1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
VERSIONE DEMO (solo 10 pagine visibili)
Per acquistare questa copia clicca
sul tasto "ACQUISTA" in basso

  - La copia visualizzata
  - Un abbonamento
S rie prime prodotte direttamente dall'azienda e con una cucina tipicamente toscana legata al territorio. Un luogo adatto a tutti, dai bambini grazie alla fattoria con i suoi numerosi animali, ai più grandi, grazie alla tranquillità che viene garantita dall'Agriturismo fino a coloro che preferiscono un soggiorno più autonomo e fatto di sport, grazie agli splendidi appartamenti e casali della Parrina ed ai servizi per il tempo libero quali la piscina, il ping pong, la bicicletta etc etc. Si organizzano pranzi e cene per chi desidera solo uno spuntino nella sala degustazione mentre, per chi è solo di passaggio ma desidera acquistare i prodotti, mettiamo a disposizione, ad orario continuato, il nostro negozio aziendale e scegliere così tra una vasta gamma di vini, formaggi, pasta e verdure rigorosamente prodotti dalla Parrina. I numerosi eventi organizzati dall'Antica Fattoria la Parrina, come la manifestazione "Sotto i Platani della Parrina", libri musica e cultura, renderanno la sosta in questo posto incantato un'esperienza senza dubbio indimenticabile. NEWS PARCO DELLA MAREMMA: (M)ANDATO NUOVO TORNATO VECCHIO! È innegabile che una parte del Territorio aveva una sana aspettativa di essere presa in considerazione per far parte del nuovo Consiglio del Parco della Maremma e fino in fondo ha aspettato fiduciosa. Questa è la riflessione di due realtà del comprensorio Parco della Maremma: il Consorzio Naturalmente Toscana e la Pro Loco Alborensis. Sicuramente non rappresenteranno tutto il territorio ma, fatti alla mano, sono le uniche realtà che vivono di fatti compiuti e non di finti proclami. Basti pensare che l'esperienza maturata dal Consorzio in 2 anni di attività, ha generato oltre euro 700.000,00 di volume d'affari ripartito su tutti i servizi che si trovano sul territorio e più di 70 Aziende consorziate ad oggi. Inoltre i programmi offerti e gli sforzi fatti dalla Pro Loco Alborensis, per coadiuvare il turista in vacanza e mettere in rete tutte le Aziende. Queste realtà attivamente produttive, sulla base di un ragionamento molto elementare, si aspettavano maggior coinvolgimento, da questo cambio di mandato nella speranza di amplificare le sinergie tra la politica e tessuto connettivo di questo Territorio. A maggior ragione di fronte alle notevoli difficoltà economiche che gravitano su tutti e ormai in tutti i settori. In particolar modo, dopo la riunione della Comunità del Parco (Provincia, Ente Parco e i tre Comuni: Grosseto, Magliano e Orbetello) di dicembre u.s., dove il Consorzio Naturalmente Toscana veniva presentato, dal Presidente Sammuri alle Amministrazioni presenti come elemento di sintesi delle attività imprenditoriali e interlocutore dell'Istituzione Parco per lo svolgimento dei servizi. In più si auspicava, sempre nella stessa riunione, di voler valorizzare le realtà positive presenti sul territorio. Questa presentazione, fatta alla Comunità del Parco, dal Parco stesso, era stata accolta dal Consiglio e dall'Assemblea del Consorzio Naturalmente Toscana con soddisfazione e come suggello tra i due percorsi paralleli fra le due realtà Parco-Consorzio. Detto questo, l'aspettativa di una chiamata a far parte del nuovo Consiglio e parteciparvi per discutere alle prospettive future, poteva sembrare plausibile e del tutto naturale. Chi ha un Azienda da condurre oggi, nel contesto delle complessità di natura economico e sociale di cui nessuno è indenne, sa perfettamente cosa vuol dire prendersi le ardue responsabilità, armarsi di tanto coraggio e tracciare una rotta che possa creare benessere e gratificazione per l'intera collettività. Proprio per questo, attribuiamo sommo rispetto e gratificazione a chi gestirà per i prossimi anni il futuro delle nostre famiglie e l'indirizzo del Parco della Maremma, compreso l'intero microsistema, non più piccolo ormai, che gravita intorno alle Attività con i suoi progetti e a tutta la popolazione locale che vi abita. Purtroppo per molti ancora il Parco è solamente Natura incontaminata, Animali, Ecologia, Sostenibilità e forse qualche Turista per caso che intende camminare all'aria aperta lontano dalla città. Per noi, non è soltanto questo. Esiste infatti, tutto un mondo di piccole e medie Aziende indispensabili per questo luogo, che oggi vive anche di turismo. Turismo legato da sempre alla natura, ovviamente, e che si muove proprio ed essenzialmente per questo. Il binomio Natura-Turismo è la scintilla che ha fatto crescere il desiderio di far prendere delle decisioni e dettare delle linee per il prossimo avvenire. Non ci sono distintivi da esibire o medaglie da mettere in bacheca, tantomeno stipendi da dividere ed elargire, vi è solamente una sana voglia di responsabilità e capacità da indirizzare e mettere a disposizione della Direzione del Parco, frutto della propria esperienza elaborata sul campo, ognu- no nelle proprie funzioni. Quindi stando ai fatti odierni si è perso la possibilità di avvicinare maggiormente il Parco all'Impresa di questo territorio, un passaggio che spesso la politica sottovaluta, creando fraintendimenti tra due indirizzi fondamentali. Il primo la Conservazione di un luogo e al secondo posto il Suo potenziale Sviluppo. Non ci può essere futuro se questo binomio non viene preso in seria considerazione. Un problema storico..., che da sempre si è manifestato per la scarsa conoscenza reciproca delle proprie necessità e dei rimedi posti in essere. Così tutti si sono sempre lamentati; le Aziende da una parte, che non capivano perché si decidevano o facevano certe cose, senza risolvere problemi reali e tangibili, tenendo conto anche dei suggerimenti da parte dei turisti. Dall'altro il Parco che non comprendeva perché il proprio operato era sempre mal interpretato e messo in discussione di fronte all'intendimento del territorio in cui insiste. Premesso questo e dovuto per coscienza e trasparenza d'intenti, tutto il Territorio rappresentato dal Consorzio Naturalmente Toscana e dalla Pro Loco Alborensis, dà il benvenuto al nuovo Consiglio dell'Ente Parco appena eletto e rieletto. Animati solo da propositi costruttivi, si augura al futuro Presidente di lavorare serenamente e con professionalità ad un progetto pluriennale di rilancio e di conferme del logo "Parco della Maremma". Ci si auspica che la "nuova" dirigenza riesca a coniugare la gestione di un Parco con la gestione del Territorio, di riuscire con il dialogo ad interpretare le necessità e i bisogni di chi opera ogni giorno nelle proprie Aziende e chi fruisce come Visitatore o Turista, di questo bellissimo contesto naturale, che senza dubbio è stato mantenuto ad hoc dalla precedente gestione. Come realtà territoriale, siamo desiderosi di conoscere il prossimo piano 6 · Maremma Magazine · Giugno 2012 pericoloso nei dintorni, che noi eravamo usi ad accogliere in casa nostra con il baciamano, mi risulta abbia fatto una brutta fine. In un momento come quello attuale, dove le nostre Forze dell'Ordine non hanno i soldi per il carburante e le riparazioni dei veicoli di servizio, valutare l'acquisto di armamenti mi sembra voler farsi male con le proprie mani. Oggi le guerre non si fanno più con le armi, si fanno con la finanza e i mercati. Forse è in questi due settori economici che dovremmo armarci. Per il sig. Fallarino la colpa del drammatico degrado che stiamo vivendo è tutta di noi italiani, diventati un popolo di immorali. E la nostra classe dirigente cosa ha fatto per impedirlo? E la classe politica? E la chiesa? La solidità economica e la reputazione etica di un paese derivano dagli amministratori che ha saputo scegliersi. Consapevoli di ciò, gli italiani vent'anni fa hanno provato a svoltare. Alla fine della Seconda Repubblica, hanno eletto chi aveva promesso milioni di posti di lavoro, il federalismo, grandi opere pubbliche, tasse più basse, il nuovo miracolo italiano. Costoro, invece di essere esempio di correttezza, onestà, legalità e trasparenza, la guida moderna di cui aveva bisogno il paese, hanno invece falsificato i conti, nascosto la realtà, hanno lasciato intatto un sistema burocratico corrotto ed inefficiente poiché questa era la loro vera convenienza. Erano stati messi al potere dalla maggioranza degli elettori, facendo credere, appoggiati dal clero nazionale, di voler fare le riforme necessarie per l'Italia. Dopo vent'anni, abbiamo visto come è andata a finire. Siamo una nazione commissariata, senza credibilità e futuro. Non me ne voglia sig. Fallarino, ma la colpa di tutto ciò è l'immoralità del popolo italiano o di chi la morale doveva insegnarcela? Cordialmente, Giuseppe Secchi (Milano) FACCIAMO AUTOCRITICA Egr. Direttore, per mia natura sono da sempre restio ad esprimere pubblicamente la mia opinione, però leggendo il bellissimo commento sull'editoriale di Marzo del Sig. Maurizio Fallarino (che non ho la fortuna di conoscere) sento il desiderio di fare allo stesso i miei complimenti per quello che ha sostenuto, condividendo in pieno tutto quanto da lui scritto. Vorrei aggiungere che una delle cause del "nostro disastro economico" dipende anche dai nostri. giovani: moltissimi stanno cercando lavoro ma poi se si va a vedere, in molte categorie di lavoratori troviamo quasi tutti stranieri: Albanesi, Rumeni, Nordafricani, Cinesi, ecc. Altra nota dolente è la ns. innata esterofilia (anch'io posseggo una vecchia auto straniera) ma dà noia, oggi, vedere tutti i nostri politici con possenti auto blu, tutte di marca non italiana; i Carabinieri che hanno un parco macchine, nuove di zecca, anche queste non di casa nostra, i decantati "suv" che oltre ad essere estremamente ingombranti sono anche esteticamente poco gradevoli e quasi nessuno Italiano. Queste mie considerazioni, aggiunte a tante altre più importanti, fanno parte di quella autocritica auspicata da Fallarino che potrebbero dare, se applicate, una boccata di ossigeno alla nostra economia. Mario Mencarelli Avete idee e consigli da darci, complimenti o critiche da fare, oppure più semplicemente volete commentare un articolo o dire la vostra su un certo argomento? Questo spazio è per voi. Scriveteci via e-mail all'indirizzo redazione@maremma-magazine.it Compatibilmente con lo spazio a disposizione pubblicheremo il vostro intervento. 7 LA VOCE DEI LETTORI L'EDITORIALE 18 1860, parte la Spedizione dei Mille: prima tappa a Talamone 47 .....La Maremma e il suo complicato passato: il flagello delle locuste 50 .....I Geoparchi Italiani a convegno sulle Colline Metallifere 54 .....Una "Settimana" di eventi per far conoscere il Consorzio Bonifica Grossetana e le sue importanti attività a tutela del territorio 59 .....Incontri per "Programmare Insieme la Salute" 62 .....Antica Sartoria di Maremma, lo stile... di una terra L'AGENDA 68 .....Le "Trasformazioni del Paesaggio in Maremma" in mostra a Cinigiano 69 .....Add and Remove, al vernissage la seconda tappa 71 .....Le Sagre 26 34 PRIMO PIANO 14 .....Maremma, che Festa! 18 .....Evento d'eccezione a Scansano: Bruno Canino in concerto al Castagnoli 23 .....Briganti, Cardellini e Minatori: la Maremma che canta protagonista nella Capitale 26 .....Eventi e grande attenzione al turismo: è già estate a Castiglione della Pescaia 30 ....."Non solo Mare", una ricca anteprima d'estate a Talamone 34 .....Voglia di vela in Maremma 39 ....."Al suono della campanella, Frammenti di vita scolastica in Maremma dalle origini al `900" 42 .....Risorgimento Maremmano. Maggio In copertina, la Maremma si prepara all'estate e ad un'altra calda e intensa stagione turistica (foto Enzo Russo) SOMMARIO · 9 102 110 tivi raggiunti con un utile di cassa 105...I musei di Massa Marittima nella élite dei musei toscani 106...Successo a Saturnia per la mostra dedicata a Pietro Aldi 106...Consensi per la 32esima Mostra d'Aerofilatelia in laguna 106...Miss Maremma 2012: sono aperte le iscrizioni! 107...Banca di Saturnia e Costa d'Argento Credito Cooperativo, 1.500 presenze alla prima Festa del Socio 108...Fondazione Grosseto Cultura, rinnovati i vertici 108...Premio Mariella Gennai 2012, ecco i vincitori 109..."La Nave dei poeti ancora viaggia", festa a Ribolla 110...È "Postina" del Poggione la miss delle "maremmane" 110...È approdata a Firenze la "Musica perduta degli Etruschi" 111...Inaugurata la prima Bottega Equosolidale a Marina di Grosseto 10 · Maremma Magazine · Giugno 2012 La Maremma e il delicato tema dello sviluppo sostenibile uesto mese partiamo da un comunicato-invito pervenuto in redazione ­ tra i tanti ­ qualche tempo fa. Recitava così: "Le associazioni Ambiente e Lavoro Toscana, Comitato per la Bellezza, Comitato Terra di Maremma, Italia Nostra, Legambiente, Maremma Viva, Marevivo, Rete dei comitati per la difesa del territorio, WWF invitano sabato 17 marzo alle ore 10, presso l'Auditorium "Giovanni Paolo II" di Orbetello, Piazza Giovanni Paolo II alla presentazione del volume "Il porto turistico della gente vana; ricerca sulle vicende urbanistiche, istituzionali e sociali del nuovo porto di Talamone" di Andrea Filpa, Alberto Perdisa editore (Bologna, 2011). Seguirà una tavola rotonda moderata da Sergio Rizzo, Corriere della Sera cui parteciperanno: Fulco Pratesi, Presidente onorario del WWF Italia e Marcello Demi, Presidente WWF Toscana; Michele Scola, Vice Presidente Italia Nostra Toscana; Fausto Ferruzza, Presidente Legambiente Toscana; Alberto Frattini, Presidente Comitato Maremma Viva; Giorgio Chimenti, rappresentante Marevivo; Valentino Podestà, Rete dei Comitati per la difesa del territorio e Comitato Terra di Maremma". "La ricerca ­ si leggeva ancora nell'invito ­ ha assunto come campo di osservazione la vicenda del nuovo porto di Talamone programmato ­ con l'accordo di Regione Toscana e Provincia di Grosseto ­ dal Comune di Orbetello; una trasformazione palesemente insostenibile e lesiva della vivibilità dei luoghi, che propone la integrale sostituzione del porto esistente e la edificazione di circa 50 mila metri cubi lungo una costa tutelata e di grande valore paesaggistico. I propositi delle amministrazioni pubbliche ­ nonostante fossero unanimi ­ sono stati contrastati con successo dalle associazioni ambientaliste che, attraverso le procedure partecipative garantite dalla legge, hanno bloccato l'iter delle varianti urbanistiche dimostrandone la inconsistenza, ma senza ottenerne la rimozione definitiva. (...) Il testo riassume i tentativi ­ avviati nel 1995 ­ di ampliare il porto di Talamone, culminati nel 2009 con l'adozione di una variante urbanistica contenente trasformazioni palesemente insostenibili per il delicato contesto ambientale, paesaggistico, urbanistico e sociale di Talamone. L'iter amministrativo della variante ­ concludeva così l'invito ­ è stato bloccato dalle osservazioni presentate dalle associazioni ambientaliste, ma la vicenda è ancora in corso; il testo intende in tal senso offrire a cittadini e studiosi sia informazioni e strumenti utili per conoscere quanto avvenuto in passato, sia riflessioni e proposte per farsi attivamente partecipi nel contrastare un ennesimo scempio delle coste italiane". Q stata la seguente: c'è qualcosa che si può fare in Maremma secondo queste associazioni ambientaliste? C'è qualcosa che secondo questi paladini del "puro e incontaminato" è consentito fare in questo territorio per provare a farlo crescere? E poi, ancora, qual è la linea di confine tra opportunità di sviluppo e catastrofe ambientale? E soprattutto, chi la stabilisce questa linea di confine? I cittadini alle elezioni nel momento in cui conferiscono un mandato agli organi di governo rappresentativi di un territorio o i "comitati" che si oppongono e che tutto hanno alla loro base tranne che la rappresentatività? Domande che sorgono spontanee alla luce delle tante prese di posizione che una cultura esasperatamente ecologista cerca di imporre nel pubblico dibattito su temi caldi e vitali dal punto di vista economico e sociale. E allora: l'Autostrada non la vogliono, punto e basta, a prescindere dal tracciato; il cogeneratore di Scarlino figuriamoci; l'impianto per la produzione di cdr alle Strillaie neanche; il piano provinciale dei rifiuti è stato osteggiato fino all'inverosimile; l'impianto a biogas che dovrebbe sorgere a Capalbio non è visto di buon occhio. Ora il nuovo Porto di Talamone... ma potremmo continuare a lungo... Insomma, possibile che questa terra deve continuare a rimanere immobile, ferma, ripiegata su sé stessa, senza possibilità di sviluppo sostenibile ­ e sottolineiamo sostenibile (un tema cruciale che interessa anche a noi) ­ che non ne deturpi le sue caratteristiche più peculiari? È vero la Maremma è bella perché terra incontaminata, perché è stata protetta e salvaguardata in passato, perché è rimasta fuori dai circuiti della grande industria, perché è poco antropizzata, ecc., ecc. e nessuno inneggia alla sua devastazione, ma per quanto ci riguarda crediamo che posizioni troppo rigide e conservatrici vadano mitigate, addolcite, ben ponderate e per così dire mixate con altri concetti ed esigenze come crescita, opportunità, sviluppo delle potenzialità, e, cosa quanto mai importante, equilibrio. Già, equilibrio: tra progresso e paralisi, tra crescita e salvaguardia dell'ambiente, tra voglia di migliorarsi e regole da rispettare. Ecco sta qui, in queste dicotomie la vera sfida che questa terra deve assumersi, perché dire "no" a tutto non serve e può far perdere delle occasioni. In altri termini se tutelare il territorio significa imbalsamarlo crediamo che non renderemmo un buon servizio alla Maremma e a chi la abita. Chiudiamo con una riflessione, che è la seguente: il porto di Marina di Grosseto, quello del Puntone di Scarlino, o ancora l'Aurelia a Nord di Grosseto, costruita in variante rispetto al vecchio tracciato (cosa che auspicalmente dovrebbe accadere, almeno in alcuni tratti, anche a sud con un progetto di tipo autostradale), tanto per fare dei banali esempi, hanno per caso cambiato i connotati alla Maremma? Sono state per questa terra delle inutili colate di cemento, degli scempi, delle catastrofi, delle tragedie (per usare una terminologia cara ad una certa cultura) o invece altrettante opportunità di crescita? Ai lettori l'ardua sentenza.... Senza voler entrare nel merito della questione specifica del porto di Talamone (magari potrebbe essere oggetto di un'inchiesta che non escludiamo di realizzare), la domanda che ci è sorta spontanea dopo la lettura di questo comunicato-invito è EDITORIALE · 13 PRIMO PIANO EVENTI Maremma, che Festa! Si è svolta con successo la prima edizione della Festa della Maremma che ha visto proporre un fitto calendario di iniziative tese a promuovere il territorio provinciale e all'interno del quale quest'anno wine e food si sono uniti sotto lo stesso nome nell'unico grande evento espositivo-fieristico rappresentato da Maremma Wine Food Shire. etto-fatto. Era stata annunciata appena un anno fa e a fine maggio si è svolta la prima edizione. Parliamo della Festa della Maremma, interessante iniziativa fortemente voluta dal presidente della Camera di Commercio di Grosseto, Giovanni Lamioni e organizzata dall'Ente Camerale in sinergia con la Provincia di Grosseto, tesa a valorizzare questo angolo di Toscana in occasione dell'evento cardine della strategia dell'ente camerale, ovvero quel Maremma Wine Shire, quest'anno diventato Maremma Wine Food Shire proposto in versione allargata, con la riunificazione dei mondi del vino e del D cibo, nei giorni 26-27-28 maggio. Un ampio speciale sul salone dei vini e delle eccellenze agroalimentari della Maremma toscana andato in scena al Centro Fiere del Madonnino sarà pubblicato nel numero di luglio. In questo parliamo più in generale della Festa della Maremma e soprattutto del prologo gigliese del 19 e 20 maggio scorso. "Per volare in alto ­ ha detto il presidente della Camera di commercio di Grosseto Giovanni Lamioni durante la conferenza stampa romana di presentazione, moderata dal conduttore televisi- vo Alessio Vinci ­ occorre pensare in grande e potenziare le eccellenze che già esistono: turismo e agroalimentare, gli asset vincenti per proporre la Maremma fuori dei confini regionali e nazionali. Promuovere la Maremma a 360 gradi è un dovere e la nostra non è che una operazione verità". In questa direzione si è posto anche il presidente della Provincia di Grosseto Leonardo Marras il quale ha affermato che "è dall'istituzione del brand Maremma che passa il futuro di questo territorio. La realizzazione di un marchio riconoscibile a tutti è la strada più importante ed efficace da perseguire. L'ente pro- 14 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Foto Ilario Uvelli vinciale sostiene tutte le iniziative che si pongono come obiettivo di valorizzare il territorio, vasto e poco popolato, che rischia di chiudersi in se stesso. È da qui che nasce l'esigenza di lavorare in modo coeso con tutte le forze politiche". Vino e food, rigorosamente maremmani, anche quest'anno sono stati esaminati dagli esperti Luca Maroni e Paolo Massobrio i quali hanno affermato che "questo evento si prefigge l'obiettivo di portare sapori e odori in terre lontane e oggi la Maremma ha bisogno di questo". "Primavera, lavoro, libertà" queste le tre parole con cui Marras definisce la sua Maremma, per Lamioni, invece, la Maremma è "un insieme di perle, cui manca solo il filo che le leghi assieme per diventare collana". L'anteprima al Giglio Per l'apertura della Festa della Maremma 2012 è stata scelta l'Isola del Giglio, per dare un segno della vicinanza delle istituzioni a questa perla del nostro mare duramente provata dalla triste vicenda della tragedia della Costa Concordia. Ecco allora, che in un intenso weekend sono ­ sempre a cura della Camera di commercio di Grosseto e dell'amministrazione provinciale in collaborazione in questo caso con il Comune di Isola del Giglio, Pro Loco, Regione Toscana e Consorzio MaremMare ­ state proposte molte iniziative per vivere e respirare i sapori e i profumi della terra di Maremma nell'incantevole scenario delle vie di Giglio Castello. Una due giorni per scoprire in anteprima le bellezze del nostro territorio. Tra stand con degustazione di vini locali e pietanze tipiche, musica itinerante, serate danzanti terminate con la tradizionale quadriglia, visite guidate nel borgo di Giglio Castello e sui sentieri dell'isola, è stato dato il la ad una Festa di ampio respiro che ci auguriamo possa PRIMO PIANO · 15 avere un seguito anche per il futuro. "Il progetto di marketing territoriale ­ ha spiegato il presidente della Cciaa Giovanni Lamioni ­ nasce dalla ferma convinzione della Camera di commercio di Grosseto che il brand Maremma offra grandi possibilità di crescita al sistema delle imprese e al territorio maremmano e ha l'obiettivo di essere un importante contenitore di eventi e iniziative promozionali, un veicolo di marketing integrato potente ed articolato, in grado di convogliare l'azione di istituzioni, partner e operatori del territorio. Fulcro della strategia è operare attraverso la promozione dei prodotti di eccellenza del territorio come quelli del settore agroalimentare e della vitivinicoltura. Esiste infatti uno stretto legame tra le rappresentanze del mondo del vino e dell'agricoltura che ha fatto emergere un tessuto imprenditoriale vivace e fortemente attivo, in una logica di confronto costruttivo e continuo". "L'isola del Giglio ­ ha sottolineato il sindaco di Isola del Giglio Sergio Ortelli ­ rappresenta un unicum che racchiude in sé tutte le peculiarità del territorio maremmano, mare cristallino, natura incontaminata, eccellenze enogastronomiche e un tessuto socio economico di grande valore. Un ringraziamento alla Camera di Commercio e alla Provincia per l'attenzione che prestano quotidianamente alla valorizzazione di un territorio straordinario". "La Pro Loco di Isola del Giglio con tutti i suoi volontari ­ ha aggiunto la presidente della Pro Loco Samantha Brizzi ­ è fiera di potere contribuire a questa bellissima iniziativa volta a far conoscere le bellezze del meraviglioso borgo medievale di Giglio Castello, la natura selvaggia di Isola del Giglio e le sue tra- dizioni. Un grazie quindi al presidente Lamioni per la sua incessante energia nel promuovere il territorio della Maremma ed un grazie alla sensibilità del presidente Marras". "Piccola Grande Maremma" Tra l'altro la Festa della Maremma si è inserita fino quasi a fondersi con l'iniziativa "Piccola Grande Maremma": una festa diffusa promossa ormai da diversi anni da Legambiente ("Voler Bene all'Italia - Piccola Grande Italia") che per tre giorni ha coinvolto il territorio provinciale in eventi unici e talvolta esclusivi all'insegna della natura, della cultura e della valorizzazione della Maremma: obiettivi questi che Legambiente ha condiviso con i Comuni della Provincia di Grosseto e la Camera di Commercio di Grosseto proponendo il suo consueto cartellone, all'interno della Festa della 16 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Evento d'eccezione a Scansano: Bruno Canino in concerto al Castagnoli È un evento davvero d'eccezione e da non perdere quello in programma venerdì 22 giugno al Teatro Castagnoli di Scansano. Nell'ambito della prima edizione di Scansano Piano Festival, ideato dal notaio Gianemilio Franchini, si esibirà con ingresso gratuito Bruno Canino, grande maestro famoso in tutto il mondo 18 · Maremma Magazine · Giugno 2012 I l Teatro Castagnoli apre le porte alla prima edizione di Scansano Piano Festival per accogliere gli estimatori della musica classica. Due concerti ad ingresso gratuito guideranno il pubblico alla scoperta dei brani di grandi compositori, interpretati da due ospiti d'eccezione. L'evento si configura come un'occasione irripetibile per apprezzare l'ospitalità, la storia e la natura del paese godendo al contempo di musica di altissimo livello. Venerdì 22 giugno salirà sul palcoscenico Bruno Canino, grande maestro famoso in tutto il mondo, mentre sabato 23 giugno sarà la volta di Pietro Bonfilio, giovane pianista emergente dal brillante futuro. Entrambe le serate avranno inizio alle ore 21 e si concluderanno con degustazioni di prodotti tipici. Il Festival sarà ospitato in una delle tante perle di Scansano, già celebre per il suo eccezionale Morellino. Il comune in provincia di Grosseto infatti accoglierà il pubblico tra medievali mura e palazzi fino alla platea del Teatro Castagnoli, lo storico edificio realizzato nell'Ottocento e da sempre punto di riferimento dell'estate maremmana. Il Festival A dirigere le serate sarà l'esperienza e la professionalità di Studiolyra Eventi, un'associazione che da anni opera in Italia e all'estero regalando al pubblico occasioni di cultura, svago e convivialità sempre caratterizzati da una grande qualità. Studiolyra fonde danza, musica classica, arti visive, promozione turistica ed enogastronomia e ha creato eventi sempre originali e ricercati: nella provincia di Grosseto ha realizzato serate molto apprezzate dal pubblico alla Fortezza Spagnola di Porto Santo Stefano, in raffinate ville e prestigiosi panfili, e allo Yatch Club di Santo Stefano e di Cala Galera. A Studiolyra si è infatti rivolto l'ideatore del Festival, Gianemilio Franchini. Il notaio di Scansano ha voluto coronare un sogno: realizzare un festival di musica classica, la sua grande passione, in onore della mamma, Antonia Baumann Franchini. È stata proprio Antonia a trasmettere al figlio l'amore per la musica classica: in gioventù, infatti, dopo aver studiato con i famosi maestri Lonati e Vidusso, si diplomò al Conservatorio Santa Cecilia di Roma, al tempo il più prestigioso d'Italia, studiando su un pianoforte a mezza coda costruito nel 1929 dalla ditta berlinese Bechstein, un autentico gioiello con tastiera in avorio, recentemente restaurato con la consueta maestria dalla ditta Mitarotonda di Milano. Grazie al Festival di Scansano il pianoforte tornerà a vibrare e a regalare emozioni. Gianemilio Franchini da anni propone iniziative, molte delle quali a scopo benefico, volte a promuovere e rilanciare la musica classica in Italia: in Lombardia e in Toscana ha già organizzato, sempre con la direzione artistica di Studiolyra Eventi, concerti e borse di studio per giovani meritevoli. La prima edizione del Piano Festival, vuole essere occasione di rilancio per una cittadina intera e in particolare per suo il settore turistico. Chi raggiunge la città del Morellino per ammirarne le bellezze paesaggistiche e architettoniche non perderà l'occasione per sentire dal vivo l'esibizione del grande Bruno Canino, artista famoso e carismatico che in ogni occasione risveglia nel pubblico l'amore per la grande musica. Ad accogliere i turisti e i visitatori di Scansano sarà il Tour Operator Windstar (www.windstar.it), che si occuperà anche di promuovere all'estero il Festival, che nei prossimi anni intende ampliarsi e coinvolgere altri artisti di fama mondiale, sempre però con un occhio di riguardo ai giovani di talento. Maestri di oggi e di domani Bruno Canino, l'ospite d'eccezione della prima edizione del Festival, ha insegnato per 24 anni pianoforte al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, diventando una delle figure più importanti nel panorama concertistico mondiale e arrivando a esibirsi nelle principali sale da concerto, dall'America all'Au- PRIMO PIANO · 19 Pietro Bonfilio stralia, dalla Russia, alla Cina, al Giappone. Spesso in duo pianistico con Antonio Ballista, un binomio considerato fondamentale per la musica classica italiana, ha collaborato con i più illustri strumentisti come Accardo, Ughi, Amoyal, Itzahk Perlman, Blacher, i più grandi direttori tra i quali Abbado, Muti, Chailly, Sawallisch, Berio, Boulez e le maggiori orchestre (Filarmonica della Scala, Santa Cecilia, Berliner Philarmoniker, New York Philarmonia, Philadelphia Orchestra, Orchestre National de France), dedicandosi in particolare alla musica contemporanea. Dal 1999 al 2002 è stato direttore della Sezione Musica della Biennale di Venezia. Nella sua carriera spiccano anche la Teatro Castagnoli cattedra di Musica da camera al Conservatorio di Berna e all'Istituto Música de Cámara a Madrid e l'assidua partecipazione al Marlboro Festival negli Stati Uniti. È autore del libro "Vademecum del pianista da camera" edito da Passigli. Insegnante di caratura mondiale e guida per i suoi allievi, Bruno Canino è da sempre un riferimento per i giovani musicisti che incoraggia e sostiene. Nella serata successiva si esibirà un giovane e promettente pianista: Pietro Bonfilio. Nato a Scansano, frequenta il corso di pianoforte al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano ed è prossimo alla laurea, oltre ad aver partecipato a master e concorsi nazionali. Vanta già esibizioni in grandi città ed istituzioni nazionali, come il Teatro alla Scala, il Festival Pucciniano, l'Accademia Dino Ciani, e la partecipazione a programmi televisivi e radiofonici (Tg1Rai, Radio 3 e Radio Classica). Il programma delle due serate Il Festival sarà inaugurato venerdì 22 da Bruno Canino con un omaggio a Beethoven. Aprirà il programma la Sonata per pianoforte opera 13 "Patetica", quindi "Für Elise" e infine Rondò e Capriccio opera 129 "La collera per un soldino perduto". Nel secondo tempo del concerto il maestro si esibirà in sei valzer di Chopin (opera postuma) e in due composizioni di Liszt: "Première Valse oubliée" e "Scherzo e Marcia". Sabato 23 Pietro Bonfilio eseguirà la Sonata opera 81 di Beethoven dal titolo "Les Adieux", le "Variazioni sopra un tema di Paganini" libro II, di Brahms e il Carnaval opera 9 di Schumann "Piccole scene su quattro note". Entrambi i concerti saranno ad ingresso gratuito (consigliata la prenotazione a: info@studiolyra.it oppure 368.3565688) con inizio fissato alle ore 21. A conclusione delle serate saranno proposte al pubblico in sala raffinate degustazioni: l'azienda biologica "Le Mandorlaie" (www.poderelemandorlaie.it), guidata da Pia e Gianemilio Franchini offrirà ai presenti i suoi prodotti, grazie anche alla collaborazione dell'enoteca-ristorante "Cantina Bargagli" di Scansano. Prenotazioni posti in teatro: info@studiolyra.it +39.368.3565688. Servizi turistici: info@windstar.it +39 0564.27375 +39 335.1301627 Antonio 20 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Briganti, Cardellini e Minatori: la Maremma che canta protagonista nella Capitale Briganti di Maremma, Cardellini del Fontanino di Castel del Piano e Coro dei Minatori di Santa Fiora ­ ovvero una bella rappresentanza di gruppi popolari che cantano la tradizione ­ sono stati i protagonisti dello spettacolo Canti di Maremma proposto a maggio presso l'Auditorium di Roma Parco della musica DI PAOLO NARDINI 'Auditorium di Roma ­ Parco della Musica quest'anno ha festeggiato il Maggio attraverso una serie di manifestazioni e di incontri, i cui temi erano legati alla musica, al canto e al lavoro. La prima domenica di maggio è stata dedicata ai Canti di Maremma, con la L partecipazione del Coro dei Minatori di Santa Fiora, dei Cardellini del Fontanino di Castel del Piano e dei Briganti di Maremma, in uno spettacolo diretto da Ambrogio Sparagna e Antonio Pascuzzo, organizzato con la collaborazione di Simonetta Grechi. Il Coro dei minatori negli ultimi anni ha raggiunto le vette della notorietà, grazie all'esperienza di collaborazione con Simone Cristicchi, e gli altri gruppi sono noti agli studiosi di canto popolare e agli appassionati, ma è stata la prima volta che, come affermato da Pascuzzo in apertura dello spettacolo, artisti della levatura di Ambrogio Sparagna hanno PRIMO PIANO · 23 voluto dedicare la loro attenzione a una terra così vicina e allo stesso tempo così lontana, contribuendo a organizzare un intero spettacolo all'Auditorium di Roma integralmente composto da gruppi maremmani e amiatini. Il permesso "Oh cara gente vi chiedo il permesso...". Edo Galli, definito nell'occasione "custode delle tradizioni maremmane", ha introdotto il primo gruppo, spiegando al pubblico romano come la tradizione del canto del maggio, in Maremma, sia legata al risveglio primaverile della natura. "Nella notte fra il 30 aprile e il primo maggio ­ ha sottolineato Galli ­ i gruppi di maggerini visitano le case dei contadini, portando un canto augurale, e ricevendo in cambio dei doni in natura. In questo contesto è importante notare la ritualità agita dal gruppo, attraverso la presenza di figure che svolgono un ruolo importante, come quella del "poeta", che ha il compito di chiedere il permesso di cantare e di ringraziare per i doni ricevuti, dell'"alberaio", che reca l'albero adorno di nastri colorati e di fiori, simbolo dell'augurio di prosperità, del "corbellaio", cui è riservato il compito di raccogliere e custodire i doni ricevuti". I Briganti di Maremma Il gruppo Briganti di Maremma, nato nel 2009 come gruppo di maggerini, presenta una doppia anima: quella legata alla tradizione del canto del maggio, elemento di continuità della tradizione contadina e mezzadrile maremmana, e quella legata a una riflessione, stimolata dallo stesso canto popolare, sulla resistenza e sui valori di giustizia, di libertà, di democrazia. Dopo aver presentato il tradizionale canto del maggio, affidando il "permesso" alla giovane poetessa di Braccagni Cecilia Rustici, il gruppo dei Briganti ha presentato alcuni brani della tradizione canora maremmana, fra i quali: Bella ti do..., breve storia di un prete che non disdegna le bellezze femminili, La storia del brigante Tiburzi, testo autoriale di Mauro Chechi, che lo stesso Ambrogio Sparagna ha voluto accompagnare con il suo organetto a semitoni. I Cardellini del Fontanino Il coro dei Cardellini del Fontanino vanta, al contrario dei Briganti, una lunga tradizione canora. Negli anni Cinquanta del Novecento un etnomusicologo americano, Alan Lomax, nel corso di una ricerca sulla musica popolare in Italia, li incontrò e li registrò per la prima volta. Il loro canto si definisce "a cappella": vuol dire che non fa uso di strumenti musicali, ma solo delle sonorità delle voci, che il coro utilizza nello specifico stile del "canto a bei", o "alla tirulese". Il gruppo nell'occasione romana ha interpretato i brani della tradizione popolare del territorio amiatino. I preti sono spesso i protagonisti del- Antonio Pascuzzo e Ambrogio Sparagna ntonio Pascuzzo è stato per dieci anni direttore artistico del locale romano The Place. Recentemente, oltre che nella produzione di un album, Rossoantico, è impegnato nella realizzazione di progetti musicali legati alla valorizzazione del patrimonio canoro: ha favorito l'incontro fra Simone Cristicchi e il Coro dei Minatori di Santa Fiora. In provincia di Grosseto sta cercando di dare vita a un laboratorio stabile per la valorizzazione e la produzione di progetti musicali contemporanei A legati in modo autentico alle tradizioni. Ambrogio Sparagna è musicista e etnomusicologo. Negli anni passati ha promosso il festival Notte della Taranta e nell'estate del 2007 ha fondato l'Orchestra Popolare Italiana dell'Auditorium Parco della Musica di Roma. Si tratta di un grande gruppo strumentale, residente all'interno dell'Auditorium, con il quale Sparagna intende promuovere e valorizzare il repertorio della musica popolare italiana. 24 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Eventi e grande attenzione al turismo: è già estate a Castiglione della Pescaia Castiglione della Pescaia gioca d'anticipo e presenta a maggio gli eventi dell'estate. Premi artistici, notti bianche, concorso per cortometraggi, mostre, regate, spettacoli in piazza e cinema all'aperto nelle frazioni, questi alcuni degli ingredienti del ricco cartellone di appuntamenti che animerà lo splendido borgo maremmano on larghissimo anticipo rispetto al passato (cosa quanto mai da sottolineare) è stato presentato, nella cornice della Casa Rossa Ximenes, C il calendario degli eventi per la stagione estiva 2012 a Castiglione della Pescaia. Molte saranno le novità e le manifestazioni che caratterizzeranno il periodo caldo, che si protrarrà, per questo anno, anche oltre il mese di settembre. Un ventaglio di proposte pensate per accontentare un pubblico variegato con spe- 26 · Maremma Magazine · Giugno 2012 grande respiro annoverando personaggi legati al mondo della cultura e della moda, ai festeggiamenti speciali per il centenario del maestro Solti abbiamo voluto dedicare un grande concerto in piazza e ci siamo assicurati la prestigiosa presenza del Grey Cat Jazz Festival. I luoghi? L'ex Piazzale Maristella, la nuova piazza dell'Orto del Lilli e piazzale Solti lasciando la Piazza Garibaldi aperta solo al parcheggio delle auto". Tra questa folta schiera di manifestazioni, largo spazio è dato soprattutto agli eventi legati alla cultura: "Il nostro fine principale è stato quello di concentrare molte delle attività nei periodi fuori stagione ­ dice l'assessore alla cultura Federico Mazzarello ­. La nostra Amministrazione è certa che questo porterà ad aumentare le presenze turistiche anche nei mesi di minor affluenza, offrendo agli operatori l'opportunità di allungare la stagione. Il mio assessorato ha lavorato intensamente affinché, anche questo anno, gli eventi legati alla cultura fossero di grande respiro: ci accingiamo a dare il via alla prima edizione di CdP corto, il primo concorso per cortometraggi a Castiglione che condividerà con il premio artistico Basi il tema: l'acqua. Ci saranno giornate intere dedicate ai più piccoli e al mondo dell'infanzia grazie a Finalmente Lib@ri, primo festival del libro illustrato per bambini e poi la rassegna Castiglione in... Arte che porterà nel salotto in riva al mare dell'Ex Maristella, mostre di architettura e conversazioni con fotografi e stilisti". "Saranno tanti gli appuntamenti per l'estate castiglionese ­ dice il sindaco Giancarlo Farnetani ­, tutti di grande qualità e inseriti in un'ampia rosa di scelta: dalla cultura all'intrattenimento, dallo sport all'arte. Ringrazio per questo il grande impegno dei nostri due assessori che si sono fortemente dedicati per realizzare tutto in tempi davvero brevi e per aver saputo fare economia riuscendo a risparmiare notevolmente Foto Enzo Russo PRIMO PIANO · 27 Il nuovo brand scelto per Castiglione della Pescaia sui budget delle stagioni precedenti. Ringrazio anche le associazioni degli albergatori, degli stabilimenti balneari e Maremma Promotion per il loro appoggio, contributo e per la grande collaborazione dimostrata". Nuovo brand per Castiglione Ma questo degli eventi messi a punto con largo anticipo è solo una delle frecce che il Comune di Castiglione della Pescaia, in un percorso di grande rinnovamento e rottura rispetto al passato, ha voluto scagliare verso il bersaglio dell'efficienza turistica, a beneficio di residenti, operatori e turisti. Nelle scorse settimane si è tenuta infatti la presentazione del vincitore del concorso per l'individuazione del nuovo brand, utilizzato a fini promozionali turistici, di Castiglione della Pescaia. È stato di Gloria Giangrande, giovane ragazza grossetana, il concept che ha vinto su 74 concorrenti intenti ad interpretare le caratteristiche più rappresentative del piccolo borgo di mare. Alla conferenza stampa sono intervenuti il sindaco Giancarlo Farnetani, l'assessore provinciale al turismo Gianfranco Chelini, l'assessore al turismo Pier Paolo Rotoloni e l'assessore alle politiche culturali Federico Mazzarello. Insieme ad un pubblico nutrito, anche i rappresentanti delle Associazioni di categoria presenti hanno partecipato a questa importante tappa del progetto di rilancio del settore turistico messo in atto dall'Amministrazione Comunale. "Un passo determinante ­ spiega l'assessore Rotoloni ­, che abbiamo compiuto con l'intento specifico di incentivare la comunicazione turistica del territorio di Castiglione della Pescaia. L'individuazione di un brand, pensato e realizzato sulle caratteristiche del nostro paese, vuole essere il mezzo destinato a lasciare un segno nella memoria di chi ci viene a visitare, una sorta di promemoria che raccolga in se l'essenza della nostra offerta turistica. A questo scopo, all'interno dell'Ufficio Nelle foto alcuni scorci di Castiglione della Pescaia 28 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Turismo, aperto lo IAT di Castiglione della Pescaia I ntanto, è stato inaugurato il 2 aprile, il nuovo Ufficio Informazione e Accoglienza Turistica a Castiglione della Pescaia. La sede, completamente ristrutturata, si trova nella centrale piazza Garibaldi e al suo interno ci sono quattro addetti che si occupano di dare tutte le informazioni inerenti il turismo, le strutture ricettive e le attività che verranno svolte sul territorio di Castiglione della Pescaia. Un grande investimento di mezzi, persone e risorse che l'Amministrazione Comunale ha messo in campo per rilanciare il turismo in collaborazione con la Provincia di Grosseto. In occasione del taglio del nastro, oltre alla Giunta Farnetani al completo, sono intervenute le autorità, l'assessore provinciale al Turismo Gianfranco Chelini, molti cittadini, operatori turistici e i rappresentanti delle associazioni. "Sono soddisfatto nel recepire che il sindaco Farnetani e la sua Giunta hanno accolto questa nuova `visione' del turismo come occasione per acquisire modalità nuove e più mature capaci di valorizzare in maniera sempre maggiore il brand Maremma puntando proprio su quelle leve che ne caratterizzano le naturali caratteristiche: il turismo e l'agroalimentare ­ spiega Chelini ­. Saranno proprio queste risorse naturali che, pur essendo già note, se ulteriormente valorizzate, potranno diventare le protagoniste di un nuovo sistema di promozione del territorio. Infatti, credo fortemente che le classiche politiche del turismo consistenti nella sola promozione dell'accoglienza, oggi non siano più sufficienti. Servono strategie in grado di garantire una maggiore attenzione al prodotto. Per questo, le risorse naturali giocheranno un ruolo fondamentale nella promozione del nostro territorio qualificando ulteriormente l'offerta economica legata al brand Maremma". Sull'operatività del nuovo ufficio parla così l'assessore al turismo e commercio del Comune di Castiglione Pier Paolo Rotoloni: "Abbiamo lavorato a questa apertura per molti mesi e siamo convinti di aver fatto un lavoro aderente alle aspettative. Ci aspettiamo che questo ufficio sia utile sia ai turisti sia alle strutture turistiche castiglionesi per riprendere uno slancio verso obbiettivi e traguardi più alti e consistenti. Siamo convinti che, mettendo a disposizione un servizio di questo genere, con orari tarati sulle esigenze della stagione turistica in corso, potremmo dare alle strutture di accoglienza castiglionesi una nuova prospettiva sulla diffusione dell'offerta sul nostro territorio. Tra l'altro questa modalità, per così dire tradizionale, di fornire assistenza al turista e agli operatori, si affiancherà ad un servizio informazione turistica itinerante per diffondere in modo capillare le notizie che ci riguardano che inaugureremo a breve". Oltre alla stretta collaborazione con la Provincia, il sindaco Farnetani ha voluto fare anche un ringraziamento speciale alle Associazioni castiglionesi: "In particolare l'Acot, l'associazione degli Stabilimenti Balneari e l'associazione dei campeggi per aver contribuito alla realizzazione di questo progetto così importante. Per la stagione che sta arrivando, il nostro territorio sarà rappresentato da questo ufficio, dall'ufficio informazioni di Punta Ala gestito dalla Pro Loco e da un ulteriore punto informazioni al Museo Civico Archeologico di Vetulonia. I totem, dotati di touch screen, si potranno trovare invece nei nostri due porti e nella frazione di Tirli senza dimenticare il servizio d'informazione itinerante che coprirà i restanti angoli di territorio. Uno spiegamento di forze congiunto perché crediamo che gli investimenti più grandi si debbano fare proprio sulla fonte primaria che costituisce e struttura la nostra economia: il turismo". PRIMO PIANO · 29 "Non solo Mare", una ricca anteprima d'estate a Talamone Torna per il sesto anno consecutivo "Non solo mare", l'ormai consueta e sempre particolarmente attesa anteprima d'estate che, tra enogastronomia, natura, eventi sportivi e intrattenimenti vari, anima per tre giorni ­ quest'anno da venerdì 15 a domenica 17 giugno ­ il borgo di Talamone (nel territorio del comune di Orbetello) 30 · Maremma Magazine · Giugno 2012 alamone è un piccolo borgo marinaro collocato su un promontorio a picco sul mare, nella parte nord del comune di Orbetello, nei pressi di Fonteblanda ed è facilmente raggiungibile attraverso la SS Aurelia. Le origini sono antiche e controverse essendo attribuite ora ai Rasenna e agli Etruschi (Tlamu), ora all'eroe troiano Telamonio Teucro, ora all'argonauta Telamone. Qui, nella pianura di Campo Regio, fra Bengodi e il Voltoncino, si scontrarono nel 225 a.C. i Galli comandati da Concolitano e Aneroesto e i Romani guidati da L. Emilio Papo e C. Attilio Regolo. Per i primi fu una vera ecatombe: ne morirono quarantamila; e diecimila, fatti prigionieri, vennero condotti a Roma. Un altro episodio storico che rende importante il passato di Talamone è quello dell'aiuto dato dalla località all'esercito di Mario nella lotta contro Silla, il quale, una volta battuto l'avversario, non esitò un momento a distruggere il centro costiero a quei tempi piuttosto fiorente. Dopo un silenzio di secoli, il paese tornò ad essere menzionato verso il Mille, quando ne vennero in possesso i monaci amiatini di Abbadia San Salvatore. Usurpato dagli Aldobrandeschi, se ne impossessarono i Senesi nel 1303 e ne fecero un porto molto bene attrezzato che nel 1356, in seguito ad un patto fra Siena e Firenze, divenne scalo commerciale di quest'ultima città. Passato, nel 1410, alle dipendenze di Ladislao di Napoli, quattro anni più tardi tornò nuovamente ai Senesi. Conquistato da Andrea Doria (1526) e distrutto dai Saraceni di Ariodeno Barbarossa (1544), Talamone venne aggregato nel 1557 allo Stato dei Presìdi, poi al Regno d'Etruria (1802), quindi al Granducato di Toscana (1815), infine al Regno d'Italia. Il 7 e 1'8 maggio 1860, durante la spedizione dei «Mille», vi sostò Garibaldi per rifornirsi di armi. Racconta G.C. Abba nel volume Da Quarto al Volturno: «Vedevamo lontano un villaggio, una torre svelta, sottile, lanciata nel cielo; una bandiera su quella agitata dal vento. Bandiera italiana, villaggio toscano. Era questo di Talamone, sulle coste maremmane». In merito a questa sosta esistono notizie dettagliate nelle cronache di Cesare Abba e del Bandi, con gustosi aneddoti tramandati. Dalla casa Gentini (andata distrutta con la guerra), che ospitò l'eroe, è stata salvata la poltrona dove si riposò Garibaldi e restano autografi a testimonianza storica di quei giorni. Personaggi significativi furono Ferdinando Carchidio per gli scritti sulla storia di Talamone ed il brigante "Righetto" Stoppa imboscatosi a lungo sull'Uccellina. Dopo la guerra 15/18 iniziarono le bonifiche definitive della palude, con la costruzione dell'idrovora e del canale di deflusso. Il Re d'Italia, Vittorio Emanuele III, con la famiglia, sostarono spesso a Talamone negli anni 20/30, per imbarcarsi sul panfilo reale Jela e raggiungere l'Isola di Montecristo. Nel maggio del 1944, dopo il bombardamento alleato del porto, Talamone fu in gran parte minato e distrutto dalle truppe tedesche. Per fortuna si salvò la bella fortezza, oggi restaurata, e la cinta muraria. Nel dopoguerra sostarono più volte a Talamone, Re Faruk d'Egitto, i Reali di Grecia ed oggi con frequenza i Reali d'Olanda. A Talamone sono stati girati 5 film tra i quali "L'Odissea". E una sorta di film con una straordinaria scenografia è quello che ogni anno... si gira nel mese di giugno in occasione di "Non solo Mare", la bella manifestazione ­ giunta alla sua sesta edizione ­, promossa dal Comune di Orbetello e dal Consorzio Welcome Maremma in collaborazione con l'Associazione Pro loco di Talamone ed in programma nei giorni che vanno da venerdì 15 a domenica 17 giugno. Il contesto è davvero suggestivo perché la kermesse si svolge nella splendida cornice di Piazza della Rocca, nello spiazzo verde antistante la fortezza, quasi a picco sul mare. Qui, in quella che viene battezzata, in questa occasione, come "La Piazza dell'Enogastronomia", a farla da padrona saranno, ancora una volta, le degustazioni. Ristoranti e Aziende vinicole locali ­ per tutti e tre i giorni della festa, a partire dalle ore 18 ­ proporranno infatti speciali "tapas" dei propri piatti in abbinamento ai vini del territorio. I visitatori potranno accedere alle degustazioni previo acquisto di una card che dà diritto ad un bicchiere con tasca logati e n. 3 bollini di acquisto al costo di euro 10,00. Da quest'anno i bollini saranno spendibili in tutti gli esercizi commerciali di Talamone aderenti all'iniziativa PRIMO PIANO · 31 (elenco scaricabile dal sito www.prolocotalamone.it nonché riportato nella cartina consegnata al momento dell'acquisto della card). I punti vendita della card saranno in Piazza delle Palme e Piazza della Rocca. Ma "Non solo Mare", ovviamente non si fermerà all'enogastronomia. Uno spazio importante verranno ad avere anche gli Eventi Sportivi, il primo dei quali in programma venerdì 15, quando intorno alle ore 18,30 è previsto l'arrivo della Staffetta Isola del Giglio/Talamone di nuoto pinnato organizzata dall'A.S. G.A.O. Brinella di Orbetello. La partenza della staffetta avverrà in prossimità della nave Concordia inabissata all'Isola del Giglio con deposizione di corona commemorativa ai caduti nella tragedia. Arri- vo previsto come detto intorno alle ore 18,30 nel tratto di mare zona Porto di Talamone. Più o meno a quell'ora in zona Porto si terrà l'inaugurazione ufficiale della manifestazione con la partecipazione del Corpo Bandistico Città di Orbetello. Sempre in tema di eventi sportivi sabato 16 è in programma la regata velica "La Talamonese" - 5° Trofeo Roger Citerneschi del Circolo Vela Libera Talamone, mentre domenica 17 il Circolo della Vela di Talamone e la Velapassion Talamone Charter organizzeranno uscite in barca a vela per bambini. Per info e prenotazioni: Circolo della Vela Talamone, tel. 0564/867482 - 331437313, e-mail segreteria@cvtalamone.it; Velapassion Talamone Charter, tel. 0564/887743 - 3472607983. Per tutta la durata della manifestazione le Scuole di Vela, Windsurf e Kitesurf di Talamone e Fonteblanda resteranno aperte per esibizioni e pratica per grandi e piccini. Durante la "tre giorni" il borgo sarà animato tutte le sere da eventi musicali in piazza della Rocca ed esibizioni di artisti di strada per le vie del paese. Prevista anche la possibilità di visitare gli itinerari del Parco della Maremma T1 e T2 di Talamone su prenotazione ai numeri 0564/887173 - 0564/407098, email centrovisite@parco-maremma.it Non mancheranno anche le mostre e tante altre sorprese. Info: tel. 0564/861111 (Comune di Orbetello) e www.orbetelloturismo.it 32 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Voglia di vela in Maremma DI NADIA IACOPINI Uno sport appassionante fatto di avvincenti regate in mare aperto e dolci crociere nelle calette deserte della costa. La Maremma è anche questo, un paradiso per gli appassionati della vela che qui hanno modo di sperimentare un'offerta davvero unica che si sviluppa su oltre cento chilometri di litorale davanti all'Arcipelago toscano 34 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Far vela in Maremma Far vela in Maremma è un'esperienza davvero unica. Chi ha la fortuna di arrivare in questi luoghi, dal Golfo di Follonica all'Argentario, tra la terraferma e le splendide isole dell'Arcipelago toscano, non può che rimanerne impressionato a prima vista. Soprattutto chi ha la fortuna di poter provare, anche una sola volta, l'esperienza di andar per mare e di veleggiare di fronte a queste meraviglie. Un mare azzurro e cristallino che si rende protagonista di una scena in azione, in cui il vento sempre presente, ma mai pericoloso, il verde della pineta, le ardite scogliere e le spiagge segrete, non fanno soltanto da sfondo, ma si rendono, esse stesse, protagoniste della scena. Niente di meglio per un navigante, che trova di fronte a sé un perfetto campo di regata. Non a caso da diversi anni, ormai, la Maremma ospita alcune delle più importanti competizioni della grande vela internazionale, che utilizzano circoli velici attrezzati e porti tra i più sicuri d'Italia. Si va dalla Marina di Scarlino, a Punta Ala, a Castiglione della Pescaia, a Marina di Grosseto, fino a Talamone, Porto Santo Stefano e Cala Galera. Essi sono ormai conosciuti in tutta Italia e nel mondo per la capacità di organizzare regate di altissimo valore tecnico. Questi sono alcuni dei circoli nautici più importanti del territorio maremmano: Gruppo Vela L.N.I. Follonica, Club Nautico Follonica, Club Nautico Scarlino, Yacht Club Punta Ala, Circolo Velico Cala Civette, Club Velico e Yacht Club Castiglione della Pescaia, Compagnia della Vela Grosseto, Circolo Nautico Maremma, Circolo Vela e Circolo Nautico Talamone, Società Canottieri Orbetello sez. vela (laguna), Circolo Velico e Canottieri Porto S. Stefano, Yacht Club Santo Stefano, Club Nautico e della Vela Argentario, Club Velico Marina di Grosseto, Club Velico Grosseto (Principina a mare). La brezza termica della Maremma, quella che qui chiamiamo Maestrale, è sempre presente nei pomeriggi di primavera ed estate, ma anche in autunno e inverno, dato che la protezione naturale che la Corsica e l'Isola d'Elba offrono alla costa maremmana e il clima mite, consentono di svolgere un'attività che dura davvero 12 mesi all'anno. Ed è proprio il vento ad essere uno dei principali protagonisti di questi luoghi. Il vento è il vero motore di una barca a vela e chi è in navigazione deve essere in grado, in ogni momento, di sapere da che parte arriva in modo da potersi orientare rispetto ad esso. Sono migliaia i velisti che, da marzo a ottobre, e durante tutto l'anno, arrivano in Maremma per PRIMO PIANO · 35 svolgere la loro attività sportiva preferita. Ma non solo. Qui si possono provare anche e soprattutto piccole crociere di piacere, per vivere a contatto con la natura, lontani dalla terra ma vicini a quell'emozione che soltanto il mare e le onde riescono a dare, un modo per misurare sé stessi al di fuori dello stress e del caos quotidiano. Le isole della Maremma sembrano proprio fatte apposta per provare un'esperienza in barca a vela; si propongono infatti come itinerari naturali, e le svariate scuole di vela presenti nel territorio rappresentano un'ampia scelta per tutti coloro che vogliono approcciarsi per la prima volta ad una mini crociera di que- sto tipo, un'esperienza senz'altro unica che farà scoprire innanzitutto una prospettiva diversa da cui poter ammirare questi luoghi. Quella vista dal mare. A proposito di regate... La passione per il mare, la vela e le regate è una delle caratteristiche che possiamo incontrare soprattutto tra chi, in questi luoghi, ci è nato ed ha la fortuna di poterli vivere ogni giorno. Una passione che talvolta si traduce in uno stile di vita e per i più fortunati in una vera e propria professione. Ecco come ci si prepara per una sfida in mare, una curiosità che da sempre attanaglia chi non è così familiare con le onde. L'abbiamo chiesto ad alcuni membri di un Club Nautico della Maremma, a chi, come in questo caso, si trova spesso, per diletto o per gara, a dover affrontare regate con le più svariate condizioni metereologiche. Si comincia con la banale ma necessaria pulizia della carena per togliere eventuali residui di alghe, che si fa in immersione con le bombole. Dopodiché inizia la preparazione vera e propria di tutti i circuiti della barca, dopo averne verificato manutenzione e controllo. Una buona regata si misura anche a partire da ciò che viene fatto prima della gara! A seconda delle condizioni del vento, La Rosa dei Venti L a rosa dei venti è la rappresentazione schematica dei punti cardinali e dei venti associati a ciascun punto cardinale inteso come direzione di provenienza: Nord, Sud, Est e Ovest e delle direzioni da questi determinate, diffusasi a partire dalla Repubblica di Amalfi, ai tempi delle Repubbliche marinare. Tra i quattro punti cardinali, si possono individuare altri quattro punti intermedi, che vanno a formare le otto combinazioni che rappresentano le direzioni dei venti. La rosa dei venti più semplice è quella a 4 punte formata dai soli quattro vertici: Nord (N 0°) anche detto settentrione o mezzanotte e dal quale spira il vento detto tramontana Est (E 90°) anche detto oriente o levante e dal quale spira il vento detto levante Sud (S 180°) anche detto meridione e dal quale spira il vento detto mezzogiorno oppure ostro Ovest (W 270°) anche detto occidente o ponente e dal quale spira il vento detto ponente Tra i quattro punti cardinali principali si possono fissare 4 punti intermedi: Nord-est (NE 45°), dal quale spira il vento di grecale (chiamato anche greco) Sud-est (SE 135°), dal quale spira il vento di scirocco (garbino umido); Sud-ovest (SW 225°), dal quale spira il vento di libeccio (garbino secco); Nord-ovest (NW 315°), dal quale spira il vento di maestrale (carnasein). Secondo alcuni la via maestra, che è la via per Venezia, una delle Repubbliche marinare del tempo, dà il nome al Maestrale. Secondo altri, il Maestrale prenderebbe il nome dal Mistral, vento predominante del sud della Francia che si affaccia nel Mediterraneo. 36 · Maremma Magazine · Giugno 2012 37 "Al suono della campanella, Frammenti di vita scolastica in Maremma dalle origini al `900" Nella foto dell'Archivio Gori l'asilo S. Anna (anno 1953) È stata inaugurata il 31 marzo scorso (per proseguire fino alla fine dell'anno) presso l'Archivio di Stato di Grosseto la mostra "Al suono della campanella, Frammenti di vita scolastica in Maremma dalle origini al `900" che racconta l'evoluzione e lo sviluppo della pubblica istruzione in questa terra negli ultimi secoli DI ROSSANO MARZOCCHI 'Archivio di Stato di Grosseto ha inaugurato recentemente una mostra dedicata alla storia della scuola. Dopo l'introduzione della direttrice Fiorenza Gemini ed il saluto di Annalisa Bindi in rappresentanza del Dirigente scolastico provinciale, è stata la volta di Maria Grazia Rossi, che è stata per molti anni Provveditore agli L Studi di Grosseto. La stessa ha ricordato una serie di avvenimenti che l'hanno riguardata direttamente ed ha affermato come la scuola maremmana sia stata un punto d'eccellenza anche per l'insediamento di specifici istituti quali il Tecnico Minerario di Massa e il Nautico di Porto Santo Stefano. La professoressa Simonetta Soldani dell'Università di Firenze, invitata all'inaugurazione, ha sottolineato come l'alfabetizzazione in provincia di Grosseto nell'Ottocento ci sia stata e alla grande, PRIMO PIANO · 39 rispetto anche ad altre città della regione più vaste ed economicamente più importanti; ciò per la vivacità degli spostamenti di grandi masse di persone e per la scoperta del chinino. Le prime scuole dipendevano dalle risorse dei Comuni ed erano riferibili originariamente quasi sempre ai parroci, che erano gli unici dotati di cultura per l'insegnamento e di qualche stanza da adibire ad aula. Una situazione che si protrarrà a lungo, tanto che nel Settecento interviene la novità delle scuole femminili delle Maestre pie Filippini, che vedevano il ruolo centrale della donna nel progres- so sociale. Queste aprirono scuole a Pitigliano, Sorano, Scansano e nel 1817 a Grosseto anticipando di ben 35 anni la legge granducale. Leopoldo II di Lorena riuscì a realizzare una legge sull'istruzione pubblica solo nel 1852, quando la situazione scolastica in Maremma era già abbastanza evoluta, le scuole si erano moltiplicate e stavano iniziando i primi esperimenti di scuola serale. La riforma granducale puntò soprattutto al controllo della preparazione degli insegnanti e all'uniformità dei programmi, pur lasciando sempre ampio spazio alla Chiesa, sia nella scuola pubblica che in quella privata. Ma gli avvenimenti politici travolsero i piani del Granduca e catapultarono la Maremma e la sua scuola nel nuovo Stato italiano. Nel 1888 aprì a Grosseto la Scuola Normale Femminile, che poi diventerà Istituto Magistrale abilitante all'insegnamento. La provincia di Grosseto, in particolare, ha visto crescere in maniera esponenziale il numero di scuole, favorito anche dalla vastità del territorio. La forza di questa rete si verifica quando viene messa alla prova, come durante il periodo bellico (le lezioni non si interruppero neanche sotto i bombardamen- 40 · Maremma Magazine · Giugno 2012 "Istruzione e clero in Maremma nei secoli XVIII e XIX" Fiorenza Gemini e Tamara Gigli 'Archivio di Stato di Grosseto, dopo aver inaugurato di recente la mostra "Al suono della campanella. Frammenti di vita scolastica in Maremma dalle origini al Novecento", ha proseguito l'approfondimento del tema con una conferenza tenuta dalla professoressa Tamara Gigli su "Istruzione e clero in Maremma nei secoli XVIII e XIX". La relatrice, dopo la presentazione del direttore dell'archivio Fiorenza Gemini, ha descritto il ruolo fondamentale avuto nel passato dagli ecclesiastici nell'insegnamento pubblico e privato, in particolare nei piccoli centri, dove spesso queste erano le uniche figure dotate di un certo livello culturale, tanto che i granduchi lorenesi li obbligarono a tale funzione. "A Caldana, il marchese Austini, che era il feudatario del luogo ­ ha spiegato la Gigli ­ pagava 12 scudi l'anno al curato, che si obbligava a fare scuola gratuita ai fanciulli del paese. Nonostante ciò le scuole erano poco frequentate ed i bambini erano sottratti all'istruzione dalla povertà dei genitori che li impiegavano invece nel lavoro dei campi. Fin dal basso medioevo, nei vari comuni e perfino nelle piccole località ­ ha continuato la relatrice ­ si era sentito il bisogno di insegnare soprattutto a leggere, ed ogni statuto comunale prevedeva la figura di un maestro che non doveva necessariamente appartenere al clero, sebbene, specialmente nelle parrocchie di campagna, era il sacerdote l'unico in grado di svolgere questa funzione". Concetto che è stato più tardi ribadito con soddisfazione da monsignor Franco Cencioni presente alla conferenza. Si ha anche notizia che nel 1766 in L Toscana imperava un analfabetismo dilagante e che i comuni di Pitigliano e Massa Marittima, da considerarsi delle vere e proprie eccellenze nel campo dell'istruzione pubblica, si organizzarono per la presenza di un maestro ancor prima di Grosseto. La professoressa Gigli nella sua compiuta relazione si è soffermata rammentando i numerosi ecclesiastici che ebbero un ruolo di primo piano nell'insegnamento, anche se non tutti furono buoni maestri, tra cui il sacerdote Marc'Antonio Niccolai che riportò numerose condanne penali. Nonostante quest'eccezione è fuori di dubbio che fu il clero ad impartire la cultura alle popolazioni. Nel mondo della scuola grossetana del XIX secolo si ha notizia dell'impegno dei canonici Antonio Malintacchi, poi del sacerdote Tolomeo Faccendi, Antonio Chelli e Federigo Riccioli che fu per anni direttore delle scuole comunali nel capoluogo e fondò addirittura una biblioteca popolare circolante. Si ha notizia poi dei seminari, sempre più grandi e frequentati, della scuola per fanciulle, di una scuola tecnica e perfino di un Asilo infantile in via dell'Unione a Grosseto realizzato, guarda caso, grazie allo zelo del canonico Domenico Pizzetti. "Nell'ottobre 1895 ­ così ha concluso la professoressa Gigli ­ il canonico cavalier Riccioli, che tanto aveva fatto per la cultura e per i giovani spronandoli alla frequentazione scolastica, fu insignito da Sua Eccellenza il Ministro Baccelli della medaglia d'argento come benemerito della pubblica istruzione". Rossano Marzocchi PRIMO PIANO · 41 Risorgimento Maremmano. Maggio 1860, parte la Spedizione dei Mille: prima tappa a Talamone DI ADRIANO POLETTO Prosegue il nostro viaggio nell'epoca del Risorgimento Maremmano. In questo numero parliamo del 1860 e della partenza della Spedizione dei Mille che fa tappa in terra di Maremma e per la precisione a Talamone piccolo borgo invaso d'un tratto da tanta gioventù fiera, aitante, baldanzosa... e affamata che di lì a breve avrebbe riunito l'Italia 42 · Maremma Magazine · Giugno 2012 on amo certo la retorica d'altri tempi, ma da quando sto rivisitando le traversie del suo fondatore, delle persone a lui vicine e anche dei suoi avversari la biblioteca Chelliana non è più la stessa per me. Entrandovi, un pensiero a chi l'ha voluta con tutto il suo impegno in un'epoca di travagli impensabili ai nostri giorni lo rivolgo quasi sempre. Se d'ora in avanti sarà così anche per voi mi riterrò ben ricompensato per questo piacevole lavoro. La reggenza Lorenese era finita e i liberali invitavano a guardarsi indietro senza odio e senza rimpianto. Tempi nuovi incalzavano. Il 4 aprile 1860 alle ore 10,45 l'ufficio telegrafico di Grosseto trasmetteva il suo primo dispaccio diretto a Bettino Ricasoli. Il caffè Tornaini sotto le logge, le stanze dell'Accademia degli Industri, la biblioteca, le botteghe del Tognetti e del Cecchini erano punti di ritrovo dove si seguivano gli avvenimenti e si commentava no-stop le edizioni dei quotidiani. Grande entusiasmo N produceva la notizia che Vittorio Emanuele, entrando in Firenze al fianco del Ricasoli, avesse riferito alla delegazione Grossetana di "voler visitare la Maremma palmo a palmo". Per l'occasione venne composto un lungo stornello del quale ne riporto qualche strofa, perché `gli è davvero gustoso... Giuseppe Garibaldi Fior di mughetto,/ i codini hanno avuto scacco matto/ e senza il babbo se ne vanno a letto./ Fior di nocciolo,/ la borsa de' codini ha fatto il calo/ non torna più né il babbo né il figliolo./ Fagioli freschi,/ codini, divertitevi a far fiaschi,/ nessuno vuole amar chi amò i Tedeschi./ Fiorin d'alloro,/ Garibaldi alla Patria, esempio raro/ dona la vita, non la vende all'oro./ Fior di lupino,/ tutti dobbiamo stringerci la mano,/ doventa ora delitto esser codino. E fra uno stornello e l'altro scese anche la sera di quel fatidico 5 maggio, mentre il "Piemonte" e il "Lombardo" salpavano da Quarto fra "il risuonar di lieti canti e il fiammeggiar delle camicie rosse, con le prore e con i cuori rivolti all'isola del fuoco". Due giorni più tardi, poco dopo il mezzodì i Mille ­ uomo più uomo meno ­ sbarcavano a Talamone. "Vedevamo lontano un villaggio ­ scrive Giuseppe Cesare Abba sullo storico diario "da Quarto al Volturno" ­ una torre svelta, sottile, lanciata al cie- PRIMO PIANO · 43 lo; una bandiera su quella agitata dal vento. Bandiera italiana, villaggio toscano. Era questo di Talamone, sulle coste maremmane. Quando fummo vicini a terra, una barca venne a gran forza di remi verso di noi, portando il Comandante di questo castelluccio. Il valentuomo era mezzo sepolto sotto due spalline enormi, e aveva in capo una lanterna tutta galloni". La memoria ci ha lasciato un ricco assortimento di aneddoti frutto dell'emozione e del trambusto. Si raccontano ­ tanto per cominciare ­ i brevi convenevoli così riassunti: «Come si chiama quel monte là in faccia?» Nelle foto statua e lapide collocate nella piazza centrale di Talamone «Monte Argentaro» «E quelle case bianche mezzo tuffate in mare?» «Porto San Stefano» «Con una veduta come questa sempre dinanzi agli occhi, dovete fare una bella vita!» «Sì se si mangiasse cogli occhi. Ma... basta... finché si campa» Subito dopo, sembra che Garibaldi appellasse l'ufficiale, capitano De Labar, con voce tonante e un nome sbagliato, e questi non ardisse correggerlo. Si può immaginare il subbuglio nel piccolo borgo, invaso d'un tratto da tanta gioventù fiera, aitante, baldanzosa... e affamata. "Il villaggio fu invaso ­ continua Abba ­, quei poveri abitanti, marinai, pescatori, carbonai della Maremma, si trovarono con le case messe sossopra da quella gente che pagava, ma voleva mangiare. Forse pensavano che anticamente così s'erano visti invasi i loro padri dai corsari; ma saputo chi erano quei forestieri e l'uomo che li conduceva, si sbrigavano con gioia per contentarli. Garibaldi undici anni avanti era passato per la Maremma, e vi aveva lasciato la sua leggenda". È risaputo che l'aria di mare mette appetito, ma l'unica modesta osteria ­ poco più di una frasca ­ era del tutto insufficiente come posti a sedere e cambusa. Nessuno aveva preannunziato l'arrivo di tanti e tali ospiti, ma in Maremma è sempre una gioia dividere il desinare e gente ricca di risorse non si fece cogliere dal panico. In meno che non si dica i Talamonesi radunarono veicoli e quadrupedi e si sparpagliaro- no ai quattro punti cardinali per raccogliere pane, vino e companatico secondo le disponibilità della campagna e delle frazioni vicine. I cronisti riferiscono che bene o male, al termine di quella bardella (sfaticata nell'idioma locale) le allegre tavolate in piazza, all'osteria e nelle case più spaziose erano dignitosamente apparecchiate e qualcosa toccò a tutti. Il garibaldino Gavorranese Giuseppe Bandi, romanziere, giornalista e testimone oculare (fonderà nel 1877 il quotidiano Livornese il Telegrafo, attuale Tirreno) riferisce che l'eroe dei due mondi gradì sia il pranzo a base di minestra di cavolo (o acqua cotta secondo altri), lesso con fagioli al fiasco e frittata di cipolle, che la conversazione delle padrone di casa Gentini che lo ospitava. "Sentite come parlano bene, è una delizia ascoltarle!" avrebbe esclamato a un certo punto. L'escursione in Maremma di undici anni prima, con stato d'animo ben diverso, doveva essergli tornata alla memoria fin da quando ne aveva rivisto le coste ed egli non avrà mancato di rievocarla all'attentissima platea. La voce tonante che tante volte aveva ammonito: "Chiunque ardisse disobbedirmi si prepari ad essere gettato in mare!" aveva ora bisogno di raddolcirsi per un momento. Sulla spiaggia di Talamone i Mille si contarono per la prima volta e s'inquadrarono in otto compagnie. Il capitano Montanari, contemplando Garibaldi in divisa da generale Piemontese, esclamava "Così vestito mi sembrate un leone in gabbia!" strappandogli un sorriso. 44 · Maremma Magazine · Giugno 2012 La Maremma e il suo complicato passato: il flagello delle locuste C'è stato un tempo e parliamo del Seicento e Settecento in cui la Maremma, oltre a fare i conti con le carestie, le alluvioni, la malaria, la desolazione e la grande miseria, ha dovuto vedersela anche con gli acridi ovvero le locuste o cavallette che più o meno regolarmente invadevano il territorio devastando tutto ciò che trovavano sul loro percorso... DI LUCIANO LODDE A lla voce "Acridi", l'Enciclopedia Italiana Treccani riporta: "Insetti costituenti un sottordine di ortotteri. Segnalati fin dall'antichità e menzionati più volte nella Bibbia, con nomi diversi, come uno dei più temuti flagelli dell'agricoltura". Gli acridi altro non sono che le note cavallette (nome volgare), o locuste. In particolare, la Bibbia, nel libro dell'Esodo, racconta dell'invasione di cavallette in Egitto, considerata una delle dieci piaghe (e cioè, punizioni divine), scagliate contro quel popolo. Le campagne della Toscana, nel corso dei secoli, hanno dovuto subire, in più occasioni, le temibili invasioni degli sciami di locuste. Sull'argomento si hanno informazioni piuttosto limitate. È possibile, comunque, fornire alcune notizie per i secoli XVII e XVIII, ma il fenomeno riguardò di sicuro pure il 1800. Tali eventi dovevano creare grandissimo allarme, a giudicare dalle accurate e drastiche disposizioni legislative, con le quali le autorità cercavano di affrontarli e risolverli. Il Targioni Tozzetti, nella seconda metà del Settecento, riferisce che già nel 1576 e 1577 il Magistrato dei Nove Conservatori del Contado Fiorentino si era occupato dei "...Grilli (in Toscana le cavallette venivano chiamate anche così) che danneggiavano le Maremme di Siena". E dà notizia che Massa Marittima, in quel tempo afflitta dalla peste, negli anni 1624 e 1630, vide la sua campagna danneggiata dalle cavallette, in varie occasioni, dal 1611 al 1654. Il fenomeno raggiunse probabilmente il suo acme nel XVIII secolo, un periodo storico caratterizzato da carestie, alluvioni, malaria, desolazione e grande miseria; in tale contesto sociale ed economico, il territorio maremmano si trovò a dover fronteggiare anche il pericolo rappresentato dalle invasioni di locuste. Una relazione del medico e naturalista Giuseppe Del Papa descrive come tale fenomeno si presentò, nella zona di Piombino: "Nel 1711, il 23 giugno cir- PRIMO PIANO · 47 ca le ore 18, abitanti nel territorio di Piombino videro dalla parte del mare comparir sopra quella campagna uno stuolo immenso delle locuste volanti per l'aria, così folto ed opaco, che poteva oscurare il sole a guisa d'una densa nube, il qual folto stuolo d'insetti fu da loro veduto incontinente posarsi e spargersi sopra quella campagna, occupando e cuoprendo un assai largo paese". La Maremma grossetana fu toccata marginalmente dall'invasione citata, nella zona di Scarlino, mentre le campagne di Volterra, Suvereto e, appunto, Piombino, furono quelle che subirono i danni più rilevanti, considerando che il fenomeno si ripresentò anche negli anni successivi. Per dare un'idea di quale fosse la portata dell'evento, in termini quantitativi, si può dire che a Piombino, nell'arco di due mesi, furono catturate circa 17 quintali di cavallette. La zona di Grosseto subì invece un'invasione di locuste, provenienti dall'Africa, nel 1715; in particolare, furono colpite duramente le campagne di Monterotondo, Massa Marittima, Gavorrano e Ravi. L'anno successivo, nelle stesse zone, circa 500 uomini cacciarono, raccolsero e bruciarono seimila staia di insetti, che avevano, di fatto, ridotto a terra bruciata le campagne. Coloro che erano impegnati in tale operazione, avevano una paga giornaliera di quattro libbre e mezzo di pane (circa un chilogrammo e mezzo), insieme ad una modesta cifra in denaro. A questi individui, che abitavano nelle stesse zone colpite dalla calamità, si aggiunsero cacciatori di cavallette veri e propri, provenienti da fuori, poveri disperati che si accontentavano di una libbra di pane, per ogni libbra di locuste catturata. Questo fatto dimostra in quali condizioni di estrema indigenza vivessero le persone, in Maremma, nel Settecento. Nel 1731, poi, le locuste tornarono a distruggere le campagne grossetane, in modo ancor più implacabile, tanto che, l'anno successivo, ai metodi tradizionali usati per debellare i terribili insetti, si pensò di aggiungerne di nuovi, forse più decisivi, come il ricorso a processioni propiziatrici, con le quali si cercava di favorire l'aiuto divino. Un sistema che si rivelò molto utile, per l'eliminazione degli insetti, fu quello di concentrare, nella zona infestata, centinaia di maiali, provenienti da varie parti della Maremma, che completarono l'opera dell'uomo, divorando le cavallette. Tale sistema non era, in realtà, contemplato nelle istruzioni granducali. Queste, infatti, erano molto chiare e stabilivano di far prendere le cavallette e bruciarle, oppure sotterrarle e ricoprirle di calcina viva. Nel territorio fiorentino fu nominata una Deputazione, composta da possidenti, i quali si riteneva che fossero più attaccati di altri, alle sorti di quella zona. Questi avevano il compito di viaggiare e verificare che le istruzioni fossero esattamente applicate. I Depu- tati dovevano poi render conto al Cancelliere della Comunità, che a sua volta era tenuto a fare un rapporto all'Uffizio di Soprintendenza Comunitativa. In una Istruzione del 1806, si può così leggere: "...il Magistrato fisserà la ricompensa ai predatori di tali Insetti... La preda di questi Insetti si farà con i panni bianchi... Questi Insetti saranno custoditi dal pagatore in sacchi chiusi finchè ne abbia una quantità sufficiente da essere interrata nella fossa preparata... dopo che saranno stati predati, o raccolti, con i panni bianchi suddetti, schiacciati, o assacchettati, ed uccisi nei sacchi medesimi, acciocché non fuggano, dovranno per massima essere abbrucciati, ovvero sotterrati in fosse più o meno profonde... ricoperti di calcina, e di terra all'altezza di un braccio, come si costuma pe' cadaveri degli altri animali...". Insomma, un fenomeno complicato che non poteva essere ignorato e che unito agli altri rendeva questi luoghi pericolosi e insalubri, ovvero tutto il contrario di ciò che la Maremma è oggi. Fonti P. Bellucci, I Lorena in Toscana. Gli uomini e le opere, Firenze 1984. G. Targioni Tozzetti, Relazioni d'alcuni viaggi fatti in diverse parti della Toscana... Vol. IV, Firenze 1770 (Rist.an., Bologna 1971) A. Cavoli, Il flagello delle locuste in Maremma e altrove, in "Le Antiche Dogane", n. 45/2003 Legislazione toscana, giugno 1806. 48 · Maremma Magazine · Giugno 2012 I Geoparchi Italiani a convegno sulle Colline Metallifere Successo per il 4° Workshop dei Geoparchi, importante 'due giorni' con al centro il tema della fruizione turistica e della comunicazione digitale connessa, che si è svolta nelle Colline Metallifere, e in particolare a Gavorrano e presso il centro congressi del palazzo delle Fonti dell'Abbondanza, a Massa Marittima O ltre 120 addetti, tra amministratori, geologi, comunicatori, operatori turistici, hanno partecipato il 16 e 17 maggio ai lavori del 4° workshop nazionale dei geoparchi svoltosi nella sala-congressi del palazzo delle Fonti dell'Abbondanza, a Massa Marittima. Due le sessioni di lavoro, oltre 30 i relatori. All'ordine del giorno del confronto la comunicazione digitale collegata alla fruizione turistica, ma a margine dell'evento sono state approfondite anche altre tematiche (normative, nuovi ingressi nell'Eupoean Geoparks Networks, modelli di sviluppo turistico territoriali). "Avere un comprensorio come il nostro, ricco di perle geologiche, di siti che lasciano a bocca aperta, di qualità in ogni campo, a volte può non bastare ­ ha detto il presidente Luca Agresti - è necessario infatti che il territorio del geoparco abbia un progetto di sviluppo turistico credibile. E questo passa anche e soprattutto dalle piattaforme digitali, da come siamo percepiti. Il workshop aveva proprio questo obiettivo: confrontarsi con gli altri 7 geoparchi e con i territori interessati ad aderire alla rete Egn, consolidare le relazioni esistenti e sviluppare quelle potenziali tra il web e il patrimonio geologico, paesaggistico, le risorse naturali, culturali ed enogastronomiche. Il contributo di blogger e comunicatori è stato estremamente interessante, ma soprattutto vorrei evidenziare la partecipazione, il numero degli interventi, gli apprezzamenti che sono arrivati dal coordinatore nazionale dei geoparchi Maurizio Burlando e dal presidente di Federparchi Giampiero Sammuri, con il quale sono d'accordo riguardo ai contenuti della nuova legge 394. Dobbiamo starci dentro". Maurizio Burlando, geologo, direttore del parco del Beigua e coordinatore nazionale dei geoparchi ha evidenziato come il workshop organizzato dal geoparco delle Colline Metallifere abbia segnato uno spartiacque rispetto alle precedenti edizioni. "Il lavoro svolto dallo staff del Tuscan Mining Geopark 50 · Maremma Magazine · Giugno 2012 rando su prossime candidature per aderire alla rete internazionale dei geoparchi". Infine Giampiero Sammuri, presidente di Federparchi, ha chiosato sul tema più delicato per quanto concerne il futuro dei geoparchi: l'ingresso nella nuova legge 394. "Il più importante strumento normativo per la tutela e la valorizzazione dell'ambiente ­ ha spiegato Sammuri ­ è la legge quadro sulle aree protette (la 394 del 1991). In essa sono fatti ripetuti riferimenti, nell'articolo 1, alla promozione, alla conservazione ed alla valorizzazione del patrimonio naturale del Paese, nelle sue diverse forme, ivi incluse "le forme fisiche, geologiche, geomorfologiche...". È evidente infatti il forte connubio tra politiche di conservazione della natura e politiche di conservazione del patrimonio geologico. Nella nuova 394 bisogna mettere le gambe all'articolo 1 e rilanciare una strategia che interpreti questa corrispondenza, inserendo la nuova categoria dei geoparchi, le cui finalità ed azioni si stanno progressivamente affermando sia a livello nazionale, sia a livello internazionale". Tra gli altri interventi da segnalare PRIMO PIANO · 51 quelli di Mirko Lalli (Fondazione Sistema Toscana), Robi Veltroni (blogger di Officina Turistica), Stefania Petrosillo (Federparchi) ­ che ha illustrato i contenuti della Carta Europea del turismo sostenibile nelle aree protette e in particolare nei geoparchi e Francesco Tapinassi (progetto Mitup della Provincia di Grosseto). Il Crono-Diario della "due giorni" nel comprensorio delle Colline Metallifere "Mercoledì 16 maggio la Porta di Gavorrano ­ dove ha sede il Parco nazionale delle Colline Metallifere Grossetane ­ è stato il punto di raccolta dei partecipanti al 4° workshop dei geoparchi italiani. Partendo da qui è iniziata la prima escursione nel complesso minerario di Gavorrano, noto per il suo esteso giacimento di pirite. Nel museo minerario in galleria la guida del geoparco ha raccontato frammenti di vita di miniera e di minatori, così come ricostruiti dalla memoria orale di chi ha lavorato in questi luoghi Il buffet nel primissimo pomeriggio ­ così come gli altri appuntamenti enogastronomici del workshop ­ è stato curato dalla condotta Slow Food Monteregio, utilizzando i prodotti tipici delle Colline Metallifere. Il trasferimento in pullman a Monterotondo Marittimo ha consentito poi la visita al parco delle Biancane, area geotermica di estremo interesse, biglietto da visita del geoparco. I partecipanti al workshop hanno posato di fronte ai vapori boraciferi delle Biancane per la tradizionale foto di gruppo. Una dettagliata descrizione del fenomeno delle Biancane e dei sui storici utilizzi fino alla più recente produzione di energia geotermica, è stata proposta da esperti dell'Università di Siena e della società Enel Green Power. Con il ritorno alla città di Massa Marittima è stata proposta una breve visita guidata alla cattedrale di San Cerbone, dove l'attenzione si è focalizzata sui travertini villafranchiani del suo paramento murario. Ulteriore e doverosa sosta alla Fonte dell'Abbondanza per ammirare, dopo il recente restauro, il singolare affresco medievale del cosiddetto `Albero della fertilità'. Prima del convivio serale, un aperitivo a base di vini bianchi (vermentino, trebbiano e malvasia) della Maremma in una suggestiva cantina scavata nel banco sommitale di travertino di Massa Marittima. Dopo cena, il concerto di musica jazz di due grandi strumentisti italiani: Antonello Salis (fisarmonica e tastiere) e Stefano Cocco Cantini (sax soprano e tenore), a cura del Grey Cat Jazz Festival. La mattina di giovedì 17 maggio, nel Centro Congressi dell'Abbondanza, è stato il momento degli interventi e delle comunicazioni del workshop. I lavori sono stati introdotti dal direttore del geoparco delle Colline Metallifere Grossetane, la dottoressa Alessandra Casini. Al tavolo delle autorità, oltre il presidente dello stesso geoparco Luca Agresti, erano seduti il sindaco di Massa Marittima Lidia Bai, il presidente della Provincia di Grosseto Leonardo Marras, nonché Giampiero Sammuri presidente di Federparchi e Antonello Fiore di Sigea. Dopo il saluto delle autorità il direttore del geoparco delle Alpi Apuane Antonio Bartelletti ha ricordato il presidente Giuseppe Nardini, recentemente scomparso, di cui ha tracciato un profilo biografico attraverso un ipertesto lirico e struggente. Il workshop, riuscito per la qualità e l'interesse degli interventi proposti, si è pure segnalato per la perfetta organizzazione, ben coordinata dal direttore del geoparco maremmano". a cura di Antonio Bartelletti (Geoparco delle Alpi Apuane) 52 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Una "Settimana" di eventi per far conoscere il Consorzio Bonifica Grossetana e le sue importanti attività a tutela del territorio Si è svolta anche quest'anno con successo la consueta e ormai tradizionale "Settimana della Bonifica" che ha visto il Consorzio Bonifica Grossetana impegnato a dar vita ad interessanti iniziative tese a far conoscere le attività e l'impegno profuso per la tutela e la salvaguardia del territorio maremmano al 12 al 18 maggio si è tenuta la "Settimana della Bonifica", una preziosa occasione per conoscere da vicino le attività del Consorzio Bonifica Grossetana e per conoscere meglio il territorio. Il tema di quest'anno scelto dall'Associazione Nazionale è stato "Consorzi Bonifica ed enti locali: una forza per il territorio", ed infatti gli eventi organizzati hanno dimostrato una virtuosa collaborazione tra il Consorzio grossetano e Regione, Provincia ed i comuni. La Settimana è iniziata sabato 12 maggio con l'inaugurazione, alla pre- D senza numerosissime autorità civili e militari, di opere la cui sinergia ha già mostrato i suoi effetti positivi per il riequilibrio del litorale a sud della foce del fiume Ombrone. Si tratta di un poderoso argine alto 4 mt. e lungo 1300 (foto grande a destra) che impedisce al mare di erodere la costa e di salinizzare le aree depresse, inclusa la pineta granducale; di nuovi motori per l'idrovora di San Paolo, già attiva nel "lavare via" il sale che negli ultimi anni si era accumulato sui terreni, distruggendo di fatto la vegetazione costiera. Non ultime le Porte Vinciane, realizzate presso il Canale 54 · Maremma Magazine · Giugno 2012 PRIMO PIANO · 55 La foto storica donata al Comune di Castiglione della Pescaia Essiccatore con la funzione di chiudersi quando c'è l'alta marea, e quindi sbarrare l'ingresso dell'acqua salmastra verso i canali interni, anche utilizzati per l'irrigazione; presso di esse è stato posto un pannello esplicativo che permetterà ai molti visitatori dell'Itinerario A7 del Parco della Maremma di conoscere meglio la storia ed il funzionamento delle Porte Vinciane, opera ingegneristica semplice quanto efficace e soprattutto strumentale ai problemi della costa maremmana. Dal 14 al 18 maggio oltre 1000 studenti delle scuole maremmane hanno visitato alcuni dei luoghi simbolo della bonifica, come Ponte Tura e la Steccaia, la Centrale Idroelettrica e l'Impianto Idrovoro di Barbaruta, nonché la storica sede del Consorzio in via Ximenes a Grosseto. I tecnici hanno illustrato ai ragazzi ed ai loro insegnanti i principi su cui si è basata l'azione di bonifica nei secoli scorsi e quali siano oggi le attività quotidiane del Consorzio Bonifica per il mantenimento, la tutela e lo sviluppo del territorio. Il 15 maggio nella Sala Consiliare di Castiglione della Pescaia il Presidente Fabio Bellacchi ha donato al Sindaco Giancarlo Farnetani la riproduzione di una storica foto che ritrae i badilanti a lavoro presso il fiume Bruna. Una folla di Castiglionesi che hanno vissuto l'epopea delle bonifiche, alcuni badilanti commossi dal ricordo, quasi cento famiglie di coloro che non ci sono più hanno partecipato alla cerimonia che ha visto protagonista la memoria di lavoro e fatiche lontane nel tempo, ma i cui effetti benefici sono oggi ad appannaggio di tutti, da chi ha potuto vivere e lavorare la campagna, a chi vive in paese, ai numerosissimi turisti che da ogni parte del mondo giungono per le vacanze a Castiglione. Durante la cerimonia sono inoltre stati consegnati attestati di encomio e riproduzioni della foto agli ex badilanti. "Siamo molto soddisfatti del numero dei partecipanti alla Settimana della Bonifica, sia per quanto riguarda gli Enti Locali, sia per quanto riguarda i cittadini, che evidentemente hanno gradito avvicinarsi al Consorzio Bonifica Grossetana per conoscere meglio le attività che svolge per la tutela e lo sviluppo della Maremma", ha detto il Presidente del Consorzio Fabio Bellacchi, che ha annunciato un importante finanziamento da parte della Regione Toscana di 3.000.000 di euro per proseguire i lavori a Bocca d'Ombrone, realizzando una serie di barriere denominate "pennelli" e finalizzate a bloccare l'erosione costiera. Dal Consorzio arriva infine uno speciale ringraziamento alla Banca della Maremma per il sostegno dato alle attività durante la Settimana della Bonifica. 56 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Incontri per "Programmare Insieme la Salute" Sono incontri di ascolto con la cittadinanza quelli che si stanno tenendo in provincia di Grosseto, per iniziativa del Coeso Società della Salute, nell'ambito del piano "Programmiamo Insieme la Salute" finalizzato alla redazione del Piano Integrato di Salute della Zona socio sanitaria grossetana is, come Piano Integrato di Salute, lo strumento programmatico voluto dalla Regione Toscana, ma anche come "Programmiamo Insieme la Salute", il progetto promosso da Coeso Società della Salute grossetana e finanziato dall'Autorità regionale di partecipazione per coinvolgere attivamente i cittadini nelle decisioni che riguardano la loro salute e il loro benessere. Si sono avviati a maggio, infatti, una serie di incontri nei comuni dell'Area grossetana (quella che comprende i territori di Grosseto, Castiglione della Pescaia, Civitella Paganico, Roccastrada, Scansano e Campagnatico) per invitare cittadini estratti casualmente dall'anagrafe sanitaria e un piccolo gruppo di rappresentanti del volontariato e del Terzo settore a tro- P vare risposte, con l'aiuto di facilitatori esperti, a questi quesiti: "cosa possiamo fare per spendere meglio le risorse disponibili, migliorare gli stili di vita della popolazione, garantire pari diritti a tutti e includere le categorie più deboli?" L'obiettivo è quello ascoltare il punto di vista delle persone e, allo stesso tempo, renderle più consapevoli dell'influenza che i propri comportamenti, e le politiche pubbliche più in generale, hanno sullo stato di salute: l'Organizzazione mondiale della sanità, infatti, ha dimostrato da tempo che i fattori genetici e l'offerta di servizi sanitari e sociali incidono solo per un 25 per cento circa sul benessere delle persone. Il restante 75 per cento è imputabile a elementi come stili di vita, condizioni ambientali, urbanistiche, abitative, eco- nomiche. "Abbiamo deciso di provare a coinvolgere le persone su tematiche trasversali come l'equità nella distribuzione delle risorse e l'appropriatezza degli interventi ­ spiega Fabrizio Boldrini, direttore della Società della Salute grossetana ­ perché si tratta di questioni di interesse fondamentale in momento di grave crisi economica, come quello che stiamo vivendo. Il sistema pubblico, infatti, deve ripensare sé stesso per poter far fronte alle esigenze delle persone anche con meno finanziamenti a disposizione". Ecco quindi l'idea di ascoltare proprio i cittadini, perché è spesso dalla condivisioni e dal "sapere" collettivo che possono emergere proposte innovative. "Si tratto di una scommessa ­ commenta il pre- PRIMO PIANO · 59 sidente della SdS grossetana, Emilio Bonifazi ­ perché è la prima volta che una Società della Salute avvia un percorso partecipativo per la redazione per Piano Integrato di Salute". Esistono, infatti, preziose esperienze partecipative in tutta la regione, ma le tematiche finora trattate hanno spaziato dai regolamenti urbanistici, ai piani di sviluppo economico, passando per la disabilità e molto altro. Come si sviluppano gli incontri Un gruppo di persone viene chiamato a discutere, sulla base di informazioni e dati che vengono loro forniti, per cercare di ideare soluzioni e proposte. I progetti elaborati saranno poi presentati a Grosseto, durante un incontro finale rivolto a tutti i cittadini dell'Area socio sanitaria, e messi ai voti. I migliori saranno inseriti nella programmazione della Società della Salute grossetana. Quando Il 16, il 23 e il 25 maggio si sono tenuti gli appuntamenti di Grosseto, Castiglione della Pescaia e Scansano, mentre sono in programma per l'8 giugno l'incontro a Civitella Marittima, per il 15 giugno a Ribolla ed è in corso di definizione l'appuntamento di Campagnatico. I cittadini potranno decidere di riunirsi nei prossimi mesi, in vista dell'incontro finale di Grosseto, previsto per la metà di settembre. Chi può partecipare Sono invitati alcuni cittadini estratti a campione dell'anagrafe sanitaria. Alla luce però dell'interesse suscitato dal progetto la SdS ha deciso di accogliere anche adesioni: tra le persone che si autocandideranno, alcune saranno sorteggiate per prendere parte agli incontri. Altri modi per partecipare Esistono altri modi per contribuire a "Programmiamo Insieme la Salute" ed esprimere la propria opinione. Oltre agli incontri territoriali, infatti, è stata attivata una piattaforma di partecipazione sul sito internet www.pisgrosseto2012.com. Sul portale, infatti, è possibile commentare, votare e discutere dei progetti presentati, ma anche rispondere a un questionario online, per dare il proprio apporto. Il progetto "PIS ­ Programmiamo Insieme la Salute" è realizzato in collaborazione con la Asl 9 di Grosseto e i Comuni dell'Area grossetana. Si avvale del supporto professionale di Simurg Ricerche, Rete&Sviluppo, Studio Baglioni e Poponcini e ha il contributo economico della Banca della Maremma ­ Credito cooperativo di Grosseto. Cosa è il Piano Integrato di Salute (PIS) È lo strumento di programmazione sociale e sanitaria della zona-distretto (così come definito dall'articolo 21 della Legge della Regione Toscana 40 del 2005) che ha l'obiettivo di influenzare per i prossimi 5 anni le politiche e le scelte di governo, non solo della Società della Salute grossetana, ma anche degli altri enti locali del territorio per migliorare le condizioni di vita della popolazione. Ogni zona socio sanitaria della regione Toscana deve dotarsi di un proprio PIS, che si colloca all'interno delle linee guida, degli obiettivi e delle strategie dettate dal Piano sociale e sanitario integrato regionale (PSSIR), il documento che dovrà guidare le politiche sanitarie e sociali future. Il Piano integrato di Salute si compone, in sostanza, di tre parti: il profilo di salute, un documento tecnico, elaborato da un gruppo di esperti, che raccoglie dati demografici, sociali, sanitari e ambientali di una determinata zona, l'immagine di salute, ovvero la percezione che di sé, del proprio stato di salute e del territorio in cui vivono hanno le persone, e gli ambiti di programmazione strategia, ovvero specifici progetti e obiettivi da raggiungere negli anni a venire sulla base delle esigenze espresse dal territorio. Il PIS, prima di essere approvato dall'As- semblea dei soci della Società della Salute competente (composta dai sindaci dei Comuni consorziati e dal direttore generale della Asl) o dalla Conferenza zonale dei sindaci, deve essere presentato ai Consiglio comunali. Accanto al progetto di partecipazione popolare, sono previste altre iniziative per redigere il Piano Integrato di Salute. Comunità professionali ed esperti saranno chiamati a discutere delle evidenze sullo stato di salute dei cittadini che vivono nella zona grossetana e cercheranno di individuare soluzioni e strategia per migliorare le condizioni di benessere. 60 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Antica Sartoria di Maremma, lo stile... di una terra Ci sono aziende che più di altre hanno il pregio di identificarsi con un territorio, con il suo stile, i suoi colori, la sua essenza. Una di queste è sicuramente l'Antica Sartoria di Maremma, con sede a Pancole (Scansano) che, da oltre 40 anni, sta traducendo in tessuto e moda i tratti distintivi di questa terra DI GIULIA FOCARDI P er arrivare a Pancole è necessario percorrere una ventina di chilometri sulla strada provinciale che congiunge Grosseto a Scansano. Una strada tortuosa, immersa nel verde, in cui è facile perdere lo sguardo tra le vigne e i papaveri e respirare, in libertà, la vita piena della Maremma. Qui, nascosta tra le vie in retroscena di un paese di passaggio, c'è Antica Sartoria di Maremma, l'azienda a conduzione familiare che, da oltre 40 anni, sta traducendo in tessuto e moda il marchio distintivo della Maremma: l'autenticità del proprio territorio, fatto di colori, natura e tradizione. "Sin dalla sua nascita, avvenuta per idea di mio cognato, che è il nostro sarto ­ racconta la titolare, Lorella Scheggi ­ Confezioni Brema si è sempre ispi- rata alle tradizioni e al passato che contraddistingue il nostro territorio. Un passato che sa di antico, ma nutrito di cose semplici e quotidiane". Confezioni Brema, infatti, nasce per soddisfare le esigenze dei lavoratori e dei cacciatori, creando abiti specifici per queste situazioni: "Ci siamo basati da sempre sull'uso di tessuti resistenti, che ben si adattavano alle necessità di allora; tessuti fatti di una fibra forte, un po' come le donne e gli uomini di un tempo, e di materiali naturali, autentici, che ricordino le abitudini quotidiane di mezzo secolo fa, come le sere passate a cucire davanti al camino". Esperienza, tradizione e qualità in Antica Sartoria di Maremma. Il mix vincente per far fronte alla crisi. "Nel 2000 abbiamo deciso di rivoluzionare la nostra linea, abbandonando i capi per il lavoro e la caccia, in seguito all'avvento di abiti d'importazione a basso costo. Il cambiamento è stato netto, anche se non abbiamo mai perso le origini e lo stile dei nostri disegni. Dal 2001, quindi, abbiamo dato vita ad una linea più ricercata, partendo proprio dalla trasformazione della giacca da caccia in una giacca da tempo libero. 62 · Maremma Magazine · Giugno 2012 La Maremma, una natura da indossare. Brigante, giogo, pastrano, stricco, sorbo, garoso, peratto, schioppo, stolzo, ranzagnolo, companatico, mazzetto, botrone. Sono tutti nomi che hanno in comune il richiamo alla Maremma dei butteri e degli allevatori, dei contadini e dei cacciatori; la Maremma delle origini e delle tradizioni, della campagna e della tavola, della macchia e dell'ingegno; la Maremma fatta dalle mani di uomini e dei, fatta ad immagine e somiglianza della sua terra. Forte, ricca e generosa. Nomi che Antica Sartoria di Maremma ha deciso di riutilizzare per caratterizzare la propria linea di abbigliamento, legandola così a doppio filo alle tradizioni da cui nasce la filosofia stessa dell'azienda: "Indossare i nostri capi ­ sottolinea Lorella ­ è come fare un piccolo viaggio indietro nel tempo e poter rivivere le tradizioni della nostra terra. Tutto questo grazie alla scelta accurata dei tessuti, raffinati e ricercati, arricchiti da un'attenta analisi, volta a scoprire e a riscoprire le materie prime antiche, perdute nel tempo, ma rivisitate in chiave moderna e riproposte, all'interno delle nostre linee, nei dettagli e nei colori unici e naturali". Perché, oltre ai nomi, gli abiti di Antica Sartoria di Maremma portano anche i colori caratteristici di questo territorio, ricco, in tutte le stagioni, di tonalità variegate e calde: al di là del blu, colore richiesto dal mercato, da due anni a questa parte, le linee di Confezioni Brema sono tutte dedicate ai colori della terra, dal senape, alle varie tonalità di arancio, di marrone e di verde. Ma la natura è una dimensione che qui viene esplorata a 360°, grazie agli accessori, quali ad esempio bottoni e fodere, totalmente naturali e al massimo controllo in tutti i passaggi della realizzazione dei capi; come nel caso degli abiti impermeabilizzati, dove la ceratura del cotone, che avviene attraverso un processo completamente naturale, rende il capo impermeabile e, soprattutto, traspirante, e di quelli imbottiti, composti da microfibra e ovatta di cotone anallergico e realizzati da un'azienda specializzata di fiducia, dove Antica Sartoria di Maremma porta i tessuti, per interno ed esterno, e il materiale per l'imbottitura. "Uno dei segreti per far fronte alla crisi ­ aggiunge Lorella Scheggi ­ è PRIMO PIANO · 63 quello di sapersi distinguere da tutti i prodotti omologati e standardizzati che il mercato continua a proporre. Per questo scegliamo attentamente tutti i materiali destinati alle nostre linee e le aziende con le quali collaboriamo da anni. Solo seguendo la realizzazione del capo passo per passo, dal disegno alla confezione finale, possiamo essere certi di garantire un prodotto di qualità, unico nel suo genere e sicuramente distintivo". Qualità, aderenza al territorio e "pensiero artigiano", tre punti di forza di un'azienda vincente. La collezioni di Antica Sartoria di Maremma sono uniche sin dalla nascita. Prima di tutto, vengono disegnate, da sempre, dall'azienda, senza passaggi intermedi né collaborazioni esterne; si concentrano soltanto sul periodo invernale e, grazie ai diversi pesi dei capi, sulle mezze stagioni (mentre per la stagione estiva la sartoria lavora sul pronto); vengono confezionate artigianalmente direttamente in azienda. Il risultato è che ogni collezione diventa, anno dopo anno, un prodotto di nicchia, che si mantiene inalterato nel tempo, e racchiude tutti i punti di forza dell'azienda stessa: "In primis la qualità, degli accessori, delle tinture, dove necessario, tutte naturali, del rapporto tra prodotto finito e prezzo, e dei tessuti. I tessuti utilizzati nell'ultimo campionario (fustagno, saia inglese, lana casentino, velluto 450 righe, cotone cerato, lana double, maglia micropile, microfibra trapuntata con ovatta, lana spinata, cotone bicolore) sono prodotti interamente in Italia, utilizzando esclu- sivamente materie prime selezionate, e la loro qualità e unicità costituiscono da sempre un elemento di pregio dei nostri capi. In secondo luogo, l'attenzione e il controllo di tutti i processi di produzione; una produzione completamente artigianale, di cui andiamo fieri fin dalla nascita dell'azienda, e che è diventata il nostro marchio d'eccellenza. E infine l'adesione al progetto Med Laine, un'iniziativa in cui crediamo fortemente e che ha già prodotto importanti risultati". "Med Laine" è un progetto di cooperazione transfrontaliera, avviato nel 2009 e cofinanziato dal Fondo europeo di Sviluppo regionale, che mira alla promozione e al supporto nella produzione, ai fini tessili, della lana delle pecore allevate nell'area mediterranea, nello specifico, Maremma, Sardegna e Corsica. "Un progetto che propone di ricostruire e promuovere le filiere laniere locali puntando sui prodotti tipici, da un lato, e sull'innovazione dall'altro, per arrivare a nuovi utilizzi nel campo della bioedilizia e della biomedicina. Con il progetto vengono inoltre valorizzate le specie vegetali autoctone ad uso officinale, cosmetico e tintorio. Infine il progetto si pone l'obiettivo di incentivare il turismo educativo-didattico e culturale dei territori rurali, creando, quindi, sviluppo per le piccole e micro aziende agricole, tessili, e turistiche dell'area mediterranea". (cit. assessore provinciale Enzo Rossi). Antica Sartoria di Maremma, che ha aderito da subito al progetto, ha cominciato a produrre alcuni capi con lane 64 · Maremma Magazine · Giugno 2012 autoctone e con la presentazione dei primi risultati ottenuti, avvenuta il 13 aprile scorso nei palazzi della Provincia di Grosseto, i riscontri sono stati immediati e positivi. Ricerca e mercato. Tradizione e italianità. Commercio online e futuro. "La nostra ricerca è finalizzata al miglioramento dei tessuti, dal momento che ne introduciamo, via via, sempre di nuovi e migliori. Per quanto riguarda le linee, invece, rimaniamo sempre fedeli alla nostra tradizione. Ogni anno rinnoviamo la collezione, ma non usciamo mai dai nostri schemi. Seguiamo le tendenze, ovviamente, ma preferiamo farlo aggiungendo qualche colore alternativo o attraverso la scelta dei tessuti". Rigore e sicurezza, quindi. Ma non solo a livello di produzione: "Non ci siamo ancora spinti molto oltre le frontiera del mercato nazionale, ma ci arriveremo. Per ora, abbiamo avuto alcuni contatti, seppur piccoli, con Giappone, Olanda, Francia e Stati Uniti. Sul mercato nazionale, invece, siamo presenti in gran parte d'Italia, sia in alcuni negozi specializzati, che con la presenza dei nostri agenti". La sfida alla penetrazione del mercato estero non è l'unica scommessa del futuro per Antica Sartoria di Maremma. L'altra riguarda la nuova frontiera del commercio, l'e-commerce: "Non abbiamo ancora un vero e proprio canale di commercio elettronico, anche se attraverso il nostro sito web è ovviamente possibile ordinare i capi in catalogo, ma già per l'ultima collezione abbiamo inserito una vetrina delle occasioni. Non possiamo ignorare i segni del cambiamento di una società che, ormai, si sta muovendo sempre di più in questa direzione, anche se sono dell'idea che, per quanto riguarda la nostra azienda, sia un limite. Il bello dei capi di sartoria è proprio quello di poterli vedere e toccare con mano, perché, il più delle volte, l'interno dell'abito è quasi più bello dell'esterno. Su internet tutto questo non è possibile apprezzarlo. È anche vero però che potrebbe essere un vantaggio per tutte quelle aziende che, come noi, non hanno una diffusione di massa sul territorio e un unico punto vendita: i negozi espongono ovviamente pochi capi, mentre online potrebbe essere possibile vedere tutta la linea anche per coloro che non possono raggiungerci fisica- PRIMO PIANO · 65 VENERDÌ 1° GIUGNO L'AGENDA SABATO 2 GIUGNO · Castiglione della Pescaia ­ Swiss & Global Cup Classic 12' Dinghy Manifestazione velica presso il Club Velico Castiglione della Pescaia (www.cvcp.it). Si tratta della la terza tappa del circuito di regate dedicato alla piccola deriva in legno da sempre sinonimo di agonismo e tradizione. Info: www.dinghyclassico.it · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Programma: Parco ILVA, dalle ore 10.00 - Passeggiata nell'Ilva con i bambini: le parole, i suoni e i disegni dei bambini e dei ragazzi di Follonica; Pinacoteca Civica, ore 17.30 Inaugurazione del Festival Internazionale di Arti ai Margini FolloWme "Nascosti Vicino". Conferenza di presentazione. Interventi di Paolo Woods fotografo, Mauro Papa critico d'arte, Geldhof Jan Geerard G. artista dell'Atelier VZW Mariaheem (Belgio). Info: Proloco Follonica, tel. 0566.52012 · Follonica - Corse al Trotto Convegno (pomeridiano) di corse al trotto all'Ippodromo dei Pini di Follonica. Info: tel. 0566/50706 www.ippodromodeipini.it/ · Marina di Grosseto (GR) - 1° OPEN internazionale della MAREMMA Gare internazionali di scacchi a cura del Circolo Scacchi Grosseto 1979, presso il Cielo Verde Village (fino al 3 giugno). Info: tel. 328 6647576 (Clemente Dionigi) · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - CineAmare Rassegna cinematografica estiva, alla seconda edizione presso il PuntAla Camping Resort per ospiti pernottanti e non. Programma: Pina / Bim. Info: 347/3200040 · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - "151 Miglia" Manifestazione velica ORC/IRC organizzata dallo Yacht Club Punta Ala. Info: Yacht Club Punta Ala tel. 0564 923232, www.ycpa.it · Ribolla (Roccastrada) - La miniera a memoria Cartellone di eventi promosso dal Comune di Roccastrada per ricordare la sciagura mineraria di Ribolla (4 maggio 1954). Programma: ore 21.00 Sala Ex Cinema La classe 5°A della scuola primaria di Ribolla presenta Aggiungi un posto a tavola. Info: tel. 0564 561229 - 578033 · Castiglione della Pescaia ­ Swiss & Global Cup Classic 12' Dinghy Manifestazione velica presso il Club Velico Castiglione della Pescaia (www.cvcp.it). Si tratta della la terza tappa del circuito di regate dedicato alla piccola deriva in legno da sempre sinonimo di agonismo e tradizione. Info: www.dinghyclassico.it · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Campionato Regionale modellismo ­ Località Casa Mora · Grosseto-Castiglione della Pescaia - "La Via degli Etruschi" In occasione delle giornate nazionali dedicate da FIAB-onlus (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) alla promozione del turismo in bicicletta e alla rete cicloturistica Bicitalia, l'Associazione Culturale FIAB-Grossetociclabile ed il Coordinamento delle Associazioni FIAB della Toscana, propongono per il sabato un itinerario che si sviluppa su un anello di circa ottanta chilometri, nei comuni di Grosseto e Castiglione della Pescaia. Punto d'Incontro: Stazione FS di Grosseto alle ore 10,00 · Marina di Grosseto (GR) - 1° OPEN internazionale della MAREMMA Gare internazionali di scacchi a cura del Circolo Scacchi Grosseto 1979, presso il Cielo Verde Village (fino al 3 giugno). Info: tel. 328 6647576 (Clemente Dionigi) · Porto Ercole (Gr) - Feste di Sant'Erasmo Festeggiamenti civili e religiosi in onore del Santo Patrono. Programma: ore 10,15 santa messa celebrata da S.E. Mons. Guglielmo Borghetti; ore 20,30 processione per terra e per mare, partenza da piazza Santa Barbara; ore 23,30 spettacolo pirotecnico · Puntone di Scarlino (Scarlino) - June Match Race gr.3 Manifestazione velica organizzata dal Club Nautico Scarlino. Partenza presso la Marina di Scarlino. Info: Club Nautico Scarlino, tel. 0566 867051, www.clubnauticoscarlino.com · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - "151 Miglia" 66 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Manifestazione velica ORC/IRC organizzata dallo Yacht Club Punta Ala. Info: Yacht Club Punta Ala tel. 0564 923232, www.ycpa.it · Santa Fiora - Motoraduno di Santa Fiora Le Moto sbarcano per questo prestigioso Raduno del Moto Club di Santa Fiora. · Pomonte (Scansano) - 14^ Festa del Canto Estemporaneo e della degustazione di piatti maremmani Incontro internazionale di poesia estemporanea alla 15esima edizione a cura dell'Associazione Culturale LIPE (Lega Italiana Poesia Estemporanea) DOMENICA 3 GIUGNO · Arcidosso - Montagnando - XI edizione Giornata per il bosco, l'acqua e l'ambiente. Camminata per i sentieri dell'Amiata e pranzo a base di prodotti tipici · Braccagni (Grosseto) - "Coppa Bruno Passalacqua" Prima semifinale del 18° Torneo di calcio giovanile organizzato dalla Pol. Nuova Grosseto Barbanella e dal Milan Club "B. Passalacqua" di Grosseto, in memoria di Bruno Passalacqua, già General Manager del Milan F.C., negli anni '60, presso il Campo sportivo di Braccagni (ore 21,15). · Caldana (Gavorrano) - Slow Food Monteregio Calendario di iniziative a cura di Slow Food Monteregio. Programma: Country Hotel Montebelli - La Festa del 10 in Condotta - SLOW FOOD DAY. Info: tel. 349 0710478 · Castiglione della Pescaia ­ Swiss & Global Cup Classic 12' Dinghy Manifestazione velica presso il Club Velico Castiglione della Pescaia (www.cvcp.it). Si tratta della la terza tappa del circuito di regate dedicato alla piccola deriva in legno da sempre sinonimo di agonismo e tradizione. Info: www.dinghyclassico.it · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Campionato Regionale modellismo ­ Località Casa Mora · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Programma: Parco ILVA, dalle ore 15.00 - Un'iniziativa in collaborazione con Ass.ne ELERI production e TEMPO REALE Leit Motiv: parlare, suonare, passeggiare nel Parco dell'Ilva. Info: Proloco Follonica, tel. 0566.52012 · Grosseto - "La morale della favola" Performance teatrale a cura del Teatro Studio con musica dal vivo presso lo SPAZIO 72, via Ugo Bassi, 72 - ore 19.00. Testi tratti dall'omonimo libro di racconti di Paolo Cappelli. Interviene l'autore. Interpreti: gli attori del Teatro Studio, Enrica Pistolesi, Luca Pierini, Daniela Marretti. Chitarra: Paolo Mari. Regia Daniela Marretti. Ingresso gratuito. Info: cell. 392.0686787 · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in collabo- razione con le Scuole di danza locali, presso il Teatro Moderno, ore 21. Programma: Ass.ne Culturale Sportiva Body & Soul · Grosseto-Castiglione della Pescaia - "La Via degli Etruschi" e il Parco Regionale della Maremma In occasione delle giornate nazionali dedicate da FIAB-onlus (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) alla promozione del turismo in bicicletta e alla rete cicloturistica Bicitalia, l'Associazione Culturale FIAB-Grossetociclabile ed il Coordinamento delle Associazioni FIAB della Toscana, propongono per la giornata di domenica 3 una ciclopasseggiata all'interno del Parco Regionale della Maremma, sull'itinerario Alberese ­ spiaggia di Collelungo - pineta Granducale - Marina di Alberese, con partenza dal Centro Visite del Parco alle ore 9,00. · Marina di Grosseto (GR) - 1° OPEN internazionale della MAREMMA Gare internazionali di scacchi a cura del Circolo Scacchi Grosseto 1979, presso il Cielo Verde Village (fino al 3 giugno). Info: tel. 328 6647576 (Clemente Dionigi) · Pomonte (Scansano) - 14^ Festa del Canto Estemporaneo e della degustazione di piatti maremmani Incontro internazionale di poesia estemporanea alla 15esima edizione a cura dell'Associazione Culturale LIPE (Lega Italiana Poesia Estemporanea) · Puntone di Scarlino (Scarlino) - June Match Race gr.3 Manifestazione velica organizzata dal Club Nautico L'AGENDA · 67 Le "Trasformazioni del Paesaggio in Maremma" in mostra a Cinigiano Fa tappa a Cinigiano fino al prossimo 30 giugno la mostra: "Trasformazioni del Paesaggio in Maremma" 150 anni dell'Unità d'Italia organizzata dall'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Grosseto Scarlino. Partenza presso la Marina di Scarlino. Info: Club Nautico Scarlino, tel. 0566 867051, www.clubnauticoscarlino.com · Santa Fiora - Motoraduno di Santa Fiora Le Moto sbarcano per questo prestigioso Raduno del Moto Club di Santa Fiora. · Santa Fiora ­ Amiata, un mondo d'acqua Percorso naturalistico ambientale alla scoperta di Santa Fiora e dei suoi tesori. Ritrovo e partenza ore 10, presso il Museo delle Miniere in piazza Garibaldi. Costo 6 euro a persona, gratuito per i bambini accompagnati al di sotto dei 10 anni. Prenotazione obbligatoria. Info: tel. 328 1113419 ­ 0564 978823 LUNEDÌ 4 GIUGNO I n occasione delle celebrazioni per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, l'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Grosseto, con il patrocinio del Comune di Grosseto, della Provincia di Grosseto e con il contributo della Banca della Maremma, del COGRAE e dell'ANCE - Grosseto organizzò dal 7 dicembre 2011 al 6 gennaio 2012 al Museo Archeologico di Grosseto la mostra: "Trasformazioni del Paesaggio in Maremma" 150 anni dell'Unità d'Italia. Ebbene, dal 1° maggio questa stessa mostra è allestita a Cinigiano presso la Sala Expo di Palazzo Bruchi in P.za Capitano Bruchi 5, per iniziativa della locale associazione Pro Loco, con il patrocinio del comune di Cinigiano. L'esposizione ha ottenuto dall'Unità Tecnica di Missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, l'autorizzazione all'utilizzo del logo ufficiale delle celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia. "Il "compleanno" dei 150 anni dell'Unità d'Italia per noi Architetti ­ si legge nelle note di presentazione ­ è una celebrazione importante oltre che per la rilevanza storica, culturale e sociale che tale evento riveste, che è sentita come tale da tutti i cittadini di questo nostro amato paese, anche e soprattutto per l'importante ruolo che gli architetti, congiuntamente agli ingegneri, hanno ricoperto nella fase post-risorgimen- tale nel generare profonde trasformazioni territoriali, architettoniche, urbanistiche e paesaggistiche degli insediamenti urbani e delle campagne. Ai molti studi pubblicati nel corso di mezzo secolo sulla storia locale, dalla antichità al periodo post-unitario, dalle grandi opere della bonifica lorenese alla cultura contadina e mineraria, dalle opere d'arte del passato al paesaggio rurale e marittimo della Maremma, si aggiunge una "ricerca" di grande interesse per il suo intrinseco valore documentale alla quale va riconosciuto il pregio di provare a colmare le lacune che riguardano gli aspetti strutturali e infrastrutturali del territorio che da sempre rappresentano la matrice delle trasformazioni, l'intelaiatura, lo scheletro dell'ambiente costruito. Crediamo che il lavoro di ricerca ed espositivo di testimonianza storica e culturale, messo in mostra dall'Ordine degli Architetti della Provincia di Grosseto, rappresenti davvero un atto concreto di partecipazione degli architetti di oggi al lavoro e agli sforzi di tante generazioni di grossetani e non e alle grandi ed epocali trasformazioni territoriali che hanno interessato la nostra provincia". La mostra sarà aperta al pubblico fino al 30 giugno 2012, con ingresso libero dal lunedì al sabato dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e dalle 15,00 alle 17,00; la domenica e festivi è aperta solo in occasione di altri eventi organizzati dall'Associazione Pro-Loco. · Arcidosso - "Giovannona e Briciolino" Spettacolo di animazione per bambini a cura del teatro Studio aperto ad un pubblico di esperti e operatori del settore (insegnanti, attori, organizzatori) presso la Biblioteca Comunale ore 10.00. Elaborazione del testo e regia: Mario Fraschetti. Interprete: Enrica Pistolesi. Animatrice: Daniela Marretti. Info: cell. 392.0686787 · Braccagni (Grosseto) - "Coppa Bruno Passalacqua" Seconda semifinale del 18° Torneo di calcio giovanile organizzato dalla Pol. Nuova Grosseto Barbanella e dal Milan Club "B. Passalacqua" di Grosseto, in memoria di Bruno Passalacqua, già General Manager del Milan F.C., negli anni '60, presso il Campo sportivo di Braccagni (ore 21,15). · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in collaborazione con le Scuole di danza locali, presso il Teatro Moderno, ore 21. Programma: Ass.ne Sportiva Dilettantistica Dance System · Scansano - Terre di Scansano Classica Festival: il Morellino Ama la Musica Rassegna concertistica, alla prima edizione, organizzata da Euromusic & Communication Divisione Classica, con la direzione artistica di Antonio Bonfilio, la partecipazione di Accademia Chigiana di Siena e con il Patrocinio di Comune di Scansano, Regione Toscana, Provincia di Grosseto. Programma: Mirabile' Ladies Ensemble Nottingham Dir. Roselise Gentile - Teatro Castagnoli ore 21,15 · Arcidosso - "Giovannona e Briciolino" Spettacolo di animazione per bambini a cura del teatro Studio aperto ad un pubblico di esperti e operatori del settore (insegnanti, attori, organizzatori) presso la Biblioteca Comunale ore 10.00. Elaborazione del testo e regia: Mario Fraschetti. Interprete: Enrica Pistolesi. Animatrice: Daniela Marretti. Info: cell. 392.0686787 · Follonica - Slow Food Monteregio Calendario di iniziative a cura di Slow Food Monteregio. Programma: Master of Food "BIRRA" Osteria Pacianca Ristorante Tiburon, Follonica. Info: tel. 349 0710478 · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in collaborazione con le Scuole di danza locali, presso il Teatro Moderno, ore 21. Programma: A.C.S. La Scuola degli Artisti · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Programma: Giardino del Casello ore 20.00 - Asd Follonica Hockey - Ultras Eagle 1985 DORIA-DAY "La città festeggia il suo campione" Andrea Tosi, l'addio all'hockey dopo 34 anni di attività. Info: Proloco Follonica, tel. 0566.52012 · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in collaborazione con le Scuole di danza locali, presso il Tea- MARTEDÌ 5 GIUGNO MERCOLEDÌ 6 GIUGNO 68 · Maremma Magazine · Giugno 2012 GIOVEDÌ 7 GIUGNO · Braccagni (Grosseto) - "Coppa Bruno Passalacqua" FINALE del 18° Torneo di calcio giovanile organizzato dalla Pol. Nuova Grosseto Barbanella e dal Milan Club "B. Passalacqua" di Grosseto, in memoria di Bruno Passalacqua, già General Manager del Milan F.C., negli anni '60, presso il Campo sportivo di Braccagni (ore 21,15). · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - Trofeo Gavitello d'Argento Manifestazione velica organizzata dallo Yacht Club Punta Ala. Info: Yacht Club Punta Ala tel. 0564 923232, www.ycpa.it · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Mercato Internazionale ­ p.zza Garibaldi, Corso della Libertà, via Roma · Civitella M.ma - "PIS ­ Programmiamo Insieme la Salute" VENERDÌ 8 GIUGNO Ciclo di incontri promosso da Coeso Società della Salute grazie al contributo dell'Autorità di partecipazione della Regione Toscana - saletta del Comune in via I° maggio, ore 16.45. Info: www.pisgrosseto2012.com, tel. 0564/439264-65. · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Programma: Piazza a Mare, dal pomeriggio - Associazione Ristoranti Città di Follonica III° Anniversario Degustazioni eno gastronomiche. Info: Proloco Follonica, tel. 0566.52012 · Follonica - Corse al Trotto Convegno (pomeridiano) di corse al trotto all'Ippodromo dei Pini di Follonica. Info: tel. 0566/50706 www.ippodromodeipini.it/ · Grosseto - Libertà e Giustizia Ciclo di incontri promosso dal Circolo Libertà e Giustizia della Provincia di Grosseto coordinato da Franco Fanelli nella sala conferenze del Museo di Storia Naturale - strada Corsini, 5 ore 17.30. Programma: Carlo Galli Storia delle dottrine politiche Università di Bologna. L'ingresso a tutte le iniziative del Circolo è libero e la partecipazione dei cittadini gradita. Info: 3358107554 · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in collaborazione con le Scuole di danza locali, presso il Teatro Moderno, ore 21. Programma: Ass.ne Sportiva Dilettantistica Arte Danza · Massa Marittima - "La psicoterapia tra arte e scienza" Presentazione del libro "La psicoterapia tra arte e scienza" a cura di Giovanni Cutolo, presso la Biblioteca Comunale ore 17,00. Ingresso libero. Info: tel. 0566/901127 · Massa Marittima - E quindi uscimmo a riveder le stelle Osservazione del cielo con telescopio e a occhio nudo. A cura della Coop. Colline Metallifere, in collaborazione con l'Ass. Astrofili di Piombino - Torre dell'Orologio, Piazza Matteotti ore 21,30 · Monterotondo Marittimo - Passeggiata sul Monte Santa Croce Escursione organizzata dall`associazione culturale Maremmadinatura con sede a Montieri. Accompagnati dalla guida turistica si attraversa il fitto della vegetazione arrivando sulla sommità del monte (732 m) dove si trova la piccola Chiesa in stile tardo-romanico che risale al secolo XIII (pranzo al sacco nell'area attrezzata). Orario: 11:00-16:00 circa ritrovo da concordare telefonicamente. Prezzo: euro 9,00 a persona comprensivo di tesseramento, Bambini sotto 12 anni GRATIS. Per info e prenotazioni (obbligatorie): Giacomo 3393025442, Carlotta 3284220601 · Pitigliano - Festa del Corpus Domini Tradizionale Infiorata di Pitigliano promossa dalla Parrocchia di Pitigliano, in collaborazione con il Comune di Pitigliano Pro Loco L'Orso, Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano, Associazione Futuro. Programma: ore 21,15 Cattedrale SS. Pietro e Paolo concerto degli allievi dell'Accademia Musicale "Città di Pitigliano" e del Coro Gospel "Happyness Choir", proiezione delle foto dell'Infiorata del Corpus Domini 2011 con benedizione dei Rioni e dei partecipanti alla realizzazione della manifestazione · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - CineAmare Rassegna cinematografica estiva, alla seconda edizione presso il PuntAla Camping Resort per ospiti pernottanti e non. Programma: Lolita / WB. Info: 347/3200040 · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - Trofeo Gavitello d'Argento Manifestazione velica organizzata dallo Yacht Club Punta Ala. Info: Yacht Club Punta Ala tel. 0564 923232, www.ycpa.it · Scansano - Il tè del venerdì in biblioteca Per la rassegna Il tè del venerdì in biblioteca, le Associazioni Auser, Arci, Tante Quante, Caritas, con il Add and Remove, al vernissage la seconda tappa ogliere ed aggiungere. Si ispira proprio a questo processo di creazione selettiva "ADD AND REMOVE 2", la mostra collettiva, curata da Lapo Simeoni, che sarà inaugurata sabato 23 giugno, alle 18,30 presso il nuovo spazio espositivo Art Lab Arte Contemporanea (Via Porto Loretano 6, Grosseto), definito "il primo centro delle culture ipercontemporanee de XXI secolo della Maremma": una realtà in sintonia con le grandi tendenze mondiali, nata per valorizzare gli artisti emergenti affiancandoli ai grandi nomi del panorama internazionale. T Le opere in mostra appartengono agli artisti Francesco De Molfetta, Eloise Ghioni, Franco Losvizzero, Mark Ryden, Stefania Santarcangelo e Mauro Vitturini. La mostra "ADD AND REMOVE 2" concentra l'attenzione sull'utilizzo che fanno gli artisti contemporanei delle immagini ritrovate nell'immenso mare mediatico di questa epoca. Le forme più significative per l'espressione del loro linguaggio stilistico vengono selezionate e modificate, aggiungendo dettagli o cancellandone altri (di qui il titolo della mostra). Così il tema "Add and Remove" ­ sviluppato e rappresentato nella prima mostra dai due artisti grossetani Luca Grechi e Lapo Simeoni lo scorso marzo (autori e fautori sia del concept che dello spazio) ­ sarà riproposto questa volta in maniera più ampia da differenti artisti emergenti e non, proseguendo il processo selettivo di "togliere e aggiungere". Gli artisti selezionati hanno sviluppato un percorso originale che confluisce, alla fine, in una sentita coralità. La potenza e l'efficacia di questo insieme sottolinea l'aspetto sociale e mediatico tipico del mondo contemporaneo; l'analisi iconografica, poi, considera in maniera più espansa lo stretto rapporto tra "realtà e rappresentazione". La collettiva sarà ospitata nei locali di Via Porto Loretano al civico 6, fino al 2 luglio, tutti i giorni, dalle 16.30 alle 20. Ingresso gratuito. I testi in mostra sono del collettivo Sguardo Contemporaneo. Info: www.artlabgallery.com tel. 349 0706 457. L'AGENDA · 69 SABATO 9 GIUGNO · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Mercato Internazionale ­ p.zza Garibaldi, Corso della Libertà, via Roma / Saggio allievi Associazione Corale S. Cecilia ore 21.00 ex Orto del Lilli · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Programma: Giardino del Casello, ore 21.30 M'Innamoravo di Tutto ­ Racconti d'Italia ­ parole, sguardi e sogni di un paese che non s'arrende AMICO FABER ­ Follonica canta De Andrè, con la partecipazione di Coro e Orchestra della Scuola Media L. Pacioli, Corale R. Goitre diretta da Valentina Garofoli, Lorenza Baudo e gruppo vocale Lilith, Matti delle Giuncaie. Info: Proloco Follonica, tel. 0566.52012 · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in collaborazione con le Scuole di danza locali, presso il Teatro Moderno, ore 21. Programma: Ass.ne Sportiva Dilettantistica Arte Danza · Grosseto - Eventi al Museo 2012 Cartellone di iniziative a cura della Fondazione Grosseto Cultura, in collaborazione con il Comune di Grosseto, presso il Museo di Storia Naturale della Maremma ­ Strada Corsini 5 ex piazza della Palma. Programma: ore 21:30 Reportages dal mondo: Lo studio della Flora tropicale: appunti di viaggio. Riccardo Baldini, Università di Firenze. Info: tel. 0564.488749 · Puntone di Scarlino (Scarlino) - Tappa circuito Este24 Manifestazione velica organizzata dal Club Nautico Scarlino. Partenza presso la Marina di Scarlino. Info: Club Nautico Scarlino, tel. 0566 867051, www.clubnauticoscarlino.com · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - Trofeo Gavitello d'Argento Manifestazione velica organizzata dallo Yacht Club Punta Ala. Info: Yacht Club Punta Ala tel. 0564 923232, www.ycpa.it · Scansano - Spettacolo Spettacolo scuole Istituto Comprensivo presso il Teatro Castagnoli LUNEDÌ 11 GIUGNO · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in collaborazione con le Scuole di danza locali, presso il Teatro Moderno, ore 21. Programma: Ass.ne Sportiva Dilettantistica Artistica Grosseto · Follonica - Slow Food Monteregio Calendario di iniziative a cura di Slow Food Monteregio. Programma: Master of Food "BIRRA" Osteria Pacianca Ristorante Tiburon, Follonica. Info: tel. 349 0710478 · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in collaborazione con le Scuole di danza locali, presso il Teatro Moderno, ore 21. Programma: Palestra Europa · Massa Marittima - L'arte del Mosaico Attività didattica per ragazzi 8-12 anni a cura di Coop. Colline Metallifere presso il Museo Arte e Storia delle Miniere ore 15,30. A pagamento. Info e prenotazione tel. 0566 902289 · Roselle (Grosseto) - Il leggendario spettacolo equestre con i butteri della Maremma Eccezionale esibizione dei Butteri, gli ultimi mandriani a cavallo in Europa, che danno un saggio del loro lavoro quotidiano, presso la Fattoria il Marruchetone sulla strada dello Sbirro a Roselle (Grosseto) (ore 18). Un'esperienza coinvolgente sulla storia, cultura e tradizioni della Maremma con butteri, cavalli e vacche di pura razza maremmana. Info per conferme e prenotazioni: Equinus, tel. 333 9579733 · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in collaborazione con le Scuole di danza locali, presso il Teatro Moderno, ore 21. Programma: Dance Inside · Grosseto - "Basta un poco di zucchero" Spettacolo a cura dell'Ass.ne Genitori Bambini Portatori di Handicap - Teatro degli Industri, ore 21,00 · Porto Santo Stefano ­ Argentario Sailing Week Raduno di Barche d'Epoca (fino al 17 giugno) · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Raduno Associati Camper Club Maremma · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Programma: Giardino del Casello, ore 21.30 - Joy Of Music Saggi della Scuola Comunale di Musica B. MERCOLEDÌ 13 GIUGNO DOMENICA 10 GIUGNO · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Mercato Internazionale ­ p.zza Garibaldi, Corso della Libertà, via Roma · Grosseto - "Grosseto Shopping" Consueta apertura domenicale dei negozi del Centro storico, con mercato degli ambulanti (in piazza Esperanto). Info. Confesercenti tel. 0564/43881 · Grosseto - Gran Galà dell'Opera Concerto dell'Orchestra Città di Grosseto - Teatro degli Industri, ore 21,15 · Massa Marittima - Vespa Raduno Regionale Città di Massa Marittima Manifestazione promossa dal Vespa Club Città di Massa Marittima in Piazza Garibaldi a partire dalle 8,30. Info: tel. 0566/901127 · Pitigliano - Festa del Corpus Domini Tradizionale Infiorata di Pitigliano promossa dalla Parrocchia di Pitigliano, in collaborazione con il Comune di Pitigliano Pro Loco L'Orso, Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano, Associazione Futuro. Programma: ore 17,00 S. Messa in Cattedrale e Pro- GIOVEDÌ 14 GIUGNO VENERDÌ 15 GIUGNO SABATO 16 GIUGNO · Castiglione della Pescaia - "Eccellenze e Biodiversità per un Turismo Sostenibile Visita guidata in Mountain Bike organizzata da Soc. Maremmagica. Programma: Castiglione della Pescaia, Museo Casa Rossa Ximenes, Riserva Naturale Diaccia Botrona, Isola Clodia, Pineta del tombolo, Biotopo San Leopoldo (Fiumara), Oasi di San Felice, Castiglione della Pescaia. Organizzazione tecnica ed erogazione: Soc. Maremmagica. Partenza: 70 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Festa della Bufala Manifestazione gastronomica che offre la possibilità di degustare carni di bufala, mozzarella e piatti tipici maremmani. Serate danzanti ad ingresso gratuito. Funzionerà un fornitissimo bar. > fino a fine giugno (tutti i week-end, sabato e domenica) · Roselle (Gr) Sagra del tortello maremmano Manifestazione gastronomica a cura della Polisportiva Roselle presso gli impianti sportivi. Si tratta di un appuntamento ormai tradizionale, giunto alla 34esima edizione che offre anche diversi eventi collaterali, quali serate danzanti con musica dal vivo (tutte le sere) manifestazioni sportive ecc. 3 giugno · Seggiano ca. Info: tel. 0564.950925 - 348.1525707 8-9 giugno · Giglio Porto (Isola del Giglio) ti tipici della tradizione maremmana ed in primis i tortelli maremmani a base di ricotta e verdure ed altre specialità locali. La manifestazione si svolge il venerdì, sabato e domenica dell'ultima settimana di giugno in una struttura situata in una pineta nei pressi del paese. Fanno da contorno alla festa alcuni spettacoli e intrattenimenti e comunque musica per gli amanti del ballo. Info: Pro Loco Monterotondo Marittimo, tel. 329 2439457 23-24 giugno / 29-30 giugno-1° luglio e tutto luglio (dal giovedì alla domenica) · Rispescia (Grosseto) A Spasso tra i rioni - Antichi sapori di mare Degustazione di piatti tipici e vino ansonaco locale, accompagnata da musica itinerante 15>17 giugno · Talamone (Orbetello) Festa della Ciliegia di Seggiano Manifestazione culturale e gastronomica a cura del Comune di Seggiano e della Fondazione Le Radici di Seggiano. Nell'occasione i ristoranti locali offriranno menù con prodotti locali a prezzi convenzionati. Su prenotazione sono possibili degustazioni guidate dell'olio di olivastra di Seggiano, presso il punto vendita prodotti tipici in piazza Umberto I. Programma: ore 10,00-13,00 Apertura stand e bancarelle con ciliegie dell'AMIATA e prodotti tipici locali; ore 10,00 Museo dell'Olivastra e della Terra ex-municipio, via Indipendenza 2° Piano: C'era una volta a Seggiano: volti, mestieri e tradizioni - Filmati a cura di lorich Cerconi. Editing video a cura di ESSEBIT 1° Piano: Mostra fotografica - Esposizione dei disegni della scuola primaria; ore 10,30 Da Grosseto all'Amiata. Dall'Amiata a Grosseto - Progetto per la Festa della Ciliegia di Seggiano 2013, relatore arch. Sveva Di Martino; ore 11,30 La valorizzazione dei prodotti tipici locali, relatore Giorgio Pernisco fiduciario Condotta Slow Food Grosseto, presentazione Guida Extravergini 2012 SLOW FOOD; ore 12,15 Apertura concorso Il dolce alla Ciliegia; ore 12,30-13,00 Piazza Umberto 1° Aperitivo in Piazza, degustazioni prodotti tipici presso il punto vendita e i sottoportici delle mura; ore 15,00-19,00 Apertura stand e bancarelle con ciliegie dell'AMIATA e prodotti tipici; ore 15,30 Visita guidata al centro storico e al Museo dell'Olivastra e della Terra di Seggiano; ore 16,30 Votazione concorso Il dolce alla Ciliegia e premiazione miglior disegno; ore 17,00 Musica in Piazza con I Maneros e sfilata con costumi d'epo- NONSOLOMARE 2012 Manifestazione organizzata dal Comune di Orbetello e dal Consorzio Welcome Maremma, in collaborazione con l'Associazione Pro loco di Talamone 16 giugno>29 luglio (ogni sabato e domenica sera) · Civitella Marittima Sagra del Cinghiale Stand gastronomici, musica e ballo, presso il Campo Sportivo. La manifestazione, alla 27esima edizione, proseguirà fino al 1° agosto luglio, nei week-end (dal giovedì alla domenica) 28 giugno>1° luglio · Porto Santo Stefano Civitella in Musica 2012 ­ "Fra sogno e... realtà ­ The Musical Box" - A Tavola... sotto le stelle Tradizionale appuntamento gastronomicomusicale organizzato dall'Unione Sportiva Civitella, con il patrocinio del Comune di Civitella Paganico e della Provincia di Grosseto, con il supporto della Banca della Maremma, riservato a tutti gli amanti della buona cucina, del ballo, della musica, per riassaporare e gustare quelle indimenticabili emozioni di "quando `un s'aveva punti pensieri e si mangiava... come cucinava la mi' nonna". Previste serate gastronomico musicali a tema per soddisfare ogni palato. Il tutto presso il Campo Sportivo Comunale "G. TONINI". 22>24 giugno · Monterotondo M.mo "Presidios a Tavola" Manifestazione enogastronomica e culturale ideata da Slow Food Argentario con altre associazioni e il patrocinio del Comune, con area riservata ai produttori, nel piazzale del Governatore e parte culturale nella Fortezza Spagnola 6-7-8 / 12-13-14-15 luglio · Sticciano Scalo (Roccastrada) 18° Sagra degli Strozzapreti e dei prodotti tipici maremmani Bar, Spettacoli Gratuiti, Fiera di Beneficenza, Luna Park e Parco Giochi per bambini, Mostre ed esposizioni, Ristorante (dalle 19.30), Torneo di Calcetto Memorial "Alessio Cherubini" con la collaborazione della Sezione AVIS - Amatori Calcio Sticciano ­ Associazione Filarmonica e Sezione Soci Est Maremma: questi alcuni degli ingredienti della manifestazione gastronomica promossa dalla locale associazione Pro Loco. Info: www.prolocosticciano.it Sagra del Tortello Degustazioni di tortelli e prodotti tipici presso la Pista dei Castagni. La Sagra del tortello maremmano di Monterotondo Marittimo è un appuntamento gastronomico che si è ormai consolidato nel tempo. Offre ai consumatori la possibilità di degustare i prodot- L'AGENDA · 71 Saturnia, le magie dell'acqua termale al chiaro di luna È la proposta per l'estate di Terme di Saturnia Spa & Golf Resort che ogni venerdì e sabato, a partire dal 23 giugno fino al prossimo 1 settembre offrirà la possibilità di immergersi nelle proprie acque, di sera, al chiaro di luna " Emozioni sotto le stelle", per abbandonarsi alle magie dell'acqua termale al chiaro di luna: è l'iniziativa che Terme di Saturnia Spa & Golf Resort ripropone anche per l'estate 2012. Ogni venerdì e sabato, a partire dal 23 giugno fino al prossimo 1 settembre, il pluripremiato wellness resort nel cuore della Maremma toscana apre le sue piscine termali dalle ore 22 alla 1. Per l'inaugurazione, sabato 23 giugno, andrà in scena un suggestivo spettacolo pirotecnico accompagnato dalla musica della Band mancianese "Le False Partenze" che oltre ai classici italiani anni '60, '70 e `80 proporrà un repertorio swing, blues, pop e rock. "Emozioni sotto le stelle" è un'occasione unica per sperimentare le atmosfere delle piscine termali di Saturnia, con sottofondo di musica live e un drink offerto dallo Spa Cafè del resort, e regalarsi una pausa rigenerante. A disposizione: ampia piscina centrale, vasca ottagonale, vasche idromassaggio, percorsi vascolari di acqua calda e fredda e cascate ad effetto tonificante, con un'acqua dalle straordinarie proprietà che da 3000 anni sgorga ininterrottamente ­ dopo un lungo viaggio sotterraneo attraverso le micro fessure della roccia ­ nella Sorgente termale al centro del resort alla temperatura costante di 37°C. Un'apertura straordinaria è poi prevista per martedì 14 agosto quando si potrà assistere ad un nuovo spettacolo pirotecnico organizzato da Terme di Saturnia Spa & Golf Resort. Terme di Saturnia SPA & Golf Resort, parte dei circuiti Leading Hotels of the World, Leading Spas of the World, Leading Golf,Virtuoso e International Star Diamond Award, è uno dei più prestigiosi e noti wellness Resort del mondo, dove ogni dettaglio è teso ad interpretare le terme come luogo di piacere, di incontri e di vita sociale, oltreché di salute e benessere fisico, in coerenza con la filosofia degli antichi romani, ideatori dell'acronimo SPA (Salus Per Aquam). Situato ai piedi dell'omonimo borgo medievale, nel cuore della Maremma Toscana, in provincia di Grosseto, con un quartetto di eccellenze formato da Hotel, Piscine termali, Spa, campo da golf a 18 buche, il complesso di Terme di Saturnia si sviluppa intorno alla preziosa fonte termale di Saturnia, ricca di sostanze uniche e benefiche. Info: www.termedisaturnia.it Piazza Garibaldi - ore 09.00 Castiglione della Pescaia. Tipo di percorso: Pianeggiante - Km 22. Difficoltà: semplice, adatto a tutte le persone in normale forma fisica. Durata: 3h c.a · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Raduno Associati Camper Club Maremma · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Programma: Civica Pinacoteca, ore 18.00 ­ FolloWme - "Nascosti Vicino" - Associazione Fuori Binario - Maria Pia Passigli, responsabile dell'editoriale Fuori Binario, fondato nel 1994 per dar voce e visibilità ai senza dimora, presenta le raccolte di poesie "Lo spirito è stomaco di lupa" con Francesco Cirigliano e "Lo stupido della collina" letture di Lorenza Baudo ed Enrica Pistolesi / Spiaggia Tangram Viale Italia, 81, dalle ore 20.00 - FolloWme - "Nascosti Vicino" Aperitivo e a seguire spettacolo teatrale "Corpo insetto" degli attori del Centro Diurno Urlapicchio e dell'Associazione Culturale Gattopicchio. Una rielaborazione outsider del "Carnevale degli insetti" di Stefano Benni. Info: Proloco Follonica, tel. 0566.52012 · Follonica - TEATRO OUTSIDER "Corpo insetto" Spettacolo teatrale ispirato all'opera di Stefano Benni "Il carnevale degli insetti" a cura della Compagnia dei Gattopicchi, con la regia Enrica Pistolesi nell'ambito della terza edizione di FOLLOW ME, presso la SPIAGGIA ATTREZZATA TANGRAM viale Italia, 81 (GR) ore 21.30. INGRESSO GRATUITO. Info: info@gattopicchio.it · Grosseto - Eventi al Museo 2012 Cartellone di iniziative a cura della Fondazione Grosseto Cultura, in collaborazione con il Comune di Grosseto, presso il Museo di Storia Naturale della Maremma ­ Strada Corsini 5 ex piazza della Palma. Programma: ore 21:30 Jazz & wine con Stefano Cocco Cantini (sax soprano, tenore) e Simone Zanchini (fisarmonica, live-electrics). Info: tel. 0564.488749 · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in collaborazione con le Scuole di danza locali, presso il Teatro Moderno, ore 21. Programma: Accademia dello Spettacolo · Orbetello - Festa del Fiore Florovivaistica giardinaggio artigianato e prodotti a tema floreale a cura di Mercatotenda presso il Parco delle Crociere · Piombino - NOTTE BLU Torna la festa che, oltre alla bandiera blu della FEE, celebra tutte le ricchezze della zona della provincia di Livorno. Per l'occasione i Musei di Piombino proporranno un'apertura straordinaria serale. Al MUSEO ARCHEOLOGICO DEL TERRITORIO DI POPULONIA: "Notte al Museo", visita guidata e apertura straordinaria fino alle 23.00, con visite guidate alle ore 21.00 e alle ore 22.00. Il MUSEO DEL CASTELLO E DELLA CITTÀ DI PIOMBINO proporrà invece "Il Castello sotto le stelle", visita alle fortificazioni del Castello, con visite guidate alle ore 21.00 e alle ore 22.00. Informazioni: tel 0565 226445 - www.parchivaldicornia.it - e-mail prenotazioni@parchivaldicornia.it · Porto Santo Stefano ­ Argentario Sailing Week Raduno di Barche d'Epoca (fino al 17 giugno) · Scansano - Saggio Saggio della Palestra "Anima e Corpo" al Teatro Castagnoli · Talamone (Orbetello) - NONSOLOMARE 2012 Manifestazione organizzata dal Comune di Orbetello e dal Consorzio Welcome Maremma, in collaborazione con l'Associazione Pro loco di Tala- 72 · Maremma Magazine · Giugno 2012 DOMENICA 17 GIUGNO · Castiglione della Pescaia - Altura Bastone Manifestazione velica (2 prove) (Sociale) organizzata dal Club Velico Castiglione della Pescaia nelle acque antistanti il Porto. Info: tel. 0564 937098 - 933678 · Castiglione della Pescaia - "Maremma Terra d'acque" Visita guidata turistica-escursionistica organizzata da Soc. Maremmagica. Programma: Vetulonia (Area Archeologica e Museo Isidoro Falchi). Partenza: Piazza Garibaldi - ore 17.00 Castiglione della Pescaia. Tipo di itinerario: Turistico. Durata: 3h c.a · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Raduno Associati Camper Club Maremma / Palio Marinaro straordinario · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in col- laborazione con le Scuole di danza locali, presso il Teatro Moderno, ore 21. Programma: Ass.ne Sportiva Dilettantistica Costa d'Argento Danza · Grosseto - "Afghanistan" Saggio-spettacolo del laboratorio teatrale dedicato agli adulti (allievi secondo anno) del Teatro Studio, presso lo SPAZIO72, via Ugo Bassi, 72 - ore 19.00. Elaborazione del testo e regia Mario Fraschetti. Ingresso gratuito. Info: cell. 392.0686787 · Orbetello - Festa del Fiore Florovivaistica giardinaggio artigianato e prodotti a tema floreale a cura di Mercatotenda presso il Parco delle Crociere · Porto Santo Stefano ­ Argentario Sailing Week Raduno di Barche d'Epoca (fino al 17 giugno) · Talamone (Orbetello) - NONSOLOMARE 2012 Manifestazione organizzata dal Comune di Orbetello e dal Consorzio Welcome Maremma, in collaborazione con l'Associazione Pro loco di Talamone. Programma: ENOGASTRONOMIA: La Piazza dell'Enogastronomia dalle ore 18,00 Nella splendida cornice di Piazza della Rocca Ristoranti e Aziende vinicole locali proporranno speciali "tapas" dei propri piatti in abbinamento ai vini del territorio. EVENTI SPORTIVI Il Circolo della Vela di Talamone e la Velapassion Talamone Charter organizzano uscite in barca a vela per bambini. PER INFO E PRENOTAZIONI: Circolo della Vela Talamone, tel. 0564/867482 - 331437313, e-mail segreteria@cvtalamone.it; Velapassion Talamone Charter, tel. 0564/887743 - 3472607983. ESCURSIONI: possibilità di visitare gli itinerari T1 e T2 di Talamone su prenotazione ai numeri 0564/887173 - 0564/407098, e-mail centrovisite@parcomaremma.it. INTRATTENIMENTI: eventi musicali in piazza della Rocca e artisti di strada nelle vie del paese LUNEDÌ 18 GIUGNO · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Programma: Salone del Casello, dalle ore 17 "Da me te. La relazione oltre oltre i ruoli" Mostra fotografica Coop Arcobaleno in collaborazione con Fotoclub Follonica - Le attività e i laboratori con gli anziani della r.s.a. Marina di Levante. Info: Proloco Follonica, tel. 0566.52012 · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in collaborazione con le Scuole di danza locali, presso il Teatro Moderno, ore 21. Programma: Ass.ne Sportiva Dilettantistica Costa d'Argento Danza · Follonica - Slow Food Monteregio Calendario di iniziative a cura di Slow Food Monteregio. Programma: Master of Food "BIRRA" Osteria Pacianca Ristorante Tiburon, Follonica. Info: tel. 349 0710478 · Massa Marittima - Il Villaggio Minerario di Niccioleta Visita guidata a cura di Coop. Colline Metallifere presso la Porta del Parco delle Colline Metallifere ore 16,00. A Pagamento. Info e prenotazione tel. 0566 902289 · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Programma: Giardino del Casello, ore 21.30 Joy Of Music Saggi della Scuola Comunale di Musica "B. Bonarelli". Allievi di canto moderno Coro Free Voices. Insegnante Lorenza Baudo / Pinacoteca Civica MARTEDÌ 19 GIUGNO MERCOLEDÌ 20 GIUGNO Giugno nei Parchi e Musei della Val di Cornia A rriva l'estate e i Parchi della Val di Cornia offrono nuove possibilità di vivere giornate in libertà, all'insegna della natura e dell'archeologia. Durante il mese di giugno i Parchi e i Musei della Val di Cornia potranno essere visitati nei giorni e negli orari indicati di seguito: Parco archeologico di Baratti e Populonia e Parco archeominerario di San Silvestro, dal martedì alla domenica e i festivi dalle ore 10.00 alle 19.00; Museo archeologico del territorio di Populonia e Museo del Castello e della Città di Piombino, da martedì a domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00; Museo della Rocca di Campiglia, riaprirà a giugno il sabato, la domenica e i festivi dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00 e dal martedì al venerdì su prenotazione per gruppi e scuole. Per arricchire le normali visite ai parchi e ai musei verranno proposti alcuni eventi dedicati agli amanti delle vacanze fuori stagione che moltiplicano le opportunità di svago. Domenica 10 giugno, alle ore 9.30 è prevista la cerimonia di Inaugurazione dei nuovi percorsi trekking sul promontorio di Piombino. Alla cerimonia seguirà una passeggiata da Baratti a Buca delle Fate. Luogo di ritrovo a Baratti, presso il piazzale del Ristorante Canessa. Inoltre, il 16 giugno torna la NOTTE BLU, la festa che, oltre alla bandiera blu della FEE, celebra tutte le ricchezze della zona della provincia di Livorno. Per l'occasione i Musei di Piombino proporranno un'apertura straordinaria serale. Al Museo Archeologico del Territorio di Populonia: "Notte al Museo", visita gui- data e apertura straordinaria fino alle 23.00, con visite guidate alle ore 21.00 e alle ore 22.00. Il Museo del Castello e della Città di Piombino proporrà invece "Il Castello sotto le stelle", visita alle fortificazioni del Castello, con visite guidate alle ore 21.00 e alle ore 22.00. Info: tel. 0565 226445, www.parchivaldicornia.it, e-mail prenotazioni@parchivaldicornia.it L'AGENDA · 73 VENERDÌ 22 GIUGNO GIOVEDÌ 21 GIUGNO · Castiglione della Pescaia - "Maremma Terra d'acque" Visita guidata turistica-escursionistica organizzata da Soc. Maremmagica. Programma: Castiglione della Pescaia e antica Isola Clodia. Partenza: Piazza Garibaldi - ore 17.00 Castiglione della Pescaia. Tipo di itinerario: Turistico / Escursionistico. Durata: 2-3h c.a · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Latino americano con la scuola di ballo "Buena Vista" ore 21.00 piazzale ex Maristella · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Incontri di storia: storie, poesie e aneddoti scritti dagli ospiti delle Case di Riposo della provincia dalle ore 17.30 alle ore 21.00 piazzale ex Maristella · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Programma: Giardino del Casello ore 21.30 - Joy Of Music Saggi della Scuola Comunale di Musica "B. Bonarelli" African Mood Percussions, sassofono, pianoforte moderno. Insegnanti Rino Bruciaferri, Stefano Cocco Cantini, Andrea Vanni. Info: Proloco Follonica, tel. 0566.52012 · Follonica - Corse al Trotto Convegno (pomeridiano) di corse al trotto all'Ippodromo dei Pini di Follonica. Info: tel. 0566/50706 www.ippodromodeipini.it/ · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" 74 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Mercatino di Campagna Amica - Filiera Corta Mostra mercato - Ogni mercoledì dalle ore 8.30 alle ore 13.00, nel Chiostro di San Francesco in Piazza San Francesco alcune aziende produttrici locali metteranno in vendita i loro prodotti: frutta, verdura, formaggi, ricotta, primo sale, olio, vino, zafferano, miele e grappa ogni martedì, giovedì e sabato · Grosseto Mercato Contadino della Maremma Mercato rionale promosso da CIA GROSSETO, che offre al consumatore la possibilità di acquistare direttamente nel suo quartiere i prodotti tipici della maremma di alta qualità. Gli appuntamenti si svolgono il martedì a Barbanella (Piazzalone in via Giusti), il giovedì a Gorarella (piazza Donatello, tra via Giotto e Viale Michelangelo) e il sabato nel quartiere "Cittadella" (parcheggio via Svizzera/via Repubblica Dominicana), sempre con orario 7.00-13.30. Info: tel. 0564462257 - 0564 452398 ogni giovedì · Grosseto Antiquariato, collezionismo, artigianato, degustazioni a cura di Mercatotenda in Corso Umberto 10 giugno · Grosseto "Grosseto Shopping" Consueta apertura domenicale dei negozi del Centro storico, con mercato degli ambulanti (in piazza Esperanto). Info. Confesercenti tel. 0564/43881 10 giugno · Abbadia San Salvatore (Si) Polvere e Tarli in Piazza Mercatino di prodotti agricoli tipici locali, artigianato, antiquariato e collezionismo in P .zza F.lli Cervi (ogni seconda domenica del mese da maggio a ottobre). Info: Pro Loco tel. 0577 778324; APT tel. 0577 775811 13 giugno · Arcidosso Mercato settimanale della Città Consueto mercato settimanale in via Ximenes e p.zza del Mercato - ore 7.30-13.30 2-3 giugno · Grosseto prodotti a tema floreale a cura di Mercatotenda presso il Parco delle Crociere, sulla laguna d'Orbetello, che nell'occasione si trasformerà in un giardino fiorito dove trascorrere un weekend da sogno per gli appassionati di piante e fiori, da quelli della tradizione a quelli meno noti, insoliti, curiosi e rari: orchidee, rose, ortensie, pelargoni profumati e da collezione, piante officinali e aromatiche, agrumi, piante da brughiera, aloe e piante grasse, arbusti, piante mediterranee, frutti di bosco e molto altro ancora dagli ortaggi, all'editoria specializzata, dall'attrezzature per il giardinaggio ai terricci e sementi, alle tisane e gli infusi, ai saponi e sali profumati e poi porcellane, cappelli, cestini, terrecotte, accessoristica, collezionismo a tema floreale e tanti altri prodotti decorati con fiori e foglie. Orario 10.00-22.00. Ingresso gratuito. Info: tel. 055489776 - 3483396638 17 giugno · Follonica Mostra scambio Auto e Moto d'epoca Appuntamento fieristico alla 14esima edizione, promosso da Grossetofiere nell'ampia area espositiva del Centro Fiere del Madonnino di Braccagni. 2-3 giugno · Orbetello Mercatone di S. Antonio da Padova Tradizionale fiera di merci e (una volta) bestiame dalle origini decisamente antiche. La nascita viene infatti fatta risalire al secolo XVII ad opera del Granduca Ferdinando II de' Medici, in onore del patrono degli animali Sant'Antonio da Padova. L'iniziativa richiama ogni anno un folto pubblico 16-17 giugno · Marina di Grosseto (Gr) Mercatino Mercatino di Artigianato, antiquariato e prodotti tipici alimentari promosso (nella terza domenica di ogni mese) da Artingegno - Arti e Mestieri in Via Dante. INFO: Pina tel. 339 6234723 23-24 giugno · Follonica "Orbetello Antiquaria" Mostra mercato del piccolo antiquariato, curiosità oggettistica varia e modernariato, per le vie del Centro storico. Orario: dalla mattina alla sera. Info: tel. 0564/860447 8-9-10 giugno · Castiglione della Pescaia Mercatino Mercatino di Artigianato e antiquariato promosso (ogni 4° Sabato e Domenica di ogni mese) da Artingegno - Arti e Mestieri in Viale Italia. INFO: Pina tel. 339 6234723 30 giugno-1° luglio · Orbetello "Maremma Antiquaria" Mercatino delle cose antiche e meno antiche, numismatica, collezionismo e tante curiosità in Via XXIV Maggio. L'appuntamento si svolge ogni terzo week-end del mese, tutto l'anno. Info: tel. 0564.43881 16-17 giugno · Orbetello Mercato Internazionale Mercato in p.zza Garibaldi, Corso della Libertà, via Roma 9-10 giugno · Porto Santo Stefano "Orbetello Antiquaria" Mostra mercato del piccolo antiquariato, curiosità oggettistica varia e modernariato, per le vie del Centro storico. Orario: dalla mattina alla sera. Info: tel. 0564860447 Festa del Fiore Florovivaistica giardinaggio artigianato e Mercatino L'AGENDA · 75 I "Sogni" di Moreno Quinti alla Galleria Eventi oubliée" e "Scherzo e Marcia". A conclusione della serata saranno proposte al pubblico in sala raffinate degustazioni: l'azienda biologica "Le Mandorlaie" (www.poderelemandorlaie.it), guidata da Pia e Gianemilio Franchini offrirà ai presenti i suoi prodotti, grazie anche alla collaborazione dell'enotecaristorante "Cantina Bargagli" di Scansano. Info: Prenotazioni posti in teatro: info@studiolyra.it +39.368.3565688. Servizi turistici: info@windstar.it +39.0564.27375 +39.335.1301627 Antonio SABATO 23 GIUGNO Si inaugura il 2 giugno per proseguire fino al 17 presso la Galleria "Eventi" in via Varese 18 a Grosseto la mostra di dipinti e sculture di Moreno Quinti, artista maremmano che con questa nuova rassegna tende ad esaltare la "forza del colore" S i intitola "SOGNI" la nuova mostra di dipinti e sculture di Moreno Quinti che sarà inaugurata il 2 giugno alle ore 17,30, presso la Galleria "Eventi" via Varese 18 a Grosseto. «"Sogni". Con questo tema l'artista grossetano ­ si legge nelle note di presentazione ­ tende ad esaltare la forza del colore, "disponendolo" nelle tele con forme leggere, ispirate dal suo intimo e "manifestate" attraverso la fantasia con "voli liberi". Nelle opere esposte in questa mostra, Moreno Quinti tende ad evidenziare la vita attuale; tortuosa e a volte distruttiva, ma con la tela "Risveglio" i sogni rientrano nell'alveo intimo e sensibile dell'artista, nuove percezioni fanno riaprire gli occhi alla vita, per richiudersi poi nei momenti di fervore creativo, in una dimensione dove inconscio e realtà formano non due condizioni opposte, ma una esistenziale dialettica di scontri e compenetrazioni di cui la pittura è autentica e sensibile testimone». Moreno Quinti, nasce a Gavorrano nel 1953. Dal 1958 vive e lavora a Grosseto. Scultore e pittore, fin da piccolo disegna e dipinge grazie anche all'insegnamento di maestri come Pacinotti e Monaci. Frequenta le botteghe di artisti come quella di Giuliano Giuggioli e del fiorentino Domenico Mileto. Il ritmo frenetico della vita e del proprio lavoro come geometra libero professionista, non lo distoglie dalla sua passione per l'arte. Sempre da autodidatta la sua continua ricerca lo porta agli inizi degli anni 2000 alla scultura utilizzando prevalentemente il ferro, ma anche il legno e l'acciaio, oltre a materiali di recupero. Le sue opere sono già state esposte in mostre personali e collettive in molte città oltre che nel contesto della provincia di Grosseto. Negli ultimi 10 anni la pittura viene tralasciata ma non abbandonata e proprio nel periodo più recente egli la riprende con forza e voglia di scavare ancora di più nel suo mondo interiore. Con queste prerogative la mostra "Sogni" sarà un vivo e coinvolgente confronto, in una dimensione che accoglie il simultaneo svolgersi dell'emozione, prima sotto la mano dell'artista e dopo sotto l'occhio dell'osservatore. Un incontro stimolante per tutti. Curata da Piero Ardenghi, l'esposizione potrà essere visitata fino al prossimo 17 giugno, tutti i giorni in orario: 17,3019,30. · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Il Tango: serate danzanti con "La Baldosa" ore 21.00 piazzale ex Maristella / Saggio degli allievi della scuola di musica S. Cecilia classe di canto moderno Maestro Silvia Dolfi ore 21.00 ex Orto del Lilli · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Programma: Piazza a Mare e Vie cittadine del centro storico, ore 21.00 - Associazione Follos 1838 Riflessi d'800 ­ Corteo storico in costumi dell'800 - musica, mercatini e figuranti in abiti ottocenteschi. Info: Proloco Follonica, tel. 0566.52012 · Grosseto - Zombie Walk Flash mob ideato e promosso da Striscia la Maremma per protesta contro la mancanza di locali e di attrazioni che rendano la Maremma un luogo divertente. L'iniziativa partirà dalle 17.00 nei pressi della Sala Eden di Grosseto e vedrà calare quasi 5000 zombie sul centro storico e sulle vie parallele. Per altre info: FACEBOOK (zombie walk a grosseto) e sul sito www.striscialamaremma.it · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in collaborazione con le Scuole di danza locali, presso il Teatro Moderno, ore 21. Programma: Area Danza · Massa Marittima - Concerto lirico Concerto a cura di Coop. Colline Metallifere presso il Complesso Museale di San Pietro all'Orto ore 21,00. Barbara Ruzziconi (soprano), Erika Zanaboni (mezzosoprano), Lino Isacco Tosi (tenore), Marco Renzi (tenore), Ambra Franceschi (pianoforte). Ingresso con biglietto del museo. Info: 0566 901954 · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - Campionato Europeo ORC Manifestazione velica organizzata dallo Yacht Club Punta Ala (fino al 30 giugno). Info: Yacht Club Punta Ala tel. 0564 923232, www.ycpa.it · Scansano - Scansano Piano Festival Rassegna concertistica, alla prima edizione, ideata dal notaio Gianemilio Franchini, presso il Teatro Castagnoli, ore 21. Ingresso gratuito. Programma: PIETRO BONFILIO - Sonata opera 81 di Beethoven dal titolo "Les Adieux", le "Variazioni sopra un tema di Paganini" libro II, di Brahms e il Carnaval opera 9 di Schumann "Piccole scene su quattro note". A conclusione della serata saranno proposte al pubblico in sala raffinate degustazioni: l'azienda biologica "Le Mandorlaie" (www.poderelemandorlaie.it), guidata da Pia e Gianemilio Franchini offrirà ai presenti i suoi prodotti, grazie anche alla collaborazione dell'enoteca-ristorante "Cantina Bargagli" di Scansano. Info: Prenotazioni posti in teatro: info@studiolyra.it +39.368.3565688. Servizi turistici: info@windstar.it +39.0564.27375 +39.335.1301627 Antonio · Castiglione della Pescaia - "Eccellenze e Biodiversità per un Turismo Sostenibile Visita guidata in Mountain Bike organizzata da Soc. Maremmagica. Programma: Castiglione della Pescaia, Museo Casa Rossa Ximenes, Riserva Naturale Diaccia Botrona, Isola Clodia, Pineta del tombolo, Biotopo San Leopoldo (Fiumara), Oasi di San DOMENICA 24 GIUGNO 76 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Plebiscito. Programma: ore 19:00 Santa Messa con la partecipazione de I Madrigalisti di Magliano in Toscana; ore 20:00 Concerto "Breve" de I Madrigalisti di Magliano in Toscana; ore 20:30 Cena in piazza · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - Campionato Europeo ORC Manifestazione velica organizzata dallo Yacht Club Punta Ala (fino al 30 giugno). Info: Yacht Club Punta Ala tel. 0564 923232, www.ycpa.it · Scansano ­ 1° raduno d'estate Passeggiata a cavallo nei pressi di Pomonte con giochi equestri e gimkana a cura del Circolo Equestre La Macchia Pomonte · Scansano - Gara di tiro con l'arco Contrada del Dentro LUNEDÌ 25 GIUGNO · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - Campionato Europeo ORC Manifestazione velica organizzata dallo Yacht Club Punta Ala (fino al 30 giugno). Info: Yacht Club Punta Ala tel. 0564 923232, www.ycpa.it · Castiglione della Pescaia - "La Maison Rouge" Rassegna di musica teatro e tradizione - terza edizione promosso dalla Soc. Maremmagica presso la Casa Rossa Ximenes, ore 21.30. Programma: Gargamella in concerto - Lapo marliani (chitarra classica, voce, harmonium), Nicola Savelli (percussioni, glockenspiel, tastiera, theremin). Info e prenotazioni: 389 0031369 - 340 3225433 · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Programma: Casello Idraulico, ore 18 ­ FolloWme "Nascosti Vicino" ­ Inaugurazione mostra fotografica "La mia città ha quattro mura" di CARLO BONAZZA, progetto svoltosi con i detenuti della MARTEDÌ 26 GIUGNO Casa Circondariale di Grosseto e realizzato assieme a Claudia Gennai per la mostra "La città visibile 2011" (Grosseto) (fino al 7 Luglio) / Bar Impero ­ Via Roma 52 ore 18 ­ FolloWme "Nascosti Vicino" ­ "Nascosti Vicino" presentazione del lavoro degli artisti outsider svolto durante il workshop tenuto da Paolo Woods e coordinato da Cinzia Canneri (inaugurazione ore 18). Fotografie scattate in alcuni negozi, gestiti da immigrati. Info: Proloco Follonica, tel. 0566.52012 · Grosseto - "Grosseto Danza 2012" Rassegna danza alla quinta edizione organizzata dal Comune di Grosseto - Servizio Cultura, in collaborazione con le Scuole di danza locali, presso il Teatro Moderno, ore 21. Programma: Ass.ne Sportiva Dilettantistica Espressione Danza · Massa Marittima - Il Villaggio Minerario di Niccioleta Visita guidata a cura di Coop. Colline Metallifere presso la Porta del Parco delle Colline Metallifere ore 16,00. A Pagamento. Info e prenotazione tel. 0566 902289 · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - Campionato Europeo ORC Manifestazione velica organizzata dallo Yacht Club Punta Ala (fino al 30 giugno). Info: Yacht Club Punta Ala tel. 0564 923232, www.ycpa.it MERCOLEDÌ 27 GIUGNO · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Pro- Grosseto si prepara allo Zombie Walk È iniziato il count down per lo Zombie Walk in programma a Grosseto il prossimo 23 giugno. Si tratta di un flash mob che partirà dalle 17.00 nei pressi della Sala Eden e che vedrà calare... zombie a iosa nel centro storico e nelle vie parallele. Non è un caso che la serata prescelta dagli organizzatori sia in prossimità della data della morte del grande Michael Jackson scomparso il 25 giugno 2009. L'intento dell'iniziativa, promossa dal sito web Striscia la Maremma, è quello di protestare contro la mancanza di locali e di attrazioni che rendano la Maremma un luogo divertente. "Anche se morti... noi viviamo". Questo è lo slogan dell'evento che, come spiega Vincenzo Gargiulo, ideatore dell'iniziativa "consiste nel radunare tanti ragazzi e ragazze di tutte le età, pronti a condividere una giornata all'insegna di tanto divertimento e delirio nei panni di un vero e autentico Zombie!". "Tutto muove dalla voglia di divertirsi e di fare qualcosa tutti insieme senza bisogno di essere trasgressivi o violenti e infatti non saranno tollerate intenzioni vandaliche di nessun genere! Questa non è una manifes- tazione politica, ma solo la voglia di stare insieme e di svegliare - in linea concettuale - una città che da qualche tempo sembra aver chiuso le porte alle attività di ritrovo giovanile. Per partecipare basta vestirsi come nella vita di tutti i giorni, ovvero infermiere/a zombie, Meccanico zombie, o comunque zombie di diversi mestieri ecc... procurandosi un barile di sangue finto, tanto trucco e soprattutto tanta voglia di spaventare! Insomma, un'opportunità per dare sfogo alla propria creatività abbinata in questo caso al mondo dell'horror!" "L'idea di organizzare uno "Zombie walk" a Grosseto ­ aggiunge Gargiulo ­ è nata quando ci siamo resi conto dello stato in cui versava il nostro centro cittadino. Un sabato sera, io e i miei amici eravamo di passaggio per il centro città e ci siamo ritrovati da soli in mezzo alle vie completamente vuote. L'associazione di idee è quindi venuta da sola, tanto più che in questi ultimi periodi si sente parlare moltissimo di manifestazioni di questo genere. Ci va di vivere, mi si passi il termine, in una vera e propria città di morti viventi e ci è sembrato giusto farlo presente. Sinceramente non ci aspettavamo tutti questi consensi. Mi sono stupito molto nel vedere che in molti la pensano come noi e rivorrebbero indietro quel centro vivo e aperto ai giovani e meno giovani. Per una sera sarà diverso dal solito. Molte parole sono state spese, soprattutto in questi giorni a proposito del futuro del nostro centro storico. Cosa ci vorrebbe quindi? Non ci vuole mai una cosa sola e di sicuro la nostra iniziativa non sarà la classica "bacchetta magica". Quello che però manca, a nostro parere, sono i centri di aggregazione e di unione, che riportino le attività giovanili, vere protagoniste delle serate del centro". Per altre info: FACEBOOK (zombie walk a grosseto) e sul sito www.striscialamaremma.it L'AGENDA · 77 VENERDÌ 29 GIUGNO GIOVEDÌ 28 GIUGNO · Castiglione della Pescaia - "Maremma Terra d'acque" Visita guidata turistica-escursionistica organizzata da · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Concorso Bel Canto Accademia Solti- Parco Castello Borgo Medioevale · Cinigiano ­ Miss Italia Selezioni comunali per Miss Maremma ore 21. La serata sarà allietata da musica dal vivo, sfilata di moda. Le ragazze vincitrici parteciperanno alla finalissima per l'elezione di miss maremma 2012 78 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Nella foto una cartella, tra gli oggetti della mostra "Al suono della campanella" "Ode a Medusa - autoanalisi di un'artista" Mostra personale di arte contemporanea di Marina Bufano presso la Galleria SpazioARTaltro. Info: tel. 0566 090436 / cell. 333 6716253 > fino al 30 giugno (dal 1° maggio) · Cinigiano "Trasformazioni del Paesaggio in Maremma" Mostra a cura dell'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Grosseto allestita presso la Sala Expo di Palazzo Bruchi in P.za Capitano Bruchi 5 > fino a domenica 16 settembre (dal 12 maggio) · Grosseto Mostra a cura del Club del ricamo - Chiesa dei Bigi. Orario: tutti i giorni 9,30-13,00 e 17,00-20,00 9>17 giugno · Castiglione della Pescaia ca Civica 20 giugno>7 luglio · Castiglione della Pescaia Bellezza e religiosità in Ludovico Cardi detto il Cigoli Mostra dedicata all'opera "La Pietà di Ludovico Cardi detto il Cigoli" (1559-1613), presso il Museo Archeologico e d'Arte della Maremma. Info: tel. 0564-488750-760 > fino a sabato 29 dicembre (dal 31 marzo) · Grosseto Giorgio Romoli Esposizione opere nel decennale scomparsa nella sala esposizioni dell'ex palazzo comunale 22 giugno>8 luglio · Massa Marittima Maria Cristina Limido Esposizione dipinti nella sala esposizioni dell'ex palazzo comunale 12>20 giugno · Massa Marittima "Giardini dello spirito" Mostra personale di arte contemporanea di Claudio Cenerini presso la Galleria SpazioARTaltro. Info: tel. 0566 090436 - cell. 333 6716253 23 giugno>2 luglio · Grosseto "Al suono della campanella. Frammenti di vita scolastica in Maremma dalle origini al `900" Mostra presso l'Archivio di Stato in piazza E. Socci. Orario: tutti i giorni 9-13; lunedì, mercoledì, giovedì 15-17,30. Info: tel. 0564 24576 2>17 giugno · Grosseto "Azione libera" - sperimentazioni creative di Grotta Mostra di arte contemporanea presso la Galleria SpazioARTaltro. Info: tel. 0566 090436 - cell. 333 6716253 14>17 giugno · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) ADD AND REMOVE Realtà e immaginazione nell'era digitale. Mostra d'arte contemporanea a cura di Lapo Simeoni, testi di Sguardo Contemporaneo, presso lo spazio espositivo Art Lab Gallery Arte Contemporanea 26 giugno>7 Luglio · Follonica "Camera 112" Esposizione dell'artista Marco di Giovanni e conversazioni sull'arte e sulla filosofia con Massimo Donà e Pier Luigi Celli - Gallia Palace Hotel 18>24 giugno · Follonica "SOGNI" Dipinti e sculture di Moreno Quinti presso la Galleria "EVENTI" via Varese 18. Orario: tutti i giorni 17,30-19,30. Info: tel. 335 6100916 2 giugno>6 agosto · Capalbio "Da me te. La relazione oltre i ruoli" Mostra fotografica Coop Arcobaleno in collaborazione con Fotoclub Follonica Salone del Casello 20 giugno>29 luglio · Follonica "La mia città ha quattro mura" Mostra fotografica di CARLO BONAZZA presso il Casello Idraulico 26 giugno>7 Luglio · Follonica Looking back towards the present Mostra fotografica di Elisabetta Catalano, presso lo spazio-galleria Il Frantoio di Capalbio 4>10 giugno · Grosseto "Nascosti Vicino" Presentazione del lavoro degli artisti outsider svolto durante il workshop tenuto da Paolo Woods e coordinato da Cinzia Canneri c/o Bar Impero ­ Via Roma 52. Fotografie scattate in alcuni negozi, gestiti da immigrati Tra Pop e Street Art - Warhol & Haring / Psaier & Buggiani Mostra a cura di Provincia di Grosseto, Musei della Maremma, presso la Pinacote- "Di fiore in fiore" L'AGENDA · 79 Vox Mundi Festival, al via a Magliano l'edizione 2012 Torna tra il 30 giugno e il 3 agosto a Magliano in Toscana il Vox Mundi Festival rassegna di Musiche dei popoli della terra che porta in Maremma artisti provenienti da ogni parte del pianeta con le musiche e le danze dei loro paesi di origine D al 30 giugno si svolgerà a Magliano in Toscana la quinta edizione di Vox Mundi Festival, la rassegna di Musiche dei popoli della terra promossa dal Comune di Magliano in Toscana con la direzione artistica di Carla Baldini. Come da tradizione anche questa estate artisti provenienti da ogni parte del pianeta porteranno in Maremma le musiche e le danze dei loro paesi di origine. Il via, sabato 30 giugno serata inaugurale nel centro storico della frazione di Montiano. Dalle 18 alle 24 la piazzetta Diaz ospiterà CortoMobile, il "cinema più piccolo del mondo" ideato dal regista fiorentino Francesco Azzini. CortoMobile ospita due spettatori per volta comodamente alloggiati nella seduta posteriore di un'auto d'epoca. L'ingresso in CortoMobile, un'Alfa Romeo 2000 degli anni `70, è gratuito; i cortometraggi proiettati hanno la durata massima di 7 minuti e si può scegliere da un ricco ed assortito "Corto-Menu". In piazza del Plebiscito invece, alle 21.45, concerto Ska-jazz mediterraneo dei Jambalaya. Il cartellone del Festival proseguirà all'interno delle antiche Mura del borgo medievale di Magliano in Toscana, che idealmente si aprono per accogliere culture e musiche del mondo. Ma prima degli ospiti stranieri una serata tutta toscana: sabato 7 luglio Ginevra Di Marco presenterà in prima nazionale "Donna Ginevra e le Donne di Magliano", produzione originale del Festival in cui la cantante fiorentina ed il Coro-laboratorio di musica popolare composto appunto da donne del comune di Magliano in Toscana e diretto da Carla Baldini reinterpretano con senso di appartenenza ed un pizzico di ironia canti e stornelli della tradizione toscana. Sabato 14 luglio il Festival incontra la musica latina con La Cumbia Chicharra. Sabato 21 luglio dall'Algeria arriva la cantante-danzatrice-attrice Karima Nayt. Sabato 28 luglio serata brasiliana con Rosalia De Souza. Il festival si conclude venerdì 3 agosto con "The Gospel Night", una notte speciale dedicata alla musica religiosa dei neri d'America. Interprete d'eccezione Charlie Cannon con special guest dei Sisters and Brothers Gospel Choir Ensemble, storico coro gospel italiano diretto da Carla Baldini. Tutti i concerti hanno inizio alle 21,45 e come consuetudine, sono preceduti dalla degustazione di prodotti tipici Un assaggio di Maremma (dalle 21,15). Info: www.voxmundifestival.org · Follonica ­ Aspettando Parco Centrale Musica, teatro, arti visive, incontri - 7a Edizione. Programma: Via Spiaggia di Levante ore 21.30 IV Edizione Vivere Senzuno 2012 a cura di Ass.ne Quartiere e Ass.ne I Matti delle Giuncaie - I Matti delle Giuncaie in concerto. Special guest Erriquez (lead vocal Bandabardò) - Dal tango alla rumba, dal cancan alla suite, in compagnia di charles e cantando a squarciagola iappappà! Info: Proloco Follonica, tel. 0566.52012 · Follonica - Corse al Trotto Convegno (in notturna) di corse al trotto all'Ippodromo dei Pini di Follonica. Info: tel. 0566/50706 www.ippodromodeipini.it/ · Grosseto - "La famiglia Addams" Scuola di Teatro Studio Enterprise - Teatro degli Industri, ore 21,00 · Massa Marittima - Il Lago dell'Accesa tra storia e natura Visita guidata a cura di Coop. Colline Metallifere presso la Porta del Parco delle Colline Metallifere ore 17,00. A pagamento. Info e prenotazione tel. 0566 902289 · Piombino (Li) - Improfestival Festival di Improvvisazione Teatrale, giunto alla 5^ edizione organizzato dall'associazione Improteatro, con il sostegno dell'Amministrazione Comunale di Piombino, della Provincia di Livorno e della Regione Toscana nello spazio del Rivellino. Ogni serata sarà caratterizzata dalla messa in scena di due spettacoli di improvvisazione differenti. Programma: ore 18-20 stage per principianti; ore 21,30 Pregalmar con Omar Galvan, Renato Preziuso, Daniele Marcori; ore 22,30 Passaggi long form di improvvisazione con la compagnia Quinta Tinta. · Piombino (Li) - Festa del Rugby Manifestazione organizzata da ASD Rugby Etruria Piombino in Località San Quirico, Campo Venturelli · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - CineAmare Rassegna cinematografica estiva, alla seconda edizione presso il PuntAla Camping Resort per ospiti pernottanti e non. Programma: Once upon a time in America (C'era un volta in America) WB. Info: 347/3200040 · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - Campionato Europeo ORC Manifestazione velica organizzata dallo Yacht Club Punta Ala (fino al 30 giugno). Info: Yacht Club Punta Ala tel. 0564 923232, www.ycpa.it · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - Trofeo Gavitello d'Argento Manifestazione velica organizzata dallo Yacht Club Punta Ala (fino al 30 giugno). Info: Yacht Club Punta Ala tel. 0564 923232, www.ycpa.it · Sassofortino (Roccastrada) - Alla scoperta del castello di Sassoforte Escursione organizzata dall`associazione culturale Maremmadinatura con sede a Montieri. Su una massiccia altura che domina dall'alto il paese di Sassofortino, circondati da un folto bosco, si trovano i resti dell'antico castello di Sassoforte, che per dimensioni e caratteristiche è considerato tra i più notevoli dell'intero territorio. Accompagnati dalla guida turistica i partecipanti avranno modo di avventurarsi nei boschi incantati che portano ai resti di questo edificio avvolto in un'atmosfera da favola. Prezzo: euro 9,00 a persona comprensivo di tesseramento, Bambini sotto 12 anni GRATIS. Per info e prenotazioni (obbligatorie): Giacomo 3393025442, Carlotta 3284220601, maremmadinatura@tiscali.it, www.maremmadinatura.net SABATO 30 GIUGNO · Castiglione della Pescaia - CASTIGLIONEVENTI 2012 Cartellone degli eventi estivi promosso dal Comune di Castiglione della Pescaia. Programma: Niki Giustini ore 21.00 piazza ex Orto del Lilli Il Tango: serate danzanti con "La Baldosa"ore 21.00 piazza- 80 · Maremma Magazine · Giugno 2012 torio Astronomico di Grosseto (a Roselle) e sulla spiaggia di Principina a Mare. Programma: Escursione - Percorso costiero: tramonto al Parco della Maremma. Spiaggia di Principina - Sapersi orientare: Stella polare e Orsa maggiore. Info: 3402600957 - 3316463193 · Grosseto - Concerto di musica classica ed operistica Fondazione Solti -Teatro degli Industri, ore 21,00 · Montiano (Magliano in Toscana) - Vox Mundi Festival 2012 Rassegna di Musiche dei popoli della terra promossa dal Comune di Magliano in Toscana con la direzione artistica di Carla Baldini. Programma: serata inaugurale nel centro storico della frazione di Montiano. Dalle 18 alle 24 la piazzetta Diaz ospiterà CortoMobile, il "cinema più piccolo del mondo" ideato dal regista fiorentino Francesco Azzini. CortoMobile ospita due spettatori per volta comodamente alloggiati nella seduta posteriore di un'auto d'epoca. L'ingresso in CortoMobile, un'Alfa Romeo 2000 degli anni `70, è gratuito; i cortometraggi proiettati hanno la durata massima di 7 minuti e si può scegliere da un ricco ed assortito "CortoMenu". In piazza del Plebiscito invece, alle 21.45, concerto Ska-jazz mediterraneo dei Jambalaya. Ingresso unico: 5 Euro. Info: www.voxmundifestival.org · Montorgiali (Scansano) - Montorgiali ricorda" Si chiama "Montorgiali ricorda" ed è una ricca manifestazione promossa dalla Pro Loco. Il programma offrirà sabato 30 una mostra canina, musica con orchestra spettacolo, selezioni per "Miss Maremma" e la sera dopo la cena uno spettacolo. La domenica 1 luglio, esibizione della "La Banda Animata", altro spettacolo da definire, e cena in piazza con maxi schermo per guardare insieme la finale dell'europeo di calcio. Nelle vie del paese ci sarà una mostra di pittura con noti artisti grossetani e non che esporranno le loro opere. Spazio anche ad esposizioni di oggetti, veicoli ecc. del nostro passato... · Piombino (Li) - Improfestival Festival di Improvvisazione Teatrale, giunto alla 5^ edizione organizzato dall'associazione Improteatro, con il sostegno dell'Amministrazione Comunale di Piombino, della Provincia di Livorno e della Regione Toscana nello spazio del Rivellino. Ogni serata sarà caratterizzata dalla messa in scena di due spettacoli di improvvisazione differenti. Programma: ore 21,30 Lei è peggio di me, con gli improcomici Stefano Gorno e Annalisa Arione; ore 22,30 The Bench (la panchina) format d'improvvisazione direttamente dal festival internazionale di Amsterdam 2012, con Omar Galvan, Roberto Garelli, Renato Preziuso, Simona Guandalini, Andrea Siciliano, Daniela Lusso. STAGE D'IMPROVVISAZIONE · Piombino (Li) - Festa del Rugby Manifestazione organizzata da ASD Rugby Etruria Piombino in Località San Quirico, Campo Venturelli · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - Campionato Europeo ORC Manifestazione velica organizzata dallo Yacht Club Punta Ala (fino al 30 giugno). Info: Yacht Club Punta Ala tel. 0564 923232, www.ycpa.it · Punta Ala (Castiglione della Pescaia) - Trofeo Gavitello d'Argento Manifestazione velica organizzata dallo Yacht Club Punta Ala (fino al 30 giugno). Info: Yacht Club Punta Ala tel. 0564 923232, www.ycpa.it Gli scatti di Elisabetta Catalano per i dieci anni del Frantoio I n occasione del decennale dell'apertura dello spazio/galleria Il Frantoio di Capalbio diretto da Maria Concetta Monaci, luogo poliedrico di incontro e di confronto deputato alle arti e punto di riferimento della vita culturale, il 2 giugno alle ore 18.30 si inaugura la mostra Looking back towards the present, un progetto esclusivo concepito come breve excursus sull'arte Italiana a Roma degli ultimi trent'anni per celebrare alcune delle sue figure preminenti e ancora oggi presenti sulla scena artistica attuale ­ legate in modi differenti a Capalbio, anche per la partecipazione ai passati eventi espositivi, altre invece considerate come assolute novità rispetto al luogo ­ raccontate attraverso una selezione di opere e l'occhio partecipe e interessato dell'obiettivo fotografico di Elisabetta Catalano. «Looking back towards the present (Guardando indietro verso il presente), che potrebbe essere anche il titolo emblematico di una pellicola cinematografica ­ si legge nelle note di presentazione ­, vuole proporre uno sguardo fugace e inedito, un ritornare veloce al passato recente per riscoprire il valore e il significato del presente, l'incisività e la forza di figure importanti che hanno segnato un percorso e che continua- no ancora immancabilmente a lasciare tracce indelebili travalicando le epoche e i decenni, presenze tutt'ora imprescindibili per la vita culturale e artistica di oggi. La mostra offre così l'opportunità di tracciare liberamente un percorso ideale suggerito dalla propria, soggettiva sensibilità, in cui le foto di Catalano, fra diversi ritratti e scatti che documentano il lavoro degli artisti coinvolti, si associano alle opere in mostra costruendo gradualmente un tipo di narrazione che non segue necessariamente un filo cronologico ma che si svolge come un dialogo intimo e familiare teso a riscoprire le possibilità di relazione fra la situazione attuale e quello che è stato, per rintracciarne i legami e le connessioni. La foto di Catalano diventa il veicolo privilegiato per intraprendere questo viaggio in cui, documentando l'artista o la sua opera, essa si riflette per emanazione nell'opera in mostra e la stessa risulta così contestualizzata. Ma al di là di un intento meramente didascalico, non sempre ad ogni fotografia corrisponde un'opera in mostra così come ogni opera non sempre si associa ad una foto. Questo per offrire ulteriori visioni e percorsi trasversali di lettura attraverso un sistema di echi e di rimandi in continuo e reciproco scambio, per poter scorgere a proprio piacimento nuove storie». La mostra potrà essere visitata fino al 6 agosto. Info: tel. 0564 896484. L'AGENDA · 81 C'È DA VEDERE | Perle e itinerari da scoprire in terra di Maremma LE RUBRICHE Castel del Piano: storia, arte e natura sulle pendici dell'Amiata È uno dei centri più importanti e rappresentativi del Monte Amiata circondato da rigogliosi castagneti. Parliamo del borgo di Castel del Piano, un luogo unico, ricco di storia e di arte, dove le bellezze naturali ed architettoniche, i capolavori da ammirare, i monumenti, le chiese e le tante cose da vedere rappresentano interessanti attrazioni all'insegna di un turismo culturale che in Maremma trova frequenti e feconde espressioni DI FRANCESCA COSTAGLIOLA I l celebre papa Pio II così definisce nei suoi Commentari la fulgida e rara bellezza di Castel del Piano: «Ad occidente l'Amiata digrada fino alla Maremma Senese e guarda Casteldelpiano (che è un paese situato alle radici del monte) e che per la bellezza del luogo, per la comodità della posizione e per l'amenità del paese, senza dubbio è il primo tra quanti sorgono su quel versante. È irrigato da fonti limpidissime e, fino a mezzo giro di mura, circondato da un fiumicello di acqua perenne. Quel nome gli fu dato perché sito su un ubertoso piano che si estende per circa un miglio, verdeggiante di alberi e ridente di prati e campi lavorati». Un'immagine tracciata in modo così evocativo fa ritenere che tale luogo fosse abitato in epoche antiche; ciò è confermato da testimonianze di arcaiche 82 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Piazza Garibaldi origini, stabilite da scavi archeologici operati sul territorio. In età più recente fu possedimento dei conti Aldobrandeschi di Santa Fiora, quindi fu sotto l'egida senese e dopo la caduta della Repubblica di Siena, entrò a far parte dei possedimenti di Cosimo de' Medici. In seguito fu compreso nel Granducato di Toscana sotto i Lorena. Castel del Piano è uno dei centri più importanti e rappresentativi del Monte Amiata circondato da rigogliosi castagneti è un luogo ricco di storia e di arte. Qui è compiuta la sinergia tra natura ed architettura. Dalla fine del XVII all'inizio del XVIII secolo sono attivi i pittori di scuola senese Nasini, a partire dal capostipi- te Francesco. Molte e di gran pregio furono le tele e sontuosi gli affreschi. Si tratta di una produzione amplia e varia, distribuita in diverse zone: prima di tutto nei centri dell'Amiata, ma anche a Siena, Firenze e Roma. La loro arte fu soprattutto una ricerca influenzata dagli echi stilistici delle più importanti correnti pittoriche dell'epoca, in cui notevoli sono gli accenti barocchi, ma anche caravaggeschi, e gli influssi di celebri pittori veneti ed emiliani, ma è la componente intimistica e devozionale a prevalere gli eccessi barocchi, per favorire una dimensione contemplativa, che non disdegna la valenza del tratto insieme a quella del contrasto tra luce ed ombra, al fine di conferire un'espressività incisiva di grande effetto comunicativo, in cui l'efficacia del disegno si coniuga al colore. Tra le numerosissime opere conservate si segnala a Castel del Piano nella Chiesa dell'Opera, nota perché al suo interno ospita capolavori artistici di somma rilevanza culturale, La Madonna col Bambino di Giuseppe Nicola. L'interno, a croce latina e movimentato da dieci cappelle, è un autentico museo dei Nasini, oltre alla Natività di Maria troviamo lo Sposalizio Mistico di Santa Caterina d'Alessandria sempre di Giuseppe Nicola, notevoli sono anche un crocifisso ligneo e l'acquasantiera cinquecentesca. Rilevante è La pala d'altare della LE RUBRICHE · 83 chiesa della Madonna delle Grazie, raffigurante La Madonna del Carmine di Francesco Nasini, considerata l'opera prima dell'artista. La chiesa, ubicata sul luogo di una cappella risalente agli inizi del Cinquecento e ulteriormente ingrandita e ristrutturata fino alla metà del XVIII secolo, ha la facciata ottocentesca con richiami barocchi, a completamento di una piazza di elegante aspetto scenografico. Numerosi nel borgo sono gli edifici religiosi di gran pregio, ricordiamo la Chiesa del Santissimo Sacramento, di origini medievali, rimaneggiata nel corso dei secoli; la Chiesa di San Giuseppe, di costruzione seicentesca, divenne nel 1870 sede della Confraternita di Misericordia; la Chiesa di San Leonardo, ricor- data nel 1188 e nel 1198 come possedimento dell'abbazia di San Salvatore. Per quanto concerne l'urbanistica e l'architettura civile, Castel del Piano presenta una struttura in cui la distribuzione degli spazi, del verde e degli edifici antichi è ben organizzata ed equilibrata. Il cuore del paese è la suggestiva Piazza Garibaldi, di costruzione ottocentesca; ha forma di conchiglia in declivio ad imitazione della celeberrima piazza del Campo di Siena, qui si celebra, come a Siena, un celebre palio delle contrade l'8 settembre natività di Maria Vergine e festa di Maria Santissima delle Grazie, patrona del paese. La piazza che è stata recentemente ristrutturata e rinnovata, presenta al suo interno degli Palio delle Contrade spazi verdeggianti e monumentali. È più nota come la Piazza Tonda o delle Storte. Recenti restauri hanno ridato vita al bel Palazzo Nerucci, costruito a partire dal 1554, edificio rinascimentale, oggi importante centro espositivo e culturale, facente parte del Sistema museale Amiata. Il palazzo, costruito per iniziativa di Domenico Nerucci, nato a Casteldelpiano nel 1529, importante personaggio legato alla corte pontificia che rivestì numerose cariche ecclesiastiche, prima come auditore del Cardinal Fornelli, poi come auditore fiscale in Campidoglio sotto Gregorio XII ed infine come Giudice d'Appello sotto Sisto V, occupa una vasta area tra Piazza Colonna e Corso Nasini ed è improntato sul modello del palazzo rinascimentale ad avancorpi laterali racchiudenti un cortile, adottato all'inizio del Cinquecento da Baldassarre Peruzzi a Roma per la villa della Farnesina di Agostino Chigi, costruita sul lungotevere. Esso è ricco di opere d'arte di natura devozionale che con molta probabilità sono da ricondurre al fervido sentimento religioso sviluppatosi a partire dalla metà del Cinquecento in seguito al Concilio di Trento. Intorno il paesaggio amiatino ricco di boschi, di reti sentieristiche e di strutture ricreative e sportive, garantisce una vacanza di grande relax e divertimento, senza dimenticare le prelibatezze della ricca e varia enogastronomia del territorio. 84 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Podere Doganelle, vacanze a cavallo sull'antica via del sale Podere Doganelle 86 · Maremma Magazine · Giugno 2012 iò che colpisce, appena si arriva al podere Doganelle, è lo scoprire che non si tratta della classica casa colonica tipica dell'architettura rurale maremmana: varcato il cancello d'ingresso, tra due alte fila di cipressi, ci troviamo di fronte ad una vera e propria villa padronale, imponente e austera, di un bel rosa intenso, circondata da un giardino di alberi secolari e fiori. Si intuisce che questo luogo ha una lunga storia e per farmela raccontare incontro Giulio Bocci, giovane titolare dell'agriturismo. Lui, nato a Firenze, dopo il Liceo e l'iscrizione alla Facoltà di Farmacia decide, circa dieci anni fa, di cambiare rotta e approdare in Maremma per riallacciare il filo con una terra amata e con i suoi legami affettivi. "La storia di questo posto ­ racconta Giulio ­ è antica ed è tutta scritta nel nome. Sembra, infatti, che originariamente, addirittura nel medioevo, la casa fosse un'antica dogana per il commercio del sale dal mar Tirreno fino a Siena. L'azienda fu acquistata all'inizio del `900 dallo zio di mio nonno materno, il Commendator Ferdinando Pazzagli. I Pazzagli erano proprietari terrieri che abitavano nella zona di Suvereto e acquistando le Doganelle decisero di ampliare le proprietà nella bassa Maremma. Gli anziani del luogo raccontano che il giorno dell'asta lui si presentò con tutti i soldi in contanti nella cacciatora di velluto e stendendoli sul bancone si aggiudicò il podere. Questo è solo un aneddoto tra verità e leggenda, che mi ha sempre colpito perché ci parla di un mondo ormai scomparso. Dando un'occhiata negli archivi storici ho potuto constatare come originariamente la casa fosse molto più piccola e proprio Ferdinando con l'aiuto architetti la ampliò fino a farla divenire una villa. Dallo zio Ferdinando poi passò a mio nonno materno ed oggi la proprie- C tà è di mia nonna e di mia madre. Oltre alla villa padronale il podere comprende anche un'altra grande struttura dove originariamente sorgeva il frantoio, poi adibita a casa del salariato e in seguito a magazzino. Oggi dell'antico frantoio restano solo le macine e il vecchio pavimento che ho voluto conservare durante la ristrutturazione". L'azienda agricola è formata da un piccolo oliveto che produce olio extravergine di qualità in azienda e da circa 100 ettari di campi coltivati a grano, girasole, erba medica. Il nonno di Giulio, che era veterinario, abitava alle Doganelle durante il periodo delle semine e della raccolta dei cereali, inoltre aveva qui un allevamento di vacche chianine brade. Poi, con i cambiamenti epocali avvenuti nel secolo scorso e l'inizio del declino dell'economia rurale, anche il podere si spopola, i salariati se ne vanno e la vita del podere Doganelle rinasce solo d'estate quando la casa padronale diventa la dimora della vacanze. "Questo, per me, è un posto del cuore ­ sottolinea Giulio ­ e sento un amore fortissimo per queste pietre e per questo luogo dove da bambino trascorrevo tutte le estati. Soprattutto qui sento ancora un forte legame affettivo con mio nonno, che è morto quando avevo solo tredici anni, ma che ha lasciato dentro di me un grande bagaglio di insegnamenti e di valori. Ancora oggi, quando prendo una decisione che riguarda il podere, mi chiedo cosa potrebbe dire lui... Visto l'affetto per le Doganelle non volevo che questo posto si degradasse e così anche questo ha favorito la mia decisione di invertire la rotta e trasferirmi qui. A pensarci oggi la scelta di cambiare radicalmente la mia vita è stata dettata anche un po' dall'incoscienza della gioventù. Ero attratto dalla dimensione bucolica della vita in Maremma, anche se ben presto mi sono accorto che LE RUBRICHE · 87 vivere da solo, d'inverno, in un casolare senza riscaldamento presentava... qualche piccolo disagio! Dell'entusiasmo che ha animato la mia scelta iniziale ancora oggi è rimasta intatta la voglia di vedere il podere Doganelle sempre più valorizzato e curato; per questo, ogni anno, cerco di creare qualcosa di nuovo reinvestendo ciò che proviene dall'agriturismo e dall'agricoltura per rendere sempre più accogliente questo posto". Libeccio, Tramontana, Grecale, Ponente, Maestrale e Levante: s'ispirano ai nomi dei venti i sei appartamenti dell'agriturismo ricavati nel vecchio frantoio delle Doganelle. Un restauro conservativo con la scelta precisa di utilizzare i materiali tipici delle case coloniche di un tempo come pavimento in cotto e travi di legno. L'amore per il territorio e la Maremma si esprime anche nella particolare cura negli arredi e nelle rifiniture con l'utilizzo di pietre locali e pittura a calce. Le abitazioni sono tutte ben attrezzate, dotate di tv satellitare, riscaldamento autonomo, soggiorno con divano letto e angolo cottura. Tutti gli alloggi hanno ingresso indipendente e usufruiscono di uno spazio privato per trascorrere piacevoli momenti all'aperto nel massimo rispetto della privacy. L'agriturismo è dotato di una bella piscina con ampio giardino. A quasi dieci anni dall'apertura tante cose sono cambiate e oggi sicuramente il fiore all'occhiello dell'offerta turistica del podere Doganelle è la scuderia di cavalli che si avvale dell'esperienza e della bravura di Isabel Wald, giovane tecnico fede- Isabel con un gruppo di cavalieri 88 · Maremma Magazine · Giugno 2012 La piscina Una camera Nella foto Giulio Bocci con un contadino della fattoria del nonno LE RUBRICHE · 89 L'ANGOLO DEL LIBRO | La Maremma in libreria U n viaggio nella storia di una famiglia attraverso gli occhi della profonda esperienza umana di Roberto Tonini, il tutto in un luogo quasi simbolico come la nota Fattoria degli Acquisti a Braccagni Il libro "I miei Acquisti" descrive con semplicità ed immediatezza il passaggio di un'epoca, il graduale approccio che, nel modo stesso di concepire la comunità, in tanti hanno dovuto adottare rispetto ai cambiamenti che si sono susseguiti dall'immediato secondo dopoguerra agli anni `70. Una descrizione diretta e sentita, chiaramente di getto, anche nella scelta linguistica. Il fluire libero di chi ha vissuto un passaggio sociale e culturale che lo ha coinvolto e toccato personalmente; "Trenta Trattorie per Trentenni", la guida al mangiar bene in Maremma e sull'Amiata Dopo il viaggio nel mondo del vino, Lorenzo Carresi e Giuseppe Orfino firmano ora un originale percorso gastronomico alla ricerca del piacere di incontrarsi a tavola, perché "andare a cena" significa prima di tutto "vivere un'esperienza". Il volume, edito da Arca Edizioni, è dedicato a chi è trentenne, a chi lo è stato e a chi lo sarà sempre ai sapori tradizionali dei pici all'aglione fino a quelli più sofisticati della pesce crudo. Dalle suggestive biancane di Monterotondo Marittimo fino alle colline assolate di Magliano. Dai delicati gnudi fino ai golosi funghi fritti. Dalle spiagge mondane di Capalbio fino ai boschi silenziosi di Santa Fiora. Un lungo e divertente viaggio gastronomico, tra borghi e campagne, alla ricerca del piacere di incontrarsi a tavola. Per raccontare una terra in cui è ancora possibile godere della buona cucina. Questo è Trenta Trattorie per Trentenni, il libro di Lorenzo Carresi e Giuseppe Orfino ­ edito da Arca Edizioni ­ dedicato al mangiar bene in Maremma e sull'Amiata. Una guida libera e giovane, la prima mai scritta sul territorio. Ironica e divertente, vuole essere uno strumento utile per risolvere il ricorrente interrogativo del "dove andare a cena fuori". Il lungo filo che unisce tutti i locali selezionati è il piacere di incontrarsi a tavola. Ne scaturisce una fotografia un po' mossa del panorama grossetano della ristorazione, dinamico e in continuo cambia- D un passaggio che proprio in Maremma ha visto uno degli esempi più calzanti. Il libro è stato recentemente presentato nella sala consiliare del Comune di Grosseto alla presenza oltre che del sindaco Bonifazi, dell'autore del libro, di Carlo Macchi, giornalista direttore di Winesurf.it e Edo Galli, Presidente del Gruppo Tradizioni Popolari Galli Silvestro. "Molte persone di questa terra hanno vissuto le stesse esperienze ­ ha sottolineato il sindaco Emilio Bonifazi ­, curiosato negli stessi luoghi, provato le stesse emozioni, sentito gli stessi odori e gli stessi sapori, anche le situazioni negative come quella raccontata a chiusura del libro. Adesso tutto si può ritrovare chiaramente su queste pagine, anche attraverso le immagini e le foto d'epoca in cui tanti potranno riconoscere espressioni e sensazioni di un'epoca". mento. Ma altrettanto talentuoso e pieno di promesse per il futuro. "Da quando mangiare non è più un'esigenza o una necessità per sopravvivere, al concetto del nutrirsi si è sostituito quello di mangiar bene ­ spiega Lorenzo Carresi ­. In questa nuova filosofia non rientra solo la qualità dei prodotti consumati, ma anche il piacere di allenare un gusto sempre più raffinato, il godere di un ambiente e di una compagnia gradevole. La Maremma e l'Amiata stanno scoprendo quanto della loro ricchezza e del loro valore venga da ciò che di più antico possiedono: la terra e la cucina. Un po' com'è già successo per il vino, il nostro territorio ha aperto le porte a esperienze culinarie molto eterogenee, lasciando spesso la libertà di sperimentare e osare. Il risultato è una proposta gastronomica varia e particolare che associa e spesso contamina la modernità con la tradizione." I 2 autori, in più di tre anni di lavoro, hanno testato un totale di 232 ristoranti, percorrendo oltre 2000 chilometri lungo la provincia. Si sono messi in cammino, seguendo indicazioni di amici, cono- 90 · Maremma Magazine · Giugno 2012 scenti, appassionati ma anche spulciando siti internet e social network. Hanno visitato i ristoranti sempre in incognito e mai rivelando i loro reali intenti. In ogni locale, si sono attenuti ad un metodo scrupoloso, assaggiando più portate possibili, giudicando l'ambiente ed il servizio, la carta dei vini, il parcheggio e perfino la toilette. Accanto alla descrizione del ristorante, una scheda racconta il luogo in maniera originale e divertente, ricorrendo anche ai tag, le "etichette" da catalogazione utilizzate su internet. La voce "Abbiamo speso" è la somma del costo di un antipasto, un primo o un secondo, dolce, digestivo e vino della casa. Nel "Ci piace", invece, è descritto il particolare che più è rimasto nel cuore degli autori. In appendice, poi, un vero e proprio glossario della cucina maremmana e la top 30 del "Meglio di tutto": altri trenta consigli sui migliori posti dove fare colazione, mangiare un hamburger o bere un bicchier di buon vino. "Abbiamo collezionato conferme storiche e smentite dolorose ­ spiega Giuseppe Orfino ­, e alla fine il risultato è questa piccola guida, giocosa e volutamente incompleta. Provvisoria, sicuramente, perché è un reale work in progress. Ma `Trenta trattorie per trentenni' è soprattutto una guida autentica: i ristoranti sono stati selezionati senza secondi fini e il rimanere sempre in incognito ci ha permesso di fotografare la realtà del locale in una sera qualsiasi. Il nostro primo intento è stato quello di condividere tutta questa grande esperienza collezionata con i nostri coetanei perché è proprio verso i trent'anni che ci si avvicina al mondo del mangiare bene: è quella l'età in cui si abbandona la pizzeria ed il fast-food e si intraprende una ricerca personale all'interno della grande cultura culinaria italiana. È allora che s'inizia a sviluppare un certo gusto per la buona tavola, dedicando tempo alla scoperta di nuovi ristoranti. Si diventa, così, attenti ad alcuni dettagli dell'ambiente che ci ospita e molto esigenti in fatto di qualità e varietà. Ci siamo rivolti ai coetanei, quindi, ma, nonostante il titolo giocoso, questa è una guida per gustare la buona cucina, curarsi dalla vita e riposare l'anima. Ed è dedicata a chi è trentenne, ma anche a chi lo è stato e a chi lo sarà sempre." Gli autori Lorenzo Carresi docente di materie letterarie, è esperto in comunicazione dell'enogastronomia. Laureato a Siena in Storia del Teatro, è nato a Grosseto nel 1977 ed è appassionato di vini. È impegnato nella promozione dell'agroalimentare di qualità. Giuseppe Orfino giornalista, è comunicatore pubblico. È nato a Siena nel 1973 e ha collaborato con varie testate, tradizionali e on line, ricoprendo anche ruoli di direzione e coordinamento. Si occupa di narrativa, teatro e nuovi linguaggi. Degli stessi autori Vini di Maremma, Arca Edizioni Per info e ordini, inviare una mail a: arcainfo@arcafactory.it LE RUBRICHE · 91 Carlo Cassola, il sentito ricordo di un apprezzato e stimato scrittore e docente "grossetano" Nell'ambito di un ciclo di incontri promosso dall'Archivio di Stato di Grosseto in occasione della Settimana della Cultura, il 14 aprile scorso è stata tracciata la figura di Carlo Cassola, apprezzato docente e scrittore di altissimo livello che visse e insegnò a Grosseto tra gli anni cinquanta e sessanta DI ROSSANO MARZOCCHI L 'Archivio di Stato di Grosseto, come tutti gli anni, presenta un fitto programma in occasione della Settimana della Cultura. Il primo degli incontri è stato quello del 14 aprile che ha inaugurato il ciclo di conferenze e che ha visto relatore il professore Stefano Adami e la testimonianza dell'ingegnere Antonio Ludovico. "Questo su Cassola è il primo degli incontri ­ così ha introdotto Fiorenza Gemini (nella foto) ­ direttore dell'Archivio ­. Cassola, non so se sia stato il migliore insegnante del dopoguerra, ma certamente è stato il più noto tra gli scrittori del periodo. Tutto questo per ricordare il ruolo della scuola, elemento fondamentale della società civile." "Volevo fare una conversazione più che una conferenza. Cassola l'esperienza e la bellezza dell'insegnamento ­ ha spiegato Stefano Adami ­ la scoprì quando arrivò a Grosseto. L'esperienza cittadina ha contribuito a cambiare il suo stile narrativo. Egli era il più giovane tra gli scrittori del periodo. Nasce nel 1917 a Roma dove compie anche gli studi classici, ma la capitale non lascia su di lui un grande segno. Proviene da una famiglia di alta borghesia ed ha un rapporto conflittuale con il padre di cui non condivide le idee politiche. Di fatto vive all'ombra di questo genitore che non apprezza. L'adesione alla Resistenza e al Partito d'azione è come una ribellione nei confronti del padre. La scrittura di Cassola ­ ha aggiunto il relatore ­ viene criticata originariamente anche da Italo Calvino che definisce i suoi romanzi al pari della risciacquatura dei piatti. La letteratura dei sentimenti è, secondo Calvino, sbagliata. La produzione di Cassola vista oggi, invece, ha un peso molto particolare. Di lui si sa che fu critico sulla scuola e sull'insegnamento. A Grosseto insegnò, nonostante la laurea in legge, storia e filosofia, ed è unanimemente riconosciuto ­ così ha concluso Adami ­ apprezzato docente e scrittore di altissimo livello". "Sono stato insegnante in questa città per molti anni per cui mi considero un uomo di scuola a tutti gli effetti ­ ha detto l'ingegnere Antonio Ludovico ­ per cui parlerò di un uomo speciale a Grosseto tra gli anni cinquanta e sessanta. Cassola insegnava per costituirsi un reddito, non poteva vivere solo di scrittura. Era un uomo sicuramente fuori dall'ordinario ­ ha precisato Ludovico ­ me lo ricordo insegnante al Liceo Scientifico con quelle labbra sottili, con un'aria di cruccio costante e noi studenti ci rendevamo conto che quella perenne smorfia facciale di disgusto o di nausea, era più apparente che reale. Il professore ha sempre risposto a tutte le domande e a tutte le sollecitazioni che gli venivano rivolte, anche extrascolastiche. La lezione era fatta dalla lettura di un testo e poi veniva commentata in modo approfondito. Le sue interrogazioni, senza alcuna fiscalità, erano molto blande, lui riusciva a tenerci avvinti all'argomento, metteva anche poco rigore nel programma e noi comunque ­ ha concluso Ludovico ­ potevamo sollecitarlo su qualunque tema, sicuri di 92 · Maremma Magazine · Giugno 2012 arti considerava superiore quella della musica per le caratteristiche particolari e la possibilità di interpretazioni molto variegate. Gli ultimi anni della sua vita ha preso le distanze dal successo della "Ragazza di Bube" e del film che ne è stato tratto ed ha avuto un'evoluzione intimista, con un'adesione al movimento pacifista ed ecologista. Gli incontri all'Archivio proseguiranno e rimarrà aperta la mostra documentaria Al suono della campanella. Frammenti di vita scolastica in Maremma dalle origini al `900, che sarà visitabile negli orari di apertura dell'Istituto, tranne in occasione delle conferenze. La vita e i libri di Carlo Cassola C arlo Cassola (Roma, 1917 - Montecarlo di Lucca, 1987) è scrittore, giornalista e intellettuale impegnato nei momenti storicamente più rilevanti del secolo scorso, dall'antifascismo alla Resistenza, alla difesa della pace con la fondazione della Lega per il Disarmo. Autore di numerosi bestseller consacrati tali anche dal cinema, raggiunge la notorietà con il racconto Il taglio del bosco del 1950 e l'apice del successo negli anni Sessanta, dopo la pubblicazione de La ragazza di Bube per Einaudi nel 1960. Da allora, si è collocato per oltre un decennio al vertice delle classifiche di vendita come autore molto letto e molto amato dal grande pubblico, che ne conserva tuttora viva memoria. La Toscana è per Cassola terra d'elezione, da lui scelta senza esserci nato.Tale appartenenza, acquisita anagraficamente nella vita ed espressa nella narrativa attraverso l'ambientazione prevalentemente toscana di quasi tutti i suoi romanzi, gli ha procurato la qualifica di scrittore `toscano', che si attaglia pure allo stile scarno della sua narrativa. Il lungo rapporto dello scrittore con la regione si declina variamente nel tempo, dall'innamoramento a distanza durante le vacanze dell'infanzia all'ultima residenza nella campagna lucchese, lungo le tappe di un costante impegno anche civile, dalla Resistenza alla difesa della pace e della vita. Il paesaggio toscano, oltre ad essere il bandolo cui vengono costantemente ricondotte sia le vicende private e pubbliche della vita di Cassola sia la materia delle sue opere, racchiude, quale connotato espressivo della sua scrittura, la poeticità che la caratterizza. LE RUBRICHE · 93 Terenzi, "nel cuore della Maremma batte la nostra passione" Entusiasmo, voglia di migliorarsi e dinamismo: sembrano essere questi i principi ispiratori alla base di un'importante realtà vitivinicola maremmana, con sede a Scansano nella patria del Morellino, ovvero l'azienda agricola Terenzi che, fondata da Florio, vede oggi sempre più coinvolti nel progetto imprenditoriale anche i tre figli Federico, Balbino e Francesca Romana DI CELESTINO SELLAROLI Europa. Ogni anno centinaia di migliaia di attività rischiano di chiudere per l'insuccesso del ricambio generazionale nella gestione dell'azienda, con la conseguente perdita di numerosi posti di lavoro. L'enorme concretezza del fenomeno è confermata da statistiche dell'Unione Europea (Eurostat) secondo le quali circa 5 milioni di imprese nell'Unione, pari al 30% di tutte le imprese comunitarie, Q uello della trasmissione e successione d'impresa è un tema molto attuale, sia in Italia che in dovranno far fronte al problema della trasmissione nel breve periodo. La situazione è talmente preoccupante che per cercare di farvi fronte e porvi rimedio si è mossa la stessa Unione Europea che ha varato un'apposita strategia per la trasmissione d'impresa che passa attraverso l'invito ­ rivolto ai governi nazionali, con appositi provvedimenti normativi comunitari ­ ad adottare interventi diretti ed indiretti in favore del passaggio generazionale. In Maremma, c'è un'azienda che questo passaggio generazionale lo sta attuando senza bisogno di inviti, ma semplicemente secondo un ordine naturale delle cose che fa rima, prima di tutto, con l'entusiasmo con cui tre fratelli hanno deciso di iniziare a seguire le orme del padre. I tre fratelli sono Federico, Francesca Romana e Balbino e l'azienda in questione è l'azienda agricola Terenzi, fondata nel 2003 da Florio ­ di origini marchigiane con un passato legato al mondo fieristico internazionale ed all'industria cosmetica ­ che con l'ingresso di tutti e tre i suoi figli ha coronato il sogno di ogni padre, ovvero quello di trascinare nel proprio percorso imprenditoriale e di vita le persone a lui più care: "sangue del proprio sangue". Federico per la verità è già investito di importanti incarichi da un pezzo, mentre Francesca Romana e Balbino sono stati coinvolti nel progetto, in modo più diretto, da appena un anno, la prima (si è trasferita in Maremma, dopo aver svolto attività lavorative a Milano, New York e Torino, ndr) e qualche mese il secondo (in arrivo da Milano dove era impegnato nel settore degli eventi e della moda). Una gran bella famiglia quella di Florio Terenzi e della moglie Giuseppina, che sta investendo in questo angolo di Toscana in due settori cruciali per l'economia del territorio, l'enologia e il turismo, con quella capacità di rinnovarsi e mettersi in gioco, che solo quando si è mossi da vivo entusiasmo e voglia di fare si riesce a sprigionare e soprattutto si riesce a trasmettere ai propri interlocutori: siano essi amici, clienti, ospiti, semplici turisti di passaggio. O, cosa ben più importante, i figli. E qui l'entusiasmo e la voglia di fare non mancano, perché parliamo di un'azienda giovane e dinamica, attenta alle nuove tecnologie, al mondo social e alle nuove forme di comunicazione, basti pensare al nuovo sito Internet (www.terenzi.eu) ­ che non parla solo di vino, ma anche di cucina, ospitalità e territorio ­ dal quale si possono fare anche gli ordini e gli acquisti direttamente on line (e-commerce). 94 · Maremma Magazine · Giugno 2012 L'azienda agricola Terenzi si trova a pochi minuti da Scansano, più precisamente al km. 82,8 della SP 159 ovvero la strada che da Scansano va verso Saturnia e Manciano, e dispone oggi di 150 ettari di proprietà, di cui ben 52 vitati e 14 di splendidi ulivi secolari, e di una cantina funzionale e moderna di 2.000 mq costruita in armonia con il paesaggio, senza rinunciare alle più moderne tecnologie mirate alla più assoluta qualità e al rispetto dell'ambiente, grazie anche ad un modernissimo impianto fotovoltaico. L'azienda è in primis un'azienda vitivinicola ed è proprio intorno al vino che ruotano anche tutte le altre attività: il Wine Shop con la bellissima sala degustazioni che funge anche da ristorante per gli ospiti della Locanda Terenzi, una guest-house di charme di cui si occupa Francesca Romana. L'avventura in Maremma parte ormai diversi anni fa e si lega a doppio filo con la terra di Scansano, non per avere il Morellino come accessorio, ma per dar vita ad un progetto ben definito: innovare, affrontare nuove sfide, traendo ispirazione e forza dalla tradizione, nel massimo rispetto (anzi quasi in simbiosi), del (con) il territorio, in una logica di assoluta integrazione con lo stesso. "Un'idea ambiziosa, ma non per questo impossibile ­ sottolineano all'unisono ­, è proprio quella di diventare testimoni nel mondo di una terra che al mondo ha molto da dare, a cominciare dai grandi vini che è capace di regalare a chi li sa comprendere. La Maremma, magica e selvaggia nella sua unicità, è bella da togliere il fiato. Ne siamo consapevoli e anzi ne siamo a tal punto coscienti da poter tranquillamente dire di essere una famiglia che ha avuto il privilegio di essere chiamata in questa meravigliosa terra. Qualcuno dice che nessuno può amare un luogo come chi ha potuto sceglierlo. Forse non è una regola, ma per noi è verità". Conoscendo meglio questa famiglia, si capisce che non c'è niente di esagerato o di artefatto in quest'ultima affermazione e si percepisce concretamente l'impegno che è stato preso con questa terra, e cosa significa scommettere su un'area vitivinicola (e turistica) emergente, sia per ottenere vini di qualità, sia per contribuire a farla crescere. "In effetti, stiamo investendo molto in questo territorio (l'azienda tra l'altro dà lavoro a 16 persone, ndr), perché crediamo molto nella Maremma e nelle sue potenzialità. E del resto sappiamo che puntare su vini di qualità significa anche contribuire a promuovere il contesto nel quale tali vini vengono prodotti. Certo non siamo gli unici, ma siamo convinti di essere oggi un importante punto di riferimento. I numeri lo confermano. Il trend è in costante crescita e in questo periodo, tutt'altro che semplice, LE RUBRICHE · 95 non è certo una cosa di poco conto. Oggi produciamo 350.000 bottiglie all'anno, di cui circa l'80% commercializzate in Italia (l'obiettivo resta comunque quello di arrivare nel giro di qualche anno a 500.000 bottiglie di cui almeno il 40-50% destinato all'export). Dati significativi se si osserva che per scelta abbiamo deciso di restare fuori dalla grande distribuzione. E ipotizzando che ogni bottiglia è bevuta in media da tre persone, ecco che oltre un milione di individui è venuta e viene ogni anno in contatto con i nostri vini ed ha modo di conoscere il nostro territorio: la Maremma". La mission, oltre che quella di produrre e commercializzare vini di qualità a prezzi corretti, in un'ottica di valorizzazione del territorio maremmano, è quella di diventare ­ grazie anche alla consu- lenza di un grande enologo come Giuseppe Caviola ("con cui la sintonia è totale e che ha rappresentato una svolta dal punto di vista qualitativo nel nostro percorso enologico", sottolineano) e di agronomi esperti dello specifico terroir ­ uno dei protagonisti del mercato dei vini della Maremma grossetana ed in particolare del Morellino di Scansano. "Tutto il nostro processo produttivo, dalla conduzione delle vigne alla vendemmia, dalla vinificazione all'imbottigliamento, viene svolto in completa autonomia da persone che, come noi, credono in ciò che fanno. L'intera filiera è gestita con grande cura e passione da uno staff altamente specializzato e motivato". Oltre al famoso Morellino di Scansano (100% sangiovese), il vino più venduto, l'azienda produce oggi rossi moderni ma rinnovati nella tradizione con un uso attento e moderno del legno, ma anche vini bianchi interessanti che stanno avendo un grande successo come il vermentino e il viognier. Vini di carattere che possono essere degustati anche direttamente in azienda. "Altro aspetto che ci teniamo a sottolineare è il fatto che la nostra cantina è aperta e visitabile (si trova in una zona strategica, sulla strada che porta a Saturnia, ndr) e sta diventando sempre più un vero e proprio punto di riferimento anche in chiave turistica. Sono sempre di più infatti i visitatori che accogliamo ogni anno e ormai andiamo verso le 30.000 bottiglie (dato assolutamente significativo e da evidenziare) vendute direttamente nel nostro wine shop. Con i suoi divani, il caminetto ed i mobili rigorosamente d'epoca, questo spazio collo- 96 · Maremma Magazine · Giugno 2012 P Il Wine Shop cato in un angolo del salone ristorante rievoca il tipico salotto Toscano; un'ampia area espositiva permette di scoprire tutte le etichette e poter degustare, attraverso specifici wine tasting, vini, olio extra vergine di oliva e grappa di Morellino". "Chi fosse interessato a conoscere più da vicino l'azienda agricola Terenzi può prenotare una visita guidata della cantina, seguita da un pranzo o da una cena accompagnati dai nostri vini esclusivi serviti nella nostra sala degustazioni, con vista sui nostri vigneti e sulle colline della Maremma!". Insomma, una realtà imprenditoriale di successo i cui segreti sono la chiarezza del progetto che vi è a monte (e la prospettiva che si sono dati), la capacità di programmare, la lungimiranza negli investimenti fatti e la mentalità imprenditoriale che hanno nel loro DNA. A questi elementi, già di per sé importanti, si aggiungono il legame con il territorio, l'attenzione verso la comunicazione e le nuove tecnologie, la passione, la voglia di migliorarsi, l'entusiasmo che traspare in tutte le attività sviluppate, ma soprattutto l'affiatamento esistente nel nucleo familiare che ora può contare su forze fresche, quelle di tutti e tre i figli, impegnati a preservare il passato, consolidare il presente e costruire il futuro di una gran bella azienda di Maremma. Per info e prenotazioni visite: Società Agricola Terenzi Srl, Località Montedonico | Scansano (Grosseto) Italia, Tel. +39 0564 599 601, Fax +39 0564 599 0625, www.terenzi.eu er chi fosse interessato a conoscere più da vicino l'azienda agricola Terenzi e più in generale ad entrare in contatto con uno spaccato della Maremma enologica, quella più attiva e dinamica, che ha voglia di crescere ed emergere, c'è un'occasione da cogliere al volo (come da cartolina allegata a questo numero di Maremma Magazine): prenotare una visita guidata della cantina, seguita da un pranzo o da una cena, accompagnati dai vini dell'azienda serviti nella sala degustazioni con vista sui vigneti e sulle colline della Maremma. L'idea delle visite guidate (spesso e volentieri svolte proprio dai fratelli Terenzi in prima persona o dal personale qualificato sempre presente in cantina) rappresenta un'opportunità concreta e piacevole ­ molto interessante anche dal punto di vista dell'offerta turistica ­ per andare alla scoperta della Maremma, del territorio e dei suoi prodotti, in modo non convenzionale, con una sorta di full immersion esperenziale in grado di trasmettere qualcosa di diverso, ma soprattutto emozioni. "L'obiettivo ­ ci spiega Balbino Terenzi ­ è quello di far scoprire ai visitatori e ai turisti che vogliono avvicinarsi al mondo del vino in Maremma il lavoro che si nasconde dietro ad ogni singola bottiglia, offrendo la possibilità di degustare e meglio comprendere i vini abbinandoli ai prodotti e ai piatti del territorio. Per far questo abbiamo messo a punto una vera e propria struttura organizzata, con tanto di sommelier fissa addetta alla vendita affiancata da una figura preposta all'accoglienza che parla correntemente inglese e tedesco". Il clou della visita in azienda è rappresentato ovviamente dalle degustazioni, studiate accuratamente e molto variegate: oltre alla quella tipica, gratuita, del solo vino assistiti dalla sommelier Letizia, ve ne sono anche altre ­ Tipica, Classica o Ricca ­ che vanno dai 10 ai 25 Euro e sono costituite da un'ampia selezione di bruschette salumi e formaggi locali, fino ai menù completi da 35 a 45 euro che invece comprendono primi e secondi piatti preparati dallo Chef Giuliano Tonini. Wine & Food, in un contesto unico, tutto da godere. Provare per credere! Per info e prenotazioni tel. 0564 599 601, www.terenzi.eu LE RUBRICHE · 97 Quando l'olio stringe in un avvolgente "Abbraccio" i sensi... e l'essenza della Maremma Ha un nome curioso ma quanto mai efficace per esprimere il proposito di legare i sapori attraverso un prodotto speciale. Parliamo dell'olio dell'azienda "Abbraccio", gran bella realtà amiatina oggi guidata da Mirko Rossi, nel solco di una tradizione familiare che in questo angolo di Toscana punta tutto sulla cultivar Olivastra Seggianese DI ANTONELLA VITULLO 98 · Maremma Magazine · Giugno 2012 Gabriele D'Annunzio (Alcione) Mirko Abbraccio uali sono se non l'olio o il vino gli elementi rappresentativi che più di altri sprigionano nella loro essenza e nei loro profumi la natura e la ricchezza del territorio? Se riguardo ai vini si inizia ad avere una conoscenza un po' più vasta in quanto entrati questi a far parte della nostra cultura del savoir vivre e del gusto della vita, altrettanto saper riconoscere ed apprezzare un buon olio costituisce il massimo piacere e non solo per il palato. Q folta chioma produce oliva di color rosso violaceo che diventa poi nera alla maturazione e già piena di profumi che si riconoscono sin dalla frangitura. La Cultivar, questo è il nome dell'olivastra di Seggiano DOP, le cui origini di coltivazione risalgono ai monaci benedettini circa nel 1300 d.C., nasce da una pianta resistente alle basse temperature degli inverni amiatini e si riproduce per innesto e non dal nocciolo. LE CARATTERISTICHE L'olio d'oliva extravergine Abbraccio deriva dalla tipologia autoctona dell'olivastra di Seggiano, contiene proprietà antiossidanti e nutrienti nonché la vitamina E (rafforza il nostro sistema immunitario e la parete dei capillari) ed è altamente digeribile (consigliato perciò al nutrimento nella prima infanzia). Nel momento della raccolta le olive vengono portate a molire entro max 8 ore per poterne garantire la freschezza e per lasciare inalterate le proprietà che rendono unico e pregiato l'olio Abbraccio. Per questo rispetta pienamente i parametri stabiliti dal disciplinare: acidità, perossidi, polifenoli, tocoferoli e percentuale di acidi grassi insaturi. Un "Abbraccio" che tocca quasi tutti i sensi: alla vista si presenta di color ver- de intenso con riflessi dorati; all'olfatto sentiamo il profumo dell'erba appena tagliata; al palato avvertiamo un equilibrio di note floreali e di carciofo. Sensazioni che via via ci lasciano la bocca piacevolmente ammorbidita dal gusto di quest'olio che trova la sua massima espressione quando "abbraccia" il condimento di pesce, verdura fresca e zuppe, alimenti tipici della Maremma. METODO DI RACCOLTA Abbraccio, viene prodotto attraverso la classica raccolta a mano motivata anche dall'altezza e dall'ampiezza delle piante di olivastra seggianese. Infatti, come mi precisa Mirko Rossi, in certe zone può arrivare solo l'uomo con le tradizionali scale di legno. Negli ultimi anni al metodo tradizionale si sono aggiunte tecniche meccaniche non sufficienti, tuttavia, alla brucatura completa delle fronde più alte. Il breve tempo di attesa dalla raccolta alla spremitura e la consegna giornaliera al frantoio lasciano inalterate le proprietà dell'oliva e per questo le contraddistinguono. Il prodotto viene conservato in luogo asciutto dentro contenitori di acciaio ed a temperatura controllata, riparato da luci e da odori per non modificarne il profumo e l'essenza. STORIA & TERRITORIO "Abbraccio" ­ questo il nome che Mirko Rossi e famiglia hanno dato al loro olio extravergine d'oliva ed alla loro azienda ­ nasce sulle pendici del Monte Amiata, esattamente da Seggiano, piccolo borgo medievale situato ad un'altezza di circa 500 m. sul livello del mare e per questo ancora toccata dai venti marini del Tirreno, a Castel del Piano, terra di olivi ormai centenari che seguono il collinoso terreno che caratterizza la zona. È questa posizione geografica a conferire nobiltà e resistenza alla pianta "Olea Europea Silvestris", da cui discende l'olivastra di Seggiano, a caratterizzarne le note e gli equilibri che ne derivano dalle sue olive. Pianta ricca di storia e di passato, di forma contenuta ma di LE RUBRICHE · 99 Nella foto un olivo della cultivar Olivastra di Seggiano, da cui si produce l'olio Abbraccio L'INCONTRO CON ABBRACCIO Circa un anno fa, in occasione della manifestazione Maremma Wine and Food, gustando i prodotti eno-gastrono- mici maremmani, fui particolarmente attratta da uno stand in cui venivano proposti per la degustazione, rosette di purea di patate condite semplicemente con due gocce d'olio: erano a dir poco sublimi e fu così che conobbi Mirko Rossi. Rimasi conquistata, io che vado sempre alla ricerca di prodotti genuini del territorio, dal sapore di quell'olio denso di sfumature sensoriali... inizialmente aspro ma dal retrogusto piacevole, morbido e fruttato simile alle note che lasciano al palato un buon vino. "Abbraccio" mi piacque molto anche nel nome... che ben rappresentava quell'olio! Mirko Rossi mi descrisse orgogliosamente le caratteristiche e la provenienza della cultivar, l'olivastra di Seggiano da cui si ricava il suo olio extravergine d'oliva. Oggi, mi trovo nella sua azienda racchiusa in una cornice di indescrivibile bellezza naturale, circondata da maesto- si ulivi centenari e da luoghi che custodiscono la sua tradizione familiare. Noto la passione, la dedizione e la professionalità che metti nel tuo lavoro ­ da dove nasce? ­ gli chiedo. La passione di prendermi cura degli ulivi nasce dalle bruschette che mi preparavano i miei nonni e i miei genitori, dalle giornate d'infanzia passate a giocare tra gli ulivi. Una passione sempre sentita dalla mia famiglia, anche perché per i nonni raccogliere significava far festa, si creava un clima di grande allegria e poi l'olio con il pane fatto in casa era indispensabile per cibarsi. Altri tempi, ma le buone tradizioni rimangono sempre... Certamente. Questa azienda è il risultato di un duro lavoro dei miei nonni contadini e continuata con i mie genitori con i quali tre anni fa ho finalmente coronato il desiderio di creare una nostra azienda familiare. Perché il nome Abbraccio? L'hai scelto tu? In un certo senso sì! L'ho scelto in pri- 100 · Maremma Magazine · Giugno 2012 mis in quanto per raccogliere servono le braccia e si forma una sorta di abbraccio per girare intorno alla pianta. Secondo motivo è che l'olio è alla base della cucina ed è l'elemento iniziale e finale dei sapori che si abbracciano in ogni piatto... Tipologia di olio extravergine d'oliva Autoctona cosa significa? Abbraccio Monocultivar d.o.p nasce unicamente da olive di olivastra Seggianese, pianta autoctona che si trova esclusivamente nella parte grossetana del Monte Amiata, antico vulcano spento. Le piante sono situate, come da disciplinare, ad una altezza che può variare dai 200 mt ai 650 mt sul livello del mare. L'olio Abbraccio ha ricevuto ottimi riconoscimenti e premi, quali? Con molto piacere posso affermare che in questi ultimi anni Abbraccio ha ricevuto il premio "olio nuovo della costa Toscana" con 2 secondi posti in categoria fruttato leggero/medio in cui la giuria era composta dai 5 migliori ristoratori della provincia di Lucca, segnalati dalla guida Michelin. Inoltre un secondo posto tra gli olii amiatini, nella rassegna olivo della Strega ed un riconoscimento Gold alla rassegna monocultivaroliveoil expo. Ci tengo inoltre a precisare che Abbraccio è presente nelle due prestigiose guide Flos Oleil e Monocultivaroliveoil. Quanto è importante un buon olio nell'alimentazione e per la nostra salute? Tantissimo. Ed è per questo che non mi sono mai fermato sia nella conoscenza che nell'impegno messo nel mio lavoro per garantire al consumatore un prodotto altamente genuino e sempre più raffinato nel gusto, migliorandolo sin dall'origine. Infatti dopo essere diventato panel (degustatore) ho studiato la raccolta, la potatura e soprattutto le tecniche di difesa per poter combattere insetti e malattie che danneggiano la pianta. Il tuo lavoro di produttore sempre a contatto con il consumator. Come riesci a conciliare le due cose? Ci vuole tanta Passione, quella con la P maiuscola! Certo è una passione che mi assorbe completamente togliendomi spazi privati ma che altresì mi riempie di soddisfazioni, così la fatica la sento meno... Progetti per il futuro La mia ambizione sarebbe quella di poter guidare sempre più il consumatore abituandolo all'olio di qualità. A Seggiano esiste già la Sala Degustazioni del Museo dell'Olio dove è possibile fare un percorso all'insegna di un Abbraccio! La signora Anna Ciacci è la proprietaria ma il motore dell'azienda, nonché Consigliere del Consorzio tutela Olio Seggiano, è suo figlio Mirko Rossi, che con la semplicità che lo contraddistingue, con impegno, con determinazione e con costante studio ha saputo far crescere una tradizione familiare. Ed è sua madre, simbolicamente, l'albero d'ulivo della sua vita! Info: "Abbraccio", Col del Rosso, 27 Seggiano (GR), cell. 338 1485386, mail mirkoabbraccio@alice.it LE RUBRICHE · 101 La minestra di fagioli, un piatto povero mai fuori moda Un piatto povero, ma davvero speciale, semplice, saporito, energetico ed economico e che non passa mai di moda. Parliamo della Minestra di fagioli, molto comune in Maremma, una ricetta con pasta, pomodori e tanta bontà, proposta questo mese in un'altra tappa del nostro viaggio culiniario tra i sapori di una terra unica DI ALISSA MATTEI* I l termine minestra deriva dal verbo minestrare (variante di ministrare = amministrare) che significa che la portata era distribuita ai commensali dalla persona più importante della famiglia, la quale ministrava pescando dalla zup- piera. Minestra oggi è un termine che significa un primo piatto di verdura, cereali, legumi, riso in un mezzo brodoso; in Toscana si usa anche il termine zuppa, che normalmente contiene come ingre- diente anche il pane. Le minestre o zuppe sono completate sempre con l'aggiunta di olio extra vergine di oliva e pepe. Oggi descriviamo per voi la minestra di fagioli, molto comune in Maremma. Il fagiolo ingrediente principe della 102 · Maremma Magazine · Giugno 2012 *Alissa Mattei e Luciano Cipriani vi aspettano per assaporare questo, come tanti altri prelibati piatti della cucina maremmana, ma non solo, presso il Bed & Breakfast - Ristorante Casa Montecucco, situato tra Giuncarico e Ribolla, in loc. Castel di Pietra - 58020 Gavorrano. Info per prenotazioni: tel. 0566 80135, e-mail casamontecucco@libero.it LE NEWS Bilancio più che positivo per la Fiera del Madonnino 2012. E intanto Riccardo Breda è stato confermato alla guida di GrossetoFiere "La Fiera del Madonnino conferma senza indugio il suo ruolo di volano dell'economia locale. Una manifestazione al momento unica nel suo genere sia per caratteristiche e contenuti che per appeal generato tra imprenditori e visitatori. I dati più che positivi che caratterizzano e distinguono anche la chiusura di questa 34a edizione sono un'ulteriore prova della potenzialità che l'esposizione racchiude ancora in sé e degli ulteriori margini di crescita che potrebbe registrare in futuro, a condizione di un maggior coinvolgimento del tessuto economico, istituzionale e associativo maremmano. Grossetofiere continuerà ad investire su questo progetto per creare nuove opportunità per aziende e pubblico, consapevole che la Fiera del Madonnino rimane una risorsa irrinunciabile per il territorio". È questa, in sintesi, l'analisi che il Presidente di Grossetofiere, Riccardo Breda, ha fatto alla chiusura dei cancelli dell'ultima edizione della più importante manifestazione maremmana legata al settore espositivo. Considerazioni dettate anche alla luce degli ottimi numeri registrati al termine di cinque giorni di apertura degli stand che hanno visto un incremento di visitatori. "I risultati stanno a dimostrare ­ prosegue Breda ­ l'ottimo lavoro portato avanti dallo staff di Grossetofiere che, grazie anche alla fiducia ed il consenso che da sempre il Cda Riccardo Breda ci ha dimostrato, hanno potuto operare al meglio con l'obiettivo di ottenere il massimo risultato. Certo, qualcosa sarà da rivedere (e questo è inevitabile) ma sono convinto che impegno e passione saranno le armi vincenti che ci consentiranno di compiere ogni anno nuovi passi in avanti". Intanto l`Assemblea dei soci di Grossetofiere Spa il 23 aprile scorso ha confermato Riccardo Breda alla guida della società maremmana per il triennio 2012-2015. La fiducia accordata al presidente Breda è frutto del buon lavoro fin qui svolto che gli è stato riconosciuto dai soci e dal Cda della Spa Maremmana e che consentirà a Grossetofiere di proseguire nella strada intrapresa che l'ha portata, ad oggi, a ricoprire un ruolo di primo piano tra i più importanti operatori nel settore espositivo. Soddisfazione è stata espressa dal presidente Riccardo Breda. "La rinnovata fiducia ­ ha detto Breda al termine dei lavori assembleari ­ è motivo di ulteriore e rinnovato impegno che metterò nel portare avanti l'incarico. Negli anni trascorsi abbiamo lavorato di concerto con il Cda per giungere alla ricapitalizzazione della società, indispensabile per ultimare il progetto fieristico. Da adesso il lavoro sarà indirizzato verso il completamento delle strutture espositive e l'organizzazione di nuove iniziative che diano nuovo impulso allo sviluppo del territorio secondo le linee guida espresse dai soci". Il nuovo Consiglio di Amministrazione di Grossetofiere è dunque così composto: Riccardo Breda (presidente), Mauro Ciani (vice presidente), Adriano Aurelio Meacci, Graziano De Santis, Andrea Masini, Antonio Terribile, Giancarlo Innocenti, Paolo Bracci, Mario Salvestroni. Collegio sindacale: Cinzia Mercatanti (presidente), Ardito Ferroni, Mario Veninata. Bilancio Grossetofiere 2011, obiettivi raggiunti con un utile di cassa Nonostante la congiuntura economica non allenti la presa, Grossetofiere Spa, la società grossetana a partecipazione pubblica, chiude il bilancio 2011 in utile. Un bel traguardo se si volge lo sguardo all'attuale grave situazione nazionale di un settore, quello fieristico appunto, che registra una forte contrazione sia negli investimenti che nei risultati operativi. E l'ambizioso traguardo dell'utile di bilancio conseguito da Grossetofiere risulta essere ancora più significativo alla luce del fatto che la Spa guidata dal presidente Riccardo Breda nell'organizzazione dei propri eventi non ha beneficiato di alcun contributo pubblico. Questo dato, che è in controtendenza rispetto agli altri centri fieristici della Regione, concorre ad accrescere il valore degli obiettivi raggiunti. Le fiere, ed in particolare quelle a piccola e media dimensione, sono oggi un valido strumento di comunicazione e business per le imprese di ogni settore merceologico, a patto che riescano a soddisfare le diverse esigenze rappresentate dal terri- 104 · Maremma Magazine · Giugno 2012 torio e dalla sua imprenditoria. In questo senso il consenso e l'ampia e crescente partecipazione di espositori a tutti gli eventi di Grossetofiere stanno proprio a dimostrare la validità dei progetti fieristici realizzati dalla spa maremmana il cui core-business rimane quello di offrire opportunità di sviluppo e crescita. Grossetofiere nel corso del 2011 è stata impegnata in prima persona nell'organizzazione ben otto manifestazioni espositive, eventi che hanno consentito, grazie ad una accorta ottimizzazione delle risorse e alla assidua ricerca di un miglior rapporto qualità/prezzo, di "far cassa" come si dice in gergo ed accrescere gli orizzonti operativi della società; alcuni di questi eventi hanno visto in prima linea al fianco di Grossetofiere anche la Camera di Commercio, partner d'eccellenza sia per idee originali, intraprendenza e determinazione. Le voci che hanno determinato in massima parte un attivo nel conto economico di Grossetofiere sono quelle associate agli eventi espositivi messi direttamente in campo lo scorso anno dalla società del Presidente Breda, ovvero la 13° Mostra Scambio auto, moto e modellismo d'epoca, Avanti Tutta (che quest'anno è stata messa in stand-by), Giardini di Marzo e la Fiera del Madonnino. Alla luce dell'ottima performance messa a segno nel 2011 da Grossetofiere, e a testimonianza della rinnovata volontà di muoversi in anticipo con i tempi per cercare di far fronte alla perdurante crisi economica, la Spa Maremmana seguirà le linee guida assunte negli ultimi anni e presenterà a luglio di quest'anno il nuovo palinsesto 2013. Competenza, professionalità, affidabilità, idee chiare, pianificazione avanzata ed economie di scala sono gli strumenti che consentiranno a Grossetofiere di affrontare con fiducia anche le prossime sfide. "Il 2011 è stato un anno difficile anche per l'economia del territorio maremmano ­ ha dichiarato il presidente Riccardo Breda ­ ed in questo contesto risalta l'utile che Grossetofiere ha fatto registrare a chiusura del suo conto economico. Un segno + che assume maggior rilievo alla luce dei numerosi interventi che la società ha operato nella struttura espositiva. Tutto questo ­ ha I musei di Massa Marittima nella élite dei musei toscani Il Complesso museale di San Pietro all'Orto ed il Museo Archeologico di Massa Marittima hanno ottenuto dalla Regione Toscana la qualifica di "Musei di rilevanza regionale" ai sensi della Legge regionale n. 21 del 25 febbraio 2010 Musei di Massa Marittima sono tra i migliori della Toscana. Il Complesso museale di San Pietro all'Orto ed il Museo Archeologico hanno, infatti, ottenuto dalla Regione Toscana la qualifica di "Musei di rilevanza regionale" ai sensi della Legge regionale n. 21 del 25 febbraio 2010. Si tratta della prima applicazione di questa normativa. Le domande di riconoscimento presentate da tutto il territorio regionale sono state in totale sessantaquattro. Sono giunte sia dalle grandi città d'arte e sia dalle realtà minori della Toscana. Soltanto ventotto hanno meritato l'ambito riconoscimento. Di queste ben due sono dei musei comunali di Massa Marittima. "Questo riconoscimento ­ sono le parole del Sindaco di Massa Marittima Lidia Bai ­ premia l'impegno costante della nostra Amministrazione Comunale nel settore museale. Abbiamo puntato sulla crescita qualitativa dei nostri musei quali luoghi della memoria del grande passato millenario della nostra comunità. I nostri musei hanno saputo svolgere al meglio la loro funzione I culturale, didattica ed anche di spinta positiva all'economia turistica del nostro territorio. La Regione Toscana, in questi anni ed in tanti modi, ci ha dimostrato di apprezzare i nostri sforzi e di puntare su Massa Marittima, sul suo patrimonio storico artistico e sulla nostra capacità organizzativa; oggi con questo atto mette nero su bianco questo giudizio sul nostro lavoro. Non possiamo che esserne orgogliosi". Il riconoscimento della qualifica di museo di rilevanza regionale presuppone il possesso di requisiti in linea con le ultime normative in materia, come la piena accessibilità, fruibilità e sicurezza delle strutture. Altro elemento cardine è la chiara destinazione d'uso della struttura e la presenza di una direzione scientifica e di un regolamento di organizzazione che assicuri adeguati orari di apertura, la promozione di sussidi informativi e didattici, l'organizzazione di attività educative rivolte alle scuole e alle diverse tipologie di pubblico. Sono determinanti anche le attività di rilevazione e di analisi della fruizione dell'utenza. LE NEWS · 105 Successo a Saturnia per la mostra dedicata a Pietro Aldi In mostra a Saturnia (Manciano) circa cinquanta opere del grande pittore Mancianese, nato nel 1852 e scomparso prematuramente nel 1888, tutte di proprietà dell'ex Banca di Credito Cooperativo di Saturnia, oggi Banca di Saturnia e Costa d'Argento a riscosso un grande successo la mostra "Pietro Aldi 160° Anniversario della Sua nascita" che si è tenuta nel mese di maggio a Saturnia presso la Sala Onorato Bartolini per iniziativa della Banca di Saturnia e Costa d'Argento Credito Cooperativo. L'esposizione, davvero di spessore e unica nel suo genere, ha raccolto circa cin- concluso il presidente Riccardo Breda ­ ci consente di guardare con ottimismo al prossimo futuro". Consensi per la 32esima Mostra d'Aerofilatelia in laguna In occasione del quarantennale della Traslazione dei componenti l'equipaggio del Trimotore SM 79 che il 28 Giugno 1940 con Italo Balbo perirono sul cielo di Tobruk, il Circolo Filatelico Crociere Atlantiche in collaborazione con il Comune di Orbetello e l'Assessorato alla Cultura, ATA Associazione Trasvolatori Atlantici, ha organizzato a fine maggio ad Orbetello nella sala di esposizione in Piazza della Repubblica la 32esima mostra d'Aerofilatelia. Per l'occasione sono state edite quattro cartoline ricordo ­ realizzate da Giacomo De Ponti, Andrea Vecoli, Luciano Cerulli ­ ed ha funzionato l'Ufficio Postale distaccato delle Poste Italiane di Grosseto per l'obliterazione delle stesse cartoline ed altro materiale filatelico per i collezionisti filatelici e simpatizzanti. In mostra anche una foto di Beppe Arcangeli della lapide esposta al Museo dell'A.M di Vigna di Valle a ricordo del Regio Aeroporto Italo Balbo Orbetello. Presenti in veste di espositori Costantino Gironi, Roberto Gottardi, Bruno Reiter, Bernardino Bergamaschi, Luciano Cerulli. Miss Maremma 2012: sono aperte le iscrizioni! Torna il concorso dedicato alla ricerca del volto della Maremma: Miss Maremma 2012. Per partecipare non serve alcun requisito fisico ma solo tanta voglia di divertimento! Sono aperte le iscrizioni sul sito web www.missmaremma.it sezione ISCRIZIONI. Dopo il grande successo del 2011 al via la seconda edizione del concorso organizzato dalla società di marketing e comunicazione DDM Consulenza di Grosseto che eleggerà la ragazza che che con il suo fascino, il suo talento e la sua personalità rappresenta le bellezze di tutta la Maremma. Anche quest'anno il concorso si svilupperà in due fasi: le selezioni nei vari comuni della Maremma e la Finalissima con l'elezione di Miss Maremma 2012. Per partecipare alle selezioni del concorso che si svolgeranno nel mese di Giugno nelle province di Grosseto e Viterbo è necessario iscriversi sul sito internet del concorso www.missma- H neo Sindaco di Manciano Marco Galli, il Maresciallo di Saturnia Angelo Meoli, il Vicepresidente della FAP provinciale e collaboratore amministrativo della C.R.I. di Orbetello Luciano Manganelli e il dott. Enzo Vincio il quale ha consegnato al Presidente Enrico Petrucci la targa di rappresentanza che il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha conferito all'esposizione. quanta opere del grande pittore Mancianese, nato nel 1852 e scomparso prematuramente nel 1888, tutte di proprietà della Banca, la quale possiede attualmente la più grande collezione di dipinti del celebre artista. La Collezione Pietro Aldi, nata per volontà della ex Banca di Credito Cooperativo di Saturnia, intende ricostruire il percorso artistico di questo protagonista del pennello, autore tra l'altro del noto affresco "L'incontro a Teano" del Palazzo Comunale di Siena. Pietro Aldi, artista di grande sensibilità naturalistica, raggiunse esiti di alta qualità nella pittura di storia antica e contemporanea per cui è considerato uno degli iconografi più rappresentativi del Risorgimento. Le opere esposte nella Collezione sono state restaurate in collaborazione con la Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici di Siena e Grosseto e comprendono bozzetti, disegni e dipinti. Un nutrito parterre istituzionale ha presenziato alla cerimonia di inaugurazione della mostra ­ curata dal pittore Romano Ballerini (anche lui mancianese) ­ tra cui il Presenti all'evento anche il Vice Presidente Vicario Fernando Antonio Andreini, il Vice Presidente Massimo Barbini, il Direttore Generale Alfredo Franciosini e i Consiglieri Marcello Cherubini, Maria Angela Costagliola, Carlo De Simoni, Filiberto Fé, Isaldo Ferrarese, Roberto Giannetti, Silvio Treggia, Gianfranco Venturi, Valter Vincio assieme a numerosi soci dell'Istituto di Credito. Gli intervenuti ­ sulle note del Corpo Bandistico "A. Ponchielli" di Saturnia che ha eseguito alcuni brani commemorativi prima del taglio del nastro ­ hanno potuto assistere all'interessante conferenza tenuta con grande professionalità e puntualità dall'illustre Prof. Enrico Malizia, Prof. Emerito dell'Università La Sapienza di Roma, due volte Medaglia d'Oro del Presidente della Repubblica Italiana, nel 2002 quale Benemerito della Scuola, della Cultura, dell'Arte e della Scienza e nel 2009 insignito dell'alta onorificenza alla carriera e servizio sociale. Il Prof. Malizia ha tenuto un excursus sulla vita e le opere di Pietro Aldi, soffermandosi sulle tappe più significative del percorso artistico. 106 · Maremma Magazine · Giugno 2012 zio è stato pari a euro 900.742 il patrimonio ammonta a euro 20.863.000. I dati economici consolidati delle nuova Banca di Saturnia e Costa d'Argento, sotto la direzione generale di Alfredo Franciosini, fanno registrare i seguenti dati: il patrimonio risulta pari a 50,6 milioni di euro, la raccolta si attesta sui 372,2 milioni di euro e gli impieghi raggiungono i 276,3 milioni di euro; i soci sono 3.744 , 78 i dipendenti , 14 le filiali con 8 Comuni serviti e 17 Comuni di competenza. Conclusa l'Assemblea, la festa è proseguita con il conferimento dei Premi per l'Imprenditoria destinati a quei soci i quali, nel corso del 2011, si sono distinti per l'impegno ed i risultati raggiunti in campo professionale. Sono stati premiati tredici imprenditori appartenenti alle zone di competenza della Banca: Beton Cave Olivi (Saturnia), Renaioli Alessandro (Manciano), L'Agriturist di Pellegrini e C. Snc (Scansano), Papalini Inerio (Marsiliana), Viaggi Vacanze di Caprini Renzo (Albinia), Il Pellicano Spa (Porto Ercole), Costruzioni Bernacchi Srl (Montemerano), Paladina Stefano (Capalbio), Maremma Snc (Capalbio Scalo), RSM di Rosati Stefano e Moreno (Pescia Romana), Rum Gabriele (Porto S. Stefano), Catani Roberto (Orbetello), Dori Diva (Fonteblanda). A seguire sono stati consegnati poi alcuni riconoscimenti speciali destinati agli ex Consiglieri Lamberto Angiolini, Guido Benvenuti, Luciano Franci, Gianfranco Gambineri, Emidio Marini, Rodolfo Pinzi e Nara Veronesi ed all'ex Direttore Andrea Boretti per aver contribuito nel corso degli anni allo sviluppo della Banca. Un Premio alla Memoria è stato poi riservato all'ex Direttore e Presidente del Collegio Sindacale Carlo Alberto Bischi ed a Bruno Piccini ex funzionario, entrambi recentemente scomparsi. Questi sono stati i primi dipendenti della ex BCC di Saturnia. Al termine della mattina sono stati infine assegnati i Premi al Merito Scolastico, destinati a quei soci o figli di soci diplomati o laureati a pieni voti nel corso del 2011: Claudio Angeloni, Elena Angeloni, Marilù Bartolini, Lucia Bovicelli, Sara Bruni, Sara Bruscoli, Mirko Caminati, Simone Catani, Diego Chelli, Alice Collantoni, Gianni Coriolani, Marco Costanzo,Vanna Del Vincio, Jessica Fanciulli, Costanza Fusini, Elena Lucchini, Francesca Mariotti, Angelica Mazzone, Luca Nanni, Marco Norcini, Marta Palombo, Danilo Palombo, Riccardo Persichini, Gemma Perugini, Letizia Pieruzzi, Giada Prugnola, Speranza Ranieri, Luca Santi, Chiara Scalabrelli, Giuseppe Severi, Manuela Tosi. La manifestazione è terminata con il pranzo sociale curato dal servizio di catering Celocelomanca a base di prodotti tipici locali in una grande e confortevole tensostruttura allestita per l'occasione che ha ospitato circa 1.500 commensali. La Banca di Saturnia e Costa d'Argento ringrazia con l'occasione tutti coloro che hanno collaborato al successo della giornata: la Cooperativa Agrimaremma nella persona del Presidente Adio Assunto Marretti per aver messo a disposizione della Banca i locali della Cooperativa, la Pro Loco di Marsiliana nella persona del Presidente Matteo Babbanini per la pro- LE NEWS · 107 108 · Maremma Magazine · Giugno 2012 "La Nave dei poeti ancora viaggia", è festa a Ribolla A Ribolla la poesia estemporanea ha compiuto venti anni. E per l'occasione nel borgo minerario roccatradino è stata organizzata una grande festa nel segno della tradizione che ha visto la partecipazione di una ventina di poeti di un folto pubblico di appassionati eek end di celebrazioni in quel di Ribolla in onore dell'ottava rima: il 14 e il 15 aprile scorsi, nella sala Arci di Ribolla, sono stati festeggiati i vent'anni di vita dell'Incontro di Poesia Estemporanea. L'arte dell'improvvisar cantando è un'arte popolare che tocca le vette alte della fantasia e della creatività e in molti casi ha rappresentato una forma di riscatto sociale e di denuncia politica. Chi segue l'ottava rima sa che la "poesia a braccio" non si recita: si canta all'improvviso. È frutto dell'esperienza e dipende dagli interpreti che la creano al momento dando prova delle proprie capacità espressive, ma soprattutto si tratta di un modo di "stare" in questa società dei consumi con modalità legate al passato eppure ancora fortemente suggestive. Definita da Dante Alighieri "L'arte del dire", l'ottava rima improvvisata, già usata dai "cantori in panca" è arrivata sino ai giorni nostri con le stesse regole rimaste inalterate per molti secoli. Va inoltre detto che il canto improvvisato è stato usato nel mondo contadino ed operaio in opposizione alla cultura scritta. Rispetto al passato, i "raduni" dei poeti improvvisatori, un tempo molto diffusi, sono divenuti sempre più rari e se questo patrimonio dell'oralità ha ripreso vigore in buona parte lo dobbiamo proprio alle iniziative di Ribolla che in questi venti anni hanno ridato fiato e vigore alla cultura popolare, offrendo uno spazio per far incontrare poeti, appassionati dell'ottava rima, studiosi della tradizione. La manifestazione promossa dal Circolo Culturale "Sergio Lampis di Ribolla", dal Centro Studi Tradizioni Popolari Toscane e dall'Archivio delle Tradizioni Popolari della Maremma, è stata patrocinata dalla Regione Toscana, dalla Provincia di Grosseto e dal Comune di Roccastrada e ha visto la partecipazione di oltre venti poeti provenienti dalla Toscana, dal Lazio e da Rieti. La "festa" di Ribolla ha offerto ancora una volta un incontro diverso fatto di parole cantate e da un modo di comunicare che, con i poeti a braccio, riserva sempre grandi sorpre- W se. Basta ricordare che i "Contrasti" (cioè gli argomenti su cui i poeti improvvisano le ottave) vengono richiesti dal pubblico presente. Quest'anno, in occasione dei venti anni di attività, è stato realizzato un libro (a cura di Corrado Barontini e Paolo Nardini) dal titolo "La nave dei poeti ancora viaggia" edito da Effigi, presentato a Ribolla alla presenza di Pietro Clemente (Università di Firenze) e di alcuni poeti estemporanei. La forza comunicativa della poesia estemporanea ha oltrepassato le frontiere tanto che oggi si parla di un importante riconoscimento di questa forma orale come patrimonio universale dell'umanità da sottoporre all'UNESCO. Sono state due giornate all'insegna dell'ottava rima e dell'improvvisazione poetica che sono andate ben oltre la celebrazione dei vent'anni; questa iniziativa, infatti, rappresenta ormai l'occasione per conoscere un pezzo autentico della Maremma che non si limita a far vedere le bellezze del paesaggio ma ci fa intravedere l'entroterra culturale che fa da sfondo ai caratteri culturali di questa terra antica. LE NEWS · 109 È "Postina" del Poggione la miss delle "maremmane" La Tenuta Poggione si conferma tra le eccellenze italiane in ambito allevatoriale. L'azienda guidata da Francesco Lemarangi fa incetta di premi alla Mostra Nazionale Bovini di Razza Maremmana e conquista con la vacca "Postina" il 1° premio di Campione Assoluto di Mostra al 18 al 20 maggio scorsi si è svolta a Castel di Guido, presso Roma, la XVII Mostra Nazionale Bovini di Razza Maremmana, organizzata dall'ANABIC (Associazione Nazionale Allevatori Bovini Italiani da Carne) con il patrocinio del Ministero dell'Agricoltura. Si tratta del più importante evento annuale inerente il bestiame vaccino di razza maremmana. Durante la tre giorni si è tenuto un concorso, suddiviso per categorie, tra il bestiame presente con assegnazione di relativi premi. Numerose sono state le aziende storiche che hanno partecipato, tra cui la Tenuta Presidenziale di Castelporziano, la Tenuta del- D mente proprio al Poggione nello scorso settembre, i successi della Mostra di Castel di Guido non fanno che confermare e premiare l'impegno fondamentale della Tenuta Poggione nello conservazione e nello sviluppo della Maremmana, icona del territorio, in particolar modo di quello grossetano. Nel coro delle congratulazioni parole significative sono state espresse anche da Confagricoltura Grosseto che per bocca del suo presidente Antonfrancesco Vivarelli Colonna ha voluto manifestare il proprio plauso per il successo conseguito dall'azienda maremmana alla prestigiosa manifestazione. "Questo ­ ha commentato il presidente Vivarelli Colonna ­ è senza dubbio un grande successo, non solo per Lemarangi e i suoi collaboratori, ma anche per tutta la Maremma di cui questa razza è l'icona più rappresentativa. Avere tra le eccellenze a livello nazionale e quindi mondiale nostre aziende che allevano capi di razza maremmana rappresenta un valore aggiunto per tutto il settore. Questa "miss delle maremmane" ­ ha aggiunto Vivarelli ­ è solo la punta di diamante di un allevamento che esprime da anni standard qualitativi di razza molto elevati. Basti pensare che tutte le fattrici hanno ottenuto almeno 83 punti, un punto in più rispetto al mimino per essere dichiarate madri di toro selezionato. Complimenti vivissimi per questi risultati ai quali tutti guardiamo con grande interesse e che testimoniano come la nostra terra sia diventata terra di eccellenze solo grazie alla capacità imprenditoriale e all'acume di personaggi come Francesco Lemarangi, sul quale Confagricoltura punta molto". Nella foto la vacca "Postina", Campione Assoluta di Mostra I segnalati sono: Romina Ranieri, Liceo classico di Massa Marittima, con "Marta"; Francesca Fini, Istituto turistico di Massa Marittima, con "Lettera ad un malato terminale"; Eva Tanagli, I^ Liceo scienze umane di Follonica, con "La bambina che raccoglieva i sassi". Per la sezione dedicata al tema centrale della Festa della Toscana la vittoria è andata a Francesco Orlandini,V^ Ginnasio Liceo Classico di Massa Marittima, con "Diverso e Uguale". Segnalata: India Baldi, Liceo linguistico Rosmini di Grosseto, con " Le stelle di Essaouira". Con questo premio il Comune di Massa Marittima vuole ricordare una figura importante della sua storia politica e sociale. Massa Marittima, infatti, non può dimenticare Mariella Gennai, il suo impegno, il suo senso civico ed il suo infaticabile lavoro per la città e per l'intera Provincia. La scelta di legare un premio letterario indirizzato ai ragazzi alla memoria di Mariella Gennai non è casuale. Vuole essere un'iniziativa in grado di trasmettere quel patrimonio di valori e di cultura che Mariella aveva posto al centro della sua vita proprio ai più giovani e al mondo della scuola a cui Mariella Gennai ha sempre riservato grande attenzione. È approdata a Firenze la "Musica perduta degli Etruschi" L'originale progetto scientifico "La Musica perduta degli Etruschi" realizzato dalla Rete dei Musei di Maremma, è stato protagonista al Museo archeologico di Firenze l'11 maggio, con una conferenza spettacolo curata da Simona Rafanelli, etruscologa, direttore del Museo Archeologico "Isidoro Falchi" di Vetulonia e Stefano "Cocco" Cantini, sassofonista, direttore artistico del Grey Cat Jazz Festival. "L'attenzione, riservata da parte della struttura museale di Firenze e di altre realtà, alla Musica perduta degli Etruschi ­ ha commentato Cinzia Tacconi, assessore alla Cultura della Provincia di Grosseto ­ è un importante riconoscimento del lavoro svolto dalla Rete museale. Un lavoro portato avanti negli anni con impegno e competenza, fatto da idee e progetti che evidentemente stanno funzionando. Negli 8 incontri in provincia di Grosseto abbiamo registrato una media di oltre 50 partecipanti alla volta. E adesso abbiamo avuto modo di sperimentare fuori provincia l'efficacia del progetto, al quale, tra l'altro, la Regione Toscana ha deciso di assegnare un finanziamento aggiuntivo". l'Ordine di Malta, la Tenuta Torlonia e la grossetana Tenuta Poggione di Francesco Lemarangi. La Tenuta Poggione anche quest'anno, dopo l'ultima sua partecipazione nel 2008, nella quale già ottenne numerosi premi, ha presentato nuovi soggetti vincendo diversi trofei. Nel dettaglio ha ottenuto, nella sezione maschi, con un suo toro ("Alato del Poggione"), il 2° premio e, nella sezione femmine, con la vacca "Postina", il 1° premio di campionessa di categoria ed addirittura l'ambitissimo 1° premio di Campione Assoluto di Mostra (oltre ad un quarto con la vitella, "Vittoria del Poggione"). Dopo il fondamentale convegno realizzato dall'Accademia dei Georgofili sulla Razza Bovina Maremmana, tenutosi significativa- 110 · Maremma Magazine · Giugno 2012 comprese le attività di e-commerce e di promozione del turismo sociale accessibile in Maremma. In bottega possono essere realizzate bomboniere personalizzate per comunioni ed altre cerimonie, il cui ricavato andrà a sostenere un progetto in India. Inoltre è presente una wedding planner professionista la quale potrà aiutare le coppie a creare un matrimonio equosolidale, unico, indimenticabile, con idee originalissime e soprattutto low-cost ed etico. La Bottega è un luogo di incontro aperto a tutti dove è disponibile anche una piccola biblioteca da consultare sulle tematiche della Cooperazione Internazionale, per conoscere la cucina etica vegetariana e vegana e per approfondire una cultura del consumo consapevole, l'importanza del riciclo e del riuso, della solidarietà, della scelta di consumare solamente prodotti "cruelty free". «L'auspicio ­ fanno sapere i promotori ­ è che "La Bottega del Buon Senso", che sarà aperta tutto l'anno, possa diventare presto anche un punto di riferimento per vegetariani e vegani sia residenti che turisti e per tutti coloro che, per scelte etiche animaliste, cercano prodotti 100% vegetali e senza latte e uova, adatti anche a chi ha necessità di consumare prodotti particolari per problemi di intolleranze alimentari. In Bottega promuoveremo l'acquisto di pro- dotti biologici certificati della Maremma ed abbiamo già disponibili prodotti a base di "Lavanda di Maremma", coltivata a Gavorrano e prodotti da agricoltura biologica e biodinamica sia per sostenere produttori locali che hanno scelto la produzione biologica che per la tutela, con acquisti a km 0, dell'ambiente in cui viviamo. Presto saranno in vendita in negozio anche i primi prodotti di artigianato creativo che verranno realizzati in Bottega (bigiotteria, lavori con materiale riciclato, animaletti in patchwork, lavori di decoupage, creazioni ad uncinetto, bigliettini di auguri e per ricorrenze realizzati con fogli di "cacca di elefante" ecc...) e partiranno i primi corsi di formazione per imparare a realizzare con varie tecniche (uncinetto, quilling, decoupage, embossing, kumihimo, patchwork, gioielli con perline ecc...) oggetti unici da realizzare con le proprie mani. Ai corsi potrà partecipare chiunque lo desideri versando una offerta minima alla Associazione Ofelia ONLUS, come contributo per sostenere le spese necessarie per l'affitto del fondo commerciale e le spese accessorie, per aiutarci a mantenere in vita "La Bottega del Buon Senso"». La Bottega è aperta dal martedì al sabato (ore 10-12,30 e 15.30-19.30). Per ulteriori informazioni consultare il sito: www.labottegadelbuonsenso.com o contattare il negozio telefonicamente al nr. 0564-36032. LE NEWS · 111 DIRETTORE RESPONSABILE: Celestino Sellaroli REDAZIONE: Nicola Alocci, Francesca Costagliola, Massimo Gorelli, Maria Grazia Lenni, Rossano Marzocchi, Jeannette Rogalla, Antonella Vitullo CONSULENZA EDITORIALE: Corrado Barontini EDITORE: CS Editore DIREZIONE, REDAZIONE E PUBBLICITÀ: CS Editore, Via Tripoli n. 10 · 58100 Grosseto · Tel. 0564 20426 · Fax 0564 429364 · Cell. 349 2872103, sito Internet www.maremma-magazine.it, e-mail maremma.magazine@virgilio.it oppure csellaro@gol.grosseto.it STAMPA: Tipolitografia Ambrosini Gianfranco - Zona Industriale Loc. Campo Morino - 01021 Acquapendente (VT), tel. 0763.711040, fax 0763.732188, web www.tipografiaambrosini.it e-mail info@tipografiaambrosini.it FOTOGRAFIE: L'Editore è a disposizione per eventuali diritti d'autore nei confronti di soggetti con i quali non è stato possibile comunicare e per eventuali non volute omissioni nella citazione delle foto riprodotte. ABBONAMENTI: PREZZI: una copia euro 3,50; abbonamento annuale: euro 33,60 per l'Italia ed euro 60 per l'estero. L'abbonamento decorrerà dal primo numero disponibile (prima della spedizione mensile in abbonamento postale) e potrà avere inizio in qualsiasi periodo dell'anno. Per il rinnovo attendere l'avviso di scadenza. MODALITÀ DI PAGAMENTO: Gli importi sopra indicati potranno essere versati: · tramite assegno non trasferibile intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, da inviare a CS Editore, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; · mediante bollettino postale sul conto corrente n. 39735576 intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; · mediante carta di credito. GARANZIA DI RISERVATEZZA PER GLI ABBONATI: L'editore garantisce la massima riservatezza dei dati forniti degli abbonati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica o la cancellazione scrivendo a CS Editore, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto (art. 7 del d. leg. 196/2003) ARRETRATI: I numeri arretrati possono essere richiesti a CS Editore, Via Tripoli n. 10 · 58100 Grosseto · Tel. 0564 20426 · Fax 0564 429364, inviando anticipatamente l'importo pari al doppio del prezzo di copertina, mediante assegno bancario non trasferibile intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli o bollettino sul conto corrente postale n. 39735576 intestato a CS Editore di Celestino Sellaroli, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto SUGGERIMENTI: Le informazioni inserite in questo numero sono state raccolte in anticipo rispetto alla programmazione definitiva degli eventi. Suggeriamo pertanto ai lettori di verificare sempre, telefonicamente, se non siano intervenuti cambiamenti nelle date, negli orari. La redazione di Maremma Magazine non assume alcuna responsabilità per quanto riguarda l'effettiva attuazione delle iniziative elencate nelle pagine precedenti, né per eventuali cambiamenti di programma. PER CONTATTI: Gli enti, le associazioni, le pro loco, le agenzie per il turismo, i privati che volessero inviarci i calendari delle varie manifestazioni possono farlo: · per fax al numero 0564/429364; · per posta ordinaria all'indirizzo Maremma Magazine c/o CS Editore, Via Tripoli n. 10, 58100 Grosseto; · per e-mail all'indirizzo: maremma.magazine@virgilio.it - N.B. I programmi degli eventi devono tassativamente pervenire in redazione entro il 20 del mese precedente a quello nel quale andranno a svolgersi. Eventuali collaborazioni sono libere e gratuite. Il materiale inviato, anche se non pubblicato, non verrà restituito. © 2012 COPYRIGHT CS EDITORE: Tutti i diritti riservati. Testi, fotografie e disegni contenuti in questo numero non possono essere riprodotti, neppure parzialmente, senza l'autorizzazione scritta dell'Editore. Questo periodico è associato all'USPI Unione Stampa Periodica Italiana e all'A.N.E.S. Associazione Nazionale Editoria Periodica Specializzata PALINSESTO ESTATE 2012 LUNEDI 6.00 Risvegliati in pace - Programmi cristiani & musica 7.00 Buongiorno con R.B.C. - Cultura, notizie e grande musica 8.30 L'ora dell'amore - Il meglio della musica italiana soft 9.30 Il meglio di R.B.C. - Il meglio della musica italiana e straniera + notizie 13.00 Il meglio di R.B.C. - Claudio Pepi 14.00 70-80 - Il meglio degli anni 70-80 15.00 Dedicando - Antonio 17.00 Le vie del rock sono infinite 2 Antonio 18.00 Sport fm > calcio + volley - Pietro Cesaro 19.00 Tropical latino - Il meglio della musica latina 20.00 L'ora dell'amore - Il meglio della musica italiana soft 21.00 R.B.C. Classica - Il meglio della musica classica 22.00 Rock show - Vinci 23.00 Le vie del rock sono infinite - Classifica rock-posizioni 40-31 24.00 Il meglio di R.B.C. - Il meglio della musica soft italiana e straniera MARTEDI 6.00 Risvegliati in pace - Programmi cristiani & musica 7.00 Buongiorno con R.B.C. - Cultura, notizie e grande musica 8.30 L'ora dell'amore - Il meglio della musica italiana soft 9.30 Il meglio di R.B.C. - Il meglio della musica italiana e straniera + notizie 13.00 90 all'ora - Antonio 14.00 70-80 - Il meglio degli anni 70-80 15.00 Lo Zoooooo ­ Franco Sensation 17.00 Single chart 2-classifica + ascoltati 2012 18.00 Record - Vinci 20.00 L'ora dell'amore - Il meglio della musica italiana soft 21.00 Rock island - Ilenia 23.00 Le vie del rock sono infinite - Classifica rock-posizioni 30-21 24.00 Il meglio di R.B.C. - Il meglio della musica soft italiana e straniera MERCOLEDI 6.00 Risvegliati in pace - Programmi cristiani & musica 7.00 Buongiorno con R.B.C. - Cultura, notizie e grande musica 8.30 L'ora dell'amore - Il meglio della musica italiana soft 9.30 Il meglio di R.B.C. - Il meglio della musica italiana e straniera + notizie 11.00 Dio c'è- Don Michele 13.00 Record - Vinci 14.00 70-80 Il meglio degli anni 70-80 15.00 Cucina e musica - Chiara 17.00 Dedicando juke box - Ricordi del passato 18.00 Single chart - classifica + ascoltati 2012 - Andrea Bolognese 19.00 2000 all'ora - Il meglio degli anni'2000 20.00 L'ora dell'amore - Il meglio della musica italiana soft 21.00 90 all'ora - Antonio 22.00 Le vie del rock sono infinite 2 Antonio 23.00 Le vie del rock sono infinite - Classifica rock-posizioni 20-11 24.00 Il meglio di R.B.C. - Il meglio della musica soft italiana e straniera GIOVEDI 6.00 Risvegliati in pace - Programmi cristiani & musica 7.00 Buongiorno con R.B.C. - Cultura, notizie e grande musica 8.30 L'ora dell'amore - Il meglio della musica italiana soft 9.30 Il meglio di R.B.C. - Il meglio della musica italiana e straniera + notizie 11.00 Cucina e musica - Chiara 13.00 Single chart 2-classifica + ascoltati 2012 14.00 70-80 - Il meglio degli anni 7080 15.00 Ragazzi in frequenza - I ragazzi della scuola 17.00 90 all'ora - Antonio 18.00 Speciale italiano-straniero - Speciale italiano-straniero 20.00 L'ora dell'amore - Il meglio della musica italiana soft 21.00 Lo Zoooooo ­ Franco Sensation 23.00 Le vie del rock sono infinite - Classifica rock-posizioni 10-1 24.00 Il meglio di R.B.C.ROCK- Il meglio della musica rock VENERDI 6.00 Risvegliati in pace - Programmi cristiani & musica 7.00 Buongiorno con R.B.C. - Cultura, notizie e grande musica 8.30 L'ora dell'amore - Il meglio della musica italiana soft 9.30 Il meglio di R.B.C. - Il meglio della musica italiana e straniera + notizie 11.00 Belli svegli ­ Teoz & c. 13.00 Sport fm > calcio + volley - Pietro Cesaro 14.00 Super ten sensation 2 - solo musica - Classifica anni 70-80 15.00 Dio c'è - Don Michele 17.00 Rock island - Ilenia 19.00 Digital mix - Joseph Meloni 20.00 L'ora dell'amore - Il meglio della musica italiana soft 21.30 Super ten sensation anni `80 Franco sensation 22.30 Speciale cinema - Notiziario del cinema - Lucia 22.45 Escalation flashback disco - Classifica anni 70-80-90 SABATO 6.00 Risvegliati in pace - Programmi cristiani & musica 7.00 Speciale Cinema ­ Notiziario del cinema - Lucia 8.30 L'ora dell'amore - Il meglio della musica italiana soft 9.30 Il meglio di R.B.C. - Il meglio della musica italiana e straniera + notizie 11.00 Cucina e musica - Chiara 13.00 Passion inside-dance 2012 - Marco Veneziano + vocalist 14.00 Sport fm > calcio + volley - Pietro Cesaro 15.00 Belli svegli ­ Teoz & c. 17.00 Blobhouse - Master j 18.00 Evolution chart 2012 - Classifica discoteca 2012 20.00 Single chart - classifica + ascoltati 2012 - Andrea Bolognese 21.30 Super ten sensation anni `80 Franco sensation 22.30 Evolution chart 2012 - Classifica discoteca 2012 24.00 Digital mix - Joseph Meloni 1.00 Blobhouse - Master j 2.00 Super ten sensation 2 - anni 2000 - Il meglio della discoteca anni 2000 DOMENICA 6.00 Risvegliati in pace - Programmi cristiani 7.00 Speciale novità - Antonio 8.00 L'ora dell'amore 60-70 - Il meglio degli anni 60-70 10.00 Dio c'è - Don Michele 12.00 Via col liscio - Il meglio del liscio 13.00 Single chart - classifica + ascoltati 2012 - Andrea Bolognese 14.00 Sport fm > calcio + volley - Pietro Cesaro 15.00 Il meglio di R.B.C. - Claudio Pepi 16.30 Speciale Cinema ­ Notiziario del cinema - Lucia 18.00 Evolution chart 2012 - Classifica discoteca 2012 20.00 70 all'ora - Il meglio degli anni 70 21.00 R.B.C. Classica - Il meglio della musica classica 22.00 Radiochat - Alex Achille in diretta da Roma... 24.00 Il meglio di R.B.C. - Il meglio della musica soft italiana e straniera DOVE MANGIARE | la buona cucina · Al Girarrosto Ristorante Agrituristico - Carne alla brace, cucina maremmana, piatti tipici, pasta fatta in casa, forno a legna, girarrosto a vista | Loc. Bivio di Montorgiali - Scansano (Gr) | Tel. 0564.580201 - Cell. 347.6771547 · Gli Attortellati Ristorante Rurale | Strada della Trappola, 39 - Grosseto | Tel. 0564.400059 - Cell. 328 4572663 · Gusta la Maremma Trattoria-Pizzeria - Menù di mare e di terra, griglieria, veranda esterna e bracieria | S.S. 1 Aurelia Sud Km. 173,400 - Rispescia (Gr) | Tel. 0564.405929 · Il Carrettino Bar-Ristorante-Pizzeria-Pasticceria - Cucina vegetariana e vegana Tutto da asporto - Novità Franchising - Buoni ASL - Aperto 7.30-23 - Pane fresco tutte le mattine | Via Bengasi, 7 - Grosseto | Tel. 0564 28421 - Cell. 392 0544120 | www.ilcarrettinogr.it · Il Velaccio Ristorante - Il fascino di mangiare sul Porto di Marina di Grosseto Aperti tutto l'anno | Via Porto Turistico 11 - Marina di Grosseto | Tel. 0564.337812 | www.ristoranteilvelaccio.it · La Bocca della Verità Ristorante - Specialità romane!!! ...e non solo | Via Garibaldi 42 - Grosseto | Tel. 0564.20470 - Cell. 377 1690073 · La Corte del San Biagio Ristorante San Biagio Relais | Via Pirandello 6 - Orbetello (Gr) | Tel. 0564.860543 - 0564.850008 | sito web www.sanbiagiorelais.com · La Gricia Enosteria - Carne di chianina e cinta senese, specialità maremmane, degustazione e vendita dei migliori vini della zona | Via Alessandrini 41 - Caldana (Gr)| Tel.0566.81391 - 0566.871025 - Cell. 339 6155011 | www.lagricia.it · La Rosa dei Venti Albergo Ristorante - Cibo, vino... amore e fantasia! | Via Aurelia Sud 108/109 - Albinia (Gr) | Tel. 0564.870191 - 0564.870143 · La Scafarda Pizzeria-Spaghetteria-Bar - La tradizione delle specialità toscane | Via del Fante - Alberese (Gr) | Tel. 0564.412587 - Cell. 349 2268003 | www.lascafarda.com · Locanda de' Medici di Peccianti Wine Bar-Enoteca-Ristorante | Piazza del Popolo 5 - Grosseto | Tel. 0564.410744 | sito web www.locandademedici.it · Locanda del Glicine Campagantico L'intimità di un piccolo Boutique Hotel e Ristorante, nell'antico borgo medioevale di Campagnatico | Piazza Garibaldi 6/7/8 - Campagnatico (GR) | Tel. 0564.996490 | www.locandadelglicine.com · Locanda nel Cassero Affittacamere | Ristorante-osteria - Ambiente tipico ed accogliente cucina tradizionale toscana a variazione stagionale, ottima carta dei vini del territorio nella calda e rilassante cornice di un tranquillo borgo di Maremma | Via del Cassero 29/31 - Civitella M.ma (Gr) | Tel. 0564.900680 | www.locandanelcassero.com · L'Uva e il Malto Ristorante-Enoteca-Wine bar | Via Mazzini 165 - Grosseto (Centro Storico) | Tel. 0564.411211 · Osteria San Rocco Aperti tutti i giorni pranzo e cena | Via delle Collacchie, 704 - Marina di Grosseto (Gr) | Tel. 0564 1920123 - Cell. 345 2476421 · Ristorante La Cantina di Poggio Caiano Cucina toscana, catering, selezione vini toscani, prodotti tipici - Il catering che parla toscano | Via Mazzini, 19 (Centro storico) - Campagnatico (Gr) | Tel. 0564.996404 - Cell. 335 399211 | www.poggiocaiano.it · Taverna delle Logge Via della Penna n. 1 (Centro Storico) Castel del Piano (Gr) (chiuso il martedì) | Tel. 0564.973249 - Cell. 349 7277615 · Trattoria Da Sbrana A due passi dal centro di Massa Marittima nella borgata di Ghirlanda dal 1959 la Trattoria Sbrana accoglie i propri ospiti all'insegna della migliore tradizione enogastronomica toscana | Via di Perolla 95 - Ghirlanda Massa M.ma (Gr) | www.trattoriasbrana.it SHOPPING | vino, olio e prodotti tipici · Agrimaremma Imbottigliamo la passione - Loc. Magliano in Toscana (Gr) | www.agrimaremma.it · Azienda Agricola Amiata ...i vini del Vulcano - Produzione e vendita diretta Vino Montecucco Doc e Olio Extravergine di Oliva | Loc. Montegiovi - Castel del Piano (Gr) | Cell. 348 5714219­339 6902444 | www.amiatavini.it · Cantina Pieve Vecchia Campagnatico Vivere il vino, la Maremma e l'arte con visite guidate, degustazioni ed eventi | Strada Prov.le n.44 - Campagnatico (Gr) | Tel. 0564.996452 | www.cantinapievevecchia.com · Cantina di Pitigliano Grandi vini di una grande terra - Punto vendita in azienda | Via N.Ciacci 974 - Pitigliano (Gr) | Tel. 0564.616133 | www.cantinadipitigliano.it · Capua Winery Produzione e degustazione di vino e olio | Loc. Saturnia - Manciano (Gr) | Cell. 328 8216173 | www.capuawinery.com · Casavyc Azienda Agricola - Morellino di Scansano - Sottili differenze | Loc. Scansano (Gr) | Cell. 335 6880673 | www.casavyc.it Morellino di Scansano | Loc. Collecchio - Magliano in Toscana (Gr) | Tel. 0564.596009 - Cell. 3472910551 | www.vinolafornace.com · La Parrina Agriturismo, Vivaio, Sala degustazione, negozio aziendale vendita diretta prodotti di fattoria (vini Parrina DOC, olio, formaggi, frutta e verdura) | Loc. Parrina (bivio via Aurelia km. 146) - Albinia (Gr) | Tel. 0564.862626 | www.parrina.it · Lecceta del Sarto Azienda Biologica - Vini di qualità | Loc. Cupi - Magliano in Toscana (Gr) | Tel. 0564.589638 | www.leccetadelsarto.it · Podere Ristella Azienda vitivinicola - Loc. Montemassi - Roccatederighi(Gr) | www.agriturismoristella.it · Subissati Salumi dal 1968 - Dall'antica tradizione maremmana - Lavorazioni carni suine - Sapori dalla terra | Via della Tana 25 - Roccastrada (Gr) | Tel. 0564.563327 · Terenzi Viticoltori in Scansano - Cantina aperta, Degustazioni, Bruschetteria, Ristorante | Loc. Montedonico - Scansano (Gr) | Tel. 0564.599601 | www.terenzi.eu DOVE DORMIRE | ovvero l'accoglienza in Maremma e non solo · Agriturismo I Due Pini Loc. La Carla 20 - Magliano in Toscana (Gr) | Tel. 0564.592237 Cell. 339 7918989 · Antico Convento di Monto Pozzali Appartamenti per vacanze e ristorante per ogni tipo di cerimonia - Gusto e relax in Maremma Toscana | Loc. Monte Pozzali Massa M.ma (Gr) | Tel. 0566.919410 Cell. 339 4141222 | www.montepozzali.it · B&B Poderi Firenze L`osptalità nel cuore della Maremma | Loc. Arcidosso (Gr) | Tel. 0564.967271 | www.poderifirenze.it · Borgo Etrusco Appartamenti e case vacanze ...l'eleganza del passato | Loc. Col di Sasso - Scarlino (Gr) | Tel. 0566.37701 | www.borgoetrusco.com · La Guglielmima Agriturismo in Maremma | Via Aurelia Nord Km 145 - Orbetello Scalo (Gr) | Tel. 0564.862681 - Cell. 338 2850809 | www.laguglielmina.com · Il Marciatoio Agriturismo - La cordialità e il calore dell'ospitalità Toscana | Loc. Bivio Aquilaia - Scansano (Gr) | Tel. 0564.599075 - Cell. 339 6618855 | www.ilmarciatoio.com · Il Sassone Tenuta in Maremma Ospitalità di charme | Loc. Massa M.ma (Gr) | Tel. 0566.904230 - Cell. 335 8317423 | www.ilsassone.it · San Gabriele Agriturismo nel Parco Naturlae della Maremma a due passi dal mare... | Strada del Barbicato 24 - Alberese (Grosseto) | Tel. 339 1246581 - 0564.405203 | www.agrisangabriele.it PASSEPARTOUT | la Maremma dei servizi · Equinus Spettacoli con i Butteri di Maremma, eventi, turismo equestre, servizi | Info: 333 9579733 | www.cavallomaremmano.it · Naturalmente Toscana Consorzio Aziende Parco della Maremma - Ricettività turistica Ristorazione Tipica - Centro prenotazioni escursioni nel Parco - Logistica e organizzazione eventi e gruppi - Prodotti territorio Parco a filiera corta km 0 - Vendita e degustazioni di prodotti tipici | Via del Bersagliere 7/9 - Alberese (Gr) | Tel. 0564.407269 | www.naturalmentetoscana.it · Podere Doganelle Maneggio Il Draghino - Lezioni e passeggiate a cavallo con tecnico federale F.I.S.E. | Loc. Doganelle - Giuncarico (Gr) | Tel. 334 1981627 - 339 6722344 - 0566.88357 | www.doganelle.it · Parco Naturalistico Archeologico Vulci Vieni a vivere tutte le stagioni del Parco Naturalistico Archeologico di Vulci situato nel comune di Montalto di Castro (VT) | www.vulci.it call center (+39) 0766.879729 biglietteria (+39) 0766.89298 · Caseificio Il Fiorino Formaggi delle colline maremmane - Bontà e tradizione dal 1957 | Loc. Paiolaio - Roccalbegna (Gr) | Tel. 0564.989059 | www.caseificioilfiorino.it · Fattoria Casteani Prodotti di Maremma - Le migliori carni suine dal produttore alla tavola | Punti vendita: Via Aurelia Nord (angolo Via della Pace), Grosseto - Cell. 335 7629232; Loc. Casteani, Gavorrano - Cell. 393 9393464 · Fattoria Le Mortelle Visite in cantina su prenotazione, prodotti biologici | Loc. Ampio Tirli - Castiglione della Pescaia (Gr) | Tel. 0564.944003 Cell. 347 4610704 - www.lemortelle.it · Fattoria Mantellassi Azienda vitivinicola | Magliano in Toscana | Tel. 0564.592037 | www.fattoriamantellassi.it · Frantoio Franci ...true, genuine Quality, absolute with no compromise | Montenero D'Orcia (Gr) | Tel. 0564.954000 | www.frantoio.franci.it · Il Grosso Enoteca | Piazza Garibaldi 19 - Massa M.ma (Gr) | Tel. 0566.903399 · Le Sedici Azienda Agricola Le sedici | Loc. Massa Vecchia - Massa M.ma (Gr) | Cell. 348 0505056 - 338 6239027 · La Fornace di Collecchio