lunga estate del clorofilla film festival L 'estate si tinge di Clorofilla. Il "green" carpet del festival che promuove la nuova linfa del cinema italiano, dopo le anticipazioni al Posidonia Festival in Sardegna e a FestambienteSud in Puglia, entra nel vivo in Maremma dove si svolgerà dal 10 al 19 agosto a Festambiente. Alcune serate sempre ad agosto si svolgeranno a Ostuni in provincia di Brindisi, mentre la premiazione è prevista invece a Roma il 20 settembre all'interno di Festambiente Mondi Possibili con la musica dei Giaguaros e Musica da Ripostiglio, il regi- sta Mattia Torre e il cast di Boris, Johnny Palomba e tanti altri ospiti per quella che sarà una vera e propria festa. Tante tappe e un fitto programma che prevede documentari, film e corti che affronteranno temi sociali e ambientali per un totale di settanta proiezioni con solo 10.000 euro di budget. Oltre alle "visioni" ci sarà spazio anche per spettacoli di teatro, incontri e musica al tramonto, in attesa dei film. Tra le proposte "Scorie in libertà" di Gianfranco Pannone, lavoro che racconta la lunga storia del nucleare in Italia, "The well Voci d'acqua dall'Etiopia" di Paolo Barberi e Riccardo Russo, sul tema dell'acqua come bene comune, "Piccola terra" di Michele Trentini, sul recupero di terreni destinati all'abbandono, "Tahrir" di Stefano Savona, vincitore del David e del Nastro d'argento come miglior documentario 2012. Il programma completo sarà disponibile a breve sul sito www.festambiente.it e sulla pagina facebook del Clorofilla film festival. Info: 0564-48771, cinema@festambiente.it 22 · Maremma Magazine · Agosto 2012 con "terra Somnia" un tuffo... "dentro... il Medioevo" a Scansano Si chiama "Dentro...il Medioevo" ed è la festa medievale a cura dell'Antica Contrada Il Dentro con la direzione artistica della compagnia di teatro-danza I Messaggeri dell'Anima che dal 12 al 15 agosto, porterà tutto il paese di Scansano in una atmosfera di sogno e divertimento... la festa di rievocazione che anima le vie storiche di Scansano da ormai molti anni... stiamo parlando di "Dentro... il Medioevo" la manifestazione promossa dall'Antica Contrada Il Dentro, una realtà molto importante per il paese del Morellino, in quanto da ormai vent'anni si occupa di tenere vive le memorie del paese con una serie di iniziative che si svolgono durante tutto l'arco dell'anno. Questo è il quarto anno consecutivo È che l'Antica Contrada il Dentro affida la direzione artistica della festa Medievale alla compagnia di teatro-danza de "I Messaggeri dell'Anima" che, oltre ad occuparsi dell'animazione pomeridiana e dei laboratori creativi e ludici per bambini, mette in scena spettacoli serali, uno diverso per ogni serata. Con il passare degli anni la festa medievale è cresciuta molto fino a diventare un evento di notevole importanza per il territorio e ad attirare una grande quantità di persone da tutta Italia ­ e non solo ­ che oltre a trascorrere le vacanze nella splendida Maremma possono fare un tuffo nel passato. Il nome della festa "Dentro... il Medioevo" nasce perché il cuore pulsante, ovvero la parte più antica del paese, è appunto chiamata "il Dentro" in prIMo pIano · 25 quanto in epoca medievale si trovava dentro le mura del castello. La festa propone un argomento diverso per ogni anno. Nel 2009 il tema fu il passaggio dall'oscurità alla luce, e mise in risalto il medioevo come un'epoca storica oscurata dal potere teso a mantenere la coscienza collettiva e lo sviluppo individuale sotto il controllo politico ed economico. Nel 2010 il tema fu la famosa "Festa Stultorum", giornata in cui tutto era concesso, l'ordine era sovvertito e tutto era il contrario di tutto. In questa giornata il popolo oppresso si sfogava ed ognuno poteva esprimere la sana follia che alberga in ognuno di noi. Nel 2011 si è parlato del "Paese di Cuccagna", un luogo immaginario e perfetto che il popolo si era inventato per poter fuggire dalla misera condizione giornaliera e vivere una vita di abbondanza e riposo, almeno nei sogni. Quest'anno il tema dei sogni ritorna con "terra somnia" con il motto: "Se uno sogna da solo, è solo un sogno./ Se molti sognano insieme, è l'inizio di una nuova realtà". Un invito, quindi, allo stare insieme, a condividere risate ed emozioni, a piantare semini di speranza e voglia di fare, perché si possa imparare dal passato a creare un futuro migliore, vivendo con gioia il presente. Nell'occasione il centro storico del paese sarà avvolto da una atmosfera magica in quanto completamente trasformato in epoca medievale, con balle di fieno, addobbi a tema e musici itineranti. In questo viaggio nel tempo si potrà incontrare la sana follia dei Giullari, la romantica poesia dei poeti, gli abitanti del Piccolo Popolo, contadini, cartomanti, cavalieri, dame e tanti, tanti strani personaggi... il programma della festa La festa si svolgerà nei giorni 12, 13, 14 e 15 agosto. L'apertura sarà alle ore 11.30 con l'accoglienza del Banditore e dei Giullari ed ovviamente dello Notario e del Tesoriere per lo scambio dei soldi. La moneta di Scansano, infatti, è il "provisino", che è stata ricostruita dopo attenti studi per l'occasione. Lungo i tipici vicoli del paese troverà spazio il mercato medievale con oltre 40 banchi tra cui lavori in legno, sculture, oli essenziali ed erbe officinali ed aromatiche, saponi, cuoio con faretre e oggetti medievali in genere, bracciali e monili in stile medievale, spade e scudi, stoffe, dolci tipici, lettura dei tarocchi e della mano e molto altro ancora. Non mancheranno i Tornei di Tiro con l'arco con gli Arcieri del Torrione che si esibiranno ed insegneranno a chiunque voglia provare a partecipare alle disfide, mentre gli insegnanti di Spada Occidentale saranno a disposizione per spiegare come usarla; durante la giornata i maestri si esibiranno nella "animazione della spada", ovvero 26 · Maremma Magazine · Agosto 2012 tati dal passaggio di musici con cornamuse e strumenti tipici e dalle sfilate in costume. Dal pranzo fino a notte si potrà sostare nelle taverne ed osterie create appositamente per l'occasione. Si tratta di cantine spesso scavate nella pietra, che ancora oggi mantengono intatte le caratteristiche dell'epoca, nelle quali verranno servite pietanze medievali accuratamente studiate dai cuochi della Contrada del Dentro, ormai esperti in cucina medievale e nelle quali non potrà mancare il vino Morellino che per l'occasione cambia d'abito e si trasforma nell'ormai famoso "Vinum Morellinum", la bevanda scaccia guai. Dalle 22.00 verranno proposti gli spettacoli "Calice e Spada", "In vino Veritas...(e fu vendemmia amara)" e "Oblivium" a cura dei Messaggeri dell'Anima, mentre l'ultima sera ci sarà un "Concerto di musica Celtica" contaminata con i ritmi della pizzica a cura dei "Brigan". Un programma ricchissimo tutto da vivere e da godere. Quattro giorni intensi tra storia e divertimento, rievocazioni e degustazioni, spettacoli ed attrazioni varie. Che dire di più? Non mancate: l'appuntamento dal 12 al 15 agosto è a Scansano... Foto di Lucia Pasquini prIMo pIano · 27 apritiborgo, quando la città diventa teatro tra canti, incanti e meraviglie Torna a Campiglia Marittima, dall'11 al 15 agosto APRITIBORGO! ABC FESTIVAL, una grande manifestazione che per cinque giorni ­ quelli più caldi dell'estate ­ trasforma il suggestivo borgo del livornese in un teatro a cielo aperto, infiammandolo ed animandolo con un'infinità di iniziative di tutti i generi e per tutti i gusti ltre70 tra artisti e musicisti, 27 compagnie, 22 spettacoli con oltre cinquanta repliche per ogni sera, numeri che danno il segno della importanza di questo evento nel panorama toscano e italiano del `teatro delle città'. Parliamo di Apritiborgo ABC Festival in programma nella consueta e suggestiva cornice del centro storico di Campiglia M.ma, anche quest'anno ­ e siamo alla 11esima edizio- O ne ­ dall'11 al 15 agosto. Dalle porte d'accesso alla rocca attraversando vicoli piazze e giardini si sviluppa il percorso scenico del festival del teatro e delle arti di strada che ogni sera dalle 18.00 a mezzanotte mette in scena buskers provenienti dall'Italia e dal mondo, tutti animati dal desiderio di un fare teatro e spettacolo a stretto contatto con il pubblico. Così i monumenti, il tessuto urbano e uma- no del luogo s'incontrano in un continuum con musicisti, fantasisti e giocolieri, mangiafuoco e poeti, comici e illusionisti. "Signore e signori, bambine e bambini ­ si legge in una sorta di invito ufficiale ­, per cinque notti, le più calde e magiche dell'estate Campiglia si trasforma per voi in un teatro a cielo aperto! Venite accompagnati solo dal desiderio di entrare in una fiaba, tutto il resto lo troverete qui!" 28 · Maremma Magazine · Agosto 2012 pa con gli spettacoli, gli spettatori cercano gli spettacoli e incontrano nuovi scorci di città, un nuovo giardino, una nuova visione di un centro storico antico e da scoprire ogni volta. È un gioco di rimandi che alimenta un meccanismo di scoperta e di piacere che incontra i favori di un pubblico ogni anno più numeroso. Quest'anno la piazzetta e il giardino dietro il Centro Civico Mannelli, finalmente completati, ospiteranno un progetto speciale su "La Divina Commedia" con una mostra urbana realizzata dagli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Firenze e lo spettacolo sul sommo poeta realizzato da Farfarello, un `fine dicitore' che manda a mente l'intero poema. Ospiterà anche lo spet- tacolo del gruppo degli Appiccicaticci che giocano col pubblico in maniera straordinaria, improvvisando gag comiche, storie e situazioni, sulla base delle indicazioni scelte dal pubblico. Da qui si potrà anche salire verso il Poggiame, aprendo ­ di fatto ­ un `nuovo' collegamento fisico tra l'alto e il basso e una nuova visione `panoramica' del borgo. Il Poggiame è l'habitat urbano ideale per i felini, quest'anno ci sarà un vero `inno' al gatto: con gli allestimenti scenografici della `via dei cento gattini', con lo spettacolo "La Bella e la Brutta" all'asilo del Mancino, con "Les Chats, una colonia di gatti" performance di teatro-danza in via degli scudi. prIMo pIano · 29 La piazza del Mercato ospiterà le compagnie internazionali con due eventi di eccezione: dal Kenia "Asante Acrobats Show" 4 attori per le acrobazie tipiche della tradizione africana che prevede piramidi umane, eccezionali salti con la corda, evoluzioni nell'aria e giochi con il fuoco e il gruppo canadese degli "Strange comedy" il loro spettacolo è un come sacco pieno di sorprese: circo, illusion- ismo, teatro di figura, giocoleria: puro divertimento. In piazza Mazzini ci sarà un evento davvero incantevole, un esercizio di Levitazione rimasto a metà, un personaggio che per magia è sospeso in aria. Lassù in alto, alla Rocca, lo spettacolo di teatro comico di Anna Meacci, a chiudere un percorso e una serata magnifica. Disseminati nella città e tra la molti- tudine di spettatori di tutte le età ecco tanti altri spettacoli dei generi più vari, dal teatro di figura alla clownerie, dalla pantomima allo spettacolo musicale, alle marching band, per finire il 15 agosto con "Wanna Gonna Show", spettacolo vincitore del premio del pubblico all'Haizetara Festival 2012 in Spagna. Queste le compagnie partecipanti: Alchimie Musicali, Alter Ness, Appic- aprItIBorgo aBc festival, info utili inque giorni di trasformazione per il centro storico di Campiglia che dall'11 al 15 agosto diventa un palcoscenico a cielo aperto con 22 spettacoli con oltre 50 repliche ogni sera. Ben 27 compagnie anche di livello internazionale che si alterneranno nella manifestazione. Per il pubblico che voglia fruire al meglio della rassegna è fondamentale avere informazioni precise per potersi muovere e godere appieno della kermesse. Ogni sera le biglietterie aprono dalle ore 18.30. Ce ne sono quattro dislocate nei seguenti punti: Rocca (via 25 luglio), Porta Pisana (via Cavour), Porta Fiorentina (Via Buozzi) e Porta a mare (via Roma). I prezzi dei biglietti, invariati rispetto allo scorso anno, sono: Intero 8,00, Ridotto 5,00 (residenti del Comune di Campiglia Marittima e ai C ragazzi da 11 a 14 anni). I prezzi degli abbonamenti per le 5 serate: Intero 20,00, Ridotto 10,00 (residenti del Comune di Cam- piglia Marittima e ai ragazzi da 11 a 14 anni). Ingresso Gratuito: residenti nel centro storico e bambini da 0 a 10 anni. Alla biglietteria verrà consegnata la mappa del borgo. Dalle ore 20.00 alle ore 24.00 un servizio navetta gratuito collegherà i parcheggi (segnalati in loco) di Venturina e il centro di Campiglia Marittima, sede della manifestazione. Ecco luoghi e orari: NAVETTA 1: Zona Fiera ore 20.00, Scuola Marconi ore 20.03, Calidario ore 20.07, Cafaggio 20.15. NAVETTA 2: Zona Fiera ore 21.00, Scuola Marconi ore 21.03, Calidario ore 21.07. per il ritorno da Campiglia: ore 23.30 e ore 24.00 da Campiglia ­ Cafaggio con fermate a: Venturina Calidario, Marconi, Zona Fiera. Info e programma: www.apritiborgo.it tel. 0565.839 203-252-334 cell. 3338760991. 30 · Maremma Magazine · Agosto 2012 Vinellando, al via la tredicesima edizione nel nome del Morellino Un evento che si rinnova con entusiasmo e partecipazione e che ha per obiettivo la valorizzazione di uno tra i più importanti e quotati vini di Maremma, ovvero il Morellino di Scansano. È la sintesi di Vinellando ormai storico appuntamento enogastronomico, di scena in quel di Magliano in Toscana quest'anno nei giorni 24, 25 e 26 agosto l paese, la natura e il vino. Sono questi i tre ingredienti vincenti di una manifestazione divenuta ormai un appuntamento irrinunciabile per gli amanti del vino e della Maremma. Un appuntamento che vive in un territorio unico, caratterizzato da pace, tranquillità e bellezza, dove la cultura mediterranea ha il sapore e i profumi dei vini, dell'olio e dei prodotti che si producono nelle colline circostanti. Dal 24 al 26 agosto torna, nel centro storico di Magliano in Toscana, Vinellando, la consueta kermesse enogastronomica dedicata alla valorizzazione del I Morellino di Scansano. Una grande festa, con degustazioni, musica e attrazioni di vario tipo, che ogni anno porta in paese migliaia e migliaia di visitatori. L'iniziativa, ormai giunta alla tredicesima edizione, è organizzata dal Comune di Magliano in collaborazione con l'associazione "Strada del Vino e dei Sapori Colli di Maremma", con il patrocinio della Camera di Commercio di Grosseto, della Provincia, della Regione e del Ministero per le Politiche agricole e Forestali. E ogni volta riscuote un grande successo continuando ad essere un'importantissima vetrina per le produzioni tipiche del territorio. Ampiamente collaudata la formula. Si parte il venerdì (24 agosto) alle ore 9.30 presso il Centro Enoturistico con la degustazione alla cieca dei Morellino di Scansano (quest'anno dell'annata 2010), riservata alla Giuria di esperti, composta da giornalisti, sommelier, proprietari di enoteche e ristoratori. Quindi, alle 21 (fino alle 24) spazio all'apertura al pubblico degli stand nel centro storico per gli assaggi ­ acquistando un calice firmato "Vinellando 2012" al costo di 5 euro ­ di vino e prodotti delle varie aziende partecipanti. Tra iniziative di intrattenimento e musica dal vivo in piazza del Popolo (a partire dalle ore prIMo pIano · 33 21,30) con le melodie e i balli orientali di "Polina" si arriverà, di nuovo presso il Centro Enoturistico alle 22,30, al clou ovvero la premiazione alla presenza del Sindaco e dei produttori dei Migliori Morellino di Scansano annata 2010 degustati la mattina dalla giuria di esperti. Sono 21 i vini in concorso, nella tredicesima edizione di Vinellando, per aggiudicarsi il titolo di miglior Morellino del 2010 e Morellino più tipico. I criteri di valutazione dei vini sono l'aspetto visivo, olfattivo, il gusto e la tipicità. Per correttezza verrà effettuata una degustazione alla cieca: ad ogni bottiglia verrà semplicemente associato un numero. La giuria che è chiamata a svolgere questa complessa scelta è composta dai sommelier AIS, Guido Fiorini e Giovanni Prisco, dai ristoratori ed enotecari Marco Lenzi, titolare dell'Enoteca Castglionese e Marzio Ranieri sommelier della Trattoria Toscana, dai giornalisti Marzia Tempestini, direttore della rivista AIS Toscana e Paolo Valdastri, del Corriere del Vino, dai produttori Agostino Lenci (azienda "La Fattoria di Magliano"), Aleardo Mantellassi (Fattoria Mantellassi), Claudio Sabatucci (Casavyc). Presidente della Giuria il giornalista Stefano Tesi. Notaio il dr. Bruno Gaudieri. Queste invece le aziende partecipanti: Fattoria Mantellassi, Azienda Agricola Boschetto di Montiano, Azienda Bruni, Grillesino, La Fornace di Collecchio, Podere 414 di Simone Castelli, Poggio Argentiera di Paglia Gianpaolo, Azienda Tronchi, Col di Bacche, Fattoria di Magliano, Az. Agr. Biologica Lecceta del Sarto, Azienda Agricola Celestina Fè di Guerri Moira, Agrimaremma Soc. Coop.va Agricola, Az. Agr. Poggio Brigante di Rossi Leonardo, Casavyc, Soc. Bioagricola La Selva, Azienda Agraria 34 · Maremma Magazine · Agosto 2012 capalbio libri, e lo show in piazza Magenta può cominciare Tutto pronto per la sesta edizione di Capalbio Libri 2012 la manifestazione ideata e diretta da Andrea Zagami che dal 1° al 12 agosto animerà la splendida piazza Magenta, con incontri all'insegna della cultura, della letteratura, dell'attualità, della politica, dell'economia e anche della musica " Nella foto l'ideatore di CapalbioLibri Andrea Zagami Un laboratorio dove cerchiamo di sperimentare forme nuove per promuovere la lettura e i libri". Poche parole per spiegare cos'è e cosa vuol essere Capalbio Libri, nelle intenzioni del suo creatore Andrea Zagami. Giunta alla sua sesta edizione, la kermesse letteraria che animerà dal 1 al 12 agosto il borgo medievale di Capalbio, popolandolo di scrittori, giornalisti, musicisti, intellettuali e soprattutto di tanto pubblico, è l'esempio lampante di idee che si tramutano in realtà. Dal 2007 ad oggi, infatti, Capalbio Libri è cresciuto, perfezionando progressivamente la sua formula. "Ma dobbiamo ancora lavorare molto per avvicinarci a quello che abbiamo in testa. La nostra formula si basa sul ritmo e sulla precisione: niente buchi, 36 · Maremma Magazine · Agosto 2012 Nella foto la conduttrice di CapalbioLibri Marta Mondelli nulla lasciato al caso, rispetto dei tempi e grande attenzione ai suggerimenti della piazza. Ogni anno, facciamo tesoro delle indicazioni che il pubblico ci scrive nel questionario delle ultime tre serate e cerchiamo di tradurle nel programma e nel format", spiega Zagami. "Quest'anno ­ prosegue ­ abbiamo riconfermato la conduzione di Marta Mondelli, una giovane attrice italiana, che vive e lavora negli Stati Unti, che durante la scorsa edizione è riuscita a conquistare tutti con la sua naturalezza e professionalità". "Marta ­ continua l'ideatore della manifestazione ­ fa da collante, tiene insieme e dà significato ai diversi momenti della serata, introducendo autori e ospiti, leggendo brani tratti dai libri presentati e dando la parola alla musica, selezionata per noi dal maestro Massimo Nunzi, altra presenza fissa e irrinunciabile del nostro festival". Dibattito, riflessione, attualità e intrattenimento si intrecciano così in un vero e proprio spettacolo, dai ritmi quasi televisivi, in grado di catturare l'interesse del pubblico. "La sfida ­ sottolinea infatti Andrea Zagami ­ è quella di promuovere i libri prIMo pIano · 37 Nella foto uno dei momenti musicali durante una presentazione e la lettura rispettando il pubblico, le regole dello spettacolo e assicurando sempre un ritmo alle nostre serate. Il nostro slogan è "il piacere di leggere" ma potrebbe essere anche il piacere della leggerezza. Cerchiamo di non cadere mai nella trappola del prendersi troppo sul serio". "Il piacere di leggere, in piazza, in rete" campeggia anche sul sito internet della manifestazione (www.capalbiolibri.it), sulla pagina Fb e sul profilo twitter a ricordare che la kermesse letteraria è uscita ormai fuori dai confini tradizionalmente consacrati alla cultura e anche da quelli di Piazza Magenta, per approdare a un'agorà virtuale. "Quest'anno, soprattutto, per la nostra comunicazione abbiamo puntato molto sulla rete, e non solo sulle classiche community, ma anche su quella moltitudine di appassionati e di addetti ai lavori che si occupa di cultura in modo puntuale e attento grazie a blog, portali e testate online", evidenzia Zagami. Dal 1 al 12 agosto sul palco di Piazza Magenta si parlerà di economia, di politica, di ambiente e crisi globale, di stretta attualità, di storia recente, di avventure e sogni vissuti in prima persona e, ovviamente, non mancherà la narrativa. "Capalbio e il suo borgo ­ ci dice Zagami ­ sono il posto perfetto per la nostra proposta di intrattenimento e piazza Magenta è un vero e proprio teatro all'aperto con spazi scenici straordinari: le scale, le mura, i terrazzi, i balconi, le finestre e le porte che si aprono sulla piazza a vari livelli. C'è da far impaz- Il prograMMa dell'edIzIone 2012 Mercoledì 1 agosto ore 19:00 Myrta Merlino - L'aria che tira, Sperling & Kupfer, con Massimo Mucchetti, Antonio Mastrapasqua e Chicco Testa, musica: Ilaria Porceddu; ore 21.30 Matteo Renzi - Stil Novo, Rizzoli, con Denise Pardo gIovedì 2 agosto ore 19:00 Gianluca Comin e Donato Speroni - 2030. La tempesta perfetta, Rizzoli, con Mauro Tedeschini e Enrico Giovannini, musica: Giorgio Cùscito Hot trad. jazz e Federica Michisanti venerdì 3 agosto ore 19:00 Paola Concia - La vera storia dei miei capelli bianchi, Mondadori, con Andrea Purgatori e Irene Tinagli, musica: Corvini, Ferrazza,Vantaggio Trio (modern Jazz Mingus style) sabato 4 agosto ore 19:00 Pietro Grasso Liberi tutti, Sperlig & Kupfer, con Umberto Brindani, musica: Francesco Forni&Ilaria Graziano (pop sofisticato indie) doMenIca 5 agosto ore 19:00 Federico Grom e Guido Martinetti - Grom. Storia di un'amicizia, qualche gelato e molti fiori, Bompiani, con Myrta Merlino, Fernando Antonio Andreini e Andrea Golino, musica: Francesco Forni lunedì 6 agosto ore 19:00 Ilaria D'Amico Dove io non sono, Bompiani, con Andrea Purgatori e Chicco Testa, musica: Luca Aquino Martedì 7 agosto ore 19:00 Alessandra Arachi Coriandoli nel deserto, Feltrinelli, conduce Sergio Rizzo, con Simona Izzo, musica: MicarelliCorvini (Beatles revisited); ore 21.30 On the road, 24 Ore Cultura, con Mario Pirani, Alessandra Carini e Daniele Protti Mercoledì 8 agosto ore 19:00 Sergio Garufi - Il nome giusto, Ponte alle Grazie, con Giuseppe Marchetti Tricamo, Grazia Attili e Teresa Ciabatti, musica: Hard Chord trio (modern funk/jazz) gIovedì 9 agosto ore 19:00 Marina Valensise - Il sole sorge a sud, Marsilio, con Pierluigi Battista, Domenico Arcuri e Enzo Golino, musica: Chiara Morucci venerdì 10 agosto ore 19:00 Gennaro Sangiuliano - Scacco allo zar, Mondadori, con Denise Pardo e Marco Rizzo, musica: Salvatore Russo sabato 11 agosto ore 19:00 Giuseppe Di Piazza - I quattro canti di Palermo, Bompiani, con Bruno Manfellotto e Lucrezia Lante della Rovere, musica: Giovanni Ceccarelli doMenIca 12 agosto ore 19:00 Mirella Serri - Sorvegliati speciali, Longanesi, con Giancarlo Santalmassi, Claudio Petruccioli e Aldo Tortorella, musica: Piji; ore 22:00 Festa di chiusura - Il piacere di ballare con dj Carlo Lefebvre 38 · Maremma Magazine · Agosto 2012 Vetulonia, in mostra per la prima volta in toscana i tesori degli antichi re di Basilicata È stata inaugurata il 14 luglio scorso, per concludersi il 4 novembre, presso il Museo Civico Archeologico "Isidoro Falchi" di Vetulonia (Castiglione della Pescaia), la mostra-evento dell'estate 2012 "Il modello inimitabile. Percorsi di civiltà fra Etruschi, Enotri e Dauni" che presenta una serie di pezzi originali prodotti nelle antiche terre di Etruria e Basilicata. mbre, bronzi, oro, ceramica dipinta. Gioielli lavorati, armi lucenti, vasi e arredi per sontuosi banchetti in un allestimento ad effetto di luci, colori e suggestioni. Tutto questo è "Il modello inimitabile. Percorsi di civiltà fra Etruschi, Enotri e Dauni", la mostra-evento dell'estate 2012 inaugurata il 14 luglio, al Museo Civico Archeologico Isidoro Falchi di Vetulonia (Castiglione della Pescaia): una bella esposizione che in un trionfo di splendore e bellezza presenta una serie di pezzi originali prodotti nelle antiche terre di Etruria e Basilicata. In effetti il gemellaggio culturale tra Castiglione e Potenza, per la prima volta, schiude gli scrigni preziosi di musei archeologici nazionali del calibro di A Policoro, Potenza e Melfi, sulle spiagge dello Ionio, nel cuore delle Alpi Lucane e nel Castello di Federico II di Svevia per offrire alla vista del pubblico, le creazioni uniche degli orafi, intagliatori, toreuti, ceramisti e i meravigliosi oggetti che le aristocrazie etrusche e lucane acquistavano dai mercanti greci e orientali. Tesori sconosciuti che raccontano e portano gli echi di terre lontane, dai Balcani, alla Siria, alla Grecia d'Oriente all'isola di Cipro all'intero bacino del Mediterraneo e si rivelano in maniera inedita nelle nostre terre di Maremma attraverso questo evento unico proposto dal Museo di Vetulonia che accoglie in prestito ed espone manufatti di eccezionale pregio riportati in luce da Isidoro Falchi alla fine del 1800 e tornati a Vetulonia dopo più di 100 anni. Materiali mai usciti dalla terra di Basilicata che fanno il loro ingresso, in esclusiva, a Vetulonia: oggetti simbolo dei principali musei lucani che abbandonano la loro sede di rinvenimento per fare bella mostra di se nel museo del territorio castiglionese. "La mostra ­ si legge nelle note di presentazione ­ trova spazio, venendo a costituirne il perno, nel novero degli eventi organizzati in seno alla XII edizione delle "Notti dell'Archeologia" in Toscana: una manifestazione promossa dall'AMAT in collaborazione con la Regione Toscana e con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, che vede impegnato un nume- 40 · Maremma Magazine · Agosto 2012 del Bronzo (II millennio a.C.), oltreché con la grande isola del Tirreno, anche con altri Popoli dell'Italia antica, quelli che, nella specificità dell'intento progettuale, abitarono i comparti nordoccidentale e meridionale della Basilicata: i Dauni e gli Enotri. Ed è specificamente nella diversità della forma di rapporto istituita con un "modello" culturalmente e socialmente più evoluto, identificabile ora con l'Oriente, ora più precisamente con la Grecia e con il mondo greco-orientale, è nella differente capacità di dialogare con siffatto "interlocutore" e nella diversa tempistica e distinte modalità di estrinsecare questa complessa trama di relazioni commerciali, politiche, sociali, ideologiche che ha provocato reazioni e trasformazioni nelle diverse culture messe a confronto (Etruschi, Enotri, Dauni, Nord-Lucani) che risiede il significato precipuo della mostraevento 2012 ed intende prendere forma e svilupparsi l'analisi posta alla base di questa ricerca". Tra i tanti pezzi unici esclusivi che si potranno ammirare all'interno della mostra, uno su tutti si distingue per importanza e prestigio: il Candelabro di bronzo dell'aurora, risalente al V sec. a.C., fatto a Vulci e ritrovato nella tomba di un Principe della Daunia, che veniva utilizzato per illuminare i banchetti. Questo oggetto così prezioso ed unico (non ne esistono di simili in nessuna parte del modo) proviene dal Museo di Melfi che ha lasciato proprio prIMo pIano · 41 in questa ed unica occasione, per essere esposto proprio a Vetulonia. Insomma, una esposizione di opere davvero unica che, oltre alla mostra in sé, prevede anche una serie di conferenze: la prima, il 27 luglio, tenuta dal Soprintendente Archeologo della Basilicata A. De Siena, ha visto trattare il tema "Antiche genti di Basilicata"; la seconda, il 3 di agosto, descriverà "Il modello inimitabile. Percorsi di civiltà fra Etruschi, Entri, Dauni e NordLucani" tenuta da Simona Rafanelli, direttore scientifico del Museo di Vetulonia e l'archeologo Elisabetta Setari. Il ciclo si concluderà venerdì 10 agosto con la conferenza dal titolo "Le ambre e i bronzi dei Principi etruschi dal Museo Archeologico Nazionale di Firenze" di G. Carlotta Cianferoni, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Firenze e vice-soprintendente dei Beni Archeologici della Toscana. Per questi appuntamenti, il Museo di Vetulonia rimarrà aperto dalle 21.00 alle 24.00. "Vetulonia e il suo Museo Archeologico costituiscono certamente il punto di maggior attrazione del turismo culturale del territorio di Castiglione della Pescaia ­ dice il sindaco Giancarlo Farnetani ­. Auguro alla manifestazione un successo pari e, se possibile, superiore a quello degli anni precedenti, continuando a rappresentare l'evento più significativo tra le iniziative culturali del 2012". "Nella stagione estiva, il Comune di Castiglione della Pescaia ha programmato una serie di eventi al servizio dei cittadini e dei numerosissimi ospiti, sia di carattere per così dire ludico, sia di carattere più segnatamente culturale ­ afferma l'assessore alle politiche culturali Federico Mazzarello ­. Sono certo che l'argomento della mostra di questo anno, sarà capace di incuriosire ed affascinare con la qualità straordinaria de materiali esposti, provenienti dai musei della Basilicata, che giungono per la prima volta in Toscana e che si affiancano a quelli rivenuti nelle necropoli vetuloniesi". "Ringrazio la Soprintendenza della Toscana e della Basilicata ­ dice Simona Rafanelli ­, per la collaborazione accordata e per i reperti straordinari messi a disposizione. Con questa mostra d'interesse internazionale inauguriamo una stagione che porterà il Museo di Vetulonia all'attenzione nazionale ed internazionale". l'InaugurazIone na piazza Vetluna gremita è stato il biglietto da visita dell'inaugurazione della mostra "Il modello inimitabile. Percorsi di civiltà fra Etruschi, Enotri e Dauni" che si è tenuta al Museo Civico Archeologico di Vetulonia il 14 luglio scorso. Tra gli intervenuti, il vice sindaco di Castiglione della Pescaia Elena Nappi, l'assessore provinciale al turismo Gianfranco Chelini, l'assessore alle Partecipate Daniele Bartoletti, il direttore scientifico del Museo Isidoro Falchi Simona Rafanelli, il direttore del Museo Archeologico Nazionale di Firenze e vice soprintendente dei Beni archeologici della Toscana Carlotta Cianferoni. Atteso anche l'assessore regionale alla cultura Scaletti che, non potendo essere presente, ha inviato una nota scritta, letta dal vice sindaco Nappi: "Il mese di luglio, in Toscana, può essere definito, a ragione, il mese dell'archeologia, grazie allo straordinario numero di eventi ­ quest'anno sono più di 220 ­ che si raccolgono nel calendario de "Le Notti dell'archeologia", ormai vero e proprio festival della cultura archeologica pro- U mosso dalla Regione e realizzato anche grazie alla collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana e l'Associazione Musei Archeologici Toscani di cui il museo di Vetulonia fa parte. La mostra che oggi si inaugura rappresenta una delle perle del programma de "Le Notti dell'Archeologia", non soltanto per la qualità degli oggetti esposti e per l'importanza dei risultati scientifici raggiunti che mettono in valore questo territorio, ma anche perché rappresenta un caso di eccellenza in cui i legami lasciati dalla storia sono occasione per costruire collaborazioni culturali ed organizzative ad ampio raggio. L'impegno della Regione, oggi più che mai, è volto a sostenere iniziative culturali di eccellenza, che attraverso un forte coinvolgimento di tutti gli operatori possano offrire occasioni di sviluppo e di crescita, anche turistica ed economica, di un territorio". E non mancano le belle notizie quando è l'assessore Chelini a prendere la parola: "Mi congratulo per la straordinaria opera che avete saputo comporre e che si è concretizzata con questa mostra, nonché per l'impegno, la costanza e la grande com- petenza dimostrate. In questa serata, che celebra l'eccellenza nell'ambito delle manifestazioni legate alla cultura etrusca, sono a darvi una notizia che apre nuovi orizzonti: la Regione ha messo a disposizione un milione e mezzo di euro per il Progetto Etruschi in Toscana all'interno del quale la Provincia di Grosseto potrebbe ancora essere individuata quale soggetto capofila". Grande soddisfazione per la mostraevento pensata per definire gli scambi culturali, sociali e politici tra antiche culture, è stata espressa anche dal direttore del Museo Archeologico Nazionale di Firenze e vice soprintendente dei Beni archeologici della Toscana Carlotta Cianferoni: "Come sempre il Museo di Vetulonia si rivela una certezza in fatto di ricerca, organizzazione e grande competenza. Un plauso particolare al direttore scientifico Simona Rafanelli per la grande professionalità dimostrata e per il grande entusiasmo che sempre mette negli eventi organizzati all'interno del Museo di Vetulonia. Confermo la mia massima disponibilità e collaborazione per tutte le occasioni future che avranno bisogno del mio apporto e del mio contributo". 42 · Maremma Magazine · Agosto 2012 l'oro di Sovana, fascino e mistero di uno straordinario ritrovamento In effetti è stato un ritrovamento straordinario quello avvenuto nel 2004 all'interno dell'antica chiesa di San Mamiliano, posta sulla piazza principale di Sovana: 498 monete di oro zecchino con un incredibile carico di curiosità, di storie e di leggende, ritrovate per caso ed oggi al centro di un Museo inaugurato a fine luglio el cuore del borgo antico di Sovana, durante i lavori di restauro condotti dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio delle province di Siena e Grosseto per il recupero strutturale della chiesa di San Mamiliano e la trasformazione della stessa in contenitore museale, è stata effettuata nell'ultimo decennio un'indagine archeologica che ha rivelato un sito di grande interesse. In particolare, nel 2004, oltre al ritrovamento di un impianto termale di epoca romana, le attività di scavo hanno portato alla scoperta di uno straordinario tesoretto monetale tardo-antico costituito da 498 monete d'oro inquadrabili nel V sec. d.C., una scoperta davvero significativa che ha indotto le Soprintendenze di settore e l'Amministrazione comunale a modificare l'originario progetto espositivo che prevedeva la realizzazione del Museo etrusco. Infatti, dopo l'ec- N cezionale rinvenimento si è provveduto alla musealizzazione della ex chiesa, lasciando in vista una parte importante dello scavo e l'esposizione di reperti archeologici riferibili alla fase romana della città, dedicando un ampio spazio espositivo al tesoretto monetale. Il Museo di San Mamiliano che ospita il "l'oro di Sovana" è stato inaugurato il 28 luglio scorso con una importante cerimonia di fronte ad una bella cornice di pubblico. Per Sorano e l'intera comunità si è trattato di una sorta di ritorno a casa, celebrato nel migliore dei modi alla presenza di una moltitudine di persone, con in testa il sindaco Pierandrea Vanni, felice per questo significativo evento che arricchisce culturalmente un territorio come quello di Sovana e delle Colline del Tufo, già particolarmente vivo e ricco di storia e di testimonianze archeologiche di valore. Al taglio del nastro sono intervenuti tra gli altri anche il Sovrintendente per i Beni Archeologici della Toscana Andrea Pessina e l'Assessore Regionale alla cultura Cristina Scaletti. Nel pomeriggio presso il Palazzo Bourbon del Monte, sede della prestigiosa Associazione culturale "I sogni in teatro" di Francesca Ventura, sono stati presentati, il catalogo del Museo "Il tesoro ritrovato. Sovana: La sezione archeologica nella chiesa di San Mamiliano" e a seguire il progetto "Sovana mobile", progetto TECON@BC cofinanziato dalla Regione Toscana presentato da Piero Tiano direttore dell'ICVBC, in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana e il Comune di Sorano. L'obiettivo è lo sviluppo di prodotti e tecnologie per la conservazione e la valorizzazione dei beni culturali, con finalità di promuovere e migliorare la fruizione del patrimonio culturale tosca- 44 · Maremma Magazine · Agosto 2012 no, per una riqualificazione del territorio anche con l'ausilio della modellazione 3D di ambienti e strutture. Ma facciamo un passo indietro e parliamo del tesoro e dell'eccezionale ritrovamento. Si tratta di monete di grande valore storico e culturale che abbracciano gli ultimi periodi di vita dell'Impero romano di Occidente e i primi dell'Impero romano d'Oriente, collegati e riproposti anche grazie a questa straordinaria scoperta che fra l'altro ha posto la parola fine alla spasmodica ricerca del tesoro di San Mamiliano, durata a Sovana e in Maremma più di mille anni. Il tesoro c'era ma è stato cercato ovunque fuorché dove si trovava: nella chiesa, ora sconsacrata intitolata a San Mamiliano, patrono di Sovana. Il piccolo vaso contenente appunto 498 monete d'oro (inquadrabili cronologicamente tra l'inizio del V sec. con il regno di Onorio e gli ultimi decenni del secolo ­ regno di Zenone) è stato rinvenuto alla profondità di oltre due metri rispetto all'attuale pavimento. L'occultamento dell'oggetto deve essere avvenuto nell'ultimo quarto del V secolo, in un periodo di gravi difficoltà per la regione a seguito delle invasioni. Il "tesoro ritrovato" è costituito da solidi aurei. Il Solido era una moneta d'oro introdotta in sostituzione dell'aureo con la riforma monetaria di Costantino I nel 324, rimanendo in uso in tutto l'Impero Bizantino fino al X secolo. Il solido aveva un valore di 1/72 di libbra romana (4,5 grammi circa); il peso e la percentuale di oro nel solido rimasero abbastanza costanti in tutto il tempo nel quale vennero coniati. Come frazioni del solido vennero emessi il semisse, con un valore di mezzo solido, ed il tremisse, che valeva la terza parte di un solido. Caratteristica del solido era la legenda COMOB, abbreviazione del titolo Comes Sacrarum Largitionum (conte delle sacre elargizioni), autorità che controllava le finanze dell'impero a partire da Costantino, mentre OB (=obryzum) era ad indicare la purezza dell'oro. I tipi di solido si mantennero abbastanza stabili: sul dritto era rappresentato il busto dell'imperatore, senza nessuna connotazione fisionomica, mentre al rovescio era riportata l'immagine della Vittoria con la croce e il globo crucigero, la personificazione di Costantinopoli, l'imperatore o gli imperatori stanti o in trono. Per quanto riguarda le zecche spiccano Roma e Ravenna seguite da Milano, inoltre è presente con pochi esemplari una zecca gallica, quella di Arles nella Narbonense, poco documentata nella seconda metà del secolo al tempo di G. Nepote e Romolo Augusto. prIMo pIano · 45 Nella foto il luogo del ritrovamento Il ripostiglio di Sovana rappresenta un scoperta straordinaria sia per la quantità dei pezzi rinvenuti sia per il numero degli imperatori rappresentati. La scoperta del tesoretto è importante dunque non solo per il valore numismatico del complesso, che si inserisce nella serie certamente non numerosa di ripostigli di monete d'oro del V secolo in Italia, ma anche perché costituisce finora l'unica testimonianza archeologica riferibile all'età tardo-antica, che possediamo per Sovana. Le 498 monete di oro zecchino ritrova- te nella ex chiesa di San Mamiliano a Sovana con il loro carico di curiosità, di storie e di leggende, sono tra l'altro le straordinarie protagoniste di un libro di Alfredo Scanzani dal titolo "L'Oro di Sovana", recentemente pubblicato per i tipi della editrice Edizione Medicea Firenze. Il volume, realizzato con il sostegno della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano, non è solo il racconto del ritrovamento della olla contenente le monete d'oro zecchino, ma anche un singolare e affascinante viaggio fra storia, curiosità, alchimie, fiabe, leggende, proverbi e aforismi sugli strettissimi legami fra Sovana, gli etruschi e i romani. "Un libro davvero particolare e unico nel suo genere", ha sottolineato il presidente del Centro Firenze Europa Marco Cellai in occasione delle presentazioni fiorentine prima al Museo Archeologico Nazionale e poi alle "Giubbe Rosse" di Firenze, alla presenza di Mariarosaria Barbera, allora Soprintendente per i Beni Archeologici della Toscana, Giuseppina Carlotta Cianferoni, Direttore del Museo Archeologico Nazionale, Maria Angela Turchetti, Funzionario di zona e Pierandrea Vanni, Sindaco di Sorano. le Macchine di leonardo da Vinci in mostra alla fortezza orsini di Sorano a conferma del fermento culturale che anima la zona il 14 luglio scorso nel Museo del medioevo e del rinascimento nella Fortezza Orsini di Sorano è stata inaugurata la mostra della macchine funzionanti ricostruite dai disegni dei Codici di Leonardo Da Vinci. Per la prima volta in provincia di Grosseto, i pezzi esposti nell'occasione (quattordici in tutto), provengono dalla più grande ricostruzione di macchine leonardesche, realizzata dalla famiglia Niccolai. Per sottolineare il valore dell'iniziativa, il Comune ha organizzato una visita gratuita ai sotterranei della Fortezza Orsini, un E modo per "collegare" il genio di Leonardo a quello degli architetti ad iniziare da Anton Maria Lari che hanno fatto della Fortezza una delle testimonianze più significative e importanti dell'architettura militare medievale. La mostra della macchine di Leonardo promossa dall'amministrazione comunale di Sorano, assessorato alla Cultura e dalla pro Loco di Sorano con la collaborazione della famiglia Niccolai, resterà aperta sino al 30 settembre. Per informazioni sugli orari contattare l'ufficio informazioni della Fortezza Orsini allo 0564/633424 o info@leviecave.it 46 · Maremma Magazine · Agosto 2012 Nella foto grande di Franco Fedeli e in quelle piccole a destra di Fernando Santoni un momento della performance della bicicletta infuocata di Paolo Buggiani proposta il 9 luglio scorso a Follonica Warhol/Haring... la Maremma in estate si confronta con la pop art Dopo Klinge, Niki De Saint Phalle, Joan Mirò e Salvador Dalì nei Musei della Maremma nell'estate 2012 sbarca la Cultura Pop con la mostra "ORDINARY WORLD. Andy Warhol, Pietro Psaier and the Factory artworks / Keith Haring, Paolo Buggiani and the subway drawings", a cura di Maurizio Vanni, già ospitata con successo a Follonica ed ora in procinto di spostarsi ad Orbetello e Porto Santo Stefano e il buongiorno si vede dal mattino... con la mostra ORDINARY WORLD. Andy Warhol, Pietro Psaier and the Factory artworks / Keith Haring, Paolo Buggiani and the Subway drawings... il risveglio sarà sicuramente ottimo...! Si è infatti appena conclusa con grande successo di pubblico, buon afflusso di visitatori e tutto esaurito alle iniziative, comprese le attività didattiche per bambini, la prima tappa ­ quella fol- S lonichese ­ del lungo tour che animerà l'estate maremmana nel nome della pop art. Una forma espressiva, questa, che si afferma negli anni '60 americani e rappresenta l'epicentro vulcanico di un cambiamento radicale a livello politico, economico e culturale. E sempre a New York inizia a imperversare in quegli anni un'altra forma d'arte non convenzionale, che si manifesta nei vagoni della metropolitana e sulle pareti dei sottopassaggi: è la street art che nei primi anni `80 troverà in Keith Haring, erede spirituale di Andy Warhol, uno dei suoi massimi esponenti. "Ordinary World" evidenzia la misteriosa collaborazione di Warhol con Pietro Psaier, cerca congruenze intellettuali, esistenziali e artistiche tra Warhol ed Haring ed è arricchita da un testimone d'eccellenza, protagonista di rilievo tra 48 · Maremma Magazine · Agosto 2012 Orbetello, sempre con inizio alle 21.30 (ingresso gratuito): due eventi da non perdere che riserveranno imprevedibili sorprese. Atra iniziativa imperdibile è Bye Baby Suite, una performance teatrale all'interno di una vera camera d'albergo: il 25 agosto alle ore 21 e 22.15 a Orbetello e il 26 agosto, stessi orari, a Porto S. Stefano (al momento non sono ancora note le strutture scelte nelle due località). In una stanza d'albergo Marylin ci fa rivivere le sue ultime ora di vita: pochi spettatori nello spazio intimo di una camera a spiarla nella sua intimità più scomoda. A 50 anni dalla morte di Marylin, la diva che tra gli altri ha ispirato Andy Warhol, Alessia Innocenti mette in scena luci e tormenti di un'anima fuori posto, un ritratto a nervi scoperti di un'artista abusata e mal compresa, di una donna alla deriva, in una notte in cui la sua inquietudine trabocca. Tesi di Chiara Guarducci. Ingresso 8,00. I posti sono limitati: prenotazione obbligatoria ai n. 0564.810681 o 0564.811925 (Porto S. Stefano); 0564.860447 (Orbetello). Queste le prossime sedi e le iniziative di una mostra che sta già facendo molto parlare di sé. Ma facciamo un passo indietro e vediamo cosa è successo a Follonica... La mostra follonichese è stata inaugurata il 28 giugno di fronte ad un folto pubblico alla presenza, tra gli altri, dell'artista Paolo Buggiani, uno dei protagonisti dell'esposizione. Molto successo ha riscosso il Living Nella foto un momento del concerto di giovani band locali "La musica ai tempi di Andy Warhol. Rock e dintorni" andato in scena a Follonica il 20 luglio prIMo pIano · 49 talk show del 9 luglio: nell'occasione Paolo Buggiani ha realizzato la performance della bicicletta infuocata, ispirata alle atmosfere e alle suggestioni della New York anni `80, attraversando la piazza a Mare e piazza del Popolo pedalando sulla bici in fiamme, protetto da un'armatura di forte impatto scenografico. Il numero ha sorpreso i presenti anche perché non annunciato al pubblico (come nell'intento della street art che è totalmente estemporanea). A seguire si è svolto il talk show con lo stesso Paolo Buggiani, Meme Lucarelli (music performer), Alessia Ferrari (voice performer), Cataldo Russo (attore) e Giuseppina Tazzioli (psicologa) diretto da Mauri- zio Vanni, al quale ha preso parte uno straordinario "Andy Warhol" raccontandosi al pubblico presente (numerosissimo!). Altra iniziativa, questa volta pensata soprattutto per un pubblico giovane, è stata quella del 20 luglio (unica data proprio a Follonica). Con La musica ai tempi di Andy Warhol. Rock e dintorni è andato in scena un concerto rock di giovani band locali ­ Camel Bak (Cesare Ticciati chitarra, Filippo Pugi batteria, Riccardo Faggian basso, Stefano Bagnoli voce e chitarra), The Rorschach (Omar Cirilli chitarra, Fabio Torlai voce, Emanuele Cardile basso, Edoardo Lolini batteria), Pocket Chords (Omar Cirilli chi- Nella foto l'attore Cataldo Russo interpreta Andy Warhol durante il talkshow di Maurizio Vanni; alle sue spalle Jimi Hendrix nel ritratto fatto da Andy Warhol tarra, Fabio Torlai voce, Riccardo Muolo basso e chitarra acustica) ­ che hanno proposto pezzi ispirati agli artisti rock e non solo ritratti da Warhol (o i cui dischi hanno copertine ritratte da Warhol, alcune molto famose e diventate un cult fin dalla loro uscita) e in particolare Rolling Stones, Beatles, Jimi Hendrix. Ha introdotto la serata Bianca Martinelli, autrice del libro "Andy Warhol Music Show" edito da Castelvecchi editore che rappresenta la pubblicazione della sua tesi di laurea (una giovanissima ragazza di Brescia che si è occupata della grafica delle etichette dei dischi, esplosa proprio con Andy Warhol e alla quale Warhol ha dato un grosso contributo). Alla serata hanno partecipato moltissime persone, soprattutto ragazzi giovani. Infine, da sottolineare anche il tutto esaurito nei due spettacoli del 22 luglio, all'Hotel Giardino in occasione del Bye Baby Suite. Una performance particolare, intrigante e coinvolgente, con un testo toccante che ha riscosso un grande apprezzamento dei presenti. La mostra, curata da Maurizio Vanni, è organizzata dalla Rete museale della Provincia di Grosseto con il finanziamento della Regione Toscana e della Provincia di Grosseto, con il contributo della Banca Monte dei Paschi di Siena e con la collaborazione dei Comuni di Follonica, Monte Argentario, Orbetello, Castell'Azzara, Castedelpiano e Arcidosso. Per maggiori info sulla mostra e sui Musei di Maremma collegarsi sito www.museidimaremma.it 50 · Maremma Magazine · Agosto 2012 un tuffo dove l'acqua è più blu, a scuola di diving in Maremma La Maremma è il luogo ideale per scoprire la natura da vicino. La sua costa eterogenea, mai monotona e mai uguale a se stessa, è perfetta per tutti coloro che hanno voglia di praticare sport acquatici di ogni tipo, dal semplice snorkeling, alla vela, al windsurf e kitesurf, fino alle immersioni. Provare per credere... dI naDia iacopini n sogno, un'emozione, un'esperienza unica. Quella da fare sott'acqua con maschera, pinne, muta e bombole e che diventa ancor più unica se fatta in luoghi speciali, come ad esempio lungo lo splendido litorale maremmano. Uno sport, quello delle immersioni e del diving, che probabilmente è sempre esistito, sia per esigenze di sopravvivenza, come la ricerca del cibo, sia di osservazione del mare e delle sue forme di vita. Tuttavia, soltanto a partire dagli U anni settanta si è sviluppato un turismo legato alla subacquea ed interessato alla visita dell'ambiente marino, anche grazie al perfezionamento delle attrezzature necessarie: dalle pompe ad aria, agli erogatori, a scrubber, alle mute. Oggi i subacquei, proprio grazie a questi nuovi strumenti, sempre più leggeri, tecnologici e confortevoli, sono autonomi fin dalla superficie, e possono spostarsi nuotando quasi senza fatica. Può talvolta capitare, raramente magari per motivi militari, di muoversi sfruttando anche un veicolo a propulsione, o, secondo le esigenze, semplicemente sfruttando le correnti marine. La Maremma è il luogo ideale per mettere in pratica questa disciplina. La sua costa eterogenea, mai monotona e mai uguale a se stessa, è perfetta per tutti coloro che hanno voglia di praticare sport acquatici di ogni tipo, dal semplice snorkeling, alla vela, al windsurf e kitesurf, fino alle immersioni. Una flora ed una fauna rigogliosa che prIMo pIano · 53 si estende da nord a sud, da Follonica all'Argentario, che parte con dolci distese di spiaggia del golfo che si affaccia sull'Isola d'Elba, e finisce con alte e aspre rocce che delineano il promontorio di Porto Santo Stefano, di fronte all'Isola del Giglio e a Giannutri. Un mare sorprendente, con mille sfaccettature, che varia dai toni dell'azzurro, quando è quasi impercettibile la linea dell'orizzonte che lo separa dal cielo, a quelli più intensi del verde, quando le onde che s'infrangono sugli scogli offrono spettacoli ogni volta unici. I vecchi borghi marinari, punti di sosta sulle più antiche rotte marittime e testimoni, nel passato, di selvagge traversate ed episodi bellici, hanno oggi modificato la loro principale attività, la pesca, trasformandosi in moderni approdi turistici che, grazie ad un clima mite lungo tutto l'arco dell'anno, sono in grado di offrire, in qualsiasi momento, tutti i servizi e le strutture necessarie agli amanti del mare e della natura. Si parte da Follonica, vivace cittadina balneare con lunghe spiagge attrezzate si può scendere fino a Punta ala, approdo turistico di rinomata fama, passando per Castiglione della Pescaia, dove poter gustare calde giornate marine a fresche serate nel vecchio borgo. Come non menzionare marina di grosseto e Principina, i cui lidi sabbiosi a ridosso della pineta sono luoghi ideali per vacanze tranquille, o il litorale di marina di alberese, all'interno del Parco Naturale Regionale della Maremma, destinato agli amanti della natura incontaminata. Ma ancora, talamone, che abitata già al tempo degli Etruschi, è oggi ben conosciuta ai diportisti ed agli amanti della vela grazie alla possibilità che ha di offrire un comodo e tranquillo ormeggio per tutte queste imbarcazioni. Dallo spettacolare promontorio del monte argentario si può proseguire verso i patrimoni inestimabili delle isole del giglio e di giannutri. Questo è solo l'inizio, emerso, rispetto a tutto quello che possiamo immaginare di aspettarci al di sotto dell'acqua. Grotte naturali, anfratti e relitti; ecco che le immersioni, fatte sotto la guida di diving e di personale esperto, scoprono un ambiente sottomarino sorprendente e ricco di forme di vita interessanti: praterie di gorgonie rosse e gialle che offrono nascondiglio a enormi murene e piccoli gamberi, superbi cavallucci marini che fluttuano tra rami di corallo nero, eleganti aragoste, pesci luna e coloratissimi nudibranchi. Questi sono solo piccoli assaggi di alcuni fra i più affascinanti itinerari subacquei che propone la Maremma dove la protagonista rimane la natura, da sempre padrona incontrastata di questo territorio. Noi quest'esperienza l'abbiamo fatta, in un luogo probabilmente d'eccellenza per le immersioni. Formica grande, Formica di mezzo e Formichino sono niente di più di 54 · Maremma Magazine · Agosto 2012 giorgio angiolini, il disegnatore del granduca Veduta del traversante nel padule di Castiglione Le bonifiche in Maremma: all'ISGREC di Grosseto una lezione con una giovane ricercatrice dell'università di Praga, ha offerto lo spunto per conoscere una significativa pagina di storia che ha impresso una vera e propria svolta al nostro territorio, trasformandolo da landa deserta ed inospitale in una provincia stabilmente abitata, con una popolazione in grado di sfruttare finalmente tutte le proprie potenzialità dI eleonora zannerini S i chiamava giorgio angiolini e con i suoi disegni ci permette oggi di immaginare come era la Maremma all'epoca della bonifica attuata da Leopoldo II, nei primi anni dell'ottocento. L'Angiolini, definito disegnatore paesista nelle "Memorie sul bonificamento delle maremme toscane" di Ferdinando Tartini, faceva parte di un gruppo di disegnatori che, al seguito del granduca, aveva il compito di documentare con carta e carboncino tutte le fasi dei lavori di bonificamento. I disegni si trovano oggi all'archivio centrale di Praga e sono stati mostrati dalla dottoressa Lenka Kovarikova durante una lezione all'ISGREC (Istituto Storico Grossetano della Resistenza e dell'Età Contemporanea). La giovane ricercatrice, ospite dell'istituto grazie ad una borsa di studio della Charles University di Praga, studia da anni il tema della bonifica lorenese nelle carte del fondo familiare degli Asburgo Lorena a Praga e ha portato un nuovo interesse su un tema molto studiato e dibattuto anche dagli storici nazionali. "Abbiamo ospitato per alcuni mesi la giovane ricercatrice grazie ad una borsa di studio delle Università di Praga ­ dice Elena Vellati, archivista dell'ISGREC ­. La Kovarikova ha condotto una ricerca molto approfondita sulle bonifiche, sia esplorando gli archivi personali dei Lorena a Praga sia quelli fiorentini senesi e grossetani. È questa una grande particolarità che abbiamo voluto valorizzare perché fino ad ora le notizie su questo importante periodo erano arrivate soltanto dagli archivi nazionali". Insieme alla Kovarikova la lezione, inserita nel ciclo di incontri "La Maremma si trasforma tra fase preunitaria e tempo presente" ­ che ha ripercorso le tappe di un itinerario di circa due secoli lungo i mutamenti che hanno costruito la Maremma moderna ­ anche 56 · Maremma Magazine · Agosto 2012 Leonardo Rombai, ordinario di geografia all'Università di Firenze e grande esperto della storia del nostro territorio. "La nostra storia recente non può tralasciare un momento importantissimo come quello delle bonifiche lorenesi ­ dice Elena Vellati ­ e tutta la storiografia è unanime nel riconoscere che la politica dei Lorena in Maremma ha impresso una svolta decisiva ad un territorio che fino ad allora era considerato una zavorra per l'economia toscana". Ripercorrendo le tappe più significative della reggenza lorenese iniziata nei primi decenni del `700, dobbiamo sottolineare che la difficoltà che venne alla luce sin dal primo periodo fu la cronica mancanza di una popolazione stabile, su un territorio fortemente malarico e quindi improduttivo. I nuovi governanti cercarono di conoscere le particolarità della zona inviando delegazioni di politici, esperti ingegneri, idraulici famosi, che per la prima volta si confrontarono con i funzionari dell'Ufficio dei Fossi di Grosseto e con gli imprenditori agricoli e i possidenti della zona. Si fecero sin da subito numerosi interventi e provvedimenti: alcuni furo- no insuccessi altri furono misure innovative che portarono la Maremma a percorrere la strada del progresso. Con Pietro Leopoldo, dal 1765 al 1790 si attuarono moltissimi interventi pubblici come la creazione della provincia autonoma di Grosseto, l'adozione del liberismo economico, la semplificazione dell'apparato tributario. Proprio a quel tempo ebbe iniziò la bonifica idraulica per la quale fu incaricato il famoso ingegnere e scienziato del tempo Leonardo Ximenes, che mise in piedi un ambizioso programma di bonifica integrale per "canalizzazione". In sintesi Ximenes riteneva che andasse debellata la malaria e mantenuto però il lago Prile di Castiglione della Pescaia. La malaria, generata secondo le credenze del tempo dalle esalazioni della cuora (composto di materiale organico in putrefazione), poteva combattersi con una opportuna regimazione del lago e Ximenes cercò di mettere in pratica una operazione di bonifica prima aprendo in mezzo al padule un canale emissario la cui portata era regolamentata da un maestoso edificio a cateratte - la famosa Casa Rossa - poi recando acque fresche tramite un canale di rinfresco derivato dall'Ombrone. La bonifica per riduzione fisica di Ximenes non dette i risultati sperati e Pietro Leopoldo, sempre più convinto che la sistemazione idraulica dovesse essere accompagnata da una politica complessiva del territorio, commissionò prima a Piero Ferroni poi all'ingegner Pio Fantoni un nuovo progetto di bonifica generale nell'intero comprensorio castiglionese grossetano. Fu proprio Fantoni che per primo pensò seriamente a una bonifica "per colmata". L'idea era quella di una colmata generale del lago mediante la deviazione delle acque torbide del fiume Ombrone convogliate in padule da canali diversivi. I risultati della bonifica idraulica leopoldina furono piuttosto modesti ma la via da seguire era ormai stata tracciata. Per la prima volta nella storia la Maremma intravedeva una prospettiva di sviluppo. Il decollo vero e proprio però avvenne sotto Leopoldo II. Fu proprio sotto l'ultimo granduca infatti che si tentò la prIMo pIano · 57 Scavo della Molla 1832 sfida preannunciata da Fantoni con la colmata generale della pianura grossetana. Con motuproprio del 27 novembre 1828 il granduca ordinò l'inizio della colmata. Sostenuto da Vittorio Fossombroni con la direzione tecnica dell'ingegnere Alessandro Manetti e con l'impiego di migliaia di lavoratori si realizzò in 20 anni la più grande bonifica mai conosciuta in Maremma con il recupero di oltre 10000 ettari di terreno paludoso mediante apertura di 2 canali diversivi, 5 recinti di colmata e tre canali emissari, operazione costata alla fine quasi venti milioni di lire. Fu un evento epico: alla notizia dell'inizio dei lavori giunsero operai da ogni parte della Toscana e persino dall'estero che effettuarono lavori giganteschi a ritmi febbrili. Nell'inverno 1829-1830 fu costruito ­ con l'impiego di oltre 1500 operai ­ il primo canale diversivo che, lungo 9 km portava l'acqua torbida dell'Ombrone dalle Bucacce presso Istia fino al trogone di Barbanella e che poi col proseguo della colmata arrivò sino a diciassette chilometri nell'interno del padule. Con altrettanta rapidità vennero allestite ben cinque casse di colmata recintate da alti argini, un secondo diversivo lungo quattro chilometri, tanti canali fugatori secondari e i tre principali del Bilogio, San Rocco e San Leopoldo. La bonifica fu sperimentazione di Lavori di bonifica al padule. Gli operai costruiscono le fascine nuovi ritrovati tecnici, storia di rapporti umani e di lavoro e nonostante sia stata terreno di diatribe politiche e finanziarie dette risultati molto importanti: basti pensare che nei due circondari di Grosseto e Scarlino oltre metà dei terreni paludosi furono risanati con la colmata e la canalizzazione. Va ricordato anche che il granduca Leopoldo II non operò solo la bonifica idraulica ma una vera e propria bonifica integrale istituendo dappertutto un regolare servizio medico e farmaceutico in cui fu sperimentata la moderna terapia antimalarica a base di chinino, realizzò un vasto piano di lavori per la salvaguardia dell'igiene urbana, ampliò la rete stradale, piantò pinete e alberete nelle fasce costiere, sovvenzionò la costruzione di case rurali, fabbricati civili e botteghe lungo le strade e di intere nuove cittadine (Follonica), rivalorizzò la produzione siderurgica maremmana e l'industria estrattiva. Fu rimodernata la struttura agraria con incentivi e con l'esempio diretto del granduca nelle due tenute modello dell'Alberese e della Badiola, con l'introduzione e la diffusione di viti, olivi e gelsi, con la selezione delle razze animali e con l'acquisto delle prime macchine operatrici. Possiamo allora affermare che con Leopoldo II inizia un vero e proprio Risorgimento e da deserto umano la Maremma assume la fisionomia di una provincia stabilmente abitata, con una popolazione in grado di sfruttare finalmente tutte le proprie potenzialità. 60 · Maremma Magazine · Agosto 2012 da Saturnia al Burkina faso: il volo umanitario di Vittorio piccini È una storia di generosità, altruismo, cooperazione quella che ci regala con il suo esempio Vittorio Piccini, maestro elementare in pensione che, partito da Saturnia, ha ormai messo radici solide a Pikiéko in Burkina Faso, nel cuore dell'Africa Nera, prodigandosi in attività concrete dalle grandi valenze umanitarie dI anGelo bionDi n maremmano di Saturnia ha vissuto negli ultimi anni una particolare, generosa avventura in Africa, in Burkina-Faso, il "paese degli uomini retti", dove la povertà è di casa e i bisogni sono immensi. Si tratta di Vittorio Piccini, maestro elementare in pensione, che alcuni anni fa ha cominciato a lasciare la natia Saturnia, disponibile all'aiuto del prossimo, per partecipare all'opera umanitaria di don Lido Lodolini, parroco di Manciano che ogni anno si reca in Burkina Faso per attività concrete a favore di quelle popolazioni bisognose, seguito da vari mancianesi e pitiglianesi. Ma poi un giorno Vittorio si staccò dal gruppo, visitando un villaggio sperduto nella savana: Pikiéko, a 65 Km dalla capitale Ouagadougou, sulla strada (si fa per dire!) verso il confine del Ghana. E lì cominciò l'avventura. Ma lasciamo la parola allo stesso Vittorio Piccini. vittorio, come è cominciata la tua avventura nel villaggio di Pikieko? Non so come qualcuno mi convinse ad andare in questo villaggio per trivel- U lare un pozzo e dare l'acqua così preziosa a quegli abitanti, poverissimi e fuori dal mondo. Grande fu la loro gioia e la meraviglia, quando dal suolo scaturì un getto d'acqua e fu subito festa; però al momento del commiato il capo-villaggio, quasi in un sussurro, disse: "Se potessimo avere l'acqua del fiume per questi terreni ora inutili...". Fu una illuminazione! Ci rendemmo conto che ciò era possibile, perché lì vicino scorreva un fiume, il Nakambè, uno dei rari affluenti del Volta Bianco. allora cosa accadde? Preparammo una riunione, avvisando tutte le etnie del villaggio e dei dintorni: gli agricoltori Mossi, i pastori Peuls, i Bissa, che vivono pacificamente fianco a fianco, nonostante le diversità culturali e religiose: vi sono infatti cristiani, animisti, musulmani ma questo non impedisce la collaborazione. La sera, intorno ad un fuoco all'aperto, si discusse a lungo con quella gente, che non sapeva nulla di riunioni o di democrazia, ma prese corpo l'idea di un progetto e nacque una Cooperativa, che potesse gestire il terreno da irrigare. Comprammo una pompa indiana, la più adatta all'ambiente, e il terreno fu dissodato e irrigato; cominciò la coltivazione di cipolle, cavoli e zucche, che venivano venduti nei mercati della zona. La Cooperativa "Song Taaba" ("Aiutiamoci" nella loro lingua morè) con l'obiettivo di lottare contro l'insicurezza alimentare, raggiunse presto un centinaio di soci (ma con le famiglie coinvolge più di 500 persone) e nel 2005 venne riconosciuta dal Ministero dell'Amministrazione Territoriale"; ognuno coltiva un pezzetto di terreno per la propria famiglia, ma una parte è stata lasciata come "orto comune", che tutti coltivano a turno, e il ricavato che ne deriva, serve a coprire le spese. Poi si è passati ad un impegno più ambizioso: la costruzione di uno sbarramento sul fiume, che ha permesso l'irrigazione di altri terreni, pensando ad un impianto di banane, papaie, tangeloo, oltre agli ortaggi. Ma i problemi non sono mancati: nel 2009 una piena ha eroso gli argini, costringendoci a spese rilevanti per ripristinarli. Nel contempo si è affermato un settore associativo femminile, che produce crema di karitè e sapone, e gestisce un mulino per sollevare le donne dalla fatica di pestare a mano ogni giorno miglio, mais, sorgo per preparare il "tò", una sorta di polenta base della loro povera alimentazione. ma tu non puoi aver portato avanti Il logo della Onlus simili realizzazioni da solo, anche perché il progetto era ben più vasto e ambizioso È vero e devo ringraziare chi ha compreso il progetto e lo ha supportato come Shalom, e molti altri amici che si sono avvicinati a questa esperienza; importante è stato l'aiuto di "Etruria S.M.A." e "Gabnichi Onlus" per la realizzazione di una scuola, ora frequentata da 250 bambini per sei classi, i quali vengono anche perché c'è la mensa, che offre un'alimentazione più variegata: riso e fagioli o polenta bianca. Alla scuola, è stato affiancato un centro polivalente, un campo di calcio e uno di pallavolo per le ragazze, una piccola chiesa, un ambula- Le donne nel terreno coltivato a cavoli Yves e Yvette, due nuovi cittadini maremmani prIMo pIano · 63 Vittorio e le donne che producono sapone e burro di Karitè torio e grazie ad un pozzo (ne sono stati creati sei) un "Jardin scolaire", dove gli alunni producono i loro ortaggi e imparano le nozioni basilari dell'autosufficienza alimentare. La scuola è fondamentale; diceva Josef Ki-Zerbo, tra i massimi intellettuali dell'Africa: "Il nostro popolo non uscirà dal neocolonialismo strisciante se non attraverso l'istruzione, la cultura". Per quale motivo l'esperienza fatta in questo villaggio è diventata un modello? Prima di tutto ci siamo sforzati di non far cadere l'aiuto dall'alto; non basta il denaro e talora "la carità uccide", come qualcuno ha detto. Perciò abbiamo voluto che la popolazione si sentisse coinvolta nel progetto, imparasse a gestirsi e a rendersi autonoma, collaborasse al di là di ogni differenza tribale o religiosa. Nel villaggio esistevano già buone basi per questo, essendo forti i valori di solidarietà e di convivenza tra etnie e religioni diverse. Nel realizzare le varie iniziative La gente di Pikiéko sotto un baobab è cresciuta la consapevolezza degli abitanti, tanto che per la prima volta essi hanno eletto un consigliere al Comune di Koubri, di cui Pikiéko fa parte con altri 24 villaggi, e hanno ottenuto la costruzione di una strada. Ora insieme ad un gruppo di amici impegnati in progetti di cooperazione, abbiamo fondato la Onlus "Désert vert. Soong Taaba", che si propone di operare in Africa, ponendo l'uomo al centro di ogni intervento per migliorare le condizioni di vita, favorendo l'equità e il riconoscimento dei diritti. Quali aiuti avete in italia? Possiamo contare su molti amici, partner commerciali, associazioni, istituzioni, che non sto a nominare, ma soprattutto gratificante è il lavoro con le scuole, che visito regolarmente; i bambini sono i più sensibili e spesso sono commoventi nelle loro iniziative, come la Scuola dell'obbligo di Pitigliano, che ha organizzato un mercatino per aiutarci a raccogliere fondi, o le Elementari di via Mazzini a Grosseto, dove i bambini han- no cominciato a versare un centesimo al giorno ed in un certo tempo hanno raggranellato decine di euro per la refezione degli alunni africani. Potrei citare le Scuole di Massa Marittima e Monterotondo, di Navacchio e di Pontassieve ed altre che ci aiutano; nella Scuola Media "Bagnera" di Roma, grazie ad un insegnante originario di Arcidosso, gli alunni si sono impegnati a tradurre in francese la parte di un libro che parla di Pikiéko. Molto importanti poi sono gli scambi di disegni, scritti, letterine e i gemellaggi tra i bambini italiani e quelli africani. Così si promuove la cooperazione, la solidarietà, una cultura globale che superi egoismi e sprechi del troppo agiato mondo occidentale. Auguriamo a Vittorio Piccini di realizzare i suoi sogni, in buona parte divenuti realtà grazie al suo grande cuore, al suo impegno e al suo altruismo. Ma la sua avventura interroga fortemente anche noi. li amici di Vittorio Piccini hanno voluto pubblicare un libro : "Pikiéko il villaggio che adottò un uomo" con un corredo di splendide fotografie della gente del villaggio di Pino Bertelli, uno dei maggiori fotografi italiani, autore di famosi reportages. Le foto, che ci fanno "sentire vicini a quelle comunità dove l'uomo vive in armonia con l'ambiente e con una pre- G "pikiéko il villaggio che adottò un uomo" gnante spiritualità", sono precedute da scritti di Lilli Gruber, Amos Tincani, Marcello Lippi, Simone Cristicchi, don Andrea Cristiani e altri, oltre a Pino Bertelli e Vittorio Piccini, che conclude, dicendo: "mi sono lasciato adottare e ti ho adottato, Pikiéko, sperduto villaggio africano della "brousse", mia vera figliolanza, e per quanto ho ricevuto, molto più di quello che ho dato, sono qui a dirti grazie, barkah". 64 · Maremma Magazine · Agosto 2012 · Capalbio - Capalbio Libri 2012 Ciclo di incontri in piazza Magenta, a partire dalle ore 19. Programma: 2030. La tempesta perfetta di Gianluca Comin e Donato Speroni ­ Rizzoli. Conduce: Mauro Tedeschini, con Enrico Giovannini · Castiglione della Pescaia - "Maremma Terra d'acque" Visita guidata turistica-escursionistica organizzata da Soc. Maremmagica. Programma: Castiglione della Pescaia e antica Isola Clodia. Partenza: Piazza Garibaldi ore 17.00 Castiglione della Pescaia. Tipo di itinerario: Turistico / Escursionistico. Durata: 2 - 3h c.a · Cinigiano - Terra e Qualità Cinigiano "Scala Santa" dalle 19,00 "BAND'INFESTA" Musica spettacoli gastronomia / Cinigiano "Scala Santa" dalle 21,30 "Corrida Cinigianese" / Monticello Amiata pista giardinetti: pomeriggio raduno d'auto d'epoca, dalle ore 21,00 esibizione della scuola di ballo "Odissea 2001" e stand gastronomico / Poggi del Sasso ore 19,00 sala di musica Collemassari Podere San Giuseppe Amiata piano festival EUTERPE - Angelika Huber soprano, Wolfram Schmitt-Leonardy pianoforte, Quartetto Rodin (musiche di Brahms, Dvorak, Shostakovich) · Follonica Parco Centrale 2012 Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione - ore 21.30 Sala Tirreno Musica Centrale 2012 ­ Associazione Live Art sTRING TRIO KOSOVA - Sihana Badivuku, violin, Blerim Grubi, viola, Aristidh Prosi, violoncello. Musiche di Beethoven, Lekovski, Alickaj, Dohnanyi · Grosseto - "La Notte sì, ma di Giovedì" Evento organizzato dall'Ascom Confcommercio con il patrocinio del Comune di Grosseto che anima il centro storico con iniziative culturali e musicali Giovedì 2 aGosto L'agenda · Grosseto - Estate al museo Ciclo di aperture notturne con incontri e appuntamenti per tutte le età, presso il Museo Archeologico e d'Arte della Maremma di piazza Baccarini a Grosseto. Le attività, che si svolgono dalle 20 alle 23, sono tutte gratuite. Programma: Per tutti: visite guidate a richiesta al museo e alla mostra Bellezza e religiosità in Ludovico Cardi detto il Cigoli - Per i bambini: Il Museo ti racconta una storia: miti e leggende di dei ed eroi, serata dedicata alla scoperta dei miti raccontati dai reperti del Museo - Sempre alle 21 Carlo Bonazza, fotografo, parlerà di Fotografia e Archeologia: esperienze dal territorio della Maremma · Massa Marittima - Percorso medievale Visita guidata su prenotazione e a pagamento al centro storico di Massa Marittima, ore 17 · Paganico - Note di Montecucco 2012 I sapori d'Amiata e di Maremma incontrano il Montecucco Doc. 7 serate di Musica, vino e sapori a cura della Strada del Vino Montecucco e dei Sapori d'Amiata. Programma: Tenuta di Paganico, Azienda biologica - Hamburger e Hot dog di Maremmana e di Cinta Senese. Musica nel parco. Prezzo 35,00 euro. Info: tel. 0564 905008 - 334 6296798, www.tenutadipaganico.it · Roccalbegna - "Alma Mater" V Rassegna di Musica Sacra dedicata alla memoria di Alberto Fierli. Programma: ore 21,15 Ricordo di Alberto Fierli "Dall'Amiata al Mare", canzoni ballate e improvvisazioni poetiche di e con Mauro Chechi - Porta di Maremma · Scansano - Terre di Scansano Classica Festival: il Morellino Ama la Musica Rassegna concertistica, alla prima edizione, organizzata da Euromusic & Communication Divisione Classica, con la direzione artistica di Antonio Bonfilio. Programma: Musica Uni- versalis Ensemble barocco dir. Matteo Saccà - Chiesa di S. Biagio Montorgiali ore 21,15 · Albinia (Orbetello) - "Summer Sport" Corsa podistica, Torneo street basket, Torneo di calcetto in Piazza delle Regioni Albinia. Info: Pro Loco Albinia tel/fax 0564/871774 · Campiglia M.ma (Li) - I Concerti della Pieve Rassegna concertistica promossa dal Comune di Campiglia in collaborazione con I Parchi della Val di Cornia presso la Pieve di San Giovanni ore 19.00. Programma: ELENA CHERKASOVAIN CONCERTO - Musiche di Mozart, Gluck, Tchaikovsky, Saint-Saens · Capalbio - Capalbio Libri 2012 Ciclo di incontri in piazza Magenta, a partire dalle ore 19. Programma: La vera storia dei miei capelli bianchi di Paola Concia ­ Mondadori. Conduce: Andrea Purgatori, con Irene Tinagli · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Ballo Liscio con il trio "Ever Green" ore 21.00 Piazzale ex Maristella / VETULONIA - Archeologia sotto le stelle: conferenza archeologica sul tema della mostra ore 21.30 - Piazza Vetluna, antistante il Museo Civico Archeologico "Isidoro Falchi" di Vetulonia · Castiglione della Pescaia - Derive Fordiani Manifestazione velica (Sociale) organizzata dal Club Velico Castiglione della Pescaia nelle acque antistanti il Porto. Info: tel. 0564 937098 - 933678 · Castiglione della Pescaia - "La Maison Rouge" Rassegna di musica teatro e tradizione - terza edizione promosso dalla Soc. Maremmagica presso la Casa Rossa Xime- venerdì 3 aGosto 66 · Maremma Magazine · Agosto 2012 nes, ore 21.30. Programma: Serata speciale! Compagnia teatrale Arts&Crafts "Qualcosa di bianco" Spettacolo teatrale con Irene Paoletti (narratrice), Isabella Tattarletti (danzatrice). Musiche e suoni di Lorenzo Pezzella · Cinigiano - Terra e Qualità Cinigiano "Scala Santa" dalle 19,00 "BAND'INFESTA" Musica spettacoli gastronomia / Poggi del Sasso ore 19,00 sala di musica Collemassari, Podere San Giuseppe Amiata piano festival EUTERPE - Monica Bacelli mezzosoprano, Luisa Prayer pianoforte (musiche di Debussy, e Respighi) / Cinigiano ore 21,00 p.le capitano Bruchi Toscana delle culture "il teatro di malaffare" con la scuola Paolo Grassi / "Scala Santa" ore 23,00 "Non Plusultra" a seguire DJ Pellicci · Civitella Paganico - Estate Eventi 2012 PAGANICO CINEMA SOTTO LE STELLE. Proiezione del film: "QUASI AMICI" di Olivier Nakache, Eric Toledano, con François Cluzet, Omar Sy, Anne Le Ny, Clotilde Mollet. Genere: Commedia · Cosa (Ansedonia - Orbetello) - "La Pace" Commedia liberamente ispirata al noto testo di Aristofane a cura del Teatro Studio nell'ambito della rassegna Il Fascino delle Rovine, presso l'Antica Città di Cosa, ore 18.30. Info: tel. 392.0686787 email: teatrostudio@gmail.com, sito www.teatrostudio.it · Follonica - Corse al Trotto Convegno di corse al trotto in notturna all'Ippodromo dei Pini di Follonica. Info: tel. 0566/50706 · Follonica Parco Centrale 2012 Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione - ore 18.00 Pinacoteca Civica (fino al 19 agosto) Grey Cat Jazz Festival 32a Edizione Inaugurazione Mosra fotografica ISTANTANEE DI JAZZ Photographs and Music Room in collaborazione con Audiophile Club San Vincenzo (LI) / ore 21.30 Teatro all'aperto Le Ferriere Grey Cat Jazz Festival 32a Edizione Stefano Bollani (pianoforte), Hamilton De Hollanda (mandolino) - Esclusiva regionale PMB2 - ARTESTIVA2012 Associazione Artefice - installazione d'arte · Grosseto - Corse al galoppo in notturna Convegno di corse al galoppo in notturna, presso l'Ippodromo del Casalone (via Aurelia Antica). Info: tel. 0564/24214 · Magliano in Toscana - Vox Mundi Festival 2012 Rassegna di Musiche dei popoli della terra promossa dal Comune di Magliano in Toscana con la direzione artistica di Carla Baldini, ore 21,45. Programma: "The Gospel Night", una notte speciale dedicata alla musica religiosa dei neri d'America. Interprete d'eccezione Charlie Cannon - cantante e compositore proveniente dall'Alabama ed uno dei più apprezzati interpreti della Gospel Music - special guest del Sisters and Brothers Gospel Choir Ensemble, storico coro gospel italiano diretto da Carla Baldini. · Massa Marittima - Lirica in Piazza 2012 Rassegna musicale dedicata alla lirica, alla 27esima edizione, organizzata dall'Amministrazione Comunale, nella bella cornice di piazza Garibaldi (ore 21) - "La Traviata" di Giuseppe Verdi · Massa Marittima - Percorso etrusco Visita guidata su prenotazione e a pagamento al villaggio etrusco del Lago dell'Accesa, ore 17 · Massa Marittima - Museo della Miniera in notturna Visita guidata su prenotazione e a pagamento · Roccatederighi (Roccastrada) - Medioevo nel Borgo Rievocazione storica (medievale) per le vie del paese (fino al 5 agosto). Info: tel. 0564 567244 · Val di Cornia (Li) - "Eutyches, medico naufrago a Populonia 2000 anni fa" Evento per grandi e piccini. Visita guidata al Relitto del Poz- zino e animazione teatrale a cura di Massimiliano Gracili (Associazione Ars & Crafts). Museo Archeologico del Territorio di Populonia (Piombino), ore 21.30. · Albinia (Orbetello) - "Summer Sport" Corsa podistica, Torneo street basket, Torneo di calcetto in Piazza delle Regioni Albinia. Info: Pro Loco Albinia tel/fax 0564/871774 · Alberese (Grosseto) - IV Pedalata in notturna nel Parco Regionale della Maremma Iniziativa cicloamatoriale organizzata dall`Associazione Culturale Sportiva Ombrone. Iscrizioni ore 17,30 in piazza del Combattente; partenza prevista per le ore 18,30 · Capalbio - Vediamoci a Capalbio 2012 MUSICA E SPETTACOLI: La Torba, Circolo La Torbiera, ore 21.15 Concerto del Corpo Bandistico "Città di Orbetello" / CAVALLI E BUTTERI: Torneo dei Butteri ­ Tornei in notturna con giochi equestri e di abilita con i butteri della Maremma Tosco-Laziale ­ Manifestazione organizzata dal Circolo Scuola Cavalcanti di Maremma, presso il Campo Sportivo di Capalbio · Capalbio - Capalbio Libri 2012 Ciclo di incontri in piazza Magenta, a partire dalle ore 19. Programma: Liberi tutti di Pietro Grasso - Sperling & Kupfer. Conduce: Umberto Brindani · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Il Tango: serate danzanti con "La Baldosa" ore 21.00 piazzale ex Maristella / Campionato Provinciale modellismo ­ Località Casa Mora / BURIANO Musica dal vivo Bossa Nova Samba con gli "Olodum Bahia" ore 21.00 sabato 4 aGosto l'agenda · 67 casalone, agosto al galoppo di mercoledì e venerdì È in pieno svolgimento fino al 29 agosto con l'importante novità del cambio di giorno settimanale (mercoledì e venerdì e non più mercoledì e sabato) la riunione estiva 2012 all'Ippodromo del casalone di grosseto ntra nel vivo la riunione estiva 2012 all'Ippodromo del Casalone di Grosseto, cornice dai primi di luglio della serie di convegni sotto le luci artificiali, con l'importante novità del cambio di giorno settimanale rispetto agli altri anni: mercoledì e venerdì e non più mercoledì e sabato. Una novità significativa per tutti gli appassionati di galoppo grossetani che dal lontano 1972 erano abituati ad aspettare il fine settimana per godersi le corse sotto le luci dei riflettori. Altra novità è che le corse da luglio in poi non si concluderanno fino a metà novembre, visto che sono state aggiunte al calendario anche quattro giornate pomeridiane nel mese di settembre che eviteranno di interrompere il ritmo di lavoro e consentiranno alle scuderie locali di evitare trasferte per far correre i loro cavalli. Per quanto riguarda il programma tecnico le prove più qualitative ruoteranno come sempre attorno alle competizioni più significative come ad esempio il premio Tolomei per le femmine di due anni ed il memorial Ponticelli, riservato ad i maschi, che si sono disputati il 27 luglio o il premio Città di Grosseto, che con la sua ormai rodata connotazione di handicap principale vedrà i migliori purosangue inglesi di tre anni affron- E tarsi sui 1750 metri il giorno mercoledì 8 agosto. Lo scorso anno furono proprio scuderie locali o note al pubblico grossetano che si segnalarono nei gran premi menzionati: il premio Città di Grosseto fu vinto dal sauro Holy Ballett, che dopo un testa a testa vibrante riuscì nelle battute conclusive a riportare alla vittoria nella competizione una scuderia grossetana, quella di Daniele Furi che ne ha poi continuato a curare il training ottenendo altre buone vittorie in giro per l'Italia. Nelle poules tra le femmine vinse Margo Tango, portacolori della scuderia Tanghetti, altro team ben noto a tutto il pubblico frequentatore della via Aurelia antica. Gli eventi collaterali anche ad agosto continueranno ad essere legati ai mercatini, alle mostre fotografiche e serate musicali, accompagnate ogni sera dall'apertura della discoteca Style, meta di gran parte dei giovani locali. calendarIo corse 2012 Ippodromo del Casalone di Grosseto agosto (notturne): 1-3-8-10-15-1722-24-29 setteMbre (diurne): 5-12-19-26 ottobre (diurne): 3-10-17-24-31 noveMbre (diurne): 7-17 · Cinigiano - Terra e Qualità Castiglioncello Bandini Circolo Arci pizza e canti popolari con "la Monticellese" / Cinigiano "Scala Santa" dalle 19,00 "BAND'INFESTA" - Musica spettacoli gastronomia / Cinigiano "Scala Santa" ore 20,30 "Cacciuccata" / Poggi del Sasso ore 19,00 sala di musica Collemassari, Podere San Giuseppe Amiata piano festival EUTERPE - Giovanni Bellucci pianoforte (musiche di Beethoven, Prokofiev e Liszt) / Sasso d'Ombrone Bellacosta ore 21,00 Serata danzante con "Cimarelli's band" / Monticello Amiata ore 15.30 veglie Francigene, passeggiata dalla Pieve de Lamula alla sorgente di Val di Prata all'arrivo, messa solenne a seguire merenda con prodotti locali · Cosa (Ansedonia - Orbetello) - "La Pace" Commedia liberamente ispirata al noto testo di Aristofane a cura del Teatro Studio nell'ambito della rassegna Il Fascino delle Rovine, presso l'Antica Città di Cosa, ore 18.30. Info: tel. 392.0686787 email: teatrostudio@gmail.com, sito www.teatrostudio.it · Follonica Parco Centrale 2012 Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione - ore 21.30 Piazza a Mare Amici della Fiat 500 In 500 sotto le stelle (auto d'epoca e musica) · Massa Marittima - Lirica in Piazza 2012 Rassegna musicale dedicata alla lirica, alla 27esima edizione, organizzata dall'Amministrazione Comunale, nella bella cornice di piazza Garibaldi (ore 21) - "Il Barbiere di Siviglia" di Gioachino Rossini · Montegiovi (Casteldelpiano) - Note di Montecucco 2012 I sapori d'Amiata e di Maremma incontrano il Montecucco Doc. 7 serate di Musica, vino e sapori a cura della Strada del Vino Montecucco e dei Sapori d'Amiata. Programma: Ristorante L'Olivastra - Olio di oliva extravergine di Seggiano DOP - Across the Beatles' Universe. Info: tel. 0564 956546 - 320 4061869 · Monte Argentario - CIMA - Concerti In Monte Argentario ore 21.45 Giardino Corsini (Porto Ercole) Omaggio a Martin Luther King - Jazz - Romeo Scaccia, pianista (Italia). Opere di Gershwin, Scott Joplin e Improvvisazione. INFO: tel. 340 075 04 36 · Roccatederighi (Roccastrada) - Medioevo nel Borgo Rievocazione storica (medievale) per le vie del paese (fino al 5 agosto). Info: tel. 0564 567244 · Scansano - Terre di Scansano Classica Festival: il Morellino Ama la Musica Rassegna concertistica, alla prima edizione, organizzata da Euromusic & Communication Divisione Classica, con la direzione artistica di Antonio Bonfilio. Programma: Allievi Maestri Accademia Chigiana A. Meneses E B. Belkin - Teatro Castagnoli ore 21,15 · Val di Cornia (Li) - "Scopri-duna" Animazioni ambientali per conoscere il sistema dunale e salvaguardarlo... divertendosi. PARCO COSTIERO DELLA STERPAIA, ore 16.30. Attività gratuita · Val di Cornia (Li) - "Notte etrusca" Visita animata in costume alla necropoli di San Cerbone. Evento a pagamento (biglietto di ingresso al parco). Parco Archeologico di Baratti e Populonia - Necropoli di San Cerbone ore 21.15 · Albinia (Orbetello) - "Summer Sport" Corsa podistica, Torneo street basket, Torneo di calcetto in Piazza delle Regioni Albinia. Info: Pro Loco Albinia tel/fax 0564/871774 · Capalbio - Capalbio Libri 2012 Ciclo di incontri in piazza Magenta, a partire dalle ore 19. Programma: Grom. Storia di un'amicizia, qualche gelato e molti fiori di Federico Grom e Guido Martinetti ­ Bompiani. Conduce: Myrta Merlino, con Andrea Golino · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Scuola di musica S. Cecilia classe di canto moderno del Maestro Silvia Dolfi: Mina vs Battisti ore 21.00 Piazza ex Orto del Lilli / Campionato Provinciale modellismo ­ Località Casa Mora / TIRLI Cinema all'aperto · Cinigiano - Terra e Qualità Cinigiano "Scala Santa" dalle 19,00 "BAND'INFESTA" Musica spettacoli gastronomia / Cinigiano "Scala Santa" ore 21,30 "Bande in Concerto" di Buonconvento, Monteroni domenica 5 aGosto 68 · Maremma Magazine · Agosto 2012 · Roccatederighi (Roccastrada) - Medioevo nel Borgo Rievocazione storica (medievale) per le vie del paese (fino al 5 agosto). Info: tel. 0564 567244 · Tirli (Castiglione della Pescaia) - "Cine sotto le stelle" Rassegna cinematografica itinerante nelle frazioni di Castiglione della Pescaia, ore 21.30 - SERATA DEDICATA A MARYLIN MONROE, un grande appuntamento per ricordare una favolosa attrice nel 50° anniversario della sua scomparsa. · Capalbio - Capalbio Libri 2012 Ciclo di incontri in piazza Magenta, a partire dalle ore 19. Programma: Dove io non sono di Ilaria D'Amico ­ Bompiani. Conduce: Andrea Purgatori, con Chicco Testa · Civitella Paganico - Estate Eventi 2012 MONTE ANTICO CINEMA SOTTO LE STELLE - Proiezione del film: "IL GATTO CON GLI STIVALI" di Chris Miller, con Antonio Banderas, Salma Hayek, Zach Gali_ anakis. Genere: Animazione · Follonica Parco Centrale 2012 Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione - ore 21.00 Giardino del Casello ASD Circolo Burraco Follonica Torneo di Burraco · Massa Marittima - Lirica in Piazza 2012 Rassegna musicale dedicata alla lirica, alla 27esima edizione, organizzata dall'Amministrazione Comunale, nella bella cornice di piazza Garibaldi (ore 21) - "Il Barbiere di Siviglia" di Gioachino Rossini · Capalbio - Capalbio Libri 2012 Ciclo di incontri in piazza Magenta, a partire dalle ore 19. Programma: Coriandoli nel deserto di Alessandra Arachi ­ Feltrinelli. Conduce: Sergio Rizzo, con Simona Izzo · Castiglione della Pescaia - "La Maison Rouge" Rassegna di musica teatro e tradizione - terza edizione promosso dalla Soc. Maremmagica presso la Casa Rossa Xime- Lunedì 6 aGosto nes, ore 21.30. Programma: Concerto di musica classica M° Roberto Aronne (flauto traverso), M° Anna Alessandri (chitarra classica) · Civitella Paganico - Estate Eventi 2012 PARI Compagnia Teatrale "I Sottosopra" "UNITI FINCHE' MORTE CI SEPARI" - Commedia in tre atti di Pino Giambrone. Regia di Nicola de Florio · Follonica Parco Centrale 2012 Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione - ore 17.00 Casello Idraulico (fino al 15 agosto) PIQUART Il progetto grafico tra "azione, emozione e comunicazione" / ore 21.30 Teatro all'aperto Le Ferriere Dream Solutions Produzioni in collaborazione con Associazione Orchestra Geminiani Follonica SOUNDTRACKS ­ SILVIA DOLFI in concerto. Musiche dai musical di Broadway e dei grandi film di Hollywood con Silvia Dolfi (voce soprano). Orchestra dal vivo diretta dal M° Pier Claudio Fei · Gavorrano - Un salto a Gavorrano 2012 ore 21.00 Piazza della Resistenza Sotto a chi canta... Karaoke con Aschino. · Massa Marittima - Percorso minerario Escursione al villaggio minerario di Niccioleta, ore 16. Visita guidata su prenotazione e a pagamento · Capalbio - Capalbio Libri 2012 Ciclo di incontri in piazza Magenta, a partire dalle ore 19. Programma: Il sole sorge a sud di Marina Valensise ­ Marsilio. Conduce: Pierluigi Battista, con Enzo Golino · Civitella Paganico - Estate Eventi 2012 CIVITELLA MARITTIMA CANTARIDIEBALLA - IL VARIETA' 6^ EDIZIONE. Conduttore-animatore Alessio Nonfanti Kagliostro. Ospiti della serata: ARNALDO MANGINI il sosia ufficiale di Mr. Bean FABRIZIO VOGHERA direttamente dal "Notre Dame de Paris" · Follonica - "Nuove Figure" Festival Internazionale di teatro di figura e di strada dedicato ai bambini presso il giardino del Casello Idraulico - spettacolo di marionette a filo "Quantum" mercoLedì 8 aGosto martedì 7 aGosto egare indissolubilmente la ricerca sul teatro delle origini alla volontà di intervenire sul territorio, recuperando e ravvivando spazi dalla forza evocatrice indiscussa. Questo l'obiettivo de Il Fascino delle Rovine, l'ormai consueta Rassegna di Teatro e Archeologia giunta alla sua XVIII edizione, ideata e curata dal Teatro Studio con il patrocinio della Soprintendenza ai Beni Archeologici della Toscana, della Provincia di Grosseto, Comune di Grosseto, Comune di Orbetello, Comune di Roccastrada, Comune di Scansano ed in collaborazione con il Consorzio Maremmare. Scopo di fondo è quello di rappresentare e rendere fruibili agli spettatori di oggi, i miti immortali dei classici greci adattandoli il più possibile agli ambienti. Gli spettacoli del gruppo grossetano nascono infatti per essere rappresentati in siti archeologici o spazi naturali suggestivi, traendo da questi un ulteriore stimolo per la fantasia del pubblico. Lo spettatore rimane fermo, per oltre un'ora, incantato non solo dal valore letterario del testo, ma soprattutto da questa inconsueta comunione tra luogo ed evento, ovvero dalla straordinaria dinamica del rito. L Il fascino di uno spettacolo tra le rovine... Per questa edizione, sono stati scelti tre diversi spettacoli: "Frammenti" (Gente in cammino, Dioniso, Le porte di Tebe), rappresentazione itinerante da testi di Erodoto, Eschilo, Euripide, C. Pavese (già proposta a Cosa il 5 luglio); "Orpheus" liberamente ispirato alle opere di Ovidio, Poliziano, Monteverdi, Gluck e Cocteau che dopo la prima a Cosa sarà riproposto il 30 agosto presso il Parco di Pietra ­ La Cava di Roselle (Grosseto) alle ore 18 e "La Pace" commedia liberamente ispirata al noto testo di Aristofane in scena presso l'Antica Città di Cosa ad Ansedonia (Orbetello), il 3, 4 e 24 agosto (ore 18.30) e presso l'Area archeologica Ghiaccio Forte a Scansano l'11 agosto (ore 18). Interpreti: Daniela Marretti, Lia Montanelli, Luca Pierini, Enrica Pistolesi, Irene Paoletti, Mirio Tozzini, Blu Lepore. Elaborazione dei testi e regia: Mario Fraschetti. Info: 392.068678, www.teatrostudio.it l'agenda · 71 Giovedì 9 aGosto venerdì 10 aGosto sabato 11 aGosto 72 · Maremma Magazine · Agosto 2012 l'agenda · 73 nel vivo l'ottava edizione dell'amiata piano festival In un contesto paesaggistico unico al mondo, artisti di fama internazionale sono i protagonisti di amiata Piano Festival, la rassegna concertistica voluta dalla Fondazione bertarelli con la direzione artistica di Maurizio baglini randi novità caratterizzano questa ottava edizione dell'Amiata Piano Festival, evento, sempre più di acclamato prestigio, che si pone come uno degli appuntamenti musicali internazionali assolutamente da non perdere. Questa nuova edizione, suddivisa in tre settimane nel cuore dell'estate, a cura del direttore artistico Maurizio Baglini ­ baccus, euterpe e l'ormai consolidato dionisus ­, sta regalando e regalerà al pubblico di appassionati (fino ai primi di settembre) concerti di grandissimo prestigio, a Poggi del Sasso, nel comune di Cinigiano, presso i luoghi storici del Festival, la Sala Musica al Podere San Giuseppe, la Chiesa di Montecucco e la Cantina di Collemassari. Di anno in anno la manifestazione, voluta dalla Fondazione Bertarelli con il patrocinio della Maremma dei Festival, della Regione Toscana, della Provincia di Grosseto e del Comune di Cinigiano, sta crescendo sia in termini di qualità, sia in termini di pubblico. La critica musicale nazionale ed internazionale anche questa volta segnala la kermesse, come un evento elegante e di grande prestigio. Non solo, quest'anno la presenza di artisti come Danilo Rea, Sir Peter Maxwell Davies, Andrea Lucchesini e tanti altri, faranno di questa manifestazione, trasmessa sulle frequenze di Radio 3 Rai, una edizione ancora più suggestiva. Dodici concerti, dodici grandi eventi, artisti di fama mondiale che in parte hanno già regalato (e regaleranno) al pubblico magiche armonie ed inimitabili interpretazioni come in occasione del primo concerto proposto il 19 luglio quando la Sala Musica al Podere San Giuseppe ha accolto il violino di uno dei musicisti più virtuosi al mondo, il maestro Dmitri Sitkovetsky, una vera e propria star internazionale, che insieme ad un altro grande nome, il maestro Konstantin Lifschitz (pianoforte) ha diffuso le straordinarie note di Mozart, Prokofiev e Ravel nello splendore della campagna maremmana, scenario paesaggistico di rara bellezza, che da sempre caratterizza questa manifestazione. La musica dell'Amiata Piano Festival, in un luogo incantato come il territorio del Montecucco Docg, offre anche quest'anno imperdibili e indimenticabili suggestioni. Queste le prossime date: dal 2 al 5 agosto Euterpe; dal 30 agosto al 2 settembre Dionisus. Per informazioni, dettagli e prenotazioni: www.amiatapianofestival.com G Ciclo di incontri in piazza Magenta, a partire dalle ore 19. Programma: I quattro canti di Palermo di Giuseppe Di Piazza ­ Bompiani. Conduce: Bruno Manfellotto, con Lucrezia Lante Della Rovere · Campiglia Marittima (Li) - Apritiborgo - ABC Festival Festival del teatro e della arti di strada che ogni sera dalle 18.00 a mezzanotte fino al 15 agosto mette in scena decine di artisti provenienti dall'Italia e dal mondo, tra proposte gastronomiche di prodotti del territorio, prodotti di artigianato, lavorazioni dal vivo, mostre, arredi urbani e scenografie animate. Info e programma: www.apritiborgo.it · Castell'Ottieri (Sorano) - Banchetto alla Corte degli Ottieri Banchetto e rievocazione storica di una tipica cornice medievale. Info: www.castellottieri.it · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Il Tango: serate danzanti con "La Baldosa" ore 21.00 piazzale ex Maristella · Cinigiano - Terra e Qualità Cinigiano al Campino ore 21,00 serata danzante / Castiglioncello Bandini Circolo Arci pizza e musica dal vivo con Giulia "la donna del sorriso" / Sasso d'Ombrone Bellacosta ore 21,00 Serata danzante con le fisarmoniche di "Adriano show" / Monticello Amiata centro storico "artificia necessaria", rievocazione storica mestieri e sapori di un tempo · Follonica Parco Centrale 2012 Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione - ore 21.00 Largo Falcone e Borsellino Festa Rionale del quartiere Cassarello · Gavorrano - Un salto a Gavorrano 2012 Piazza della Resistenza ore 21.00 Note di notte con... " Mirello" · Grosseto - Musica d'estate Ciclo di concerti promosso dalla Fondazione Grosseto Cultura al Museo di Storia Naturale di via Corsini a Grosseto. Ingresso libero. Programma: concerto per due pianoforti con Matteo Andreini - pianoforte e Ettore Candela - pianoforte · Magliano - "Magliano si fa Strada" Degustazioni di vini e prodotti tipici promossa dalla Strada del Vino e dei Sapori Colli di Maremma in collaborazione con il comune di Magliano in Toscana nel borgo antico di Magliano in T. presso il Centro Enoturistico - dalle ore 20,00 alle ore 23,00. · Scansano - "La Pace" Commedia liberamente ispirata al noto testo di Aristofane a cura del Teatro Studio nell'ambito della rassegna Il Fascino delle Rovine, presso l'Area Archeologica Ghiaccio Forte, ore 18.00. Info: tel. 392.0686787 · Val di Cornia (Li) - "Notte etrusca" Visita animata in costume alla necropoli di San Cerbone. Evento a pagamento (biglietto di ingresso al parco). Parco Archeologico di Baratti e Populonia - Necropoli di San Cerbone ore 21.15 · Capalbio - Capalbio Libri 2012 Ciclo di incontri in piazza Magenta, a partire dalle ore 19. Programma: Sorvegliati speciali di Mirella Serri ­ Longanesi. Conduce: Giancarlo Santalmassi, con Claudio Petruccioli, Aldo Tortorella · Campiglia Marittima (Li) - Apritiborgo - ABC Festival Festival del teatro e della arti di strada che ogni sera dalle 18.00 a mezzanotte fino al 15 agosto mette in scena decine di artisti provenienti dall'Italia e dal mondo, tra proposte gastronomiche di prodotti del territorio, prodotti di artigianato, lavorazioni dal vivo, mostre, arredi urbani e scenografie animate. Info e programma: www.apritiborgo.it · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: "PAOLO RUFFINI in TV RUFFINI E CANZONI" ore 21 ex Orto del Lilli / Nutella Party Tour 2012 ore 21 ex Orto del Lilli / Cinema all'aperto ­ Località Pian di Rocca · Castiglione della Pescaia - "Eccellenze e Biodiversità per un Turismo Sostenibile Visita guidata in Mountain Bike organizzata da Soc. Maremmagica. Programma: Castiglione della Pescaia, Museo Casa Rossa Ximenes, Riserva Naturale Diaccia Botrona, Isola Clodia, Pineta del tombolo, Biotopo San Leopoldo (Fiumara), domenica 12 aGosto 74 · Maremma Magazine · Agosto 2012 la direzione artistica della compagnia di teatro-danza I Messaggeri dell'Anima (fino al 15 agosto) · Campiglia Marittima (Li) - Apritiborgo - ABC Festival Festival del teatro e della arti di strada che ogni sera dalle 18.00 a mezzanotte fino al 15 agosto mette in scena decine di artisti provenienti dall'Italia e dal mondo, tra proposte gastronomiche di prodotti del territorio, prodotti di artigianato, lavorazioni dal vivo, mostre, arredi urbani e scenografie animate. Info e programma: www.apritiborgo.it · Cinigiano - Terra e Qualità Monticello Amiata centro storico "artificia necessaria", rievocazione storica mestieri e sapori di un tempo / Cinigiano Al bar sport FESTA DELLA BIRRA · Civitella Paganico - Estate Eventi 2012 PARI Spettacolo orchestra "ARRIGUCCI BAND" · Follonica - Corse al Trotto Convegno di corse al trotto in notturna all'Ippodromo dei Pini di Follonica. Info: tel. 0566/50706 · Follonica Parco Centrale 2012 Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione - ore 23.00 Viale Italia, Spiaggia Ex Tony's Beach party / ore 21.30 Giardino del Casello Grey Cat Jazz Festival 32a Edizione GAGA QUARTET ­ Jazz, funk, rock e musica sudamericana Giovanni Mancini (basso elettrico), Andrea Beninati (batteria e violoncello), Giovanni Benvenuti (sax tenore) e Andrea Mucciarelli (chitarre) miglior gruppo jazz a T-Rumors 2012, il concorso per giovani talenti della Regione Toscana · Follonica - Appuntamenti di jazz Rassegna concertistica nell'ambito del Grey Cat Festival 2012, presso il Giardino del Casello Idraulico - Gaga Quartet · Gavorrano - Un salto a Gavorrano 2012 Piazza della Resistenza ore 21.00 Il coro dei Rosolacci presenta "Canti popolari di Maremma". Maestro Direttore Francesco Melani · Scansano - "Dentro... il Medioevo" - "Terra Somnia" Festa medievale a cura dell'Antica Contrada Il Dentro con la direzione artistica della compagnia di teatro-danza I Messaggeri dell'Anima (fino al 15 agosto) · Campiglia Marittima (Li) - Apritiborgo - ABC Festival Festival del teatro e della arti di strada che ogni sera dalle 18.00 a mezzanotte fino al 15 agosto mette in scena decine di artisti provenienti dall'Italia e dal mondo, tra proposte gastronomiche di prodotti del territorio, prodotti di artigianato, lavorazioni dal vivo, mostre, arredi urbani e scenografie animate. Info e programma: www.apritiborgo.it · Castiglione della Pescaia - "La Maison Rouge" Rassegna di musica teatro e tradizione - terza edizione promosso dalla Soc. Maremmagica presso la Casa Rossa Ximenes, ore 21.30. Programma: Concerto di musica classica M° Silvia Martinelli (voce soprano), M° Andrea Trovato (clavicembalo) · Cinigiano - Terra e Qualità Cinigiano dalle ore 19,00 CINIGIANO ROCK rassegna musicale, "cena alla bona" ore 21,30 concerto "Banda in Rock" con gli allievi della scuola di musica - Concerto "Zucchero Cover" · Civitella Paganico - Estate Eventi 2012 CASALE DI PARI CINEMA SOTTO LE STELLE Proiezione del film: "IMMATURI, IL VIAGGIO" di Paolo Genovese, con Ambra Angiolini, Luca Bizzarri, Barbara Bobulova, Raoul Bova. Genere: Commedia · Follonica Parco Centrale 2012 Lunedì 13 aGosto martedì 14 aGosto iflettori sempre accesi, centro storico vivo, affollato di gente e ben illuminato: questa la politica per Grosseto di Ascom che, dopo il grande successo della Festa della Birra e della Notte Bianca dello scorso giugno, rilancia con "La Notte sì, ma di giovedì". L'evento, organizzato con il patrocinio del Comune, dal 5 luglio scorso (fino alla fine di agosto), sta animando (e animerà) ogni giovedì il cuore del capoluogo maremmano con iniziative varie, negozi aperti, musica dal vivo e tanto altro ancora. "L'idea ­ fanno sapere dall'Ascom ­ è nata nel 2009 dagli operatori commerciali e dai gestori dei pubblici esercizi i quali, sull'onda del successo degli eventi estivi precedenti come la Notte Bianca e la Festa della Birra, hanno chiesto di realizzare un appuntamento serale fisso per rilanciare il commercio al dettaglio in coincidenza dell'avvio dei saldi estivi. Una sollecitazione giunta dalla "base", dalle stesse imprese, che gratifica enormemente i continui sforzi dell'Associazione nell'avviare un dialogo continuativo sulle problematiche di un centro storico che rischia un pericoloso declino commerciale. Per quanto riguarda i saldi, Ascom conti- R grosseto, musica e shopping... di giovedì nua a non essere completamente soddisfatta del periodo d'inizio: la data unica individuata dal 2011, che stabilisce che d'ora in poi i saldi dovranno iniziare lo stesso giorno in tutti i Comuni italiani: il primo sabato di luglio in estate e il primo giorno feriale dopo l'Epifania, se da un lato evita il pericoloso fenomeno del "pendolarismo" dei consumatori, da un altro è un inizio talmente anticipato da risultare controproducente. La stagione non è al termine ma al suo inizio e i negozianti non possono quindi che vedersi beffati dalla necessità di "svalutare" molta merce senza neanche averla potuta esporre e proporre nei mesi precedenti. La data unica è quindi un elemento essenziale da salvaguardare e andrebbe anzi ulteriormente estesa. La stessa posticipazione dei saldi può essere utile, ma solo se condivisa dalle altre regioni limitrofe. Per quanto riguarda la manifestazione, forte del successo degli anni scorsi, Ascom presenta anche quest'anno un cartellone di appuntamenti nei giovedì del mese, allungandolo fino al mese di agosto, così da percorrere di pari passo il percorso dei saldi, che iniziati sabato 7 luglio si concluderanno 60 giorni dopo, il 4 settembre. Tanti i locali pubblici che hanno dato il loro contributo a sostegno del progetto, coordinandosi con l'Associazione nella stesura di un nutrito calendario musicale. Musica sotto le stelle, spettacoli e intrattenimento con i negozi aperti fino alla mezzanotte, senza dimenticare le iniziative culturali come quelle promosse dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Grosseto ma non solo. Tutto quello che può rendere vivace la nostra città è per noi degno di attenzione e ricco di valore. Per questo, unitamente ai commercianti del centro storico e alle iniziative delle singole realtà e associazioni operanti in ambiti anche diversi da quello strettamente imprenditoriale, crediamo che appuntamenti come i Giovedì possano solo fare bene a una città come Grosseto che, specialmente d'estate, ha bisogno di un po' di animazione e di ritrovata vitalità". l'agenda · 77 venerdì 17 aGosto mercoLedì 15 aGosto Giovedì 16 aGosto sabato 18 aGosto 78 · Maremma Magazine · Agosto 2012 Incontro d'Estate Antiquariato, collezionismo, artigianato nel Parco delle Crociere. 11>16 agosto · Orbetello Incontro del Gusto Enoagroalimentare, degustazioni, golosità, complementi per la cucina e artigianato a tema presso i Giardini Chiusi 11>19 Agosto · Sorano Mostra Mercato Tradizionale mostra sabato nel centro storico. Artigiani, artisti, riciclatori, laboratori, produttori bio a Km 0, libri usati e mostra dei "cocci" di Luigino Porri presso la ex Sinagoga. Ogni giorno aperta no stop ore 11-23 12 agosto · Massa Marittima "Massa Antiquaria" Non solo pulci: antiquariato, modernariato e vintage ­ Mercatino in programma ogni seconda domenica del mese in Piazza del Duomo, dalle ore 09.00 alle ore 19.00. Info: tel. 0566.902756 12 agosto · Abbadia San Salvatore (Si) Polvere e Tarli in Piazza Mercatino di prodotti agricoli tipici locali, artigianato, antiquariato e collezionismo in P .zza F.lli Cervi. Info: tel. 0577 778324 14-15 agosto · Capalbio Ass. Hobby, Sport e Cultura Mostra mercato dell'artigianato, dell'antiquariato e del collezionismo in Piazza Carlo Giordano e Vie del Centro Storico 16 agosto · Santa Fiora "Fiera San Rocco" Tradizionale Fiera di San Rocco on Tradizionale "Trippata" - Loc. Parco Pinettina 18-19 agosto · Marina di Grosseto (Gr) "Maremma Antiquaria" Mercatino delle cose antiche e meno antiche, numismatica, collezionismo e tante curiosità in Via XXIV Maggio. Info: tel. 0564.43881 18-19 agosto · Capalbio Ass. Hobby, Sport e Cultura Mostra mercato dell'artigianato, dell'antiquariato e del collezionismo in Piazza Carlo Giordano e Vie del Centro Storico 22-26 agosto · Capalbio Artigiani al Centro Storico Mostra mercato dell'artigianato, dell'antiquariato e del collezionismo in Piazza Carlo Giordano e Vie del Centro Storico 24>26 agosto · Follonica Mostra mercato del disco usato e del cd da collezione Mostra mercato a cura dell'Associazione Punto Radio Cascina e della Proloco Follonica in Piazza Sivieri - Via Amorotti 25-26 agosto · Magliano in Toscana Filiera Corta - Mercato dei Produttori Mercato dei Produttori agricoli e dell'artigianato 25-26 Agosto · Sorano CercAntico Mostra dell'antiquariato e del modernariato in P .zza Busatti. Orario: 10-19 no stop 30 agosto>3 settembre · Albinia (Orbetello) Festa di fine estate Teatro, concerti, cabaret abbinati al mercatino dell'artigianato, dei prodotti naturali e degustazioni in piazza della Chiesa 1° settembre · Ghirlanda (Massa Marittima) Fiera di Ghirlanda Tradizionale fiera di merci e bestiame 1-2 settembre · Capalbio Ass. Hobby, Sport e Cultura Mostra mercato dell'artigianato, dell'antiquariato e del collezionismo in Piazza Carlo Giordano e Vie del Centro Storico l'agenda · 79 gavorrano, un... "Salto" lungo venti anni anche quest'anno la nuova associazione Pro loco gavorranese ha messo a punto per gavorrano un programma ricco di eventi a cominciare dalla rievocazione storica in costume medievale del salto della contessa che quest'anno compie vent'anni Divina Commedia le dedicò: «"Deh quando tu sarai tornato al mondo,/ e riposato della lunga via",/ seguitò il terzo spirito al secondo,/ "ricorditi di me che son la Pia:/ Siena mi fe'; disfecemi Maremma:/ salsi colui che `nnanellata pria/ disposando m'avea con la sua gemma"». Questa figura di donna corrisponde, secondo la tradizione raccolta dagli antichi commentatori danteschi a Pia de' Tolomei, la moglie di Nello d'Inghiramo dei Pannocchieschi, signore del Castello di Pietra nella Maremma, capitano della taglia guelfa nel 1284 ed ancora vivente nel 1322. Colui che la stessa Pia, nei versi danteschi, addita come responsabile della sua morte è proprio il marito, Nello Pannocchieschi. Secondo alcuni commentatori Nello l'avrebbe fatta uccidere per potersi sposare con Margherita Aldobrandeschi, quando, nel 1297, fu legalmente sciolto il matrimonio di questa con Loffredo Caetani, nipote di Bonifacio VIII. Secondo altri, invece, Nello fece uccidere Pia perché accecato dalla gelosia nei confronti dell'infido amico Ghino che la corteggiava. La vicenda tragica si compie, secondo la tradizione popolare, nel Castello di Pietra (nelle suggestive campagne del Comune di Gavorrano): proprio qui viene gettata da una finestra del maniero. La rievocazione, il cui ingresso è libero e gratuito, ogni anno fa giungere a Gavorrano numerosissimi turisti e registra una forte partecipazione emotiva di tutti i gavorranesi. U n compleanno importante raggiunto grazie ai gavorranesi e ai turisti che negli anni hanno apprezzato questa manifestazione ma soprattutto grazie alla Pro Loco che ha voluto crederci sin da quel lontano 6 agosto 1993 quando fu messa in scena per la prima volta. Per celebrare questo evento, la Pro Loco ha organizzato per il 12 agosto una bella festa, impreziosita da una vasta rappresentanza dei cortei storici della provincia di Grosseto. Questa rievocazione storica, giunta alla XX edizione, è organizzata dalla Nuova Associazione Pro Loco Gavorranese, con il Patrocinio del Comune di Gavorrano e rievoca un evento tra storia e tradizione, legato appunto alle vicende di Pia dei Tolomei, nobildonna senese, rinchiusa nel Castello di Pietra e uccisa o fatta uccidere dal marito Nello Pannocchieschi. La vicenda è tutta racchiusa in pochi celeberrimi versi che Dante Alighieri nel quinto canto del Purgatorio della sua Nico Menci, piano, Mirco Scarcia, contrabbasso, Andrea Roventini, batteria) - Capalbio, Piazza Magenta, ore 21.30 · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Spettacolo Pirotecnico ore 23.00 Il Tango: serate danzanti con "La Baldosa" ore 21.00 piazzale ex Maristella · Cinigiano - Terra e Qualità Cinigiano al Campino ore 20,00 "serata dei cinghialai" cena e a seguire serata danzante / Castiglioncello Bandini Circolo Arci pizza e canti popolari con "Gli Strillozzi" / Sasso d'Ombrone Bellacosta ore 21,00 Serata danzante con "Francesco di Napoli" / Monticello Amiata ore 17,00 processione con offerta del cero alla Madonna, ore 20,00 cena frugale del pellegrino con dimostrazione antiche tecniche culinarie, ore 21,30 concerto d'organo · Follonica Parco Centrale 2012 Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione - dal pomeriggio Via Roma e dintorni Associazione "La Dolce Vita" Centro Commerciale Naturale LO SBARACCO 2012 · Magliano - "Magliano si fa Strada" Degustazioni di vini e prodotti tipici promossa dalla Strada del Vino e dei Sapori Colli di Maremma in collaborazione con il comune di Magliano in Toscana nel borgo antico di Magliano in T. presso il Centro Enoturistico - dalle ore 20,00 alle ore 23,00. · Massa Marittima - Grey Cat Workshop Tre giorni di lezioni, strumenti, musica d'insieme, laboratori nell'ambito del Grey Cat Festival 2012. Docenti: Stefano Cocco Cantini, Francesco Maccianti, Piero Borri, Ares Tavolazzi · Sovana (Sorano) - "Vissi d'Arte" Gala lirico organizzato dall'International masterclass & workshop dell'Associazione musicale "Aulico-Opera&Musica", con la direzione artistica di Roberto Bongiovanni presso il Palazzo Bourbon del Monte ore 21,45. · Sovana - Sovana in Arte - IV Edizione ore 21,45 Salone principale di Palazzo Bourbon del Monte "I Sogni in Teatro" e "Aulico Opera & Musica" presentano "VISSI D'ARTE" Concerto Lirico - Ornella Pratesi (soprano), Stefania Scolastici (mezzosoprano), Fabio Serani (tenore), Giorgio Carl (baritono), Roberto Bongiovanni (pianoforte). A seguire: Vino e prelibatezze, buffet con gli artisti · Val di Cornia (Li) - "Scopri-duna" Animazioni ambientali per conoscere il sistema dunale e salvaguardarlo... divertendosi. PARCO COSTIERO DELLA STERPAIA, ore 16.30. Attività gratuita · Val di Cornia (Li) - "Notte etrusca" Visita animata in costume alla necropoli di San Cerbone. Evento a pagamento (biglietto di ingresso al parco). Parco Archeologico di Baratti e Populonia - Necropoli di San Cerbone ore 21.15 · Albinia (Orbetello) - "CAVALLI IN LIBERTA" Esibizioni equestri, Rievocazione della Trebbiatura, Canti popolari presso l'Area COOP. Info: Pro Loco Albinia tel/fax 0564/871774 · Capalbio - Vediamoci a Capalbio 2012 MUSICA E SPETTACOLI: Senti come suona agosto - Jazz Kitchen - Twenty Something in Concerto - Capalbio, Piazza Magenta, ore 21.30 · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Palio Marinaro ore 18.00 / Musica dal vivo con la "Olivelli Band" ore 21.00 ex Orto del Lilli / VETULONIA Cinema all'aperto - Casa del Popolo · Cinigiano - Terra e Qualità Monticello Amiata parco Polloneto ore 16,00 rassegna di canto popolare "Ad alta voce io vorrei cantare" · Follonica Parco Centrale 2012 Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione - dal pomeriggio Via Roma e dintorni Associazione "La Dolce Vita" Centro Commerciale Naturale LO SBARACCO 2012 / ore 21.30 Teatro all'aperto le Ferriere Il Laboratorio dello Spettacolo di Follonica IL MALATO IMMAGINARIO di Molière Con Gianluca Orlandini e Diria Ceccarelli Regia di Massimo Masini · Magliano - "Magliano si fa Strada" Degustazioni di vini e prodotti tipici promossa dalla Strada del Vino e dei Sapori Colli di Maremma in collaborazione domenica 19 aGosto 80 · Maremma Magazine · Agosto 2012 · Castiglione della Pescaia - "La Maison Rouge" Rassegna di musica teatro e tradizione - terza edizione promosso dalla Soc. Maremmagica presso la Casa Rossa Ximenes, ore 21.30. Programma: Stilelibero in concerto - Lorenza Baudo (canto), Paolo Batistini (chitarra acustica) · Follonica Parco Centrale 2012 Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione - ore 21.30 Sala Tirreno Musica Centrale 2012 ­ Associazione Live Art DUO Chitarra e VIOLONCELLO Fabio Montomoli e Severino Zannerini C'era una volta il West Musiche di Morricone , Rota, Mancini, Gershwin · Massa Marittima - Percorso minerario Escursione al villaggio minerario di Niccioleta, ore 16. Visita guidata su prenotazione e a pagamento · Sovana - Sovana in Arte - IV Edizione Giardino di Palazzo Bourbon del Monte "CINEMA FRENETICA PASSIONE" Cinema e bicchiere di vino (fino al 23 agosto) · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: spettacolo di danza allievi Associazione "Fred Astaire Dance School" ore 21.30 piazza Garibaldi · Follonica - Appuntamenti di jazz Rassegna concertistica nell'ambito del Grey Cat Festival 2012, presso il Giardino del Casello Idraulico - Ádám Török trio · Follonica Parco Centrale 2012 Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione - ore 18.00 (fino al 7 ottobre) Pinacoteca Civica ­ Piazza del Popolo 1 Inaugurazione mostra Aviero LABYRINTH il filo rosso della conoscenza Partecipa Maurizio Vanni / ore 21.30 Giardino del Casello Grey Cat Jazz Festival 32a Edizione Ádám TÖRÖK trio (Budapest) · Grosseto - Corse al galoppo in notturna Convegno di corse al galoppo in notturna, presso l'Ippodromo del Casalone (via Aurelia Antica). Info: tel. 0564/24214 · Roselle (Grosseto) - Il leggendario spettacolo equestre con i butteri della Maremma Eccezionale esibizione dei Butteri, gli ultimi mandriani a martedì 21 aGosto cavallo in Europa, che danno un saggio del loro lavoro quotidiano, presso la Fattoria il Marruchetone sulla strada dello Sbirro a Roselle (Grosseto) (ore 18). Info per conferme e prenotazioni: Equinus, tel. 333 9579733 · Sovana - Sovana in Arte - IV Edizione Giardino di Palazzo Bourbon del Monte "CINEMA FRENETICA PASSIONE" Cinema e bicchiere di vino (fino al 23 agosto) · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Latino americano con la scuola di ballo "Buena Vista" ore 21.00 piazzale ex Maristella · Castiglione della Pescaia - "Maremma Terra d'acque" Visita guidata turistica-escursionistica organizzata da Soc. Maremmagica. Programma: Buriano e antica Isola Clodia. Partenza: Piazza Garibaldi - ore 17.00 Castiglione della Pescaia. Tipo di itinerario: Turistico / Escursionistico. Durata: 3h c.a · Follonica Parco Centrale 2012 Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione - ore 21.30 P.zza Sivieri - Via Amorotti Concerto della Filarmonica G. Puccini · Grosseto - "La Notte sì, ma di Giovedì" Evento organizzato dall'Ascom Confcommercio con il patrocinio del Comune di Grosseto che anima il centro storico con iniziative culturali e musicali · Massa Marittima - Percorso medievale Visita guidata su prenotazione e a pagamento al centro storico di Massa Marittima, ore 17 · Orbetello - "The factory and the Pop Shop. Business Art, Pubblic Art e i testimoni del proprio tempo" Living talk show nell'ambito della mostra "ORDINARY WORLD. Andy Warhol, Pietro Psaier and the Factory artworks / Keith Haring, Paolo Buggiani and the Subway drawings" presso il Museo Archeologico "Polveriera Guzman", ore 21.30. Info: www.museidimaremma.it · Scansano - Terre di Scansano Classica Festival: il Morellino Ama la Musica Rassegna concertistica, alla prima edizione, organizzata da Euromusic & Communication Divisione Classica, con la direzione artistica di Antonio Bonfilio. Programma: Allievi e Giovedì 23 aGosto mercoLedì 22 aGosto Lunedì 20 aGosto terre di Scansano classica festival ospita il Maestro Bruno giuranna l Festival, organizzato da EuroMusic & Communication, che già dalla sua prima edizione inaugurata lo scorso maggio sta riscuotendo ampi consensi, vedrà il 23 agosto la partecipazione di Bruno Giuranna, musicista d'eccezione e violista acclamato, fin da giovane a fianco di Herbert von Karajan e successivamente insignito del titolo di Cavaliere di Gran Croce della Repubblica Italiana per meriti artistici. Terre di Scansano Classica Festival entra nel vivo della sua prima edizione con l'appuntamento più prestigioso ovvero la partecipazione dei Maestri Chigiani in Terra di Siena diretti da Bruno Giuranna. Sarà dunque un privilegio assistere al concerto del 23 agosto al Teatro Castagnoli di Scansano. Il Maestro, nato in una famiglia di musicisti, è stato tra i fondatori de I Musici, membro del Quartetto di Roma e del Trio Italiano d'Archi. Ha iniziato la carriera solistica presentando in prima esecuzione assoluta, sotto la direzione di Herbert von Karajan, I la Musica da Concerto per viola e orchestra d'archi dedicatagli da Giorgio Federico Ghedini, tra i più importanti autori del Novecento. Ha suonato con orchestre quali Berliner Philharmoniker, Concertgebouw di Amsterdam, Teatro alla Scala di Milano e direttori come Claudio Abbado, Sir John Barbirolli, Sergiu Celibidache, Carlo Maria Giulini e Riccardo Muti. Titolare fino al 1998 della cattedra di viola presso la Hochschule der Künste di Berlino, ha insegnato nella Musik- Akade- mie di Detmold, nel Conservatorio S.Cecilia di Roma, nel Royal College e nella Royal Academy di Londra ed in master classes in tutto il mondo. Frequentemente invitato al Festival di Marlboro negli Stati Uniti, insegna attualmente nei corsi della Fondazione Stauffer di Cremona, dell'Università di Limerick in Irlanda e, appunto, dell'Accademia Chigiana di Siena. Dunque, un altro prestigioso appuntamento di Terre di Scansano Classica Festival, che entra a far parte dei grandi eventi estivi toscani, in virtù del suo rilevante programma e delle autorevoli collaborazioni, tra cui l'Accademia Chigiana, al vertice delle istituzioni musicali nel mondo. Il programma proposto è incentrato su Johannes Brahms: Quintetto per archi n. 1 in fa magg. op. 88; Quintetto per archi n. 2 in sol magg. Op. 111. Consigliabile la prenotazione: 0564 507982 - 349/5380069 - 0564/409105, mail direzioneclassica@gmail.com, web www.terrediscansanoclassicafestival.it l'agenda · 81 venerdì 24 aGosto sabato 25 aGosto 82 · Maremma Magazine · Agosto 2012 Barzanti sul tema "Orchidee Spontanee della Val di Cornia" nel Centro storico. 4>26 agosto · Porto Santo Stefano "L'Argentario raccontato da mappe e dipinti, oggetti d'arte e libri rari" Mostra presso la galleria ARTEMARE in corso Umberto 75-77. Info: tel. 0564 810336 5 agosto>2 settembre · Orbetello Ordinary World Warhol / Pietro Psaier Factory Artworks - K. Haring / Paolo Buggiani Subway Drawings. Mostra presso il Museo Archeologico "Polveriera Guzman". Orario: tutti i giorni: 18.00-22.00 (Chiuso il lunedì) 6 agosto>2 settembre · Porto Santo Stefano (Monte Argentario) Ordinary World Warhol / Pietro Psaier Factory Artworks - K. Haring / Paolo Buggiani Subway Drawings. Mostra presso la Fortezza Spagnola. Orario: tutti i giorni: 18.30-23.30 6>26 agosto · Porto Ercole (Monte Argentario) Danza Macabra Installazione di opere (video, audio, figurative, scultoree, concettuali) a Forte Stella, a Porto Ercole. Info: 3285760997 8>12 agosto · Castiglione della Pescaia Domenico Fiengo Mostra di pittura ad acquerello nella sala esposizioni dell'ex palazzo comunale 12 agosto>2 settembre · Capalbio L'Immagine segreta ­ Appunti sull'assoluto del Tempo Collettiva presso la GALLERIA "IL FRANTOIO". Orario: 18.00/23.30 13>19 agosto · Castiglione della Pescaia Antonio Magnani Opere d'arte pittorica nella sala esposizioni dell'ex palazzo comunale 20>26 agosto · Castiglione della Pescaia "Percorsi nella memoria" Mostra fotografica di Nicola Cariati nella sala esposizioni dell'ex palazzo comunale 21>28 agosto · Castiglione della Pescaia "Parigi in bianco e nero" Mostra fotografica di Roberto Rosi nella sala consiliare di via Cesare Battisti 27 agosto>2 settembre · Castiglione della Pescaia Antonella Rossi Mostra di pittura ad acquerello nella sala esposizioni dell'ex palazzo comunale no. Info: tel. 0564/633424 > fino a domenica 4 novembre (dal 14 luglio) · Vetulonia (Castiglione della Pescaia) "Ambre e Bronzi dei Principi. Dagli Etruschi di Vetulonia alle aristocrazie indigene delle Basilicata" Mostra-evento presso il Museo Civico Archeologico "Isidoro Falchi" Piazza Vetluna. Info: tel. 0564 948058 > fino a sabato 29 dicembre (dal 31 marzo) · Grosseto "Al suono della campanella. Frammenti di vita scolastica in Maremma dalle origini al `900" Mostra presso l'Archivio di Stato in piazza E. Socci. Orario: tutti i giorni 9-13; lunedì, mercoledì, giovedì 15-17,30. Info: tel. 0564 24576 1>7 agosto · Castiglione della Pescaia Associazione Grossetana Acquerellisti Mostra di pittura ad acquerelli nella sala esposizioni dell'ex palazzo comunale 1>15 agosto · Montepescali (Grosseto) "Oltre lo sguardo dal tema: lavoro & dintorni" Rassegna fotografica nei locali della Società Operaia. Info: 0564 329673 3>19 agosto · Follonica Istantanee di Jazz ­ Photographs and Music Room Mostra Fotografica presso la Pinacoteca Civica 4>15 agosto · Monterotondo Marittimo "Fotografi per passione" Mostra Fotografica di Loriano e Luciano l'agenda · 83 estate nei parchi della Val di cornia, un mare di eventi I Parchi della val di cornia si trasformano in uno straordinario contenitore di eventi per tutte le età: laboratori di archeologia sperimentale, rappresentazioni teatrali, speciali visite in notturna o al tramonto, conferenze. Rassegna concertistica, alla prima edizione, organizzata da Euromusic & Communication Divisione Classica, con la direzione artistica di Antonio Bonfilio. Programma: Quintetto d'Archi Armonia con Antonino Cicero - Tramonto a Sasseta Alta · Talamone (Orbetello) - Regata Altura Trofeo D'Estate Manifestazione velica organizzata dall'ASD Circolo della Vela Talamone · Val di Cornia (Li) - "Notte etrusca" Visita animata in costume alla necropoli di San Cerbone. Evento a pagamento (biglietto di ingresso al parco). Parco Archeologico di Baratti e Populonia - Necropoli di San Cerbone ore 21.15 · Buriano (Castiglione della Pescaia) - "Cine sotto le stelle" Rassegna cinematografica itinerante nelle frazioni di Castiglione della Pescaia, ore 21.30 - MIRACOLO A LE HAVRE, un film di Aki Kaurismaki con André Wilms, Kati Outinen, Jean-Pierre Darroussin, Blondin Miguel, Elina Salo. · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: BURIANO Cinema all'aperto / VETULONIA Torneo di Palla dalle ore 14.00 piazza Stefani / PUNTA ALA Musica dal vivo con il duo "Nanda e Max" ore 21.00 · Follonica Parco Centrale 2012 Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione - dal pomeriggio Piazza Sivieri- Via Amorotti Associazione Punto Radio Cascina ­ Proloco Follonica Mostra mercato del disco usato e del cd da collezione / ore 21.30 Piazza a Mare Scuola di Danza Odissea 2001 Saggio Spettacolo della Scuola di Danza · Magliano in Toscana - Vinellando Manifestazione enogastronomica dedicata al Morellino di Scansano. Programma: dalle ore 18,30 alle ore 24,00 nel centro enoturistico degustazione di vini del territorio serviti da sommelier; dalle ore 17,30 alle ore 24,00 "Mercato dei produttori della Provincia di Grosseto" in via XXIV Maggio; ore 18,30 apertura stand esposizione prodotti tipici ed artigianali; ore 21,30 Piazza della Repubblica Concerto con la Scuola di Musica "Chiti" di Manciano "False Partenze"; ore 22,00 via XXIV Maggio musica dal vivo con James King Johnson · Porto S. Stefano - "Bye Baby Suite" Un'anima fuori posto, un letto disfatto e una visita misteriosa. Pochi spettatori nello spazio intimo di una camera d'albergo a spiare Marilyn Monroe nella sua intimità più scomoda. Interpretazione e regia di Alessia Innocenti. Testo di Chiara Guarducci. Nell'ambito della mostra "ORDINARY WORLD. Andy Warhol, Pietro Psaier and the Factory artworks / Keith Haring, Paolo Buggiani and the Subway drawings" presso la Fortezza Spagnola ore 21 e ore 22.15. Posti limitati: prenotazione obbligatoria. Ingresso euro 8,00. Info: www.museidimaremma.it · Scansano - Terre di Scansano Classica Festival: il Morellino Ama la Musica Rassegna concertistica, alla prima edizione, organizzata da Euromusic & Communication Divisione Classica, con la direzione artistica di Antonio Bonfilio. Programma: Recital Pianistico Stefano Bigoni - Teatro Castagnoli ore 21,15 · Follonica - Corse al Trotto Convegno di corse al trotto in notturna all'Ippodromo dei Pini di Follonica. Info: tel. 0566/50706 · Castiglione della Pescaia - "La Maison Rouge" Rassegna di musica teatro e tradizione - terza edizione promosso dalla Soc. Maremmagica presso la Casa Rossa Ximenes, ore 21.30. Programma: Nico Pistolesi in concerto Nico Pistolesi (pianoforte) · Massa Marittima - Percorso minerario Escursione al villaggio minerario di Niccioleta, ore 16. Visita guidata su prenotazione e a pagamento · Scansano - Terre di Scansano Classica Festival: il Morellino Ama la Musica Rassegna concertistica, alla prima edizione, organizzata da Euromusic & Communication Divisione Classica, con la direzione artistica di Antonio Bonfilio. Programma: Allievi e domenica 26 aGosto n fitto calendario di appuntamenti da vivere all'interno del sistema dei parchi e musei della Val di Cornia che animeranno le serate estive per tutto il mese di agosto. Il dettaglio. Tutti i sabato alle ore 21.15 nel Parco Archeologico di Baratti e Populonia (Necropoli di San Cerbone) è di scena la Notte etrusca: visita animata in costume alla necropoli di San Cerbone. Tutti i giovedì e i sabato dalle ore 16 alle ore 19 nel Parco Archeologico di Baratti e Populonia (Acropoli), spazio a "Opus Tessellatum", laboratorio didattico-creativo sulla tecnica del mosaico antico E ancora tutti i martedì e i venerdì dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.30 nei Musei della Rocca di Campiglia Marittima c'è "La bottega del vasaio", altro laboratorio didattico-creativo sulla tecnica di pittura della ceramica medievale. Infine, tutti i giovedì e sabato di agosto alle 10.30 ed alle 18.00 (sabato 11 solo alle 18) nei Musei della Rocca di Campiglia Marittima è prevista la "Visita guidata al borgo ed alla Pieve di San Giovanni". Le visite guidate inizieranno ai Musei della Rocca di Campiglia, dove è previsto il luogo di ritrovo, e, dopo una breve introduzione sulla storia di Campiglia e sulla sua Rocca, attraverseranno il borgo medievale per raggiungere la Pieve di San Giovanni, splendido esempio di romanico toscano. Altri eventi da ricordare sono: sabato 4 e 18 agosto ore 16.30, al Parco Costiero della Sterpaia "Scopri-duna", animazioni ambientali per conoscere il sistema dunale e salvaguardarlo..... divertendosi; giovedì 9 ore 20.00 "I suoni del bosco di notte", escursione all'interno del Parco della Sterpaia. E ancora venerdi 3 ore 21.30 Museo Archeologico del Territorio di Populonia (Piombino) Eutyches, medico naufra- U go a Populonia 2000 anni fa, evento per grandi e piccini, costituito da una visita guidata al Relitto del Pozzino e animazione teatrale a cura di Massimiliano Gracili (Associazione Ars & Crafts). Venerdì 10 ore 21.30 Museo Archeologico del Territorio di Populonia (Piombino), c'è Progetto "Aithale". Ricerche sulla metallurgia antica, conferenza a cura di: Marco Benvenuti, Dott. Alessandro Corretti e Dott. Andrea Dini. Altre iniziative anche venerdì 17 ore 17.00 Museo del Castello e della città Museo archeologico del Territorio di Populonia (Piombino) "Quattro passi nella storia"; venerdi 24 agosto ore 21.30 al Museo del Castello e della città (Piombino) dove è prevista la conferenza a cura di Fabio Redi Alla ricerca di S. Cerbone. Indagine archeologiche nel golfo di Baratti. Infine, venerdì 31 agosto ore 21.30 al Museo Archeologico del Territorio di Populonia (Piombino), "La valle del vino etrusco. Ricerche archeologiche nella Valle dell'Albegna", conferenza a cura di Marco Firmati. Info: www.parchivaldicornia.it Lunedì 27 aGosto martedì 28 aGosto 84 · Maremma Magazine · Agosto 2012 mercoLedì 29 aGosto Giovedì 30 aGosto Partenza: Piazza Garibaldi - ore 17.00 Castiglione della Pescaia. Tipo di itinerario: Turistico. Durata: 3h c.a · Castiglione della Pescaia - Campionato Nazionale Multiclasse Manifestazione velica (Sunfish; Vaurien; Fly Junior; Iso) organizzata dal Club Velico Castiglione della Pescaia nelle acque antistanti il Porto. Info: tel. 0564 937098 - 933678 · Cinigiano - Terra e Qualità Poggi del Sasso ore 19,00 cantina di Collemassari, Amiata piano festival DIONISUS, direttore d'orchestra Andrea Ivaldi (musiche di Davies e Beethoven) · Follonica Parco Centrale 2012 Centro Studi Danza di Follonica FOLLONICA IN DANZA Stage di danza con i docenti Monique Pepi, Vincenzo Capezzuto, Simone Ginanneschi, Aida Snchez, Leonardo Magrini. Info 338.8330853 · Grosseto - "La Notte sì, ma di Giovedì" Evento organizzato dall'Ascom Confcommercio con il patrocinio del Comune di Grosseto che anima il centro storico con iniziative culturali e musicali · Massa Marittima - Percorso medievale Visita guidata su prenotazione e a pagamento al centro storico di Massa Marittima, ore 17 · Roselle (Grosseto) - "Orpheus" Spettacolo liberamente ispirato alle opere di Ovidio, Poliziano, Monteverdi, Gluck e Cocteau a cura del Teatro Studio nell'ambito della rassegna Il Fascino delle Rovine, presso il Parco di Pietra - La Cava, ore 18.00. Info: tel. 392.0686787 · Albinia (Orbetello) - "FESTA di FINE ESTATE" Concerti live, Teatro, Cabaret in Piazza della Chiesa. Info: Pro Loco Albinia tel/fax 0564/871774 · Capalbio - Vediamoci a Capalbio 2012 CAVALLI E BUTTERI: Raduno d'estate - Raduno con passeggiata a cavallo in notturna aperto a tutti gli amanti del cavallo ­ Manifestazione organizzata dal Circolo Scuola Cavalcanti di Maremma, presso il Campo Sportivo di Capalbio · Castiglione della Pescaia - Campionato Nazionale Multiclasse Manifestazione velica (Sunfish; Vaurien; Fly Junior; Iso) organizzata dal Club Velico Castiglione della Pescaia nelle acque antistanti il Porto. Info: tel. 0564 937098 - 933678 · Cinigiano - Terra e Qualità Poggi del Sasso ore 19,00 cantina di Collemassari, Amiata piano festival DIONISUS improvvisazioni Jazz con Danilo Rea tributo a De Andrè · Follonica - Corse al Trotto Convegno di corse al trotto in notturna all'Ippodromo dei Pini di Follonica. Info: tel. 0566/50706 · Follonica Parco Centrale 2012 Centro Studi Danza di Follonica FOLLONICA IN DANZA Stage di danza con i docenti Monique Pepi, Vincenzo Capezzuto, Simone Ginanneschi, Aida Snchez, Leonardo Magrini. Info 338.8330853 / ore 17.00 Casello Idraulico (fino al 7 settembre) Personale di pittura di Ado Ragazzini · Magliano - "Magliano si fa Strada" Degustazioni di vini e prodotti tipici promossa dalla Strada del Vino e dei Sapori Colli di Maremma in collaborazione con il comune di Magliano in Toscana nel borgo antico di Magliano in T. presso il Centro Enoturistico - dalle ore 20,00 alle ore 23,00. · Val di Cornia (Li) - "La valle del vino etrusco. Ricerche archeologiche nella Valle dell'Albegna" Conferenza a cura di Marco Firmati. Museo Archeologico del Territorio di Populonia (Piombino), ore 21.30. venerdì 31 aGosto i apre il 6 agosto alle ore 19 al Forte Stella di Porto Ercole (Comune di Monte Argentario), Danza Macabra, un'originale installazione di opere (video, audio, figurative, scultoree, concettuali) che, tra politica e filosofia, riflettono sul potere e sul concetto di responsabilità. L'evento trae spunto dalle stampe cinquecentesche del pittore Hans Holbein dedicate alla Dance des Morts e si propone di indagare con il linguaggio delle arti quanto vi è di macabro in ogni potere, linguaggio, verità dominanti. Ideata e diretta da Maurizio Cont, l'iniziativa è realizzata con la collaborazione di Gianmarco Serra dei musicisti Xabier Erkizia, Pietro Tonolo e Nada Malanima (che hanno composto una particolarissima Danza Macabra ad hoc), dei registi Lorenzo Lustri, Juanjo Aranguen, Isabel Herguera, arti visive Maurizio Cont, Gianmarco Serra, Luca Saraceni, Carlo Stoppa, Lupita Johanson, Asier Gorgotza, José Belmonte, Lucio Pari, Stefano Corti, Ria Lussi e dello studioso di suoni Marcello Liberato. "Un video, una frase, un suono, un canto, un colore, un pensiero. La danza macabra è S una... danza Macabra a forte Stella una metafora esistenziale ed essenziale di questo periodo storico; essa interroga e indaga la responsabilità e la possibilità di produrre opportunità e felicità, rimodellando, ripensando ragioni e valori. L'opera è anche una partitura per la costruzione di uno spazio acustico-sonoro, un canto, suoni, voci, vibrazioni, rumori, silenzi. La composizione sonora è fatta di elaborazioni elettroniche, armoniche, vocali che accompagnano l'opera nelle sue esposizioni. La Danza Macabra è prima di tutto un'azione politica svolta attraverso l'arte che intendere smascherare il vuoto e l'incompetenza, l'inadeguatezza e addirittura l'illegittimità del potere/linguaggio/verità dominante. È un semplice richiamo alla responsabilità e al diritto alla felicità". L'evento, patrocinato dal Comune di Monte Argentario e facilitato dalla Cooperativa Sistema Museo, è sostenuto interamente da sponsor privati. L'esposizione sarà visitabile fino al 26 agosto, tutti i giorni dalle ore 18 alle 22. All'inaugurazione del 6 agosto presso Forte Stella, alle 19 lo scrittore Efraim Medina Reyes farà delle riflessioni e performance su sessualità, religione e conformismo dirigendo un'assemblea aperta dal titolo: Adorno, Foucault, Lennon e il malinteso del presente. Quattro brevi considerazioni sulla cattiva coscienza. A Medina si opporrà una controperformance del sassofonista Pietro Tonolo incentrata sulla critica di un certo tipo di appassionati di Jazz e sull'ortoressia. Chiuderà l'incontro un'azione di Anonimo dal titolo Cultura, Turismo e lo zoo municipale. Forte Stella è situato nel comune di Monte Argentario. Il complesso monumentale fa parte del sistema fortificato di Porto Ercole per l'avvistamento costiero e per la difesa, la costruzione avviene tra il XVI e XVII secolo, è stato recentemente restaurato. Per informazioni, Gianmarco Serra 3285760997. l'agenda · 85 c'è dA vedere | Perle e itinerari da scoprire in terra di Maremma Le rubriche una visita alla cantina terenzi, un'esperienza da vivere Questo mese nel nostro consueto spazio "C'è da vedere, perle ed itinerari da scoprire in terra di Maremma" parliamo di vino e di un'azienda vitivinicola in particolare: Terenzi. Perché l'estate si presta non solo a rilassanti giornate al mare, ma anche a rinfrescanti ­ e tutte da godere ­ visite enologiche in cantina nell'entroterra collinare maremmano, magari dalle parti di Scansano, patria del Morellino.... L a Maremma si sa è terra di straordinaria bellezza. Dal Monte Amiata fino al mare il paesaggio è incredibile e abbraccia il nostro sguardo trasmettendo una pace e una tranquillità che è anche uno dei principali motivi per cui molte persone ogni anno fanno visita ai nostri amati luoghi. Ma la tranquillità, si sa, non sempre e non a tutti può bastare. Per chi è in cerca di un modo diverso di vivere una giorna- ta, per chi è stanco di oziare o magari se il tempo non è dei migliori per recarsi al mare, ecco una proposta ad hoc da cogliere al volo: una visita alla cantina Terenzi, una delle realtà più importanti del territorio della provincia di Grosseto. I vini di Maremma, Morellino in testa, sono in continua ascesa e anche all'estero si comincia a guardare con attenzione a questa zona meno conosciuta della Toscana in cui alcuni imprenditori stan- no investendo, guardando al futuro, verso un'enologia di qualità. Per vedere da vicino un'azienda che in questo sta facendo molto parlare di sé, in Italia e non solo, basta recarsi in località Montedonico, appena 5 minuti fuori Scansano in direzione Saturnia seguendo la SP159 e fermandosi al km. 82,8. Accoglie il visitatore un ampio ingresso oltre il quale sfilano sulla destra lun- 86 · Maremma Magazine · Agosto 2012 Nella foto il Wineshop; a sinistra un vigneto go la vallata i grandi vigneti immersi in un panorama meraviglioso. La struttura è stata pensata proprio per accogliere tutti coloro che, transitando su una strada importantissima come quella che porta alle Terme di Saturnia, avessero desiderio di conoscere meglio il territorio e i suoi vini. Fare scoprire ai visitatori il lavoro che si nasconde dietro ad ogni bottiglia, offrendo la possibilità di degustare e meglio comprendere i vini abbinandoli ai prodotti e ai piatti del territorio è infatti il principale obiettivo dell'azienda Terenzi. "Chi viene a trovarci la prima volta ritorna sempre, e ci lascia avendo imparato qualcosa in più sul vino e su questi luoghi, divenendo a sua volta un ambasciatore della Maremma nel mondo" dichiara Federico Terenzi che, insieme ai suoi fratelli Francesca Romana e Balbino conduce quest'azienda che è diventata ormai un punto di riferimento nel settore vinicolo e turistico della Maremma. Tre volti giovani e pieni di entusiasmo che hanno dimostrato di credere in un territorio che ha tanto da esprimere, in Italia e ancora soprattutto all'estero. Ed è proprio Balbino che ci illustra le tappe della visita. "I primi edifici che si incontrano dopo aver percorso alcune morbide curve bianche tra le vigne sono proprio le strutture della Locanda, ovvero un'elegante guest-house di sole nove camere molto spaziose arredate con estremo gusto e nel rispetto della tradizione con materiali di grande pregio e bagni molto ampi. I giudizi sui noti portali "booking.com" e "tripadvisor" parlano da soli e sono testimonianza di un lusso vero, vissuto dagli ospiti, che oggi risiede più nella sostanza e meno nell'immagine o nelle stelle delle vecchie e impolverate guide turistiche". Proseguendo poi per la strada che sovrasta la grande piscina a disposizione degli ospiti e rivolta verso il panorama dei vigneti si scende gradualmente verso la cantina, costruita in gran parte interrata e nel rispetto dell'ambiente circostante. Ed è qui dentro che oggi si creano alcuni tra i vini più apprezzati della Maremma, in primis tra tutti un ottimo Morellino "che in controtendenza rispet- le ruBrIcHe · 87 Nella foto l'angolo Bar ad un olio speciale prodotto nel proprio frantoio da ulivi secolari e alla elegante grappa di Morellino. "La struttura del Wineshop è stata costruita nel 2010, pensata proprio per meglio servire il pubblico ormai numerosissimo che ogni anno visita la struttura. Sono infatti oltre 30.000 le bottiglie acquistate direttamente in cantina ed il numero è in continua crescita. Nessuno infatti resiste al desiderio di portarsi a casa un vino di cui ha avuto la possibilità di seguire l'estrema cura del processo produttivo, dopo averlo degustato magari accompagnato dai prodotti e dai piatti della zona". Sono varie infatti le degustazioni che l'azienda offre: oltre alla tipica degustazione gratuita del solo vino assistiti dalla sommelier Letizia, vi è un'ampia scelta tra le degustazioni Tipica, Classica o Ricca che vanno dai 10 ai 25 euro, e sono dei veri e propri pasti anche se composti solo da abbondanti porzioni di bruschette salumi e formaggi locali, fino ai menù completi da 35 a 45 euro che invece comprendono primi e secondi piatti preparati dallo Chef Giuliano Tonini. L'ambiente è ampio e pur essendo una struttura imponente i colori e i materiali avvolgenti insieme al salottino in pelle con il caminetto vi faranno immediatamente sentire a casa. Attraverso questo viaggio gustativo si completa quindi un'esperienza unica ed un'opportunità di conoscere il territorio e i suoi prodotti. "Una volta lasciata l'azienda per ritornare ai propri luoghi, per coloro che non decidessero di soggiornare presso la locanda, si parte davvero arricchiti da un qualcosa in più oltre ai cartoni di vino nel bagagliaio", conclude Balbino. La visita alla cantina e alle persone che vi lavorano è una esperienza che lascia qualcosa di questa splendida terra, ed è una storia in più da raccontare a chi ancora non ha messo piede in questi splendidi luoghi o non ha mai avvicinato il naso ad un bicchiere di questi vini unici. Ma il viaggio continua attraverso il nuovo sito internet www.terenzi.eu che racchiude tutto il mondo Terenzi, dai vini alle ricette dello chef abbinate, fino alla possibilità di comperare nuovamente i vini con spedizione gratuita a casa una volta esaurita l'ultima bottiglia comperata in cantina, ricordando con nostalgia il panorama e i profumi della Maremma. 88 · Maremma Magazine · Agosto 2012 "la Maremma rivista", una nuova pubblicazione di conforto, confronto e scontro culturale Mutamenti è il tema del primo numero di questa nuova pubblicazione che si propone di Ri/visitare la Maremma, ricercarne le dinamiche, ripercorrerne la storia e la memoria, fotografare criticamente il presente, interrogandosi sul futuro saggi di grande spessore culturale di Mauro Papa e Francesca Mariotti. La sezione Passato e presente propone articoli di Mariangela Serra (sulle presunte tracce templari a Rocchette di Fazio confutando un'errata interpretazione di un'epigrafe dell'Ospedaletto), Angelo Biondi (su una fantasiosa interpretazione di un'epigrafe in Arcidosso), Piero Simonetti (sulla necessità di valorizzare le cave di Caldana), Irene Belli (sui processi migratori che hanno interessato e interessano la Maremma). La sezione Archivio presenta interventi di: Gianmarco Serra, sui musei della cultura contadina; Francesca Breschi (collaboratrice di Giovanna Marini) sulla nota canzone Maremma (con trascrizione musicale); Marta Temperini sulle "mascherate" di Raniero Temperini; e Paolo Nardini su un incontro dedicato alle tradizioni popolari. La sezione Scritture propone un atto unico di Velio Abati illustrato da belle xilografie di Viola Niccolai, mentre la sezione Letture propone due temi di approfondimento trattati da Francesca Mariotti e Alessandro Angeli. La sezione Antologia ospita un reportage sulle miniere di Boccheggiano del grande scrittore Federigo Tozzi. L'ultima sezione, curata da Corrado Barontini e Alessandro Angeli è dedicata a Recensioni & Schede. Decine di immagini, belle, di qualità ­ selezionate dal materiale iconografico esibito in occasione della manifestazione "La città visibile" curata da Mauro Papa, e messe a disposizione dagli autori ­ si intrecciano e si sovrappongono ai testi, formando un proprio percorso autonomo che, da se stesso, parla al lettore e approfondisce, visivamente, i temi del mutamento, evitando ogni forma di retorica e di oleografia che rimandino alla "Maremma com'era" per cogliere, invece, la realtà dei mutamenti e delle trasformazioni in atto. Per informazioni, per richiedere la rivista o visualizzarla on line è possibile contattare l'editore: info@moronieditore.it o www.moronieditore.it i chiama "La Maremma. Rivista" ed è una nuova pubblicazione, il cui numero zero è stato presentato nei mesi scorsi. Composta di 80 pagine a colori, grande formato su progetto grafico di Maurizio Cont, per Moroni editore, è diretta da Lucio Niccolai, coadiuvato da una Redazione composta da molti tra i nomi più importanti della nuova cultura maremmana. L'obiettivo è quello di rompere gli schemi ­ e con il formato e la veste grafica ci sono sicuramente riusciti ­ e di proporsi come un nuovo e diverso strumento di riflessione, approfondimento e dibattito, aperto e disponibile al confronto, al dialogo e alla collaborazione. Il numero d'esordio, sperimentale e innovativo nella forma e nei contenuti, suddiviso in sezioni tematiche, si apre con la prestigiosa presentazione del Prof. Zeffiro Ciuffoletti, Ordinario di Storia del Risorgimento all'Università di Firenze. Il Focus, Mutamenti, è dedicato alle trasformazioni del paesaggio con due S 90 · Maremma Magazine · Agosto 2012 estimonianze, racconti e la cronaca della tragedia vista con gli occhi dell'isola. "Quella notte al Giglio. Il dramma della Concordia" (primamedia editore/Edizioni Effigi) il volume, curato dal giornalista Cristiano Pellegrini che sin dalle prime ore ha seguito dall'isola la vicenda gestendo la comunicazione per conto del Comune di Isola del Giglio, è stato presentato a Torino all'interno del programma della XXV edizione del Salone Internazionale del libro. Il volume raccoglie i racconti di gigliesi e le dichiarazioni di chi quella notte del 13 gennaio 2012 dall'isola visse il dramma della Concordia, il naufragio della nave da crociera che è ormai divenuto uno dei peggiori disastri della marineria di tutti i tempi: dai soccorritori agli operatori, ai giornalisti. Di fronte ad una babele di uomini, donne e bambini, sbarcati improvvisamente sul molo, gli isolani non rimasero con le mani in mano a guardare. Come Mario che salì a bordo per T rimanerci fino all'alba a portare quei soccorsi che altri non stavano portando, Valeria che aprì la scuola per accogliere i naufraghi, don Lorenzo che spalancò le porte della chiesa e mise a disposizione anche i paramenti sacri. E ancora Tiziana che aprì il bar e si mise alla macchina del caffè, come il capo dei vigili urbani Roberto che invitò il comandante Schettino a risalire sulla sua nave. O come il primo cittadino Sergio che da terra coordinò i soccorsi... Il libro contiene anche una testimonianza del maestro Uto Ughi da sempre innamorato dell'isola dell'arcipelago toscano. All'incontro, moderato dalla giornalista del Tg1, Valentina Bisti è intervenuto anche il sindaco dell'Isola del Giglio, Sergio Ortelli. "Da questo libro emerge la parte buona di questo Paese, quella della solidarietà e dell'accoglienza. E il comportamento dei gigliesi quella notte andava raccontato nel giusto modo. Oggi finalmente anche a loro è stato tributato il giusto riconoscimento". Così Valentina Bisti, giornalista del Tg1 ha aperto l'incontro torinese al Salone del Libro. "Ancora non avevamo avuto il tempo di riflettere intorno a quello che ci è capitato a partire da quella tragica notte ­ ha detto il sindaco dell'Isola del Giglio, Sergio Ortelli ­. Adesso possiamo cominciare a farlo e questo libro ci aiuta senz'altro". "Le storie che ho raccontato ­ ha spiegato Cristiano Pellegrini, giornalista che dalle prime ore ha seguito la vicenda per conto del Comune ­ sono uscite da sole, bastava solo metterle per scritto. Si sono susseguite piccole e grandi vicende che aiutano a capire un terzo punto di osservazione finito in ombra, oltre a quello dell'inchiesta e dei naufraghi. Era giusto, infatti, raccontare il punto di vista di chi, quella notte, si trovò a dover aiutare in poche ore migliaia di persone e lo fece senza chiedere nulla in cambio". le ruBrIcHe · 91 "tombari, un progettista nella provincia italiana" Qualche tempo fa presso l'Archivio di Stato di Grosseto si è svolto un ciclo di incontri dedicato ai Grandi di Maremma, ovvero a quei personaggi che hanno segnato la storia di questa terra nel passato più o meno recente. Uno di questi incontri fu dedicato a Umberto Tombari, ingegnere, protagonista dello sviluppo urbanistico della città di Grosseto nel Dopoguerra. Pubblichiamo adesso il resoconto in quanto Tombari come altri è un personaggio senza tempo dI rossano Marzocchi Sono ripresi gli incontri sui personaggi che hanno segnato la storia della Maremma, incontri che hanno sinora avuto un discreto successo, sia per numerosi relatori e varietà di figure, sia per quantità di pubblico. Segno dell'interesse che c'è verso la prospettiva biografica. Oggi tocca all'ingegnere Umberto Tombari, un simbolo dell'espansione urbanistica di Grosseto, elemento trainante della città". Con queste parole Fiorenza Gemini, direttore dell'Archivio di Stato grossetano introdusse l'architetto Giovanni Tombari, nipote di Umberto, che evidenziò in una compiuta relazione le opere del nonno eseguite, prima e dopo la seconda guerra mondiale, non solo in provincia di Grosseto ma anche in quelle di Pisa e di Massa Carrara. "La figura è importante sebbene nel libro che ho scritto intitolato `Umberto Tombari - Un progettista nella provincia italiana', approfondisco solo un trentennio di storia edile grossetana ma che è La scuola in piazza De Maria " stata piena di avvenimenti politici, sociali e urbanistici. A partire dal 1920 con i suoi 20.000 abitanti Grosseto acquisisce il ruolo di capoluogo è chiusa nelle mura e piano piano comincia ad espandersi". Cosi esordì Giovanni nel descrivere le opere e i progetti del nonno nel periodo 1925-60. Tombari mostrò subito una foto di grande formato nella quale erano ritratti i neolaureati in ingegneria nel 1924 presso la scuola regia di Pisa; tra essi, oltre al nonno Umberto, un altro grossetano Leone Feroci. «Umberto dopo due anni di apprendistato a Firenze, esegue il primo lavoro: il ponte in cemento sull'Albegna. Si nota subito che le opere di Tombari si inseriscono in piena sintonia con l'ambiente culturale al quale apparteneva. All'inizio degli anni trenta l'attività edilizia stava partendo e si tendeva a costruire le case con pietre (di Moscona) e mattoni e ad abbellire le facciate per la borghesia limitandosi ad un semplice, ma Il palazzo dell'Enel in via Bonghi gradevole repertorio ornamentale. C'erano due tipologie secondo la spesa che il committente era disposto a sostenere e si lavorava sulla tipologia scelta. Si viene così a sapere che sono creature di Umberto Tombari i villini posti vicino al suo e quindi quelli in Via Buozzi, Trento, Dalmazia, Tolmino, ed i palazzi in Via Pola, Gorizia, Fiume e anche quelli progettati a Marina di Grosseto e più precisamente quello per l'avvocato Giovanni Magrassi (suocero di Tombari), quelli per le famiglie Nocentini, Servi, Giorgetti. Ma Tombari non si limita al liberty di destinazione borghese, ma sa inserirsi tecnicamente e artisticamente nel contesto sociale dell'epoca, progettando edifici all'insegna dell'ordine e della tradizione, senza trascurare alcuni slanci modernisti che segneranno comunque la sua opera. La Regia Scuola Tecnica Industriale di Piazza de Maria è "sua", così come il Consorzio Agrario a Grosseto e molti altri in provincia, l'albergo diurno di via Mazzini e la Colonia di Marina di Il Consorzio Agrario in via Roma 92 · Maremma Magazine · Agosto 2012 nomica e popolare ripartono anche i progetti più importanti, che vedranno Tombari protagonista, come il palazzo dell'Enel di Via Bonghi con la facciata bombata, l'Inam in via Don Minzioni, fino ad arrivare alla progettazione del Villaggio a Riva del Sole distinto in tre tipologie e del nuovo ospedale di Grosseto insieme all'ingegner Mario Luzzetti che entrerà in funzione nel 1974. Tombari cura anche la direzione dei lavori per lo stadio olimpico di Grosseto. La Banca d'Italia di Grosseto è l'ultima importante opera di Tombari, di cui segue la progettazione, insieme agli architetti Carlo Cocchia, Marcello De Gaetani e Armando Zanchi. L'edificio rappresenta uno dei primi modelli di "filiale tipo" sia nella distribuzione funzionale degli ambienti, sia nella dotazione degli impianti di sicurezza. Umberto Tombari che era nato a Massa Marittima il 26 agosto 1900, morirà a Grosseto il 12 gennaio 1984.» Questa la storia che narrò con giustificata partecipazione Giovanni Tombari che, con la sua esposizione e commento d'immagini, riuscì a coinvolgere il pubblico e a riportarlo in un passato dal sapore romantico, un revival in cui fu possibile ammirare belle e funzionali costruzioni, di diverso stile, in armonia con i luoghi, nei quali andavano ad inserirsi. Costruzioni da preservare che portano la firma di un progettista poliedrico e prolifico che non si è limitato a disegnare le opere edili, ma anche gli arredi, le particolari vetrate e perfino i corrimani, dando la sua impronta a lavori di grande livello. Ingegnere per laurea, ma architetto per qualità e soluzioni progettuali, come ha scritto Pietro Pettini, presidente dell'ordine degli Architetti di Grosseto nel libro "Umberto Tombari un progettista nella provincia italiana" di Giovanni Tombari all'inizio citato. L'ospedale di Grosseto Grosseto "Ivo Saletti" (1937-38), creata per ospitare 150 bambini su un terreno di quasi 6400 metri quadrati, per il cui progetto Tombari non chiese alcun compenso e l'omonima costruzione in via XXIV Maggio a Marina, che vedrà nella Rotonda della stessa frazione balneare, la massima espressione di questa architettura. Nel periodo bellico l'attività edilizia a Grosseto si blocca per riprendere poco dopo e si vedrà Tombari impegnato principalmente nella costruzione di quegli Villino in via Buozzi edifici tipici di prima necessità. Progetterà le case popolari a Batignano, Istia e Montepescali, ma anche ambulatori e scuole nel comune di Cinigiano. In quel periodo i Comuni devono muoversi in ristrettezze economiche per cui si deve badare all'essenziale, eliminando ricercatezze nei materiali e nei dettagli costruttivi e architettonici. Costruire subito, prima possibile e al minor prezzo dotando gli edifici dell'indispensabile. E con gli anni insieme all'edilizia ecoLa Rotonda a Marina di Grosseto le ruBrIcHe · 93 podere carrareccia, quando piccolo è bello e di qualità! Un altro esempio di piccola realtà maremmana che produce vini di qualità. Parliamo dell'azienda agricola Podere Carrareccia nell'alta Maremma, dalle parti di Massa Marittima, nel cuore della zona del Monteregio, dove da ormai circa trent'anni la famiglia Benini-Stanghellini sta ritagliandosi un proprio spazio "enologico" on sempre piccolo è sinonimo di deminutio. Nel mondo del vino ­ e ci è capitato di riscontrarlo spesso ­ le ridotte dimensioni di un'azienda fanno da contraltare a produzioni limitate, ma di grande qualità ed a prezzi interessanti. Una di queste realtà è l'azienda agricola Podere Carrareccia i cui vigneti ed oliveti si trovano nel cuore della Maremma toscana, tra le dolci colline di Massa Marittima. Si tratta di un'azienda a conduzione familiare di circa 20 ettari, creata negli anni `80 dalla famiglia Benini-Stanghellini, frutto della passione per la natura di persone legate a doppio filo ad N una cultura contadina di cui si permea, in molte zone, la Maremma. "L'amore ed il rispetto per la terra, da sempre presenti nella nostra famiglia e fonte di ispirazione di tante generazioni ­ sottolinea con passione Rossana Benini ­, si sono felicemente concretizzati circa trent'anni fa nell'azienda agricola Carrareccia situata nell'entroterra collinare, a metà strada fra il golfo di Follonica e la bellezza medievale di Massa Marittima. L'azienda si trova lungo le Strade del Vino Monteregio di Massa Marittima e rivolge il suo campo d'interesse sia a prodotti vinicoli che oleari. Produciamo infatti un olio IGP e tre tipi di vino DOC". Poiché la produzione è limitata (7.000 bottiglie di vino totali annue) tutto il processo è realizzato manualmente, nel rispetto della tradizione, convinti ­ a ragione ­ che l'attenzione data ad ogni singola bottiglia (sia di vino che di olio), sia il vero valore aggiunto e distintivo di questa piccola realtà vitivinicola, che per quanto piccola si presenta con una sua filosofia, un suo preciso tratto distintivo ed una sua storia da raccontare. Una storia che parla di passione, di impegno e abnegazione, senza i 94 · Maremma Magazine · Agosto 2012 lia a meno di 10 euro in cantina", edita da Slow Food Editore. L'etichetta Monteregio di Massa Marittima Rosso Orniglio 2008 è stata premiata per l'ottimo rapporto qualità-prezzo con questa motivazione: "Le famiglie Benini e Stanghellini, da sempre legate al mondo agricolo, hanno da pochi anni intrapreso un nuovo percorso produttivo. La Carrareccia, nuovissima azienda agricola a conduzione familiare, ottiene l'Etichetta con un prodotto schietto e gustoso, che ci ha impressionato favorevolmente, collocandosi al vertice della denominazione del Monteregio". L'altro rosso è l'arnaino, Sangiovese in purezza, "vitigno che qui esprime tutte le sue peculiarità di vino austero e concreto ­ sottolinea ancora Rossana Benini ­, lasciando, quindi, poco spazio alle veluttuosità e puntando dritto ad un frutto maturo bello netto. Di facile approccio e di sicuro appagamento, questo vino gode dell'uso sapiente della barrique che lascia in dote un leggerissimo tono tostato con note di vaniglia". In ultimo, il vino lillatraia ottenuto da una pressatura soffice di uve scelte di vermentino e successiva fermentazione a temperatura controllata. Ne consegue un vino particolarmente fresco, fruttato, dal sapore secco, complesso e lievemente acidulo. Lillatraia 2009 ha ottenuto la Medaglia d'oro nel concorso enologico Selezione del Sindaco 2009. L'azienda produce anche un pregiato olio: un extra vergine di oliva IGP toscano, frutto della sapiente unione di vari tipi di ulivi. "Il rispetto della tradizione e della cultura locale e l'uso ottimale ed oculato della moderna tecnologia ­ sottolinea Rossana ­ contraddistingue l'olio da noi prodotto. Da una parte la coltivazione di differenti varietà di olivi, quali frantoio, leccino, moraiolo e scarlinese ­ quest'ultima anche conosciuta come "olivastra", qualità prettamente autoctona ­ consente una funzionale miscela di vari gusti, ognuno con la propria peculiare caratteristica. Dall'altra l'utilizzo di macchine pneumatiche permette la raccolta giornaliera di grosse quantità di olive, garantendo quindi la spremitura entro le 12 ore. Il risultato è un olio extravergine I.G.P toscano dotato di profumo persistente e delicata piccantezza, davvero speciale". Info: Podere Carrareccia di Benini Rossana, Via della Cava, 28 - 58024 Valpiana (GR), sito web www.carrareccia.com, mail info@carrareccia.com, tel. 320 4479089. le ruBrIcHe · 95 WINE & FOOD NEWS un vortice di iniziative nel segno del Pecorino toscano dop Prosegue a pieno ritmo l'attività del Consorzio di tutela del formaggio Pecorino toscano Dop, unico formaggio Dop della regione Toscana. Molte le iniziative in cantiere, ma anche i progetti di ricerca con le università e le attività di promozione rivolte ai consumatori italiani e stranieri, per far conoscere e apprezzare sempre di più questo prodotto. Tra queste ultime in particolare spicca la sponsorizzazione della Fiorentina, la squadra di calcio toscana di serie A. Un altro importante operazione, che coinvolge il Consorzio, cinque aziende agricole e il Caseificio sociale di Manciano, è portata avanti dall'Università di Pisa e dalla Scuola superiore Sant'Anna, ed è finanziata dalla Regione con i fondi europei: riguarda la foraggicoltura e la mangimistica per migliorare le qualità nutrizionali del prodotto. Intanto, il Consorzio ha organizzato il primo corso di assaggiatori di formaggio della provincia di Grosseto ed ai partecipanti sono stati consegnati i diplomi di assaggiatore di primo livello da parte dell'associazione Onaf. Infine, da ricordare il lancio del concorso di idee per la creazione del logo promozionale del Pecorino Toscano D.O.P. (scaduto a fine luglio) da utilizzare nel materiale pubblicitario e di informazione. arriva il "Pecorino 30 km" del caseificio di sorano Si chiama "Pecorino 30 km" ed è una nuova linea di prodotti del Caseificio di Sorano presentata il 12 luglio scorso nel palazzo della Provincia. Si tratta di un formaggio fatto esclusivamente con il latte raccolto in aziende nel raggio di 30 km da Sorano: un nuovo prodotto di filiera corta che valorizza il territorio, garantisce l'alta qualità ed è a basso impatto ambientale. Raccogliere il latte in una zona così circoscritta permette infatti di ridurre al minimo i trasporti, di lavorare il prodotto in tempi molto brevi, assicurandone la freschezza e l'integrità delle proprietà organolettiche. La nuova linea di prodotti, commercializzata in esclusiva da Unicoop Tirreno, è costituita dal pecorino fresco di 4/6 settimane di stagionatura, dal pecorino stagionato, invecchiato 3/6 mesi e dal marzolino, una caciotta fresca di 2/3 settimane. Il Caseificio di Sorano garantisce al consumatore la massima tracciabilità del "Pecorino 30 km": nel sito, grazie ad una mappa satellitare interattiva, è possibile verificare le distanze tra lo stabilimento e i singoli allevamenti dove viene ritirato il latte; inoltre sono consultabili tutte le informazioni sugli ingredienti e le caratteristiche nutrizionali. coldiretti, nei mercati di campagna amica il pescato del nostro mare Il pescato a chilometro zero arriva anche sui banchi dei mercati di Campagna Amica. Dal 7 luglio scorso, l'offerta rivolta ai frequentatori del farmer market di via Roccastrada a Grosseto (martedì e sabato dalle 8,30 alle 13) si arricchisce di triglie, gamberoni, saraghi, scorfani, gattucci, paraghi, orate, muggini, spigole e merluzzi pescati a largo dell'arcipelago toscano. L'iniziativa nasce grazie "Impresa Pesca Coldiretti", impegnata a promuovere e tutelare il made in Italy anche di questo importante settore. L'offerta di pesce fresco al mercato di Campagna Amica punta a garantire un canale di vendita privilegiato, a filiera corta, completandone l'offerta, a fianco di ortaggi, frutta di stagione, carni, salumi, formaggi, vino e olio. Il pescato è quello della Cooperativa Costa d'Argento, azienda di eccellenza nella cattura e nella commercializzazione del settore nel Mar Tirreno. la filiera corta del pane realizzato con farina di grani antichi. unica esperienza in toscana Riscoprire le genuinità e il sapore del pane prodotto utilizzando i grani antichi, con tecniche tradizionali di lievitazione naturale, a fermentazione acida, lontane dalla produzione su scala industriale. Un ritorno al passato da cui parte una vera e propria operazione di marketing territoriale. È questo il senso del progetto "La memoria dei semi" che prende vita sul Monte Amiata, nei comuni di Semproniano e Roccalbegna, per volontà di un'associazione locale, "La Piazzoletta" impegnata da oltre 6 anni in attività di animazione del territorio. Il progetto, presentato il 14 luglio scorso nel Palazzo della Provincia, prende avvio con l'attività di ricerca dei semi antichi, iniziata dall'associazione nel 2009, e si pone l'obiettivo di costruire una filiera corta che comprenda tutte le fasi: dalla selezione dei cereali sulla base delle proprietà organolettiche, alla coltivazione con tecniche tradizionali a basso impatto ambientale, dalla lavorazione delle farine, alla produzione del pane, fino alle prove di assaggio e alla diffusione del prodotto. I primi semi antichi utilizzati dal progetto sono 6 grani teneri (Autonomia, Abbondanza, Frassineto, Rieti, Sieve e Gentil Rosso) un grano duro adatto alla pasta (Senatore Cappelli) e un cereale molto antico: il farro Monococco, ricostruito nel sud Italia dopo 2mila anni di assenza. Tutte queste varietà sono state individuate, coltivate in purezza e moltiplicate. Al progetto partecipano oltre ai Comuni di Semproniano e Roccalbegna, 3 aziende agricole locali che hanno riprodotto con tecniche di coltivazione naturale a rotazione i primi semi antichi recuperati dall'associazione; un forno e 4 attività ricettive che hanno fatto assaggiare il pane. `benvenuta vendemmia', il 9 settembre tutti in vigna con il Movimento turismo del vino Cantine in festa per vivere l'atmosfera della raccolta delle uve secondo tradizione: domenica 9 settembre tutti in vigna con Benvenuta Vendemmia del Movimento Turismo del Vino. Una giornata per scoprire l'universo vino dal grappolo alle botti, abbinando alle visite in azienda passeggiate fra i vigneti, degustazioni con prodotti tipici e momenti di relax e divertimento. Per info www.movimentoturismovino.it 96 · Maremma Magazine · Agosto 2012 de triachi, la passione e il lavoro di una famiglia toscana di viticoltori dI clauDia Della Monaca "Dove si incontrano i paesaggi della Toscana e il segno dell'uomo è parte con la natura, dove il silenzio ha spazio e racconta la storia. Quassù, tra la Maremma e l'Amiata, montagna gentile, tra Montalcino, Grosseto, il mare e la neve, a Poggio Ferro di Seggiano la famiglia De Triachi, vive e lavora aggrappata alla sua terra da sempre..." Vi raccontiamo una storia di radici. Quelle delle piante si intrecciano a quelle della famiglia: come la vite e l'olivo, siamo fortemente legati a queste terre, fin dal primo Morganti di cui si hanno notizie: un produttore di vino ed olio, vissuto nel XII secolo. Oggi Donatella e Giulio, suo discendente ed omonimo, hanno dato nuova vita a questa antica tradizione familiare, battezzando l'azienda con il nome del ramo della famiglia Morganti a cui apparteneva il suo avo. De Triachi, il lavoro e la passione di una famiglia toscana". Si apre così il sito web dell'azienda vitivinicola che presentiamo in questo nume- " ro di agosto di Maremma Magazine nel consueto spazio dedicato ai protagonisti dell'enogastronomia maremmana. L'azienda in questione si chiama De Triachi ed è situata nelle vicinanze di Poggio Ferro, sulle pendici montane di Seggiano, territorio ricco di tradizioni e di tipicità ma anche luogo privilegiato per il clima e per il particolare terroir, poco distante dalle colline senesi di Montalcino e dal Monte Amiata. Ed è in questo angolo di paradiso che nasce la scommessa di Donatella e del marito Giulio, che guidati dalla passione per la terra, supportati da nonno Raimondo e dai figli Daniele e Massimilia- no, decidono nel 2003 di acquistare questa azienda con un solo obiettivo: produrre vini e olio di qualità. Il nome De Triachi è per ricordare il primo Morganti, di cui si hanno notizie: quel "produttore di vino e di olio, vissuto nel XII secolo", cui si accennava all'inizio. Ed è proprio in suo onore che un bel po' di secoli dopo Giulio, suo discendente ed omonimo, ha deciso di chiamare l'azienda così: "con il nome del ramo della famiglia Morganti, a cui appunto apparteneva il suo avo". L'azienda dispone attualmente di 3,7 ha di vigneto, collocati a 500 metri 98 · Maremma Magazine · Agosto 2012 s.l.m., in una zona particolarmente soleggiata e con una vista mozzafiato, dove si coltivano i vitigni sangiovese, cabernet sauvignon e merlot. "I vigneti sono situati in un ambiente naturale raccolto e particolare ­ ci spiega Donatella ­ ai piedi di boschi di castagni, circondati da colline, godono di condizioni climatiche uniche. L'equilibrata ventilazione portata dal monte e l'escursione termica fra il giorno e la notte generano un microclima che ben si coniuga con le particolari caratteristiche del terreno. Tutto questo contribuisce a dare alle uve una qualità organolettica superiore". La produzione annua è di 10/11 mila bottiglie. I vini prodotti sono: Montecucco Sangiovese Doc, Montecucco Rosso Doc e Maremma Toscana "Morganti" IGT (Supertuscan), vino, quest'ultimo, che Donatella e Giulio hanno voluto dedicare proprio ai loro figli Daniele e Massimiliano. Vini d'eccezione come d'eccezione può definirsi l'enologo che l'Azienda De Triachi ha scelto di avere al proprio fianco in questa che loro stessi considerano "un'avventura": Paolo Vagaggini, il cui nome, in campo enologico, non ha bisogno di presentazioni, essendo considerato, tra l'altro, uno dei 12 migliori enologi italiani e uno dei massimi esperti mondiali di Sangiovese. L'azienda De Triachi punta sulla qualità, producendo vini di livello elevato economicamente alla portata. "I nostri vini ­ sottolinea con orgoglio Donatella ­ sono come noi stessi. Sono fatti di luce, racchiudono la forza di una terra dura di minerali, raccontano le storie della nostra famiglia, della Toscana, di Maremma e dell'Amiata". I vigneti e l'oliveto vengono seguiti costantemente e con grande cura anche da nonno Raimondo (padre di Donatella) che alla veneranda età di 83 anni, partecipa con passione e amore alla cre- le ruBrIcHe · 99 Inoltre, l'azienda produce anche un'ottima grappa, elaborata dalla storica distilleria Nannoni, sinonimo di esclusività e pregiata qualità. "Il riposo per lungo periodo in barrique, il suo colore oro dai riflessi ambrati ­ ci dice ancora Donatella ­ la rendono ricca di grande fascino e sa regalare momenti di intenso piacere. Ideale chiusura di un pasto speciale. Il nostro segreto? Una goccia nel caffè. Prendetelo come un suggerimento...". Info: De Triachi di Donatella Martellini, loc. Poggio Ferro, Seggiano, tel. 349 3555954, sito internet www.detriachi.it, mail info@detriachi.it I VInI de trIacHI sangiovese Montecucco doc altitudine: dai 400 ai 500 metri s.l.m. densità media per ettaro: 4000 piante Produzione media per pianta: 900 gr. uvaggio: Sangiovese 90%, Merlot 9%, Cabernet Sauvignon 1% raccolta: dal 15 Settembre al 15 Ottobre vendemmia: manuale in piccole cassette affi namento: 12 mesi in legno ed almeno 6 mesi in bottiglia titolo alcolometrico: 14% vol. colore: rosso rubino intenso Profumo: intenso ed avvolgente, fruttato con nitida nota di marasca sapore: caldo e potente, morbido e sapido con nerbo acido abbinamenti: primi piatti con sugo, carni rosse alla brace, carni bianche e selvaggina di pelo. rosso Montecucco doc altitudine: dai 400 ai 500 metri s.l.m. densità media per ettaro: 4000 piante Produzione media per pianta: 1000 gr. uvaggio: Sangiovese 80%, 16% Merlot, 4% Cabernet Sauvignon raccolta: dal 25 Settembre al 15 Ottobre vendemmia: manuale in piccole cassette affi namento: 6 mesi in legno ed almeno 4 mesi bottiglia titolo alcolometrico: 14% vol. colore: rosso rubino vivace Profumo: fragrante e suadente, ben fruttato con nitida nota di ciliegia sapore: equilibrato e morbido, vivace e piacevole abbinamenti : primi piatti delicati e minestre di farinacei, carni rosse in umidi non piccanti, carni bianche anche alla brace. Morganti Igt toscana rosso altitudine: dai 400 ai 500 metri s.l.m. densità media per ettaro: 4000 piante Produzione media per pianta: 700 gr. uvaggio: Sangiovese 50%, Cabernet Sauvignon e Merlot 50% raccolta: dal 25 Settembre al 15 Ottobre vendemmia: manuale in piccole cassette affinamento: 24 mesi in piccole botti di rovere francese ed in bottiglia per almeno 6 mesi titolo alcolometrico: 14% vol. colore: intenso e molto ricco di sfumature Profumo: varietale e suadente, intrigante sapore: potente, morbido con sapidità di "un cabernet di montagna" abbinamenti: primi piatti con sugo, selvaggina di pelo e di penna, carni alla brace. 100 · Maremma Magazine · Agosto 2012 gli gnudi o ravioli, una bontà a tavola Una ricetta molto semplice, ma che come sempre ha bisogno di accorgimenti e piccole tecniche per poter raggiungere un risultato eccellente da leccarsi i baffi. Ottimi alla besciamella o con burro e salvia, ma ancora meglio per una preparazione estiva è condirli con una fresca salsa di pomodoro e basilico dI alissa MaTTei* n casa mia (dei miei genitori), si preparavano poche leccornie, perché la mamma che lavorava tutti i giorni, la domenica voleva andare a mangiare al ristorante, tuttavia mi ricordo che ogni tanto si sacrificava e preparava i "ravioli", che avevo assaggiato I anche in casa della nonna napoletana. Si chiamavano così le palline di ricotta e spinaci che non erano altro che l'interno dei tortelli maremmani, con un nome che in genere viene attribuito alla pasta ripiena in altre regioni italiane. In altre parti della Toscana vengono chiamati "strozzapreti" o "gnudi", che rimanda proprio al fatto che stiamo parlando del ripieno del tortello e si sono dunque svestiti della pasta. E così, continuando la tradizione familiare, quando invito nuovi amici a casa, li alletto con questa ricetta che è 102 · Maremma Magazine · Agosto 2012 Preparazione gnudi Cuocete gli spinaci in acqua salata e bollente per pochi minuti. Scolate molto bene e tritate finemente. Lavorate la ricotta, scolata dalla sua acqua e mescolate i due componenti. Aggiungete le uova, la noce moscata, il formaggio e lavorate fino a che non sarà diventato un impasto fine e morbido. Formate delle palline che infarinerete prima di cuocerle in acqua bollente fino a che non vengono a galla. Possibilmente non usate farina nell'impasto, aggiungetela solo se necessario dopo aver fatto una prova di cottura e verificato che non si sfanno nell'acqua. Preparazione salsa Spellate i pomodori rossi immergendoli mezzo minuto in acqua bollente, tagliateli a pezzettini, e metteteli nell'olio dove avrete imbiondito l'aglio. Salate ed aggiungete le foglie di basilico. Disponete in una pirofila la salsa, gli gnudi ed ancora salsa e parmigiano e gratinate in forno per circa 15 minuti. In alternativa adagiate gli gnudi nella padella dove avete cotto la salsa di pomodoro e girateli nel sugo in modo che si condiscano bene. Serviteli caldi e fumanti con altro parmigiano se desiderate. *Alissa Mattei e Luciano Cipriani vi aspettano per assaporare questo, come tanti altri prelibati piatti della cucina maremmana, ma non solo, presso il Bed & Breakfast - Ristorante Casa Montecucco, situato tra Giuncarico e Ribolla, in loc. Castel di Pietra - 58020 Gavorrano. Info per prenotazioni: tel. 0566 80135, e-mail casamontecucco@libero.it Le news canti e musica popolare con Il coro degli etruschi e la cantante folk lisetta luchini nella suggestiva cornice del "giardino di elenina" a Montepescali Serata di canti, di suoni e di poesie dedicate alla Maremma. Si è svolta a Montepescali sabato 14 luglio nell'accogliente "Giardino di Elenina" già Teatro Minimo di Montepescali; un ambiente suggestivo nel quale ha avuto luogo la sorprendente serata interamente dedicata alla Maremma con gli interventi del Coro degli Etruschi e della cantate folk Lisetta Luchini accompagnata dal mandolino di Marta Marini. Attraverso il canto popolare e la poesia, "La Maremma dei lavori e degli amori", com'era nel titolo, è stata raccontata con la voce narrante di Vittorio Mazzantini che ha saputo legare con le parole l'alternarsi delle voci e dei suoni. La Maremma d'un tempo, terra marginale, malamente collegata al resto d'Italia, dominio incontrastato della malaria e della miseria, popolata prevalentemente da pecorai, e carbonai, badilanti e terratichieri, da minatori e da braccianti stagionali si è fatta pian piano giocosa ed accogliente con le sue tradizioni che ancora oggi ne disegnano l'entroterra culturale. La serata è andata avanti per un paio d'ore con l'alternarsi delle voci e delle armonie musicali, con una bellissima poesia di Elena Cipriani dedicata alla gente di maremma, con alcuni testi di Morbello Elena Cipriani Nella foto (di Elena Barontini) il Coro degli Etruschi in concerto nel "Giardino di Elenina" a Montepescali Vergari interpretati da Alessandro Meoni, Marco e Sesto Vergari, Corrado Barontini. Lo spettacolo ha dato una propria chiave di lettura alla storia di questa terra fatta di sofferenze e difficoltà, di lavoro e fatica ma anche di amore, di passioni, di lotte. Alla Maremma si sono legate le storie d'amore di uomini e donne che hanno saldato le proprie radici al vivere quotidiano; a volte scherzando con gli affetti come in un gioco delle carte (lo ha fatto Lisetta Luchini interpretando un testo da cantastorie, di quelli che giravano nelle Fiere per far divertire le persone incantate ad ascoltare e pronte a comprare il foglio volante da portare a casa). Altre giocando sul doppio senso delle parole come nel caso della canzone "La Leggera", interpretata dal Coro degli Etruschi che, con la propria coralità, ci ha raccontato in maniera giocosa di quei braccianti stagionali, che qualcuno chiamava "leggère"; l'appellativo era frutto dell'umorismo toscano, ma al tempo stesso derivava dall'inconsistenza del bagaglio di questi braccianti che avevano con sé solamente una misera sporta... e la loro povertà, paradossalmente legata alla propria libertà d'espressione. Non è mancato il richiamo ai Maggi che sono la parte più diffusa della tradizione canora in Maremma. È stato ricordato Salvo Salviati, con un suo testo: "L'ultimo Maggio", cantato da Lisetta. La serata si è conclusa con un simpatico rinfresco, offerto da Elena e Vittorio, a base di "Donzelle". Il Coro degli Etruschi era al completo con i propri componenti che vogliamo ricordare; oltre a Corrado Barontini (collaboratore di questa rivista), hanno partecipato: Stefania Cappuccini, Celestino Di Marte, Manuela Goracci, Alessandro Meoni, Giorgio Piola (fisarmonica), Moraldo Pompili, Giorgio Sgherri (chitarra), Nanni, Marco e Sesto Vergari (quest'ultimo ha duettato in alcuni brani con Lisetta Luchini). Una novità il debutto di Rosita Di Marte con il proprio violino. Paolo regina ha lasciato l'ascom di grosseto Paolo Regina, direttore dell'Ascom di Grosseto dal 2007, ha lasciato l'incarico ricoperto per cinque anni, per raccogliere una nuova opportunità professionale in Emilia Romagna. "Dai primi di luglio ­ ha spiegato lo stesso Regina con un comunicato inviato agli organi di stampa ­ ho deciso di lasciare il mio incarico di direttore dell'Ascom di Grosseto. Le motivazioni sono di carattere esclusivamente personale: nuove opportunità di lavoro mi sono state offerte altrove e ho deciso di accettarle e di raccogliere le nuove sfide. Sono sempre stato convinto della necessità, per un uomo e per un professioni- 104 · Maremma Magazine · Agosto 2012 sta, di aprire i propri orizzonti e di affrontare con coraggio le opportunità e le incognite che la vita ci propone costantemente. In Maremma lascio un pezzo importante della mia vita, anche professionale. Ho incontrato persone meravigliose, capaci, ricche di dignità e intelligenza. Belle persone, come la terra da cui provengono. Le sfide, i contrasti, i momenti belli e anche quelli meno gratificanti sono stati tutti utili e costruttivi per me. Lascio un'Associazione importante, che può contare su personale qualificato e professionale, guidata da una dirigenza giovane e capace, di cui ho la massima stima. Ho la presunzione di aver dato un piccolo contributo per far crescere la "nostra" Maremma e Grosseto. La politica degli eventi, ad esempio, anche se a volte non condivisa da tutti, credo che abbia contribuito ad animare il nostro capoluogo, le sue attività commerciali e il turismo. Da piazze d'Europa, alle Notti Bianche, ai giovedì musicali di luglio e agosto, abbiamo dato il nostro apporto per cambiare un po' il volto del capoluogo e renderlo più vivo e vivace. Sicuramente tanto altro si potrà fare e verrà fatto anche meglio, ma mi piace pensare di aver lasciato un piccolissimo segno. Desidero ringraziare e salutare ­ ha concluso Regina ­ tutti coloro che ho avuto la fortuna di conoscere, dalle Istituzioni, politiche ed economiche, ai miei colleghi dell'Ascom, delle altre Associazioni, i piccoli imprenditori, gli amici e tanta gente "comune" che ha saputo darmi molto umanamente e professionalmente. Grazie a tutti voi e alla Maremma, una terra che non dimenticherò e che, ogni tanto, tornerò a visitare". Decisamente rammaricato per la decisione presa il presidente Ascom, Filippo Lombardelli, che a nome della Giunta, ha voluto ringraziare l'ormai ex direttore: "Accogliamo la decisione del direttore con dispiacere. Rispettiamo le scelte professionali e personali di Paolo Regina e gli auguriamo buon lavoro per le sue nuove scelte lavorative. L'Ascom sotto la sua guida ha ottenuto importanti risultati, attestati dal prestigio riconosciuto e da notevole visibilità. La politica degli eventi per animare il commercio e il turismo nelle nostre città è stato un tassello importante di politica associativa che porteremo avanti in una logica di continuità. Così come le scel- "grifone d'oro" 2011 alla memoria del prof. camarri Il Grifone d'Oro, massimo riconoscimento della città di Grosseto per il 2011 andrà alla memoria del Professor Eraldo Camarri, illustre medico della città scomparso l'anno scorso proprio in questo periodo. La cerimonia di consegna come da tradizione il 10 agosto elle scorse settimane il Consiglio Direttivo della Pro Loco di Grosseto, riunitosi nell'ufficio del Sindaco Emilio Bonifazi, dopo aver esaminato la rosa dei nominativi selezionati considerati meritevoli, ha deciso di assegnare il Grifone d'Oro 2011 alla memoria del Professor Eraldo Camarri, illustre medico della città scomparso l'anno scorso proprio in questo periodo. È la seconda volta, dopo il premio a Roberto Ferretti, che il "Grifone d'Oro" viene assegnato "alla memoria". N Il Grifone d'Oro ­ lo ricordiamo ­ è la massima onorificenza della città di Grosseto assegnata ogni anno, sin dal 1957, per iniziativa della Pro Loco, in occasione delle celebrazioni di San Lorenzo, a privati o enti che si sono particolarmente distinti e che hanno contribuito ad esaltare i valori culturali, economici, sociali e turistici della città e della Maremma. "Anche quest'anno ­ ha commentato il Sindaco Bonifazi ­ abbiamo tutti insieme voluto dare un meritato riconoscimento ad una figura significativa quale indubbiamente è quella del Prof. Camarri, che si è impegnato tutta la vita al servizio degli altri e ha dato lustro a questa città". "Il curriculum del Professor Camarri ­ ha commentato il Presidente della Pro Loco di Grosseto, Umberto Carini ­ è a tutti noto ma quello che mi preme sottolineare è proprio la sua grossetanità e il suo amore per i propri concittadini. Sicuramente un nome come il suo ­ ha concluso ­ risulta tra i più meritevoli per questo importante riconoscimento" Il Grifone sarà assegnato la sera del 10 agosto in piazza Dante, come di consueto alla presenza delle autorità e della cittadinanza in occasione delle celebrazioni del Patrono di Grosseto. Eraldo Camarri le neWS · 105 della storia". «Il valore della nostra isola è il mare ­ spiega il sindaco di Isola del Giglio Sergio Ortelli ­ e in tutta la nostra storia questo è l'oggetto più importante e prezioso che è stato rinvenuto proprio in mare. Quello che vorrei dire a chi è in possesso dell'elmo, in uno spirito di amicizia e per conto del popolo di Giglio, di riconsegnarlo a questa comunità che ha dimostrato al mondo intero, in occasione di un altro grave naufragio, grande solidarietà e senso di responsabilità». «Ho visto tutti gli elmi esistenti, e questo è di gran lunga il più bello ­ aggiunge Mensum Bound ­ non c'è nient'altro di simile in tutto il mondo. È un'opera unica». Al convegno sono intervenuti proprio i protagonisti della campagna di scavi del 1962 Reg Vallintine, Mensum Bound e Joanna Wellowlesse, il Maestro Brandaglia che ha realizzato la copia dell'elmo, Paola Rendini, Responsabile della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, il gruppo archeologico gigliese e la Titan Salvage che ha dato la disponibilità a sostenere la campagna. la città di grosseto ricorda l'artista carlo gentili con l`intitolazione di un largo nel centro storico La Città di Grosseto ha dedicato una via al maestro Carlo Gentili, artista cittadino autore di numerose e raffinate opere in diversi campi, dalla pittura alla scultura, dalla fotografia alla poesia. La cerimonia d'intitolazione si è svolta il 14 luglio scorso alla presenza del sindaco Emilio Bonifazi e dei familiari del pittore. A Gentili è stato intitolato un largo, sulla via Garibaldi, tra piazza Martiri d'Istia e piazza Pacciardi. Proprio in quell'area dove per anni ha avuto la sua bottega dell'arte. Al maestro l'Amministrazione comunale aveva dedicato alla fine del 2010 una grande retrospettiva al Cassero senese per il centenario della sua nascita; un'occasione per rendere merito alla sua opera e proseguire nel percorso di valorizzazione dei maestri dell'arte maremmana del Novecento già intrapreso dal Comune. Carlo Gentili è stato uno dei pittori grossetani più importanti del Dopoguerra e un maestro riconosciuto per le successive generazioni di artisti locali.Vissuto a Grosseto dal 1910 al 1996, considerato una "figura determinante nel panorama artistico locale dagli anni Trenta fino agli anni Novanta, Gentili è una personalità versatile, un artista che si è dedicato alla scultura, appresa in giovinezza nella bottega di Ivo Pacini, alla pittura, in sintonia con le espressioni artistiche realiste di Guttuso,Treccani, Zancanaro, fino alla grafica e alle arti applicate. È stato autodidatta, inclinato per istinto verso l'arte, perché, come ha sempre affermato, l'artista `è colui che nasce con l'istinto di disegnare, di riproporre ciò che vede e ciò che sente'. La sua bottega era un luogo d'incontro naturale per artisti, intellettuali locali e forestieri, dove si dipingeva e insieme si discuteva quotidianamente di pittura. Nilo Bacherini, Mario Nanni, Maurizio Nardini, Lucio Parigi, Dino Petri, fino agli artisti di ultima generazione, come Paolo Cimoni e Irma Alonzo, ricordano quanto fu determinante la figura di Carlo nella riflessione dei Nella foto, un momento della cerimonia di intitolazione del Largo a Carlo Gentili le neWS · 107 Scapin: "ecco le grandi querce, simbolo di robustezza e leggerezza, che punteggiano e scandiscono la campagna dipinta in tutte le varietà di forma e di colore. Ecco gli ulivi, con i fianchi contorti e le loro chiome argentee..." La mostra, che propone dipinti ad olio, acquarelli, disegni ed incisioni, sarà aperta fino a fine settembre. Info: www.trattoriadasbrana.it la Provincia investe 100mila euro nella formazione degli operatori turistici per migliorare il sistema dell'accoglienza La Provincia di Grosseto destina 100mila euro del Fondo sociale europeo alla formazione degli operatori del settore turistico per migliorare il sistema dell'accoglienza, consentendo a quanti lo desiderano di acquisire tutte le competenze necessarie per sfruttare al massimo le opportunità che arrivano dal web e dai social relativamente allo scambio e alla condivisione di contenuti sulla Maremma Toscana. L'obiettivo è quello di creare un network pubblico-privato, una rete di soggetti in grado di garantire attraverso la condivisione di racconti, immagini, video, un "palinsesto" del territorio costantemente aggiornato e accessibile, per fornire informazioni sempre corrette e utilizzando lo stesso linguaggio agli ospiti delle singole strutture. Il primo appuntamento con la formazione, finanziata dal fondo sociale europeo, si è tenuto il 27 giugno scorso nell'aula Magna del Polo universitario grossetano con l'incontro "2.0 per il turismo: gli strumenti". L'iniziativa è stata organizzata dalla Provincia in collaborazione con Bto educational e ha offerto l'intervento di Robert Piattelli e di altri 108 · Maremma Magazine · Agosto 2012 Visita del Soroptimist club di grosseto a poggio Ballone Con il Soroptimist alla scoperta del 21° Gruppo Radar Aeronautica, di stanza ormai dalla primavera del 1967 a Poggio Ballone a pochi km. dal piccolo paese di Tirli nel territorio del comune di Castiglione della Pescaia l 13 giugno scorso un gruppo di Soroptimiste di Grosseto, dopo aver attraversato la campagna maremmana ed essersi inerpicato nella strada fra boschi di macchia mediterranea che porta dal livello del mare ad un'altezza di oltre 600 metri, ha fatto visita al 21° Gruppo Radar Aeronautica, di stanza ormai dalla primavera del 1967 a Poggio Ballone a pochi chilometri dal piccolo paese di Tirli nel territorio del comune di Castiglione della Pescaia. Consegnati all'entrata i documenti di riconoscimento ed i libretti di circolazione per parcheggiare le macchine nell'area militare inizia la visita. Quercia è il nominativo col quale da oltre 40 anni gli uomini del 21° Gruppo Radar dell'A.M. operano incessantemente per assicurare la sorveglianza militare dello spazio aereo assegnato alla stessa unità nella rete NATO di Comando e Controllo di Difesa Aerea. All'inizio degli anni `50, con la ricostruzione del modello difensivo nazionale, le istallazioni di Pratica di Mare vennero riattivate con radar di produzione inglese e su un piccolo colle, detto Macchia Capretta, iniziò ad operare un radar di avvistamento e controllo intercettori. Sulla cima di Macchia Capretta si ergeva una religiosa quercia, che divenne simbolo del Radar, impiegato nelle missioni addestrative con i primi velivoli. Attualmente il 21° Gruppo Radar ha compiti di sorveglianza dello spazio aereo e controllo dei velivoli intercettori nell'ambito della rete di Difesa Aerea Nazionale ed integrato con la più vasta rete radar NATO. Ai controllori della Sala Operativa il compito di allertare i piloti intercettatori, ai quali, una volta in volo, vengono fornite tutte le informazioni indispensabili per lo svolgimento delle intercettazioni. Un compito complesso e delicato reso ancora più importante dal fatto che il 21° Gruppo Radar è stato il primo della Difesa Aerea Nazionale ad avere in dotazione il I nuovo sensore Radar 3D Long. La QUERCIA ci accoglie facendoci ammirare un aereo ed un radar nello slargo che segue l'ingresso. Quasi scortate veniamo condotte dal "comandante" Fabio Stefanizzi, che ci attende in una stanza approntata per una proiezione di un filmato a dimostrazione di quanto viene attuato oggi come sicurezza aerea e difesa degli spazi aerei. Dopo veniamo condotte nella sala radar dove è in corso una esercitazione, che vede impegnati radaristi provenienti da diverse parti d'Italia: è una vera e propria full immersion... Nella foto un momento della visita Da ultimo veniamo accompagnate sulla vetta del Poggio per ammirare questo gigantesco radar ed una veduta del paesaggio veramente mozzafiato... Nei giorni in cui il cielo è limpido si arriva a vedere molto bene anche la Corsica. Nell'accomiatarci ci rendiamo conto che abbiamo visitato una "eccellenza" della Maremma e dell'Italia: ci siamo arricchite di esperienze umane, tecniche e paesaggistiche... missione compiuta. Grazie QUERCIA. Anna Maria Briganti Presidente Soroptimist Grosseto le neWS · 109 "passione Maremma", primo concorso fotografico e video È indetto dalla Camera di commercio di Grosseto ed è rivolto a chi ama la Maremma ma non vive in Maremma, per esprimere attraverso le immagini la propria passione per questo territorio. È possibile inviare il materiale entro il 30 novembre. In palio un soggiorno per due persone nel grossetano Provincia www.turismoinmaremma.it vengano acquisiti in automatico nei portali delle loro aziende. al via il servizio di help desk turistico della Provincia di grosseto È partito ufficialmente il 23 luglio il servizio di help desk turistico della Provincia di Grosseto. Si tratta di un servizio d'informazione e supporto ai turisti che viene attivato dall'Ente poiché il progetto Mitup ­ Maremma Informazioni Turistiche Unico Provinciale ­ è stato bloccato dal ricorso al Tar e Consiglio di Stato. L'help desk è, quindi, un servizio emergenziale in attesa di una decisione definitiva rispetto all'esito della vicenda legale, attivo tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 19 fino al 15 settembre. Il desk risponderà alla nuova linea telefonica 0564/484848 e alle mail infoturismo@provincia.grosseto.it, oltre ad accogliere eventuali ospiti nell'ufficio grossetano di via Monterosa 206. "Abbiamo ritenuto che fosse indispensabile dare una risposta concreta ai nostri ospiti, non appena abbiamo avuto notizia dell'esito del ricorso al Tar da parte delle Cooperativa Colline Metallifere ­ commenta Gianfranco Chelini, assessore al Turismo e alla Promozione territoriale ­. Il servizio attivato è innovativo, per quel che riguarda gli orari e l'attenzione ai turisti della stagione estiva, cercando di rendere molto semplice il contatto con i nostri operatori. Sarà gestito in stretta collaborazione con tutti gli uffici di informazione turistica già presenti e funzionanti dei Comuni della Provincia anche grazie al prezioso apporto delle Pro Loco". un mandato all'insegna delle energie sostenibili: 80 gli impianti autorizzati dalla Provincia di grosseto A tre anni dall'inizio del mandato il vicepresidente Marco Sabatini fa il punto della situazione sugli impianti autorizzati dalla Provincia nel nostro territorio: 79 in totale tra fotovoltaico, idroelettrici, biogas e biomasse per un totale di 55.543 kilowatt prodotte. "Si sta diffondendo sempre di più una nuova sensibilità ambientale e una maggiore consapevolezza delle opportunità e delle potenzialità che la produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta per il territorio ­ spiega Marco Sabatini ­ e lo dimostra non solo il crescente numero d'imprese che decide di investire nelle rinnovabili, ma anche il fatto che questi impianti sono Uno scorcio di Maremma a Camera di Commercio di Grosseto bandisce un concorso fotografico e video dal titolo "Passione Maremma" riservato a chi ama la Maremma ma non vive in Maremma, per esprimere attraverso le immagini la propria passione per questo territorio. Il concorso è finalizzato alla valorizzazione dell'immagine del patrimonio storico, ambientale e naturalistico del territorio maremmano e l'iniziativa si svolge all'interno di una strategia indirizzata alla promozione del "brand Maremma", nell'ambito della quale sono state organizzate dall'ente camerale numerose iniziative quali fiere, eventi promozionali e campagne di comunicazione, con l'obiettivo di far crescere nel pubblico, sia locale che non, la conoscenza e l'apprezzamento della Maremma e delle sue eccellenze. I partecipanti, necessariamente non residenti nella provincia di Grosseto, con le proprie opere dovranno rappresentare e interpretare al meglio la Maremma toscana, attraverso immagini che abbiano come soggetto il territorio: paesaggi, monumenti e borghi antichi, feste tradizionali e bellezze storiche e naturalistiche, eccellenze produttive, arti e mestieri. Il concorso prevede due categorie: quella fotografica per la quale i partecipanti potranno inviare da una a cinque immagini a colori o in bianco e nero e L quella video per la quale dovrà essere inviata una sola opera audiovisiva per una durata non superiore agli 8 minuti. Il materiale dovrà essere inviato alla Camera di commercio di Grosseto entro il 30 novembre 2012. Una giuria composta da esperti e rappresentanti del mondo del cinema e della televisione sceglierà le prime tre opere classificate per entrambe le categorie (fotografia e video) alle quali verrà consegnato un premio. Il primo classificato vincerà un soggiorno di due notti (pernottamento e prima colazione) per due persone in Maremma, in un week end compreso tra il 1 marzo ed il 30 giugno 2013, in una struttura ricettiva a scelta del vincitore all'interno di una selezione proposta dalla Camera di commercio. Al secondo e al terzo classificato andrà un cesto di prodotti tipici, agroalimentari e vitivinicoli maremmani. I classificati dal quarto al decimo posto di ambedue le categorie riceveranno un abbonamento gratuito di un anno alla nostra rivista Maremma Magazine, mensile di informazioni turistiche e culturali interamente dedicato alla Maremma, alla sua gente, alle sue bellezze. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il regolamento del concorso "Passione Maremma" all'indirizzo internet www.gr.camcom.it 110 · Maremma Magazine · Agosto 2012 vocalità, assai diverse voci bianche e voci adulte, ma decisamente molto riuscita. L'accompagnamento orchestrale è stato curato dal M° Christine Angele, direttore del Gruppo Cameristico Haendel di Piombino, che ha suscitato grande emozione eseguendo noti brani musicali. Le medesime formazioni musicali si sono esibite nuovamente nel Concerto "Il Castello Incantato", che si è svolto il 14 luglio presso la Fortezza del Comune di Scarlino e in tale occasione hanno presentato l'elaborazione di un brano d'insieme particolarmente suggestivo: "A Concert Celebration" di A. L. Webber. tenuta Poggione, azienda top del 2012 Come ormai tradizione anche quest'anno, il 17 luglio, si è svolta, presso il centro genetico dell'Azienda Regionale Agricola di Alberese, l'Asta Torelli di Razza Maremmana. Questo evento, organizzato dall'ANABIC (Associazione Nazionale Allevatori Bovini Italiani da Carne), è di particolare importanza in quanto si propone di selezionare i migliori giovani tori della Razza Maremmana che entreranno, dal prossimo anno, in attività. Tutto ciò viene organizzato, su base scientifica, per avere una garanzia di proseguimento, in selezione, della nostra stupenda razza autoctona; razza simbolo del nostro territorio. L'asta, in realtà, è l'ultimo momento di un percorso che inizia alcuni mesi prima, in pieno inverno. Dapprima, presso i più importanti allevamenti di tutta Italia (in particolar modo Toscana e Lazio, ma non solo), vengono individuati dagli esperti di razza i giovani vitelli maschi con le caratteristiche morfologiche e genealogiche migliori. Dopodiché questi vitelli (circa 30), dopo essere stati portati presso il Centro Genetico di Alberese vengono allevati, con medesime modalità per tutti, e quindi anche con medesime razioni alimentari, fino al momento dell'asta (per circa 6 mesi). A pochi giorni dall'asta, sempre dagli esperti di razza dell'ANABIC, vengono scartati i soggetti che non hanno raggiunto i parametri e le caratteristiche di razza attesi. I tori rimanenti, risultato quindi di una ulteriore selezione, vanno a costituire il gruppo di eccellenza. Per la cronaca, quest'anno solo 11 torelli hanno superato tutte le selezioni. Di questi 9 sono andati in asta. Il toro che è stato venduto a prezzo maggiore è stato quello della Tenuta Poggione (con sede sulla via Senese a Grosseto), acquistato dalla Tenuta di Castelporziano, azienda agricola della Presidenza della Repubblica. Per la Tenuta Poggione un grande successo considerato che la prestigiosa proprietà di Casteporziano ha puntato proprio su un suo toro per migliorare le proprie linee di sangue. Un successo che si aggiunge allo straordinario risultato conseguito a maggio alla Mostra Nazionale della Razza Maremmana, quando l'azienda guidata da Francesco Lemarangi ha ottenuto, con una sua vacca, l'ambitissimo titolo di campione assoluta di razza. Insomma un anno pieno di soddisfazioni: due riconoscimenti che pongono il Poggione come l'azienda top del 2012. In primo piano il Toro Alfio della Tenuta Poggione le neWS · 111 dIrettore reSponSaBIle Celestino Sellaroli redazIone Nicola Alocci, Francesca Costagliola, Claudia della Monaca, Giulia Focardi, Nadia Iacopini, Maria Grazia Lenni, Rossano Marzocchi, Paolo Nardini, dianora Tinti, Eleonora Zannerini conSulenza edItorIale Corrado Barontini edItore CS Editore dIrezIone, redazIone e puBBlIcItà CS Editore, Via Tripoli n. 10 - 58100 Grosseto - Tel. 0564 20426 - Fax 0564 429364 - Cell. 349 2872103, email maremma.magazine@virgilio.it oppure info@maremma-magazine.it, sito web www.maremma-magazine.it StaMpa Tipolitografia Ambrosini Gianfranco Zona Industriale Loc. Campo Morino - 01021 Acquapendente (VT) - Tel. 0763.711040, sito web www.tipografiaambrosini.it, e-mail info@tipografiaambrosini.it arretratI I numeri arretrati possono essere richiesti a CS Editore - Via Tripoli n. 10 - 58100 Grosseto - Tel. 0564 20426 Fax 0564 429364, inviando anticipatamente l'importo pari al doppio del prezzo di copertina, mediante assegno bancario non trasferibile intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli o bollettino sul conto corrente postale n. 39735576 intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto aBBonaMentI prezzi: una copia euro 3,50; abbonamento annuale: euro 33,60 per l'Italia ed euro 140 per l'estero. L'abbonamento decorrerà dal primo numero disponibile (prima della spedizione mensile in abbonamento postale) e potrà avere inizio in qualsiasi periodo dell'anno. Per il rinnovo attendere l'avviso di scadenza. MoDaliTà Di paGaMenTo: Gli importi sopra indicati potranno essere versati: · tramite assegno non trasferibile intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, da inviare a CS Editore, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; · mediante bollettino postale sul conto corrente n. 39735576 intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; · mediante carta di credito. SuggerIMentI Le informazioni inserite in questo numero sono state raccolte in anticipo rispetto alla programmazione definitiva degli eventi. Suggeriamo pertanto ai lettori di verificare sempre, telefonicamente, se non siano intervenuti cambiamenti nelle date, negli orari. La redazione di Maremma Magazine non assume alcuna responsabilità per quanto riguarda l'effettiva attuazione delle iniziative elencate nelle pagine precedenti, né per eventuali cambiamenti di programma. per contattI Gli enti, le associazioni, le pro loco, le agenzie per il turismo, i privati che volessero inviarci i calendari delle varie manifestazioni possono farlo: · per fax al numero 0564/429364; · per posta ordinaria all'indirizzo Maremma Magazine c/o CS Editore, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; · per e-mail agli indirizzi: redazione@maremma-magazine.it oppure maremma.magazine@virgilio.it N.B. I programmi degli eventi devono tassativamente pervenire in redazione entro il 20 del mese precedente a quello nel quale andranno a svolgersi. Eventuali collaborazioni sono libere e gratuite. Il materiale inviato, anche se non pubblicato, non verrà restituito. © 2012 copyrIgHt cS edItore Tutti i diritti riservati. Testi, fotografie e disegni contenuti in questo numero non possono essere riprodotti, neppure parzialmente, senza l'autorizzazione scritta dell'Editore. Questo periodico è associato all'uspi unione stampa periodica italiana e all'a.n.e.s. associazione nazionale editoria periodica specializzata